Waiting
Login processing...

Trial ends in Request Full Access Tell Your Colleague About Jove
JoVE Science Education
Materials Engineering

A subscription to JoVE is required to view this content.
You will only be able to see the first 20 seconds.

Materiali compositi a matrice ceramica e loro proprietà di flessione
 
Click here for the English version

Materiali compositi a matrice ceramica e loro proprietà di flessione

Overview

Fonte: Sina Shahbazmohamadi e Peiman Shahbeigi-Roodposhti-Roodposhti, School of Engineering, Università del Connecticut, Storrs, CT

Le ossa sono compositi, fatti di una matrice ceramica e rinforzi in fibra polimerica. La ceramica contribuisce alla resistenza alla compressione e il polimero fornisce resistenza alla trazione e alla flessione. Combinando materiali ceramici e polimerici in quantità diverse, il corpo può creare materiali unici su misura per un'applicazione specifica. Come ingegneri biomedici, avere la capacità di sostituire e replicare l'osso a causa di malattie o lesioni traumatiche è un aspetto vitale della scienza medica.

In questo esperimento creeremo tre diversi compositi a matrice ceramica con intonaco di Parigi (che è un composto di solfato di calcio) e consentiremo loro di sottoporsi a test di flessione a tre punti per determinare quale preparazione è la più forte. I tre compositi sono i seguenti: uno composto solo da intonaco di Parigi, uno con frammenti di vetro tritati mescolati in una matrice di gesso e infine una matrice di gesso con una rete in fibra di vetro incorporata al suo interno.

Principles

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Quando un determinato materiale deve essere testato, uno dei metodi principali per testare la resistenza di materiali meno duttili è un test di flessione a tre punti. Il test di flessione a tre punti è un metodo che consente a un determinato campione di sperimentare una combinazione di forze (compressive e di trazione) e un piano di sforzo di taglio nel mezzo del materiale che è rappresentativo della maggior parte delle forze a cui le ossa umane sono costantemente sottoposte. Con i risultati di questo esperimento è possibile ottenere una migliore comprensione dei materiali compositi, insieme alla portata e ai limiti di questi biomateriali.

Nel test di flessione a 3 punti, la parte inferiore del campione è in tensione, la parte superiore è in compressione e c'è un piano di taglio nel mezzo del campione (Figura 1).

Figure 1
Figura 1: Rappresentazione schematica del test di piegatura a 3 punti.

L'osso vivente può rimodellarsi e ristrutturarsi per accogliere queste forze. Ad esempio, nelle ossa delle costole c'è un'alta concentrazione di fase minerale all'interno della curva (dove ci sono forze di compressione) e un'alta concentrazione di fibre di collagene all'esterno della curva (dove ci sono forze di trazione).

Le proprietà di un composito si basano sulle proprietà della sua matrice e dei materiali di riempimento. Sono state sviluppate diverse formule per calcolare la resistenza e il modulo complessivi di un composito in funzione del tipo e della quantità di riempitivi. Il più semplice di questi è la "regola delle miscele", che fornisce il massimo valore teorico della proprietà in questione. La regola delle miscele per la resistenza alla flessione è data di seguito:

σcomp = σmVm + σ 1V1 + σ2V2 + ... (1)

Dove:

σcomp = massima resistenza teorica del composito

σm = forza della matrice

σ1, σ2 ... = punti di forza dei materiali di riempimento 1, 2, ecc.

Vm, V1, V2,.. = frazioni volumetriche della matrice e dei riempitivi.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Procedure

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

1. Fare un semplice campione di gesso

  1. Ottieni uno stampo di gomma blu dall'istruttore. Ogni stampo può realizzare 3 campioni a forma di barra, la dimensione di ogni barra è di circa 26 mm nella larghezza, 43 mm nella lunghezza e 10 mm nello spessore.
  2. Pesare 40 grammi di polvere di gesso secco in un bicchiere di carta. Aggiungere lentamente 20 ml di acqua deionizzata e mescolare il liquame con un bastoncino di legno, fino a ottenere una consistenza liscia. Procedere immediatamente al passaggio 3! L'intonaco inizia a indurirsi in ~ 5 minuti.
  3. Versare il liquame risultante in uno dei compartimenti dello stampo. Riempire completamente lo stampo e lisciarlo con il bastone di legno. Gettare via la tazza e l'eventuale intonaco in eccesso; tenere il bastone per un uso futuro.

2. Realizzazione di due campioni compositi

  1. Preparare il campione realizzato con rinforzo in fibra tritata:
    a.) Pesare 4 grammi di fibre di vetro tritate in un bicchiere di carta.
    b.) Pesare 40 grammi di polvere di gesso nella stessa tazza.
    c.) Aggiungere lentamente 20 ml di acqua deionizzata e mescolare il liquame con il bastoncino di legno, fino a quando le fibre sono accuratamente mescolate e si ottiene una consistenza liscia.
    d.) Versare il liquame in uno dei compartimenti dello stampo. Riempire completamente lo stampo e lisciarlo con il bastone di legno.
  2. Preparare il campione realizzato con nastro in fibra di vetro:
    a.) Tagliare 2 strisce di nastro in fibra di vetro, lunghe circa 5 pollici. Pesare le strisce.
    b.) Pesare 40 grammi di polvere di gesso secco in un bicchiere di carta. Aggiungere lentamente 20 ml di acqua deionizzata e mescolare il liquame fino a ottenere una consistenza liscia.
    c.) Versare circa un terzo dell'intonaco nello stampo. Posizionare una striscia di nastro in fibra di vetro sopra l'intonaco e premerla con il bastone di legno. Assicurarsi che l'intonaco bagni accuratamente il nastro in fibra di vetro.
    d.) Versare circa la metà dell'intonaco rimanente sopra il nastro in fibra di vetro. Posizionare la seconda striscia di nastro adesivo sopra l'intonaco e premerla con il bastone di legno.
    e.) Versare il resto dell'intonaco sopra la seconda striscia e premerlo verso il basso con il bastone di legno. Assicurarsi che l'intonaco bagni accuratamente il nastro in fibra di vetro e spremere eventuali bolle d'aria.

3. Esecuzione di esperimenti

  1. Misurare la lunghezza media, lo spessore e la larghezza di ciascuna barra Misura L (lunghezza della campata nella figura seguente) sul dispositivo di prova a 3 punti, utilizzare pinze calibrate per la misurazione.
  2. Utilizzare una velocità di spostamento di 5 mm/min per tutte le prove. (L'UTM dovrebbe quindi essere azzerata e avviato a una velocità di spostamento di 5 mm / min). Per il campione di intonaco semplice e fibra tritata, eseguire il test fino a quando il campione non ha esito negativo. Per il campione di nastro in fibra di vetro, eseguire il test fino a quando la deflessione non è di 6 mm.
  3. Utilizzare il programma LabVIEW sul computer per raccogliere i dati di ogni test in un file di testo.

4. Programma MATLAB

  1. Crea un programma MATLAB che esegnerà le seguenti operazioni:
  2. Leggere un file di testo a colonna singola e separare le letture in dati di forza e deflessione. Convertire i dati grezzi in forza e deflessione utilizzando i seguenti fattori di conversione:
    Forza = (Valore massimo cella di carico / 30000) * Numero generato da UTM (2)
    Deflessione = 0,001 mm * Numero generato da UTM (3)
  3. Calcola la resistenza alla flessione e la deformazione flessionale di ciascun campione:
    Resistenza alla flessione σf = (3FL)/(2wt2) (4)
    Deformazione flessionale εf = (6Dt)/(L2) (5)
  4. Tracciate una curva stress-deformazione per ogni campione. Sia εf l'asse orizzontale e σf l'asse verticale.
  5. Individuare i valori massimi σf e εf per ogni campione. Per i campioni compositi, selezionare il valore εf che corrisponde al valore massimo σf.
  6. Trova il modulo di flessione Ef calcolando la pendenza della curva nella regione elastica.
  7. Trova l'area sotto ogni curva stress-deformazione.

5. Analisi dei dati

  1. Confronto della resistenza alla flessione e del modulo dei campioni compositi con quello del campione di gesso semplice
    Poiché l'UTM genera un file di testo a colonna singola, sia per la forza che per la deflessione, l'interfaccia MATLAB deve ordinare i valori corrispondenti in diversi array. Pertanto, per determinare sia la forza che la deflessione necessarie per le equazioni 4 e 5, le equazioni 2 e 3 dovrebbero essere implementate in MATLAB.
    Utilizzando una cella di carico massima di 1000, la determinazione della resistenza alla flessione e della deformazione è la combinazione di tutte le equazioni. Poiché MATLAB genera anche la curva stress-deformazione di ciascun campione, il modulo di flessione è stato accertato calcolando la pendenza della regione elastica. Utilizzando l'equazione 6, il modulo di flessione verrà calcolato rispetto ai due punti selezionati sul grafico sforzo-deformazione:
    Equation 1(6)
    Esaminando i dati di un campione, vedremo che man mano che vengono aggiunte diverse forme di rinforzo, la forza dei campioni sarà aumentata, con il nastro in fibra di vetro che fornisce la massima resistenza aggiuntiva. In termini di duttilità, (che può essere considerata come la "più deformabile plasticamente") anche il campione rinforzato con nastro in fibra di vetro sarà il più grande.
    Inoltre, la lunghezza e l'orientamento delle fibre influenzano drasticamente le proprietà dei campioni compositi. Ad esempio, il massimo rinforzo può essere raggiunto solo quando il nastro in fibra di vetro è impostato parallelamente alle superfici del campione. In tal modo, questo orientamento spaziale consente al nastro in fibra di vetro di resistere a forze aggiuntive quando la matrice di gesso fallisce. Inoltre, si può anche concludere che strisce più lunghe di nastro in fibra di vetro dimostrerebbero di fornire più resistenza rispetto alle strisce più corte. Pezzi più lunghi consentirebbero la massima trazione nelle condizioni di un test di flessione a 3 punti, poiché c'è più intonaco che circonda il rinforzo in fibra di vetro.
  2. Assorbimento di energia durante il test di legame
    L'area sotto la curva stress-deformazione rappresenta l'energia che un materiale assorbe prima del guasto. In base ai risultati che otterremo, verrà dimostrato che il campione rinforzato con fibra di vetro assorbe la maggior quantità di energia. Inoltre, poiché la tenacità corrisponde alla capacità di un materiale di assorbire energia e deformarsi plasticamente senza fratturarsi e il campione in fibra di vetro si è rivelato il più duttile assorbendo la maggior quantità di energia; l'esemplare in fibra di vetro è intrinsecamente il più resistente tra i tre. Quindi, la tenacità è l'equilibrio tra resistenza e duttilità e il campione in fibra di vetro aveva l'area più grande sotto la sua curva di deformazione dello stress.
  3. Calcolo della resistenza teorica dei compositi in fibra e fibra di vetro tritati utilizzando la formula della "regola delle miscele" (le proprietà del materiale pertinenti sono elencate nella Tabella 1).
    La forza teorica del composito può essere calcolata attraverso l'equazione 1, dove:
    VF = frazione volumetrica della fibra = (volume della fibra)/(volume totale del campione)
    Volume di fibra = (massa di fibra)/(densità di fibra)
    Frazione volumetrica dell'intonaco = VP = 1- VF .
Densità, g/ml Resistenza alla flessione, MPa
Fibre di vetro tritate 2.5 35
Nastro in fibra di vetro 0.45 35
Gesso NA NA

Tabella 1. Proprietà del materiale.

Un composito è un materiale formato combinando una matrice e uno o più materiali di rinforzo. La resistenza alla flessione complessiva di un composito dipende dalle proprietà dei materiali di cui è composto. Una ceramica è un materiale duro con forti proprietà di compressione, ma questo materiale è anche molto fragile. Mescolando fibre di vetro o polimeriche, si trasforma in un materiale più duttile.

Ad esempio, nei compositi ossei artificiali, la ceramica fornisce la resistenza alla compressione richiesta mentre le fibre polimeriche aggiungono la resistenza alla trazione e alla flessione. Combinando materiali ceramici e polimerici in quantità diverse, è possibile creare materiali unici su misura per un'applicazione specifica.

Questo video illustrerà come realizzare tre compositi a matrice ceramica con intonaco di Parigi e determinare quale preparazione ha le proprietà di flessione più forti. La resistenza alla flessione di questi campioni verrebbe misurata utilizzando il test di flessione a tre punti.

Diamo un'occhiata più da vicino al test di flessione a tre punti. In questo metodo un campione a forma di barra viene montato longitudinalmente su due pin paralleli. Il montaggio deve essere tale da potersi allungare e piegare il materiale sotto una forza esterna.

In questo test, una forza esterna viene applicata perpendicolarmente al campione nel mezzo. Di conseguenza, subisce la forza di compressione sul lato in cui viene applicato il carico esterno e la forza di trazione sul lato opposto dove viene allungato. La combinazione di queste due forze crea anche un'area di puro stress lungo la linea mediana.

Queste tre forze insieme decidono la resistenza alla flessione o alla flessione di un determinato campione. Con un aumento della forza esterna, aumenta anche la quantità di flessione o deflessione di un materiale fino a quando il materiale non si guasta. La deformazione flessionale su un materiale può essere calcolata utilizzando la deflessione, la lunghezza della campata e lo spessore del campione. Lo stress di flessione del materiale può essere calcolato dalla forza applicata, dalla lunghezza della campata, dalla larghezza e dallo spessore del campione.

Il test di flessione a tre punti fornisce una tensione di flessione e una curva di deformazione di un materiale. La pendenza di una curva nella regione elastica rappresenta il modulo di flessione del campione e misura quanto un dato materiale può essere flesso. L'area sotto la curva stress-deformazione rappresenta la quantità di energia assorbita da un materiale prima del guasto, quindi è una misura della tenacità del materiale.

Teoricamente, la massima resistenza alla flessione di un composito può essere calcolata con la regola delle miscele utilizzando la massima resistenza alla flessione della sua matrice e dei materiali di rinforzo sotto frazioni di volume.

Ora che hai capito come funziona il metodo di piegatura a tre punti e come misurare le proprietà di flessione del materiale, realizziamo tre compositi a base ceramica e scopriamo quale ha la più alta resistenza alla flessione.

Per prima cosa facciamo tre campioni di compositi a matrice ceramica. Per iniziare, prendi uno stampo di gomma blu che può creare tre campioni a forma di barra. Faremo il tuo primo campione dall'intonaco semplice. Per cominciare, pesare 40 grammi di polvere di gesso secco in un bicchiere di plastica, quindi aggiungere lentamente 20 millilitri di acqua deionizzata e mescolare con un bastoncino fino a ottenere una consistenza liscia. Procedere immediatamente al passaggio successivo perché l'intonaco inizia a indurirsi in circa cinque minuti. Quindi, versare il liquame risultante in uno dei compartimenti dello stampo. Riempire completamente lo stampo e lisciarlo con il bastone. Infine, buttare via la tazza e l'eventuale intonaco in eccesso. Si prega di tenere il bastone per un uso futuro.

Realizzerai il tuo secondo campione composito usando la polvere di gesso e le fibre di vetro tritate. Per fare ciò, pesa prima quattro grammi di fibre di vetro tritate in un bicchiere di plastica. Quindi, pesare 40 grammi di polvere di gesso nella stessa tazza, quindi aggiungere lentamente 20 millilitri di acqua deionizzata. Continuare a mescolare il liquame con il bastoncino fino a quando le fibre non sono completamente mescolate e si ottiene una consistenza liscia. Versare il liquame nel secondo stampo come descritto per il campione uno.

Realizzerai l'ultimo campione composito usando la polvere di gesso semplice e il nastro in fibra di vetro. Per fare ciò, prima taglia due strisce di nastro in fibra di vetro lunghe circa cinque pollici e pesale. In secondo luogo, fai un impasto con una semplice polvere di gesso come hai fatto per il primo campione.

Quindi, versare circa 1/3 dell'intonaco nello stampo. Posizionare una striscia di nastro in fibra di vetro sopra l'intonaco e premere verso il basso con un bastone. Assicurarsi sempre che l'intonaco bagni accuratamente la fibra di vetro, quindi versare circa 1/2 dell'intonaco rimanente sulla parte superiore del nastro in fibra di vetro.

Quindi, posizionare la seconda striscia di nastro adesivo sopra l'intonaco e premerla con un bastone. Versare il resto dell'intonaco sopra la seconda striscia e premerlo verso il basso con il bastone.

Misurare la lunghezza, la larghezza e l'altezza medie di ogni barra. Misurare la lunghezza della campata del campione su un dispositivo di prova a tre punti utilizzando calibri calibrati. Impostare lo strumento UTM su zero e avviare una velocità di spostamento aggiuntiva di cinque millimetri al minuto.

Per i campioni di intonaco semplice e fibra di vetro tritati, eseguire il test fino a quando i campioni non falliscono. Per il composito di nastro in fibra di vetro, eseguire il test fino a quando la deflessione è di sei millimetri. Utilizzare il programma lab view sul computer per raccogliere i dati di ogni test in un file di testo.

UTM genera un file di testo a colonna singola sia per la forza che per la deflessione. L'interfaccia di visualizzazione lab ordina le letture corrispondenti in due array diversi. Ora, converti i dati grezzi in forza e deflessione utilizzando i numeri generati dall'UTM e il valore massimo della cella di carico di 1.000.

Successivamente, utilizzando i valori di forza e deflessione, calcolare lo stress e la deformazione di flessione. Traccia la curva di deformazione-sollecitazione flessionale dei tre campioni: gesso, composito di vetro tritato e composito di nastro in fibra. Trova la massima resistenza alla flessione dalla curva. Trova anche la tensione flessionale alla massima resistenza. Quindi, calcolare il modulo di flessione e l'area totale sotto la curva per ciascun campione.

Infine, confronta i risultati dei tre campioni. Questo esperimento dimostra che la resistenza desiderata di un campione può essere raggiunta utilizzando diversi materiali di rinforzo. Esaminando i dati del campione, vediamo che il nastro in fibra di vetro fornisce la massima resistenza aggiuntiva. Copre anche l'area massima sotto la curva, quindi è il più duro tra i tre. La lunghezza e l'orientamento delle fibre influenzano drasticamente le proprietà dei campioni compositi.

Ad esempio, il massimo rinforzo può essere raggiunto solo quando il nastro in fibra di vetro è impostato parallelamente alle superfici del campione. Questo orientamento spaziale consente al nastro in fibra di vetro di resistere a forze aggiuntive in quanto la matrice di gesso si guasta. Pezzi più lunghi consentirebbero la massima trazione sotto il test in quanto vi è più intonaco che circonda il rinforzo in fibra di vetro.

I compositi a matrice ceramica sono utilizzati in una vasta gamma di campi: scienza spaziale, bioingegneria e sistemi di rottura automobilistici. I compositi a matrice ceramica sono anche usati per sintetizzare le nostre ossa artificiali. Le nostre ossa hanno intrinsecamente una forte struttura composita, quindi avere la capacità di sostituire e replicare un osso a causa di malattie o lesioni traumatiche è una componente importante della scienza medica.

I compositi ceramici forniscono anche eccezionali sistemi di rottura automobilistica grazie alla loro maggiore resistenza, maggiore stabilità termica e minore usura. Per questi motivi sono utilizzati nelle auto sportive.

Hai appena visto l'introduzione di Jove ai materiali compositi a matrice ceramica e alle loro proprietà di flessione. Ora dovresti capire come realizzare un materiale composito, testarne le proprietà di flessione utilizzando il test di piegatura a tre punti e confrontarlo con gli altri compositi.

Grazie per l'attenzione.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Results

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

L'obiettivo generale della serie di test di cui sopra è quello di confrontare le diverse caratteristiche fisiche tra vari sostituti ossei compositi. La resistenza alla flessione e la deformazione devono essere calcolate utilizzando rispettivamente le equazioni 4 e 5. Lo stress e la deformazione per ciascun campione saranno tracciati in MATLAB. Da questo, è possibile trovare la massima resistenza alla flessione e la corrispondente deformazione flessionale per ciascun set di dati. La sollecitazione (σf1, σf2) e la deformazione (εf1, εf2) per ciascun punto dati saranno quindi utilizzate nell'equazione 6 per determinare il modulo di flessione per ciascun campione.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Applications and Summary

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Questo esperimento è stato progettato per studiare la resistenza alla flessione su tre diversi tipi di materiale composito. Abbiamo fabbricato tre esemplari con diversi materiali di rinforzo. La matrice era in gesso di Parigi (un composto di solfato di calcio) e abbiamo usato fibre di vetro tritate e nastro in fibra di vetro come rinforzi. Abbiamo eseguito test di flessione a 3 punti sui campioni fabbricati e analizzato i dati ottenuti, confrontando le proprietà dei compositi realizzati con fibre lunghe e orientate rispetto alle fibre casuali corte.

Le ossa hanno intrinsecamente una forte struttura composita, un adattamento alle molte forze diverse che il corpo deve sopportare su una base coerente. La struttura composita può essere descritta come una matrice ceramica intervallata da fibre polimeriche. L'aspetto ceramico prevede un'elevata resistenza alla compressione, mentre le fibre polimeriche danno luogo ad una maggiore resistenza alla flessione. Evidentemente, come ingegneri biomedici, avere la capacità di sostituire e replicare l'osso a causa di malattie o lesioni traumatiche è un aspetto vitale della scienza medica. Inoltre, sintetizzare tessuti sostitutivi adatti da vari metalli, polimeri o ceramiche è una valida alternativa. Le sostituzioni bioingegnerizzati devono corrispondere alla funzionalità delle loro controparti biologiche e l'analisi critica e la sperimentazione di diversi biomateriali diventano sempre più importanti.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Transcript

Please note that all translations are automatically generated.

Click here for the English version.

Get cutting-edge science videos from JoVE sent straight to your inbox every month.

Waiting X
Simple Hit Counter