Login processing...

Trial ends in Request Full Access Tell Your Colleague About Jove

24.7: Reazioni allergiche
INDICE DEI
CONTENUTI

JoVE Core
Biology

A subscription to JoVE is required to view this content. You will only be able to see the first 20 seconds.

Education
Allergic Reactions
 
TRASCRIZIONE

24.7: Reazioni allergiche

Panoramica

Parliamo di un'allergia quando il sistema immunitario innesca una risposta contro una struttura estranea benigna, come cibo, polline o peluche. Questi innescatori sono chiamati allergeni. Se il sistema immunitario di un individuo ipersensibile è stato innescato contro un allergene specifico, si attiverà sintomi allergici durante ogni successivo incontro dell'allergene. I sintomi possono essere lievi, come la febbre da fieno, a gravi, come lo shock anafilattico potenzialmente fatale.

La sensibilità è il primo passo di un'allergia

Il sistema immunitario è fondamentale per difendere un organismo da batteri, virus, funghi, tossine e parassiti. Tuttavia, in una risposta ipersensibile, può essere innescato da sostanze innocue e causare reazioni eccessive spiacevoli o potenzialmente pericolose per la vita, chiamate allergie. Il primo passo verso la creazione di un'allergia è la sensibilizzazione. Ad esempio, un individuo diventa allergico al polline di ambrosia quando, per la prima volta, le cellule immunitarie nel passaggio respiratorio prendono il polline e degradano gli allergeni in frammenti. Queste cellule immunitarie sono chiamate cellule che presentano antigeni, o APC, perché mostrano i frammenti di allergeni degradati sulla loro superficie. Esempi di APC sono cellule dendritiche, macrofagi e cellule B.

Successivamente, gli APC attivano le cellule T helper di tipo 2 (Th2). La Th2 attivata rilascia quindi segnali chimici (ad esempio, citochine) che causano la differenziazione delle cellule B in cellule plasmatiche che producono anticorpi. Le cellule plasmatiche, a loro volta, producono immunoglobulina E (IgE), una classe di anticorpi.

Una volta creato, IgE si lega alla superficie dei mastociti. I mastociti sono particolarmente diffusi nei tessuti che separano l'esterno e l'interno di un organismo, come la pelle, la mucosa dei polmoni, il tratto digestivo, la bocca e il naso. La rilegatura di IgE alle mastocite finalizza la sensibilizzazione.

L'esposizione ripetuta agli allergeni induce una risposta immunitaria inappropriata

La prossima volta che il corpo incontra polline di ambrosia, l'IgE stimola i mastociti a produrre sostanze chimiche infiammatorie, come istamine, leucotriene e citochine. Queste sostanze chimiche producono i tipici sintomi allergici della febbre da fieno: starnuti, naso che cola e infiammazione del passaggio nasale. L'esposizione agli allergeni provoca anche l'esmatoma e Th2 per rilasciare segnali chimici che reclutano e attivano altre cellule immunitarie che inducono infiammazioni, come eosinofili e bosofili, amplificando ulteriormente i sintomi.

Gli IgE che sono stati prodotti in risposta al polline di ambrosia durante la sensibilizzazione sono specifici per l'ambrosia. Ciò significa che questi IgE attiveranno una risposta immunitaria (cioè una reazione allergica) ogni volta che incontrano polline ambroto. In alcuni casi, l'IgE specifico di polline di ambrosia potrebbe anche innescare una reazione allergica in risposta ad altri allergeni. Questo processo è chiamato reattività incrociata.

Uno shock anafilattico è una reazione allergica sistemica potenzialmente fatale

Mentre alcuni episodi allergici possono presentare solo un fastidio, altri hanno conseguenze potenzialmente fatali se non trattati rapidamente. Anche se la prevalenza dell'anafilassi varia a livello regionale, si stima che lo 0,05-2% delle persone soffra di uno shock anafilattico, la rapida insorgenza di una risposta allergica sistemica. I trigger (gli innescatori) possono essere cibo, farmaci, lattice e veleno dagli insetti. In pochi minuti dall'esposizione agli allergeni, le cellule degli alberi rilasciano un gran numero di mediatori nel flusso sanguigno. I mediatori, come istamine, leucotriene e tripptasi, portano alla restrizione delle vie aeree (bronchoconstriction), all'allargamento dei vasi sanguigni (vasodilazione), all'aumento della produzione di muco, ai cambiamenti nella frequenza cardiaca e alla permeabilità vascolare.

Per diagnosticare l'anafilassi, si dovrebbe, quindi, cercare eruzioni cutanee, un rapido aumento del muco, difficoltà di respirazione, ridotta pressione sanguigna e sintomi gastrointestinali in un corso di tempo che va da diversi minuti a ore dopo l'esposizione agli allergeni. L'epinefrina è l'unico potente farmaco noto per contrastare i complessi cambiamenti fisiologici durante l'anafilassi. Inizia la costrizione dei vasi sanguigni, aumenta la frequenza cardiaca, stabilizza la contrattilità cardiaca e aumenta il flusso d'aria attraverso le vie respiratorie. L'epinefrina viene solitamente applicata automaticamente utilizzando un'EpiPen, come risposta rapida dopo che l'insorgenza dell'anafilassi è fondamentale.


Lettura consigliata

Get cutting-edge science videos from JoVE sent straight to your inbox every month.

Waiting X
simple hit counter