Login processing...

Trial ends in Request Full Access Tell Your Colleague About Jove
Click here for the English version

Neuroscience

Misurazione subliminale post-film (PMSM), per indagare implicito Sociale Bias

doi: 10.3791/60817 Published: February 29, 2020

Summary

Questo protocollo descrive l'uso dei filmati per studiare i meccanismi cerebrali alla base delle distorsioni sociali implicite durante l'imaging di risonanza magnetica funzionale. Quando il volto di un protagonista viene presentato dopo un film subliminalmente, evoca una risposta implicita basata sulla conoscenza del protagonista acquisita durante il film.

Abstract

Nuove conoscenze vengono continuamente acquisite da un ambiente sociale che può influenzare il modo in cui le persone reagiscono l'una all'altra. Tali risposte spesso si verificano implicitamente, a livello percettivo subliminale, e i meccanismi cerebrali correlati possono essere isolati sperimentalmente presentando rapidamente gli stimoli. La presentazione subliminale di volti che appartengono a diversi gruppi di etnia, razze o genere ha dimostrato di avere successo nello studio delle risposte implicite sociali. Tuttavia, molte risposte implicite si basano sulle conoscenze acquisite in precedenza sui volti (ad esempio, orientamento sessuale, opinioni politiche e status socioeconomico) e non solo sull'aspetto fisico. Qui viene presentato un nuovo metodo chiamato misurazione subliminale post-film (PMSM). Quando si guarda un film socialmente coinvolgente, uno spettatore acquisisce conoscenza del protagonista e acquisisce familiarità con la sua identità e le sue visioni del mondo. Quando il volto del protagonista viene presentato subliminalmente dopo il film, evoca una risposta neurale implicita a seconda di ciò che si impara sul protagonista. Con un vasto numero di film disponibili, ognuno raffigurante una varietà di persone con identità diverse, il metodo PMSM consente di sforare i complessi pregiudizi impliciti del cervello in un modo che assomiglia a percezioni sociali della vita reale.

Introduction

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Recenti studi dimostrano che il giudizio sociale iniziale diventa formulato entro i primi 32-100 ms di incontrare un'altra persona1,2,3,4,5,6,7. La presentazione subliminale dei volti è stata ampiamente utilizzata per indagare i pregiudizi impliciti verso diversi gruppi etnici e razziali (ad esempio, presentando volti caucasici americani e afroamericani che differiscono nel colore della pelle ai soggetti di entrambi i gruppi)8,9,10,11,12,13,14. Tuttavia, i gruppi sociali sono anche caratterizzati da fattori diversi dalle caratteristiche facciali fisiche15.

La percezione del viso ha dimostrato di essere altamente sensibile ai segnali contestuali (cioè, la postura del corpo16, direzione occhio-sguardo del viso17, una conoscenza a priori sul viso18, sfondo visivo del volto presentato19, presentazione del viso separatamente o con altre facce20). Questi fattori possono tutti influenzare la percezione del viso. Weiser e Brosch21, nella loro vasta recensione, hanno suggerito di studiare la percezione facciale in ambienti più naturalistici assicurando che l'esperimento di laboratorio sia simile agli ambienti della vita reale. Infatti, anche compiti semplici, come riconoscere le persone, hanno dimostrato di essere più precisi quando presentati con filmati video più vicini alla percezione della vita reale rispetto a quando si utilizzano immagini statiche22.

Nel corso degli ultimi decenni, gli studi di imaging cerebrale hanno dimostrato che i videoclip possono essere utilizzati con successo per studiare la percezione sociale realistica23,24,25,26,27,28,29. Il metodo presentato si basa sui risultati di questi studi e ulteriori scoperte che dimostrano che le narrazioni cinematografiche possono trasportare temporaneamente gli spettatori nel mondo di unprotagonista 30. Il protocollo combina la visione dei film con la presentazione dello stimolo subliminale come metodo alternativo per studiare la formazione implicita di bias sociale in condizioni naturalistiche.

Il protocollo per questo nuovo approccio, la misurazione subliminale post-film (PMSM), è presentato qui. Quando si guarda un film socialmente coinvolgente, lo spettatore acquisisce conoscenza del protagonista e acquisisce familiarità con la sua identità e le sue visioni del mondo. In contrasto con altre forme d'arte narrativa, i film sono unici in quanto presentano una storia avvincente, ricca e complessa in un breve periodo di tempo. Inoltre, le proprietà audiovisive e cinematografiche dei film sincronizzano l'attività cerebrale tra gli spettatori23,25,29,31. Pertanto, è utile garantire che i soggetti siano presentati con le informazioni in modo notevolmente simile.

Il metodo PMSM mostra che quando il volto di un protagonista viene presentato subliminalmente dopo il film (vs. prima), le risposte neurali implicite vengono evocate con successo. Queste risposte dipendono dalla consapevolezza che lo spettatore guadagna sul personaggio del protagonista rispetto alle sue opinioni sociali implicite. Poiché vi è un vasto numero di film disponibili che raffigurano una varietà di personaggi sociali, il metodo PMSM consente di sforare le complesse viste implicite del cervello in un modo che è vicino alle percezioni sociali della vita reale.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Protocol

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Il protocollo è stato approvato dal Comitato Etico della Ricerca dell'Università di Aalto.

1. Screening e preparazione dei partecipanti

  1. Abbina i diversi gruppi di partecipanti reclutati (qui, gruppi eterosessuali e omosessuali) in base all'età, alla manualità e al livello di istruzione. Assicurati che tutti i partecipanti possano comprendere appieno la lingua del film e sentirsi a proprio agio a guardarlo senza sottotitoli. In alternativa, prendi in considerazione la proiezione di un film nella lingua madre dei partecipanti.
    1. Escludere i partecipanti che hanno visto il film previsto negli ultimi due anni, in quanto ciò può influire sulle misurazioni di base. Idealmente, reclutare i partecipanti che non hanno visto il film in precedenza. Fai questo chiedendo ai partecipanti di indicare, da un elenco di titoli di film (compreso il nome della mossa da utilizzare in aggiunta ad altri 20 titoli di film), quali film hanno visto negli ultimi due anni.
  2. Seguire le linee guida etiche dell'istituzione specifica per esperimenti non medici con partecipanti sani senza farmaci psichiatrici e senza diagnosi di malattia neurologica corrente. Recluta partecipanti con una visione normale o corretta per la scansione fMRI. Recluta non fumatori e persone che si sentirono a proprio agio nel non muoversi per tutta la durata dell'esperimento per evitare la corruzione dei dati fMRI a causa di un inutile movimento della testa.
  3. Eseguire la scansione di tutti i partecipanti in un'ora simile della giornata, preferibilmente mattina o sera presto (dalle 9:00 alle 17:00), senza consumare eccessivamente caffè o cibo direttamente prima della scansione.
  4. Eseguire il reclutamento cieco per assicurare che le risposte dei partecipanti siano autentiche e non regolate emotivamente. Non informare i partecipanti dello scopo dell'esperimento (ad esempio, studiando pregiudizi impliciti tra soggetti omosessuali ed eterosessuali). Ad esempio, spiega ai partecipanti che l'esperimento riguarda la visione di film e che il vero obiettivo dello studio verrà spiegato solo dopo l'esperimento. Escludere i partecipanti che conoscono in anticipo lo scopo dello studio.
  5. Eseguire una misurazione comportamentale, ad esempio l'attività Di associazione implicita IAT32 per assicurare che i gruppi sperimentali abbiano distorsioni implicite. Utilizzare la misura per garantire che i gruppi mostrino distorsioni, poiché i punti di forza dei pregiudizi impliciti differiscono. Utilizzare IAT dopo la scansione per impedire ai partecipanti di indovinare l'obiettivo dell'esperimento.

2. Procedura al di fuori della risonanza magnetica

  1. All'arrivo, brevi partecipanti con fasi dell'esperimento, rischi e uso dei loro dati dell'esperimento. Concludere il briefing chiedendo se hanno domande riguardanti l'esperimento e che in seguito saranno fornite ulteriori spiegazioni. Chiedi ai partecipanti di leggere il briefing dell'esperimento e di firmare il modulo di consenso.
  2. Chiedere ai partecipanti di rimuovere tutti gli oggetti metallici dai loro vestiti o (preferibilmente) passare a un panno da laboratorio senza metallo per garantire un accesso sicuro al magnete fMRI. Eseguire la scansione dei partecipanti utilizzando un dispositivo di rilevamento dei metalli per assicurarsi che non sia stato lasciato alcun metallo (ad esempio, orologio, cintura, ecc.). Le controindicazioni standard alla risonanza magnetica devono essere rispettate33.
  3. Chiedere ai partecipanti di entrare nel laboratorio fMRI per la configurazione del video proiettore e del sistema audio. Istruire i partecipanti a sdraiarsi sul letto fMRI. Riprodurre un video di esempio per assicurarsi che l'immagine sia facilmente visibile e che il livello audio sia comodo e chiaro. In caso di reclami, è necessario apportare adeguamenti di conseguenza. Assicurarsi che le cuffie presentino correttamente il suono.
  4. Collegare il sistema di tracciamento oculare compatibile con fMRI. Il monitoraggio viene utilizzato per garantire che i soggetti siano attenti durante l'esperimento e non si addormentino o si aorrivano ad occhi aperti durante la scansione. L'eye-tracking è solo per la garanzia della qualità dei dati. Una volta fissato il tracciamento, avviare il processo di calibrazione per iniziare la registrazione dei movimenti oculari.
  5. Informare i soggetti che l'esperimento sta per iniziare e che il tempo di scansione richiederà 30 minuti per essere completato. Istruire i partecipanti a 1) rilassarsi come se stessero guardando un programma TV a casa loro e 2) seguire le diapositive di istruzioni che li guiderà attraverso i diversi passaggi durante la scansione. Avviare la scansione fMRI.
  6. Una volta effettuata la scansione, spostare i partecipanti in una stanza diversa, in cui verranno raccolte ulteriori misurazioni comportamentali (cioè quanto hanno identificato con il personaggio in diverse parti del film, misurazioni IAT per valutare implicitamente pregiudizi).
  7. Una volta raccolti tutti i dati, interrogare i partecipanti sul vero obiettivo dell'esperimento e rispondere a eventuali domande aggiuntive.

3. Procedura all'interno della risonanza magnetica

NOTA: Durante la sessione fMRI, ai partecipanti viene presentato un contenuto audiovisivo di 30 minuti, che include diapositive di istruzioni, misurazione subliminale pre-filmato di 4 minuti (per la linea di base), un film da 20 minuti, una misurazione subliminale post-filmatrice di 4 minuti e diapositive conclusive . In questa sezione, seguire il protocollo per acquisire familiarità con i passaggi necessari per creare diverse parti degli stimoli e l'ordine di presentazione. Poiché il flash del viso durante la parte subliminale ha una durata di 40 ms (una durata di un fotogramma video), è possibile utilizzare un programma di editing video pronto all'uso (ad esempio, il software di composizione multimediale AVID o il software di editing Adobe Premiere Pro) per stimoli subliminali e modificare il filmato, se necessario. Quando si presentano gli stimoli nell'ordine corretto utilizzando la temporizzazione bloccata, utilizzare un software compatibile con la presentazione di stimoli fMRI (ad esempio, software di presentazione, Neurobehavioral Systems Inc., Albany, California, USA).

  1. I 4 periodi di misurazione subliminale (linea di base e post-filmato) sono identici. Non informare i partecipanti della loro natura o scopo in questa fase e presentarli durante l'inizio della scansione con la seguente diapositiva di istruzioni:
    "Presto vedrete una clip di calibrazione. Questa clip è pensata per calibrare lo scanner MRI per le vostre risposte. La clip è lunga solo quattro min e sembrerà rumore bianco su uno schermo TV. Si prega di tenere gli occhi fissati al segno al centro dello schermo fino a quando non viene notificato altrimenti".
    NOTA: Il periodo di 4 min stimoli contiene rumore bianco, virtualmente diviso in 16 blocchi da 15 s ciascuno. I 16 blocchi di rumore bianco contengono due tipi di blocchi: un blocco di riposo (naso bianco senza lampi subliminali) seguito da un blocco di condizione (rumore bianco con lampi della faccia protagonista). Vedere Figura 1 per un'illustrazione della struttura di stimolo.
  2. Per creare gli stimoli subliminali da 4 min, iniziate con una clip di disturbo bianco di 15 s. Il rumore bianco serve come stimolo mascherante per il viso che viene lampeggiato. Dal momento che il cervello è sensibile alla presentazione del viso, è importante utilizzare una buona mascheratura, anche se il viso è presentato subliminalmente. Pertanto, utilizzate una clip di disturbo bianco dinamica con grandi distorsioni e movimenti nella differenza di un disturbo bianco omogeneo (ad esempio, con piccoli punti bianchi e neri casuali).
    1. Creare il blocco condizione 15 s inserendo i 10 lampi del volto del protagonista nel rumore bianco dinamico. I flash subliminali devono essere presenti in durate di 40 ms, a partire dall'insorgenza del blocco di condizione inserito ogni 1.500 ms.
    2. Il volto del protagonista dovrebbe essere rivolto verso la fotocamera con l'espressione del volto neutro. Se possibile, prendi un fotogramma dal film (un primo piano del personaggio nel film) o cerca un'immagine dell'attore / attrice da internet. Assicurarsi che l'attore /attrice appaia simile al suo aspetto nel film (ad esempio, non vi sono differenze significative in caratteristiche come capelli o barba o accessori). Assicurati che il viso abbia un'espressione facciale neutra ed è chiara e ben illuminata.
    3. Regolare l'immagine centrandola al centro dello schermo. Evitare di utilizzare un'immagine con una faccia di piccole dimensioni e con una risoluzione errata. Assicurarsi che non siano presenti oggetti salienti sullo sfondo del viso, ad esempio altre persone, testo o elementi visivi identificabili. Se ci sono, ritagliali o mascherali per creare un'immagine neutra. Capovolgere l'immagine da colore a bianco e nero prima di inserirla.
    4. Una volta che il blocco di riposo del rumore bianco e il blocco di condizione (con i flash faccia) sono pronti, duplicarli per creare gli stimoli subliminali 4 min, ordinando i blocchi uno dopo l'altro a partire dal blocco di riposo. Entro la fine del processo, si dovrebbe avere 4 min contenente 16 blocchi ciascuno di 15 s (otto blocchi di riposo e otto blocchi di condizione).
    5. Aggiungere un segno di fissaggio al centro dello schermo della misurazione subliminale di 4 min. Assicurarsi che sia facilmente evidente. Aggiungere un contrassegno di fissaggio di 2 s prima della clip di 4 minuti per rendere più facile per i partecipanti trovare e avviare l'attività.
  3. Alla fine della linea di base (la misura subliminale pre-filmato di 4 min), inserisci una diapositiva di testo che indica l'inizio del filmato, la lunghezza del film e il promemoria per essere rilassato e guardare liberamente il film. Per esempio:
    "Grazie. La calibrazione è stata eseguita con successo! Ora stai per guardare un film di 20 minuti. Cercate di rilassarvi e di godervi la storia."
  4. Scegli un film emotivo, coinvolgente e basato sui personaggi (cioè, ha un chiaro protagonista con un forte conflitto). Per esempio, un precedente esperimento riguardante il bias sociale è stato condotto su soggetti omosessuali ed eterosessuali acui è stato presentato un film su un prete omosessuale. La storia riguardava un sacerdote che lotta tra il suo desiderio di servire le sue credenze come sacerdote cattolico e il suo desiderio di essere amato da un altro uomo.
    NOTA: Il film può essere documentario o finzione. Può essere un cortometraggio o un episodio autonomo di una serie TV. È importante che il film abbia una storia chiara con un inizio, un centro e una fine che possano essere facilmente compresi e seguiti. È anche possibile modificare una versione più corta da una pellicola più lunga. Ad esempio, il nostro stimolo dall'esperimento omosessuale/eterosessuale è stato una storia di 20 min editata da un regista professionista (il primo autore) da un film più lungo intitolato Priest (diretto da Antonia Bird, 1994). Più rilevante è per il gruppo di soggetti un film, più coinvolgente sarà la visualizzazione.
  5. Dopo il filmato, la misura subliminale di 4 minuti per PMSM deve essere ripetuta per osservare come le risposte neurali implicite al volto del protagonista sono di parte dopo aver guardato il film (vs. prima). Per indicarlo, inserire la seguente diapositiva:
    "Grazie! Abbiamo quasi finito. Prima di terminare la misurazione, dobbiamo ricalibrare il nostro dispositivo di risonanza magnetica alla vostra risposta. La clip dura solo quattro minuti e sembrerà rumore bianco su uno schermo TV. Si prega di tenere gli occhi fissi al segno al centro dello schermo fino a quando non viene notificato altrimenti"
  6. Infine, presentare il PMSM 4 min (gli stessi 4 min utilizzati per eseguire la misurazione della linea di base pre-film).

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Representative Results

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Sono presentati alcuni risultati utilizzando PMSM dall'articolo pubblicato da Afdile et al.34. Qui, il pregiudizio implicito è stato indagato tra soggetti omosessuali ed eterosessuali (15 eterosessuali, 14 omosessuali) verso il protagonista dopo essersi reso conto di essere omosessuale nel film, rendendolo un "ingruppo" per i partecipanti omosessuali e "outgroup" ai partecipanti eterosessuali. In linea con i nostri risultati IAT, questo fattore è stato dimostrato di essere significativo in entrambi i gruppi, in cui i soggetti eterosessuali erano impliciti a favore degli omosessuali rispetto agli omosessuali (media eterosessuali - -0,26, omosessuali medi - 0,3, t - 3,72, p < 0,01). Entrambi i gruppi erano significativamente diversi da zero (omosessuale: p - 0,0059, eterosessuale: p - 0,043).

I nostri risultati hanno rivelato differenze significativamente più grandi nell'omosessuale vs. soggetti eterosessuali in risposta al volto post-film nel giro frontale superiore bilaterale (sFG), giunzione parietale temporale destra (rTPJ), corteccia cingolata anteriore (ACC), polo frontale bilaterale (FP) e corteccia prefrontale mediale (mPFC). La figura 2 illustra i risultati rappresentativi "forti" e "deboli" dopo l'esecuzione del PMSM nei partecipanti finlandesi omosessuali ed eterosessuali.

Figure 1
Figura 1: Illustrazione della struttura di stimolo PMSM. (A) Misura di base di 4 min (misurazione subliminale pre-filmato) con lampi del volto del protagonista. (B) 20 min film raffigurante la storia del protagonista. (C) 4 min misurazione subliminale post-film [replica di (A)]. (D) Illustrazione di una clip di 1 min dalla misura subliminale di 4 min costituita da quattro blocchi (riposo, condizione, riposo, condizione). Il resto dei blocchi sono 15 s di rumore bianco dinamico. Il blocco di condizione contiene 10 lampi della faccia protagonista per una durata di 40 ms con intervalli di 1.500 ms di rumore bianco. Questa cifra è stata modificata da Afdile et al.34. Fare clic qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 2
Figura 2: Risultati rappresentativi. BOLD segnala in risposta alla presentazione subliminale del volto del protagonista omosessuale dopo aver visto il film. Lato sinistro: rappresentazione di forti risultati da omosessuali vs. eterosessuale (p < 0.01, cluster corretto). Lato destro: eterosessuale contro omosessuale, risultati significativi ma deboli che non sono sopravvissuti alla correzione (p < 0.05, non corretti). Questa cifra è stata modificata da Afdile et al.34. Fare clic qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Discussion

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Questo articolo descrive il nuovo metodo per studiare il cervello implicito utilizzando una misura subliminale post-film chiamata PMSM. In uno studio recentemente pubblicato, questo metodo ha dimostrato che 1) la risposta cerebrale implicita è dinamica e 2) c'è un apprendimento continuo dall'ambiente sociale, nonché la formulazione del giudizio basata su conoscenze contestuali (e non esclusivamente basate sul viso caratteristiche). Pertanto, il metodo PMSM proposto può fornire un'alternativa al metodo classico quando si analizza la distorsione implicita (ad esempio, quando si presentano facce appartenenti a gruppi etnici, di genere o di razza diversi). Il PMSM avvicina l'ambientazione sperimentale alla percezione sociale della vita reale, in cui i risultati si basano su una visione naturalistica.

Il protocollo presentato utilizza tecniche fMRI; tuttavia, è anche possibile condurre PMSM utilizzando altre misure di neuroimaging, tra cui l'elettroencefalografia (EEG) o la magnetoencefalografia (MEG). Il progetto sperimentale qui presentato è per un confronto di due gruppi; Tuttavia, non esistono limitazioni quando si utilizza PMSM per più gruppi o all'interno di confronti di gruppo. Inoltre, potrebbe essere possibile estendere PMSM a misurare la risposta implicita a più di una faccia (cioè sia il protagonista che l'antagonista in un film). Questo può far luce ulteriormente sul gruppo dell'argomento indagato (cioè misurare la risposta implicita a due personaggi che portano opinioni del mondo opposte in un film).

I ricercatori interessati a studiare altri aspetti della percezione sociale e le loro interazioni con la memoria e i pregiudizi, come l'attenzione e le emozioni in condizioni naturalistiche, possono sfruttare i dati fMRI raccolti durante il PMSM per eseguire varie analisi (ad esempio, correlazione tra soggetti, connettività funzionale e analisi basate su modelli dell'attività suscitata da vari eventi nel film). Tuttavia, è importante avere un'ipotesi per iniziare in quanto questo può aiutare a raccogliere dati di comportamento aggiuntivi durante l'esperimento che può essere molto utile nell'interpretazione dei risultati.

Inoltre, modificando i video presentati in PMSM dovrebbe essere possibile studiare vari aspetti della formazione dell'atteggiamento nei confronti dei membri del gruppo in/out (ad esempio, manipolare la conversazione tra ingroup e un carattere fuori gruppo per valutare come le opinioni intergruppo e le opinioni del mondo dei membri del gruppo in/out sono percepite). Un altro vantaggio del PMSM è la sua fattibilità per misurare la distorsione implicita verso gruppi che sono difficili da distinguere in base all'aspetto. Ad esempio, mostrando video di interazioni tra nativi e nuovi arrivati, il PMSM può misurare la propensione implicita verso i nuovi arrivati. Afdile et al. fornisce ulteriori letture per quanto riguarda la limitazione del metodo implicito e priming passato rispetto a PMSM34.

Nel riconoscimento delle limitazioni di PMSM, i risultati rappresentativi mostrano che il pregiudizio implicito potrebbe non essere simmetrico tra i gruppi (ad esempio, tra i gruppi sociali non in conflitto nel pregiudizio del gruppo potrebbe essere una risposta più forte rispetto a un pregiudizio di gruppo). Questo si riflette nei nostri risultati rappresentativi, in cui 14 soggetti omosessuali hanno mostrato una risposta implicita ingruppo robusta al volto del protagonista omosessuale. Al contrario, i risultati dei 15 soggetti eterosessuali non erano abbastanza forti per sopravvivere alla correzione.

Anche se questa non è puramente una limitazione PMSM, ed è possibile che l'utilizzo di altri metodi di neuroimaging possa aver mostrato risultati più forti in entrambi i gruppi, si consiglia di utilizzare un maggior numero di partecipanti quando si conduce PMSM con fMRI. Inoltre, una limitazione in PMSM può essere trovata nel numero di volti che possono essere testati, come i film portano un numero finito di personaggi significativi all'interno della storia, soprattutto nei cortometraggi. Anche se il PMSM può essere più vicino alla percezione sociale realistica, occorre prestare attenzione nell'interpretare i risultati e trarre conclusioni generalizzate (rispetto a paradigmi di attività più semplificati che hanno compiti ripetuti con un numero elevato di condizioni). PMSM deve essere scelto per i casi in cui si adatta meglio al test dell'ipotesi.

Un passaggio critico nel metodo PMSM è la scelta del filmato. Ci sono differenze inter-individuali nel livello di quanto facilmente le persone si identificano con i personaggi e si immergeno o vengono trasportate nel mondo della storia35,36. Tuttavia, ci sono diversi approcci che possono superare questa sfida. Ad esempio, i film che hanno avuto successo commerciale tendono ad essere altamente strutturati (attraverso lo stile di editing coeso) e hanno una logica interna semplice e coerente da seguire, che sono due fattori importanti che aumentano il coinvolgimento dello spettatore37,38.

Inoltre, documentari o film che raffigurano argomenti rilevanti per lo spettatore possono aumentare ulteriormente la trasportabilità (vedi Verde)39. Un'altra strategia è scegliere un film di un genere che i soggetti sperimentali potranno godere guardando40. La scelta di successo di un film può aumentare l'efficienza del PMSM e anche fornire dati aggiuntivi per coloro che sono interessati a imparare come il cervello implicito formula il suo giudizio analizzando l'attività cerebrale durante la visualizzazione del film.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Disclosures

Gli autori non hanno nulla da rivelare.

Acknowledgments

Questo lavoro è stato sostenuto dall'Accademia di Finlandia, numeri di sovvenzione [259952, 276643]. Ringraziamo Mikko Sams per la supervisione e Enrico Glerean, Jussi Alho, Anna 'imàl per aver contribuito con i dati, Johan West per aver contribuito con la visualizzazione, così come Marita Kattelus e Toni Auranen dal Centro di Imaging Magnetico (AMI), Aalto NeuroImaging, Università di Aalto, Espoo, Finlandia per il loro aiuto e supporto.

Materials

Name Company Catalog Number Comments
3T Siemens MAGNETOM Skyra Siemens Healthcare, Erlangen, Germany MRI device, using a standard 20-channel receiving head-neck coil
Avid Media Composer https://www.avid.com/media-composer Video editing software used to create the stimuli.
EAR-tip Etymotic Research, ER3, IL, USA Earplugs compatible for MRI
FSL software https://www.win.ox.ac.uk/, version 5.0.9 Software used to analyse the data.
Panasonic PT-DZ110X projector Panasonic Corporation, Osaka, Japan The stimuli were back-projected on a semitransparent screen
Presentation software Neurobehavioral Systems Inc., Albany, California, USA Software used to present stimuli during the fMRI scan
Sensimetrics S14 insert earphones Sensimetrics Corporation, Malden, Massachusetts, USA Auditory stimulation was delivered through Sensimetrics S14 insert earphones

DOWNLOAD MATERIALS LIST

References

  1. Bar, M., Neta, M., Linz, H. Very first impressions. Emotion. 6, (2), 269-278 (2006).
  2. Ballew, C. C., Todorov, A. Predicting political elections from rapid and unreflective face judgments. Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America. 104, (46), 17948-17953 (2007).
  3. Porter, S., England, L., Juodis, M., ten Brinke, L., Wilson, K. Is the face a window to the soul? Investigation of the accuracy of intuitive judgments of the trustworthiness of human faces. Canadian Journal of Behavioural Science. 40, (3), 171-177 (2008).
  4. Borkenau, P., Brecke, S., Möttig, C., Paelecke, M. Extraversion is accurately perceived after a 50-ms exposure to a face. Journal of Research in Personality. 43, (4), 703-706 (2009).
  5. Rule, N. O., Ambady, N. She's Got the Look: Inferences from Female Chief Executive Officers' Faces Predict their Success. Sex Roles. 61, (9-10), 644-652 (2009).
  6. Todorov, A., Pakrashi, M., Oosterhof, N. N. Evaluating Faces on Trustworthiness After Minimal Time Exposure. Social Cognition. 27, (6), 813-833 (2009).
  7. Todorov, A., Loehr, V., Oosterhof, N. N. The Obligatory Nature of Holistic Processing of Faces in Social Judgments. Perception. 39, (4), 514-532 (2010).
  8. Hart, A. J., et al. Differential response in the human amygdala to racial outgroup vs ingroup face stimuli. Neuroreport. 11, (11), 2351-2355 (2000).
  9. Phelps, E. A., et al. Performance on Indirect Measures of Race Evaluation Predicts Amygdala Activation. Journal of Cognitive Neuroscience. 12, (5), 729-738 (2000).
  10. Cunningham, W. A., et al. Separable Neural Components in the Processing of Black and White Faces. Psychological Science. 15, (12), 806-813 (2004).
  11. Avenanti, A., Sirigu, A., Aglioti, S. M. Racial Bias Reduces Empathic Sensorimotor Resonance with Other-Race Pain. Current Biology. 20, (11), 1018-1022 (2010).
  12. Kubota, J. T., Banaji, M. R., Phelps, E. A. The neuroscience of race. Nature Neuroscience. 15, (7), 940-948 (2012).
  13. Freeman, J. B., Johnson, K. L. More Than Meets the Eye: Split-S Social Perception. Trends in Cognitive Sciences. 20, (5), 362-374 (2016).
  14. Bagnis, A., Celeghin, A., Mosso, C. O., Tamietto, M. Toward an integrative science of social vision in intergroup bias. Neuroscience and Biobehavioral Reviews. 102, 318-326 (2019).
  15. Brown, R., Hewstone, M. An integrative theory of intergroup contact. The Social Psychology of Intergroup Relations. 255-343 (2005).
  16. Meeren, H. K. M., van Heijnsbergen, C. C. R. J., de Gelder, B. Rapid perceptual integration of facial expression and emotional body language. Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America. 102, (45), 16518-16523 (2005).
  17. Ewbank, M. P., Fox, E., Calder, A. J. The interaction between gaze and facial expression in the amygdala and extended amygdala is modulated by anxiety. Frontiers in Human Neuroscience. 4, 56 (2010).
  18. Schwarz, K. A., Wieser, M. J., Gerdes, A. B. M., Mühlberger, A., Pauli, P. Why are you looking like that? How the context influences evaluation and processing of human faces. Social Cognitive and Affective Neuroscience. 8, (4), 438-445 (2013).
  19. Righart, R., de Gelder, B. Recognition of facial expressions is influenced by emotional scene gist. Cognitive, Affective, and Behavioral Neuroscience. 8, (3), 264-272 (2008).
  20. Mumenthaler, C., Sander, D. Social appraisal influences recognition of emotions. Journal of Personality and Social Psychology. 102, (6), 1118-1135 (2012).
  21. Wieser, M. J., Brosch, T. Faces in context: A review and systematization of contextual influences on affective face processing. Frontiers in Psychology. 3, (2012).
  22. O'Toole, A. J., et al. Recognizing people from dynamic and static faces and bodies: Dissecting identity with a fusion approach. Vision Research. 51, (1), 74-83 (2011).
  23. Hasson, U. Intersubject Synchronization of Cortical Activity During Natural Vision. Science. 303, (5664), 1634-1640 (2004).
  24. Malinen, S., Hlushchuk, Y., Hari, R. Towards natural stimulation in fMRI-Issues of data analysis. NeuroImage. 35, (1), 131-139 (2007).
  25. Jääskeläinen, I. P., et al. Inter-Subject Synchronization of Prefrontal Cortex Hemodynamic Activity During Natural Viewing. The Open Neuroimaging Journal. 2, (1), 14-19 (2008).
  26. Wilson, S. M., Molnar-Szakacs, I., Iacoboni, M. Beyond superior temporal cortex: Intersubject correlations in narrative speech comprehension. Cerebral Cortex. 18, (1), 230-242 (2008).
  27. Lahnakoski, J. M., et al. Synchronous brain activity across individuals underlies shared psychological perspectives. NeuroImage. 100, 316-324 (2014).
  28. Saarimäki, H., et al. Discrete Neural Signatures of Basic Emotions. Cerebral Cortex. 26, (6), 2563-2573 (2016).
  29. Bacha-Trams, M., et al. Differential inter-subject correlation of brain activity when kinship is a variable in moral dilemma. Scientific Reports. 7, (1), 14244 (2017).
  30. Hall, A. E., Bracken, C. C. I really liked that movie. Journal of Media Psychology. 23, (2), 90-99 (2011).
  31. Hasson, U., Landesman, O., Knappmeyer, B., Vallines, I., Rubin, N., Heeger, D. J. Neurocinematics: The Neuroscience of Film. Projections. 2, (1), 1-26 (2008).
  32. Greenwald, A. G., McGhee, D. E., Schwartz, J. L. K. Measuring individual differences in implicit cognition: The implicit association test. Journal of Personality and Social Psychology. 74, (6), 1464-1480 (1998).
  33. MHRA Safety guidelines for MRI equipment in clinical use. 3, 104 (2007).
  34. Afdile, M., et al. Contextual knowledge provided by a movie biases implicit perception of the protagonist. Social Cognitive and Affective Neuroscience. 14, (5), 519-527 (2019).
  35. Dal Cin, S., Zanna, M. P., Fong, G. T. Narrative persuasion and overcoming resistance BT - Resistance to persuasion. Resistance to persuasion. Knowles, E. S., Linn, J. A. Lawrence Erlbaum Associates, Publishers. 175-191 (2004).
  36. Wheeler, S. C., Green, M. C., Brock, T. C. Fictional narratives change beliefs: Replications of Prentice, Gerrig, and Bailis (1997) with mixed corroboration. Psychonomic Bulletin and Review. 6, (1), 136-141 (1999).
  37. Green, M. C., Brock, T. C. The role of transportation in the persuasiveness of public narratives. Journal of Personality and Social Psychology. 79, (5), 701-721 (2000).
  38. Wang, J., Calder, B. J. Media Transportation and Advertising. Journal of Consumer Research. 33, (2), 151-162 (2006).
  39. Green, M. C. Transportation Into Narrative Worlds: The Role of Prior Knowledge and Perceived Realism. Discourse Processes. 38, (2), 247-266 (2004).
  40. Schulenberg, S. E. Psychotherapy and Movies: On Using Films in Clinical Practice. Journal of Contemporary Psychotherapy. 33, (1), 35-48 (2003).
Misurazione subliminale post-film (PMSM), per indagare implicito Sociale Bias
Play Video
PDF DOI DOWNLOAD MATERIALS LIST

Cite this Article

Afdile, M., Jääskeläinen, I. P. Post-Movie Subliminal Measurement (PMSM), for Investigating Implicit Social Bias. J. Vis. Exp. (156), e60817, doi:10.3791/60817 (2020).More

Afdile, M., Jääskeläinen, I. P. Post-Movie Subliminal Measurement (PMSM), for Investigating Implicit Social Bias. J. Vis. Exp. (156), e60817, doi:10.3791/60817 (2020).

Less
Copy Citation Download Citation Reprints and Permissions
View Video

Get cutting-edge science videos from JoVE sent straight to your inbox every month.

Waiting X
simple hit counter