Login processing...

Trial ends in Request Full Access Tell Your Colleague About Jove

26.7: Foraggiamento ottimale
INDICE DEI
CONTENUTI

JoVE Core
Biology

A subscription to JoVE is required to view this content. You will only be able to see the first 20 seconds.

Education
Optimal Foraging
 
TRASCRIZIONE

26.7: Foraggiamento ottimale

Come gli animali ottengono e mangiano il loro cibo è chiamato comportamento di foraggiamento. Il foraggiamento può includere la ricerca di piante e la caccia alle prede e dipende dalla specie e dall'ambiente.

La teoria ottimale del foraggiamento afferma che la selezione naturale favorisce strategie di foraggiamento che bilanciano i benefici di un particolare alimento, come l'energia e le sostanze nutritive, con i costi di ottenerlo, come il dispendio energetico e il rischio di predazione. Il foraggiamento ottimale massimizza i vantaggi riducendo al minimo i costi.

Per i corvi

La teoria ottimale del foraggiamento è supportata da prove di diverse specie. Un esempio è la strategia del corvo nordoccidentale per mangiare le whelks (lumache di mare). Per mangiare un whelk, un corvo deve rompere aprire il suo guscio, che si ottiene volando con il whelk e poi cadere sulle rocce sottostanti. I corvi lo faranno ripetutamente fino a quando il guscio si rompe.

Volare più in alto romperà il guscio prima, ma richiede più energia. Facendo cadere i whelks da varie altezze, gli scienziati hanno calcolato l'altezza ottimale che romperà il guscio utilizzando la minor quantità di energia. I corvi, in media, volano vicino a questa altezza per rompere gusci di whelk, sostenendo l'idea che questo comportamento di foraggiamento si è evoluto per essere ottimale per l'equilibrio energetico.

Whelks più grandi si rompono anche più facilmente di whelks più piccoli, oltre a contenere più energia calorica. I corvi ottimizzano ulteriormente la loro strategia selezionando grandi whelks e facendo molti tentativi di rompere un singolo whelk, piuttosto che spendere energia extra per trovare un altro whelk.

Cervo mulo

Il rischio di essere attaccati dai predatori può essere un altro costo di foraggiamento. I ricercatori hanno scoperto che i cervi muli trascorrono più tempo a foraggiare in aree aperte, anche se c'è un po 'meno cibo disponibile che ai bordi della foresta. Ciò è dovuto al minor rischio di predazione da parte dei leoni di montagna nelle aree aperte.

Questa osservazione sostiene ulteriormente l'idea che il foraggiamento è un compromesso tra benefici e costi, e che l'evoluzione favorisce strategie ottimizzate per bilanciare i due.


Lettura consigliata

Get cutting-edge science videos from JoVE sent straight to your inbox every month.

Waiting X
simple hit counter