Waiting
Login processing...

Trial ends in Request Full Access Tell Your Colleague About Jove
JoVE Science Education
Developmental Psychology

A subscription to JoVE is required to view this content.
You will only be able to see the first 20 seconds.

 
Click here for the English version

Il test Rouge: alla ricerca di un senso di sé

Overview

Fonte: Laboratori di Nicholaus Noles e Judith Danovitch—Università di Louisville

Gli esseri umani sono diversi dagli altri animali in molti modi, ma una delle abilità che distingue gli umani è la loro capacità avanzata di comprendere le altre persone e simulare i loro pensieri e sentimenti, anche quando i pensieri e i sentimenti non si allineano con i propri. In termini scientifici, queste abilità sono indicate come teoria della mente, e questa comprensione è necessaria per attività come fare complimenti, lavorare in gruppo, chiedere favori e dire bugie bianche.

Gli esseri umani non nascono con una teoria mentale completamente sviluppata. La comprensione di un individuo che sono separati dalle altre persone e che hanno desideri e conoscenze diversi richiede un senso di sé stabilito. Pertanto, lo sviluppo dell'auto-riconoscimento e dell'auto-consapevolezza sono alcuni dei primi passi sul percorso verso lo sviluppo di una teoria matura della mente. Studiare il senso di sé emergente di un bambino è complicato, perché lo sviluppo concettuale dei bambini supera la loro padronanza del linguaggio. Per risolvere questo problema, i ricercatori hanno preso in prestito metodi utilizzati per rilevare l'auto-riconoscimento negli animali e li hanno applicati ai bambini piccoli. Così, con uno specchio e un po' di trucco, è nato il compito rouge.

Questo video dimostra come i ricercatori valutano l'autoconsapevolezza nei bambini di età diverse.

Procedure

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Recluta un gruppo di neonati di età da 8 a 12 mesi e un gruppo di bambini di età da 20 a 24 mesi. Ai fini di questa dimostrazione, viene testato un solo bambino. Si raccomandano campioni di dimensioni maggiori quando si conducono esperimenti.

  1. Assicurati che i partecipanti siano sani, non abbiano una storia di disturbi dello sviluppo e abbiano udito e vista normali.
  2. Poiché i bambini in queste fasce d'età possono essere poco collaborativi o esigenti(ad esempio,rifiutarsi di guardare una dimostrazione o addormentarsi durante i test), è consigliabile reclutare partecipanti extra per ottenere dati sufficienti.

1. Raccolta dei dati

  1. Preparare i materiali.
    1. Ottieni un grande specchio e vernice o cosmetici luminosi, lavabili e non tossici, come il rossetto, che possono essere applicati in modo sicuro sulla pelle di un bambino.
  2. Test
    1. Installa lo specchio in una sala prove, in modo che sia accessibile ai bambini piccoli e sicuro per loro con cui interagire in modo indipendente.
    2. Impostare una videocamera con un angolo di circa 45 ° rispetto allo specchio, in modo che il riflesso o il volto del bambino sia visibile.
    3. Accogli i genitori all'esperimento e istruisci a incoraggiare il loro bambino a guardare e interagire con lo specchio quando entrano nella sala prove.
    4. Applicare di nascosto vernice o cosmetici sulla fronte del bambino.
      1. È fondamentale applicare il segno in modo che il bambino possa vederlo nel suo riflesso, ma altrimenti non può vederlo o sentirlo sul proprio corpo.
      2. Potrebbe essere necessario reclutare genitori per aiutare in questo processo, se il bambino è diffidente nei confronti degli estranei.
      3. Se il bambino rileva il segno prima di entrare nella sala prove, interrompere la sessione sperimentale.
    5. I genitori entrano nella sala prove e mettono il loro bambino davanti allo specchio.
      1. La maggior parte dei bambini interagisce con lo specchio spontaneamente, ma istruisce i genitori a coinvolgere il loro bambino con lo specchio, assicurandosi che guardino il loro riflesso, se il bambino inizialmente guarda altrove.
      2. Se il bambino striscia lontano dallo specchio, restituiscilo delicatamente fino a quando non si guarda allo specchio.
    6. Registra le azioni del bambino.

2. Analisi

  1. Due programmatori indipendenti visualizzano i video.
  2. Designare i bambini che guardano solo lo specchio o che toccano il loro riflesso nello specchio sopra l'area contrassegnata come non aver superato il test.
  3. Designa i bambini che vedono il loro riflesso e toccano il segno sulla fronte come superamento del test.
  4. Usa le statistiche per garantire che i due programmatori esemettano in modo affidabile gli stessi giudizi sui comportamenti dei bambini.
  5. Usa statistiche non parametriche per determinare se ci sono differenze nella proporzione di bambini in ogni fascia di età che toccano la fronte.

Gli individui non nascono con una teoria della mente completamente sviluppata, la capacità unica di comprendere gli altri e simulare i loro pensieri e sentimenti, indipendentemente dai desideri e dalle conoscenze di sé.

L'auto-riconoscimento e l'auto-consapevolezza sono necessari per sviluppare una teoria matura della mente. Pertanto, studiare il senso emergente di sé di un bambino, come comprendere il proprio contributo quando si lavora in un gruppo, è prezioso per la ricerca sullo sviluppo.

Tuttavia, esaminare l'autoconsapevolezza nei bambini è difficile perché la loro padronanza del linguaggio è in ritardo rispetto al loro sviluppo concettuale. Questo problema ha portato i ricercatori ad adattare i metodi degli studi di auto-riconoscimento degli animali e sviluppare il compito rouge, una tecnica consolidata per valutare il senso di sé.

Utilizzando metodi adattati da Beulah Amsterdam nel 1970, questo video dimostra un approccio semplice su come progettare e condurre il test rouge con uno specchio e un po 'di trucco, nonché su come analizzare e interpretare i risultati sulla progressione dell'autoconsapevolezza nei neonati e nei bambini piccoli prima dei 2 anni.

In questo esperimento, i bambini di due gruppi di età - da 8 a 12 mesi e da 20 a 24 mesi - sono segretamente segnati sulla fronte con un trucco dai colori vivaci e poi osservati mentre guardano il loro riflesso in uno specchio.

I bambini che guardano solo lo specchio o che toccano il loro riflesso nello specchio falliscono il test, mentre quelli che vedono il loro riflesso e toccano il segno sulla fronte passano.

In questo caso, la variabile dipendente è il numero di bambini in ogni fascia di età che toccano il segno sulla fronte reale.

Si ipotizza che la percentuale di bambini che dimostrano consapevolezza di sé migliori con l'età.

Prima dell'inizio dell'esperimento, verificare l'accesso a uno specchio abbastanza grande da vedere chiaramente il viso del bambino e un prodotto dai colori vivaci e lavabile, come il rossetto che può essere applicato in modo sicuro sulla loro pelle. Quindi, imposta una videocamera per catturare l'intero riflesso del bambino.

Per iniziare, saluta il genitore e il bambino e informali brevemente sullo studio. Quindi, metti una piccola quantità di rossetto sul dito.

Una volta dentro, applica di nascosto il rossetto sulla fronte del bambino senza che siano in grado di vederlo o sentirlo sul loro corpo.

Infine, registra video questa sessione: posiziona il bambino davanti allo specchio e osservalo interagire con il suo riflesso o segno fisico.

Una volta terminato lo studio, assegna due programmatori indipendenti per guardare i video e designare se ogni bambino ha superato o fallito il test. Si noti che i giudizi fatti da entrambi i programmatori dovrebbero essere confrontati determinando la stima dell'affidabilità inter-rater usando il kappa di Cohen.

Dopo che tutti i video sono stati valutati, genera la percentuale di bambini che hanno superato e fallito in ogni fascia di età e utilizza statistiche non parametriche per determinare se esistono differenze di fascia d'età.

Si noti che solo una piccola percentuale di bambini di età da 8 a 12 mesi ha superato il test. Al contrario, oltre il 70% dei giovani di 20-24 mesi ha visto il loro riflesso e si è alzato per esaminare il segno sulla fronte, dimostrando consapevolezza di sé.

Ora che hai familiarità con la progettazione di un esperimento di psicologia per indagare l'autoconsapevolezza dei bambini in età molto giovane, puoi applicare questa procedura per rispondere a ulteriori domande riguardanti il normale sviluppo della comprensione di sé e degli altri da parte dei bambini.

Man mano che i bambini sviluppano l'autoconsapevolezza e una teoria di base della mente, iniziano a capire come si sentono le altre persone, portando all'emergere di comportamenti ed emozioni complessi, inclusa l'empatia.

I bambini imparano anche come rappresentare ciò che gli altri sanno e usano queste informazioni per guidare le proprie interazioni sociali, come sapere se e quando mantenere segreta una festa a sorpresa.

Inoltre, i bambini sviluppano la capacità di impegnarsi in giochi di finzione, che consente loro di praticare le loro abilità sociali, anche quando sono soli.

Prima che gli studi sul concetto di sé fossero condotti nei neonati, Gordon Gallup ha dimostrato che gli scimpanzé hanno superato il test rouge. Pertanto, l'autoconsapevolezza non è esclusiva degli esseri umani, poiché molti animali sociali, dagli elefanti agli uccelli, hanno dimostrato la capacità di relazionarsi con gli altri in situazioni sociali complesse.

Hai appena visto l'indagine di JoVE su come l'autoconsapevolezza dei bambini si sviluppa nel tempo. Ora dovresti avere una buona comprensione di come progettare e condurre l'esperimento e, infine, come analizzare e interpretare i risultati.

Grazie per l'attenzione!

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Results

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Per avere abbastanza potere per vedere cambiamenti significativi dello sviluppo, i ricercatori dovrebbero testare circa 20 bambini per fascia di età, escluso i neonati abbandonati a causa della pignoleria. I bambini che hanno un senso di auto-riconoscimento e auto-consapevolezza di solito toccano il marcatore sulla fronte dopo averlo visto in un riflesso. Al contrario, i bambini che falliscono il test di solito ignorano il segno o cercano di toccare il riflesso del segno nello specchio. I ricercatori riferiscono anche che alcuni bambini che falliscono il compito presumono di guardare un altro bambino nella stanza, e toccano lo specchio o guardano dietro di esso per trovare il loro nuovo amico.

Solo una piccola parte dei bambini di età da 8 a 12 mesi di solito supera il test rouge. La stragrande maggioranza dei bambini sorride e gioca con lo specchio, e molti di loro cercano di toccare il segno nel loro riflesso. Al contrario, la maggior parte dei bambini di età tra i 20 ei 24 mesi vede il loro riflesso e si alza per esaminare il segno sulla fronte (Figura 1).

Figure 1
Figura 1: La percentuale di bambini che dimostrano consapevolezza di sé aumenta nel tempo.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Applications and Summary

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

La maggior parte dei bambini inizia a mostrare l'inizio dell'autoconsapevolezza poco prima dei due anni. In questo momento, iniziano anche a sviluppare una teoria rudimentale della mente, inclusa l'idea che persone diverse abbiano preferenze e desideri diversi. Basandosi su questa comprensione di base delle menti degli altri, i bambini si sviluppano per rappresentare come si sentono le altre persone, portando allo sviluppo di complesse emozioni comparative, come empatia, invidia e imbarazzo, e finzione di gioco, che consentono loro di praticare le loro abilità sociali anche quando sono soli. I bambini imparano anche a rappresentare ciò che le altre persone vedono e sanno e usano queste informazioni per guidare le loro interazioni sociali, incluso sapere quando e se dovrebbero cercare di aiutare un amico o come mantenere segreta una festa a sorpresa. 2

Gli esseri umani sono creature sociali sorprendenti, ma la teoria della mente non è unica per gli umani. Scimmie, elefanti, delfini, cani e persino alcuni uccelli hanno dimostrato la capacità di riconoscersi usando il test rouge. Incoraggiati da questi risultati, i ricercatori hanno ipotizzato che l'autoconsapevolezza sia un importante elemento costitutivo della connessione sociale.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

References

  1. Amsterdam, B. Mirror self-image reactions before age two. Developmental Psychobiology., 5, 297-305 (1972).
  2. Lewis, M., & Brooks-Gunn, J. Social cognition and the acquisition of self. New York: Plenum (1979).

Transcript

Please note that all translations are automatically generated.

Click here for the English version.

Get cutting-edge science videos from JoVE sent straight to your inbox every month.

Waiting X
Simple Hit Counter