Il CYP2D6 modello animale: come indurre epatite autoimmune in topi

Medicine
 

Summary

Infezione di topi con uno Adenovirus che esprime il autoantigene maggiore umano citocromo P450 2D6 (hCYP2D6) riconosciuti da sieri di pazienti affetti da di tipo 2 risultati epatite autoimmune in una forma persistente di autoimmune-mediata malattia epatica caratterizzata da estensiva epatite, fibrosi e la generazione di uno CYP2D6 -specifica risposta immunitaria.

Cite this Article

Copy Citation | Download Citations | Reprints and Permissions

Hintermann, E., Ehser, J., Christen, U. The CYP2D6 Animal Model: How to Induce Autoimmune Hepatitis in Mice. J. Vis. Exp. (60), e3644, doi:10.3791/3644 (2012).

Please note that all translations are automatically generated.

Click here for the english version. For other languages click here.

Abstract

L'epatite autoimmune è una malattia rara ma pericolosa per la vita autoimmune del fegato di 1,2 eziologia sconosciuta. In passato, i tentativi numerosi sono stati fatti per generare un modello animale che riflette le caratteristiche della malattia umana 3-5. Tuttavia, in vari modelli la induzione di malattia era piuttosto complessa e spesso epatite era solo transitoria 3-5. Pertanto, abbiamo sviluppato un modello semplice topo che utilizza l'autoantigene maggiore umano in tipo 2 epatite autoimmune (AIH-2), cioè hCYP2D6, come un trigger 6. Di tipo 1 di fegato e rene anticorpi microsomiali (LKM-1) anticorpi che riconoscono hCYP2D6 sono il segno distintivo di EAI-2 7,8. Consegna di tipo selvatico hCYP2D6 in FVB o C57BL / 6 topi era da un costrutto Adenovirus (Ad-2D6) che assicura una consegna diretta dell'antigene di attivazione al fegato. Così, l'infiammazione conseguente locale genera un campo fertile 9 per il successivo sviluppo di autoimmunità. A combination di iniezione endovenosa e intraperitoneale di Ad-2D6 è la via più efficace per indurre un danno a lungo termine autoimmune al fegato (sezione 1). Qui forniamo un protocollo dettagliato su come autoimmune malattia epatica viene indotta nel modello CYP2D6 e come i differenti aspetti di danno epatico può essere valutata. In primo luogo, i livelli sierici di markers che indicano distruzione epatociti, come aminotransferasi, nonché i titoli di hCYP2D6 anticorpi sono determinate campionando sangue retroorbitaly (sezione 2). In secondo luogo, il hCYP2D6-specifica risposta di cellule T è caratterizzata da raccogliendo linfociti dalla milza e il fegato. Al fine di ottenere linfociti fegato puri, i fegatini sono perfusi dalla PBS attraverso la vena portale (sezione 3), digerito in collagene e purificato su un gradiente di Percoll (sezione 4). La frequenza di hCYP2D6 specifiche cellule T viene analizzato dalla stimolazione con hCYP2D6 peptidi e l'identificazione delle cellule che producono IFN-mediante citometria di flusso (sezione 5). Terzo,infiltrazione cellulare e fibrosi è determinata dalla immunoistochimica su sezioni di fegato (sezione 6). Regime Tale analisi dovrà essere condotta in diversi momenti dopo l'inizio della malattia al fine di dimostrare la natura cronica del modello. La grandezza della risposta immunitaria caratterizzata dalla frequenza e l'attività di hCYP2D6-specifici T e / o cellule B e il grado del danno epatico e fibrosi devono essere valutati per una successiva valutazione di possibili trattamenti per prevenire, ritardare o abrogare la autodestructive processo del fegato.

Protocol

1. L'iniezione endovenosa di Ad-2D6 in seno oftalmica

  1. In condizioni sterili, diluire il Ad-2D6 soluzione stock di virus ad una concentrazione di 5 x 10 9 pfu / ml in RPMI e mantenere l'Ad-2D6 soluzione antivirus su ghiaccio. Iniezione di due dosi di 5 x 10 8 PFU (endovenosa e intraperitoneale) ha dimostrato di comportare il risultato più affidabile di epatite autoimmune in topi del ceppo FVB.
  2. Anestetizzare il mouse con il 4% isoflurano in una camera di anestesia. Pizzicare la zampa posteriore per assicurarsi che l'animale è stato anestetizzato.
  3. Tenere il mouse la parte posteriore del collo e stringere la pelle flaccida della testa con il pollice e il dito medio. Piace questa, l'occhio sporge leggermente dalla trazione alla pelle adiacente all'occhio.
  4. Posizionare l'ago verticalmente nel canto mediale (bivio di palpebre più vicini al naso dell'animale) e iniettare lentamente 100 ul Ad-2D6 soluzione di virus. E 'importante non applicare troppa pressione, perevitare il danneggiamento dei vasi e la trachea.
  5. Estrarre lentamente l'ago per evitare la fuoriuscita e chiudere le palpebre.
  6. Iniezione funzionato bene se la soluzione virus non fuoriesca attraverso il naso e l'occhio scorre all'indietro sua posizione iniziale.
  7. Subito dopo l'iniezione endovenosa, eseguire una iniezione standard intraperitoneale del secondo 100 pl di Ad-2D6 soluzione di virus.

In alternativa, l'iniezione endovenosa può essere eseguita attraverso la vena della coda. Tuttavia, iniezione tramite il seno oftalmica è molto più facile da eseguire e minimizza la perdita di soluzione virus. È stato dimostrato che queste due tecniche possono essere utilizzati in modo intercambiabile e che entrambe le vie sono ugualmente efficaci 10.

Topi infetti vengono monitorati per gli effetti avversi e segni evidenti di sofferenza e di dolore, come la perdita di appetito, perdita di peso, perdita di mobilità, il mancato sposo, pelo ruvido, curvoaspetto, così come leccare, mordere, graffiare, o agitando una particolare area (ad esempio il sito di iniezione). Anche se i topi visualizzare un danno enorme al fegato nel modello CYP2D6, i topi sembrano sani e non mostrano segni di sofferenza, dolore o stress. Tuttavia, gli indicatori di insufficienza epatica grave, come aminotransferasi sierica sono determinati su base regolare o fanno parte degli esperimenti effettuati. I livelli sierici di transaminasi> 1000 U / l deve apparire come un risultato diretto della infezione da virus, ma non cronicamente. Se i livelli sierici di transaminasi sono cronicamente di sopra di 1000 U / l (limite di gravità) i topi vengono sacrificati.

2. Mouse occhio sanguinamento

  1. Anestetizzare il mouse con il 4% isoflurano in una camera di anestesia. Pizzicare la zampa posteriore per assicurarsi che l'animale è stato anestetizzato.
  2. Tenere il mouse la parte posteriore del collo e stringere la pelle flaccida della testa con il pollice e il dito medio. Piace questa, l'occhio sporge leggermente dala trazione alla pelle adiacente all'occhio.
  3. Posizionare la punta del tubo capillare nell'angolo inferiore o interno dell'occhio e delicatamente ma con fermezza, scivolò lungo il bulbo oculare al seno venoso oftalmico. La rottura capillari venosi e l'emorragia conseguente riempie la cavità orbitale.
  4. Leggermente ritirare il tubo capillare per liberare la punta in modo che il sangue accumulato viene disegnata nel tubo.
  5. Quando il sangue viene raccolto a sufficienza, il tubo viene ritirato e le palpebre chiuse. Il sanguinamento si ferma al momento della revoca del tubo ed il ripristino della pressione oculare normale, sul complesso venoso.
  6. Sangue nel tubo capillare viene trasferito ad un tubo Microtainer e incubate per 30 min in ghiaccio.
  7. Il tubo Microtainer viene centrifugato a 7500 xg per 2 min a 4 ° C.
  8. Il supernatante corrisponde al siero che viene trasferita ad un tubo fresco e conservati a -80 ° C.
  9. Siero può essere usato per determinare il titolo anticorpale da ELISA. Indicatori di danno epatico, come i livelli sierici degli enzimi epatici alanina aminotransferasi (ALT / GPT) e aspartato aminotransferasi (AST / GOT) può essere valutato utilizzando le strisce reattive secondo da Roche Diagnostics (Mannheim, Germania) e un analizzatore Reflotron plus ( Roche Diagnostics, Mannheim, Germania).

In alternativa, il prelievo di sangue può essere fatto attraverso la vena della coda o tramite la vena temporale superficiale 11.

3. Fegato di topo perfusione

Nota: Questo passo è importante per evitare una contaminazione dei linfociti epatiche isolate da linfociti del sangue

  1. Euthanize il mouse da dosi letali di CO 2 seguite da dislocazione cervicale.
  2. Montare l'animale, che sulla sua schiena sul bordo polistirolo. Usare aghi da 23 G al pin estremità.
  3. Idratare e disinfettare il mouse con il 70% EtOH
  4. Circa 1 cm di distanza da zampe posteriori, fare un'incisione attraversola pelle e lo strato muscolo. Tagliare su entrambi i lati dell'animale lavorativi fino al diaframma.
  5. Quando il diaframma viene raggiunto il pelle può essere capovolte all'indietro.
  6. Tagliare il diaframma lontano dalle strappa poi tagliare la vena cava.
  7. Spostare lo stomaco e gli intestini di lato, esponendo la vena porta.
  8. Nella vena porta inserire un ago 27 G collegato ad una siringa da 5 ml riempita con PBS freddo. Lasciate che il PBS lentamente lavare il sangue fuori del fegato.
  9. Dissect il fegato afferrando sul diaframma e tagliando il diaframma lontano dal corpo.
  10. Trasferire il fegato a un capsula petri e rimuovere il diaframma, la colecisti e qualsiasi altro tessuto ancora collegato al fegato
  11. Trasferire il fegato per 10 ml PBS in una provetta da 50 ml su ghiaccio o incorporare in mescola ottobre

4. Isolamento dei linfociti del fegato

  1. Preparare le soluzioni madre seguenti:
    • Collagenasi IV stock (100 mg / ml) in PBS. (Make piccole aliquote e conservare a -20 ° C).
    • DNasi stock (25 mg / ml) in PBS. (Make piccole aliquote e conservare a -20 ° C).
    • Collagenasi buffer: PBS contenente 0,2 mg / ml collagenasi IV, 0,02 mg / ml DNasi e il 5% FCS, per 1 fegato, miscelare 9,5 ml ghiacciata PBS, 20 pl collagenasi IV (100 mg / ml stock), 8 microlitri DNase ( 25 mg / archivio di ml), e 500 pl FCS inattivato al calore.
    • Percoll 35%; mix 175 ml Percoll, 20 ml 10 x PBS stock; 305 ml di PBS.
    • RPMI completo = RPMI contenente il 10% FCS inattivato al calore, 100 μ / ml di penicillina, 100 pg / ml streptomicina, 2 mM L-glutammina.
  2. Trasferire il fegato perfuso (vedi sezione 3) a 10 ml di PBS fresco in una capsula di Petri su ghiaccio e tagliato in piccoli pezzi con le forbici.
  3. Trasferire in un colino 70 micron delle cellule del fegato e giunche passare attraverso con un pestello di vetro o un pestello da una siringa da 2 ml. Aggiungere con cautela 10 ml di buffer collagenasi freddo ePassare attraverso il filtro. Raccogliere la sospensione e filtrare attraverso il filtro due volte di più.
  4. Trasferimento sospensione fresca tubo da 50 ml su ghiaccio. Processo fegato successivo.
  5. Incubare sospensione cellulare del fegato a 37 ° C per 60 min, mescolare delicatamente ogni 15 min.
  6. Centrifugare a 30 xg per 3 min a 4 ° C.
  7. Trasferire il surnatante in una nuova provetta, lasciando 5 fluido mm sopra pellet
  8. Centrifugare a 650 xg per 10 min a 4 ° C.
  9. Gettare il surnatante, lasciando 3 mm sopra il pellet
  10. Risospendere il pellet in 20 ml di Percoll tampone
  11. Centrifugare a 600 xg per 20 min a 4 ° C.
  12. Gettare il surnatante e risospendere pellet muovendo il tubo.
  13. Lavare 1 x pellet con PBS.
  14. Lavare pellet 1 x con un completo RPMI
  15. Risospendere il pellet in 3 ml RPMI completare e contare le cellule in una diluizione 1:10.
  16. Risospendere le cellule a ~ 10 7 cellule / ml in RPMI completare e trasferire tubo al ghiaccio.
  17. 5. Citochine colorazione intracellulare (ICCS)

    5,1 stimolazione:

    1. Preparare linfociti fegato a ~ 10 7 cellule / ml in completa RPMI come descritto. Piastra 100 pl (10 6 celle) / bene in un piatto da 96 pozzetti, che non è un tessuto-coltura trattata.
    2. Aggiungere 50 microlitri RPMI completare contenente 2μg/ml brefeldina A e quindi aggiungere 50 pl RPMI completo contenente 2 ug / ml stimolando CYP2D6 peptide (cioè le CD4 immunodominanti epitopo CYP2D6 41-60 PGLGNLLHVD FQNTPYCFDQ 12 o il immunodominante CD8 epitopo CYP2D6 193-212 RRFEYDDPRF LRLLDLAQEG 12). Miscelare pipettaggio.
    3. Incubare per 5 ore a 37 ° C (tempo di stimolazione ottimale, ma una notte di incubazione funziona pure).

    5,2. Colorazione:

    1. Preparare le soluzioni madre seguenti:
      • FACS tampone: PBS contenente 1% di vitello fetale serum (FCS).
      • Fissaggio / permeabilizzazione buffer: FACS tampone contenente saponina 0,1% e il 4% paraformaldeide
      • FACS / saponina tampone di lavaggio: FACS tampone contenente 0,1% di saponina
      • FACS / PFA buffer di: FACS tampone contenente 1% paraformaldeide (PFA)
    2. Trasferire le cellule in fondo a V micropiastre (96 pozzetti) e girare a 460 xg per 3 min a 4 ° C. Eliminare medio e piastra di vortex
    3. Aggiungere 150 tampone microlitri FACS e centrifugare a 460 xg per 3 min a 4 ° C. Eliminare media e la piastra di vortice. Ripetere la fase di lavaggio.
    4. Block FcR superficie se è necessario (quando si utilizza anticorpi secondari) con 1 pg / ml αCD16/32 cocktail (blocco FcR) in tampone FACS per 15 min a 4 ° C e lavare 2 x con 150 tampone colorazione microlitri (460 xg per 2 min a 4 ° C).
    5. Colorazione per molecole di superficie: ie Anti-CD8a-FITC mAb 10 ug / ml in 50 tampone microlitri FACS per 30 min a 4 ° C al buio.
    6. Aggiungere 100 FACS pltampone e centrifuga a 460 xg per 3 min a 4 ° C.
    7. Lavare le cellule 2 x con 150 tampone microlitri FACS (460 xg; 3 min; 4 ° C). Vortex piastra.
    8. Fix / permeabile cellule con 100 microlitri di fissaggio / permeabilizzazione buffer per 10 min a RT.
    9. Spin a 460 xg per 7 min a 4 ° C. Si noti che è importante estendere il tempo di centrifugazione per 7 min, poiché la fissazione / passi permeabilzation cambia la densità complessiva delle cellule. Vortex piastra.
    10. Lavare con 2 x 150 FACS pl / tampone di lavaggio saponina (460 xg, 7 min, 4 ° C). Vortex piastra.
    11. Colorare per molecole intracellulari: cioè Anti-IFNy-PE mAb 10 mg / ml in 50 FACS pl / tampone di lavaggio saponina per 30 min a 4 ° C.
    12. Aggiungi 100 FACS pl / tampone di lavaggio saponina e spin a 460 xg per 7 min a 4 ° C.
    13. Lavare le cellule 2 x con 150 FACS pl / tampone di lavaggio saponina (460 xg; 7 min; 4 ° C). Vortex piastra.
    14. Lavare le cellule 1 x con FACS tampone (460 xg; 7 min; 4 ° C). Vortex piastra. Risospendere le cellule in 200 FACS pl / PFA buffer, il trasferimento in provette, e conservare a 4 ° C al buio fino alla acquisizione dei dati mediante citometria di flusso. Noi normalmente si usa uno II FACSCanto o un FACSCalibur (BD Biosciences, Heidelberg, Germania).

    6. Immunoistochimica

    6,1. Colorazione H & E per la valutazione della patologia del fegato generale:

    1. Harvest fegato, immergere in Tissue-Tek ottobre in uno stampo di base usa e getta e quick-freeze in ghiaccio secco.
    2. Tagliare 7 um sezioni di tessuto di fegato utilizzando un criostato Leica fissato a -17 ° C e montare le sezioni di tessuto su Superfrost Plus. vetrini da microscopio. Conservare i vetrini a -20 ° C fino ad ulteriore utilizzo.
    3. Fix criosezioni in pre-raffreddata EtOH per 15 min a -20 ° C. Lasciare asciugare per 10 min.
    4. Lavare 2 x in acqua distillata per 2 min a temperatura ambiente (i seguenti passaggi, 6.1.5 - 6.1.13, vengono eseguite a temperatura ambiente).
    5. Colorare con soluzione ematossilina Meyer per8 min.
    6. Lavare in acqua calda (30 ° C) l'acqua del rubinetto per 10 minuti. Cambiare acqua più volte.
    7. Sciacquare con acqua distillata.
    8. Sciacquare in EtOH 95% per 20 sec.
    9. Di contrasto in Eosina G / Y soluzione per 40 sec.
    10. Disidratare 2 x in 95% EtOH per 5 min per incubazione.
    11. Disidratare 2 x in EtOH al 100% per 5 min per incubazione.
    12. Cancella in xilene 2 x per 5 min per compensazione.
    13. Montare in Roti-Histokitt.

    6,2. Immunoistochimica per la deposizione di collagene I:

    1. Fegato Harvest, immergerà in Tissue-Tek ottobre in uno stampo di base usa e getta e quick-freeze in ghiaccio secco.
    2. Tagliare 7 um sezioni di tessuto di fegato utilizzando un criostato Leica fissato a -17 ° C e montare le sezioni di tessuto su Superfrost Plus. vetrini da microscopio. Conservare i vetrini a -20 ° C fino ad ulteriore utilizzo.
    3. Fissare criosezioni in freddo EtOH per 15 min a -20 ° C. Lasciare asciugare per 10 min.
    4. Lavare 2 x in PBS per 2 min a temperatura ambiente.
    5. <li> Incubare in PBS contenente 0,3% H 2 O 2 e 0,1% Na-azide per 10 min a temperatura ambiente.
    6. Lavare 2 x in PBS per 2 min a temperatura ambiente.
    7. Blocco con un avidina-biotina kit di bloccaggio secondo le linee guida del produttore.
    8. Blocco con 10% FCS in PBS (FCS / PBS) per 30 min a temperatura ambiente.
    9. L'anticorpo primario è un anticorpo anti-topo di coniglio collagene I che viene diluito 1:200 in 10% FCS / PBS. Incubare le sezioni con anticorpo primario per 2 ore a temperatura ambiente.
    10. Lavare le sezioni 3 x in PBS per 4 min a temperatura ambiente.
    11. Diluire biotinilato anti-coniglio anticorpo a 1:500 e incubare con le sezioni per 1,5 hr a temperatura ambiente.
    12. Lavare le sezioni 3 x in PBS per 4 min a temperatura ambiente.
    13. Reazione Colore è ottenuta tramite incubazione sequenziale con avidina-perossidasi coniugato e diaminobenzidina-perossido d'idrogeno secondo linee guida del produttore.
    14. Di contrasto in Meyer hamatoxylin soluzione per 5 minuti, lavare 2 x in PBS per 2 minuti a temperatura ambiente e montare in Aquatex.

    7. Risultati rappresentativi

    L'infezione di topi con Ad-2D6 indotte da due fasi distinte di danno epatico. Nei primi giorni dopo l'infezione, infezione virale del fegato provoca un aumento acuto dei livelli sierici di transaminasi, un indicatore della morte degli epatociti 6. Questa prima, fase acuta si verifica indipendente della espressione di hCYP2D6 e possono anche essere osservati dopo infezione con un virus controllo vuota (Ad-Control) o un virus che esprime proteina verde fluorescenza (Ad-GFP). In contrasto, il secondo stadio è autoimmune-mediata e dipendente dalla espressione della molecola innesco hCYP2D6. Questa fase autoimmune si verifica entro 2-4 settimane dopo l'infezione e persiste per diversi mesi 6.

    Figura 1

    <p class = "jove_content"> Figura 1. Il modello CYP2D6. Tipo selvatico FVB o C57BL / 6 topi iniettati con due dosi di Ad-2D6 (per via endovenosa e intraperitoneale). In un momento di interesse del fegato e il siero vengono raccolti e valutati per danni al fegato e formazione di hCYP2D6-specifici anticorpi e cellule T.

    Le seguenti caratteristiche sono caratteristiche di epatite autoimmune persistente si sviluppa dopo Ad-2D6-infezione di tipo selvatico o FVB C57BL / 6 topi nel modello CYP2D6: in primo luogo, il fegato presenta una morfologia aberrante cambiato. In particolare, i lobi epatici sono fusi, noduli iperplasici appaiono sparsi tutto il fegato e una fibrosi capsulare massiccia è visibile (figura 2).

    Figura 2

    Figura 2. Morfologia del fegato. Tipico Ad-2D6-indotto danni al fegato come rilevato a 4 settimane dopo l'infezione. Si noti che i lobi del fegato singoli si fondono (punte di freccia). Noduli iperplasico appaiono sparsi tutto il fegato (frecce). Infezione con un adenovirus controllo non esprimendo hCYP2D6 ha alcun effetto sulla morfologia fegato.

    Infiltrazioni cellulari secondo luogo, esteso e persistente appaiono nelle regioni peri-portale e parenchimale di fegato di topi Ad-2D6-infetti, ma non Ad-Control-infetti (figura 3A). Fibrosi sviluppa prevalentemente nella regione sottocapsulare con alcuni fasci di collagene sporgenti nel parenchima (figura 3B).

    Figura 3


    Figura 3. Istologia epatica A:. Colorazione H & E della sezione di tessuto epatico di topi FVB infettati sia con Ad-Control o Ad-2D6 a 4 settimane dopo l'infezione. Si noti che significative infiltrazioni di cellule mononucleate sono presenti solo in Ad-2D6 topi infettati (frecce singole). Tripla frecce indicano grandi infiltrazioni cellulari nel parenchima epatico ponte tra vicini spazi portali. B: rappresentazione immunoistochimica della fibrosi epatica a 4 settimane dopo l'infezione con Ad-2D6 o Ad-controllo. Le sezioni di fegato sono stati colorati per il collagene con un anticorpo anti-collagene I. Nota strato multiplo di disposizione collagene sotto la capsula fegato (frecce triple) con alcuni fasci sporgenti nel parenchima (frecce singole) e la presenza di grandi cluster di cellule infiltranti (punte di freccia). Due sezioni di fegato rappresentative vengono visualizzati per ogni condizione. Bar Dimensioni: 100μm.

    Una terza caratteristica è la generazione di alti titoli di anticorpi anti-CYP2D6, che hanno una specificità simile a epitopo umani LKM-1 anticorpi 6,13. Ultimi, hCYP2D6 specifiche CD4 e CD8 T, che sono generati prevalentemente a casa per il fegato. Tali hCYP2D6-specifiche cellule T può essere rilevata dalla stimolazione con immunodomigravide hCYP2D6 peptidi e successiva misura di espressione IFNy da una colorazione intracellulare di citochine (ICCS) (figura 4). hCYP2D6 specifiche cellule CD8 T uccidere Ad-2D6-infettate cellule bersaglio in vivo 12.

    Figura 4

    Figura 4. hCYP2D6 specifiche cellule T mediante citometria a flusso. hCYP2D6 di specifiche cellule T. Linfociti del fegato sono stati isolati a 4 settimane dopo l'Ad-2D6-infezione e sono stati stimolati sia con i CD4 e CD8 immunodominanti hCYP2D6 epitopi durante la notte. Generazione di IFNy è stato rilevato mediante colorazione citochina intracellulare e analizzati mediante citometria a flusso utilizzando uno FACS Canto II (BD Biosciences, Heidelberg, Germania). La percentuale di hCYP2D6-specifici CD4 e CD8 è indicata.

Discussion

In studi precedenti, l'epatite sperimentale è stato spesso segnalato per essere solo transitori e molti modelli attuali di una patologia epatica autoimmune dipende da una malattia piuttosto complessi protocolli di induzione (per una rassegna si veda 3,5). Ad esempio, parecchi modelli utilizzare topi transgenici esprimendo antigeni bersaglio specifici e adoptively trasferiti bersaglio antigene-specifici, per lo più TcR-transgenici, cellule T 14,15. Spesso un'infezione supplementare con virus livertropic, batteri o parassiti è necessario di indurre la malattia 16-18. In alternativa, DNA-vaccinazione con plasmidi codificanti per antigeni bersaglio, compresi CYP2D6 19, viene usato per indurre epatite. Tuttavia, una vaccinazione supplementare con plasmidi codificano per pro-infiammatorie citochine, come IL-12, le è richiesto 20. Purtroppo, con poche eccezioni 15,20 epatite è solo transitoria.

Il modello di CYP2D6 6,21 utilizza un metodo semplice tO indurre epatite autoimmune semplicemente infettando i topi con un adenovirus esprimere hCYP2D6, l'autoantigene importante EAI-2 7,8. Consegna di CYP2D6 da uno costrutto adenovirus garantisce sia un targeting diretto del fegato nonché una infiammazione locale che promuove la ripartizione di tolleranza. È importante notare tuttavia che sia il titolo virus così come la via di somministrazione è fondamentale per questo modello. Da un lato, Ad-2D6 è un virus replicazione deficiente, così, un titolo sufficiente elevato di virus è richiesto per generare una quantità critica di antigene all'interno del fegato. D'altra parte, troppo alto un titolo potrebbe comportare una fatale insufficienza epatica acuta. Inoltre, è stato dimostrato precedentemente che infezione di topi da parte di alti titoli di adenovirus porta ad un esaurimento funzionale della risposta immunitaria 22. Nel nostro modello, abbiamo usato una combinazione di infezione endovenosa e intraperitoneale al fine di ottenere sia infiltrazione cronica cellulare nonché extfibrosi ensive. Abbiamo osservato che l'infezione endovenosa sola provoca ancora massiccia infiltrazione cellulare, ma nessuna fibrosi della regione sottocapsulare, indicando che infiammazione peritoneale a causa dell'iniezione intraperitoneale potessero essere coinvolti in il continuo accumulo sottocapsulare di collagene (Hintermann & Christen, manoscritto in preparazione). Tuttavia, è importante notare che la fibrosi epatica osservata è antigene-specifica, poiché non abbiamo fatto rilevare attivazione delle cellule stellate epatiche e della deposizione collagene dopo infezione con pari virus dei titoli-di Ad-GFP o Ad-Control 23.

Il CYP2D6 modello riflette molti aspetti della umana 1,2 AIH, come ad esempio l'epatite cronica, caratterizzata da persistente infiltrazione cellulare e fibrosi epatica 6. Inoltre, la presenza di high-titoli anticorpali anti-CYP2D6 anticorpi con specificità di epitopo simili e diffondendo 13 a LKM-1 anticorpi trovati in AIH-2 pazienti indica la preza di una comune reattività cronica autoimmune. CYP2D6 è il principale antigene in AIH-2, ma esso non viene riconosciuto da pazienti diagnosticati con il più frequente tipo 1 AIH. Inoltre, i pazienti affetti da altre malattie del fegato ad eziologia autoimmune, come la cirrosi biliare primaria (PBC) o colangite sclerosante primaria (PSC), di generare caratteristici autoanticorpi con specificità per autoantigeni fegato distinte e il loro fegato mostrano differenti caratteristiche patologiche di centraggio sulle piccole (PBC ) o grande (PSC) dotti biliari. Tuttavia, i modelli CYP2D6 offre l'opportunità di analizzare i meccanismi coinvolti nei processi di immunopathogenic epatiche infiammatorie croniche che si manifestano nel corso delle malattie autoimmuni del fegato, per identificare i giocatori chiave che guidano la distruzione autoimmune di epatociti e valutare possibili interventi terapeutici per curare la malattia.

Disclosures

Gli autori non hanno nulla da rivelare.

Acknowledgments

Questo lavoro è supportato dall'Università Goethe Hospital Francoforte e una sovvenzione della Fondazione tedesca per la ricerca di UC

Materials

Name Company Catalog Number Comments
23G needle BD Biosciences 300800
27½G needle VWR international 612-0151
30½ G needle BD Biosciences 304000
Alanine aminotransferase test strips (GPT/ALT) Roche Group 10 745 138 202
Aspartate aminotransferase test strips (GOT/AST) Roche Group 10 745 120 202
Anaesthesia Unit Univentor 400 AgnTho’s
Base molds, disposable 37x24x10 mm VWR international 720-0208
Cell strainer 70mm VWR international 734-0003
Cryostat Leica Microsystems CM1850 UV
Heparinized capillary tubes Fisher Scientific 3123987
Microscope slides Superfrost Plus Menzel-Glaser J1800AMNZ
Microtainer SST tubes BD Biosciences 365951
Microtiter plates, V-bottom VWR international 391-1924
Reflotron Plus Roche Group Determiniation of serum AST / ALT
Rabbit anti-mouse anti-Collagen type I IgG, Chemicon International AB765P
Biotinylated goat anti-rabbit IgG Vector Laboratories VC-BA-1000-MC15
FITC-conjugated anti mouse CD8a antibody SouthernBiotech 1550-02
PE-conjugated anti mouse IFNγ antibody BD Biosciences 554412
PE-conjugated anti-mouse CD16/CD32 antibody (FcR block) BD Biosciences 553141
Aquatex VWR international 1.08562.0050
Avidin/Biotin Blocking kit Vector Laboratories VC-SP-2001-KI01
Brefeldin A Sigma-Aldrich B6542
Collagenase IV Sigma-Aldrich C5138-100MG
DAB substrate kit 3’3’diaminobenzidine Vector Laboratories VC-SK-4100-KI01
DNase Sigma-Aldrich DN-25
Elite ABC Reagent Vector Laboratories VC-PK-7100-L050
Eosin G/Y solution Carl Roth Gmbh X883.1
Fetal calf serum (FCS) Biochrom AG S 0115
Isofluran Forene B506
Meyer’s Hematoxylin solution AppliChem A4840,1000
OCT Compound Sakura Finetek 4583
PBS-buffered formaldehyde 10% Carl Roth Gmbh A146.3
Percoll Amersham 17-0891-01
Roti-Histokit Carl Roth Gmbh 6638.1
RPMI Invitrogen 61870
Saponin from quillaja bark Sigma-Aldrich S7900

DOWNLOAD MATERIALS LIST

References

  1. Manns, M. P. Diagnosis and management of autoimmune hepatitis. Hepatology. 51, 2193-2213 (2010).
  2. Czaja, A. J., Manns, M. P. Advances in the Diagnosis, Pathogenesis and Management of Autoimmune Hepatitis. Gastroenterology. 4, 429-443 (2010).
  3. Christen, U., Hintermann, E., Jaeckel, E. New animal models for autoimmune hepatitis. Semin. Liver Dis. 29, 262-272 (2009).
  4. Christen, U., Holdener, M., Hintermann, E. Animal models for autoimmune hepatitis. Autoimmun. Rev. 6, 306-311 (2007).
  5. Czaja, A. J. Animal models of autoimmune hepatitis. Expert Rev. Gastroenterol. Hepatol. 4, 429-443 (2010).
  6. Holdener, M. Breaking tolerance to the natural human liver autoantigen cytochrome P450 2D6 by virus infection. J. Exp. Med. 205, 1409-1422 (2008).
  7. Manns, M. P., Griffin, K. J., Sullivan, K. F., Johnson, E. F. LKM-1 autoantibodies recognize a short linear sequence in P450IID6, a cytochrome P-450 monooxygenase. J. Clin. Invest. 88, 1370-1378 (1991).
  8. Zanger, U. M., Hauri, H. P., Loeper, J., Homberg, J. C., Meyer, U. A. Antibodies against human cytochrome P-450db1 in autoimmune hepatitis type II. Proc. Natl. Acad. Sci. U. S. A. 85, 8256-8260 (1988).
  9. von Herrath, M. G., Fujinami, R. S., Whitton, J. L. Microorganisms and autoimmunity: making the barren field fertile. Nat. Rev. Microbiol. 1, 151-157 (2003).
  10. Yardeni, T., Eckhaus, M., Morris, H. D., Huizing, M., Hoogstraten-Miller, S. Retro-orbital injections in mice. Lab. Anim. (NY). 40, 155-160 (2011).
  11. Forbes, N. Morbidity and mortality rates associated with serial bleeding from the superficial temporal vein in mice. Lab. Anim. (NY). 39, 236-240 (2010).
  12. Ehser, J. Molecular mimicry rather than identity beaks T cell tolerance in the CYP2D6 mouse model for human autoimmune hepatitis. Forthcoming (2011).
  13. Hintermann, E. Epitope spreading of the anti-CYP2D6 antibody response in patients with autoimmune hepatitis and in the CYP2D6 mouse model. J. Autoimmun. Forthcoming (2011).
  14. Ando, K. Class I-restricted cytotoxic T lymphocytes are directly cytopathic for their target cells in vivo. J. Immunol. 152, 3245-3253 (1994).
  15. Zierden, M., Kuhnen, E., Odenthal, M., Dienes, H. P. Effects and regulation of autoreactive CD8+ T cells in a transgenic mouse model of autoimmune hepatitis. Gastroenterology. 139, 975-986 (2010).
  16. Limmer, A. Failure to induce organ-specific autoimmunity by breaking of tolerance: importance of the microenvironment. Eur. J. Immunol. 28, 2395-2406 (1998).
  17. Voehringer, D. Break of T cell ignorance to a viral antigen in the liver induces hepatitis. J. Immunol. 165, 2415-2422 (2000).
  18. Derkow, K. Differential priming of CD8 and CD4 T-cells in animal models of autoimmune hepatitis and cholangitis. Hepatology. 46, 1155-1165 (2007).
  19. Lapierre, P., Djilali-Saiah, I., Vitozzi, S., Alvarez, F. A murine model of type 2 autoimmune hepatitis: Xenoimmunization with human antigens. Hepatology. 39, 1066-1074 (2004).
  20. Djilali-Saiah, I., Lapierre, P., Vittozi, S., Alvarez, F. DNA vaccination breaks tolerance for a neo-self antigen in liver: a transgenic murine model of autoimmune hepatitis. J. Immunol. 169, 4889-4896 (2002).
  21. Christen, U., Hintermann, E., Holdener, M., von Herrath, M. G. Viral triggers for autoimmunity: is the 'glass of molecular mimicry' half full or half empty. J. Autoimmun. 34, 38-44 (2010).
  22. Krebs, P., Scandella, E., Odermatt, B., Ludewig, B. Rapid functional exhaustion and deletion of CTL following immunization with recombinant adenovirus. J. Immunol. 174, 4559-4566 (2005).
  23. Hintermann, E., Bayer, M., Pfeilschifter, J., Christen, U. Adenoviral delivery of the liver autoantigen cytochrome P450 2D6 chronically activates hepatic stellate cells and induces fibrosis. Manuscript Submitted. (2011).

Comments

0 Comments


    Post a Question / Comment / Request

    You must be signed in to post a comment. Please or create an account.

    Usage Statistics