Minimal Eritema Dose (MED) Testing

Medicine

Your institution must subscribe to JoVE's Medicine section to access this content.

Fill out the form below to receive a free trial or learn more about access:

 

Summary

Questo articolo descrive come condurre eritema minima dose di collaudo (MED) per determinare la dose minima di radiazioni ultraviolette che causerà eritema (bruciore) quando somministrato a un individuo.

Cite this Article

Copy Citation | Download Citations

Heckman, C. J., Chandler, R., Kloss, J. D., Benson, A., Rooney, D., Munshi, T., Darlow, S. D., Perlis, C., Manne, S. L., Oslin, D. W. Minimal Erythema Dose (MED) Testing. J. Vis. Exp. (75), e50175, doi:10.3791/50175 (2013).

Please note that all translations are automatically generated.

Click here for the english version. For other languages click here.

Abstract

La radiazione ultravioletta (UV), la terapia è talvolta usato come trattamento per varie malattie della pelle comuni, tra cui la psoriasi, l'acne e l'eczema. Il dosaggio di luce UV è prescritto secondo la sensibilità della pelle di un individuo. Così, per stabilire il corretto dosaggio di luce UV per somministrare ad un paziente, il paziente viene talvolta proiettato per determinare una dose eritema minima (MED), che è la quantità di radiazione UV che produrrà minima eritema (scottature o arrossamenti causati da congestione di capillari) di pelle di un individuo nel giro di poche ore dopo l'esposizione. Questo articolo descrive come condurre minima eritema dose di sperimentazione (MED). Attualmente non esiste un modo semplice per determinare una dose UV appropriato per scopi clinici o di ricerca senza condurre test formali MED, che richiede ore di osservazione dopo la prova, o processo informale da prove ed errori con il rischio di sotto-o sovra-dosaggio. Tuttavia, sono discussi alcuni metodi alternativi.

Protocol

1. Preparazione per esposizione ai raggi UV

  1. Spiegare al partecipante come funziona testing MED ("Io vado a esporre alcuni pelle sul braccio per luce UV nel corso di circa 20 minuti, e domani, andremo a verificare che la sezione della pelle al fine di determinare quanto siete sensibili alla luce. Si può verificare una scottatura nelle piccole aree che esponiamo ai raggi UV. Se la scottatura è doloroso o ti dà fastidio, è possibile trattarlo come si farebbe con qualsiasi altro scottature. ")
  2. Staff e partecipanti devono indossare occhiali protettivi UV.
  3. Il partecipante deve essere indossa una camicia a maniche corte o rotolare in su la manica.
  4. Avere il partecipante ha messo su un guanto per proteggere la pelle sulla sua mano.
  5. Rimuovere il Daavlin patch 1 supporto sui lati destro e sinistro della patch, e posizionarlo sul braccio inferiore interno proprio adiacente al guanto, evitando macchie della pelle esistenti.
  6. Coprire tutta la pelle supplementare sul braccio wiTh camicia del partecipante o di altro materiale.
  7. Posizionare il braccio in modo che i fori del cerotto saranno esposti alla fonte di luce UV. Nessun'altra pelle deve essere esposto alla luce UV.
  8. Dillo il partecipante si sentirà il calore, ma il braccio non brucerà durante la prova.

2. Condurre esposizione ai raggi UV

  1. Fori di patch (ad esempio 6) devono essere esposti ai raggi UV, a intervalli per tutto il periodo di esposizione.
  2. Iniziare con 1 foro aperto.
  3. Selezionare la durata totale dell'esposizione in base alle specifiche del costruttore per la sorgente di luce e del partecipante Fitzpatrick tipo di pelle I-VI (molto giusto per molto scuro; Fitzpatrick, 1988). 2 pelle più giusto è più probabile che bruciare.
  4. Impostare un timer per la durata complessiva di esposizione (ad esempio 20 minuti). Un secondo temporizzatore di backup può anche essere usato. Avviare il timer (s).
  5. Ad esempio, aprire il foro 2 dopo 2 min, buco aperto 3 dopo 4min, buco aperto 4 dopo 8 min, buco aperto 5 dopo 12 min, e buco aperto 6 dopo 16 min. Così, i tempi di esposizione UV della pelle saranno 20 min per il foro 1, 18 min per il foro 2, 16 min per foro 3, 12 min per foro 4, 8 min per foro 5 e 4 min per il foro 6.
  6. Al fine di individuare più facilmente le zone esposte dopo 24-48 ore, segnare la pelle esposta sul bordo opposto della prima e dell'ultima fori del cerotto e chiedere al partecipante di non lavare i segni fino a dopo viene esaminata la pelle.
  7. Hanno il partecipante togliere il guanto e patch.
  8. Ribadire al partecipante che la pelle deve essere riesaminato alla 24-48.

3. Valutare il MED

  1. Dopo 24-48 ore, esaminare le aree esposte della pelle. Pelle rossa o rosa indica eritema o bruciore. Erythemetous pelle esposta alla durata più breve di UV è definita come dose eritema minima o MED.
  2. Esposizioni future UV dovrebbero essere per le durate più brevi di tegli MED per evitare di bruciare.
  3. Se le aree di esposizione sono difficili da identificare, si consiglia di mettere la patch indietro sull'uso dei marchi di allinearsi con la pelle esposta. Questo è anche utile se si utilizza un dispositivo di misurazione del colore della pelle come lo spettrofotometro.
  4. Spettrofotometri forniscono misure di L * (oscurità) e b * (tonalità). un * si riferisce al rossore della pelle. A un valore più alto * indica la pelle più rossa.
  5. Se si utilizza un dispositivo di misurazione del colore della pelle come lo spettrofotometro, spettrofotometro posizionare l'apertura nel centro del foro da misurare.
  6. Misurare ciascuna delle 6 aree di esposizione in ordine numerico e una zona non esposta vicino alle altre per confronto. Prova a misurare il centro di ogni foro, ma non una lentiggine o talpa o altre macchie non-UV. Etichettare ciascuna misura. La misurazione della zona non esposta deve essere etichettato 0 min ed essere elencato accanto alla zona 6 (l'area più breve esposizione - 4 min).
  7. Incrementi di un valori * devono corrispondere con aumenti di durata di esposizione ai raggi UV. Provate valori ri-misura che non sono in ordine corrispondente.
  8. Una differenza nel punto 2.5 * di una non esposta pelle rispetto ad pelle esposta indica una differenza significativa nella arrossamento, suggerendo potenziale di bruciare.
  9. Aggiungere 2,5 a un valore più basso *. Qualsiasi cosa o superiore a tale valore sarebbe considerato potenzialmente masterizzazione. Il tempo di esposizione più bassa di sopra di questo valore è considerato il MED.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Representative Results

Figura 1
Figura 1 Le quattro fasi di condurre test MED:. Preparazione per l'esposizione ai raggi UV, lo svolgimento di esposizione ai raggi UV, la valutazione del MED, e la determinazione del MED.

Figura 2

Figura 2. La patch Daavlin su un avambraccio con un adesivo rimovibile per l'esposizione ai raggi UV. I successivi cinque adesivi sarebbero poi essere rimossi a diversi punti temporali per esporre la pelle a durata variabile di raggi UV.

Patch di apertura # un * Valore
1 10.57 20
2 9.53 18
3 8.1 16
4 8.06 12
5 7.75 8
6 7.2 4
NA 6.86 0

Tabella 1. Esempi di dati spettrofotometro. Tabella 1 mostra un esempio spettrofotometro valori * e corrispondenti durate di esposizione ai raggi UV per ciascuna delle sei aperture di patch. Si noti che i valori a * aumentano con l'aumentare l'esposizione ai raggi UV. C'è anche una differenza maggiore di 2,5 punto in un valori * indicanti che la MED è stato raggiunto. Secondo i dati di esempio nella tabella 1, la lettura più bassa pelle è 6.86. 6,86 + 2,5 = 9,36. Quindi, qualsiasi cosa o di unbove 9.36 sarebbe considerato potenzialmente masterizzazione. La lettura a 18 min è 9.53, che è al di sopra 9,36 ed è quindi considerato il MED.

Figura 3
Figura 3. Esposizione ai raggi UV visibile su un avambraccio. Sei quadrati di pelle sono stati esposti a UV tra i due punti neri con il cerotto Daavlin. Sul lato sinistro dell'immagine sono le aree che sono stati esposti il più lungo (cioè il quadrato inferiore sinistro # 1 per 20 min e il quadrato superiore sinistra # 2 per 18 min). Piazze # 1 e 2 appaiono un po 'rosso, mentre il resto non lo fanno, che indica che la MED è 18 min (piazza # 2).

Patch di apertura # un * Valore Minuti di esposizione ai raggi UV
1 9.2 20
2 9.0 18
3 8.1 16
4 8.06 12
5 7.75 8
6 7.2 4
NA 7.0 0

Tabella 2. Esempi di dati spettrofotometro. Tabella 2 mostra un esempio spettrofotometro valori *, ad eccezione del MED in questo esempio non è stato raggiunto. La mancanza di una differenza di 2,5 punti in un valori * indica che la combustione non si è verificato e che il MED non è stato raggiunto (cioè il partecipante non bruciava anche a più lunga durata di esposizione ai raggi UV). Così, non ci si aspetterebbe di vedere tutte le zone rosse visibili.

Patch di apertura # un * Valore Minuti di esposizione ai raggi UV
1 10.57 20
2 9.53 18
3 8.1 16
4 8.06 12
5 7.75 8
6 7.2 4
NA 9.0 0

Tabella 3. Esempio Data Spettrofotometro. Tabella 3 mostra campione spettrofotometro un valori *, ma i dati per la pelle che non è stato esposto a UV etichettati NA non hanno senso perché il valore * è superiore al 4 a 16 pose min. Pertanto, si dovrebbe ri-misurare la pelle non esposta. Il valore atteso * sarebbe inferiore a 7.2 per cui la pelle è stata esposta a UV per la più breve durata di 4 min.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Discussion

La radiazione ultravioletta (UV), la terapia è talvolta usato come trattamento per varie malattie della pelle comuni, tra cui la psoriasi, l'acne e l'eczema. Il dosaggio di luce UV è prescritto secondo la sensibilità della pelle di un individuo, che è determinata in funzione del Fitzpatrick tipo di pelle dell'individuo I a VI (molto giusto molto scuro). 2 pelle umana varia nella sua sensibilità alla radiazione UV a motivo delle diverse gradi di pigmentazione della pelle, lo spessore, e di altri fattori. Così, per stabilire il corretto dosaggio di luce UV per somministrare ad un paziente, il paziente viene talvolta proiettato per determinare una dose eritema minima (MED), che è generalmente inteso come la quantità di radiazione UV che produrrà minima eritema (arrossamento o scottature causata da congestione dei capillari) di pelle di un individuo nel giro di poche ore dopo l'esposizione.

Attualmente non esiste un modo semplice per determinare una dose UV appropriato per clinica o researcscopi h senza condurre test formale MED, che richiede ore di osservazione dopo la prova, o processo informale da prove ed errori con il rischio di sotto-o sovra-dosaggio. Tuttavia, ci sono diverse opzioni per diversi aspetti dei test MED Opzioni per le aree di esposizione del corpo:. Abbiamo scelto di esporre l'avambraccio interno a raggi UV, perché è facilmente accessibile per i test ed è esposto a meno luce solare rispetto ad altri settori del corpo. Tuttavia, i glutei superiori è un'altra zona che riceve tipicamente esposizione UV minima Un'altra opzione per temporizzare le esposizioni:. Una serie rapporto geometrica può essere usato con un rapporto costante tra le aperture adiacenti, come 1.0, 1.4, 2.0, 2.8, 3.0, 5.6 , 8.0, ecc, con un rapporto tra la radice quadrata di due tra i siti adiacenti. Migliore risoluzione può essere realizzato con più aperture e un rapporto tra aperture del cubo-radice di due, in modo che vi sono due aperture tra ogni raddoppio della dose di opzioni per i modelli di esposizione UV:. Come Daavlin, La società Copenhagen Chromo-Light ha un cerotto MED, ma non sembra essere ampiamente disponibili. 5 Daavlin ha anche un guanto e una patch di tessuto per le aree cutanee più grandi. 1 test MED utilizzando queste opzioni è simile ad usare il Daavlin adesivo patch. Tuttavia, si deve garantire che le opzioni di tessuto inseriscono gli utenti correttamente e rimanere in posizione durante i test. Il H. Waldmann & Co. KG ha anche un modello meccanico più grande più costoso per il test eritema 6 Opzioni per la valutazione di eritema:. Alcuni studi usano la L * (buio) Valore dello spettrofotometro, piuttosto che la a * (arrossamento) valore . 7, 8 Una scala di valutazione visiva Likert-tipo per l'eritema può essere utilizzato anche al posto di spettrofotometria. 9

Alcuni ricercatori hanno condotto una sperimentazione pilota che stabilisce le gamme di dosi UV che producono MEDs dal tipo di pelle, che eliminerebbe test MED per sé. 9-12 Tuttavia, digitando pelle è inesatta.Kwon e colleghi hanno condotto uno studio simile raccomandare dosi UV corrispondenti a MEDs basato su letture spettrofotometriche per individui dalla pelle più scuri. 7 Tuttavia, con entrambi questi approcci, si deve ancora convertire la dose UV base all'intensità del dispositivo utilizzato nella pubblicazione di il dispositivo a mano. Intensità UV e gli effetti sono determinati dalla natura del dispositivo emettitore UV, le lampade utilizzate nel dispositivo, la sensibilità della pelle, e la distanza della pelle dal dispositivo, i quali variano da situazione a situazione. Questa è probabilmente la più grande fonte di errore e di confusione nell'uso di qualsiasi metodologia MED. Tuttavia, se si vuole effettuare conversioni da un dispositivo ad un altro, l'eritema Tester Durham è un dispositivo all-in-one, che contiene sia una sorgente di raggi UV e un modello che offre dieci irradianze graduati crescenti nel 26% intervalli in un'unica esposizione, senza apertura o la chiusura di aperture motorizzate, impiegando graduati punti stampati opachi o ecched piccoli buchi in un foglio di metallo, in modo che in una sola esposizione, tutti i irradianze desiderati rientrino simultaneamente. 13 Per ulteriori informazioni sui test di MED, dosimetria e la calibrazione in fototerapia, compreso il modo per segnalare procedure di test MED, gli autori raccomandano la linee guida del Foto-dermatologia gruppo britannico 14.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Disclosures

Non abbiamo nulla da rivelare.

Acknowledgments

Questo lavoro è stato finanziato da R21CA134819 (CH), T32CA009035 (SD), e P30CA006927 (Cancer Center Nucleo Grant). Gli autori desiderano ringraziare Elisabetta Culnan per la sua assistenza con il reclutamento dei partecipanti, Lia Boyle, Eva Panigrahi e Kate Menezes per la loro assistenza nello sviluppo di procedure, e Jeanne Pomenti con il suo aiuto con preparazione del manoscritto. Ringraziamo anche i revisori del giornale per i loro utili suggerimenti.

References

  1. UV Therapy Accessories | Daavlin [Internet]. The Daavlin Company. Available from: http://www.daavlin.com/patients/phototherapy-products/uv-therapy-accessories/ (2012).
  2. Fitzpatrick, T. B. The validity and practicality of sun-reactive skin types I through VI. Archives of Dermatology. 124, 869-871 (1988).
  3. SPF Testing 601 Multiport UV Solar Simulator | Solar Light - Solar Light [Internet]. Solar Light Company, Inc.. Available from: http://solarlight.com/product/model-601-multiport-spf-testing-6-output-solar-simulator/ (2012).
  4. eCFR - Code of Federal Regulations [Internet]. U.S. Government Printing Office. Available from: http://ecfr.gpoaccess.gov/cgi/t/text/text-idx?type=simple;c=ecfr;cc=ecfr;idno=21;region=DIV1;q1=201;rgn=div2;sid=2e707692c7adf31cc3772389d813a3bb;view=text;node=20110617%3A1.33;start=1;size=25 (2012).
  5. Bodekaer, M., Akerstrom, U., Wulf, H. C. Accumulation of sunscreen in human skin after daily applications: a study of sunscreens with different ultraviolet radiation filters. Photodermatol. Photoimmunol. Photomed. 28, 127-132 (2012).
  6. light, lighting, illumination, lamps, lighting technology, architectural lighting, industrial lighting, LED-lights - Herbert Waldmann GmbH & Co. KG - Test Unit [Internet]. H. Waldmann GmbH & Co. KG. Available from: http://www.waldmann.com/waldmann-medizin/home/home/products/therapy_systems_for_professional_use/accessories/test_unit.html (2012).
  7. Kwon, I. H., Kwon, H. H., Na, S. J., Youn, J. I. Could colorimetric method replace the individual minimal erythemal dose (MED) measurements in determining the initial dose of narrow-band UVB treatment for psoriasis patients with skin phototype III-V? J. Eur. Acad. Dermatol. Venereol. (2012).
  8. Youn, J. I., Park, J. Y., Jo, S. J., Rim, J. H., Choe, Y. B. Assessment of the usefulness of skin phototype and skin color as the parameter of cutaneous narrow band UVB sensitivity in psoriasis patients. Photodermatol. Photoimmunol. Photomed. 19, 261-264 (2003).
  9. Henriksen, M., Na, R., Agren, M. S., Wulf, H. C. Minimal erythema dose after multiple UV exposures depends on pre-exposure skin pigmentation. Photodermatol. Photoimmunol. Photomed. 20, 163-169 (2004).
  10. Kraemer, C. K., Menegon, D. B., Cestari, T. F. Determination of the minimal phototoxic dose and colorimetry in psoralen plus ultraviolet A radiation therapy. Photodermatol. Photoimmunol. Photomed. 21, 242-248 (2005).
  11. Sachdeva, S. Fitzpatrick skin typing: applications in dermatology. Indian J. Dermatol. Venereol. Leprol. 75, 93-96 (2009).
  12. Webb, A. R., Kift, R., Berry, J. L., Rhodes, L. E. The vitamin D debate: translating controlled experiments into reality for human sun exposure times. Photochem. Photobiol. 87, 741-745 (2011).
  13. Otman, S. G., Edwards, C., Gambles, B., Anstey, A. V. Validation of a semiautomated method of minimal erythema dose testing for narrowband ultraviolet B phototherapy. Br. J. Dermatol. 155, 416-421 (2006).
  14. Taylor, D. K., Anstey, A. V., Coleman, A. J., Diffey, B. L., Farr, P. M., Ferguson, S., et al. Guidelines for dosimetry and calibration in ultraviolet radiation therapy: a report of a British Photodermatology Group workshop. Br. J. Dermatol. 146, 755-763 (2002).

Comments

0 Comments


    Post a Question / Comment / Request

    You must be signed in to post a comment. Please or create an account.

    Usage Statistics