Waiting
Login processing...

Trial ends in Request Full Access Tell Your Colleague About Jove
JoVE Science Education
Physical Examinations II

A subscription to JoVE is required to view this content.
You will only be able to see the first 20 seconds.

 
Click here for the English version

Esame addominale IV: valutazione del dolore addominale acuto

Overview

Fonte: Joseph Donroe, MD, Medicina interna e pediatria, Yale School of Medicine, New Haven, CT

Il dolore addominale è una preoccupazione frequente sia nel pronto soccorso che nell'ufficio. Il dolore addominale acuto è definito come dolore che dura meno di sette giorni, mentre un addome acuto si riferisce all'insorgenza improvvisa di forti dolori addominali con caratteristiche che suggeriscono un processo chirurgicamente interveniente. La diagnosi differenziale del dolore addominale acuto è ampia; pertanto, i medici devono avere un metodo sistematico di esame guidato da un'attenta storia, ricordando che la patologia al di fuori dell'addome può anche causare dolore addominale, compresi disturbi polmonari, cardiaci, rettali e genitali.

La terminologia per descrivere la posizione della tenerezza addominale comprende i quadranti superiore e inferiore destro e sinistro e le regioni epigastrica, ombelicale e ipogastrica (Figure 1, 2). Un esame approfondito richiede un approccio organizzato che coinvolge l'ispezione, l'auscultazione, la percussione e la palpazione, con ogni manovra eseguita intenzionalmente e con una chiara rappresentazione mentale dell'anatomia. Piuttosto che palpare casualmente attraverso l'addome, inizia a palpare a distanza dal sito di tenerezza, muovendoti sistematicamente verso la regione tenera e pensando a cosa si trova sotto le dita in ogni posizione. Una tecnica utile è quella di immaginare un quadrante dell'orologio con il processo xifoide alle 12:00 e la sinfisi pubica alle 6:00 (Figura 3). Quando palpa alle 8:00, c'è pelle, muscoli, cieco, appendice e ureteri. Eseguire l'esame in questo modo aiuta nel ragionamento clinico e riduce al minimo la possibilità di patologia mancante.

Figure 1
Figura 1. Quattro quadranti addominali. L'addome può essere diviso in quattro regioni da due linee immaginarie che si intersecano all'ombelico. Vengono mostrati il quadrante superiore destro (spesso designato come RUQ), il quadrante superiore sinistro (LUQ), il quadrante inferiore destro (RLQ) e il quadrante inferiore sinistro (LLQ).

Figure 2
Figura 2. Nove regioni addominali. Le linee medioclavicolari e i piani subcostali e intertubercolari separano l'addome in nove regioni: regione epigastrica, regione ipocondriaca destra, regione ipocondriaca sinistra, regione ombelicale, regione lombare destra, regione lombare sinistra, regione ipogastrica, regione inguinale destra e regione inguinale sinistra.

Figure 3
Figura 3. Visualizzare un quadrante dell'orologio sopra l'addome per pensare all'anatomia sottostante durante l'esecuzione dell'esame.

Procedure

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

1. Preparazione

  1. Lavarsi le mani e riscaldarle prima di esaminare il paziente.
  2. Fai indossare al paziente un camice. Un drappo extra è necessario per coprire la parte inferiore del corpo.
  3. Inizia con il paziente sdraiato supino sul tavolo o sul letto d'esame.

2. Approccio al dolore addominale acuto

  1. Inizia con una serie completa di test dei segni vitali.
  2. Dopo essere entrato nella stanza, iniziare immediatamente un'attenta ispezione. I pazienti con peritonite possono preferire stare fermi con fianchi e ginocchia flessi.
    1. Posizionare un drappo sulla parte inferiore del corpo del paziente fino alla sinfisi pubica e sollevare l'abito appena sotto il seno. Nota distensione addominale, colore della pelle, segni di scarsa perfusione, come chiazze, pulsazioni visibili o peristalsi, rigonfiamenti e cicatrici.
    2. Se il paziente è vigile, chiedere al paziente di usare un dito per indicare l'area dolorosa. Chiedere al paziente di tossire (test della tosse) o urtare delicatamente il letto, che può localizzare il dolore della peritonite.
  3. Auscultate il quadrante inferiore sinistro usando il diaframma con una leggera pressione. I suoni intestinali assenti possono indicare un ileo, mentre i suoni acuti suggeriscono un'imminente ostruzione meccanica. L'auscultazione ha la resa più bassa delle manovre diagnostiche per il dolore addominale.
    1. Auscultate su eventuali aree sporgenti per valutare l'ernia dell'intestino.
    2. Procedere ad utilizzare la testa dello stetoscopio per palpare i quattro quadranti con pressione graduata, pur continuando ad auscultare. Osservare il viso del paziente per i segni di angoscia e sentire la parete addominale per la rigidità.
  4. Percuss l'addome, iniziando con percussioni molto leggere (test di percussione leggera) sui quattro quadranti. Questo può localizzare il dolore peritoneale e distinguerlo dal dolore viscerale.
    1. Continuare con un colpo di percussione moderato nei quattro quadranti, valutando la ricerca di timosa anomalo, suggerendo aria (aria libera o intestino pieno di gas) o ottusità, suggerendo fluido o massa.
  5. Chiedi al paziente di flettere le gambe ai fianchi e alle ginocchia.
    1. Inizia la palpazione posizionando delicatamente la mano destra aperta sull'addome con le dita leggermente distese. Utilizzare un leggero movimento a dondolo mentre il paziente respira, sentendo la rigidità della parete addominale. Senti ogni quadrante in questo modo, iniziando più lontano dal sito del dolore. Distrarre il paziente con la conversazione può servire a ridurre al minimo la guardia volontaria.
    2. Palpare di nuovo usando una pressione moderata con i polpastrelli (non con la punta delle dita), in senso orario. Nel mezzo del quadrante dell'orologio, palpare l'aorta.
    3. Palpare rigonfiamenti che evocano il sospetto di ernie della parete addominale e tentano di ridurre se presenti.
  6. In pazienti selezionati, in particolare quelli con dolore al quadrante inferiore o sospetto di sanguinamento gastrointestinale, eseguire un esame rettale.
  7. Eseguire un esame testicolare su maschi con dolore addominale inferiore.
  8. Eseguire un esame pelvico su donne con dolore addominale.

3. Manovre speciali in pazienti selezionati con dolore addominale.

  1. Test per il segno di Murphy in pazienti con dolore al quadrante superiore destro. Palpato nella linea midclavicolare, appena sotto il bordo del fegato.
    1. Chiedi al paziente di fare un respiro profondo mentre palpi profondamente. Il dolore accompagnato dalla cessazione dell'ispirazione suggerisce colecistite acuta.
  2. Per il dolore del quadrante inferiore destro, le seguenti manovre possono essere diagnosticamente utili:
    1. Suscitare il segno di Rovsing con una profonda palpazione del quadrante inferiore sinistro. Il dolore riferito al quadrante inferiore destro suggerisce appendicite acuta.
    2. Eseguire il segno dell'otturatore flettendo l'anca destra e il ginocchio del paziente a 90 ° e ruotando internamente l'anca. Il dolore nel quadrante inferiore destro suggerisce appendicite acuta o ascesso pelvico.
    3. Eseguire il segno psoas facendo flettere al paziente la coscia destra contro la mano resistente dell'esaminatore. Il dolore addominale inferiore suggerisce un'appendicite retrocecale o ascesso psoas. Per eseguire un metodo alternativo del segno psoas, posizionare il paziente nella posizione del decubito laterale sinistro e, in piedi dietro il paziente, estendere la coscia del paziente.
  3. Eseguire il test di Carnett per valutare il dolore alla parete addominale, che può imitare la patologia intra-addominale e spesso non viene diagnosticato. Identificare il punto di dolore massimo nel paziente supino e palpare lì con una pressione moderata per suscitare tenerezza.
    1. Chiedi al paziente di sollevare le spalle dal letto come se stesse facendo un sit-up, contraendo così i muscoli della parete addominale. L'aumento del dolore suggerisce un dolore alla parete addominale, mentre il dolore migliorato suggerisce una patologia intraperitoneale (ora protetta dai muscoli retti contratti).
  4. Valutare la splenomegalia in pazienti con dolore al quadrante superiore sinistro o segni di ipertensione portale.
  5. Valutare l'ascite in pazienti con una storia suggestiva.
  6. Valutare per le ernie inguinali: le ernie inguinali sintomatiche possono essere presenti con dolore all'inguine, un rigonfiamento non riducibile o segni di ostruzione intestinale, come distensione addominale, dolore e vomito. La valutazione per le ernie inguini deve essere effettuata in pazienti selezionati con disturbi addominali o inguinale inferiori. Chiedi al paziente di stare in piedi, poiché questa è la posizione preferita da valutare per le ernie inguini. Passaggi 3.6.1. - 3.6.4. può anche essere eseguita in posizione supina se il paziente non è in grado di stare in piedi, anche se in questa posizione possono mancare ernie facilmente riducibili.
    1. Indossa i guanti e chiedi al paziente di sollevare il camice nella parte anteriore. Ispezionare l'area del canale inguinale, del canale femorale e dello scroto (maschi) per rigonfiamenti su entrambi i lati.
    2. Identificare il legamento inguinale che si estende dalla colonna iliaca superiore anteriore al tubercolo pubico. Il canale inguinale corre parallelo ad esso, tra gli anelli inguinali interni ed esterni. L'anello interno, e l'origine delle ernie indirette, è appena superiore al punto medio del legamento inguinale. L'anello inguinale esterno è leggermente superiore e laterale al tubercolo pubico. Il triangolo inguinale, e l'area di origine delle ernie dirette, è delimitato dall'arteria epigastrica inferiore lateralmente, dal legamento inguinale inferiormente e dalla linea semilunaris medialmente. Il canale femorale si trova sotto il legamento inguinale appena mediale alla vena e all'arteria femorale.
    3. Chiedi al paziente di girare la testa di lato, e tossire o semplicemente sopportare, e continuare a osservare per nuovo rigonfiamento o aumento delle dimensioni di un rigonfiamento esistente.
    4. Usando i cuscinetti delle dita della mano destra per esaminare il lato destro, palpare sul canale femorale e chiedere al paziente di tossire o sopportare di nuovo per valutare le ernie femorali. Le ernie femorali sono più comuni nelle donne e più probabilità rispetto alle ernie inguinali di incarcerare.
    5. Quindi, palpare sul canale inguinale destro. Chiedi al paziente di tossire o sopportare, quindi senti eventuali rigonfiamenti. Un rigonfiamento in espansione sentito verso il punto medio del legamento inguinale è probabilmente un'ernia indiretta. Un rigonfiamento sentito vicino al tubercolo pubico è più probabilmente un'ernia diretta.
    6. Auscultate su eventuali rigonfiamenti, notando la presenza o l'assenza di suoni intestinali.
    7. Nei maschi, se si osserva una massa scrotale, palparla e cercare di palparla sopra di essa per differenziarla dalla patologia testicolare.
    8. Se nessuna massa è ancora evidente, utilizzare l'indice della mano destra, con il polpaccino rivolto verso il paziente, per palpare l'anello inguinale esterno destro e il canale inguinale distale posizionando il dito sullo scroto, appena sopra il testicolo destro.
    9. Invaginare lo scroto, seguendo il cordone spermatico superiormente e in direzione del canale inguinale fino a quando la punta delle dita è appena oltre l'anello inguinale esterno. Il cordone spermatico (maschi) e il legamento rotondo (femmine) viaggiano attraverso il canale inguinale.
    10. Chiedi al paziente di tossire o sopportare. Un rigonfiamento sentito sulla punta delle dita può essere un'ernia indiretta, mentre uno sentito sul lato del dito può essere un'ernia diretta. Da notare, la capacità del medico di distinguere tra ernie dirette e indirette all'esame fisico è imprecisa.
    11. Ripeti sul lato sinistro usando la mano sinistra.
    12. Tentare di ridurre delicatamente eventuali ernie sospette, evitando una riduzione forzata. La riduzione è facilitata dal fatto che il paziente si sdrai nella posizione di Trendelenburg.

Il dolore addominale è una preoccupazione frequente per i medici sia nel pronto soccorso che nell'ufficio.

Il dolore addominale acuto è definito come il dolore che dura per meno di sette giorni. Non deve essere confuso con l'addome acuto, che si riferisce all'insorgenza improvvisa di forti dolori con caratteristiche che suggeriscono un processo chirurgicamente interveniente. La diagnosi differenziale del dolore addominale acuto è ampia, quindi i medici devono seguire un metodo sistematico quando esaminano i pazienti che presentano questa condizione.

Questo video inizierà con una revisione delle principali posizioni anatomiche e della terminologia necessaria per comprendere i risultati fisici di questo esame. Si proseguirà poi per dimostrare come condurre la valutazione generale nei pazienti che soffrono di dolore addominale acuto, seguita da manovre speciali che si dovrebbero eseguire se si sospetta una patologia specifica.

Prima di arrivare all'esame, esaminiamo brevemente alcune delle posizioni anatomiche chiave che ti aiuteranno a interpretare i risultati durante l'esame. La terminologia per descrivere la posizione della tenerezza addominale comprende i quadranti superiore e inferiore destro, i quadranti superiore e inferiore sinistro e le regioni epigastrica, periobilica e ipogastrica

Un esame approfondito richiede un approccio organizzato che coinvolge l'ispezione, l'auscultazione, la percussione e la palpazione, con ogni manovra eseguita intenzionalmente e con una chiara rappresentazione mentale dell'anatomia. Una tecnica utile è quella di immaginare un quadrante dell'orologio con il processo xifoide alle 12:00 e la sinfisi pubica alle 6:00. Quando palpa alle 8:00, c'è pelle, muscoli, cieco, appendice e ureteri. Eseguire l'esame in questo modo aiuta nel ragionamento clinico e riduce al minimo la possibilità di perdere una patologia.

Con queste informazioni di base, iniziamo a rivedere i passaggi dell'esame fisico da eseguire quando un paziente lamenta dolore addominale acuto. Il primo passo è acquisire una storia completa del paziente, che guiderà l'intera procedura e l'interpretazione dei suoi risultati. Ricorda a te stesso che le condizioni al di fuori dell'addome come disturbi polmonari, cardiaci, rettali e genitali, possono facilmente portare a dolori addominali come le condizioni all'interno dell'addome.

Dopo aver preso la storia, chiedi al paziente di indossare un abito. Mentre il paziente sta cambiando, lavarsi accuratamente le mani. Al rientro nella stanza, rivedere la tabella del paziente per controllare i loro segni vitali. Per iniziare l'esame, chiedi al paziente di sdraiarsi. Osservare la posizione che il paziente occupa, poiché i pazienti con peritonite possono preferire stare fermi con fianchi e ginocchia flessi.

Una volta che il paziente è a suo agio, posizionare un drappo sulla parte inferiore del corpo del paziente per coprire l'area sotto la sinfisi pubica e sollevare l'abito appena sotto il seno. Inizia con l'ispezione; notare distensione addominale, colore della pelle, rigonfiamenti, cicatrici, peristalsi o segni di scarsa perfusione come chiazze e pulsazioni visibili.

Dopo questa ispezione visiva iniziale, chiedere al paziente di indicare l'area dolorosa. Quindi, istruisci lui o lei a tossire di proposito ... Se il paziente non è in grado di farlo, urtare delicatamente il tavolo d'esame. Entrambe queste manovre aiutano a localizzare il dolore della peritonite.

Quindi, auscultare il quadrante inferiore sinistro, mentre si applica una leggera pressione. L'assenza di suoni intestinali indica un ileo, mentre i suoni di tono alto possono suggerire un'imminente ostruzione meccanica. Per i pazienti particolarmente ansiosi, palpare i quattro quadranti con pressione graduata usando il diaframma dello stetoscopio può essere una tecnica utile. Prendi nota del viso del paziente per i segni di disagio e allo stesso tempo senti la parete addominale per la rigidità.

Dopo l'auscultazione, percuss leggermente sui quattro quadranti. Questo può localizzare il dolore peritoneale e distinguerlo dal dolore viscerale. Continuare con un colpo di percussione moderato nei quattro quadranti, valutando la qualità anormale che suggerisce aria libera o intestino pieno di gas, o ottusità che suggerisce fluido o massa. Per i pazienti con vero dolore peritoneale, questo non verrebbe eseguito perché è troppo doloroso.

Dopo le percussioni, inizia con la palpazione. Posizionare delicatamente la mano destra aperta sull'addome con le dita leggermente distese. Inizialmente, utilizzare un leggero movimento a dondolo mentre il paziente respira, sentendo la rigidità della parete addominale. Senti ogni quadrante in questo modo, iniziando più lontano dal sito del dolore. Distrarre il paziente con la conversazione può servire a ridurre al minimo la guardia volontaria. Palpare di nuovo usando una pressione moderata con i polpacci delle dita, in senso orario. Alla fine, palpa l'aorta, che si trova al centro del quadrante dell'orologio. Durante l'esame, potresti essere in grado di identificare rigonfiamenti anormali dovuti all'ernia della parete addominale. Se presente, auscultate sopra il rigonfiamento e cercate di ridurlo usando i polpanti.

In pazienti selezionati, in particolare quelli con dolore al quadrante inferiore o sospetto di sanguinamento gastrointestinale, eseguire un esame rettale. Inoltre, se un paziente di sesso maschile lamenta dolore addominale inferiore, eseguire un esame testicolare e per i pazienti di sesso femminile eseguire un esame pelvico.

Dopo questi passaggi generali, in alcuni casi, potrebbe essere necessario eseguire alcune manovre speciali se si sospetta una patologia specifica. Se il paziente avverte dolore nel quadrante superiore destro, è necessario testare il segno di Murphy, una manovra utilizzata per rilevare la presenza di colecistite acuta. Palpare il paziente nella linea clavicolare centrale destra, appena sotto il bordo del fegato. Chiedi al paziente di fare un respiro profondo, mentre applichi una pressione profonda. Il dolore accompagnato dalla cessazione dell'ispirazione suggerisce colecistite acuta.

Per il dolore del quadrante inferiore destro, valutare il segno di Rovsing. Palpa profondamente il quadrante inferiore sinistro. Mentre lo fa, se il paziente si riferisce al dolore nel quadrante inferiore destro, allora si può sospettare l'appendicite acuta. Un'altra manovra per il dolore del quadrante inferiore destro è chiamata segno otturatore. Per eseguire ciò, flettere passivamente l'anca destra e il ginocchio del paziente con un angolo di 90 ° e ruotare internamente l'anca. Il dolore nel quadrante inferiore destro su questo movimento può suggerire appendicite acuta o un ascesso pelvico.

Quindi, eseguire il test per il segno psoas. Chiedi al paziente di flettere la coscia destra mentre fornisci resistenza. Se questo provoca dolore addominale inferiore, allora si può sospettare appendicite retrocecale o ascesso psoas. In alternativa, è possibile istruire il paziente a occupare la posizione del decubito laterale sinistro e, mentre si trova dietro il paziente, estendere la coscia per smascherare il dolore addominale inferiore.

Per diagnosticare il dolore alla parete addominale, eseguire il test di Carnett. Mentre sei in posizione supina, chiedi al paziente di identificare il punto di massimo dolore e palpare lì con una pressione moderata per suscitare tenerezza. Quindi, chiedi al paziente di alzare le spalle dal letto come se stessero facendo un sit-up. Questa azione contrae i muscoli della parete addominale. L'aumento del dolore del paziente suggerisce una patologia della parete addominale, mentre il dolore attenuato suggerisce una patologia intraperitoneale.

Inoltre, valutare la splenomegalia in pazienti con dolore al quadrante superiore sinistro o segni di ipertensione portale. E valutare per l'ascite in pazienti con una storia suggestiva. Queste manovre sono trattate in dettaglio in un altro video incentrato sulle percussioni addominali. Infine, se il paziente lamenta il dolore addominale inferiore o inguinale, è necessario valutare le ernie inguinale. Le ernie sintomatiche possono presentarsi con dolore, un rigonfiamento irriducibile e segni di ostruzione intestinale come distensione addominale e vomito.

Per valutare l'ernia inguinale, è meglio chiedere al paziente di alzarsi. Se il paziente non è in grado di stare in piedi, è possibile eseguire i seguenti passaggi mentre il paziente è in posizione supina. Tuttavia, tieni presente che le ernie facilmente riducibili possono essere perse in posizione supina. Indossare i guanti e chiedere al paziente di sollevare la parte anteriore del camice. Inizia ispezionando le aree dei canali inguinale e femorale. Prima di procedere identificare alcuni punti di riferimento di questa regione ..."Dialogo del medico che spiega i diversi punti di riferimento"

Dopo che questi punti di riferimento di superficie sono stati identificati, chiedi al paziente di girare la testa di lato e tossire. Osservare per nuovo rigonfiamento o aumento delle dimensioni di un rigonfiamento esistente. Successivamente, usando i polpacci delle dita della mano destra per esaminare il lato destro, palpare sul canale femorale e chiedere al paziente di tossire o sopportare di nuovo per valutare le ernie femorali. Una volta completato, palpare sul canale inguinale destro. Ancora una volta, chiedi al paziente di tossire o semplicemente di sopportare come senti per i rigonfiamenti. Un rigonfiamento in espansione sentito verso il punto medio del legamento inguinale è probabilmente un'ernia indiretta, mentre un rigonfiamento sentito vicino al tubercolo pubico è più probabilmente un'ernia diretta. Inoltre, auscultate su eventuali rigonfiamenti, notando se ci sono suoni intestinali.

Quindi, palpare l'anello inguinale esterno destro e il canale inguinale distale. Per fare questo, posiziona il tastierino dell'indice destro sullo scroto, appena sopra il testicolo destro. Applicare pressione e indagare lo scroto seguendo il cordone spermatico in modo superiore e nella direzione del canale inguinale fino a quando la punta delle dita è appena oltre l'anello inguinale esterno. Quindi chiedi al paziente di tossire o sopportare. Un rigonfiamento sentito sulla punta delle dita può rappresentare un'ernia indiretta, mentre un rigonfiamento sentito sul lato del dito può rappresentare un'ernia diretta. Quando il lato destro è completo, ripeti il processo sul lato sinistro, usando la mano sinistra. Se viene identificata un'ernia, tentare di ridurla delicatamente, mentre il paziente è in posizione supina o Trendelenburg. Si prega di evitare una riduzione forzata. Alla fine dell'esame, discuti i tuoi risultati con il paziente.

Hai appena visto un video JoVE che documenta l'esame fisico di un paziente che soffre di dolore addominale acuto. Ora dovresti capire la sequenza sistematica di passaggi che un medico dovrebbe seguire per dedurre la diagnosi differenziale di questo tipo di dolore. Come sempre, grazie per aver guardato!

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Applications and Summary

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Un approccio sistematico all'esame di un paziente con dolore addominale acuto include ispezione, auscultazione, percussione e palpazione. Manovre speciali per rilevare dolore alla parete addominale, appendicite, colecistite ed ernie dovrebbero essere eseguite se vi è sospetto per questi processi.

I risultati dell'esame che sono più utili per aumentare la probabilità di malattia includono rigidità e tenerezza delle percussioni per la peritonite generale; La tenerezza del punto di McBurney, il segno di Rovsing positivo e il segno di psoas positivo per l'appendicite; segno di Murphy positivo e tenerezza del quadrante superiore destro per colecistite; peristalsi visibile, distensione addominale e suoni intestinali iperattivi acuti per l'ostruzione dell'intestino tenue.

I risultati che diminuiscono la probabilità di malattia sono un segno di Carnett positivo e dolore negativo con tosse per peritonite generale; assenza di tenerezza del quadrante inferiore destro per appendicite; tenerezza del quadrante superiore destro assente per colecistite; suoni intestinali normali e assenza di distensione addominale per ostruzione dell'intestino tenue.

La resa dell'esame addominale è molto migliore se il clinico suscita una storia efficace, esegue un'attenta ispezione e considera l'anatomia regionale pertinente durante la percussione e la palpazione. La relazione del medico con il proprio paziente trae beneficio dall'avere un approccio gentile a chi è già nel dolore ed evitare manovre inutili che possono aumentare il disagio del paziente senza fornire nuove informazioni, come il tradizionale test per la tenerezza del rimbalzo, in cui il medico palpa profondamente sopra l'area del dolore e poi rimuove rapidamente la mano palpante, chiedendo se la tenerezza fosse peggiore con la palpazione o il rilascio. Un'efficace aurea e un esame fisico consentono un utilizzo economico dell'imaging diagnostico e migliorano l'interpretazione clinica dei risultati dell'imaging, oltre a consentire il triage dei pazienti che potrebbero aver bisogno di un intervento chirurgico urgente.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Transcript

Please note that all translations are automatically generated.

Click here for the English version.

Get cutting-edge science videos from JoVE sent straight to your inbox every month.

Waiting X
Simple Hit Counter