Waiting
Login processing...

Trial ends in Request Full Access Tell Your Colleague About Jove
JoVE Science Education
Social Psychology

A subscription to JoVE is required to view this content.
You will only be able to see the first 20 seconds.

Errata attribuzione di eccitazione e dissonanza cognitiva
 
Click here for the English version

Errata attribuzione di eccitazione e dissonanza cognitiva

Overview

Fonte: Peter Mende-Siedlecki & Jay Van Bavel—New York University

Una serie di ricerche in psicologia suggerisce che i sentimenti di eccitazione psicologica possono essere relativamente ambigui e, in determinate circostanze, possono portarci a trarre conclusioni imprecise sui nostri stati mentali. Gran parte di questo lavoro deriva da ricerche seminali condotte da Stanley Schacter e Jerome Singer. Se qualcuno sperimenta l'eccitazione e non ha una spiegazione ovvia e appropriata, può tentare di spiegare la sua eccitazione in termini di altri aspetti della situazione o del contesto sociale.

Ad esempio, in uno studio classico, ai partecipanti è stato detto che stavano ricevendo un farmaco chiamato "Suproxin", nel tentativo di testare la loro visione. 1 In realtà, hanno ricevuto colpi di epinefrina, che in genere aumenta i sentimenti di eccitazione psicologica. Mentre ad alcuni partecipanti è stato detto che il farmaco avrebbe avuto effetti collaterali simili all'epinefrina, altri non sono stati informati degli effetti collaterali, altri sono stati disinformati e altri hanno ricevuto un placebo senza effetti collaterali suscitanti. I partecipanti hanno quindi interagito con un confederato, che si stava comportando in modo euforico o arrabbiato. Gli autori hanno osservato che i partecipanti che non avevano alcuna spiegazione per i loro sentimenti di eccitazione(ad esempio,la condizione disinformata) erano più suscettibili ai confederati. In altre parole, questi partecipanti hanno assunto l'emozionedei confederati (euforia o rabbia) più fortemente.

Uno studio successivo ha generalizzato questo effetto al dominio dell'attrazione interpersonale in un ambiente naturale. 2 I ricercatori hanno fatto incontrare ai partecipanti di sesso maschile un'attraente sperimentatrice camminando attraverso un ponte sospeso alto e stretto (alta eccitazione) o un ponte più basso e più stabile (bassa eccitazione). Dopo che i partecipanti hanno completato un questionario in cui è stato chiesto loro di descrivere un'immagine ambigua, lo sperimentatore ha fornito loro il suo numero di telefono, che sono stati istruiti a chiamare se avessero ulteriori domande. In particolare, gli uomini che hanno attraversato il ponte sospeso eccitante hanno fornito descrizioni con più contenuti sessuali ed erano più propensi a chiamare lo sperimentatore dopo lo studio. Gli autori hanno concluso che questi uomini hanno attribuito erroneamente la loro eccitazione psicologica derivante dall'attraversamento del ponte all'interazione con la sperimentatrice femminile, e successivamente hanno interpretato la loro eccitazione come un segno di attrazione verso di lei.

Zanna e Cooper (1974)3 applicarono questi principi allo studio della dissonanza cognitiva. Hanno previsto che le persone che sperimentano la dissonanza cognitiva, ma sono in grado di attribuire la loro eccitazione psicologica a qualche altra influenza esterna, avrebbero meno probabilità di cambiare i loro atteggiamenti su un argomento, rispetto alle persone che non hanno una fonte di spiegazione esterna. Questo lavoro segue la tradizione di una precedente ricerca sulla dissonanza cognitiva di Leon Festinger nel 1962, suggerendo che la dissonanza stessa è un fenomeno psicologicamente eccitante, che può essere vissuto come disagio o tensione. 4

Principles

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

L'indagine di Zanna e Cooper si basa su diversi principi che si trovano al centro della psicologia sociale. Si basa sulla teoria dei due fattori dell'emozione,come originariamente concepita da Schacter e Singer, che suggerisce che le nostre emozioni sono un prodotto costruito degli stati di eccitazione che sperimentiamo e delle etichette che successivamente applichiamo a quell'eccitazione. All'interno di questo quadro, può verificarsi un'errata attribuzione dell'eccitazione, nei casi in cui un individuo interpreta erroneamente la propria esperienza di eccitazione come derivante da una causa interna o esterna, come risultato di alcuni fattori situazionali.

In generale, queste idee supportano una visione secondo cui in genere non abbiamo accesso diretto alla nostra consapevolezza dei processi mentali alla base delle nostre percezioni e comportamenti (vedi Nisbett & Wilson, 1977),5 e evidenziano anche il potere della situazione di influenzare i nostri stati mentali.

Infine, Zanna e Cooper applicano questi principi allo studio della dissonanza cognitiva, l'idea che nei casi in cui un individuo detiene due (o più) credenze o atteggiamenti opposti, possono provare disagio psicologico e, di conseguenza, possono essere motivati ad alleviare quel disagio (forse cambiando i loro atteggiamenti).

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Procedure

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

1. Reclutamento dei partecipanti

  1. Condurre un'analisi di potenza e reclutare un numero sufficiente di partecipanti e ottenere il consenso informato dai partecipanti.

2. Raccolta dei dati

  1. Incontra il partecipante in una sala comune al di fuori della sala prove per spiegare il (presunto) scopo dell'esperimento.
    1. Descrivi al partecipante chegliè stato "chiesto di venire qui oggi per partecipare ad un esperimento sui processi di memoria " e che gli verrà somministrato un farmaco per studiarne gli effetti sulla memoria a breve termine. Assicurare al partecipante che il farmaco è perfettamente sicuro.
    2. Spiegare che il partecipante completerà due compiti dimemoria:uno prima di assumere il farmaco e uno dopo il suo "assorbimento totale. "
  2. Porta il partecipante nella sala prove e spiega che ora eseguirà la prima attività di memoria sul computer.
  3. Avviare l'attività e lasciare la stanza. In questo compito, il partecipante dovrebbe vedere 12 parole senza senso sullo schermo del computer, ciascuna visualizzata per alcuni secondi. Dopo che tutte le 12 parole sono state visualizzate, al partecipante dovrebbe essere richiesto di ricordare quante più parole possibile. Successivamente, al partecipante dovrebbe essere richiesto di richiamare lo sperimentatore nella sala di corsa.
  4. Rientrando nella stanza, istanziare la "manipolazione degli effetti collaterali del farmaco", dando al partecipante una capsula di pillola e un bicchiere d'acqua.
    1. La capsula è, in realtà, un placebocontenente latte in polvere.
  5. Per manipolare il potenziale effetto collaterale della pillola, ciechi alla condizione, dare al partecipante uno dei tre moduli di consenso alla droga da firmare.
    1. Randomizzare l'ordine dell'assegnazione della condizione al partecipante in anticipo.
    2. Nella condizione di eccitazione, il modulo di consenso al farmaco dovrebbe indicare: "Questa capsula M.C. S771 contiene elementi chimici che sono più solubili di altre parti del composto. In questa forma del farmaco questi elementi possono produrre una reazione di tensione prima dell'assorbimento totale del farmaco, 5 minuti dopo l'ingestione. Questo effetto collaterale scomparirà entro 30 minuti."
    3. Nella condizione di rilassamento, il modulo di consenso al farmaco dovrebbe essere identico, tranne che la "tensione" dovrebbe essere sostituita con "rilassamento. "
    4. Nella condizione di non informazione, il modulo di consenso al farmaco dovrebbe solo indicare che "il tempo totale di assorbimento del farmaco è di 30 minuti" e che "non ci sono effetti collaterali. "
  6. Consenti al partecipante di firmare il modulo di consenso e ingerire la capsula della pillola.
  7. Spiega che lo studio richiede 30 minuti per passare prima del secondo compito di memoria e che il laboratorio ha un altro studio in corso, non relativo alla memoria ma alla ricerca di opinioni, a cui il partecipante è invitato a partecipare.
  8. Avviare la "manipolazione della dissonanza" (due condizioni: "scelta alta" e "scelta bassa"), variando il grado di libertà decisionale che il partecipante deve scrivere un saggio che diverge dai propri atteggiamenti.
    1. Nella condizione di "alta scelta" (ad esempio, alta dissonanza), lo sperimentatore dovrebbe dire: "Lascerò interamente a te decidere se vorresti parteciparvi, ma ti sarei molto grato se lo faresti. "
    2. Nella condizione di "bassa scelta" (ad esempio,bassa dissonanza), lo sperimentatore dovrebbe semplicemente dire: "Durante questa attesa, ti chiederò di fare un piccolo compito per questo esperimento di ricerca di opinione. "
  9. In entrambe le condizioni, spiega il compito come segue: "La questione se gli oratori infiammatori dovrebbero essere autorizzati a parlare in un campus universitario spesso diventa un problema. La Ivy League Administrators Association sta cercando di formulare una politica standard sul fatto che, e in quali circostanze, gli oratori infiammatori dovrebbero essere autorizzati a parlare nel campus. L'esperienza passata ha indicato che uno dei modi migliori per capire quali sono gli argomenti rilevanti su entrambi i lati di qualsiasi problema è chiedere alle persone di scrivere saggi a favore di un lato della questione. Pertanto, quello che vorremmo che tu facessi è scrivere il saggio più forte e più forte che puoi prendere la posizione che gli oratori infiammatori dovrebbero essere banditi dai campus universitari. " (NOTA: Cambia la lingua a seconda dell'università.)
    1. Nella condizione di "scelta alta", vai oltre e assicurati il consenso verbaledelpartecipante, aggiungendo dopo la conformità, "Ricorda, non hai alcun obbligo. " (Nello studio originale, tutti i soggetti hanno accettato di scrivere il saggio.)
  10. Dai al partecipante 10 minuti per completare il suo saggio.
  11. Successivamente, raccogliere le misure dipendenti.
    1. Per prima cosa, chiedi al partecipante di indicare come si sente "in questo momento" su una scala di 31 punti con endpoint etichettati calmo (1) e teso (31).
    2. Successivamente, chiedi al partecipante di descrivere il loro sentimento attuale "sull'adozione di un divieto contro i parlanti infiammatori nel campus" su una scala di 31 punti con endpoint etichettati fortemente opposti (1) e fortemente a favore (31).
    3. Infine, per valutare l'efficacia della manipolazione della libertà decisionale, chiedere ai partecipanti di indicare "quanto si sentivano liberi di rifiutare di partecipare a questo progetto di ricerca Ivy League Administrators" su una scala di 31 punti con endpoint etichettati come non liberi affatto (1) ed estremamente liberi (31).
  12. Come mezzo per ottenere una linea di base per quanto riguarda queste misure dipendenti, un gruppo separato di soggetti di controllo è stato reclutato in modo identico ai soggettisperimentali, ma non è stato esposto alle procedure sperimentali(ad esempio,né la "manipolazionedegli effetti collaterali delfarmaco", né la "manipolazionedella dissonanza"). Al contrario, tali soggetti di controllo si sono semplicemente pronunciati sulle misure descritte ai paragrafi da 7 a 9 supra.
  13. Dopo che il partecipante ha completato queste domande, dare loro un debriefing completo riguardante lo scopo e le procedure dello studio, con particolare enfasi posta sul fatto che la capsula ingerita era, in realtà, un placebo.

3. Analisi dei dati

  1. Dopo aver eseguito tutti i partecipanti, confrontare la quantità di accordo con la proposta di adottare un divieto contro i parlanti infiammatori nel campus in funzione sia del grado di dissonanza sperimentato che degli effetti collaterali attribuiti alla pillola, tramite un 2 (dissonanza: scelta alta vs scelta bassa) x 3 (effetti collaterali: eccitazione, nessuno, rilassamento) ANOVA.
  2. Inoltre, come controllo di manipolazione, confronta anche le auto-segnalazioni di tensione dei partecipanti in funzione della condizione di dissonanza e della condizione degli effetti collaterali, tramite un ANOVA 2 x 3.

Potremmo pensare di sapere come e perché ci sentiamo in un certo modo in un dato momento. Tuttavia, gli stati mentali sono un prodotto sia di disposizioni interne che di situazioni esterne che non siamo direttamente consapevoli, il che – in determinate circostanze – crea incoerenze tra le aspettative percettive e la realtà.

Ad esempio, durante l'escursionismo un individuo si avvicina a un ponte sospeso alto e stretto e deve attraversarlo. Così facendo, è psicologicamente eccitato, anche se non se ne rende conto. Invece, interpreta i suoi sentimenti di eccitazione in termini di altri aspetti salienti della situazione, come incontrare una donna dall'altra parte.

In questa particolare ambientazione, ha erroneamente attribuito la sua eccitazione come un segno di attrazione verso la femmina piuttosto che la vera causa: l'attraversamento del ponte. Così, l'errata attribuzione ha portato all'attrazione e alla sua ricerca di scambiare audacemente il suo numero di telefono.

Tuttavia, se prima di programmare il viaggio escursionistico si fosse impegnato a essere single, tale azione sarebbe incoerente con le sue stesse aspettative, che è un esempio di dissonanza cognitiva, uno stato di disagio mentale correlato al mantenimento simultaneo di credenze contraddittorie. Questo conflitto psicologico produce disagio e, di conseguenza, potrebbe indurre l'individuo a evitare situazioni relazionali in futuro.

Questo video dimostra come manipolare i principi alla base della teoria dei due fattori dell'emozione – che i sentimenti sono un prodotto costruito e quindi vulnerabile a interpretazioni errate – e la dissonanza cognitiva per misurare in definitiva gli atteggiamenti su una particolare credenza, come vietare gli altoparlanti infiammatori.

In questo esperimento, i partecipanti pensano di completare uno studio di richiamo della memoria, uno che dovrebbe esaminare l'effetto di un farmaco, quando in realtà vengono manipolati. In realtà, la pillola è un placebo – un segnale esterno – a cui attribuire i loro sentimenti interni quando scrivono un saggio contro-attitudinale nella seconda fase.

Durante la prima fase, i partecipanti sono divisi in modo casuale in tre gruppi: due sono informati degli effetti collaterali del farmaco – il suo assorbimento può causare tensione o rilassamento – mentre il terzo rimanente non riceve tali informazioni.

Nella seconda fase – la manipolazione della dissonanza – i partecipanti sono ulteriormente divisi in uno dei due livelli: high-choice, dove possono decidere se scrivere o meno un saggio che contrasti le loro convinzioni sulla libertà di parola nel campus; o a bassa scelta, dove sono essenzialmente costretti a scriverlo.

Tutti i partecipanti sono istruiti a scrivere il saggio più forte e più forte che possono a sostegno del divieto di altoparlanti infiammatori dal campus. A coloro che hanno la libertà – l'alta scelta – viene ricordato che non hanno alcun obbligo di partecipare.

Successivamente, le seguenti variabili dipendenti vengono misurate utilizzando due questionari di atteggiamento: nel primo, i partecipanti riportano i loro sentimenti attuali su una scala che va da 1 (calma) a 31 (tempo).

Rispetto ai partecipanti senza informazione, si prevede che quelli in condizioni di eccitazione riferiscano di essere più tesi, mentre quelli in condizioni rilassate dovrebbero essere l'opposto: più calmo. Tali risultati sarebbero coerenti con gli effetti collaterali originali forniti.

Inoltre, se la dissonanza cognitiva è eccitante, i partecipanti all'interno del gruppo di alto livello e senza informazione dovrebbero riferire di essere più tesi di quelli assegnati al basso livello.

Nel secondo sondaggio, ai partecipanti viene chiesto il loro sostegno all'adozione del divieto, su una scala da 1 (fortemente contrario) a 31 (fortemente a favore). Per i partecipanti al gruppo di controllo senza informazione – che non avevano nulla a cui attribuire la loro azione sul saggio – si prevede che quelli all'interno del livello di alta scelta mostrino un cambiamento di atteggiamento più grande, concordando con il divieto, rispetto al livello di scelta bassa.

Inoltre, ci si aspetta che i partecipanti alla condizione di eccitazione attribuiscano la loro tensione alla pillola e non al saggio, quindi i loro atteggiamenti di non accettare il divieto non cambierebbero.

Al contrario, nella condizione di rilassamento, ci sarebbe una maggiore dissonanza cognitiva con un livello di scelta elevato, producendo un cambiamento ancora maggiore negli atteggiamenti a favore del divieto, rispetto al livello di scelta bassa.

Prima di iniziare l'esperimento, condurre un'analisi di potenza per determinare il numero appropriato di partecipanti richiesti. Una volta completato, saluta ciascuno in laboratorio e spiega la storia di copertina: che parteciperanno a uno studio sull'effetto di un farmaco sui processi di memoria.

Nella sala prove, prima istruisci a partecipare a un'attività di richiamo sul computer. Visualizza 12 parole senza senso, ognuna per alcuni secondi. Successivamente, chiedi loro di richiamare il maggior numero possibile.

Dopo il test di memoria, consegnare al partecipante un bicchiere d'acqua e una pillola. Da una pila di incarichi ordinati casualmente, fornisci loro un modulo di consenso per guardare oltre e firmare prima di ingerire la pillola. Si noti che il modulo indica diversi effetti collaterali a seconda delle condizioni sperimentali.

Qui, l'assegnazione dell'eccitazione indica che viene prodotta una reazione di tensione. Per il secondo gruppo, sostituisci la tensione con il rilassamento. Infine, nella condizione di non informazione, è sufficiente indicare il tempo di assorbimento e che non ci sono effetti collaterali. Una volta firmato, consentire al partecipante di ingerire la pillola.

Ora spiega che devono passare 30 minuti prima di fare il secondo test di memoria e invitali a prendere parte a un altro studio sulla ricerca di opinione. Per manipolare il livello di dissonanza, dì a coloro che sono assegnati casualmente come ad alta scelta: "Lascerò interamente a te decidere se ti piacerebbe parteciparvi, ma ti sarei molto grato se lo facessi." e come scelta bassa: "Durante questa attesa, ti chiederò di fare un piccolo compito per questo esperimento di ricerca di opinioni".

In entrambe le condizioni, spiega il compito: "Vorrei che tu scrivessi il saggio più forte e più forte che puoi prendendo la posizione che gli oratori infiammatori dovrebbero essere banditi dai campus universitari". Sottolinea per i partecipanti di alto livello di scelta: "Ricorda, non hai alcun obbligo". Dai loro 10 minuti per completare il saggio.

Dopo aver finito di scrivere, chiedi loro di valutare come si sentono in questo momento su una scala di 31 punti che va dalla calma alla tensione. Quindi, chiedi loro come si sentono ad adottare un divieto contro gli oratori infiammatori nel campus su un'altra scala di 31 punti, da fortemente opposta a fortemente a favore.

Inoltre, per valutare l'efficacia del livello di scelta, chiedi ai partecipanti quanto si sono sentiti liberi di rifiutare la partecipazione a questo progetto di ricerca di opinione, sempre su una scala di 31 punti, che va dal non libero affatto all'estremamente libero.

Infine, informa i partecipanti e rafforza che la pillola era un placebo e ringraziali per aver preso parte allo studio.

Per analizzare i dati, calcolare la quantità media riportata di tensione per ciascuna delle condizioni e tracciare i risultati. Utilizzare un ANOVA 2 x 3 per confermare che i risultati sono significativi.

I sentimenti sono stati indotti, come previsto: indipendentemente dal livello di scelta, i partecipanti alla condizione di eccitazione hanno riferito di sentirsi più tesi dei controlli, mentre quelli del gruppo di rilassamento hanno riportato livelli molto più bassi, coerenti con l'essere calmi.

Al contrario, gli effetti del livello di scelta erano evidenti solo all'interno della condizione di controllo– nessuna informazione fornita. Qui, i partecipanti ad alta scelta hanno riferito di sentirsi più tesi di quelli nella condizione di bassa scelta, rafforzando che la dissonanza ha avuto un impatto, manipolando l'eccitazione.

Per valutare le differenze attitudinali nel sostenere il divieto, fare la media delle valutazioni e utilizzare un ANOVA 2 x 3 per confermare i risultati che nella condizione di non informazione, i partecipanti al livello di scelta elevata hanno mostrato un cambiamento di atteggiamento più ampio concordando con il divieto. Questi risultati suggeriscono che la dissonanza stava influenzando il loro comportamento.

Questo effetto di dissonanza è stato ancora maggiore per la condizione di rilassamento con un accordo esagerato al divieto nel livello di scelta elevata.

Tuttavia, non vi è stato alcun effetto di dissonanza nella condizione di eccitazione; cioè, il livello di scelta alta ha mostrato un sostegno simile per il divieto come il livello di scelta bassa, suggerendo che hanno attribuito la loro eccitazione all'influenza esterna del farmaco, riducendo così i loro sentimenti di dissonanza e cambiamento di atteggiamento.

Ora che hai familiarità con l'errata attribuzione dell'eccitazione psicologica e come può essere utilizzata per alterare gli effetti della dissonanza cognitiva, diamo un'occhiata ad altre situazioni di vita reale in cui questi principi possono essere applicati.

Sulla base della ricerca sull'errata attribuzione dell'eccitazione, si potrebbe voler prendere un primo appuntamento per eseguire uno sport attivo nella speranza che interpretino erroneamente il loro cuore da corsa come un segno di attrazione. Questa strategia viene utilizzata continuamente nei popolari programmi TV romantici per aiutare a creare attrazione tra i concorrenti.

La ricerca suggerisce anche che affinché un individuo cambi idea rispetto a una determinata credenza, è necessario un disagio psicologico. Ad esempio, per convincere qualcuno a passare a una dieta vegetariana, considera di offrire un argomento psicologicamente eccitante basato sull'etica del benessere degli animali.

La dissonanza cognitiva viene creata la prossima volta che quella persona fa una scelta tra un pasto a base di carne e uno vegetale. Se esiste abbastanza disagio psicologico, sceglieranno la festa vegetariana per ridurre la dissonanza.

Infine, i ricercatori hanno combinato la risonanza magnetica funzionale con la manipolazione della dissonanza per capire quali regioni del cervello sono coinvolte. I partecipanti hanno avuto il compito di fingere che la spiacevole esperienza di risonanza magnetica fosse in realtà piacevole.

La corteccia cingolata anteriore di coloro che stavano fingendo ha mostrato una maggiore attività rispetto ai controlli, suggerendo che questa regione è coinvolta in processi legati alla dissonanza cognitiva.

Hai appena visto il video di JoVE sull'errata attribuzione dell'eccitazione e della dissonanza cognitiva. Ora dovresti avere una buona comprensione di come progettare ed eseguire un esperimento con manipolazioni di sentimenti e opinioni psicologiche, come analizzare e valutare i risultati, nonché come applicare i principi a una serie di situazioni del mondo reale.

Grazie per l'attenzione!

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Results

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Nell'indagine originale, gli autori hanno osservato chele segnalazioni di tensione dei partecipanti erano influenzate dagli effetti collaterali che gli sperimentatori attribuivano al farmaco (Figura 1). I partecipanti alla condizione di eccitazione si sentivano più tesi dei partecipanti alla condizione di non informazione, mentre i partecipanti alla condizione di rilassamento li avrebbero sentiti rilassati sentirsi meno tesi rispetto ai partecipanti alla condizione di non informazione. Inoltre, all'interno della condizione di non informazione, i partecipanti alla condizione ad alta scelta hanno riferito di sentirsi più tesi rispetto ai partecipanti alla condizione a bassa scelta.

Per quanto riguarda i risultati del cambiamento di atteggiamento, gli autori hanno osservato il classico risultato di dissonanza nella condizione di non informazione: i partecipanti alla condizione di alta scelta hanno mostrato cambiamenti più grandi nei loro atteggiamenti rispetto ai partecipanti alla condizione di bassa scelta (Figura 2). Tuttavia, nella condizione di eccitazione, non c'erano differenze nel cambiamento di atteggiamento tra scelta alta e bassa. Al contrario, nella condizione di rilassamento, gli effetti della dissonanza erano esagerati: gli individui nella condizione di alta scelta hanno mostrato prove ancora più forti di cambiamento di atteggiamento, rispetto ai partecipanti a bassa scelta.

Figure 1
Figura 1: Tensione riportata in funzione della manipolazione della dissonanza e dell'effetto collaterale del farmaco. I sentimenti di tensione riportati dai partecipanti sono tracciati sull'asse y, in funzione sia della manipolazione della dissonanza a cui sono stati esposti sia della descrizione degli effetti collateralidelfarmaco che sono stati dati. Confermando la manipolazione degli effetti collaterali, i partecipanti a cui è stato detto che il farmaco li avrebbe fatto sentire eccitati si sentivano più tesi dei partecipanti alla condizione di non informazione, mentre i partecipanti a cui era stato detto che il farmaco li avrebbe fatto sentire rilassati si sentivano meno tesi dei partecipanti alla condizione di non informazione. Inoltre, all'interno della condizione di non informazione, i partecipanti alla condizione di alta dissonanza sentivano più tensione di quelli nella condizione di bassa dissonanza.

Figure 2
Figura 2: Sostegno all'adozione del divieto in funzione della manipolazione della dissonanza e degli effetti collaterali della droga. Il sostegno dei partecipantiall'adozione di un divieto di parlanti infiammatori è tracciato sull'asse y, in funzione sia della manipolazione della dissonanza a cui sono stati esposti sia della descrizione degli effetti collateralidelfarmaco che sono stati dati. La figura mostra un'interazione tra la manipolazione della dissonanza e gli effetti collaterali attribuiti al farmaco. Mentre i partecipanti che potevano attribuire la loro eccitazione al farmaco non hanno mostrato alcun supporto per il divieto in entrambe le condizioni di dissonanza, i partecipanti alla condizione di non informazione hanno mostrato un sostegno più forte per il divieto nella condizione di alta dissonanza rispetto alla condizione di bassa dissonanza. Inoltre, quando i partecipanti si aspettavano che il farmaco producesse rilassamento come effetto collaterale, questo effetto della condizione di alta dissonanza era ancora più pronunciato.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Applications and Summary

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Sulla base di questi risultati, gli autori hanno concluso che la dissonanza è, in effetti, uno stato mentale psicologicamente eccitante e simile a una guida. Come tale, offrire ai partecipanti un segnale esterno per attribuire la loro eccitazione a (in questo caso, il farmaco, come è stato descritto nella condizione di eccitazione) ha ridotto i sentimenti di dissonanza e, di conseguenza, ha diminuito il grado in cui i partecipanti hanno cambiato i loro atteggiamenti. Mentre la procedura sopra descritta è stata impiegata qui specificamente come mezzo per studiare la dissonanza cognitiva, potrebbe essere modificata per servire come metodo generale per indurre sentimenti di eccitazione e, più specificamente, per esaminare l'errata attribuzione dell'eccitazione.

L'implicazione generale di studi come quello condotto da Zanna e Cooper nel 1974 è che siamo profondamente influenzati da aspetti della "situazione". Perché possiamo pensare di sapere come ci sentiamo (e perché lo sentiamo) in un dato momento, i nostri stati mentali sono un prodotto di una miriade di fattori esterni e interni. Se vuoi evitare di sentirti nervoso prima di un colloquio di lavoro cruciale, forse evita la tazza di caffè (potenzialmente) eccitante. Al contrario, forse prendere un primo appuntamento per un film di paura li farà interpretare erroneamente la loro frequenza cardiaca in corsa come un segno di attrazione.

Più specificamente per quanto riguarda la scienza della persuasione, questa ricerca suggerisce che il disagio psicologico è una condizione necessaria per un individuo per cambiare idea rispetto a una determinata credenza. Inoltre, affinché si verifichi un cambiamento di atteggiamento, può essere fondamentale assicurarsi che l'individuo non sia in grado di attribuire questo disagio a qualche altro attributo ambientale.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

References

  1. Schachter, S., & Singer, J. (1962). Cognitive, social, and physiological determinants of emotional state. Psychological Review, 69, 379-399.
  2. Dutton, D. G., & Aron, A. P. (1974). Some evidence for heightened sexual attraction under conditions of high anxiety. Journal of Personality and Social Psychology, 30, 510-517.
  3. Zanna, M. P., & Cooper, J. (1974). Dissonance and the pill: An attribution approach to studying the arousal properties of dissonance. Journal of Personality and Social Psychology, 29, 703-709.
  4. Festinger, L. (1962). A theory of cognitive dissonance (Vol. 2). Stanford university press.
  5. Nisbett, R. E., & Wilson, T. D. (1977). Telling more than we can know: Verbal reports on mental processes. Psychological Review, 84, 231-259.

Transcript

Please note that all translations are automatically generated.

Click here for the English version.

Get cutting-edge science videos from JoVE sent straight to your inbox every month.

Waiting X
Simple Hit Counter