Waiting
Login processing...

Trial ends in Request Full Access Tell Your Colleague About Jove
JoVE Science Education
Earth Science

A subscription to JoVE is required to view this content.
You will only be able to see the first 20 seconds.

Una panoramica dell'analisi dei biomarcatori bGDGT per la paleoclimatologia
 
Click here for the English version

Una panoramica dell'analisi dei biomarcatori bGDGT per la paleoclimatologia

Overview

Fonte: Laboratorio di Jeff Salacup - Università del Massachusetts Amherst

Attraverso questa serie di video, campioni naturali sono stati estratti e purificati alla ricerca di composti organici, chiamati biomarcatori, che possono mettere in relazione informazioni su climi e ambienti del passato. Uno dei campioni analizzati era sedimento. I sedimenti si accumulano nel corso del tempo geologico in bacini, depressioni nella Terra in cui i sedimenti fluiscono attraverso l'azione del fluido (acqua o aria), movimento e gravità. Esistono due tipi principali di bacini, marini (oceani e mari) e lacustri (laghi). Come si può immaginare, in questi contesti vivono tipi di vita molto diversi, guidati in gran parte dalla differenza di salinità tra di loro. Negli ultimi decenni, i geochimici organici hanno scoperto una cassetta degli attrezzi di proxy di biomarcatori, o composti che possono essere utilizzati per descrivere il clima o l'ambiente, alcuni dei quali funzionano in ambienti marini e alcuni dei quali funzionano in lacustri. Rivolgiamo qui la nostra attenzione al regno lacustre e ai tetraeteri di glicerolo dialchilglicerolo ramificato (Figura 1).

In questa sezione ci concentriamo sull'analisi della paleotemperatura terrestre utilizzando tetrateri di glicerolo dialchilglicerolo ramificato(Figura 1;brGDCT) e il proxy MBT/CBT. Questo proxy è stato inizialmente descritto da Weijers et al. 1 e si basa sulla distribuzione di strutture ad anello e di diramazione in brGDCT. Hanno scoperto che la ciclizzazione dei tetraeteri ramificati (CBT) era direttamente correlata al pH del suolo.

CBT = -log ((Ib + IIb) / (I + II))

E che la metilazione dei tetraeteri ramificati (MBT) è stata determinata dalla temperatura media annuale dell'aria (MAAT) e, in misura minore, dal pH del suolo.

MBT = (I + Ib + Ic) / (I + Ib + Ic) + (II + IIb + IIc) + (III + IIIb + IIIc)

Pertanto, presi insieme e calibrati, MBT / CBT mette in relazione la distribuzione dei brGDCT sia alla temperatura del suolo che al pH.

MBT = 0,122 + (0,187 x CBT) + (0,020 x MAAT)

Si pensa che i GDCT ramificati siano lipidi a membrana e la loro produzione è stata inizialmente attribuita a batteri acidobatteri anaerobici che vivono nei terreni e nella torba2-5,ma lavori successivi hanno suggerito che potrebbero anche essere prodotti in colonne e sedimenti di lago ossico e anossico e marino6-9. L'ipotesi sostiene che gli acidobatteri trasformino i siti di metilazione in ciclizzazioni in risposta all'abbassamento della temperatura al fine di aumentare l'insaturazione (la ciclizzazione rimuove efficacemente due atomi di idrogeno) e mantenere la fluidità della membrana (per analogia, il grasso saturo (burro) è un solido a temperatura ambiente mentre il grasso insaturo (olio d'oliva) è un liquido), ma i GDCT ramificati non sono ancora stati identificati come i principali lipidi di membrana nelle colture di acidobatteri. Quindi la loro esatta provenienza è sconosciuta.

La calibrazione dei GDCT ramificati a variabili ambientali (temperatura, pH, salinità, precipitazioni, ecc.) è un argomento di ricerca diffusa. I laboratori di geochimica organica di tutto il mondo sono coinvolti nel compito di sviluppare calibrazioni globali1,10 e regionali11-13 tra DGT ramificati e (principalmente) temperatura. Pertanto, le equazioni sopra indicate vengono regolarmente perfezionate e perfezionate.

I GDCT ramificati vengono solitamente estratti da sedimenti lacustri, sebbene siano stati studiati anche i sedimenti marini costieri. Gli estratti subiscono una colonna di gel di silice per purificare i GDCT da altri composti che potrebbero non essere suscettibili di LC o che potrebbero co-eluire con i GDCT cromatograficamente. I GDCT escono nella frazione polare che eluisce nel metanolo.

Una volta purificato l'estratto lipidico totale, il campione estratto e purificato viene eseguito su un cromatografo liquido ad alte prestazioni accoppiato a uno spettrometro di massa a ionizzazione chimica. La concentrazione relativa dei GDCT è determinata ottenendo l'area sotto la curva per lo ione di massa selezionato (m/z; Figura 1) per ciascuno dei composti su software per computer progettati proprio per questo scopo (come Agilent Chemstation). Queste aree vengono quindi inserite nell'equazione di calibrazione selezionata per arrivare a una determinazione della paleotemperatura.

Figure 1
Figura 1. Strutture dei GDCT ramificati utilizzati per il calcolo della temperatura tramite proxy MBT / CBT (utilizzato con il permesso della dott.à 0 Isla Castañeda, che ha prodotto l'immagine). Fare clic qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

I composti organici chiamati biomarcatori possono essere utilizzati nelle scienze della Terra come paleotermometri per mettere in relazione informazioni su climi e ambienti del passato.

Gli organismi viventi producono questi biomarcatori, che ci forniscono informazioni sull'ambiente in cui vivevano. Possono fungere da proxy per dirci informazioni su eventi passati, come la temperatura della Terra milioni di anni fa.

La paleotemperatura terrestre può essere analizzata utilizzando biomarcatori trovati nei sedimenti dei bacini d'acqua dolce. Una classe chiave di questi biomarcatori sono i tetraeteri di glicerolo dialchilglicerolo ramificato o gDFT ramificati.

Questo video introdurrà l'area di studio, chiamata paleoclimatologia, che indaga i cambiamenti passati negli ambienti di acqua dolce nel corso di centinaia di milioni di anni. Questo aiuta a chiarire i cambiamenti climatici e ambientali attuali e futuri.

I sedimenti si accumulano nel corso del tempo geologico, a causa del movimento del fluido e della gravità, nei bacini sedimentari o nelle aree basse della crosta terrestre. I bacini sedimentari includono oceani, che raccolgono sedimenti marini, o laghi, che raccolgono sedimenti lacustri. I bacini marini e lacustri contengono diversi tipi di organismi, guidati in gran parte dalla differenza di salinità tra di loro. Pertanto, i bacini marini e lacustri contengono diversi biomarcatori.

Si ritiene che i GDCT ramificati siano lipidi che attraversano la membrana degli acidobatteri anaerobici. La ricerca suggerisce che gli organismi produttori cambiano le proprietà della membrana in risposta al cambiamento di temperatura.

Questo cambiamento è causato dalla trasformazione di siti metilati sui GDGT ramificati in siti ciclizzati a temperature più fredde, migliorando così la fluidità della membrana. Questo cambiamento nella struttura può quindi essere correlato alla temperatura attraverso un proxy. I proxy sono fenomeni fisici misurabili che sono correlati a variabili incommensurabili.

Questo proxy mette in relazione il numero di metilazioni o MBT e ciclizzazioni, o CBT, nel biomarcatore con la temperatura. Un'equazione derivata sperimentalmente può mettere in relazione MBT e CBT con la passata temperatura media annuale dell'aria.

Per studiare la relazione tra i biomarcatori GDGT ramificati e la temperatura del suolo, i sedimenti lacustri devono essere raccolti, estratti con una delle tre tecniche, purificati e analizzati.

Per iniziare a studiare la relazione tra i biomarcatori GDGT ramificati e la temperatura del suolo, le molecole lipidiche vengono prima estratte dai sedimenti lacustri, utilizzando una varietà di tecniche. L'estrazione tramite sonicazione è il metodo più semplice e meno costoso per ottenere l'estratto lipidico totale, o TLE, da un campione di sedimento. Per questo, un bagno ad ultrasuoni viene utilizzato per agitare il campione in una fiala contenente solvente organico. Una miscela di metanolo e diclorometano viene utilizzata per estrarre biomarcatori con una vasta gamma di polarità. Un'altra tecnica di estrazione utilizza l'estrazione Soxhlet. Un estrattore Soxhlet consente il reflusso, o ciclo continuo, di solvente organico da un pallone a fondo tondo verso l'alto in un condensatore, che viene raffreddato da acqua fredda e restituito. Il solvente condensato cade in un ditale in fibra di vetro contenente il campione. Una volta piena, la camera riversa il solvente organico nel pallone a fondo tondo, consentendo un'estrazione continua nel tempo.

Questa tecnica è utile nell'estrazione di grandi masse di sedimenti e nella preparazione di grandi volumi di standard per la calibrazione degli strumenti. Infine, l'estrazione accelerata con solvente, o ASE, è un metodo di estrazione registrato che utilizza alte temperature e pressioni per aumentare la cinetica del processo di estrazione. Lo strumento ASE può contenere fino a 24 campioni singoli e consente un controllo preciso di tutti i parametri nel processo di estrazione. Grazie alla sua velocità e semplicità d'uso, l'ASE è comunemente usato come metodo standard di estrazione con solvente.

Una volta che il campione lipidico viene estratto utilizzando una di queste tecniche, viene purificato in preparazione per l'analisi. Tipicamente, la cromatografia a colonna di gel di silice viene utilizzata per purificare il campione lipidico in base alla sua polarità. Per questo, una piccola colonna di vetro viene caricata con una polvere fine di silice, chiamata gel. La colonna viene quindi satura di un solvente apolare, tipicamente esano, e quindi il campione caricato sulla parte superiore. La separazione dell'estratto si basa sull'affinità del composto bersaglio sia per la fase solida che per la fase solvente.

I composti polari, in questo caso i GDGT ramificati, sono più attratti dalla silice polare rispetto all'esano apolare. Pertanto, i composti apolari, come gli idrocarburi, i composti mediopolari, come chetoni e alcoli, e i composti altamente polari, percorreranno la colonna a velocità diverse e in risposta a solventi di polarità crescente.

Gli eluenti vengono quindi raccolti in frazioni separate.

I GDGT purificati vengono quindi analizzati utilizzando cromatografia liquida ad alte prestazioni accoppiata a uno spettrometro di massa o LC-MS. LC-MS prima separa i composti e poi li analizza in base al loro rapporto massa-carica.

Ciò consente di determinare la concentrazione relativa di ciascun tipo di GDGT utilizzando l'area sotto la curva per lo ione di massa selezionato. MBT è calcolato come la frazione delle molecole del gruppo 1 al totale.

La CBT viene quindi calcolata come log negativo utilizzando molecole nei gruppi 1 e 2. MBT e CBT vengono quindi inseriti in un'equazione derivata sperimentalmente, al fine di arrivare a una determinazione paleotemperatura.

La determinazione della paleotemperatura utilizzando proxy di biomarcatori è utile in una serie di applicazioni nelle scienze della terra.

In primo luogo, la paleotermometria consente la determinazione della temperatura terrestre per lunghi periodi di tempo. Utilizzando varie tecniche, la temperatura della Terra è stata stimata fino a 500 milioni di anni fa. Questo ci dice l'involucro di temperatura entro il quale si sono evolute diverse forme di vita e informa le indagini sugli effetti della temperatura sulla biosfera, l'idrosfera, la litosfera e l'atmosfera della Terra nel passato e, per estensione, nel futuro.

Le tendenze più recenti della temperatura terrestre possono anche essere quantificate rispetto ai record costruiti utilizzando la paleotermometria. La temperatura della superficie terrestre è aumentata di quasi 1 grado dal 1850 ad oggi con un'accentuata tendenza al riscaldamento negli ultimi due decenni. Per comprendere l'impatto antropogenico sul clima globale, è necessario sviluppare e utilizzare come contesto registrazioni paleoclimatiche accurate.

Hai appena visto la panoramica di JoVE sulla paleotermometria del glicerolo dialchilglicerolo ramificato tetraetere. Ora dovresti capire come vengono utilizzati i biomarcatori GDGT ramificati e la tecnica generale di estrazione e purificazione. I seguenti video di questa serie entreranno più in dettaglio su questo complesso processo.

Grazie per l'attenzione!

Procedure

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

I composti organici chiamati biomarcatori possono essere utilizzati nelle scienze della Terra come paleotermometri per mettere in relazione informazioni su climi e ambienti del passato.

Gli organismi viventi producono questi biomarcatori, che ci forniscono informazioni sull'ambiente in cui vivevano. Possono fungere da proxy per dirci informazioni su eventi passati, come la temperatura della Terra milioni di anni fa.

La paleotemperatura terrestre può essere analizzata utilizzando biomarcatori trovati nei sedimenti dei bacini d'acqua dolce. Una classe chiave di questi biomarcatori sono i tetraeteri di glicerolo dialchilglicerolo ramificato o gDFT ramificati.

Questo video introdurrà l'area di studio, chiamata paleoclimatologia, che indaga i cambiamenti passati negli ambienti di acqua dolce nel corso di centinaia di milioni di anni. Questo aiuta a chiarire i cambiamenti climatici e ambientali attuali e futuri.

I sedimenti si accumulano nel corso del tempo geologico, a causa del movimento del fluido e della gravità, nei bacini sedimentari o nelle aree basse della crosta terrestre. I bacini sedimentari includono oceani, che raccolgono sedimenti marini, o laghi, che raccolgono sedimenti lacustri. I bacini marini e lacustri contengono diversi tipi di organismi, guidati in gran parte dalla differenza di salinità tra di loro. Pertanto, i bacini marini e lacustri contengono diversi biomarcatori.

Si ritiene che i GDCT ramificati siano lipidi che attraversano la membrana degli acidobatteri anaerobici. La ricerca suggerisce che gli organismi produttori cambiano le proprietà della membrana in risposta al cambiamento di temperatura.

Questo cambiamento è causato dalla trasformazione di siti metilati sui GDGT ramificati in siti ciclizzati a temperature più fredde, migliorando così la fluidità della membrana. Questo cambiamento nella struttura può quindi essere correlato alla temperatura attraverso un proxy. I proxy sono fenomeni fisici misurabili che sono correlati a variabili incommensurabili.

Questo proxy mette in relazione il numero di metilazioni o MBT e ciclizzazioni, o CBT, nel biomarcatore con la temperatura. Un'equazione derivata sperimentalmente può mettere in relazione MBT e CBT con la passata temperatura media annuale dell'aria.

Per studiare la relazione tra i biomarcatori GDGT ramificati e la temperatura del suolo, i sedimenti lacustri devono essere raccolti, estratti con una delle tre tecniche, purificati e analizzati.

Per iniziare a studiare la relazione tra i biomarcatori GDGT ramificati e la temperatura del suolo, le molecole lipidiche vengono prima estratte dai sedimenti lacustri, utilizzando una varietà di tecniche. L'estrazione tramite sonicazione è il metodo più semplice e meno costoso per ottenere l'estratto lipidico totale, o TLE, da un campione di sedimento. Per questo, un bagno ad ultrasuoni viene utilizzato per agitare il campione in una fiala contenente solvente organico. Una miscela di metanolo e diclorometano viene utilizzata per estrarre biomarcatori con una vasta gamma di polarità. Un'altra tecnica di estrazione utilizza l'estrazione Soxhlet. Un estrattore Soxhlet consente il reflusso, o ciclo continuo, di solvente organico da un pallone a fondo tondo verso l'alto in un condensatore, che viene raffreddato da acqua fredda e restituito. Il solvente condensato cade in un ditale in fibra di vetro contenente il campione. Una volta piena, la camera riversa il solvente organico nel pallone a fondo tondo, consentendo un'estrazione continua nel tempo.

Questa tecnica è utile nell'estrazione di grandi masse di sedimenti e nella preparazione di grandi volumi di standard per la calibrazione degli strumenti. Infine, l'estrazione accelerata con solvente, o ASE, è un metodo di estrazione registrato che utilizza alte temperature e pressioni per aumentare la cinetica del processo di estrazione. Lo strumento ASE può contenere fino a 24 campioni singoli e consente un controllo preciso di tutti i parametri nel processo di estrazione. Grazie alla sua velocità e semplicità d'uso, l'ASE è comunemente usato come metodo standard di estrazione con solvente.

Una volta che il campione lipidico viene estratto utilizzando una di queste tecniche, viene purificato in preparazione per l'analisi. Tipicamente, la cromatografia a colonna di gel di silice viene utilizzata per purificare il campione lipidico in base alla sua polarità. Per questo, una piccola colonna di vetro viene caricata con una polvere fine di silice, chiamata gel. La colonna viene quindi satura di un solvente apolare, tipicamente esano, e quindi il campione caricato sulla parte superiore. La separazione dell'estratto si basa sull'affinità del composto bersaglio sia per la fase solida che per la fase solvente.

I composti polari, in questo caso i GDGT ramificati, sono più attratti dalla silice polare rispetto all'esano apolare. Pertanto, i composti apolari, come gli idrocarburi, i composti mediopolari, come chetoni e alcoli, e i composti altamente polari, percorreranno la colonna a velocità diverse e in risposta a solventi di polarità crescente.

Gli eluenti vengono quindi raccolti in frazioni separate.

I GDGT purificati vengono quindi analizzati utilizzando cromatografia liquida ad alte prestazioni accoppiata a uno spettrometro di massa o LC-MS. LC-MS prima separa i composti e poi li analizza in base al loro rapporto massa-carica.

Ciò consente di determinare la concentrazione relativa di ciascun tipo di GDGT utilizzando l'area sotto la curva per lo ione di massa selezionato. MBT è calcolato come la frazione delle molecole del gruppo 1 al totale.

La CBT viene quindi calcolata come log negativo utilizzando molecole nei gruppi 1 e 2. MBT e CBT vengono quindi inseriti in un'equazione derivata sperimentalmente, al fine di arrivare a una determinazione paleotemperatura.

La determinazione della paleotemperatura utilizzando proxy di biomarcatori è utile in una serie di applicazioni nelle scienze della terra.

In primo luogo, la paleotermometria consente la determinazione della temperatura terrestre per lunghi periodi di tempo. Utilizzando varie tecniche, la temperatura della Terra è stata stimata fino a 500 milioni di anni fa. Questo ci dice l'involucro di temperatura entro il quale si sono evolute diverse forme di vita e informa le indagini sugli effetti della temperatura sulla biosfera, l'idrosfera, la litosfera e l'atmosfera della Terra nel passato e, per estensione, nel futuro.

Le tendenze più recenti della temperatura terrestre possono anche essere quantificate rispetto ai record costruiti utilizzando la paleotermometria. La temperatura della superficie terrestre è aumentata di quasi 1 grado dal 1850 ad oggi con un'accentuata tendenza al riscaldamento negli ultimi due decenni. Per comprendere l'impatto antropogenico sul clima globale, è necessario sviluppare e utilizzare come contesto registrazioni paleoclimatiche accurate.

Hai appena visto la panoramica di JoVE sulla paleotermometria del glicerolo dialchilglicerolo ramificato tetraetere. Ora dovresti capire come vengono utilizzati i biomarcatori GDGT ramificati e la tecnica generale di estrazione e purificazione. I seguenti video di questa serie entreranno più in dettaglio su questo complesso processo.

Grazie per l'attenzione!

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

References

  1. Weijers, J. W. H. et al. Environmental controls on bacterial tetraether membrane lipid distribution in soils, Geochimica et Cosmochimica Acta71(3), 703-713 (2007).
  2. Damste, J. S. S. et al. 13,16-Dimethyl Octacosanedioic Acid (iso-Diabolic Acid), a Common Membrane-Spanning Lipid of Acidobacteria Subdivisions 1 and 3. Appl Environ Microb, 77, 4147-4154 (2011).
  3. Hopmans, E. C. et al. A novel proxy for terrestrial organic matter in sediments based on branched and isoprenoid tetraether lipids, Earth and Planetary Science Letters224(1-2), 107-116 (2004).
  4. Weijers, J. W. H. et al. Membrane lipids of mesophilic anaerobic bacteria thriving in peats have typical archaeal traits. Environ Microbiol, 8, 648-657 (2006).
  5. Weijers, J. W. H., Schouten, S., Spaargaren, O. C., Damste, J. S. S. Occurrence and distribution of tetraether membrane lipids in soils: Implications for the use of the TEX86 proxy and the BIT index. Organic Geochemistry, 37, 1680-1693 (2006).
  6. Chappe, B., Albrecht, P., Michaelis, W. Polar Lipids of Archaebacteria in Sediments and Petroleums. Science, 217, 65-66 (1982).
  7. Peterse, F. et al. Constraints on the application of the MBT/CBT palaeothermometer at high latitude environments (Svalbard, Norway). Organic Geochemistry, 40, 692-699 (2009).
  8. Tierney, J. E., Russell J. M. Distributions of branched GDGTs in a tropical lake system: Implications for lacustrine application of the MBT/CBT paleoproxy, Organic Geochemistry40(9), 1032-1036 (2009).
  9. Zhu, C. et al. Sources and distributions of tetraether lipids in surface sediments across a large river-dominated continental margin. Organic Geochemistry, 42, 376-386 (2011).
  10. Pearson, E. J. et al. A lacustrine GDGT-temperature calibration from the Scandinavian Arctic to Antarctic: Renewed potential for the application of GDGT-paleothermometry in lakes. Geochimica et Cosmochimica Acta. 75, 6225-6238 (2011).
  11. Damste, J. S. S., Ossebaar, J., Schouten, S., Verschuren, D. Altitudinal shifts in the branched tetraether lipid distribution in soil from Mt. Kilimanjaro (Tanzania): Implications for the MBT/CBT continental palaeothermometer. Organic Geochemistry, 39, 1072-1076 (2008).
  12. Loomis, S. E., Russell, J. M., Ladd, B., Street-Perrott, F. A., Damste, J. S. S. Calibration and application of the branched GDGT temperature proxy on East African lake sediments. Earth and Planetary Science Letters, 357, 277-288 (2012).
  13. Tierney, J. E. et al. Environmental controls on branched tetraether lipid distributions in tropical East African lake sediments. Geochimica et Cosmochimica Acta, 74, 4902-4918 (2010).

Transcript

Please note that all translations are automatically generated.

Click here for the English version.

Get cutting-edge science videos from JoVE sent straight to your inbox every month.

Waiting X
Simple Hit Counter