Waiting
Login processing...

Trial ends in Request Full Access Tell Your Colleague About Jove
JoVE Science Education
Organic Chemistry

A subscription to JoVE is required to view this content.
You will only be able to see the first 20 seconds.

Assemblaggio di un sistema di riflusso per reazioni chimiche riscaldate
 
Click here for the English version

Assemblaggio di un sistema di riflusso per reazioni chimiche riscaldate

Overview

Fonte: Laboratorio del Dr. Philip Miller — Imperial College London

Molti esperimenti chimici richiedono temperature elevate prima di osservare qualsiasi reazione, tuttavia le soluzioni riscaldanti dei reagenti possono portare alla perdita di reagenti e / o solventi per evaporazione se i loro punti di ebollizione sono sufficientemente bassi. Al fine di garantire che non vi siano perdite di reagenti o solventi, viene utilizzato un sistema di reflusso per condensare eventuali vapori prodotti dal riscaldamento e restituire questi condensati al recipiente di reazione.

Principles

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Un sistema di reflusso viene normalmente azionato utilizzando un collegamento verticale di una colonna di vetro raffreddato ad acqua (condensatore a riflusso) all'uscita del recipiente di reazione. Questo pezzo di vetro è costituito da una colonna rivestita con porte di ingresso e uscita dell'acqua che consentono all'acqua fredda del rubinetto di fluire attraverso la camicia esterna, mentre i vapori di reazione sono forzati attraverso la colonna interna. L'acqua fredda che scorre assicura che questi vapori siano condensati sulle pareti della colonna interna e la gravità restituirà questi condensati al recipiente di reazione. Una volta raggiunto un reflusso costante, deve essere stabilita una goccia costante di liquido verso la soluzione di reazione. In questo modo, le reazioni possono essere lasciate indefinitamente senza mai aver bisogno di più solvente da aggiungere.  Questo video spiegherà il processo di collegamento della vetreria e la creazione di un riflusso costante.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Procedure

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

1. Preparazione di oggetti in vetro

  1. Assicurarsi che la vetreria sia priva di contaminanti chimici e, se necessario, di umidità lasciando riscaldare in un forno a 100 °C per circa 30 minuti.
  2. Una volta raffreddati, assicurarsi che tutti i giunti in vetro scomato siano privi di contaminanti utilizzando un tessuto detergente asciutto o imbevuto di acetone appositamente realizzato per applicazioni di laboratorio.
  3. Dopo aver sciolto i reggenti in un solvente adatto in un recipiente di reazione appropriato (in genere un pallone a fondo tondo) e aver aggiunto una barra agitatrice magnetica, collegare il condensatore a riflusso e il recipiente di reazione tramite il giunto di vetro sradicato.  Attaccare una clip Keck al giunto.
  4. Fissare il tubo da un rubinetto dell'acqua fredda all'ingresso più basso del condensatore a riflusso e un altro pezzo di tubo dall'uscita più in alto a un lavandino. Iniziare a far scorrere l'acqua fredda attraverso la camicia esterna del condensatore a una velocità tale che il lavandino non si riempia eccessivamente.

2. Riscaldamento dei reagenti

  1. Utilizzando un agitatore a piastra calda, immergere il recipiente di reazione in un bagno di riscaldamento (olio o acqua) fino a quando il livello del bagno è appena sopra il livello della soluzione all'interno del recipiente e tenere in posizione utilizzando un supporto ad anello, un morsetto e una prostra.
  2. Inizia a mescolare la reazione. Riscaldare il bagno a circa 15 °C oltre il punto di ebollizione del solvente. Una volta raggiunto l'equilibrio tra evaporazione e condensazione, una goccia costante di solvente condensato inizierà a ricadere nel recipiente di reazione dalla colonna del condensatore.

3. Smantellamento dell'apparato

  1. Una volta trascorso il tempo desiderato, rimuovere il recipiente di reazione/l'apparato di reflusso dal bagno bloccandolo più in alto sul supporto dell'anello.
  2. Lasciare che l'acqua continui a scorrere attraverso il condensatore a riflusso fino a quando la soluzione non ha raggiunto la temperatura ambiente.
  3. Spegnere il flusso d'acqua e scollegare il condensatore dal recipiente di reazione.
  4. Svuotare l'acqua rimanente nel condensatore nel lavandino e rimuovere il tubo dall'ingresso e dall'uscita.

Un condensatore a riflusso è un apparecchio comunemente usato in chimica organica per prevenire la perdita di reagenti o solventi in una reazione chimica riscaldata.

Per le reazioni chimiche che devono essere eseguite a temperature elevate per lunghi periodi di tempo è possibile utilizzare un sistema di reflusso per prevenire la perdita di solvente attraverso l'evaporazione. Qui, un condensatore ad acqua fredda viene utilizzato per raffreddare e restituire solvente vaporizzato e reagente al recipiente di reazione con conseguente conservazione nel tempo. Ciò garantisce inoltre che la reazione venga mantenuta a una temperatura costante, poiché il solvente scelto avrà un punto di ebollizione noto e stabile.

Questo video spiegherà le basi di un esperimento di reflusso e dimostrerà come eseguire la tecnica in laboratorio con vetreria e attrezzature appropriate.

L'equazione di Arrhenius afferma che aumentando la temperatura di una reazione, la velocità di reazione aumenta.

Un sistema di reflusso opera sotto l'equilibrio dinamico tra i tassi di evaporazione e condensazione del solvente, del reagente e delle molecole di prodotto all'interno del pallone. Il condensatore viene continuamente lavato con acqua fredda e il pallone a fondo tondo viene quindi posto in un bagno riscaldato. Dopo il riscaldamento, la soluzione evapora e la colonna del condensatore raffredda le molecole di vapore.

Il vapore viene condensato sulla parete laterale interna del vetro e quindi ritorna al pallone di reazione come condensa liquida. Se il vapore condensa troppo in alto nel condensatore può verificarsi una perdita di solvente e la portata di acqua fredda deve essere aumentata. Con il passare del tempo e il procedere della reazione, tutte le specie vaporizzate vengono recuperate e non si verifica alcuna perdita tra i reagenti, i solventi o i prodotti all'interno del pallone. Per questo protocollo l'intera configurazione della reazione deve essere eseguita in una cappa chimica ben ventilata con accesso a una fonte di acqua fredda vicina.

Ora che hai capito le basi del reflusso vediamo come impostare ed eseguire una semplice reazione di transesterificazione in condizioni di calore e reflusso con l'apposita vetreria.

Prima di eseguire la procedura, ispezionare tutti i bicchieri per segni di possibili contaminanti chimici da reazioni precedenti. Eliminare tutta l'umidità asciugando la vetreria in un forno per 30 minuti. Rimuovere la vetreria una volta raffreddata a temperatura ambiente.

Quindi, applicare una piccola quantità di acetone su un tessuto di laboratorio pulito e pulire tutti i giunti di vetro sradicato per rimuovere i contaminanti chimici e particellari. Il pallone pulito e la colonna del condensatore sono ora pronti per essere assemblati in un sistema di riflusso. Con un solvente adatto sciogliere i reagenti chimici all'interno del pallone a fondo tondo. Dopo aver aggiunto una barra magnetica al pallone, collegare il condensatore a riflusso unendo le porte in vetro sradicato della vetreria. Attaccare una clip Keck al giunto. Collegare un tubo tra la fonte di acqua fredda e la porta inferiore della colonna del condensatore. Quindi, effettuare un altro collegamento del tubo tra la parte superiore della colonna del condensatore e il lavello del laboratorio. Infine, accendere lentamente l'acqua e riempire la colonna del condensatore con acqua fredda circolante. Regolare il flusso d'acqua per evitare una sovrapressione delle connessioni del tubo.

Per completare la configurazione del reflusso, immergere il recipiente di reazione in un bagno di riscaldamento. A seconda dell'intervallo di temperatura desiderato, questi sono riempiti con acqua o olio. Per un riscaldamento ottimale, il livello del bagno deve essere appena sopra il menisco dei reagenti all'interno del pallone.

Fissare la combinazione di condensatore e pallone in posizione utilizzando un supporto ad anello e morsetti con boss. Inizia la reazione accendendo l'agitatore e la piastra elettrica. Riscaldare il bagno a circa 15 °C sopra il punto di ebollizione del solvente. Una volta raggiunto l'equilibrio tra evaporazione e condensazione, una goccia costante di solvente condensato inizierà a ricadere nel recipiente di reazione dalla colonna del condensatore. Quando la reazione chimica è completa, spegnere la piastra calda e ri-bloccare l'apparecchio più in alto sul supporto dell'anello. Lasciare che l'acqua fredda continui a circolare in tutto il condensatore fino a quando la configurazione non si è raffreddata a temperatura ambiente.

Quindi, spegnere la fonte di acqua fredda e scollegare il condensatore dal pallone di reazione. Per completare lo smontaggio, svuotare l'acqua rimanente nel condensatore nel lavandino e rimuovere tutti i tubi dalla colonna di vetro.

In questo esempio, il dimetiletreftalato e il glicole etilenico sono stati reflussi per produrre bis (2-idrossietil) tereftalato e metanolo come sottoprodotto. A causa del suo basso punto di ebollizione, il metanolo fungeva da solvente reflusso. In questa reazione di transesterificazione il riscaldamento della miscela a 65 °C per 45 minuti ha assicurato la formazione visibile del prodotto alla spettroscopia NMR. Per ulteriori informazioni, vedere il video di questa raccolta su NMR.

L'applicazione di calore controllato è un requisito comune in una vasta gamma di reazioni chimiche.

In questo esempio, il controllo preciso sulla composizione, le dimensioni e la conduttività elettrica dei nanocristalli a semiconduttore richiedeva condizioni precise di sintesi chimica. Per le condizioni di cristallo desiderate, la sintesi è stata eseguita a 370 °C. La colonna del condensatore ha impedito perdite dovute all'evaporazione. Adattando le condizioni di reazione, una raccolta di nanocristalli semiconduttori che mostrano diverse simmetrie sono stati sintetizzati e collocati in prossimità l'uno con l'altro per creare eterostrutture in grado di manipolare i fotoni a livello di nanoscala. In un altro esempio, anche le particelle di nanocluster magnetico sono state sintetizzate utilizzando reazioni chimiche riscaldate in condizioni di reflusso. Le proprietà magnetiche e plasmoniche di queste nanoparticelle aiutano nell'imaging biomedico.

Le dure condizioni di reazione sono state mitigate attraverso una configurazione di reflusso.

Infine, i condensatori a riflusso possono essere utilizzati in una vasta gamma di reazioni chimiche. Nella reazione di Heck, un alogenuro insaturo e un alchene vengono riscaldati per formare un alchene sostituito.

Ancora una volta, la configurazione per la reazione heck era simile agli esempi precedenti, in cui la combinazione condensatore - pallone a fondo tondo veniva collocata in un bagno riscaldato.

Se combinata con un catalizzatore organico contenente palladio, la reazione di Heck può essere utile nelle sintesi di molti composti farmaceutici.

Hai appena visto l'introduzione di JoVE alla creazione di un sistema di reflusso da utilizzare nelle reazioni chimiche riscaldate. Ora dovresti capire la teoria sottostante tra l'equilibrio tra evaporazione e condensazione e come scegliere e assemblare la vetreria appropriata per la tua reazione di reflusso.

Grazie per l'attenzione!

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Results

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Il risultato può essere osservato dopo la caratterizzazione spettroscopica della soluzione risultante, poiché i due reagenti avrebbero dovuto ora reagire per formare un nuovo prodotto. In genere, saranno necessarie varie strategie di purificazione per separare il prodotto desiderato da reazioni collaterali indesiderate.

In questo esempio, si è verificata una reazione di transesterificazione tra dimetilreftalato (DMT) e glicole etilenico per consentire il bis (2-idrossietil) tereftalato e metanolo (Schema 1). Il solvente reflusso sarà il metanolo che viene prodotto (b.p. 65 °C). Dopo aver riscaldato il materiale di partenza (Figura 1) sotto reflusso per 45 minuti, la spettroscopia di risonanza magnetica nucleare (NMR) può essere utilizzata per garantire la formazione del prodotto, come mostrato nella Figura 2.

Scheme 1
Schema 1. Reazione di transesterificazione tra dimetilreftalato e glicole etilenico.

Figure 1
Figura 1. 1 Spettro H NMR del materiale di partenza: dimetilftalato (DMT).

Figure 2
Figura 2. 1 H NMR spettro del prodotto: bis(2-idrossietil) tereftalato.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Applications and Summary

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Eseguire reazioni sotto reflusso è una tecnica importante da capire. Oltre a fornire un sistema in cui solvente e reagenti volatili vengono riciclati, consente anche un controllo fine della temperatura di reazione, in quanto questa sarà mantenuta costante nel punto di ebollizione del solvente scelto. Con un'attenta scelta del solvente, è possibile controllare la temperatura all'interno di un intervallo molto ristretto.

Le tecniche più avanzate possono utilizzare solventi a riflusso per eseguire sofisticate tecniche di purificazione come estrazioni Soxhlet o distillazione frazionata. L'ultima delle quali viene utilizzata industrialmente su vasta scala, ad esempio nelle raffinerie di petrolio per separare il petrolio greggio in varie frazioni di petrolio di diversi punti di ebollizione.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

References

  1. Krell, E. Handbook of Laboratory Distillation. Berlin: Elsevier (1982).

Transcript

Please note that all translations are automatically generated.

Click here for the English version.

Get cutting-edge science videos from JoVE sent straight to your inbox every month.

Waiting X
Simple Hit Counter