Waiting
Login processing...

Trial ends in Request Full Access Tell Your Colleague About Jove
JoVE Science Education
Chemical Engineering

A subscription to JoVE is required to view this content.
You will only be able to see the first 20 seconds.

Utilizzo di un essiccatore a vassoio per studiare il trasferimento di calore convettivo e conduttivo
 
Click here for the English version

Utilizzo di un essiccatore a vassoio per studiare il trasferimento di calore convettivo e conduttivo

Overview

Fonte: Michael G. Benton e Kerry M. Dooley,Dipartimento di Ingegneria Chimica, Louisiana State University, Baton Rouge, LA

Gli essiccatori sono utilizzati in numerosi processi industriali. La funzione di un essiccatore è quella di utilizzare processi di trasferimento di calore per asciugare i solidi. Esiste una varietà di tipi di essiccatori. Gli essiccatori adiabatici utilizzano la convezione e il contatto diretto con i gas per asciugare i solidi, mentre gli essiccatori non adiabatici utilizzano metodi diversi dal contatto con il gas riscaldato per asciugare1, tra cui conduzione, radiazione e essiccazione a radiofrequenza1. Gli essiccatori possono essere utilizzati per processi batch o essere in uso continuo1.

In questo esperimento, gli effetti della temperatura e della velocità dell'aria sulla velocità di essiccazione della sabbia saranno determinati utilizzando un essiccatore a vassoio. Verranno testate tre diverse impostazioni di potenza (1000 W, 1500 W e 2500 W) per due diverse portate d'aria, per un totale di sei set di dati. Da questi dati è possibile calcolare i coefficienti di trasferimento di calore e massa.

Principles

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Gli essiccatori a vassoio sono un tipo di essiccatore batch, che include anche essiccatori a letto fluido, liofilizzatori e aspirapolvere. Gli essiccatori a vassoio utilizzano il trasferimento di calore convettivo per far fluire l'aria riscaldata sui solidi per asciugarli. Sono utilizzati da una varietà di industrie, tra cui la produzione di prodotti farmaceutici e altri prodotti chimici1. Gli essiccatori continui, d'altra parte, sono comuni alle industrie di prodotti di grandi volumi, come l'industria alimentare1.

Per iniziare il processo in un tipico essiccatore a vassoio, il vassoio viene riempito uniformemente con un solido bagnato, come la sabbia, e caricato nell'apparecchio. La ventola e il riscaldatore regolabili dell'essiccatore consentono continue variazioni della portata d'aria dalla ventola attraverso il canale di essiccazione e variazioni del servizio termico con incrementi di 500 watt. Mentre l'essiccatore funziona, l'acqua evapora dalla sabbia nell'aria. La velocità di essiccazione viene quindi calcolata pesando la miscela iniziale solido/acqua e sottraendo il peso del solido secco finale e a vari intervalli di tempo.

Il trasferimento di calore è guidato dalla differenza di temperatura tra la sabbia e l'aria circostante. Una legge semplificata del riscaldamento di Newton (equazione 1) può essere utilizzata per modellare il trasferimento di calore tra l'aria riscaldata e l'interfaccia sabbia-aria per ottenere un coefficiente di trasferimento di calore sperimentale. Altri termini di servizio termico sono trascurabili rispetto al termine dell'equazione 1,

Equation 1Equazione 1

dove q è il calore trasferito, ṁ è l'acqua evaporata in una quantità assegnata di tempo o velocità di evaporazione, ∆Hvap è l'entalpia della vaporizzazione, hy è il coefficiente di trasferimento del calore, Taria è la temperatura dell'aria e Ts è la temperatura superficiale della sabbia.

Al fine di ottenere un coefficiente di trasferimento di massa sperimentale, il trasferimento di acqua dalla sabbia all'aria sarà modellato come trasferimento di massa che scorre attraverso un vero confine di fase. L'equazione del tasso di essiccazione (equazione 2) è questo modello.

Equation 2Equazione 2

dove ky è il coefficiente di trasferimento di massa, C è la concentrazione di acqua e A è la superficie del confine. Le concentrazioni di acqua nella sabbia (Cs)e nell'aria (C∞) saranno ottenute utilizzando rispettivamente un bilancio di massa e grafici psicrometrici. Questi sono usati per risolvere il tasso di asciugatura.

I valori teorici possono essere confrontati con i dati sperimentali calcolando i coefficienti di trasferimento di calore e di massa. I coefficienti teorici di trasferimento del calore (Equazione 3) e della massa (Equazione 4) sono ottenuti dalle proprietà delle sostanze coinvolte dalle correlazioni.

Equation 3Equazione 3

Equation 4Equazione 4

dove Re è il numero di Reynolds, Pr è il numero di Prandtl, Sc è il numero di Schmidt, DAB è la diffusività dell'acqua nell'aria, L è la lunghezza e k è la conduttività termica.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Procedure

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

L'esperimento consisterà in quattro esecuzioni, ognuna delle quali testerà una diversa combinazione di una delle due impostazioni della ventola e del calore.

1. Funzionamento dell'essiccatore a vassoio

  1. Preparare il liquame mescolando 500 g di sabbia e 150 ml di acqua e caricare nel vassoio sperimentale per l'unità. Distribuire uniformemente la miscela nel vassoio.
  2. Con l'unità principale spenta, posizionare il vassoio nella camera di essiccazione.
  3. Accendere l'unità principale, quindi accendere il ventilatore e il riscaldatore.
  4. Impostare la velocità e la temperatura dell'aria per ogni corsa. Le tre velocità dell'aria dovrebbero variare da 0,8 ft / s a 2,0 ft / s (una alta, media e bassa) con una temperatura costante intorno a 195 ºF. Le tre temperature dovrebbero variare da 130 a 200 ºF con una velocità dell'aria costante di 1,8 ft / s.
  5. Prendi le misure ogni 5 minuti durante l'intera corsa, che dovrebbe durare 45 minuti. I dati raccolti devono includere la temperatura dell'aria in ingresso, la temperatura della sabbia, il peso della sabbia, la temperatura dell'aria in uscita, la portata dell'aria in uscita, la temperatura del bulbo secco e la temperatura del bulbo umido. Utilizza i termometri digitali per le letture della temperatura, le impostazioni del flusso d'aria per il flusso d'aria, una bilancia digitale per il peso della sabbia e uno psicrometro a fionda per le temperature del bulbo umido e secco.
  6. Ripetere il processo per ogni set di impostazioni, per un totale di quattro esecuzioni univoche.

L'essiccazione dei vassoi è un processo convettivo di trasferimento di calore e massa comunemente usato nell'industria per separare i solidi dai liquidi. Nell'essiccazione del vassoio, un flusso di gas caldo viene fatto passare su un solido umido per vaporizzare il liquido. Il processo non richiede agitazione e consente il controllo della temperatura e di altre proprietà. La flessibilità dell'essiccazione del vassoio consente di utilizzare nella produzione chimica, farmaceutica e alimentare prima del confezionamento. Sebbene apparentemente semplice, il processo richiede generalmente una sperimentazione approfondita per ottimizzare le condizioni di essiccazione senza danneggiare il solido. Questo video illustrerà come funziona un essiccatore a vassoi, dimostrerà una procedura tipica per le prove di essiccazione e discuterà alcune applicazioni.

Per iniziare, diamo un'occhiata al funzionamento di un essiccatore a vassoio. Il design più semplice impiega un telaio metallico rettangolare costituito da una presa d'aria, ventilatori, riscaldatori, un vano vassoio e un'uscita. Il solido bagnato viene caricato in un vassoio poco profondo, che viene posizionato nel vano vassoio. I ventilatori e i riscaldatori forzano un flusso di gas caldo sul vassoio a una temperatura e una portata attentamente controllate. Il liquido nel vassoio evapora e viene rimosso dal solido. L'essiccazione dei vassoi è un processo batch, il che significa che l'aggiunta e la rimozione di solidi dall'essiccatore sono passaggi discreti che non possono avvenire contemporaneamente. I suoi vantaggi rispetto ad altri metodi di essiccazione includono semplicità e flessibilità di funzionamento e costi fissi relativamente bassi. I suoi svantaggi includono alti costi di manodopera e un elevato consumo di energia, sebbene quest'ultimo possa essere in qualche modo compensato filtrando e pre-formando il solido. Ora che abbiamo visto alcune nozioni di base su come funzionano i macchinari per l'essiccazione, diamo un'occhiata a come avviene la separazione.

La separazione del liquido dal solido consiste in due passaggi. Nella prima fase, il gas trasferisce calore al liquido attraverso la convezione, causando l'evaporazione del liquido. La velocità di trasferimento del calore, e quindi la velocità di evaporazione, dipende dalla differenza di temperatura tra il gas e il liquido e da una costante di proporzionalità determinata empiricamente chiamata "coefficiente di trasferimento di calore convettivo". Nella seconda fase, il liquido appena vaporizzato viene trasferito lontano dall'interfaccia attraverso il trasferimento di massa convettivo per prevenire la ricondensazione. La velocità di questo processo dipende dalla differenza di concentrazione di vapore tra l'interfaccia e la maggior parte del flusso di gas. La costante di proporzionalità empirica qui è il coefficiente di trasferimento di massa convettivo. Sebbene i coefficienti possano essere stimati, sono unici per il solido che viene essiccato e la geometria dell'essiccatore a vassoio. Inoltre, i coefficienti sono validi solo fino a quando la superficie solida è satura. Dopo che l'umidità superficiale è stata significativamente abbassata, la velocità di essiccazione diminuirà man mano che il movimento interno del liquido all'interno del solido diventa il meccanismo di trasferimento di massa dominante. Ora che conosci i principi, vediamo la procedura di essiccazione del campione.

Questa dimostrazione illustra l'essiccazione di un liquame di acqua sabbiosa a varie temperature e velocità dell'aria. In primo luogo, controllare l'essiccatore per i rischi per la sicurezza e assicurarsi che lo psicrometro e altri dispositivi di misurazione siano pronti per l'uso. Preparare il liquame mescolando 500 grammi di sabbia con 150 grammi di acqua. Versare il liquame nel vassoio e assicurarsi che sia distribuito uniformemente. Accendere l'unità e posizionare il vassoio nella camera di essiccazione e registrare il peso. Quindi, accendere il ventilatore e l'essiccatore. Impostare la velocità e la temperatura dell'aria per la prova. Ogni prova durerà 45 minuti con misurazioni effettuate a intervalli di cinque minuti. Utilizzare un termometro digitale per misurare la temperatura dell'aria in ingresso, la temperatura della sabbia e la temperatura dell'aria in uscita. Utilizzare lo psicrometro per misurare le temperature del bulbo secco e del bulbo umido. Infine, registrare la portata d'aria in uscita e il peso dalla bilancia. Ripetere il processo per ogni set di impostazioni, per un totale di quattro esecuzioni univoche. Quando la corsa è completa, utilizzare grafici psicrometrici o strumenti simili per trovare l'umidità assoluta.

Il tasso di evaporazione per ogni prova è stato determinato tracciando il peso del liquame in funzione del tempo. L'aumento delle temperature è correlato positivamente con la velocità di trasferimento del calore conduttivo e quindi con la velocità di evaporazione. L'aumento della velocità dell'aria è associato a tassi più elevati di trasferimento di calore convettivo e trasferimento di massa e aumenta anche i tassi di evaporazione. Esiste una correlazione lineare positiva tra la temperatura dell'aria e la velocità di evaporazione, nonché tra il flusso d'aria e la velocità di evaporazione. Tuttavia, la correlazione sperimentale tra i coefficienti di trasferimento di calore e di massa era più debole del previsto. Ciò può essere dovuto all'umidità relativa all'interfaccia aria-sabbia o all'effetto della velocità dell'aria sul peso del vassoio.

L'essiccazione dei vassoi è comunemente applicata in applicazioni industriali, sia nella produzione di prodotti chimici speciali che nella produzione su larga scala, dove le spese di manodopera non sono troppo grandi. Gli essiccatori a vassoio sono utilizzati nell'industria alimentare, in genere come ultima fase di produzione prima dell'imballaggio. Per aumentare i tassi di evaporazione controllando al contempo la qualità degli alimenti, l'essiccatore può essere dotato di meccanismi di essiccazione indiretta, come vassoi riscaldati e riscaldamento a radiofrequenza. Le condizioni di riscaldamento possono essere modificate durante il ciclo di essiccazione per evitare che i materiali solidi si decompongono, si deformano o si spezzano. Gli essiccatori a vassoio sono particolarmente utili in strutture in cui diversi alimenti, preparati in quantità variabili, devono essere asciugati a condizioni uniche di temperatura e umidità. Un design alternativo dell'essiccatore utilizza camion multi-vassoio. Nell'industria farmaceutica, i camion vengono utilizzati per ridurre i tempi e la manodopera e aumentare l'uniformità del prodotto. Questo design utilizza ricircolatori e deflettori per controllare il flusso d'aria, evitare zone morte e mantenere temperatura e umidità costanti. Per le sostanze chimiche sensibili, vengono generate atmosfere inerti. Poiché l'essiccazione del vassoio è fisicamente più delicata rispetto ai metodi a letto fluido o rotativa, è adatta per l'essiccazione di materiali cristallini appiccicosi come polveri e farmaci grezzi.

Hai appena visto l'introduzione di JoVE all'essiccatore a vassoio. Ora dovresti capire i principi dell'essiccazione dei vassoi, un processo per condurre esperimenti di essiccazione dei vassoi e alcune applicazioni. Grazie per l'attenzione.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Results

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Dai dati raccolti è possibile ottenere le seguenti informazioni. Utilizzare grafici psicrometrici per determinare l'umidità assoluta, che dà la concentrazione di acqua presente nell'aria. I coefficienti di scambio termico possono essere calcolati utilizzando le temperature misurate e l'equazione 1. E infine, il cambiamento di massa della sabbia bagnata può essere utilizzato per calcolare la concentrazione di acqua nella sabbia.

Il contenuto di umidità della sabbia è diminuito linearmente nel tempo. Come previsto, la velocità di evaporazione è risultata aumentare con una maggiore portata e calore. Secondo le loro equazioni, sia i coefficienti di trasferimento di calore che di massa sono direttamente proporzionali alla velocità di evaporazione all'interfaccia sabbia-aria. I valori teorici dei coefficienti di trasferimento di calore e di massa sono risultati avere una forte correlazione positiva con un R2 del 99%. I valori sperimentali hanno mostrato una debole correlazione solo dopo il test.

Le relazioni tra flusso d'aria e velocità di evaporazione e tra temperatura e velocità di evaporazione sono entrambe aumentate linearmente (Figura 1, Figura 2). L'aumento del flusso d'aria (Figura 1) e l'aumento della temperatura (Figura 2) hanno entrambi aumentato la velocità di evaporazione. Questi grafici mostrano che quando il flusso d'aria o la temperatura aumentano e l'altra variabile viene mantenuta costante, la velocità di evaporazione aumenterà a una velocità equivalente e seguirà una tendenza lineare positiva. Il test di variazione del flusso d'aria era una misura del trasferimento di calore convettivo, mentre il test di variazione della temperatura era una misura del trasferimento di calore conduttivo. La somma dei due test mostra che sia il trasferimento di calore convettivo che quello conduttivo seguono una relazione lineare con la velocità di evaporazione.

Figure 1
Figura 1: Rappresentazione della relazione tra velocità dell'aria e velocità di evaporazione, che è aumentata linearmente.

Figure 2
Figura 2: Rappresentazione della relazione tra temperatura e velocità di evaporazione, che è aumentata linearmente.

Ci sono molte fonti di errore nelle misurazioni con le maggiori fonti di errore che sono l'umidità relativa e la temperatura dell'interfaccia aria-sabbia. Inoltre, l'effetto della velocità dell'aria sul peso del vassoio è stato ritenuto non importante, ma è fonte di errore. Alcuni di questi errori potrebbero anche aver ridotto la correlazione dei coefficienti di trasferimento di calore e massa. Questi coefficienti sono stati calcolati teoricamente e hanno dimostrato di essere correlati. Tuttavia, i dati sperimentali non hanno mostrato una tendenza significativa, nonostante siano teoricamente simili.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Applications and Summary

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Un essiccatore a vassoio è stato utilizzato per misurare la velocità di essiccazione della sabbia rispetto al trasferimento di calore convettivo e conduttivo. Utilizzando l'essiccatore a tre diversi livelli di potenza e due diverse portate, sono stati trovati sei set di dati sperimentali. Le misurazioni sono state effettuate pesando la miscela sabbia/acqua a intervalli di cinque minuti.

Questo esperimento ha fatto uso della legge di Newton del riscaldamento, della modellazione della velocità di essiccazione e della modellazione del trasferimento di calore e massa. I coefficienti di trasferimento di calore e massa sono stati determinati con l'uso di un modello di strato limite. Teoricamente, i coefficienti di trasferimento di calore e massa mostrano una correlazione lineare positiva molto forte. Anche se i risultati sperimentali hanno mostrato una tendenza positiva, i dati erano troppo imprecisi per mostrare una correlazione significativa tra i due.

L'essiccazione dei vassoi può essere utilizzata in una varietà di campi. Uno di questi campi è quello farmaceutico. Nei prodotti farmaceutici, gli essiccatori a vassoi vengono utilizzati per asciugare molti materiali di base diversi, inclusi materiali appiccicosi, granulari e cristallini2. Molte materie plastiche utilizzate nei prodotti farmaceutici possono essere essiccate in essiccatoi avassoio 2. Inoltre, precipitati, paste e altre masse umide possono essere essiccati con un essiccatore a vassoio, insieme a farmaci grezzi, sostanze chimiche, polveri e granuli di compresse. Anche alcune apparecchiature vengono essiccate negli essiccatori2. Gli essiccatori a vassoi offrono molti vantaggi a questo settore, poiché vengono utilizzati per lotti, che possono variare di dimensioni ed essere gestiti senza perdite2. Gli essiccatori sono anche facilmente regolabili per accompagnare altri materiali in modo efficiente2. In alcuni casi, gli essiccatori a vassoio nel vuoto vengono utilizzati per asciugare prodotti sensibili al calore come le vitamine2.

Gli essiccatoi a vassoio sono utilizzati anche nella lavorazione degli alimenti3. Il cibo può essere distribuito sottilmente e uniformemente sui vassoi per l'essiccazione3. A seconda del tipo di cibo, l'essiccazione può essere eseguita riscaldando con aria che si muove attraverso i vassoi, conduzione da vassoi o ripiani riscaldati o radiazioni da altre superfici riscaldate3. L'aria può essere utilizzata con l'ulteriore vantaggio di rimuovere i vapori umidi, anche se questo può essere un problema per alcuni alimenti3.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

References

  1. "Solids Drying: Basics and Applications - Chemical Engineering.Chemical Engineering Solids Drying Basics and Applications Comments. N.p., n.d. Web. 12 Jan. 2017.
  2. "Pharmainfo.net.Tray dryer by Saraswathi.B. N.p., n.d. Web. 12 Jan. 2017.
  3. "Unit Operations in Food Processing - R. L. Earle.Unit Operations in Food Processing - R. L. Earle. N.p., n.d. Web. 12 Jan. 2017.

Transcript

Please note that all translations are automatically generated.

Click here for the English version.

Get cutting-edge science videos from JoVE sent straight to your inbox every month.

Waiting X
Simple Hit Counter