Waiting
Login processing...

Trial ends in Request Full Access Tell Your Colleague About Jove
Click here for the English version

Medicine

Un modello di trasferimento del tessuto libero: The Rat Epigastrica libero Flap

doi: 10.3791/55281 Published: January 15, 2017

Introduction

Trasferimento tessuto libero è stato utilizzato sempre più nella pratica clinica per ricostruire i tessuti mancanti dal 1970 1-5. Questo ha permesso la ricostruzione di difetti complessi e altrimenti incurabili derivanti da tumore estirpazione, traumi, infezioni, malformazioni o ustioni 1-7. Lembi liberi di questo tipo sono particolarmente utili per ricostruire regioni anatomiche altamente complessi, come quelli della testa e del collo, la mano, il piede, e il perineo 1,4.

Tuttavia, ancora oggi gli allievi chirurgici sono spesso scoraggiati dalla complessità delle diverse fasi del processo di raccolta, trasferimento e insetting un lembo libero con l'uso di tecniche e strumenti 8,9 microchirurgia. Inoltre, è ampiamente accettato che per diventare un abile microsurgeon, vasta pratica sperimentale in un modello animale è obbligatoria 4,8-13.

la ricerca, inoltre, di base e traslazionalenella zona di trasferimento panno che è di grande potenzialità 8,14-16 clinica. Nonostante ciò, i ricercatori sono spesso dissuasi dal utilizzando modelli di microchirurgia di trasferimento dei tessuti a causa della mancanza di informazioni riguardanti gli aspetti tecnici coinvolti nelle procedure operative 4,8-14. Il ratto è un buon modello animale per la ricerca e la formazione microchirurgico, in quanto è relativamente poco costoso, facile da mantenere, e suscettibili di frequenti manipolazioni 8,11,13,14,17,18.

Anche se diversi lembi ossei liberi, muscoli e la pelle sono stati descritti nel ratto 18-24, il lembo fasciocutaneo epigastrica libero è il più utilizzato a scopo didattico 9,12,13,18,25. Questo lembo libero è stato descritto nel 1967 da Strauch e Murray e ha guadagnato crescente popolarità da quando, a causa di diversi fattori, vale a dire l'anatomia costante vascolare, relativa facilità di dissezione, vasi di nutrienti consistenti, e la ridondanza della pelle nella zona donatrice, which permette la chiusura primaria del difetto derivante dalla elevazione del lembo 4,9-11,13,17,18,25-28.

Flap Anatomia e Istologia
Il lembo epigastrica è fornita dal arteria epigastrica superficiale e vena (Figura 1). Questi vasi provengono da e scarico nell'arteria femorale e la vena rispettivamente. Mediamente il calibro della vena epigastrica superficiale è di 0,6 a 0,8 mm, in contrasto con i 0,3 a 0,5 mm di arteria epigastrica superficiale (Figura 2) 17,18. L'arteria epigastrica superficiale emette due rami principali: una laterale e un ramo mediale che a sua volta dividere più volte, originari reti capillari che forniscono la maggior parte del tegumento della regione epigastrica. Questi capillari scaricano nelle affluenti delle vene epigastrici superficiali che hanno un percorso parallelo all'albero arteriosa (Figura 2) 13,17,18. Il diagramma della figura 3 representa la regione della parete addominale ventrolaterale fornite dai vasi epigastrici superficiali che possono essere mobilizzati nel lembo epigastrico. Questo lembo può essere fino a 5 cm di lunghezza e 3 cm di larghezza 13,17,18.

Istologicamente, il lembo è composto dal tegumento che copre le ventrolateral muscoli della parete addominale (Figura 4) 13,17,18. Esso contiene uno strato superficiale della pelle, formata dal derma e dell'epidermide. Sotto la pelle vi è uno strato di tessuto grasso chiamato pannicoli adiposi. Sotto questo strato c'è un altro strato di muscolo striato noto come pannicolo carnosus 18,28,29. Sotto la carnosus pannicolo c'è tessuto areolare sciolto, che è superficiale alla fascia profonda che copre i muscoli addominali più grandi. Quindi, il lembo è un blocco composto di tessuti, contenente tutti questi strati, tranne per la fascia muscolare profondo (Figura 5) 13,17,18,27-31.

Protocol

Tutte le procedure che coinvolgono soggetti animali sono stati approvati dal Comitato Istituzionale cura degli animali e uso e Comitato Etico presso Nova University Medical School, Lisbona, Portogallo (08/2012 / CEFCM).

1. procedura chirurgica Note di set-up

  1. Utilizzare ratti Wistar adulti del peso di 250-350 g.
  2. Mantenere i ratti con cibo e acqua ad libitum con cicli di luce-buio 12 hr 7 giorni prima dell'intervento.
  3. Pesare il ratto per determinare la quantità di anestetico necessaria.
  4. Autoclavare tutti gli strumenti chirurgici prima dell'intervento chirurgico.
  5. Layout tutte le forniture e strumenti chirurgici necessari per la procedura (vedere la tabella dei materiali).
  6. Eseguire l'intervento chirurgico sotto un microscopio operatorio utilizzando strumenti convenzionali e di microchirurgia.
  7. Posizionare la coperta omeotermi, sonda rettale, e lampada di calore.
  8. Posizionare uno flaconcino da 20 ml sterilizzata contenente 0,9% di soluzione salina in un bagno d'acqua riscaldata a37 ° C.
  9. Indossare guanti sterilizzati per disinfettare tutte le superfici della impostazione di funzionamento con una soluzione alcolica. Rimuovere i guanti.
  10. Posizionare un tappo scrub e maschera.
  11. Disinfettare le mani con acqua e sapone e indossare un altro paio di guanti sterilizzati.
  12. Indossare un abito chirurgico sterile.

2. Anestesia e pelle Preparazione

NOTA: Hai un aiuto assistente con le seguenti quattro fasi, come un abito sterile e guanti sono indossati.

  1. Anestetizzare il topo con una miscela di ketamina e Diazepam data per via intraperitoneale. La dose è di 5 mg / kg di ketamina e 0,25 mg / kg diazepam. Giudicare la profondità dell'anestesia per pizzico punta e per l'osservanza della frequenza respiratoria durante l'intera procedura di 8,14,15,32.
  2. Applicare un gel oftalmico sopra la superficie anteriore degli occhi per evitare l'abrasione corneale.
  3. Rimuovere i capelli sulla superficie ventrale dell'addome con una crema depilatoria. Dopo REMOV capellial, togliere la crema depilatoria con soluzione salina calda.
  4. Spruzzare una notevole quantità di soluzione alcolica sul sito operatorio. Lasciare il prodotto sul sito operatorio e non pulirla. Attendere almeno 15 secondi. Ripetere l'applicazione per 3 volte. Lasciare un tempo di contatto di almeno 2 minuti prima di procedere con la chirurgia. Altre unità di ricerca usano altri protocolli per prevenire l'infezione del sito chirurgico.
  5. Indossare guanti sterilizzati, inserire 2 teli chirurgici su entrambi i lati del ratto.

3. donatore sito Procedura chirurgica

  1. Impostare i confini di un lembo epigastrico che vanno circa 5 cm di lunghezza e 3 cm di larghezza.
    1. Con un pennarello pelle chirurgica, tracciare una linea dal processo xifoideo dello sterno alla sinfisi pubica, al fine di segnare la linea mediana sulla superficie ventrale dell'addome del ratto.
    2. Sul lato sinistro del ratto, utilizzando un marcatore pelle chirurgica, disegnare due linee perpendicolari alla prima linea: dae attraversando immediatamente caudale alla gabbia toracica, e un altro, parallelamente a quest'ultimo e solo cranici all'inguine piegatura (figure 3 e 6).
    3. Segnare la incisione laterale con un pennarello pelle chirurgica con una linea parallela alla linea mediana e circa 3 cm di distanza da esso.
  2. Flap raccolta
    1. Incidere la pelle con una lama di bisturi numero 15 fino a raggiungere il livello di pannicolo carnosus.
    2. Deeper al piano carnosus pannicolo, rendere l'incisione con un bisturi elettrico fino a raggiungere la fascia muscolare.
    3. Sollevare il lembo da mediale a laterale e dal cranio al caudale, esponendo peduncolo del lembo.
    4. legare con cura e dividono i vasi perforanti in arrivo dallo strato muscolare profondo e andare in profondità la superficie del lembo.
    5. Posizionare un divaricatore sotto l'aspetto caudale del lembo e sezionare peduncolo del lembo cautela per prendere in giro delicatamentevia i tessuti sciolti circostanti (Figura 7).
    6. Legare e dividere il laterale dell'arteria circonflessa femorale e la vena con 9/0 in nylon per le legature.
    7. Isolare l'arteria femorale e la vena. Quando presenti, legare (con 9/0 in nylon) e dividere i rami di queste navi ai muscoli adiacenti.
    8. In primo luogo, utilizzare un morsetto doppio vascolare per serrare l'aspetto prossimale della vena femorale. Successivamente fissare il suo aspetto distale. Quindi, serrare la parte distale dell'arteria femorale e infine il suo aspetto prossimale.
    9. Fissare la porzione distale dell'arteria femorale e infine il suo aspetto prossimale.
    10. Inserire un singolo morsetto vascolare nella vena epigastrica superficiale e un'altra in arteria epigastrica superficiale. Utilizzare un paio di forbici microchirurgia dritti per tagliare l'arteria epigastrica superficiale e vena loro origine e la terminazione, rispettivamente.
    11. Abbondantemente irrigare il lume di queste navi con soluzione fisiologica eparinizzata 10 UI / ml, Fino a quando non sangue o residui sono visti all'interno del lume delle navi 33.
    12. Tirare e tagliare un polsino di avventizia vicino ai siti di sezione vascolari.
    13. Trasferire il lembo epigastrico al collo con pinze di Addison (Figura 8).
    14. Chiudere il sito donatore con sottocuticolare interrotti 5/0 punti di sutura riassorbibili.
    15. Chiudere la pelle con interrotti 5/0 punti di sutura in nylon.

4. Destinatario del sito Procedura chirurgica

  1. L'esposizione delle navi destinatario del sito
    1. Con un pennarello pelle chirurgica, tracciare una linea sul bordo mediale del muscolo sternocleidomastoideo sinistro (SCM).
    2. Con un pennarello pelle chirurgica, disegnare un'altra linea immediatamente cranica e parallela alla clavicola sinistra. Queste due linee devono convergere in corrispondenza del giunto sterno-clavicolare sinistra.
    3. Incidere la pelle con una lama di bisturi numero 15.
    4. Utilizzare un bisturi elettrico per tagliare il subcutaneous tessuto.
    5. Utilizzare un paio di forbici dissezione per skeletonize la vena giugulare esterna laterale al muscolo SCM.
    6. Isolare e legare tributari del giugulare esterna in questo (Figura 9).
    7. Legare la vena giugulare esterna appena sotto la mandibola con una sutura in nylon 9/0.
    8. Posizionare un morsetto venoso sotto quest'ultimo legatura e tagliare la giugulare esterna della vena con un paio di forbici microchirurgia diritte.
    9. Lavare il lume della vena con soluzione fisiologica eparinizzata in una concentrazione di 10 UI / ml.
    10. Isolare il margine mediale del muscolo SCM e ritrarre questo muscolo laterale, esponendo così l'arteria carotide e il nervo vago (Figura 10).
    11. Fare un incisione trasversale nel terzo medio del muscolo SCM utilizzando il bisturi elettrico.
    12. Inserire un divaricatore tra la superficie profonda del muscolo SCM ei muscoli cinghia.
    13. Tease via il nervo vago dalla carotidearteria, facendo attenzione a non danneggiare queste strutture.
  2. anastomosi vascolari
    1. Posizionare un morsetto doppia arteriosa nella carotide.
    2. Posizionare un nylon punto 9/0 nella parte laterale della carotide, e utilizzare questo punto per tirare questa parte della parete del vaso.
    3. Utilizzare un paio di forbici microchirurgia rette per produrre un'apertura in questa regione della parete del vaso.
    4. Utilizzando INTERROTTA 10/0 Nylon suture eseguire una anastomosi termino-laterale tra l'arteria epigastrica superficiale del lembo e l'arteria carotidea a livello dell'apertura carotide recentemente creata.
    5. Avvicinatevi al moncone prossimale della vena giugulare esterna e la vena epigastrica superficiale e ispezionare il calibro di questi due vene.
      1. Se la discrepanza in termini di dimensioni è da lieve a moderata, dilatare il lume della fine taglio della vena epigastrica superficiale con pinze di dilatazione.
      2. Se la differenza di calibro è molto pronounced, oltre a pinze dilatazione, smusso l'estremità della vena epigastrica superficiale in un angolo di 30 a 45 °.
      3. Eseguire l'anastomosi venosa, utilizzando interrotto 11/0 punti di sutura in nylon.
    6. Rimuovere le singole fascette poste sulle navi della falda.
    7. Rimuovere la doppia pinza posizionato nella vena femorale.
    8. Rimuovere la doppia pinza collocato in arteria femorale.
  3. Valutare la pervietà e la competenza di anastomosi
    1. Verificare arteria e vena del lembo sono completamente dilatata e nessun sanguinamento significativo si osserva dopo 3 min di rimuovere le pinze vascolari (Figura 11).
      1. Se c'è sanguinamento durante questo periodo di posizionare una garza salina umida sopra l'anastomosi e applicare una leggera pressione.
      2. Se il sanguinamento da anastomosi non si ferma dopo 3 minuti, aggiungere ulteriori 11/0 Nylon interrotto suture, dopo il posizionamento morsetto vascolare, a seconda delle necessità.
    2. Attendere 10 min con il lembo collegato ai vasi del collo e avvolto da una garza inumidito con soluzione salina calda.
    3. Valutare la perfusione e il collo ferita emostasi del lembo. Ispezionare le anastomosi per i segni di emorragia, trombosi o di trazione eccessiva.
    4. Fissare il lembo nel sito ricevente a partire da 5/0 sottocuticolare punti staccati.
    5. Chiudere la pelle con 5/0 Nylon interrotto suture (Figura 12).

Cura 5. post-operatoria

  1. Lasciare il ratto di recuperare all'interno della sua gabbia individuale in decubito laterale destro. Tenere il caldo gabbia mettendo un rilievo di calore elettrico impostato sul basso sotto. Posizionare un panno luce tra la gabbia e il rilievo di calore elettrica per evitare l'ipertermia.
  2. Guarda l'animale continuamente ruotandola verso decubito laterale opposta ogni 5 minuti, fino a quando non riprende decubito sternale ed è in grado di deambulare.
  3. Casa i ratti singolarmente fino rimozione tha punti di sutura chirurgici due settimane dopo l'intervento chirurgico.
  4. Dare un antinfiammatorio farmaco 1 mg / kg per via sottocutanea una volta al giorno per 3 giorni dopo l'intervento, per l'analgesia postoperatoria.

6. Valutazione Flap

  1. Presentare un trattamento alimentare sopra la testa del topo e di valutare la redditività di falda mediante ispezione visiva.
  2. Se l'esposizione è sufficiente utilizzare il passaggio precedente, un assistente applicando tocco delicato sulla regione interscapolare del ratto, esaminando il lembo.
  3. Usare la fotografia digitale e il software ImageJ per valutare quantitativamente le aree di deiscenza della ferita, lembo epidermolisi, iperemia, congestione e / o necrosi, come spiegato in dettaglio da Trujillo et al. 15.

Representative Results

Secondo l'esperienza degli autori di più di dieci anni con il lembo libero epigastrica come modello di trasferimento del tessuto libero sia nel contesto di corsi di microchirurgia e per scopi di ricerca, il tasso di sopravvivenza lembo dipende in qualche modo sulla manualità e l'esperienza del chirurgo . In generale, se gli aspetti tecnici sopra descritti sono presi in considerazione, un tasso di sopravvivenza quasi completa (<10% di necrosi lembo) di circa il 70% dei lembi è prevedibile. Circa il 10% dei lembi presentano necrosi parziale (10 al 50%). Circa il 20% dei lembi soffre necrosi completa. Un tasso di sopravvivenza quasi completo 80% è stato ottenuto negli ultimi 20 procedure eseguite dal primo autore (DC) (Figura 13).

Durante i primi due giorni dopo l'intervento, il lembo epigastrico libero è spesso edematosa e presenta un certo grado di congestione venosa. Questi di solito both abbassarsi gradualmente tra 3 e 5 giorni dopo l'intervento chirurgico. In genere, durante la prima settimana, il topo rimuove la maggior parte dei punti esterni e parte delle suture sottocuticolare, spesso con conseguente aree sparse di lieve deiscenza della ferita (Figura 14). Dopo il giorno 10, i capelli comincia lentamente a crescere sulla superficie del lembo. Alla fine del primo mese dopo l'intervento chirurgico, il lembo viene solitamente coperta con i capelli leggermente più corta rispetto alla pelle adiacente. Due mesi dopo l'intervento, la presenza del lembo viene annunciata da un leggero grumo, e da una cicatrice relativamente poco attorno margini del lembo (Figura 14). il cannibalismo automatica del lembo è un dato infrequente che, nell'esperienza degli autori, si verifica quasi esclusivamente nei casi di necrosi totale lembo.

Figura 1
Figura 1: anatomia vascolare del fla libera epigastricap.
Questa fotografia mostra la regione epigastrica sinistra di un ratto precedentemente iniettati con una soluzione di lattice rosso nel sistema arterioso e con una soluzione di lattice blu nel sistema venoso. È possibile osservare che la regione epigastrica riceve un apporto di sangue assiale dalla arteria epigastrica superficiale e vena. Questi vasi provengono da e scarico nell'arteria femorale e la vena rispettivamente. Clicca qui per vedere una versione più grande di questa figura.

figura 2
Figura 2: scansione di immagini al microscopio elettronico di un cast corrosione dei vasi epigastrici superficiali mostra la microscopica afflusso di sangue vascolare al lembo libero epigastrica.
Questa immagine microscopio elettronico a scansione di un cast corrosione della superficiali vasi epigastrici di ratto dimostra che la vena ha un calibro più grande che l'arteria. Mediamente il calibro della vena epigastrica superficiale è di 0,6 a 0,8 mm, rispetto ai 0,3 a 0,5 mm di arteria epigastrica superficiale. Questa immagine mostra anche che l'arteria epigastrica superficiale origina due rami principali: una laterale e un ramo mediale che a sua volta dividere più volte, originari reti capillari che forniscono maggior parte della regione epigastrica. Questi capillari scarico nel tributari della vena epigastrica superficiale, che hanno un percorso parallelo per l'albero arterioso. Clicca qui per vedere una versione più grande di questa figura.

Figura 3
Figura 3: un'area potenziale di una sinistra lembo libero epigastrico nel ratto.
Questo schema rappresenta la regione della parete addominale fornite dai vasi epigastrici superficiali e che possono essere mobilitati nel lembo epigastrico. Questo lembo può essere fino a 5 cm di lunghezza e 3 cm di larghezza. Clicca qui per vedere una versione più grande di questa figura.

Figura 4
Figura 4: fotografia di una sezione macchiato ematossilina-eosina del lembo epigastrico.
Questa sezione macchiato ematossilina-eosina della regione epigastrica mostra che il lembo epigastrico è composto dal tegumento di questa regione che copre i muscoli della parete addominale. Clicca qui per vedere una versione più grande di questa figura.


Figura 5: composizione istologica del lembo epigastrico.
La fotografia a sinistra rappresenta una sezione macchiato ematossilina-eosina di un lembo epigastrico, mentre la fotografia a destra è stata ottenuta dalla sezione tricromica di Masson una di questo lembo. Queste due immagini illustrano che il lembo epigastrico del ratto è un blocco composto di tessuti. Esso contiene uno strato superficiale della pelle, formata dal derma e dell'epidermide. Sotto la pelle vi è uno strato di tessuto grasso chiamato pannicoli adiposi. Sotto questo strato vi è strato di muscolo striato noto come pannicolo carnosus. Sotto il carnosus panniculus c'è una fascia profonda che copre i muscoli addominali più grandi e più profonde. Clicca qui per vedere una versione più grande di questa figura.

Figura 6
Figura 6. pre-operatorie marcature della pelle sulla superficie ventrale del ratto prima di un intervento chirurgico.
Questa fotografia illustra le marcature pelle per le incisioni utilizzate per sollevare il lembo epigastrico sinistra e successivamente inserto questo lembo nella parte ventrale della regione cervicale sinistra.

Figura 7
Figura 7. Anatomia chirurgica dei vasi di nutrienti del lembo epigastrico sotto il microscopio operatorio (ingrandimento 10x).
Questa fotografia mostra l'arteria epigastrica superficiale e vene provenienti da e drenante in arteria femorale e la vena, rispettivamente. Il laterale femorale circonflessa dell'arteria si pone di solito sotto l'aspetto caudale del superficiali epiarteria gastrica. Il laterale femorale circonflessa vena ha un percorso simile e di solito termina nella vena epigastrica superficiale. Clicca qui per vedere una versione più grande di questa figura.

Figura 8
Figura 8. Il lembo epigastrico ex vivo peduncolato sulle sue navi di nutrienti (l'arteria epigastrica superficiale e venosa -, A, V, rispettivamente). Clicca qui per vedere una versione più grande di questa figura.

Figura 9
Figura 9. vista operativo delladissezione della vena destinatario, vale a dire, la vena giugulare esterna, sul lato sinistro del collo (6x).
È possibile osservare il corso sottocutaneo della vena giugulare laterale esterna al muscolo sternocleidomastoideo. Clicca qui per vedere una versione più grande di questa figura.

Figura 10
Figura 10. vista operativo della dissezione dell'arteria donatore, cioè la carotide comune, sul lato sinistro del collo (10x).
L'arteria e il nervo vago di accompagnamento sono esposti dopo ritraendo sternocleidomastoideo ei muscoli sottoioidei, come mostrato. Clicca qui per vedere una versione più grande di tla sua figura.

Figura 11
Figura 11. Fotografia delle anastomosi vascolari tra i vasi del flap e dei vasi riceventi nel collo, come si è visto sotto il microscopio operatorio (10x).
Questa fotografia mostra l'anastomosi termino-laterale tra la carotide comune e le arterie epigastrici superficiali. È anche possibile osservare l'anastomosi termino-terminale tra il epigastrica superficiale e le vena giugulare esterna. Clicca qui per vedere una versione più grande di questa figura.

Figura 12
Figura 12. Fotografia di aspetto ventrale del imme topo diatamente dopo l'intervento chirurgico.
Si noti che la zona donatrice è facilmente chiuso in primo luogo. Clicca qui per vedere una versione più grande di questa figura.

Figura 13
Figura 13. epigastrica lembo libero di sopravvivenza a 20 ratti consecutivi operato dal primo autore (DC).
Cinque ratti (20%) presentati completa lembo necrosi (casi 1, 4, 8, 13 e 15, rappresentati dai punti rossi). Aree di necrosi lembo sono stati determinati utilizzando il software ImageJ libera, come spiegato in dettaglio da Trujillo et al. 15. Clicca qui per vedere una versione più grande di questa figura.

14 "src =" / files / ftp_upload / 55281 / 55281fig14.jpg "/>
Figura 14. Le fotografie del lembo epigastrica posto sulla faccia ventrale del collo 4, 14 e 60 giorni dopo l'intervento.
Quattro giorni dopo l'intervento, di solito c'è qualche deiscenza della ferita, come il topo rimuove i punti. Tuttavia, il lembo rimane normalmente in posto. È possibile esaminare il lembo giornaliera per semplice ispezione visiva. Clicca qui per vedere una versione più grande di questa figura.

Acknowledgments

Uno degli autori (Diogo Casal) ha ricevuto una sovvenzione dal programma di Advanced Medical Education, che è sponsorizzato da Fundação Calouste Gulbenkian, Fundação Champalimaud, Ministério da Saúde e Fundação para a Ciência e Tecnologia, Portogallo.

Gli autori desiderano ringraziare l'aiuto tecnico di Alberto Severino nella ripresa e di montaggio del video. Gli autori sono anche grato a Mr. Octávio Chaveiro, Marco Costa e il signor Carlos Lopes per il loro aiuto nella preparazione dei provini, presentato in questo documento.

Infine, gli autori desiderano ringraziare la signora Gracinda Menezes per il suo aiuto in tutti gli aspetti logistici relativi alla acquisizione e il mantenimento degli animali.

Materials

Name Company Catalog Number Comments
Skin Skribe Surgical Skin Marker Moore Medical 31456 https://www.mooremedical.com/index.cfm?/Skin-Skribe-Surgical-Skin-Marker/
&PG=CTL&CS=
HOM&FN=ProductDetail&
PID=1740&spx=1
Micro retractor Fine Science Tools RS-6540 http://www.finescience.de
Graeffe forceps 0.8 mm tips curved Fine Science Tools 11052-10 http://www.finescience.de
Acland clamps Fine Science Tools 00398 V http://www.merciansurgical.com/aclandclamps.pdf
Clamp applicator Fine Science Tools CAF-4 http://www.merciansurgical.com/acland-clamps.pdf
High-Temperature Cautery Fine Science Tools AA03 http://www.boviemedical.com/products_aaroncauteries_high.asp
Micro-vessel dilators 11 cm 0.3 mm tips 00124 Fine Science Tools D-5a.2 http://www.merciansurgical.com
Micro Jewellers Forceps 11cm angulated 00109 Fine Science Tools JFA-5b http://www.merciansurgical.com
Micro Jewellers Forceps 11 cm straight 00108 Fine Science Tools JF-5 http://www.merciansurgical.com
Acland Single Clamps B-1V (Pair) Fine Science Tools 396  http://www.merciansurgical.com
Micro Scissors Round Handles 15 cm Straight Fine Science Tools 67  http://www.merciansurgical.com
Iris Scissors 11.5 cm Curves EASY-CUT Fine Science Tools EA7613-11  http://www.merciansurgical.com
Mayo Scissors 14 cm Straight Chamfered Blades EASY-CUT Fine Science Tools EA7652-14  http://www.merciansurgical.com
Derf Needle Holders 12 cm TC Fine Science Tools 703DE12  http://www.merciansurgical.com
Monosyn 5-0 B.Braun 15423BR http://www.mcfarlanemedical.com.au/
15423BR/
SUTURE-MONOSYN-5_or_0-16MM-70CM-(C0023423)-BOX_or_36/pd.php
Ethilon 5-0 Ethicon W1618 http://www.farlamedical.co.uk/category_Ethilon-Suture-1917/Ethilon-Sutures/
Dafilon 10-0 B.Braun G1118099 http://www.bbraun.com/cps/rde/xchg/bbraun-com/hs.xsl/products.html?prid=PRID00000816
Veet Sensitive Skin Hair Removal Cream Aloe Vera and Vitamin E 100 ml Veet http://www.veet.co.uk/products/creams/creams/veet-hair-removal-cream-sensitive-skin/
Instrapac - Adson Toothed Forceps (Extra Fine) Fine Science Tools 7973 http://www.millermedicalsupplies.com
Castroviejo needle holders Fine Science Tools 12565-14 http://s-and-t.ne
Straight mosquito forcep Fine Science Tools 91308-12 http://www.finescience.de
Cutasept F skin disinfectant Bode Chemie http://www.productcatalogue.bode-chemie.com/products/skin/cutasept_f.php
Lacri-lube Eye Ointment 5g Express Chemist LAC101F http://www.expresschemist.co.uk/lacri-lube-eye-ointment-5g.html
Normal saline for irrigation Hospira, Inc. 0409-6138-22 http://www.hospira.com/en/search?q=sodium+chloride+irrigation%2C+usp&fq=contentType%3AProducts
Heparin Sodium Solution (5,000 IU/ml) B.Braun http://www.bbraunusa.com/products.html?prid=PRID00006982
Meloxicam Metacam Boehringer Ingelheim http://www.bi-vetmedica.com/species/pet/products.html
Heat Lamp HL-1 Harvard Apparatus 727562 https://www.harvardapparatus.com/webapp/wcs/stores/servlet/
haisku3_10001_11051_39108_-1_
HAI_ProductDetail_N_
37610_37611_37613
Homeothermic Blanket System with Flexible Probe Harvard Apparatus 507220F https://www.harvardapparatus.com/webapp/wcs/stores/servlet/
haisku3_10001_11051_39108_-1_
HAI_ProductDetail_N_
37610_37611_37613
Dry heat sterilizer Quirumed 2432 http://www.quirumed.com/pt/material-de-esterilizac-o/esterilizadores
Surgical drapes Barrier 800430 http://www.molnlycke.com/surgical-drapes/
Biogel Surgical Gloves Medex Supply 30465 https://www.medexsupply.com
Operating microscope Leica Surgical Microsystems 10445319 http://www.leica-microsystems.com/products/surgical-microscopes/

DOWNLOAD MATERIALS LIST

References

  1. Morain, W. D. Plastic Surgery. Mathes, S. J. 1, Saunders. 27-34 (2006).
  2. Christoforou, D., Alaia, M., Craig-Scott, S. Microsurgical management of acute traumatic injuries of the hand and fingers. Bull Hosp Jt Dis. 71, (1), 6-16 (2013).
  3. Santoni-Rugiu, P., Sykes, P. J. A History of Plastic Surgery. Santoni-Rugiu, P., Sykes, P. J. Springer. 3 79-119 (2007).
  4. Tamai, S. Experimental and Clinical Reconstructive Microsurgery. Tamai, S., Usui, M., Yoshizu, T. Springer-Verlag. Ch. 1 3-24 (2003).
  5. Bettencourt-Pires, M. A., et al. Anatomy and grafts - From Ancient Myths, to Modern Reality. Arch Anat. 2, (1), 88-107 (2014).
  6. Casal, D., Gomez, M. M., Antunes, P., Candeias, H., Almeida, M. A. Defying standard criteria for digital replantation: A case series. Int J Surg Case Rep. 4, (7), 597-602 (2013).
  7. Gomez, M. M., Casal, D. Reconstruction of large defect of foot with extensive bone loss exclusively using a latissimus dorsi muscle free flap: a potential new indication for this flap. J Foot Ankle Surg. 51, (2), 215-217 (2012).
  8. Plenter, R. J., Grazia, T. J. Murine heterotopic heart transplant technique. J Vis Exp. (89), (2014).
  9. Pichierri, A., et al. How to set up a microsurgical laboratory on small animal models: organization, techniques, and impact on residency training. Neurosurg Rev. 32, (1), 101-110 (2009).
  10. Klein, I., Steger, U., Timmermann, W., Thiede, A., Gassel, H. J. Microsurgical training course for clinicians and scientists at a German University hospital: a 10-year experience. Microsurgery. 23, (5), 461-465 (2003).
  11. Fukui, A. Experimental and Clinical Reconstructive Microsurgery. Tamai, S., Usui, M., Yoshizu, T. Springer-Verlag. Ch. 1 35-43 (2004).
  12. Ad-El, D. D., Harper, A., Hoffman, L. A. Digital replantation teaching model in rats. Microsurgery. 20, (1), 42-44 (2000).
  13. Ruby, L. K., Greene, M., Risitano, G., Torrejon, R., Belsky, M. R. Experience with epigastric free flap transfer in the rat: technique and results. Microsurgery. 5, (2), 102-104 (1984).
  14. Edmunds, M. C., Wigmore, S., Kluth, D. In situ transverse rectus abdominis myocutaneous flap: a rat model of myocutaneous ischemia reperfusion injury. J Vis Exp. (76), (2013).
  15. Trujillo, A. N., Kesl, S. L., Sherwood, J., Wu, M., Gould, L. J. Demonstration of the rat ischemic skin wound model. J Vis Exp. (98), (2015).
  16. Siemionow, M. Z. Plastic and Reconstructive Surgery: Experimental models and research designs. Siemionow, M. Z. Springer - Verlag. Ch. 1-7 3-67 (2015).
  17. Petry, J. J., Wortham, K. A. The anatomy of the epigastric flap in the experimental rat. Plast Reconstr Surg. 74, (3), 410-413 (1984).
  18. Tamai, S., Usui, M., Yoshizu, T. Experimental and Clinical Reconstructive Microsurgery. 6, Springer-Verlag. Ch. 6 111-114 (2004).
  19. Zhang, F., et al. Microvascular transfer of the rectus abdominis muscle and myocutaneous flap in rats. Microsurgery. 14, (6), 420-423 (1993).
  20. Tonken, H. P., et al. Microvascular transplant of the gastrocnemius muscle in rats. Microsurgery. 14, (2), 120-124 (1993).
  21. Miyamoto, S., et al. Free pectoral skin flap in the rat based on the long thoracic vessels: a new flap model for experimental study and microsurgical training. Ann Plast Surg. 61, (2), 209-214 (2008).
  22. Nasir, S., Aydin, A., Kayikcioglu, A., Sokmensuer, C., Cobaner, A. New experimental composite flap model in rats: gluteus maximus-tensor fascia lata osteomuscle flap. Microsurgery. 23, (6), 582-588 (2003).
  23. Coskunfirat, O. K., Islamoglu, K., Ozgentas, H. E. Posterior thigh perforator-based flap: a new experimental model in rats. Ann Plast Surg. 48, (3), 286-291 (2002).
  24. Ozkan, O., et al. A new flap model in rats: iliac osteomusculocutaneous flap. Ann Plast Surg. 47, (2), 161-167 (2001).
  25. Padubidri, A. N., Browne, E. Modification in flap design of the epigastric artery flap in rats--a new experimental flap model. Ann Plast Surg. 39, (5), 500-504 (1997).
  26. Strauch, B., Murray, D. E. Transfer of composite graft with immediate suture anastomosis of its vascular pedicle measuring less than 1 mm. in external diameter using microsurgical techniques. Plast Reconstr Surg. 40, (4), 325-329 (1967).
  27. Green, C. E. Anatomy of the Rat. First edn. Hafner Publishing Company. 124-153 (1968).
  28. Greene, E. C. Anatomy of the rat. Hafner. New York. (1959).
  29. Langworthy, O. R. A morphological study of the panniculus carnosus and its genetical relationship to the pectoral musculature in rodents. Am J Anat. 35, (2), 283-302 (1925).
  30. Popesko, P., Ratjová, V., Horák, J. A Colour Atlas of the Anatomy of Small Laboratory Animals. 2, Saunders. 13-104 (1992).
  31. Brown, S. H., Banuelos, K., Ward, S. R., Lieber, R. L. Architectural and morphological assessment of rat abdominal wall muscles: comparison for use as a human model. J Anat. 217, (3), 196-202 (2010).
  32. Harder, Y., et al. Ischemic tissue injury in the dorsal skinfold chamber of the mouse: a skin flap model to investigate acute persistent ischemia. J Vis Exp. (93), e51900 (2014).
  33. Cox, G. W., Runnels, S., Hsu, H. S., Das, S. K. A comparison of heparinised saline irrigation solutions in a model of microvascular thrombosis. Br J Plast Surg. 45, (5), 345-348 (1992).
  34. Gurunluoglu, R., Siemionow, M. Z. Plastic and Reconstructive Surgery: Experimental models and research designs. Siemionow, M. Z. Spronger. Ch. 6 53-62 (2015).
  35. Nasir, S. Plast Reconstr Surg. Springer. 227-236 (2015).
  36. Parsa, F. D., Spira, M. Evaluation of anastomotic techniques in the experimental transfer of free skin flaps. Plast Reconstr Surg. 63, (5), 696-699 (1979).
  37. Dunn, R. M., Huff, W., Mancoll, J. The Rat Rectus Abdominis Myocutaneous Flap: A True Myocutaneous Flap Model. Ann Plast Surg. 31, (4), 352-357 (1993).
  38. Özkan, Ö, et al. A new flap model in rats: iliac osteomusculocutaneous flap. Ann Plast Surg. 47, (2), 161-167 (2001).
  39. Ozkan, O., Koshima, I., Gonda, K. A supermicrosurgical flap model in the rat: a free true abdominal perforator flap with a short pedicle. Plast Reconstr Surg. 117, (2), 479-485 (2006).
  40. Dorsett-Martin, W. A. Rat models of skin wound healing: a review. Wound Repair Regen. 12, (6), 591-599 (2004).
  41. Ghali, S., et al. Treating chronic wound infections with genetically modified free flaps. Plast Reconstr Surg. 123, (4), 1157-1168 (2009).
Un modello di trasferimento del tessuto libero: The Rat Epigastrica libero Flap
Play Video
PDF DOI DOWNLOAD MATERIALS LIST

Cite this Article

Casal, D., Pais, D., Iria, I., Mota-Silva, E., Almeida, M. A., Alves, S., Pen, C., Farinho, A., Mascarenhas-Lemos, L., Ferreira-Silva, J., Ferraz-Oliveira, M., Vassilenko, V., Videira, P. A., Gory O'Neill, J. A Model of Free Tissue Transfer: The Rat Epigastric Free Flap. J. Vis. Exp. (119), e55281, doi:10.3791/55281 (2017).More

Casal, D., Pais, D., Iria, I., Mota-Silva, E., Almeida, M. A., Alves, S., Pen, C., Farinho, A., Mascarenhas-Lemos, L., Ferreira-Silva, J., Ferraz-Oliveira, M., Vassilenko, V., Videira, P. A., Gory O'Neill, J. A Model of Free Tissue Transfer: The Rat Epigastric Free Flap. J. Vis. Exp. (119), e55281, doi:10.3791/55281 (2017).

Less
Copy Citation Download Citation Reprints and Permissions
View Video

Get cutting-edge science videos from JoVE sent straight to your inbox every month.

Waiting X
Simple Hit Counter