Preparazione e reattività di gasless Nanostrutturati materiali energetici

1Department of Physics, University of Notre Dame, 2Department of Chemical and Biomolecular Engineering, University of Notre Dame, 3Center of Functional Nano-Ceramics, National University of Science and Technology, "MISIS"
Published 4/02/2015
0 Comments
  CITE THIS  SHARE 
Engineering

You must be subscribed to JoVE to access this content.

Fill out the form below to receive a free trial:

Welcome!

Enter your email below to get your free 10 minute trial to JoVE!





By clicking "Submit," you agree to our policies.

 

Summary

Questo protocollo descrive la preparazione di gasless nanostrutturati materiali energetici (Ni + Al, Ta + C, Ti + C) utilizzando la sfera ad alta energia a breve termine di fresatura (HEBM) tecnica. Viene inoltre descritto un metodo di imaging termico ad alta velocità per studiare la reattività di nanocompositi fabbricati meccanicamente. Questi protocolli possono essere estesi ad altri materiali energetici nanostrutturati reattiva.

Cite this Article

Copy Citation

Manukyan, K. V., Shuck, C. E., Rogachev, A. S., Mukasyan, A. S. Preparation and Reactivity of Gasless Nanostructured Energetic Materials. J. Vis. Exp. (98), e52624, doi:10.3791/52624 (2015).

Please note that all translations are automatically generated through Google Translate.

Click here for the english version. For other languages click here.

Abstract

High Energy sfera fresatura (HEBM) è un processo di macinazione in cui una miscela di polveri collocato nel mulino a sfere è sottoposto a collisioni ad alta energia dalle sfere. Tra altre applicazioni, è una tecnica versatile che consente un'efficace preparazione di materiali nanostrutturati gasless reattivi con alta densità di energia per volume (Ni + Al, Ta + C, Ti + C). Le trasformazioni strutturali di mezzi reattivi, che si svolgono durante HEBM, definiscono il meccanismo di reazione nei compositi energetiche prodotte. Variando le condizioni di trasformazione consente la messa a punto delle microstrutture fresatura-indotta delle particelle composte fabbricati. A sua volta, la reattività, cioè, temperatura di autoaccensione, tempo di ritardo di accensione, nonché cinetica di reazione, di materiali ad alta densità di energia dipende dalla sua microstruttura. Analisi delle microstrutture fresatura indotta suggerisce che la formazione di fresco intimi superficiali elevate area contatti senza ossigeno tra i reagentis responsabile per il miglioramento della loro reattività. Ciò si manifesta in una riduzione della temperatura di accensione e tempo di ritardo, un aumentato tasso di reazione chimica, e una diminuzione complessiva della energia di attivazione effettiva della reazione. Il protocollo contiene una descrizione dettagliata per la preparazione di nanocompositi reattivi con microstruttura su misura con il metodo HEBM breve termine. Esso descrive anche una tecnica di imaging termico ad alta velocità per determinare le caratteristiche di accensione / combustione dei materiali energetici. Il protocollo può essere adattato alla preparazione e caratterizzazione di una varietà di materiali compositi nanostrutturati energetici.

Introduction

Materiali energetici classica, cioè, esplosivi, propellenti e pirotecnici sono una classe di materiali con una elevata quantità di energia chimica immagazzinata che può essere liberato durante la reazione esotermica rapida 1-5. Ad esempio, esplosivi sono solitamente generati combinando gruppi di combustibile e comburente in una molecola. La densità di energia di tali materiali è molto elevata. Ad esempio, quando la decomposizione tritolo (TNT) rilascia 7.22 kJ / cm 3 e forma 8,36 moli di gas per 100 g (Tabella 1) in un breve periodo di tempo. Questi materiali sono composti da specie micrometro scala organici e inorganici (combustibili e di ossidanti).

Sistemi termite, in cui le reazioni avvengono tra il composto inorganico, cioè, riducenti metalli (ad esempio, Al) e ossidi (Fe 2 O 3, CuO, Bi 2 O 3), appartengono ad un altro tipo di materiali energetici. La densità di energia(15-21 kJ / cm 3) di tali sistemi supera quella di TNT, tuttavia la quantità di prodotti di gas (0,15-0,6 moli per 100 g) è in genere molto inferiore per esplosivi (Tabella 1). Inoltre, i nano-termiti possono mostrare altissima velocità di propagazione delle onde di combustione (> 1000 m / sec) 2 -5.

È stato recentemente dimostrato 6-12 che alcuni gasless sistemi reattivi eterogenei (Ni + Al, Ti + C, Ti + B) che formano composti intermetallici o refrattari potrebbe anche essere considerato come materiali energetici. Le densità di energia (kJ / cm 3) di tali sistemi sono più vicini o superiore a quella di TNT (Tabella 1). Allo stesso tempo, l'assenza di prodotti di gas durante la reazione rende tali materiali candidati eccellenti per una varietà di applicazioni, tra cui la sintesi di nanomateriali, incollaggio reattiva di refrattario e parti dissimili, generatori di potenza micro gasless, ecc 11-17. Tuttavia, il reltivamente elevata temperatura di accensione di questi sistemi (900-3,000 K, vedi tabella 1), rispetto a termiti (~ 1000 K) ostacola le loro applicazioni. La preparazione di compositi nanostrutturati ingegnerizzati potrebbe migliorare in modo significativo le caratteristiche di accensione e di combustione dei sistemi eterogenei gasless 12-14, 17.

Molti metodi sono stati sviluppati per fabbricare i nanocompositi energetici ingegnerizzati, come ultrasuoni miscelazione 18,19, autoassemblaggio approcci 5, sol-gel 20-22, tecniche di deposizione vapore 16,17,23,24, nonché ad alta energia macinazione (HEBM) 1,5. Lo svantaggio di miscelazione ad ultrasuoni di nano-polvere è che una spessa (5-10 nm) shell ossido sulla nanoparticelle metalliche riduce la densità di energia e degrada le prestazioni di combustione di miscele reattive. Inoltre, la distribuzione del combustibile ed ossidante non è uniforme, e il contatto interfacciale tra reagenti non è intimo. Sol-Gel unstrategie di auto-assemblaggio d sono stati sviluppati per la preparazione di specifici nanocompositi termite. Nonostante sia tecniche a basso costo, tali strategie non sono verdi dal punto di vista ambientale. Inoltre, grandi quantità di impurezze vengono introdotti in compositi preparati. Deposizione di vapore o magnetron sputtering è usato per preparare reattivi pellicole multistrato e core-shell materiali energetici. Esso fornisce una geometria e ben definita priva di pori di compositi che semplifica modelli teorici e migliora la precisione. Tuttavia, questa tecnologia è costoso e difficile da scalare. Inoltre, gli strati nanocompositi preparati sono instabili in determinate condizioni.

High-Energy sfera Milling (HEBM) è un approccio ecologico, facilmente scalabile che consente efficace fabbricazione di compositi nanostrutturati energetici 5, 9 -14. HEBM è poco costoso e può essere utilizzato con varie composizioni di materiale reattivo (ad esempio, larmites, reazioni che formano intermetallici, carburi, boruri, ecc).

Il protocollo prevede una descrizione dettagliata per la preparazione dei reattivi energetici (Ni + Al, Ti + C, Ta + C) nanocompositi con microstruttura misura utilizzando il metodo HEBM breve termine. Esso descrive anche una tecnica di imaging termico ad alta velocità per determinare le caratteristiche di accensione / combustione dei materiali energetici as-fabbricati. Infine mostra l'analisi della microstruttura dei nanocompositi utilizzando Field Emission Scanning Electron Microscope (FESEM) attrezzata per Focused Ion Beam (FIB). Il protocollo è una guida importante per la preparazione di diversi nanomateriali energetici (gasless e sistemi termite) che potrebbero essere utilizzati come fonti densità sia di alta energia o per la sintesi e l'elaborazione di nanomateriali avanzati da approcci basati sulla combustione.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Protocol

Palla fresatura 1. Alta energia

  1. Preparare 35 g di 1 iniziale: 1 rapporto molare miscela Ni + Al. In questo caso, pesare 11.02 g di Al e 23.98 g di polveri Ni.
  2. Utilizzare un vaso fresatura di acciaio per HEBM di questo sistema. Assicurarsi che il vaso ha una durezza superiore alle polveri da aggiungere, altrimenti le polveri danneggiare il vaso e sorgerà contaminazione. Nota: le scelte vaso tipiche includono l'acciaio, ossido di zirconio, o carburo di tungsteno.
  3. Utilizzare un 5: 1 pallina: polvere (rapporto costo) per questo sistema, cioè, 175 g di sfere d'acciaio 10 mm. Assicurarsi che le palline sono fatte dello stesso materiale del vaso altrimenti la palle o vaso sarà danneggiato.
    Nota: Il rapporto carica definisce l'intensità di interazione tra la polvere e gli agenti di fresatura.
  4. Aggiungere palle e polveri per il vaso.
  5. Sigillare il vaso e pompare il gas atmosferico dal vaso da pompa meccanica e spurgo per argon. Effettuare quattro cicli di riempimento e lavaggio con gas Ar(Questo assicura che non c'è ossigeno rimanente nel vaso). Infine, riempire il vaso con gas argon leggermente superiore (0,13 MPa) Pressione atmosferica.
  6. Inserire il vaso in un mulino a sfere planetario.
  7. Scegliere 650 giri al minuto (rpm) per il tasso di rotazione del vaso e 1.400 rpm per la rotazione interna (ruota solare).
    Nota: In alcuni casi, il rapporto di rotazione (k) della ruota sum (1.400 rpm) e il barattolo di fresatura (da 700 a 1.300 rpm) è stata variata per regolare la microstruttura delle particelle composite.
  8. Eseguire la procedura HEBM per 15 min. Nota: Sistemi hanno un momento critico, che, per le condizioni descritte, uguale 17 min. Vi è una quantità limitata di fresatura che può essere condotta sul sistema prima della reazione si verifica nel vaso. Se HEBM è condotto superiore al tempo critico, una reazione avverrà nel vaso palla-fresatura, rovinando l'esperimento.
  9. A seguito del completamento del tempo di fresatura, raffreddare il vaso per RT, e quindi spostare il vaso di una cappa aspirante.
    1. Vent il vaso per rimuovere la pressione del gas in eccesso dalla pressurizzazione iniziale ed eventuale gas rilasciato durante la fresatura.
    2. Togliere il coperchio dal vaso sotto la cappa. Fare attenzione quando si apre il vaso, come la polvere che si forma è molto reattivo. Aprire il barattolo di indossare guanti resistenti al calore e occhiali di protezione.
    3. Prima di raccogliere la polvere, esporla all'aria per almeno 5 minuti per "passivazione".
      Nota: Questo impedisce reazione spontanea che possono verificarsi durante la manipolazione della miscela.

2. Reattività Caratterizzazione di materiali energetici

  1. Raccogliere la polvere dal vaso. Non utilizzare una spatola metallica per questa procedura.
    1. Se si desidera la classificazione e separazione delle particelle, utilizzare setacci. Per garantire che la separazione adeguata è fatto, utilizzare un setacciatore per un periodo prolungato di tempo (12+ hr). Classificare la polvere in diversi contenitori di dimensioni (sotto i 10 micron, 10-20 micron, 20-53 micron, unbove 53 micron). Da questo punto in poi, utilizzare 20-53 micron le particelle di dimensioni.
  2. Premere le polveri setacciate in pellet usando una pressa uniassiale impostato a 1.100 kg in 5 mm in acciaio inox premere die (1,360 MPa) per un tempo di sosta di 2,0 min. Registrare l'altezza (h) ed il diametro (d) del pellet con un micrometro. Registrare il peso del campione (m) con una scala. Da qui, determinare la densità del pellet. Calcolare la percentuale della densità massima teorica (TMD%) con la seguente formula:
    Equazione 1
    dove A Al, A Ni - peso atomo di Al e Ni; ρ Al e Ni ρ - densità di Al e Ni. Si supponga che il rapporto stechiometrico delle polveri mantiene il rapporto delle polveri iniziali aggiunti.
    1. Se il pellet cilindrica viene utilizzata per determinare una velocità di propagazione del fronte di combustione e profilo di temperatura nella parte anteriore di reazione,garantire che sia abbastanza alto, determinato dal rapporto tra altezza e diametro che dovrebbe essere ≥2 (ad esempio, d = 5 mm h ≥ 10 mm).
    2. Se il pellet viene utilizzato per definire i parametri di accensione, utilizzare un disco sottile (ad esempio, diametro = 5 mm, spessore = 1 mm).
  3. Per definire le caratteristiche di combustione, posizionare il campione su un piatto di grafite.
  4. Fare un filo di tungsteno a spirale collegato a un trasformatore variabile.
  5. Posizionare la bobina W tale che la porzione a spirale del filo poggia sulla sommità del pellet. Se il sistema reattivo è ossigeno sensibile, farlo in una camera di reazione senza ossigeno, altrimenti effettuare la reazione in aria aperta.
  6. Per determinare la velocità dell'onda di combustione, utilizzare la registrazione dalla telecamera ad alta velocità. Posizione e fuoco la telecamera termica ad alta velocità sul campione testato e avviare la registrazione. Ciò consentirà informazioni sulla temperatura e la velocità di combustione preciso per essere raccolte.
  7. Per ottenere i parametri desiderati del processo di combustione, condurre analisi fotogramma per fotogramma del filmato IR registrato.
    1. Tracciare la posizione del fronte di propagazione in funzione del tempo di reazione. Ottenere la velocità di combustione media dalla pendenza del grafico.
    2. Tracciare le variazioni di temperatura in un punto al centro del campione. Utilizzare il grafico ottenuto per ottenere informazioni sul profilo temporale temperatura dell'onda reazione.
  8. Per definire le caratteristiche di accensione (temperatura e ritardo di accensione di tempo di accensione) mettere il disco sottile su un piatto caldo preriscaldato alla temperatura desiderata (ad esempio, 800 K). Si noti che i valori esatti ottenuti da questo esperimento variano in modo significativo se tutti i parametri sono cambiati, se sono dimensioni del pellet, temperatura della piastra, o TMD. Questa analisi è utile per determinationi di tendenze.
    1. Per determinare i parametri di accensione utilizzano la telecamera ad alta velocità. Posizione e fuoco la telecamera termica ad alta velocità sulla zona dove verrà posizionato il campione sul piatto caldo e avviare la registrazione.
      Nota: In questo modo le informazioni di temperatura accurate durante il processo.
      1. Se la reazione è sensibile all'ossigeno, eseguire questa in una camera di reazione privo di ossigeno. IMPORTANTE: Eseguire questo esperimento più volte per ottenere un buon set di dati statistici.
    2. Mettere il pellet nella zona di messa a fuoco. Fare questo in modo che la particella potrebbe essere visto su ogni frame - è importante vedere il primo fotogramma che il pellet tocca la piastra calda.
    3. Per ottenere i parametri desiderati di accensione, condurre analisi fotogramma per fotogramma del filmato IR registrato.
    4. Per determinare il tempo di ritardo di accensione, determinare il tempo tra il primo fotogramma, quando il pellet tocca la superficie della piastra, per l'apertura di reazione. Per determinare la temperatura di accensione, tracciare il punto più alto della temperatura sulla particella. Quando il profilo tempo-temperatura passa da quella di un profilo di temperatura di preriscaldamento a quella di un regime esplosivo termica, il punto di flesso corrisponde alla temperatura di accensione.

3. microstruttura Analisi Utilizzando Field Emission Scanning Electron Microscope (FESEM) Equipaggiato da Focus Ion Beam (FIB)

  1. Sospendere 0,1 g delle particelle fabbricate in 10 ml di etanolo e deposito di una goccia di sospensione su una superficie di microscopia elettronica a scansione (SEM) portacampioni.
  2. Essiccare il supporto del campione a 90 ° C per 5 min.
  3. Inserire il campione in un fascio FIB sistema / SEM duale.
  4. Condurre pulizia al plasma campione per 5 min. Nota: Questo riduce la quantità di danni che il campione sperimenterà dall'esposizione al fascio elettronico (e-beam).
  5. Accendere la E-beam (5 kV, 3,5 nA) e concentrarsi su una singola particella. Collegamento tha z-altezza alla distanza di lavoro, quindi sollevare il campione all'altezza eucentrica.
  6. Utilizzando la E-beam con l'ago di iniezione del gas, depositare un primo strato di platino (70 nm) sul campione per proteggere dal degrado dall'uso del gallio fascio ionico (I-beam).
  7. Inclinare il campione a 52 °, e quindi accendere l'I-beam. Utilizzando la I-beam (5 kV, 0.28 nA), ancora con l'ago di iniezione del gas, depositare un ulteriore strato di platino (0,5 micron) sul campione per la protezione.
  8. Tagliare segni fiduciari sul campione. Mill la particella in una forma rettangolare. Questo aumenta notevolmente le probabilità che ci sarà un fiduciario adeguata, dato che ci saranno più tagli e angoli da utilizzare.
  9. Con l'ausilio di un programma, la fetta di particelle con I-beam.
    1. Selezionare "File" e poi "Salva immagine Location" per scegliere una cartella in cui verranno memorizzate le immagini.
    2. A seconda della singola particella, selezionare la larghezza appropriata, length, e profondità; scegliere queste completamente mulino attraverso l'intero volume della particella. Inoltre, selezionare il numero di fette, così come il numero di fette per immagine. Queste opzioni sono disponibili nella scheda "Slice".
    3. Impostare la corrente del fascio selezionando "Utilities", quindi "Suggerisci Correnti". Nota: In questo modo il programma per selezionare la corrente del fascio opportuno mulino il campione in un tempo ragionevole, mentre la guardia contro i danni del campione.
    4. Fare clic su "Show" e il software fornirà una griglia di fresatura visiva che mostra ciò che verrà fresato parte della particella; accertarsi che la griglia di fresatura è posto esattamente sopra la particella nella porzione che deve essere lavorato.
    5. Dopo ogni fetta prendere un'immagine e-beam di alta qualità per la ricostruzione in seguito. Per selezionare i parametri e-beam appropriate, selezionare il menu "Impostazioni" e scegliere "Parametri di scansione eBeam Immagine".
      Nota: Questo darà una grigliaper selezionare la risoluzione e tempo di sosta. Maggiore è il tempo di sosta, tanto più tempo necessario per raccogliere l'immagine.
  10. Utilizzando un pacchetto software di ricostruzione 3D, ricostruire l'insieme di immagini raccolte dalla FIB / SEM come descritto in precedenza 25. Nota: Questo produce una completa copia virtuale 3D della particella, che può quindi essere utilizzato per calcolare l'area di contatto superficiale, la porosità delle singole particelle, spessore dello strato diffusivo, e innumerevoli altri parametri utili.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Representative Results

Per preparare compositi nanostrutturati energetici, una miscela di componenti in polvere desiderati (in genere di dimensioni micrometriche) è trattata meccanicamente in condizioni di fresatura preimpostate. Il tempo di elaborazione (tipicamente minuti) viene accuratamente controllato per generare particelle nanocompositi compositivo omogeneizzati, ma non consentendo la reazione chimica autosostenuta per iniziare durante la fresatura.

Figura 1 and Video 1 mostrano che la superficie di contatto tra i reagenti in particelle composite aumenta di ordini di grandezza rispetto alla miscela iniziale. Dopo HEBM ogni componente è incorporato nella matrice di un altro componente. Nella maggior parte dei casi, i compositi nanostrutturati ottenuti energetici sono completamente denso con elevata superficie di contatto tra reagenti (Figura 2). Inoltre, i reagenti possono essere mescolati in scala inferiore a 100 nm. E 'anche importante che le condizioni di sintonia HEBM permette regulatione della microstruttura interna dei compositi. Si è visto in Figura 2 che diversi gradi di miscelazione tra il reagente possono essere realizzati nello stesso sistema. Inoltre, HEBM forma freschi contatti (privo di ossigeno) tra reagenti. La figura 3 illustra che HEBM rimuove efficacemente lo strato protettivo di ossido sul metallo iniziale (ad esempio, Al) particelle. Dark immagine di campo (DF) della microscopia elettronica a trasmissione (TEM) analisi accoppiato con spettroscopia a raggi X a dispersione di energia (EDX) in particelle composite Ni / Al indica chiaramente nuovi confini tra i reagenti che sono liberi di ossigeno.

Nonostante sintonizzazione della microstruttura interna di particelle composite HEBM permette la regolazione della dimensione delle particelle. Per esempio, questo potrebbe essere realizzato modificando il rapporto di rotazione (k) della ruota solare (1.400 rpm) e il barattolo di fresatura (da 700 a 1.300 rpm). Immagini video mostrano che possono verificarsi diversi regimi HEBMseconda rapporto k. La miscela di palle e polvere k ≤ 1.5 è "scorrevole" sulla superficie del vaso (Video 2). In 1,85 ≤ k <1,5 intervallo collisioni intensivi di palle prendono posti (Video 3). La figura 4 indicano che tali regimi HEBM differenti influenzano significativamente le dimensioni delle particelle, cioè particelle grossolane (100-150 micron) sono formati nella "scorrevole" regime, mentre molte particelle fini (10-50 micron) possono essere preparati in regime di collisione.

Insieme con la preparazione di particelle composte energetiche, il protocollo descrive le tecniche di caratterizzazione. Tale approccio rivela i legami importanti tra preparazione dei materiali, la loro microstruttura e reattività di particelle composte. Ad esempio, dettagliata indagine microstrutturale di Ti / C particelle composte rivelato tha, dopo 3 min di HEBM, uno strato ricco di carbonio formata tra gli strati di titanio appiattiti 11 a causa della saldatura a freddo. Immagini TEM in Figura 5 indicano che lo strato di carbonio contiene nanoparticelle di titanio distribuiti uniformemente e carburo di titanio (TiC) nuclei.

Profili di temperatura in tempo registrati da imaging a raggi infrarossi per Ti / C particelle composte sono mostrati in particelle Figura 5C .Le sono stati posti su una piastra calda con una temperatura di circa 600 K. Un alta velocità del sistema Thermo-Vision è stato utilizzato per monitorare il tempo- storia della temperatura della particella. Il campo di misura della temperatura selezionata è 600-1,200 K. Si può notare che i materiali, dopo 2 min di trattamento meccanico, non possono essere auto-acceso nelle condizioni indagate. La temperatura di autoaccensione dopo 3 minuti di HEBM è di circa 600 K, mentre dopo 5 e 7,5 min di trattamento Tig è ben al di sotto di 600 K. È interessante che la temperatura di accensione è di nuovo al di sopra di 600 Kper un tempo di fresatura di 9 min. Questo effetto è spiegato dalla formazione di una quantità della fase TiC nel vaso di fresatura. Va notato che tale durante la combustione di una miscela convenzionale Ti + C, la microstruttura del mezzo di reazione rimane invariato su aspetto di una fase liquida di metallo (1.941 K) e la reazione esotermica inizia a ~ 2.000 K. Questi risultati indicano che una esiste un nesso diretto tra la microstruttura formata durante la temperatura HEBM e accensione. Formazione di contatti intimi senza ossigeno tra reagenti e prodotti nuclei rende i compositi Ti / C estremamente reattivi come la temperatura di accensione scende da 2.000 a 600 K. HEBM anche influenza significativamente il tempo di ritardo di accensione, cioè, il tempo dopo immergendo la particella in un forno e fino all'inizio di reazione, così come la velocità di propagazione della combustione anteriore. Profili di temperatura-tempo in Figura 5C mostrano che il tempo di ritardo di accensione diminuisce anche con un aumento ditempo di fresatura.

Vale la pena notare che la combustione del composito fabbricato meccanicamente mostra grandi vantaggi per la sintesi di materiali nanostrutturati. Durante la combustione dei mezzi convenzionali, il controllo sulla microstruttura del prodotto è estremamente difficile. Ad esempio, la temperatura di reazione di insorgenza convenzionale Ni + Al coincide con la temperatura eutettica basso del sistema (~ 910 K). La fase liquida formata durante la reazione di modifica significativamente la microstruttura della miscela iniziale (Figura 6). Nei compositi fabbricati meccanicamente, le reazioni procedono sotto della temperatura eutettica del sistema, che elimina completamente la formazione di fasi liquide, cioè, una vera combustione a stato solido, cosiddetta fiamma solido, avviene. Ciò è dimostrato da una temperatura di reazione insorgenza partire da 470 K, mentre la temperatura eutettica basso in questo sistema avviene a 910 K; questo implica che una con significativo versione deve verificarsi a causa di una reazione puramente a stato solido. I campioni preparati con tali particelle composite mantengono la loro forma e microstruttura (Figura 6).

Figura 1
Figura 1. La trasformazione della microstruttura eterogenea mezzi reattiva nella sfera macinazione ad alta energia: Rappresentazione schematica della trasformazione di particelle di dimensione micrometrica dei singoli reagenti per una stratificata particelle composite (A), e la formazione di particelle composite Ni / Al utilizzando HEBM di nichel e reagenti alluminio (B). Clicca qui per vedere una versione più grande di questa figura.

fig2.jpg "/>
Figura 2. Sintonia l'area di contatto tra i reagenti di diverse condizioni HEBM per i sistemi diversi:. Ni / Al (A - C), Ti / C (D, E) e Ta / C (F) Clicca qui per visualizzare una più grande versione di questa figura.

Figura 3
Figura 3. Formazione di contatti privi di ossigeno tra i reagenti: Rappresentazione schematica (A), campo immagine luminosa di un confine Ni / Al formata da HEBM (B) e dispersivo Energy X-ray Spectroscopy (EDS) profili di nichel, alluminio e ossigeno (C). Si prega diclicca qui per vedere una versione più grande di questa figura.

Figura 4
Figura 4. Preparazione di particelle composte con diverse dimensioni sintonizzando il rapporto (k) della ruota di sole e di velocità di rotazione jar fresatura:. K ≤ 1,5 (A) e 1,8 ≤ k <1,5 (B) Clicca qui per vedere una versione più grande di questa figura.

Figura 5
Figura 5. Il rapporto tra la microstruttura e reattività delle particelle composite: Una immagine TEM di Ti / C particelle composite (A), ad alta risoluzione di immagine TEM di nanoparticelle TiC (B (C) di Ti / C particelle composte varie volte di fresatura (2, 3, 5, 7,5, 9 min). Cliccate qui per vedere una versione più grande di questa figura.

Figura 6
Figura 6. Sintesi di materiali con pre-progettati microstruttura mediante combustione di particelle composte nanostrutturati:. Microstrutture di intermetallici NiAl con mezzi tradizionali (A) e particelle composte fabbricati meccanicamente (B) Clicca qui per vedere una versione più grande di questo figura.

Tabella 1. Alcune caratteristiche dei materiali energetici.

Video 1. "Slice e vista" immagine di una particella composito Ni / Al.

Video 2. "Sliding" regime di HEBM a k ≤ 1,5.

Video 3. collisioni intensivi di palle in 1,85 ≤ k <intervallo 1.5.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Discussion

Il protocollo prevede una descrizione dettagliata per la preparazione dei reattivi energetici (Ti + C, Ta + C, Ni + Al) nanocompositi con microstruttura misura utilizzando il metodo HEBM breve termine. HEBM di miscele eterogenee gasless comporta il trattamento in un mulino a palle planetario ad alta velocità, in cui le particelle della miscela sono sottoposti a impatto meccanico con una forza sufficiente per ripartizione dei componenti fragili (ad esempio di grafite) e la deformazione dei componenti in plastica (ad esempio, Al , Ti, Ta, Ni). Reagenti fragili sono fresati da particelle più fini e possono diventare amorfo, mentre i metalli di plastica sono sottoposti a molteplici deformazioni e saldatura a freddo, formando particelle compositi. Piccoli frammenti di componenti fragili trovano spesso all'interno delle particelle di reagenti plastica. Messa a punto delle condizioni HEBM consente il controllo delle dimensioni delle particelle composite e la loro microstruttura intrinseca. Va notato che tale grado di controllo in microstructure non può essere realizzato in molti altre tecniche attualmente disponibili per la preparazione di compositi nanostrutturati energetici. Così l'energia liberata in compositi energetici fabbricati meccanicamente potrebbe essere controllato proprio dalla loro microstruttura attraverso la messa a punto di condizioni HEBM.

Le condizioni HEBM uniche permettono anche uno per produrre soluzioni sovrasature metastabili non equilibrio, che consentono reazioni avvenire a temperature significativamente inferiori a miscele di polveri convenzionali. Inoltre, in alcuni casi le reazioni procedono sotto della temperatura eutettica del sistema, che elimina completamente la formazione di fasi liquide. I campioni preparati da tali particelle composte mantengono la loro forma e la microstruttura.

Un uso di HEBM è in produzione altamente reattivi, nanocompositi energetici. Questo processo è semplice, estremamente economico e facilmente scalato. Ci sono due problemi principali con questo processo, però. Il primo èproblemi di sicurezza; questo processo crea nanocompositi che sono altamente reattivi, e come tale, l'operatore deve seguire tutte le procedure di sicurezza. Questo include procedure generali di sicurezza relative al funzionamento della macchina stessa e di procedure più specifiche di sicurezza relative ai composti attualmente utilizzate. A causa della natura altamente reattivo di questi nanocompositi; una quantità limitata di questo materiale deve essere prodotto fino conoscenze sulla sicurezza del sistema specifico è accertata. Infine, impurità relative alla nave possono essere introdotti. Questo può portare a semplice contaminazione o reazioni collaterali anche indesiderate. In terzo luogo, la preparazione di compositi senza pori (ad esempio, rivestimenti, film) è difficile e richiede passaggi aggiuntivi (spruzzatura a freddo o laminazione) 26.

Il protocollo prevede inoltre informazioni approfondite sulla caratterizzazione dei nanostrutturati fabbricato meccanicamente compositi energetici. L'uso di alta velocità tecniche infrarossi unllows per spaziale accurata (2 micron), termica (5 K), e risoluzione temporale (15.000 fps). Ciò consente un'accurata caratterizzazione delle particelle composte, compreso il loro tempo-temperatura, temperatura di accensione, tempo di ritardo, e la velocità di propagazione.

Il protocollo è una guida importante per la preparazione di diversi nanomateriali energetici (gasless) che potrebbero essere utilizzati come fonti densità sia di alta energia o per la sintesi e l'elaborazione di nanomateriali avanzati da approcci basati sulla combustione. Può essere facilmente modificato per applicare ai sistemi thermite, e altri materiali energetici come compositi metallo-polimero.

Fasi critiche nel protocollo comprendono la preparazione iniziale dei nanocompositi, partendo dalla pesatura delle polveri e scegliendo il rapporto carica appropriata. Inoltre, è di fondamentale importanza per garantire che l'atmosfera interna del vaso è inerte attraverso Ar spurgo. Selezione della pallasono necessarie per adattare la microstruttura parametri di macinazione, inclusa la velocità di rivoluzione e tempo totale di fresatura. Infine, l'esposizione, la raccolta, la classificazione e la polvere con una procedura sicura sono importanti, per timore che l'esperimento è rovinato. Preparazione delle polveri per la sperimentazione premendo determina i dati che possono essere raccolti, seguita da analisi accurata dei dati. L'uso del programma FIB S & V per generare un insieme di dati 3D per l'analisi è anche di importanza.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Disclosures

Gli autori non hanno nulla da rivelare.

Materials

Mole gas rilasciato per 100 g Densità di energia per volume, kJ / cm 3 Temperatura di accensione, K
Trinitrotoluene (TNT) 8.36 -7,22 510
Termiti
2al + 3CuO 0.54 -20,8 900-1100
2Al + Fe 2 O 3 0.14 -16,4
2Al + Bi 2 O 3 0.47 -15.2
Senza gas Sistemi
Al + Ni 0 -7,13 910/520
Ta + C 0 -10,9 3.000 / 1.500
Ti + C 0 -15.2 2.000 / 900
Name Company Catalog Number Comments
Titanium Alfa Aesar 42624 Particle size: -325 mesh
Purity, 99.5%
Graphite Alfa Aesar 46304 Particle size: 7-11 micron
Purity, 99%
Nickel Alfa Aesar 10256 Particle size: 3-7 micron
Purity, 99.9%
Aluminum Alfa Aesar 11067 Particle size: -325 mesh
Purity, 99.5%
Tantalum Materion advanced chemicals T-2017 Particle size: 325 mesh
Purity, 99.9%
Carbon lampblack Fisher scientific C198-500 Particle size: 0.1 micron
Purity, 99.9%
Tungsten wire Mcmaster Carr 0.032" diameter
Planetary Ball Mill Retsch GmbH, Germany
Uniaxial press Carver Hydraulic
Sieve shaker Gilson performer
Cylindrical stainless steel press die Action Machine
Stainless steel sieves Mcmaster Carr Type 304
High-speed thermal camera (SC6000) FLIR
Helios NanoLab 600, Field Emission Scanning Electron Microscope (FESEM) Equipped by Focus Ion Beam (FIB) FEI
Cylindrical reactor with a vacuum pomp Action Machine
Autoslice and View (S&V) FEI
Avizo Fire FEI

DOWNLOAD MATERIALS LIST

References

  1. Fried, L. E., Manaa, M. R., Pagoria, P. F., Simpson, R. L. Design and Synthesis of Energetic Materials. Annual Review of Materials Research. 31, 291-321 (2001).
  2. Dlott, D. D. Thinking Big (and Small) about Energetic Materials. Materials Science and Technology. 22, (4), 463-473 (2006).
  3. Dreizin, E. L. Metal-Based Reactive Nanomaterials. Progress in Energy and Combustion Science. 35, (2), 141-167 (2009).
  4. Yetter, R. A., Risha, G. A., Son, S. F. Metal Particle Combustion and Nanotechnology. Proceedings of the Combustion Institute. 32, (2), 1819-1838 (2009).
  5. Zhou, X., Torabi, M., Lu, J., Shen, R., Zhang, Z. Nanostructured Energetic Composites: Synthesis, Ignition/Combustion Modeling, and Applications. ACS Applied Materials and Interfaces. 6, (5), 3058-3074 (2014).
  6. Mann, A. B., et al. Modeling and Characterizing the Propagation Velocity of Exothermic Reactions in Multilayer Foils. Journal of Applied Physics. 82, (3), 1178 (1997).
  7. Jayaraman, S., Mann, A. B., Reiss, M., Weihs, T. P., Knio, O. M. Numerical Study of the Effect of Heat Losses on Self-Propagating Reactions in Multilayer Foils. Combustion and Flame. 124, (1-2), 178-194 (2001).
  8. Rogachev, A. S. Exothermic Reaction Waves in Multilayer Nanofilms. Russian Chemical Reviews. 77, (1), 21-37 (2008).
  9. White, J. D. E., Reeves, R. V., Son, S. F., Mukasyan, A. S. Thermal Explosion in Al-Ni System: Influence of Mechanical Activation. The Journal of Physical Chemistry A. 113, (48), 13541-13547 (2009).
  10. Shteinberg, A. S., Lin, Y. -C., Son, S. F., Mukasyan, A. S. Kinetics of High Temperature Reaction in Ni-Al System: Influence of Mechanical Activation. The Journal of Physical Chemistry A. 114, (20), 6111-6116 (2010).
  11. Manukyan, K. V., Lin, Y. L., Rouvimov, S., McGinn, P. J., Mukasyan, A. S. Microstructure-reactivity relationship of Ti reactive nanomaterials. Journal of Applied Physics. 113, (2), 024302 (2013).
  12. Mukasyan, A. S., Lin, Y. C., Rogachev, A. S., Moskovskikh, D. M. Direct Combustion Synthesis of Silicon Carbide Nanopowder from the Elements. Journal of the American Ceramic Society. 96, (1), 111-117 (2013).
  13. Lin, Y. C., Nepapushev, A. A., McGinn, P. J., Rogachev, A. S., Mukasyan, A. S. Combustion joining of carbon/carbon composites by a reactive mixture of titanium and mechanically activated nickel/aluminum powders. Ceramics International. 39, (7), 7499-7505 (2013).
  14. Manukyan, K. V., et al. Tailored Reactivity of Ni+AlNanocomposites: Microstructural Correlations. The Journal of Physical Chemistry C. 116, (39), 21027-21038 (2012).
  15. Qiu, X., Wang, J. Bonding Silicon Wafers with Reactive Multilayer Foils. Sensors and Actuators A. 141, (2), 476-481 (2008).
  16. Wang, J., et al. Joining of Stainless-Steel Specimens with Nanostructured Al/Ni Foils. Journal of Applied Physics. 95, (1), 248-256 (2004).
  17. Rogachev, A. S., Mukasyan, A. S. Combustion of Heterogeneous Nanostructural Systems (Review). Combustion, Explosion, and Shock Waves. (Engl. Transl). 46, (3), 243-266 (2010).
  18. Granier, J. J., Pantoya, M. L. Laser Ignition of Nanocomposite Thermites). Combustion and Flame. 138, (4), 373-383 (2004).
  19. Bockmon, B. S., Pantoya, M. L., Son, S. F., Asay, B. W., Mang, J. T. Combustion Velocities and Propagation Mechanisms of Metastable Interstitial Composites. Journal of Applied Physics. 98, (6), 064903-064907 (2005).
  20. Tillotson, T. M., et al. Nanostructured Energetic Materials Using Sol−Gel Methodologies. Journal of Non-Crystalline Solids. 285, (1-3), 338-345 (2001).
  21. Cervantes, O. G., Kuntz, J. D., Gash, A. E., Munir, Z. A. Heat of Combustion of Tantalum−Tungsten Oxide Thermite Composites. Combustion and Flame. 157, (12), 2326-2332 (2010).
  22. Leventis, N., Chandrasekaran, N., Sadekar, A. G., Sotiriou-Leventis, C., Lu, H. One-Pot Synthesis of Interpenetrating Inorganic/Organic Networks of CuO/Resorcinol-Formaldehyde Aerogels: Nanostructured Energetic Materials. Journal of the American Chemical Society. 131, (13), 4576-4577 (2009).
  23. Zhang, K., Rossi, C., Ardila Rodriguez, G. A., Tenailleau, C., Alphonse, P. Development of a Nano-Al/CuO Based Energetic Material on Silicon Substrate. Applied Physics Letters. 91, (11), 113117-113113 (2007).
  24. Xu, D., Yang, Y., Cheng, H., Li, Y. Y., Zhang, K. Integration of Nano-Al with Co3O4Nanorods to Realize High-Exothermic Core-Shell Nanoenergetic Materials on a Silicon Substrate. Combustion and Flame. 159, (6), 2202-2209 (2012).
  25. Shearing, P. R., et al. Exploring Microstructural Changes Assicuated with Oxidation in Ni-YSZ SOFC Electrodes Using High Resolution X-ray Computed Tomography. Solid State Ionics. 216, (28), 69-72 (2012).
  26. Bacciochini, A., Bourdon-Lafleur, S., Poupart, C., Radulescu, M., Ni-Al, J. odoinB. Nanoscale Energetic Materials: Phenomena Involved During the Manufacturing of Bulk Samples by Cold Spray. Journal of Thermal Spray Technology. In press, (2014).

Comments

0 Comments


    Post a Question / Comment / Request

    You must be signed in to post a comment. Please or create an account.

    Video Stats