Waiting
Login processing...

Trial ends in Request Full Access Tell Your Colleague About Jove
Click here for the English version

Behavior

Il Deese-Roediger-McDermott (DRM) Compito: Un semplice paradigma cognitivo per Indagare falsi ricordi in laboratorio

doi: 10.3791/54793 Published: January 31, 2017

ERRATUM NOTICE

Summary

Qui vi presentiamo il compito Deese, Roediger e McDermott (DRM), uno strumento per studiare falsi ricordi in laboratorio. Soggetti dello studio liste di parole semanticamente correlate (ad esempio, l'infermiere, malati, ecc.), E poi falsamente ricordare una parola non studiato (medico), che rappresenta l'essenza, o il tema, della lista di parole.

Abstract

Il Deese, Roediger e McDermott compito (DRM) è un paradigma falso ricordo in cui i soggetti vengono presentati con liste di parole semanticamente correlate (ad esempio, infermiera, ospedale, ecc) in codifica. Dopo un ritardo, i soggetti sono invitati a ricordare o riconoscere queste parole. Nella versione memoria di riconoscimento del compito, i soggetti sono chiesto se si ricordano parole precedentemente presentati, così come le parole correlate (ma mai presentata) critica richiamo ( 'dottore'). In genere, la parola critica è riconosciuto con alta probabilità e la fiducia. Questo effetto memoria falsa è stato dimostrato robusta attraverso brevi (ad esempio, immediata, 20 min) e lunga (ad esempio, 1, 7, 60 d) ritardi tra codifica e test di memoria. Un punto di forza di usare questo compito di studiare falsa memoria è la sua semplicità e di breve durata. Se la codifica e recupero dei componenti del compito si verificano nella stessa sessione, l'intera operazione può richiedere un minimo di 2-30 min. Tuttavia, alanche se il compito DRM è ampiamente considerato un paradigma 'falsi ricordi', alcuni ricercatori considerano illusioni DRM sia basata sull'attivazione di reti memoria semantica nel cervello, e sostengono che tali errori falsa memoria semantica Gist-base può effettivamente essere utile in alcuni scenari (ad esempio, ricordando la foresta per gli alberi, ricordando che un elenco di parole era di circa "medici", anche se la parola vera e propria "dottore" non è mai stata presentata per motivi di studio). Ricordando l'essenza di esperienza (in sostituzione o insieme con i singoli dettagli) è senza dubbio un processo adattivo e questo compito ha fornito una grande quantità di conoscenze sulla natura costruttiva adattiva della memoria. Pertanto, i ricercatori dovrebbero usare cautela quando si parla di portata globale e le implicazioni dei loro esperimenti quando si utilizza questo compito di studiare 'falsi ricordi', come errori di memoria DRM potrebbero non riflettere adeguatamente falsi ricordi nel mondo reale, come la falsa memoria a testimonianze oculari, o falsoricordi di abusi sessuali.

Introduction

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Il Deese, Roediger e McDermott compito (DRM) è stato inizialmente creato da Deese 1, e poi rivitalizzata da Roediger e McDermott 2 come un comodo mezzo di studio falsi ricordi in laboratorio. Anche se alcuni 3, 4 sostengono dovrebbe essere chiamato il compito DRMRS, per i contributi di 5 Leggi e Solso 6, il nome più comune nella letteratura è il compito DRM, e noi lo chiamano con quel nome qui. Dopo una carta fondamentale pubblicato da Roediger e McDermott 2, gli interessi della ricerca falsa memoria salito alle stelle 7, con conseguente oltre 2.800 citazioni di questo articolo fino ad oggi. Secondo Roediger e McDermott, hanno fatto rivivere il disegno sperimentale creato da Deese perché non c'era paradigma di laboratorio affidabile per indurre falsa richiamo, mentre la prova di falso riconoscimento"> 8, 9 ha" poco a scoraggiare la convinzione che siano necessarie, materiali coerenti più naturali per dimostrare potenti effetti falsa memoria "2.

Un esempio di un paradigma "più naturale" è il paradigma disinformazione 10, 11. In questo compito, i soggetti vengono presentati con una storia attraverso le immagini, diapositive, o un video. Più tardi, informazioni fuorvianti è fornito, e la domanda è se i soggetti saranno incorporare queste informazioni ingannevoli nella loro ricordo della storia. Il compito DRM è più semplice che il paradigma disinformazione sotto diversi aspetti. codifica DRM richiede solo la presentazione rapida e l'apprendimento di liste di parole, acustico o visivo. test di recupero per l'attività DRM è ugualmente conveniente indipendentemente dal particolare metodo utilizzato. In riconoscimento partecipanti al test sono presentati con un sottoinsieme di the codificata parole, le parole richiamo critico (ad esempio, 'dottore'), e le parole di richiamo non collegati e devono fare semplici giudizi di fatto che ricordare ogni parola o no, mentre in un test di richiamo, i partecipanti devono scrivere tutte le parole che sono in grado di ricordare. In contrasto, il test richiamo libero per il paradigma disinformazione è impraticabile, in quanto richiede tempo analisi del contenuto. Inoltre, l'attività DRM non richiede alcuna manipolazione tra codifica e test, come DRM 'falsi ricordi' sono spontaneamente auto-generata. Gli errori disinformazione, d'altro canto, sono indotte tramite suggerimenti esterni. Sebbene entrambi i paradigmi DRM e la disinformazione sono sostenuto per valutare la falsa memoria, gli studi più recenti hanno trovato piccola (r = 0.12) 12 o nessuna relazione 13, 14 tra la disinformazione e gli effetti DRM, il che suggerisce che i meccanismi diversi possono essere in gioco per ogni tipo difalsa memoria. Inoltre, le illusioni DRM sono sostenuto essere un sottoprodotto della natura costruttiva della memoria 15, che può essere considerato un processo adattivo evolutivamente 16.

L'effetto falsa memoria DRM è molto robusto tra gli studi (per le recensioni quantitativi vedi rif. 17, 18), e vi sono considerevoli prove che il compito DRM è abbastanza affidabile 27, 28. L'effetto falsa memoria DRM è stato trovato utilizzando vari intervalli di ritardo, comprese quelle più breve un test immediato e quelli ritardando test di memoria fino a 60 d dopo 19, 20, 21, 22. Attenzione soggetti del DRM illusione riduce, ma non cancella, l'effetto 14, 23. L'effetto DRM è stato trovato anche con diversacodifica strategie, come ad esempio cambiamenti nella parola presentazione durata di 24, e può essere aumentata di diverse manipolazioni post-codifica, come il sonno di 25 o stress 26.

Inoltre, l'attività DRM è stata utilizzata da molti laboratori per studiare la formazione della memoria falsa in una varietà di popolazioni soggette, come i bambini 29, 30, 31, 32 e anziani 33, e in una varietà di campi di ricerca, compresi individuale cognitive ( ad esempio, la memoria 28, 34) e le differenze di personalità 35, neuroimaging 36, 37, e 38 neuropsicologia lavorare. Nonostante la sua popolarità, tuttavia, molti hanno sostenuto contro la tegli generalizzabilità del compito DRM, e se la creazione di DRM false memorie è paragonabile alla creazione naturalistica di ricordi autobiografici falsi al di fuori del laboratorio, come ad esempio le memorie di abusi sui minori recuperati in psicoterapia 39, 40, 41. Tuttavia, diversi studi hanno trovato che i soggetti che sono più suscettibili di DRM falsi ricordi sono anche più inclini a memoria autobiografica distorsioni 42, fantastici ricordi autobiografici (rapimenti alieni 43; vite passate a 44), e recuperato ricordi autobiografici 45.

In breve, il compito DRM è stato uno strumento utile per indagare le basi neurocognitive del (ri) natura costruttiva della memoria 16, 46, a prescindere dal dibattito in corso su come appropriate e rilevante è nello studio di autobiografici false memorie 7. Nella presente relazione, le procedure compito DRM sono spiegate nella loro forma più semplice, con un focus sul targeting processi di consolidamento della memoria (cioè manipolazioni sperimentali, come il sonno e lo stress, si verificano dopo la codifica è terminata e sono quindi utilizzati come strumenti per la valutazione di consolidamento) , in quanto questo è stato il fuoco nel nostro laboratorio. Gli autori riferiscono al lettore di Gallo 2013 47 per un'eccellente recensione del compito DRM, insieme con le diverse varianti di procedure di codifica e di prova.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Protocol

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

L'Institutional Review Board della University of Notre Dame ha approvato tutte le procedure, compreso l'uso di soggetti umani, discusso qui. La preparazione e la somministrazione dei materiali compito DRM descritti di seguito sono stati utilizzati in uno studio pubblicato il 26, in cui gli effetti dello stress psicosociale seguente elenco di codifica parola DRM sono stati valutati 24 ore più tardi.

1. Preparazione del DRM Task

  1. Utilizzare gli elenchi di parole da Stadler, Roediger, e McDermott 48, presentati in appendice, per selezionare il numero appropriato di liste di parole per l'esperimento. Dal tabelle 1 e 2, selezionare gli elenchi di parole con la più alta probabilità di falso richiamo e riconoscimento. I più elenchi di parole utilizzate nell'esperimento, maggiore è il numero di parole false partecipanti avranno la possibilità di ricordare.
    NOTA: Le tabelle 1 e 2 mostrano il probabillità di falsa rievocazione libera e memoria di riconoscimento, rispettivamente, i primi 18 elenchi di parole utilizzate da Stadler et al. 41. L'appendice presenta le liste di parole complete. Vedi anche Gallo e Roediger 49 per ulteriori elenchi di parole normati.
  2. Preparare il compito di codifica
    1. Scegli modalità di presentazione delle liste di parole. Si veda la discussione per le questioni riguardanti la selezione della modalità di presentazione.
      NOTA: Presentazione modalità può essere sia visiva o uditiva.
    2. Se si sceglie la presentazione audio, registrare in digitale tutte le parole ciascuna lista. Utilizzare dispositivi di livello professionale (ad esempio, Rode NT1-A microfono), preferibilmente una voce sconosciuta e una stanza insonorizzata o un suono-resistenti.
    3. Registrare le liste di parole in ordine decrescente forza dell'associazione, così come sono presentati in appendice, al ritmo di una parola ogni due secondi.
    4. Alla fine di ogni lista, includere una ragionevolmente lungo ritardo (<em> ad esempio, 12 s) di silenzio, seguito da un tono 1 s, 2 s di silenzio e poi l'inizio della lista successiva. Questo aiuta i partecipanti analizzano le singole liste.
    5. Utilizzare un software audio-editing (ad esempio, Audacity) per applicare queste norme.
      1. Trascinare e rilasciare il file audio nel software audio-editing.
      2. Utilizzare il cursore del mouse per selezionare la porzione di audio a cui verrà applicato il silenzio.
      3. Sulla parte superiore, selezionare Modifica> Rimuovi Audio> Silenzio Audio.
      4. Per applicare l'1-s tono all'inizio di ciascuna lista, utilizzare le opzioni di copia e incolla nel software audio-editing.
      5. Per salvare la registrazione, premere STOP, selezionare File> Esporta e scegliere il formato del file e la destinazione del file audio.
  3. Preparare il compito di prova
    1. Scegliere un intervallo di ritenzione tra la codifica e test che è appropriato per l'esperimento. Se affrontare gli effetti dello stress sulla memoria performance, scegliere almeno 24 h.
    2. Per l'attività di richiamo libera, avere un pezzo di carta o un documento vuoto in un programma di elaborazione testi (ad esempio, MS Word) pronto.
    3. Per l'attività di riconoscimento, selezionare le parole da includere nel compito di riconoscimento.
      1. Includere le parole di studio (cioè parole presentati alla codifica) da posizioni 1, 8 e 10 da ciascuna lista prevista nella prova codifica 2. Vedi Appendice per elenchi di parole complete.
      2. Include tutte le parole critiche di richiamo (vale a dire parole false non presentati alla codifica che rappresentano l'essenza della lista di parole) da ciascuna lista compresi nel compito di codifica. Vedi Appendice per elenchi di parole complete e il loro richiamo critica adeguata.
      3. Includere lo stesso numero di ulteriori, parole non presentato (cioè parole lamina che sono estranei a qualsiasi elenco di DRM studiati), da altri elenchi di parole DRM, non studiate, dalle stesse posizioni (1, 8, un d 10) e le loro corrispondenti esche critiche.
        NOTA: Per esempio, se elenchi di parole 15 DRM vengono presentati durante la codifica, per il test di riconoscimento, presenti 120 parole: 45 parole di studio, 15 parole attirare critiche, 45 voci di elenco nonpresented da altri elenchi di parole DRM non studiato, e 15 parole critiche da tali elenchi di parole DRM nonstudied.
    4. Utilizzare software di creazione di esperimento (ad esempio, E-Prime) per creare presentazione autoapprendimento delle parole e di realizzare la raccolta dei dati.
      1. Utilizzare carattere nero con uno sfondo bianco, e la dimensione del carattere ragionevole, a seconda delle dimensioni dello schermo / risoluzione.
      2. In un nuovo test di riconoscimento / vecchio standard, utilizzare i tasti separati per assegnare le risposte; come ad esempio il tasto 'Z' per il vecchio e il tasto 'M' per il nuovo. Se possibile, aggiungere questo legenda con la presentazione di ciascuna parola sullo schermo. Software come E-Prime raccoglierà automaticamente i tempi di reazione e le risposte chiave.
e_title "> 2. La somministrazione di DRM Task

  1. La somministrazione di operazione di codifica
    1. Chiedi soggetto a sedersi davanti dispositivo contenente la registrazione delle liste di parole. Assicurarsi soggetto è comodo.
    2. Leggere le seguenti istruzioni per i soggetti: "Per questo compito cognitivo sarete ascoltando liste di parole Alla parola finale di ogni lista, ci sarà una pausa di 12 s, seguito da tono un 1 s, seguita da 2 s di. il silenzio, e poi l'inizio della lista successiva. si prega di prestare molta attenzione alle parole, perché sarete messi alla prova su di loro nella prossima sessione. "
    3. Chiedi soggetto a mettere le cuffie. Per assicurare i partecipanti non hanno distrazioni, spegnere il monitor del computer. Premere play.
    4. Informare partecipante che questa sessione è terminata e fornire loro le istruzioni per il prossimo (test) sessione.
  2. La somministrazione di test compito
    1. Test di richiamo libero
      1. Chiedi soggetto a sedersi davanti a un tavolo o una scrivania (se si utilizza carta e penna) o davanti al computer (se si utilizza un word processing documento vuoto).
      2. Leggere le seguenti istruzioni per l'argomento:.. "Questa parte del compito comporta un semplice test di memoria Si prega di scrivere tutte le parole si può ricordare dagli elenchi che hai sentito per l'ultima sessione Hai 10 minuti per ricordare tutte le parole si può . Quando ci sono 2 min a sinistra, vi farò sapere. Tutte le domande? "
      3. Rispondere alle domande il soggetto può avere.
      4. Avviare il timer e informare oggetto del marchio di avvertimento di due minuti.
      5. Smettere di soggetto dopo il tempo è scaduto.
    2. Test di riconoscimento nel computer
      1. test di riconoscimento aperto con il software per la creazione esperimento.
      2. Chiedi soggetto a sedersi di fronte al computer.
      3. Leggere le seguenti istruzioni per l'argomento: "Questo è un compito di riconoscimento semplice Vedrete una parola o.n per lo schermo. Utilizzare la tastiera per rispondere se ogni parola è vecchio (cioè su una delle liste avete sentito / visto in precedenza) o nuova. Si utilizzerà il tasto 'Z' se si pensa che la parola è vecchio e il tasto 'M' se si pensa che la parola è nuova. Questo è di tipo autodidattico, ma stiamo anche misurando il tempo di reazione, in modo da rispondere il più rapidamente ma accuratamente possibile. Fatemi sapere si è fatto. Qualsiasi domanda? ".
      4. Rispondere alle domande il soggetto può avere.
      5. Avviare il test di riconoscimento e attendere che il soggetto alla fine.
    3. Debriefing il soggetto e li ringrazio per la loro partecipazione allo studio.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Representative Results

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Utilizzando la procedura qui presentata, gli autori sono stati in grado di produrre in modo affidabile l'effetto DRM in due esperimenti indipendenti; vale a dire, i soggetti ricordano e riconoscono, con le parole critiche alta probabilità, non rappresentati che possono essere considerati falsi ricordi per la 'sostanza' delle liste di parole.

Risultati per esperimento 1 (vedi figure 1 e 2) sono stati pubblicati altrove 26. In questo esperimento, 67 soggetti sono arrivati ​​presso il laboratorio, ascoltato (in cuffia) a 15 elenchi di parole DRM e quindi sono stati sottoposti ad un compito stress psicosociale che coinvolge parlare in pubblico (Trier Social Stress Test) o una versione di controllo del compito. Soggetti restituite 24 ore dopo per completare il test ricordo libero, immediatamente seguita dal test di riconoscimento, come descritto sopra. Di rilevanza per il report corrente, la percentuale complessiva diparole ricordato e riconosciuto era più alto per le parole critiche (falso richiamo M = 0.20, falso riconoscimento M = 0.71) che per le parole presentati (vero richiamo M = 0,09, vero riconoscimento M = 0.65), t (66) = 8.61, p <0.001 , di Cohen d = 1,22 per il richiamo [Figura 1]; t (66) = 2.42, p = 0,02, Cohen d = 0,29 per il riconoscimento [figura 2]). È importante sottolineare che il riconoscimento di parole critiche è risultata significativamente superiore rispetto riconoscimento per le parole lamina indipendenti (M = 0.36), t (66) = 12.88, p <0.001, di Cohen d = 1,57.

Figura 1
Figura 1: (. Pardilla-Delgado et al, 2016) Richiamo Prezzi da Esperimento 1 20. Barre rappresentano i mezzi e le barre di errore rappresentano l'errore standard della media. Rilevante per la presente relazione, la memoria complessiva per falso richiamo (ultime due barre) è signiftivamente maggiore di memoria per il vero richiamo e riconoscimento. *** P <0.001. Clicca qui per vedere una versione più grande di questa figura.

figura 2
Figura 2: (. Pardilla-Delgado et al, 2016) Riconoscimento Prezzi da Esperimento 1 20. Barre rappresentano i mezzi e le barre di errore rappresentano l'errore standard della media. Rilevante per la presente relazione, la memoria complessiva per falso riconoscimento è significativamente superiore a quello della memoria per una vera e fogli di riconoscimento (ultimi tre barre). * P <0,05; *** P <0.001. Clicca qui per vedere una versione più grande di questa figura.

figure 3 e 4). In questo studio, 117 soggetti codificati 16 liste di parole DRM sia di notte, prima di andare a dormire, o durante la mattina, prima di un periodo di veglia. Soggetti restituiti 24 o 48 h dopo per completare il test di richiamo libera seguita dal test di riconoscimento. La percentuale complessiva di parole ha ricordato e riconosciuto era più alto per le parole critiche (falso richiamo M = 0.20, falso riconoscimento M = 0.72) che per le parole presentati (vero richiamo M = 0,09, vero riconoscimento M = 0.65), t (116) = 12.4 , p <0.001, di Cohen d = 1,36 per il richiamo [Figura 3]; t (116) = 3.66, p <0.001, Cohen d = 0,39 per il riconoscimento [figura 4]). È importante sottolineare che il riconoscimento di parole critiche è risultata significativamente superiore rispetto riconoscimento per le parole lamina indipendenti (M = 0.37), t (116) = 15.68, p <0.001, di Cohen d = 1,44.


Figura 3: Richiamo Prezzi da Esperimento 2. barre rappresentano i mezzi e le barre di errore rappresentano l'errore standard della media. Gruppi: S24: sonno 1 ° / 24 h di ritardo, W24: Wake 1 ° / 24 h di ritardo, S48: sonno 1 ° / 48 h di ritardo, W48: Wake 1 ° / 48 h di ritardo. Rilevante per la presente relazione, la memoria complessiva per falso richiamo (ultime due bar) è significativamente superiore a quello della memoria per una vera richiamo. *** P <0.001. Clicca qui per vedere una versione più grande di questa figura.

Figura 4
Figura 4: Riconoscimento Prezzi da Esperimento 2. barre rappresentano i mezzi e le barre di errore rappresentano l'errore standard della media. Gruppi: S24: sonno 1st / 24 h di ritardo, W24: Wake 1 ° / 24 h di ritardo, S48: sonno 1 ° / 48 h di ritardo, W48: Wake 1 ° / 48 h di ritardo. Rilevante per la presente relazione, la memoria complessiva di falso riconoscimento (ultimi tre barre) è significativamente superiore a quello della memoria per una vera e fogli di riconoscimento. *** P <0.001. Clicca qui per vedere una versione più grande di questa figura.

Il fatto che, in questi due studi indipendenti condotti nel nostro laboratorio, falsi ricordi (parole critiche) sono stati ricordati proporzionalmente più spesso vere memorie (parole studiate) 24 e 48 ore dopo la codifica è coerente con i primi studi che hanno dimostrato una simile falsa persistenza di memoria effettuare sopra i ritardi lungo 19 - 21. Questi risultati sottolineano l'efficacia del compito DRM nel provocare falsi ricordi attraverso intervalli di ritardo lunghi, a least come falsi ricordi possono essere sommariamente definiti come eventi ricordati che non sono stati realmente vissuti dal soggetto.

Probabilità di falso richiamo classificato dal più alto al più basso secondo le Stadler et al. 1999
FINESTRA 65
DORMIRE 61
ODORE 60
MEDICO 60
DOLCE 54
SEDIA 54
FUMO 54
RUVIDO 53
AGO 52
RABBIA 49
TRASH 49
SOFT 46
CITTÀ 46
TAZZA 45
FREDDO 42
MONTAGNA 42
LENTO 42
FIUME 51

Tabella 1: probabilità di falso richiamo classifica dal più alto al più basso Secondo Stadler et al. 1999 41. Stadler e colleghi hanno trovato 41 che gli elenchi associati a queste parole critiche hanno la più alta probabilità di produrre un falso ricordo in un test di richiamo libero. Qui presentate sono le parole critiche solo (vale a dire la parola nonpresented che viene erroneamente ricordata al test di recupero). Vedere l'Appendice per ciascun elenco completo.

Probabilità di falso riconoscimento classificati dal più alto al più basso accondo Stadler et al. 1999
FINESTRA 84
ODORE 84
FREDDO 84
RUVIDO 83
TAZZA 82
SOFT 81
DORMIRE 80
RABBIA 79
DOLCE 78
TRASH 78
SEDIA 74
FUMO 73
ALTO 72
MEDICO 71
LADRO 70
MONTAGNA 69
LENTO 69
MUSICA 69

et al, 1999 41.. Stadler e colleghi hanno trovato 41 che gli elenchi associati a queste parole attirare critiche hanno la più alta probabilità di produrre un falso ricordo in un vecchio / nuovo test di riconoscimento. Presentato qui ci sono le esche critiche solo (vale a dire la parola nonpresented che viene erroneamente ricordata al test di recupero). Vedere l'Appendice per ciascun elenco completo.

parole critiche (in ordine alfabetico) con voci di elenco (ordinati per forza associativa) per le prime 18 liste per il richiamo gratis
RABBIA SEDIA CITTÀ FREDDO TAZZA MEDICO MONTAGNA AGO RUVIDO
pazzo tavolo cittadina piccante boccale infermiera collina filo liscio
paura sedersi affollato la neve piattino malato valle pino accidentato
odiare gambe stato caldo avvocato scalata occhio strada
rabbia sede capitale inverno misurazione medicina vertice cucire difficile
temperare divano strade ghiaccio sottobicchiere Salute superiore acuto carta vetrata
furia scrivania metropolitana bagnato coperchio ospedale inezia punto frastagliato
ira poltrona nazione frigido maniglia dentista picco puntura rubicondo
ira divano New York freddo Caffè medico pianura ditale grossolano
contento legna villaggio calore cannuccia malato ghiacciaio pagliaio irregolare
combattimento cuscino metropoli tempo metereologico calice paziente capra spina piloti
odio perno grande congelare la minestra ufficio bicicletta male aspro
significare sgabello Chicago aria stein stetoscopio scalatore iniezione sabbia
calma seduta sobborgo brivido bere chirurgo gamma siringa tavole
emozione a dondolo contea Artic plastica clinica ripido stoffa terra
imbestialire panca urbano brina sorso cura sciare maglieria ghiaia
FIUME DORMIRE LENTO ODORE FUMO </ Strong> SOFT DOLCE SPAZZATURA FINESTRA
acqua letto veloce naso sigaretta difficile aspro spazzatura porta
ruscello riposo letargico respirare soffio leggero caramella rifiuto bicchiere
lago sveglio Stop annusare fiammata peloso zucchero può vetro
Mississippi stanco svogliato aroma flutti cuscino amaro rifiuto ombra
barca sognare lumaca sentire inquinamento felpa bene liquame ripiano
marea svegliare prudente vedere cenere forte gusto Borsa davanzale
nuotare sonnellino ritardo narice sigaro cotone dente giunca casa
flusso coperta trafic soffio camino pelliccia simpatico sciocchezze Aperto
correre sonnecchiare tartaruga profumo fuoco toccare miele spazzare tenda
chiatta sonno esitante puzzo tabacco soffice Soda frammenti telaio
torrente russare fetore puzza piuma cioccolato mucchio vista
ruscello pisolino veloce fragranza tubo lanuginoso cuore cumulo di rifiuti brezza
pesce pace lento profumo polmoni gattino torta discarica fusciacca
ponte sbadiglio Aspetta sali fiamme pelle crostata detriti schermo
carica sonnolento melassa rosa macchia tenero torta rifiuti otturatore

Appendice: parole critiche (in ordine alfabetico) con elenco ITEMS (in classifica da associativo Forza) per Top 18 liste per Free Recall. parole in grassetto in alto rappresentano il 'nocciolo' della lista e sono considerati le parole critiche (falsi ricordi); queste parole non sono presentati in codifica.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Discussion

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

In questo rapporto, gli autori descrivono un compito cognitivo molto utilizzati che produce in modo affidabile GIST a base di falsi ricordi in soggetti umani. È importante notare che, nella presente relazione, il compito DRM è stata presentata in una delle sue forme più semplici, molto simili al protocollo originale utilizzato da Deese 1 e Roediger e McDermott 2. La somiglianza con il protocollo originale utilizzata negli esperimenti descritti qui ha una particolare eccezione: un lungo ritardo (24, 48 ore) tra la codifica e test, che è utile quando si verifica la persistenza di falsi ricordi su ricordi veri di 20 o in seguito a manipolazioni che possono incidere consolidamento della memoria, come il sonno 25 e stress 26. In relazione a questo problema, negli esperimenti attuali, il test di riconoscimento è stato somministrato subito dopo il test di richiamo libero, che è stato trovato per aumentare i tassi di riconoscimento lass = "xref"> 2, 18; Pertanto, ci avvertono il lettore a interpretare i nostri dati di riconoscimento di conseguenza. Inoltre, anche se diversi primi 2 studi, nonché gli studi presentati suggeriscono che parole critiche (falsi memorie) sono costantemente ricordati meglio delle parole di studio (veri memorie), altri hanno mostrato l'andamento opposto, particolarmente per la memoria a breve termine test 17,18 .

Il compito DRM ha più modifiche (per la revisione, vedi rif. 39), che vanno da, ma non limitato a: 1) modifiche al processo di codifica, come avvertimenti circa l'effetto 23, relazionale e istruzioni di elaborazione associative 45, 46, priming 47 , incidentali codifica 48, e la presentazione di parola rapida 49; 2) modifica il metodo di calcolo, come ad esempio i test a scelta forzataclass = "xref"> 50, ha accelerato il riconoscimento alla prova 51, e il raccoglimento vs. familiarità giudizi 2; e 3) modifiche alle caratteristiche parola critica, come l'utilizzo di parole tabù 52, parole lunghe 53 e 54 parole concrete.

Ci sono diversi fattori importanti ricercatori dovrebbero prendere in considerazione quando si utilizza il paradigma DRM. Qui, si consiglia di utilizzare il lavoro da Stadler et al. (1999) 40, al fine di scegliere la parola elenca da presentare al codifica. Nello studio di Stadler e colleghi, i soggetti richiamati ogni lista subito dopo aver ascoltato le parole, mentre il test di riconoscimento è stato dato dopo tutte le liste erano state presentate e ha ricordato. Pertanto, ricordano e tassi di riconoscimento possono variare se si utilizzano intervalli di conservazione più lunghi, come abbiamo fatto nel nostro laboratorio. Le nostre tariffe di richiamo falsi medi erano M = 0.20. Attraverso ritardi più brevi, come those utilizzata da Stadler et al. 48 tassi di richiamo falsi medi possono essere più elevati (ad esempio, M = 0,51 per le prime 18 liste 48). Inoltre, si consiglia di utilizzare presentazione uditiva, in quanto è la più comune delle due modalità (visivi o uditivi). Presentazione visiva è stato anche dimostrato di diminuire l'effetto DRM 50, 51. A seconda della domanda sperimentale e se si desidera una valutazione più dettagliata della memoria, i singoli rating di fiducia possono essere aggiunti al test, per entrambe le attività di richiamo e riconoscimento. Per la prova di riconoscimento, "ricordare" e "conoscere" le sentenze 52 alternativa può essere utilizzato. Nei nostri studi, i partecipanti sono stati dati 10 minuti per l'attività di richiamo per consentire loro di recuperare il maggior numero di parole possibile, perché 1) 180 parole sono stati presentati alla codifica (15 liste; 12 parole / List) e 2) ci sono stati 24 - 48 h intervalli tra la codifica e la TESting, che è stato destinato a ridurre la ritenzione. Per quanto riguarda l'analisi statistica, anche se nella presente relazione abbiamo presentato tassi di riconoscimento non corretti (per semplicità), il lettore potrebbe prendere in considerazione metodi di rilevamento del segnale di analizzare i dati di test di riconoscimento 53 (vedi Seamon et al. 21 per un buon esempio di metodi di rilevamento del segnale con il compito DRM). Per quanto riguarda gli strumenti e materiali, nel caso in cui software per la creazione esperimento non è disponibile, presentazione parola per il test di riconoscimento può essere effettuata anche utilizzando il software di creazione presentazione (ad esempio, PowerPoint), pur avendo i soggetti rispondono vecchio / nuovo su un foglio di carta.

Un fattore particolarmente importante tenere in mente per futuri esperimenti è che aumentando il numero di parole semanticamente correlate in ciascuna lista potenzia l'effetto falsa memoria 55, cioè per aumentare la probabilità di falso sensitività / riconoscimento, esso è fondamentale che gli sperimentatori presentano il maggior numero di parole possibile (per ogni lista) durante la codifica; vedere l'Appendice per le liste di parole complete. Allo stesso modo, utilizzando un numero insufficiente di elenchi di parole può anche diminuire la capacità di osservare un chiaro effetto, soprattutto per quanto riguarda le correlazioni (cioè statisticamente significative correlazioni sono più difficili da osservare quando l'intervallo di una variabile è piccolo, come sarebbe il caso se pochi DRM elenchi di parole sono stati inclusi in uno studio 25). Al contrario, questo si trova di fronte al suggerimento di, se si utilizza il riconoscimento come il metodo di prova, che non includono alcune delle voci di elenco a codifica al fine di utilizzarli come fogli non presentate durante i test di riconoscimento. A questo proposito, si suggerisce di includere esche critici da elenchi di parole DRM non studiati in termini a-essere riconosciute 18, perché DRM esche critici hanno frequenze di parole sempre più in alto i tassi di allarme di base falsi di studio (elenco) articoliss = "xref"> 2, 56. Questa è una procedura che rappresenta una correzione ad alta soglia che risolve polarizzazione risposta. Un'altra procedura possibile sta usando i metodi di rilevazione del segnale 21.

Il DRM non è senza i suoi limiti. Alcuni hanno sostenuto che i semplici errori di Gist-base causate dal compito DRM sono legati alla diffusione di attivazione nelle reti memoria semantica nel cervello e potrebbero non essere paragonabili a falsi ricordi autobiografici, come i ricordi "recuperati" di abusi sui minori derivante dalla psicoterapia 41. Anche se affrontare questa domanda decennale è al di fuori del campo di applicazione della presente relazione, gli autori sono d'accordo con Gallo a che "le domande appropriate da porre sono cosa aspetti l'illusione DRM sono pertinenti a ciò che gli aspetti di ricordi autobiografici" (p 834; Rif. . 7). In relazione a questo dilemma, utilizzando l'attività originale DRM, come descritto nella presente relazione,può portare a interpretazioni ambigue, perché ci sono diversi processi di attivazione / monitoraggio che regolano questo tipo di formazione falsa memoria succo a base 57. In generale, le future applicazioni del compito DRM devono continuare ad affrontare la natura ricostruttiva della memoria, e più specificamente, la trasformazione di singoli episodi in generalizzabili, flessibili e utili astrazioni GIST. Indipendentemente dalla domanda di ricerca, cautela è sempre garantita quando generalizzare i risultati di studi con il compito di DRM falsa memoria ad altri, nel mondo reale, le forme di falsa memoria, come il compito DRM è un paradigma cognitivo modesto, ma uno con un grande potenziale di ricerca .

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Materials

Name Company Catalog Number Comments
Computer No particular brand/type required.
Headphones No particular brand/type required.
RODE NT1-A 1" cardioid condenser microphone Rode http://www.rode.com/microphones/nt1-a recording equipment used to record the wordlists
Audacity Audacity http://www.audacityteam.org/ for editing the recording of the wordlists
E-Prime  Psychology Software Tools, Inc. https://www.pstnet.com/eprime.cfm for stimuli presentation and/or testing
MS PowerPoint (optional) Microsoft for stimuli presentation and/or testing
MS Word (optional) Microsoft for free recall testing. Any word processor application will work.

DOWNLOAD MATERIALS LIST

References

  1. Deese, J. On the prediction of occurrence of particular verbal intrusions in immediate recall. J Exp Psychol. 58, (1), 17 (1959).
  2. Roediger, H. L., McDermott, K. B. Creating false memories: Remembering words not presented in lists. J Exp Psychol: Learn Mem Cogn. 21, (4), 803-814 (1995).
  3. Bruce, D., Winograd, E. Remembering Deese’s 1959 articles: The Zeitgeist, the sociology of science, and false memories. Psychon Bull Rev. 5, (4), 615-624 (1998).
  4. McKelvie, S. J. Effects of Free and Forced Retrieval Instructions on False Recall and Recognition. J Gen Psychol. 128, (3), 261-278 (2001).
  5. Read, J. D. From a passing thought to a false memory in 2 minutes: Confusing real and illusory events. Psychon Bull Rev. 3, (1), 105-111 (1996).
  6. Solso, R. L., Heck, M., Mearns, C. Prototype formation in very short-term memory. Bull Psychon Soc. 31, (3), 185-188 (1993).
  7. Gallo, D. A. False memories and fantastic beliefs: 15 years of the DRM illusion. Mem Cogn. 38, (7), 833-848 (2010).
  8. Paul, L. M. Two models of recognition memory: A test. J Exp Psychol: Hum Lean Cogn. 5, (1), 45 (1979).
  9. Gillund, G., Shiffrin, R. M. A retrieval model for both recognition and recall. Psychol Rev. 91, (1), 1-67 (1984).
  10. Loftus, E. F. Leading questions and the eyewitness report. Cogn Psychol. 7, (4), 560-572 (1975).
  11. Loftus, E. F., Miller, D. G., Burns, H. J. Semantic integration of verbal information into a visual memory. J Exp Psychol: Hum Learn Mem. 4, (1), 19-31 (1978).
  12. Zhu, B., Chen, C., Loftus, E. F., Lin, C., Dong, Q. The relationship between DRM and misinformation false memories. Mem Cogn. 41, (6), 832-838 (2013).
  13. Ost, J., Blank, H., Davies, J., Jones, G., Lambert, K., Salmon, K. False Memory ≠ False Memory: DRM Errors Are Unrelated to the Misinformation Effect. PLOS ONE. 8, (4), e57939 (2013).
  14. Calvillo, D. P., Parong, J. A. The misinformation effect is unrelated to the DRM effect with and without a DRM warning DRM warning. Memory. 24, (3), 324-333 (2016).
  15. Bartlett, F. C. Remembering: An Experimental and Social Study. Cambridge University. (1932).
  16. Schacter, D. L. The Seven Sins of Memory: How the Mind Forgets and Remembers. Mariner Books. Boston. (2002).
  17. McKelvie, S. J. False Recall with the Drmrs (“Drummers”) Procedure: A Quantitative Summary and Review. Perc Mot Skills. 97, (3 suppl), 1011-1030 (2003).
  18. McKelvie, S. J. False Recognition with the Deese-Roediger-McDermott-Reid-Solso Procedure: A Quantitative Summary. Perc Mot Skills. 98, (3 suppl), 1387-1408 (2004).
  19. Blair, I. V., Lenton, A. P., Hastie, R. The reliability of the DRM paradigm as a measure of individual differences in false memories. Psychon Bull Rev. 9, (3), 590-596 (2002).
  20. Lövdén, M. The episodic memory and inhibition accounts of age-related increases in false memories: A consistency check. J Mem Lang. 49, (2), 268-283 (2003).
  21. McDermott, K. B. The Persistence of False Memories in List Recall. J Mem Lang. 35, (2), 212-230 (1996).
  22. Thapar, A., McDermott, K. B. False recall and false recognition induced by presentation of associated words: Effects of retention interval and level of processing. Mem Cogn. 29, (3), 424-432 (2001).
  23. Seamon, J. G., et al. Are false memories more difficult to forget than accurate memories? The effect of retention interval on recall and recognition. Mem Cogn. 30, (7), 1054-1064 (2002).
  24. Colbert, J. M., McBride, D. M. Comparing decay rates for accurate and false memories in the DRM paradigm. Mem Cogn. 35, (7), 1600-1609 (2007).
  25. Neuschatz, J. S., Benoit, G. E., Payne, D. G. Effective warnings in the Deese-Roediger-McDermott false-memory paradigm: the role of identifiability. J Exp Psychol: Learn Mem Cogn. 29, (1), 35 (2003).
  26. McDermott, K. B., Watson, J. M. The Rise and Fall of False Recall: The Impact of Presentation Duration. J Mem Lang. 45, (1), 160-176 (2001).
  27. Payne, J. D., et al. The role of sleep in false memory formation. Neurobiol Learn Mem. 92, (3), 327-334 (2009).
  28. Pardilla-Delgado, E., Alger, S. E., Cunningham, T. J., Kinealy, B., Payne, J. D. Effects of post-encoding stress on performance in the DRM false memory paradigm. Learning & Memory. 23, (1), 46-50 (2016).
  29. Howe, M. L., Cicchetti, D., Toth, S. L., Cerrito, B. M. True and False Memories in Maltreated Children. Child Dev. 75, (5), 1402-1417 (2004).
  30. Howe, M. L. Children’s Emotional False Memories. Psychol Sci. 18, (10), 856-860 (2007).
  31. Howe, P. M. L., Candel, I., Otgaar, H., Malone, C., Wimmer, M. C. Valence and the development of immediate and long-term false memory illusions. Memory. 18, (1), 58-75 (2010).
  32. Howe, M. L., Toth, S. L., Cicchetti, D. Can Maltreated Children Inhibit True and False Memories for Emotional Information? Child Dev. 82, (3), 967-981 (2011).
  33. Lo, J. C., Sim, S. K. Y., Chee, M. W. L. Sleep Reduces False Memory in Healthy Older Adults. SLEEP. (2014).
  34. Zhu, B. Individual differences in false memory from misinformation: Cognitive factors. Memory. 18, (5), 543-555 (2010).
  35. Zhu, B., et al. Individual differences in false memory from misinformation: Personality characteristics and their interactions with cognitive abilities. Pers Individ Diff. 48, (8), 889-894 (2010).
  36. Okado, Y., Stark, C. Neural processing associated with true and false memory retrieval. Cognitive, Affective, & Behavioral Neuroscience. 3, (4), 323-334 (2003).
  37. Okado, Y., Stark, C. E. L. Neural activity during encoding predicts false memories created by misinformation. Learning & Memory. 12, (1), 3-11 (2005).
  38. Balota, D. A., et al. Veridical and False Memories in Healthy Older Adults and in Dementia of the Alzheimer’s Type. Cognitive Neuropsychology. 16, (3-5), 361-368 (1999).
  39. Freyd, J. J., Gleaves, D. H. Remembering” words not presented in lists: Relevance to the current recovered/false memory controversy. J Exp Psychol: Learn Mem Cogn. 22, (3), 811-813 (1996).
  40. DePrince, A. P., Allard, C. B., Oh, H., Freyd, J. J. What’s in a Name for Memory Errors? Implications and Ethical Issues Arising From the Use of the Term “False Memory” for Errors in Memory for Details. Ethics Behav. 14, (3), 201-233 (2004).
  41. Pezdek, K., Lam, S. What research paradigms have cognitive psychologists used to study “False memory,” and what are the implications of these choices? Consc Cogn. 16, (1), 2-17 (2007).
  42. Platt, R. D., Lacey, S. C., Iobst, A. D., Finkelman, D. Absorption, dissociation, and fantasy-proneness as predictors of memory distortion in autobiographical and laboratory-generated memories. Applied Cogn Psychol. 12, (7), S77-S89 (1998).
  43. Clancy, S. A., McNally, R. J., Schacter, D. L., Lenzenweger, M. F., Pitman, R. K. Memory distortion in people reporting abduction by aliens. J Abnorm Psychol. 111, (3), 455-461 (2002).
  44. Meyersburg, C. A., Bogdan, R., Gallo, D. A., McNally, R. J. False memory propensity in people reporting recovered memories of past lives. J Abnorm Psychol. 118, (2), 399-404 (2009).
  45. Geraerts, E., et al. Cognitive Mechanisms Underlying Recovered-Memory Experiences of Childhood Sexual Abuse. Psychol Sci. 20, (1), 92-98 (2009).
  46. Gallo, D. Associative illusions of memory: False memory research in DRM and related tasks. Psychology Press. (2013).
  47. Stadler, M. A., Roediger, H. L., McDermott, K. B. Norms for word lists that create false memories. Mem Cogn. 27, (3), 494-500 (1999).
  48. Gallo, D. A., Roediger, I., Henry, L. Variability among word lists in eliciting memory illusions: evidence for associative activation and monitoring. J Mem Lang. 47, (3), 469-497 (2002).
  49. Pardilla-Delgado, E., Payne, J. D. The impact of sleep on true and false memory across long delays. Neurobiol Learn Mem. (137), 123-133 (2017).
  50. Mccabe, D. P., Presmanes, A. G., Robertson, C. L., Smith, A. D. Item-specific processing reduces false memories. Psychon Bull Rev. 11, (6), 1074-1079 (2004).
  51. Thomas, A. K., Sommers, M. S. Attention to item-specific processing eliminates age effects in false memories. J Mem Lang. 52, (1), 71-86 (2005).
  52. Lövdén, M., Johansson, M. Are covert verbal responses mediating false implicit memory? Psychon Bull Rev. 10, (3), 724-729 (2003).
  53. Dodd, M. D., Macleod, C. M. False recognition without intentional learning. Psychon Bull Rev. 11, (1), 137-142 (2004).
  54. Seamon, J. G., Luo, C. R., Gallo, D. A. Creating false memories of words with or without recognition of list items: Evidence for nonconscious processes. Psychol Sci. 9, (1), 20-26 (1998).
  55. Westerberg, C. E., Marsolek, C. J. Sensitivity reductions in false recognition: A measure of false memories with stronger theoretical implications. J Exp Psychol: Learn Mem Cogn. 29, (5), 747 (2003).
  56. Dodson, C. S., Hege, A. C. Speeded retrieval abolishes the false-memory suppression effect: Evidence for the distinctiveness heuristic. Psychon Bull Rev. 12, (4), 726-731 (2005).
  57. Starns, J. J., Cook, G. I., Hicks, J. L., Marsh, R. L. On rejecting emotional lures created by phonological neighborhood activation. J Exp Psychol: Learn Mem Cogn. 32, (4), 847 (2006).
  58. Madigan, S., Neuse, J. False recognition and word length: A reanalysis of Roediger, Watson, McDermott, and Gallo (2001) and some new data. Psychon Bull Rev. 11, (3), 567-573 (2004).
  59. Pérez-Mata, M. N., Read, J. D., Diges, M. Effects of divided attention and word concreteness on correct recall and false memory reports. Memory. 10, (3), 161-177 (2002).
  60. Smith, R. E., Hunt, R. R. Presentation modality affects false memory. Psychon Bull Rev. 5, (4), 710-715 (1998).
  61. Gallo, D. A., McDermott, K. B., Percer, J. M., Roediger, H. L. III Modality effects in false recall and false recognition. J Exp Psychol: Learn Mem Cogn. 27, (2), 339-353 (2001).
  62. Tulving, E. Memory and consciousness. Canadian Psychology/Psychologie canadienne. 26, (1), 1-12 (1985).
  63. Snodgrass, J. G., Corwin, J. Pragmatics of measuring recognition memory: Applications to dementia and amnesia. J Exp Psychol: General. 117, (1), 34-50 (1988).
  64. Robinson, K. J., Roediger, H. L. Associative Processes in False Recall and False Recognition. Psychol Sci. 8, (3), 231-238 (1997).
  65. Fenn, K. M., Gallo, D. A., Margoliash, D., Roediger, H. L., Nusbaum, H. C. Reduced false memory after sleep. Learning & Memory. 16, (9), 509-513 (2009).
  66. Roediger, H. L., Watson, J. M., McDermott, K. B., Gallo, D. A. Factors that determine false recall: A multiple regression analysis. Psychon Bull Rev. 8, (3), 385-407 (2001).

Erratum

Formal Correction: Erratum: The Deese-Roediger-McDermott (DRM) Task: A Simple Cognitive Paradigm to Investigate False Memories in the Laboratory
Posted by JoVE Editors on 12/31/1969. Citeable Link.

An erratum was issued for: The Deese-Roediger-McDermott (DRM) Task: A Simple Cognitive Paradigm to Investigate False Memories in the Laboratory.  Additional references have been added to the References section.

Il Deese-Roediger-McDermott (DRM) Compito: Un semplice paradigma cognitivo per Indagare falsi ricordi in laboratorio
Play Video
PDF DOI DOWNLOAD MATERIALS LIST

Cite this Article

Pardilla-Delgado, E., Payne, J. D. The Deese-Roediger-McDermott (DRM) Task: A Simple Cognitive Paradigm to Investigate False Memories in the Laboratory. J. Vis. Exp. (119), e54793, doi:10.3791/54793 (2017).More

Pardilla-Delgado, E., Payne, J. D. The Deese-Roediger-McDermott (DRM) Task: A Simple Cognitive Paradigm to Investigate False Memories in the Laboratory. J. Vis. Exp. (119), e54793, doi:10.3791/54793 (2017).

Less
Copy Citation Download Citation Reprints and Permissions
View Video

Get cutting-edge science videos from JoVE sent straight to your inbox every month.

Waiting X
Simple Hit Counter