Login processing...

Trial ends in Request Full Access Tell Your Colleague About Jove

Environment

Quantificare gli artropodi di Corticolous usando trappole appiccicose

doi: 10.3791/60320 Published: January 19, 2020
* These authors contributed equally

Summary

Descriviamo un approccio semi-quantitativo di misurazione delle caratteristiche delle comunità di artropodi corticolous (bark-dwelling). Abbiamo piazzato trappole appiccicose fabbricate commercialmente sui boli degli alberi per stimare l'abbondanza, la lunghezza totale (un surrogato alla biomassa), la ricchezza e la diversità di Shannon per il confronto tra le specie arboree.

Abstract

Gli artropodi terrestri svolgono un ruolo importante nel nostro ambiente. La quantificazione degli artropodi in modo da consentire un indice preciso o una stima della densità richiede un metodo con alta probabilità di rilevamento e un'area di campionamento coerente. Abbiamo prodotto trappole appiccicose per confrontare l'abbondanza, la lunghezza totale (un surrogato per la biomassa), la ricchezza e la diversità di Shannon di artropodi corticolous tra i boli di 5 specie arboree. L'efficacia di questo metodo era adeguata a rilevare variazioni negli artropodi corticolousi tra le specie arboree e fornire un errore standard della media che era <20% della media per tutte le stime con dimensioni del campione da 7 a 15 singoli alberi di ogni specie. I nostri risultati indicano, anche con queste dimensioni di campione moderate, il livello di precisione delle metriche della comunità di artropodi prodotte con questo approccio è adeguato per affrontare la maggior parte delle questioni ecologiche riguardanti la variazione temporale e spaziale negli artropodi corticolousi. I risultati di questo metodo differiscono da altri approcci quantitativi come il knockdown chimico, l'ispezione visiva e le trappole a imbuto in quanto forniscono un'indicazione dell'attività degli artropodi corticolosi a lungo termine, meglio tra cui il bole temporaneo residenti, artropodi volanti che atterrano temporaneamente sul bole dell'albero e artropodi striscianti che usano il bolo dell'albero come percorso di viaggio da terra a fogliame forestale superiore. Inoltre, riteniamo che le trappole adesive prodotte commercialmente forniscano stime più precise e siano logisticamente più semplici del metodo descritto in precedenza per applicare direttamente un materiale adesivo alla corteccia dell'albero o applicare un materiale adesivo su nastro o altro tipo di supporto e applicandolo alla corteccia dell'albero.

Introduction

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Gli artropodi terrestri svolgono un ruolo importante nel nostro ambiente. Oltre ad essere di interesse scientifico per se stessi, gli artropodi possono essere sia dannosi che benefici ad altri livelli trofici (ad esempio, colture, piante orticole, vegetazione autoctona e cibo per gli organismi insettivori1,2,3,4). Così, la comprensione dei fattori che influenzano lo sviluppo e l'abbondanza della comunità artropode è fondamentale per gli agricoltori5, gestori di disinfestazioni6, forestali4, biologi vegetali7, entomologi8, e la fauna selvatica e gli ecologi di conservazione che studiano le dinamiche della comunità e gestiscono gli organismi insettivori9. Le comunità artropodi variano nella composizione e nell'abbondanza delle specie sia temporalmente che spazialmente in una varietà di paesaggi ecologici, tra cui comunità vegetali, specie vegetali e in varie regioni di singole piante. Ad esempio, gli studi hanno dimostrato differenze significative nelle metriche della comunità di artropodi tra le radici, i boli e gli steli e il fogliame, all'interno dello stesso singolo albero10,11. Questi risultati non sono sorprendenti se si considera che diverse parti della stessa pianta, ad esempio foglie contro cortecce di un albero, forniscono risorse diverse per le quali gli artropodi si sono adattati per sfruttare. Così, ogni parte della pianta può sostenere una diversa comunità di artropodi. Poiché gli artropodi che vivono nel fogliame possono avere un così grande impatto socioeconomico e ambientale, è stato provorato uno sforzo sostanziale per misurare le metriche della comunità utilizzando approcci qualitativi e quantitativi12. In alternativa, molto meno sforzo è stato speso per sviluppare approcci di quantificazione delle comunità di artropodi corticolous (bark-abitazione).

Come le comunità di artropodi che vivono di fogliame, le comunità artropodo corticolose possono essere importanti sia dal punto di vista socioeconomico che ambientale. Alcune malattie forestali che sono causate o facilitate da artropodi corticolous possono essere dannose per il raccolto di legname economicamente fattibile4. Inoltre, gli artropodi corticolous possono essere una componente importante della catena alimentare nelle comunità forestali13,14. Ad esempio, gli artropodi delle abitazioni forestali sono la fonte primaria di cibo per molti uccelli di canto di corteccia insettivori15,16. Così, la comprensione dei fattori che influenzano le comunità di artropodi corticolous è di interesse per i forestali e gli ecologi di base e applicati.

Comprendere i fattori che influenzano la composizione e l'abbondanza della comunità artropode spesso richiede la cattura degli individui. Le tecniche di cattura possono generalmente essere classificate in tecniche qualitative che rilevano solo la presenza di una specie per le stime della gamma di specie, la ricchezza e la diversità17, o tecniche semi-quantitative e quantitative che consentono un indice o stima di abbondanza e densità degli individui all'interno di un gruppo tassonomico18,19. Le tecniche semi-quantitative e quantitative consentono ai ricercatori di stimare o almeno campionare in modo coerente un'area campione specificata e stimare la probabilità di rilevamento o presumere che la probabilità di rilevamento sia non direzionale e adeguata da non oscurare la capacità del ricercatore di rilevare variazioni spaziali o temporali in abbondanza. Le tecniche semi-quantitative e quantitative per quantificare gli artropodi corticolous includono il aspirazione o il campionamento sottovuoto di un'area specifica20,21,22, conteggio sistematico degli artropodi visibili18,23, trappole appiccicose24, varie trappole a imbuto o pot-type8,25e fori di ingresso o emergenti26,27.

Si ritiene che una serie di fattori spaziali e temporali portino a variazioni nelle comunità artropodi corticolous11,14,28,29. Ad esempio, la consistenza della corteccia degli alberi è pensata per influenzare la struttura comunitaria degli artropodi che vivono sugli alberi14. A causa della superficie più diversificata dei tronchi di alberi con corteccia più solcato, gli alberi con corteccia più solcato sono pensati per sostenere una maggiore diversità e l'abbondanza di artropodi14.

Con questo articolo riportiamo un nuovo approccio semi-quantitativo di enumerazione degli artropodi corticolous che potrebbero essere usati per descrivere e testare ipotesi riguardanti la variazione nelle comunità di artropodi corticolous nel tempo e nello spazio con sufficiente precisione per rilevare le differenze tra le specie arboree. Usando trappole appiccicose attaccate ai tronchi degli alberi, abbiamo confrontato l'abbondanza, la lunghezza totale (un surrogato per la massa corporea), la ricchezza e la diversità della comunità artropode sul bolo della quercia bianca (Quercus alba), il maialino hickory (Carya glabra), l'acero da zucchero (Acer saccharum), il faggio americano (Fagus grandifolia), e i pioppi di tulipano (Liriodendron tublifera) alberi, che variano in texture bark.

Questo studio è stato condotto nelle sezioni ecologiche di Ozark e Shawnee della Foresta Nazionale shawnee (SNF) nell'Illinois sud-occidentale. Nel mese di luglio 2015, abbiamo identificato 18 siti (9 dominati da quercia/hickory e 9 dominati da faggio/acero) con la mappa di copertura stand USFS per la SNF (allveg2008.shp) in ArcGIS 10.1.1. Nei siti xerici, le specie dominanti erano hickory di noci e quercia bianca e nei siti mesici, le specie dominanti erano il fetore americano, l'acero di zucchero e il pioppo di tulipano. Per confrontare la comunità di artropodi di bole tra le specie di alberi, in ogni sito di raccolta dati, abbiamo identificato i tre (quercia bianca, hickory di maialino, acero di zucchero, alberi di specie di faggio e tulipano americano) alberi di specie >17 cm di diametro all'altezza del seno (d.b.h.) più vicino al centro di un cerchio radiale di 10 m. Se erano presenti meno di tre alberi appropriati, il cerchio è stato ampliato ed è stato selezionato l'albero più vicino ai criteri. Per ogni albero scelto, abbiamo installato quattro trappole appiccicose all'altezza del seno, una rivolta in ogni direzione cardinale: nord, sud, est e ovest.

Abbiamo raccolto dati arthropod dai bole di 54 singoli alberi (12 hickories di maialino, 15 querce bianche, 8 faggi americani, 12 aceri di zucchero e 7 pioppi di tulipano) tra i 18 siti. Abbiamo raggruppato gli artropodi secondo una classificazione semplificata delle gilde da caratteristiche morfologiche diagnostiche indicative di ordini strettamente correlati dagli attuali documenti filogenetici, simili a quelli delle "unità tassonomiche operative"30,31 (Appendice A). Sulla base di questa classificazione, abbiamo catturato i rappresentanti di 26 gilde nelle nostre trappole che erano ognuna in atto per 9 giorni(Appendice A). Poiché il nostro studio si è concentrato sulle interazioni trofiche tra specie arboree, artropodi corticolosi e uccelli che brillano di corteccia, abbiamo rimosso tutti gli artropodi più piccoli di 3 mm dall'analisi perché la loro importanza come risorsa alimentare è minima per gli uccelli che brillano la corteccia. Abbiamo usato un modello misto che includeva sia la lunghezza dell'artropode (madre alla massa corporea), l'abbondanza, la diversità di Shannon e, la ricchezza come variabile dipendente, le specie arboree e lo sforzo (proporzione dell'albero coperto di trappole) come variabili fisse e sito come variabile casuale. Poiché tutte le trappole di un singolo albero sono state combinate come un unico campione, i singoli alberi non sono stati inclusi come variabile casuale.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Protocol

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

1. Posizionamento di una trappola sull'albero

  1. Misurare il diametro di un albero all'altezza del seno. All'altezza del seno in ogni direzione cardinale, per un'area delle dimensioni della trappola appiccicosa prefabbricata (scheda di colla), utilizzare un rasoio di corteccia per rimuovere la corteccia fino a quando un'area della dimensione per la trappola appiccicosa è abbastanza liscia per pinzare la trappola appiccicosa sull'albero in modo che non ci sia spazio per gli artropodi a strisciare sotto la trappola. Etichettare la parte posteriore della trapping utilizzando un pennarello permanente di colore scuro con la data, il numero della trappola, la posizione e altre informazioni pertinenti.
    1. Per intrappolare gli artropodi, (a) catturare sia artropodi volanti che striscianti, aprendo e rimuovendo i lati e la copertura della trappola appiccicosa tagliando il cartone lungo il bordo del materiale appiccicoso, (b) o escludere gli artropodi volanti dall'atterraggio direttamente sulla trappola , aprendo la trappola come indicato sulla scatola.
  2. Posizionare una trappola su ogni posizione precedentemente rasata in modo che le aperture siano orientate verticalmente (una che si apre verso l'alto, l'altra apertura rivolta verso il basso) per massimizzare la cattura di artropodi che strisciano su e giù per i bole dell'albero. Per le trappole con i piani rimossi per catturare sia artropodi volanti che striscianti, orientare le trappole in modo che la fine che era l'apertura prima della rimozione del coperchio di cartone sia orientata verticalmente, per mantenere la consistenza dell'intrappolamento.
  3. Pinzare le trappole all'albero posizionando una graffetta in ogni angolo e una graffetta nella parte inferiore centrale e al centro dell'abbondanza. Inizia a pinzare nell'angolo in basso a destra, quindi il centro inferiore, l'angolo in alto a destra, il centro in alto a destra, l'angolo in basso a sinistra e infine l'angolo in alto a sinistra. Fai attenzione a che l'intero fondo e la parte superiore delle trappole siano a filo contro l'albero per ridurre al minimo gli artropodi che strisciano sotto la trappola.
  4. Lasciare le trappole in posizione per la quantità di tempo desiderata. Assicurati che tutte le trappole siano lasciate in posizione allo stesso tempo.
    NOTA: nelle aree in cui gli artropodi sono estremamente abbondanti, ad esempio durante i focolai di falena, le trappole possono saturarsi entro un'ora o giorni. In queste circostanze, le trappole dovranno essere sostituite regolarmente prima di essere sature per mantenere costantemente la probabilità di cattura.

2. Rimozione della trappola dall'albero

  1. Dopo la quantità desiderata di intrappolamento del tempo, coprire l'intera trappola, ad eccezione dei punti metallici, con pellicola di cellulosa polimerica (ad esempio, cellophane).
    NOTA: Posizionare il film sulle trappole prima della rimozione ridurrà la probabilità di disturbare gli artropodi intrappolati.
  2. Rimuovere ogni trappola prendendo un grande cacciavite piatto e indiscreti ogni fitta parzialmente dall'albero, sufficiente per facilitare la presa delle graffette utilizzando pinze del naso dell'ago. Prendere grandi pinze naso ago o uno strumento di presa simile e tirare le graffette dall'albero.
  3. Posizionare le trappole in una scatola rigida di qualche tipo per il trasporto a un laboratorio per l'analisi. Se le trappole devono essere conservate per più di 12 h, conservare le trappole in un congelatore per conservare il contenuto.

3. Analisi di laboratorio

  1. Utilizzando un ambito di dissezione, esaminare il contenuto di una trappola che registra il numero di individui al livello tassonomico desiderato.
  2. Usa artropodi ordinati per stimare la ricchezza (numero totale di gruppi tassonomici), gli indici della diversità o l'abbondanza (artropodi totali). Se la biomassa stimata è un risultato desiderato, misurare la lunghezza e la larghezza degli artropodi al mm più vicino e utilizzare la lunghezza/larghezza pubblicata, le regressioni di biomassa per stimare la biomassa32,33,34.
  3. Sottrarre la larghezza totale delle 4 trappole dal diametro all'altezza del seno per ogni albero per stimare lo sforzo di intrappolamento (proporzione dell'albero coperto dalle trappole) per ogni albero.
  4. Poiché i campioni da più trap nello stesso albero non sono indipendenti, sommare i campioni dallo stesso albero o includere singoli alberi come variabile casuale in tutte le analisi per evitare la pseudo-replica.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Representative Results

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Sulla base dei risultati del modello misto, il modello che includeva le specie arboree meglio spiegava la variazione della lunghezza totale dell'artropode, l'abbondanza e la diversità, nessuna delle variabili indipendenti spiegava una sostanziale variazione nella ricchezza, anche se i modelli che includevano lo sforzo di intrappolamento delle specie arboree erano competitivi con il modello nullo (Tabella 1). Inoltre, la proporzione dell'albero intrappolato sembra non avere alcuna influenza sull'abbondanza, la lunghezza totale e la diversità di Shannon, con un'influenza minima sulla ricchezza(Tabella 1). L'errore standard della media (SEM) per la lunghezza totale dell'artropode variava dal 4% della media in pioppo di tulipano al 17% in acero da zucchero (Tabella 2). L'abbondanza aveva livelli di variazione simili all'interno delle specie in cui il SEM era il 7% della media in pioppo di tulipano e il 18% in acero da zucchero (Tabella 2). Al contrario, la variabilità nella ricchezza e nella diversità degli artropodi era molto più bassa all'interno delle specie di alberi in quanto il SEM della ricchezza variava dal 4% della media per l'hickory dei suinetti al 9% della media nel faggio americano, mentre la diversità variava dal 4% della media del faggio americano al 7% della media nel pioppo di tulipano.

Variabile dipendente Modello K Aic AIC
Ricchezza Null 2 210.56 0
Specie arboree 7 211.69 1.13
Sforzo 3 211.93 1.37
Lunghezza totale del corpo Specie arboree 7 719.69 0
Null 2 727.00 7.31
Sforzo 3 728.96 9.27
Abbondanza Specie arboree 7 495.55 0
Null 2 501.04 5.48
Sforzo 3 503.04 7.48
Diversità Specie arboree 7 28.78 0
Null 2 37.31 8.52
Sforzo 3 38.72 9.93

Tabella 1: Risultati del modello. Risultati di un'analisi modello misto della covarianza (ANCOVA) con ricchezza artropode corticolous, lunghezza totale del corpo, abbondanza o diversità di Shannon come variabile dipendente, specie di alberi e proporzione dell'albero coperto da trappole (sforzo) come variabili fisse indipendenti e singolo sito come variabile casuale indipendente. K - numero di parametri del modello, AIC - Criterio di Informazione di Akaike stimato, e AIC - la differenza in punti AIC formano il modello al modello più parsimonioso.

Specie arboree Ricchezza Lunghezza totale Shannon diversità Abbondanza
X SE (SE) % di
Significare
X SE (SE) % di
Significare
X SE (SE) % di
Significare
X SE (SE) % di
Significare
Acero da zucchero (N - 12) 8.33 0.59 7% 365.20 63.69 17% 1.59 0.09 6% 45.45 8.15 18%
Hickory di suino (N - 12) 7.83 0.30 4% 573.90 81.58 14% 1.24 0.07 6% 70.09 10.10 14%
Pioppo di tulipano (N 8.75 0.49 6% 195.35 7.09 4% 1.73 0.12 7% 25.67 1.87 7%
Spiaggia Americana (N - 8) 8.29 0.81 9% 349.91 38.45 11% 1.53 0.06 4% 47.00 5.32 11%
Quercia Bianca (N - 15) 9.07 0.42 4% 407.38 40.16 10% 1.64 0.09 5% 50.57 5.26 10%

Tabella 2: Stime dei parametri dal modello più parsimonioso della Tabella 1. La media (X), SEM e la percentuale di SEM per ogni metrica comunitaria di artropodi corticolous catturati su 5 specie di alberi utilizzando trappole appiccicose prodotte commercialmente nella foresta nazionale di Shawnee nel sud dell'Illinois.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Discussion

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Sebbene siano state utilizzate tecniche alternative come l'aspirazione o le reti a strascicate, la maggior parte dei tentativi pubblicati in precedenza di quantificare gli artropodi sui boli arborici utilizzava una qualche versione di artropodi quantificanti ispezionando visivamente i bole degli alberi sul campo, utilizzando pesticidi chimici per uccidere gli artropodi in un'area specifica e quindi quantificando gli artropodi recuperati, o mettendo trappole a imbuto o una sostanza appiccicosa direttamente sull'albero19,23,35, 36. Ognuno di questi approcci ha benefici e carenze.

Con il knockdown chimico, un pesticida viene spruzzato su un'area predefinita e gli artropodi sono autorizzati a cadere su un panno di goccia mentre muoiono, dove vengono poi raccolti e quantificati19. In alternativa, con la posizione visiva, gli artropodi vivi si trovano nell'area predefinita e vengono raccolti a mano per una successiva quantificazione23. Entrambi questi metodi sono istantanei rispetto al nostro metodo, quindi forniscono una stima più quantificabile dell'area campionata per l'uso nella densità di stima. Un ulteriore attributo al knockdown chimico e all'ispezione visiva è, poiché è un po ' istantaneo, la stima è limitata al momento in cui è stata condotta l'indagine. Poiché campiona solo gli artropodi presenti al momento del campionamento, questo metodo fornisce una stima accurata delle dimensioni dell'area campionata, facilitando una stima della densità. Questi approcci, tuttavia, spesso ignorano la variazione nella popolazione di artropodi non residenti, gli artropodi che abitano temporaneamente gli alberi come artropodi volanti o artropodi che utilizzano la superficie dei boli degli alberi come rotte di viaggio da terra verso il fogliame forestale superiore. Poiché molti degli artropodi che influenzano altri livelli trofici utilizzano la corteccia per brevi periodi come residenza part-time, campioni quasi istantanei dal metodo di osservazione visiva e knockdown chimico probabilmente non rileveranno adeguatamente l'intero abito di artropodi che utilizzano la corteccia degli alberi come substrato8,35,36.

Per rappresentare meglio la comunità di artropodi corticolous che si verifica per periodi più lunghi, sono stati sviluppati metodi a lungo termine come imbuti e trappole appiccicose25,26,27,28,29,30,31,35,36. Le trappole a imbuto sono attaccate ai boli degli alberi e sono progettate per incanalare artropodi in bottiglie di conservante, quindi sono utili in quanto possono essere utilizzate per lunghi periodi di tempo (da settimane a mesi potenzialmente) pur conservando gli artropodi. La limitazione di queste trappole è la loro limitata capacità di intrappolare artropodi volanti che atterrano sui boli degli alberi. In alternativa, le trappole appiccicose sono efficaci per catturare artropodi striscianti e volanti.

Con le trappole appiccicose originali, un materiale appiccicoso è stato posizionato direttamente sull'albero per intrappolare sia gli artropodi striscianti che quelli volanti in un tempo predeterminato37. Anche se questo approccio è stato efficace nell'intrappolare sia artropodi striscianti che volanti, è difficile distribuire la stessa quantità di materiale per ogni trappola, quindi mantenere un'area di campionamento coerente e gli artropodi intrappolati devono essere identificati e quantificati sul campo in condizioni meteorologiche spesso meno condizioni ideali, portando potenzialmente a ulteriori variazioni nelle stime a causa di errori di identificazione o di conteggio eccessivo. Un miglioramento è stato offerto da Collins et al.36 quando hanno diffuso il materiale appiccicoso su nastro, poi, dopo aver intrappolato per un periodo di tempo predeterminato, coperto il nastro con cellophane e rimosso il nastro in modo che l'identificazione e la quantificazione artrodi potessero essere condotte più tardi in laboratorio, dove le condizioni erano molto più appropriate per l'attività. Mentre questo metodo è un miglioramento rispetto ai metodi descritti in precedenza, è ancora disordinato, e ancora difficile diffondere costantemente la stessa quantità di materiale appiccicoso ad ogni trappola. Come miglioramento di questo metodo, proponiamo di utilizzare trappole adesive prodotte commercialmente per affrontare entrambe queste carenze.

Trappole appiccicose prodotte commercialmente sono state utilizzate per intrappolare artropodi volanti sull'acqua38, a varie elevazioni della vegetazione vascolare39, e nel fogliame degli alberi40, ma a nostra conoscenza non sono stati utilizzati per campionare artropodi sulla corteccia degli alberi. Le trappole appiccicose prodotte commercialmente forniscono un miglioramento rispetto agli approcci utilizzati in precedenza in quanto il materiale appiccicoso viene aderente al supporto di cartone in fabbrica e poiché sono fabbricati commercialmente, la superficie del materiale è molto coerente. Inoltre, le trappole possono essere posizionate sugli alberi con la trappola intatta, impedendo agli artropodi volanti di atterrare direttamente sulla trappola, come è stato fatto nel nostro studio, o il coperchio di cartone potrebbe essere rimosso in modo che la trappola stia catturando sia artropodi striscianti che artropodi volanti che atterrano direttamente sulla trappola. Inoltre, le trappole vengono facilmente rimosse dall'albero, coperte di cellophane e trasportate al laboratorio dove possono essere conservate in un congelatore e quantificate in un secondo momento. La costruzione rigida di cartone della trappola facilita anche la visualizzazione delle trappole in laboratorio sotto un microscopio sezionante che consente un'identificazione, una quantificazione e misure più precise degli artropodi, riducendo alcuni degli errori di rilevamento che probabilmente si verificherebbero durante lo svolgimento di questa attività sul campo. Infine, il materiale appiccicoso sugli alberi può diventare saturo, riducendo la capacità della trappola di catturare artropodi41. Il metodo che descriviamo consente ai ricercatori di sostituire facilmente le trappole appiccicose per mantenere l'efficacia, consentendo un monitoraggio a lungo termine dei singoli alberi.

Come dimostrato dai nostri risultati, questo approccio sembra fornire una precisione adeguata per affrontare la maggior parte delle questioni ecologiche o ambientali riguardanti la variazione nelle comunità di artropodi corticolous. La rilevazione di artropodi da trappole appiccicose utilizzate per quantificare gli artropodi corticolous con questo metodo era adeguatamente precisa per fornire un SEM che era <20% della media per tutte le metriche della comunità utilizzate in questo studio. Questo livello di precisione è stato raggiunto con un campione di dimensioni ragionevoli di soli 7-15 singoli alberi. Con questo livello di precisione e dimensioni moderate del campione, abbiamo rilevato differenze nella lunghezza totale (un surrogato per la biomassa), abbondanza totale, ricchezza totale e diversità di Shannon tra specie di alberi. Non abbiamo partizionato la varianza tra l'errore di misura (varianza associata alla variazione della proporzione dell'area intrappolata tra trappole o variazione nella probabilità di rilevamento) e la varianza tra i singoli alberi all'interno di una specie di albero, tuttavia, questi risultati indicare chiaramente che questo metodo ha adeguate probabilità di rilevamento per evitare che l'errore di misurazione oscuri i risultati a importanti questioni ecologiche o ambientali.

Descriviamo questo metodo come semi-quantitativo perché, sebbene riteniamo che la nostra probabilità di rilevamento sia elevata e fornisca una precisione adeguata per affrontare la maggior parte delle questioni ecologiche, non abbiamo modo di stimare la probabilità di rilevamento. Pertanto, non abbiamo modo di stimare potenziali pregiudizi negativi associati alle nostre stime puntuali. Inoltre, un metodo completamente quantitativo che potrebbe essere utilizzato per stimare l'abbondanza o la densità complessiva, richiede una stima accurata dell'area di campionamento42. A differenza dei metodi di ispezione visiva o di knockdown chimico, l'area di campionamento con trappole a imbuto e con questo metodo è incerto perché non è istantanea, le trappole vengono posizionate sull'albero per un periodo di tempo predeterminato e gli artropodi che svolgono le loro normali attività sono intrappolati quando attraversano la superficie delle trappole appiccicose. Pertanto, la dimensione dell'area intrappolata dipende dal livello di attività degli artropodi. Il livello di attività degli artropodi varia a seconda dell'ora del giorno, della stagione, della specie o dei singoli8. Poiché il livello di attività dell'artropode varia, l'area di campionamento varia in base al livello di attività. Sarà importante per i ricercatori considerare come il livello di attività influenza l'inferenza dai risultati quando si utilizza sia questo che il metodo della trappola a imbuto. Sosteniamo, tuttavia, né metodi che forniscono una stima più accurata dell'area di campionamento perché sono metodi più istantanei né metodi che forniscono una stima meno accurata dell'area di campionamento, ma una migliore rappresentazione della comunità degli artropodi nel tempo è meglio. Al contrario, i due tipi di metodi riguardano domande diverse. I metodi chimici di abbattimento chimico e di ispezione visiva descrivono la comunità durante un momento molto specifico, mentre i metodi di imbuto e trappola appiccicosa descrivono la comunità per un periodo di ore o giorni, a seconda di quanto tempo le trappole vengono lasciate in posizione. Crediamo, tuttavia, quando i ricercatori sono interessati a identificare e descrivere la variazione spaziale e temporale delle comunità di artropodi corticolous che utilizzano la superficie della corteccia in un tempo sostanziale (da giorni a settimane), il metodo qui descritto è l'approccio più conveniente e accurato.

Infine, l'obiettivo primario del nostro studio originale era capire meglio come la mesofcazione delle foreste decidue sud-orientali possa avere un impatto sugli uccelli insettivori e mammiferi delle foreste, quindi abbiamo combinato gli artropodi in gilde43. Non vediamo alcun motivo, tuttavia, perché queste tecniche di cattura non potrebbero essere utilizzate per quantificare gli artropodi a livello di specie o di qualsiasi altro livello tassonomico.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Disclosures

Gli autori non hanno nulla da rivelare.

Acknowledgments

Gli autori desiderano ringraziare il Dipartimento dell'Agricoltura del Servizio Forestale degli Stati Uniti per aver finanziato questo progetto attraverso l'accordo USFS 13-CS-11090800-022. Il supporto per l'EC è stato fornito da NSF-DBI-1263050. L'ECz ha assistito allo sviluppo del concetto di ricerca, ha raccolto tutti i dati sul campo, ha condotto analisi di laboratorio e ha prodotto il manoscritto originale. MWE ha assistito allo sviluppo del concetto di ricerca e alla progettazione dello studio, ha assistito nella regia della raccolta di dati sul campo e nell'analisi di laboratorio, e ha curato pesantemente il manoscritto. KPS ha assistito con la progettazione di studi, diretto il lavoro sul campo e di laboratorio, ha assistito con l'analisi dei dati e ha esaminato il manoscritto.

Materials

Name Company Catalog Number Comments
Straight Draw Bark Shaver, 8" Timber Tuff TMB-08DS
PRO SERIES Bulk Mouse & Insect Glue Boards Catchmaster #60m
Staple gun Stanley TR45D

DOWNLOAD MATERIALS LIST

References

  1. Vitousek, P. M., D'Antonio, C. M., Loope, L. L., Westbrooks, R. Biological invasions as global environmental change. American Scientist. 84, 468-478 (1996).
  2. Pimentel, D., Lach, L., Zuniga, R., Morrison, D. Environmental and Economic Costs of Nonindigenous Species in the United States. BioScience. 50, (1), 53-65 (2000).
  3. Boyd, I. L., Freer-Smith, P. H., Gilligan, C. A., Godfray, H. C. J. The consequence of tree pests and diseases for ecosystem services. Science. 342, 1235773 (2013).
  4. Mercader, R. J., McCullough, D. G., Bedford, J. M. A comparison of girdled ash detection trees and baited artificial traps for Agrilus planipennis (Coleoptera: Buprestidae) detection. Environmental Entomology. 42, 1027-1039 (2013).
  5. Childers, C. C., Ueckermann, E. A. Non-phytoseiid Mesostigmata within citrus orchards in Florida: species distribution, relative and seasonal abundance within trees, associated vines and ground cover plants and additional collection records of mites in citrus orchards. Experimental and Applied Acarology. 65, 331-357 (2015).
  6. Miller, J. D., Lindsay, B. E. Influences on individual initiative to use gypsy moth control in New Hampshire, USA. Environmental Management. 17, 765-772 (1993).
  7. Eisenhauer, N., et al. Soil arthropods beneficially rather than detrimentally impact plant performance in experimental grassland systems of different diversity. Soil Biology & Biochemistry. 42, 1418-1424 (2010).
  8. Moeed, A., Meads, M. J. Invertebrate fauna for four tree species in Orongorongo Valley, New Zealand, as revealed by trunk traps. New Zealand Journal of Ecology. 6, 39-53 (1983).
  9. Sierzega, K., Eichholz, M. W. Understanding the potential biological impacts of modifying disturbance regimes in deciduous forests. Oecologia. 189, 267-277 (2019).
  10. Fritz, Ö Vertical distribution of epiphytic bryophytes and lichens emphasizes the importance of old beeches in conservation. Biodiversity and Conservation. 18, 289-304 (2009).
  11. Ulyshen, M. D. Arthropod vertical stratification in temperate deciduous forests: Implications for conservation-oriented management. Forest Ecology and Management. 261, 1479-1489 (2011).
  12. Swart, R. C., Pryke, J. S., Roets, F. Optimising the sampling of foliage arthropods from scrubland vegetation for biodiversity studies. African Entomology. 25, (1), 164-174 (2017).
  13. Andre, H. M. Associations between corticolous microarthropod communities and epiphytic cover on bark. Holarctic Ecology. 8, 113-119 (1985).
  14. Nicolai, V. The bark of trees: thermal properties, microclimate and fauna. Oecologia. 69, 148-160 (1986).
  15. Beal, F. E. L. Food of the woodpeckers of the United States (No. 37). U.S. Department of Agriculture, Biological Survey. Washington, D.C. (1911).
  16. Williams, J. B., Batzli, G. O. Winter Diet of a Bark-Foraging Guild of Birds. The Wilson Bulletin. 91, 126-131 (1979).
  17. Allison, J. D., Richard, A. R. The Impact of Trap Type and Design Features on Survey and Detection of Bark and Woodboring Beetles and Their Associates: A Review and Meta-Analysis. Annual Review of Entomology. 62, 127-146 (2017).
  18. Hooper, R. G. Arthropod biomass in winter and the age of longleaf pines. Forest Ecology and Management. 82, 115-131 (1996).
  19. Proctor, H. C., et al. Are tree trunks habitats or highways? A comparison of oribatid miteassemblages from hoop-pine bark and litter. Australian Journal of Entomology. 41, 294-299 (2002).
  20. Dietrick, E. J. An improved backpack motor fan for suction sampling of insect populations. Journal of Economic Entomology. 54, 394-395 (1961).
  21. Stewart, A. J. A., Wright, A. F. A new inexpensive suction apparatus for sampling arthropods in grasslands. Ecological Entomology. 20, 98-102 (1995).
  22. Jäntti, A., et al. Prey depletion by the foraging of the Eurasian treecreeper, Certhia familiaris, on tree-trunk arthropods. Oecologia. 128, 488-491 (2001).
  23. Prinzing, A. J. Use of Shifting Microclimatic Mosaics by Arthropods on Exposed Tree Trunks. Annals - Entomological Society of America. 94, 210-218 (2001).
  24. Hébert, C., St-Antoine, L. Oviposition trap to sample eggs of Operophtera bruceata (Lepidoptera: Geometridae) and other wingless geometrid species. Canadian Entomologist. 131, (4), 557-566 (1999).
  25. Hanula, J. L., New, K. C. P. A trap for capturing arthropods crawling up tree boles. Res. Note SRS-3, USDA Forest Service, Southern Research Station. Asheville, NC. (1996).
  26. Lozano, C., Kidd, N. A. C., Jervis, M. A., Campos, M. Effects of parasitoid spatial heterogeneity, sex ratio and mutual interference on the interaction between the olive bark beetle Phloeotribus scarahaeoides (Col., Scolytidae) and the pteromalid parasitoid Cheiropachus quadrum (Hym., Pteromalidae). Journal of Applied Entomology. 121, (9/10), 521-528 (1997).
  27. Kelsey, R. G., Gladwin, J. Attraction of Scolytus unispinosus bark beetles to ethanol in water-stressed Douglas-fir branches. Forest Ecology and Management. 144, 229-238 (2001).
  28. Walter, D. E. Hidden in plain site: Mites in the Canopy. Forest Canopies. Lowman, M., Rinker, H. B. Elsevier Academic Press. Burlington, VT. 224-241 (2004).
  29. Pinzón, J., Spence, J. R. Bark-dwelling spider assemblages (Araneae) in the boreal forest: dominance, diversity, composition and life-histories. Journal of Insect Conservation. 14, 439-458 (2010).
  30. Futuyma, D. J., Gould, F. Associations of plants and insects in deciduous forest. Ecological Monographs. 49, 33-50 (1979).
  31. Marshall, S. Insects: their natural history and diversity: with a photographic guide to insects of eastern North America. Firefly Books. (2006).
  32. Hódar, J. A. The use of regression equations for estimation of arthropod biomass in ecological studies. Acta Oecologia. 17, 421-433 (1996).
  33. Rogers, L. E., Hinds, W. T., Buschbom, R. A general weight vs. length relationship for insects. Annals - Entomological Society of America. 69, 387-389 (1976).
  34. Schoener, T. W. Length-weight regressions in tropical and temperate forest understory insects. Annals - Entomological Society of America. 73, 106-109 (1980).
  35. Hanula, J. L., Franzreb, K. Source, distribution and abundance of macroarthropods on the bark of longleaf pine: potential prey of the red-cockaded woodpecker. Forest Ecology and Management. 102, 89-102 (1998).
  36. Collins, C. S., Conner, R. N., Saenz, D. Influence of hardwood midstroy and pine species on pine bole arthropods. Forest Ecology and Management. 164, 211-220 (2002).
  37. Collins, C. W., Hood, C. E. Gypsy moth tree banding material: How to make, use, and apply it. Bulletin 899 of the United States Department of Agriculture. Washington, D.C. (1920).
  38. King, R. S., Wrubleski, D. A. Spatial and diel availability of flying insects as potential duckling food in prairie wetlands. Wetlands. 18, 100-114 (1998).
  39. Atakan, E., Canhilal, R. Evaluation of Yellow Sticky Traps at Various Heights for Monitoring Cotton Insect Pests. Journal of Agricultural and Urban Entomology. 21, 15-24 (2004).
  40. Dial, R., Roughgarden, J. Experimental Removal of Insectivores from Rain Forest Canopy: Direct and Indirect Effects. Ecology. 76, 1821-1834 (1995).
  41. Speight, M. R. Sampling insects from trees: shoots, stems, and trunks. Insect sampling for forest ecosystems. Leather, S. R., Lawton, J. H., Likens, G. E. Blackwell Publishing. Malden, MA. 77-115 (2005).
  42. Southwood, T. R. E., Henderson, P. A. Ecological methods. John Wiley & Sons. Hoboken, NJ. (2009).
  43. Sierzega, K., Eichholz, M. W. Understanding the potential biological impacts of modifying disturbance regimes in deciduous forests. Oecologia. 189, 267-277 (2019).
Quantificare gli artropodi di Corticolous usando trappole appiccicose
Play Video
PDF DOI DOWNLOAD MATERIALS LIST

Cite this Article

Eichholz, M. W., Zarri, E. C., Sierzega, K. P. Quantifying Corticolous Arthropods Using Sticky Traps. J. Vis. Exp. (155), e60320, doi:10.3791/60320 (2020).More

Eichholz, M. W., Zarri, E. C., Sierzega, K. P. Quantifying Corticolous Arthropods Using Sticky Traps. J. Vis. Exp. (155), e60320, doi:10.3791/60320 (2020).

Less
Copy Citation Download Citation Reprints and Permissions
View Video

Get cutting-edge science videos from JoVE sent straight to your inbox every month.

Waiting X
simple hit counter