Waiting
Login processing...

Trial ends in Request Full Access Tell Your Colleague About Jove
JoVE Science Education
Physical Examinations III

A subscription to JoVE is required to view this content.
You will only be able to see the first 20 seconds.

 

Overview

Fonte: Robert E. Sallis, MD. Kaiser Permanente, Fontana, California, Stati Uniti

L'esame della spalla continua controllando la forza dei muscoli della cuffia dei rotatori e dei tendini bicipiti. I muscoli della cuffia dei rotatori (supraspinatus, infraspinatus, teres minor e subscapularis) agiscono come compressori, tenendo la testa omerale in posizione contro la glenoide. Lesioni e degenerazione dei tendini della cuffia dei rotatori sono le fonti più comuni di dolore alla spalla.

Il test di forza del muscolo rotatore viene eseguito testando i movimenti contro la resistenza applicata dall'esaminatore. Il dolore con questi movimenti resistiti suggerisce tendinite; debolezza suggerisce una lacerazione della cuffia dei rotatori. La forza testata è seguita da test per la sindrome da impingement, l'instabilità della spalla e la lesione del labbro. È importante testare entrambe le spalle e confrontare tra i lati. La spalla opposta dovrebbe essere usata come standard per valutare la spalla infortunata, a condizione che non sia stata ferita.

Procedure

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

1. Test di forza del muscolo della cuffia dei rotatori

Il test di resistenza della cuffia dei rotatori viene valutato utilizzando il movimento resistito. I seguenti movimenti resistiti devono essere testati:

  1. Rotazione esterna: chiedere al paziente di piegare entrambi i gomiti a 90o con le braccia appese di lato, quindi di spingere entrambe le mani lontano dalla linea mediana contro la resistenza. Questo test di forza dell'infraspinato e teres minor.
  2. Rotazione interna: chiedere al paziente di piegare entrambi i gomiti a 90o con le braccia appese di lato e quindi di spingere entrambe le mani verso la linea mediana contro la resistenza. Questo mette alla prova la forza del muscolo sottoscapolare.
  3. Test di lattina vuoto: chiedere al paziente di sollevare entrambe le braccia sul lato a 90o con i pollici in giù e quindi spostare le braccia in avanti di 30 °. Chiedi al paziente di tenere le braccia in questa posizione mentre tenti di spingere le braccia verso il basso. Questa manovra mette alla prova la forza del muscolo sopraspinato.
  4. Test di velocità: avere il paziente sollevare entrambe le braccia davanti a 90o con i palmi delle mani in alto e i gomiti piegati a 15o flessione. Chiedi al paziente di tenere le braccia in questa posizione mentre tenti di spingere le braccia verso il basso. Questa manovra mette alla prova la forza dei bicipiti.
  5. Test di Yergason: chiedi al paziente di piegare il gomito a 90o e tenere premuto mentre tenti di tirare il braccio verso il basso, cercando allo stesso tempo di ruotarlo in pronazione. Questa manovra mette alla prova la forza dei bicipiti.
  6. Test del tricipite: chiedere al paziente di piegare il gomito in avanti a 90o e quindi spingere le mani in avanti contro la resistenza. Questo test di forza dei tricipiti

2. Segni di impingement/Test di impingement

I segni di impingement sono usati per diagnosticare la sindrome da impingement. Tre segni di impingement sono suscitati spostando passivamente la spalla nelle seguenti posizioni mentre si osserva il dolore o la mancanza di movimento.

  1. Segno di impingement di Neer: sollevare passivamente il braccio interessato del paziente davanti (con il palmo della mano puntato verso il basso) per quanto può andare sopra la testa prima che si senta un dolore significativo. Confronta con il braccio non interessato.
  2. Segno di impingement di Hawkins: sollevare il braccio del paziente in avanti a 90o con il gomito piegato a 90o. Da lì, ruota passivamente la spalla internamente ed esternamente.
  3. Test di crossover: sollevare passivamente il braccio non interessato in avanti a 90o e quindi spostarlo attraverso il corpo con il gomito piegato fino a quando può andare verso la spalla opposta. Questa manovra peggiora anche il dolore articolare AC.
  4. Il test di impingement prevede l'iniezione di anestetico locale (come la lidocaina) nello spazio subacromiale. I segni di impingement vengono quindi ripetuti e il sollievo dal dolore conferma la sindrome da impingement. Anche il test di resistenza della cuffia dei rotatori (RC) deve essere nuovamente testato dopo l'iniezione per alleviare l'inibizione dolorosa della forza e valutare con maggiore precisione lo strappo RC.

3. Test di instabilità

Diversi test possono essere fatti per valutare l'instabilità dell'articolazione gleno-omerale. Questi includono:

  1. Test di apprensione: Questi sono positivi solo quando provocano una spiacevole sensazione della spalla che esce dall'articolazione. Il dolore semplice con questi test può essere da lesioni della cuffia dei rotatori o del labbro, piuttosto che instabilità. I test di apprensione vengono eseguiti sia nella direzione anteriore che posteriore.
    1. Prova di apprensione anteriore:
      1. Posizionare il paziente supino con la spalla sollevata dal lato a 90o e il gomito piegato a 90°.
      2. Applicare una forza anteriore all'aspetto posteriore della spalla spingendo la testa omerale in avanti.
    2. Test di apprensione posteriore:
      1. Posizionare il paziente supino con la spalla sollevata dal lato a 90o e il gomito piegato a 90°.
      2. Applicare una forza posteriore all'aspetto anteriore della spalla del paziente spingendo la testa omerale all'indietro.
  2. Test di ricollocazione:
    1. Posizionare il paziente supino, con il braccio sollevato dal lato a 90o e appeso al bordo del tavolo d'esame mentre il gomito è piegato a 90o.
    2. Ruotare la spalla del paziente esternamente fino a quando non si nota il disagio.
    3. Applicare una pressione posteriore sulla testa omerale anteriore. Nessun cambiamento o peggioramento del disagio con questa manovra suggerisce un semplice impingement; sollievo nel disagio suggerisce instabilità anteriore.
  3. Segno di solco
    1. Avere il paziente di stare in piedi o sedersi con le braccia appese di lato.
    2. Afferrare il braccio del paziente appena sopra il gomito e tirarlo verso il basso. Una trazione verso il basso sul braccio provoca la formazione di un "solco" prominente (tra acromion e testa omerale), con instabilità inferiore (questo spesso suggerisce instabilità multidirezionale).

4. Test del labbro

  1. Test di Clunk:
    Posizionare il paziente supino e ruotare passivamente la spalla attraverso una gamma completa di movimento sopra la testa. Un clunk o pop prominente può indicare una lacerazione del labbro.
  2. Labrum grind test:
    1. Posizionare il paziente supino con il gomito piegato a 90° e la spalla sollevata di lato a 90°.
    2. Afferrare la parte superiore del braccio del paziente e comprimere la testa omerale in glenoide mentre si ruota internamente ed esternamente l'omero. Dolore significativo o clunking con questa manovra suggerisce lesioni al labbro.
  3. Test di O'Brien (può essere eseguito con il paziente seduto o in piedi):
    1. Far flettere in avanti il paziente su entrambi i bracci a 90°, con un'adduzione orizzontale di 10° e gomiti estesi.
    2. Chiedere al paziente di ruotare le spalle in modo che i pollici siano puntati verso l'alto e applicare una forza verso il basso su entrambe le braccia.
    3. Ripetere con il paziente ruotando internamente la spalla in modo che i pollici siano puntati verso il basso. L'aumento del dolore nella posizione del pollice in giù (rispetto al pollice in su) è indicativo di SLAP (labbro superiore, anteriore / posteriore) lesione al labbro. Si noti che questa manovra aggraverà anche il dolore articolare acromioclavicolare.

L'esame della spalla include test semplici ma sensibili, che aiutano un medico a raggiungere una diagnosi.

Nella prima parte dell'esame della spalla, abbiamo coperto l'ispezione, la palpazione e il test della gamma di movimento. Questo video si concentrerà sulle manovre di valutazione della forza muscolare e su alcuni test speciali per specifiche lesioni e malattie della spalla.

La forza del muscolo della cuffia dei rotatori viene valutata testando il movimento contro la resistenza fornita dall'esaminatore. Il dolore con questi movimenti resistiti suggerisce tendinite, mentre la debolezza suggerisce una lacrima. D'altra parte, i test speciali vengono eseguiti per riprodurre i sintomi della sindrome da impingement, instabilità della spalla o lesioni del labbro.

Innanzitutto, esaminiamo i test di resistenza, che comportano una serie di movimenti resistenti. Ricorda, è importante confrontare una parte all'altra nel valutare il dolore o la debolezza. Queste manovre valutano i muscoli della cuffia dei rotatori, e poi i bicipiti e i tricipiti.

Inizia testando i muscoli infraspinatus e teres minor esaminando il movimento di rotazione esterno contro la resistenza. Con i gomiti piegati a 90°, chiedi al paziente di spingere entrambe le mani lontano dalla linea mediana mentre cerchi di spingerle verso l'interno. Quindi, valutare il muscolo sottoscapolare facendo l'opposto e testando la rotazione interna contro la resistenza. La seguente manovra valuta il muscolo sopraspinato (2.4.1). Questo è il "test empty-can". Fare in modo che il paziente alzi entrambe le braccia ai lati e circa 30° in avanti con il pollice in giù. Quindi istruisci loro a mantenere questa posizione, mentre stai tentando di spingere le loro braccia verso il basso.

I seguenti due test valutano il muscolo bicipite. Per il primo test chiamato Speeds Test, chiedere al paziente di alzare entrambe le braccia davanti a 90° con i palmi delle mani in alto e i gomiti piegati a 15° di flessione. Chiedi loro di mantenere questa posizione mentre tenti di spingere le braccia verso il basso. Successivamente, per il test di Yergason, chiedi al paziente di piegare il gomito a 90 ° e tenere premuto mentre tenti di tirare il braccio verso il basso, cercando allo stesso tempo di ruotarlo in pronazione. Infine, prova i tricipiti. Chiedi al paziente di piegare il gomito in avanti a 90 ° e poi chiedi loro di spingere contro la tua mano nel tentativo di raddrizzare il braccio.

Dopo i test di forza muscolare, viene eseguito il gruppo successivo di manovre per suscitare il dolore associato alla sindrome da impingement, che è una condizione dolorosa causata dall'infiammazione e dalla degenerazione dei tendini della cuffia dei rotatori quando sono impingati, o intrappolati, nello spazio subacromiale.

Inizia con l'evocare il segno di impingement del Neer. Sollevare passivamente il braccio interessato del paziente di fronte a loro e sopra la testa. Questo test è considerato positivo se il dolore viene riprodotto alla massima flessione in avanti. Per il prossimo test chiamato il segno di impingement di Hawkins. Sollevare il braccio del paziente in avanti a 90° con il gomito piegato a 90° e ruotare passivamente la spalla esternamente e internamente. Infine, eseguire il test crossover. Sollevare il braccio del paziente in avanti a 90° e spostarlo attraverso il corpo verso la spalla opposta. Ripetere la stessa manovra dall'altra parte e notare se il paziente avverte dolore sull'articolazione acromioclavicolare.

Il prossimo gruppo di manovre valuta l'instabilità dell'articolazione gleno-omerale, che si riferisce all'incapacità di mantenere la testa omerale centrata all'interno della fossa glenoide.

La prima serie di manovre in questo gruppo è chiamata Test di Apprensione eseguiti sia nella direzione anteriore che posteriore. Posizionare il braccio in posizione di abduzione a 90° e il gomito piegato a 90° e applicare una forza anteriore all'aspetto posteriore della spalla. Quindi, chiedere al paziente di sdraiarsi e nella stessa posizione del braccio applicare una forza posteriore sull'aspetto anteriore della spalla. Questi test sono considerati positivi solo quando provocano una spiacevole sensazione della spalla che esce dall'articolazione. Il dolore semplice con questi test può essere da lesioni della cuffia dei rotatori o del labbro, piuttosto che instabilità.

Per il test successivo, chiamato Relocation Test, ruotare passivamente la spalla del paziente esternamente fino a quando non si nota il disagio. Quindi applicare una pressione verso il basso sulla testa omerale anteriore. Questo dovrebbe alleviare il disagio alla spalla nei pazienti con instabilità anteriore. Quindi, chiedi al paziente di alzarsi. Con le braccia appese ai lati, afferrare il braccio del paziente appena sopra il gomito e tirarlo verso il basso. Ciò causerebbe la formazione di un solco prominente tra l'acromion e la testa omerale in un paziente con instabilità inferiore.

Ora esaminiamo il gruppo finale di test chiamato test del labbro. Queste manovre vengono eseguite per diagnosticare la lesione del bordo cartilagineo che circonda la fossa glenoide chiamata labbro glenoide.

Inizia con il "test Clunk". In posizione seduta, ruotare passivamente la spalla del paziente attraverso una gamma completa di movimenti. Un "clunk" prominente o un "pop" può indicare una lacerazione del labbro. Per il test successivo, chiedere al paziente di piegare il gomito a 90 ° e alzare la spalla sul lato a 90 °. Quindi afferrare la parte superiore del braccio e comprimere la testa omerale è nella cavità glenoide, mentre ruota l'omero internamente ed esternamente. Questa manovra è chiamata Labrum Grind Test e induce dolore significativo o "clunking" nei pazienti con una lesione del labbro.

Infine, eseguire il "test di O'Brien" per SLAP, cioè lesione labiale superiore, anteriore e posteriore. Chiedere al paziente di flettere in avanti entrambe le braccia a 90° con un'adduzione orizzontale di 10° e gomiti estesi. Chiedi loro di ruotare le braccia in modo che i pollici siano puntati verso l'alto. Quindi applicare una forza verso il basso su entrambe le braccia. Ripeti la stessa manovra in posizione pollice in giù. L'aumento del dolore nella posizione del pollice in giù, rispetto al pollice in su, è indicativo di lesioni SLAP. Si noti che questa manovra aggraverà anche il dolore articolare acromioclavicolare. Questo test conclude l'esame della spalla. Ricorda, che la valutazione sistematica di un paziente con dolore alla spalla dovrebbe includere anche l'esame del collo.

Hai appena visto il video di JoVE che dimostra una parte dell'esame della spalla. Nel nostro primo video su questo argomento, abbiamo esaminato come eseguire l'ispezione e la palpazione della spalla e come valutare la gamma di movimento. L'attuale video ha dimostrato come testare la forza dei muscoli della spalla e come eseguire test speciali per la sindrome da impingement, l'instabilità della spalla e le lesioni del labbro. Come sempre, grazie per aver guardato!

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Applications and Summary

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

La valutazione clinica della spalla inizia con l'ispezione, la palpazione e il campo di prova del movimento, seguita dal test di forza della cuffia dei rotatori e dei muscoli bicipiti. Mentre si valuta la forza dei muscoli della cuffia dei rotatori, è essenziale differenziare la vera debolezza muscolare da una dolorosa inibizione della forza che può essere vista con una tendinite grave. La parte successiva dell'esame è la valutazione dei segni di impingement, utilizzando i test Neer,Hawkins e crossover. Il dolore o la mancanza di movimento con queste manovre suggerisce l'impingement dei tendini della cuffia dei rotatori nello spazio subacromiale. La stabilità della spalla viene quindi valutata utilizzando i test del cassetto anteriore e posteriore, il segno del solco e il test di ricollocazione. Infine, il labbro viene valutato per le lesioni utilizzando il test clunk, il test di macinazione del labbro e il test di O'Brien.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Transcript

Please note that all translations are automatically generated.

Click here for the English version.

Get cutting-edge science videos from JoVE sent straight to your inbox every month.

Waiting X
Simple Hit Counter