Esaminando Richiamo Memoria in prima e seconda infanzia Utilizzando il suscitato imitazione Paradigma

Behavior

Your institution must subscribe to JoVE's Behavior section to access this content.

Fill out the form below to receive a free trial or learn more about access:

 

Cite this Article

Copy Citation | Download Citations

Lukowski, A. F., Milojevich, H. M. Examining Recall Memory in Infancy and Early Childhood Using the Elicited Imitation Paradigm. J. Vis. Exp. (110), e53347, doi:10.3791/53347 (2016).

Please note that all translations are automatically generated.

Click here for the english version. For other languages click here.

Abstract

Introduction

L'importanza della memoria richiamo non può essere sopravvalutata: questa capacità permette agli esseri umani di riferire sugli aspetti banali della loro giornata, come ad esempio quello che è successo al loro appuntamento dal dentista, quella mattina, così come i loro eventi di vita più significativi, come il giorno del loro matrimonio o il giorno il loro bambino è nato. Capire lo sviluppo di questa capacità è complicato, tuttavia, che i metodi di rapporto verbali utilizzati per esaminare richiamo memoria negli adulti non possono essere impiegati in studi con neonati e bambini preverbale. Per questo motivo, i ricercatori hanno sviluppato un metodo comportamentale conosciuto come imitazione suscitato o differita per studiare richiamo memoria prima che i neonati ei bambini possono discutere del passato utilizzando il linguaggio. Questo manoscritto descrive le modalità di applicazione una versione della procedura di imitazione suscitato o differito con neonati e bambini da 6 a 24 mesi di età. La procedura descritta è unico in quanto che permette la valutazione della memoria per l'individuo componEnt di eventi, nonché la memoria per le informazioni ordine temporale.

Piaget è stato tra i primi a indicare che l'imitazione differita è un indice della capacità di rappresentazione. 1 Egli basa questa conclusione in parte su osservazioni dei propri figli. Per esempio, Piaget ha riferito che i suoi 16 mesi figlia, Jacqueline, ri-promulgato una scenata che aveva visto dimostrato circa 12 ore prima da un amico. È importante sottolineare che, Jacqueline imitato l'evento, in assenza di una sua amica e dopo un tempo relativamente lungo ritardo. Per queste ragioni, Piaget ha riportato che Jacqueline deve essere codificato e mantenuta una rappresentazione della manifestazione in modo che potesse rivivere dopo un ritardo, in assenza di supporto percettivo continuo per quello che aveva visto in precedenza. Sulla base di questa osservazione e altri, Piaget ha dichiarato che la capacità di ricordare il passato è emerso nel secondo anno di vita, come i bambini sono stati contemporaneamente sviluppando la capacità di impegnarsi in repr simbolicaesentazione (come testimoniano i progressi nella lingua e fingere gioco).

Più di recente, la procedura di imitazione suscitato o differito è stato standardizzato ed è ora ampiamente utilizzato per studiare richiamo memoria e le abilità correlate nei bambini preverbale e l'inizio del verbale. Nella procedura sviluppata da Patricia Bauer, 2,3 partecipanti interagiscono con materiali tridimensionali utilizzati per creare una nuova sequenza di eventi per un breve periodo basale. Un ricercatore dimostra quindi come completare la sequenza di eventi, spesso con la narrazione. O immediatamente (imitazione immediata) o dopo un ritardo che va da minuti a mesi (imitazione differita), il partecipante è consentita la possibilità di imitare. I dati sono codificati per determinare se il bambino compie (a) le azioni dimostrate e (b) se essi sono prodotti in ordine temporale corretta rispetto al basale o relativa a sequenze di controllo innovativi presentati alla stessa sessione (vedi riferimento 5 e Harlene Hayne. 6,7

Argomenti multipli sono stati proposti per indicare che il tipo di memoria valutate nella procedura di imitazione suscitato o differita è dichiarativa o esplicita in natura (invece di non-dichiarativa o implicita; vedi riferimento 8 per informazioni sul multiplo prospettiva sistemi di memoria). Anche se un elenco esaustivo di argomenti rilevanti può essere trovato in altre fonti, 9-14 tre dei punti principali sono forniti qui. Una indicazione che il tipo di memoria in fase di valutazione è esplicita o dichiarativa in natura è che i bambini parlano di eventi che sono stati sperimentati comportamentale nel contesto della procedura di imitazione, una volta che l'accesso al linguaggio; 15,16 perché i ricordi impliciti o non-dichiarativi non puòaccedere utilizzando il linguaggio, la prova di seguito accessibilità verbale suggerisce fortemente che il tipo di memoria sotto inchiesta è dichiarativa o esplicita. Un altro argomento è che gli individui con danni al lobo temporale mediale 17 o l'ippocampo 18 sono alterate imitazione sui compiti adatti alla loro età. Poiché le memorie dichiarative o esplicite si basano sul funzionamento dell'ippocampo e mediale strutture del lobo temporale associati, 19 prove di riduzione delle prestazioni da parte di individui con danni cerebrali a queste regioni suggerisce che il tipo di memoria valutato è dichiarativa o esplicita. Il terzo argomento per indicare che valuta imitazione richiamo della memoria, in particolare, è che non vi è alcun supporto percettivo a disposizione dei cue memoria per le informazioni ordine temporale. 13 Anche se i materiali di sequenza si potrebbe servire a cue richiamo per le singole azioni mirate, gli oggetti di scena utilizzati per completare la evento forniscono alcuna informazione utile in merito alla temporAl ordine in cui devono essere completate le azioni mirate. Come tale, le informazioni ordine temporale deve essere codificato sulla dimostrazione evento e mantenuta nel tempo. Per queste ragioni, la procedura di imitazione ha suscitato è comunemente considerato come il gold standard per lo studio della memoria richiamo nei neonati e nei bambini preverbale e l'inizio del verbale (vedi riferimenti 10,13,14,20 - 22).

Ricorso alla procedura imitazione suscitato ha fornito una solida base per la comprensione progressi nella memoria richiamo nel corso dei primi tre anni di vita. Come discusso in precedenti, 4,23,24 sviluppi richiamo sono evidenti nella durata di tempo in cui sono mantenuti memorie e la robustezza delle memorie stabiliti. In termini di durata, i ricercatori hanno indicato che 6 mesi di età i bambini ricordano un passo di una sequenza di eventi in 3 fasi per un massimo di 24 ore. 6,25 Con i bambini di tempo sono 9 mesi di età, si ricordano l'individuo all'azione bersaglios che comprendono una sequenza di eventi 2-step per 1 mese. 26,27 Memoria per informazioni ordine temporale è meno robusta, tale che solo circa il 50% dei bambini ricorda l'ordine in cui è stato precedentemente dimostrato una sequenza 2-step. Quando i bambini sono 10 mesi di età, di memoria per le singole azioni mirate viene mantenuto per 6 mesi e le informazioni ordine temporale è mantenuta per 3 mesi. 27 A soli 10 mesi più tardi, quando i bambini sono 20 mesi di età, la prova di memoria per informazioni ordine temporale è apparente sopra durata di 12 mesi (e può anche essere evidente per più a lungo - 12 mesi è stata la più lunga durata su cui i partecipanti testati 28).

Quando si considera la robustezza del richiamo, cambiamenti legati all'età sono evidenti nel numero di esposizioni necessarie per supportare la conservazione e nella capacità di applicare in modo flessibile le informazioni apprese. Ad esempio, 6 mesi di età richiedono ben 6 esposizioni per evidenziare la memoria nel corso di un dela 24 orey, 6 mentre 20 mesi di età ha bisogno di una sola esposizione per dimostrare richiamo dopo 1 mese. 29 in termini di flessibilità di rappresentazione, 12 mesi di età non generalizzare il loro apprendimento attraverso esemplari che si differenziano solo per il colore. Diciotto mesi di età generalizzare il loro apprendimento attraverso spunti che si differenziano solo per il colore, ma non dimostrano generalizzazione quando nuovi esemplari differiscono sia in colore e forma. A 21 mesi, però, la generalizzazione attraverso spunti è più robusto, in modo tale che i bambini si applicano in modo flessibile il loro apprendimento di nuovi esemplari che variano in entrambe le dimensioni 7 Inoltre, la ricerca suggerisce che la generalizzazione non è nato da dimenticare:. Bambini conservano le informazioni sulle caratteristiche specifiche di gli eventi originali che si applicano in modo flessibile il loro apprendimento in situazioni nuove. 30,31

L'obiettivo di questo manoscritto è quello di descrivere la procedura di imitazione ha suscitato sviluppato da Bauer in dettaglio. Il metodo qui descritto è unico in quantola procedura consente di valutare sia la memoria per le singole azioni dimostrato dal ricercatore, nonché memoria per ordine temporale. Come indicato in precedenza, è importante notare che non ci sono informazioni percettiva presenti all'interno dei singoli puntelli cue l'ordine in cui devono essere completate le azioni specifiche. Pertanto, la memoria per le coppie di azioni completate in ordine temporale corretto è un test più severi di richiamo relativa alla riproduzione dei singoli interventi mirati.

Gli stimoli tridimensionali utilizzati nella procedura di imitazione ha suscitato sono comunemente creati dai giocattoli disponibili in commercio o costruiti in plastica e / o legno. Gli stimoli raffigurano eventi che sono o romanzo ai partecipanti (come la realizzazione di un gong o-giostra) o eventi con cui i bambini possono aver avuto esperienze precedenti (come ad esempio l'alimentazione di un bambino o di mettere un orsacchiotto a letto; vedere riferimenti 2,3,32 per gli studi che mettono a confronto mnemonico performance sulla familiarità rispetto a eventi nuovi). sequenze di eventi sono ulteriormente classificati come essere vincolati attivando relazioni, avendo associazioni arbitrarie, o si mescolano, in modo tale che essi includono alcuni passaggi che sono collegati attivando relazioni e altri che sono arbitrarie in natura. Passi di sequenze vincolati attivando relazioni devono essere completati in un ordine temporale specificato per la sequenza di stato finale a diventare evidente (anche se le sequenze devono essere costruiti in modo che i bambini possono eseguire tutte le azioni in qualsiasi ordine). Figura 1 mostra una a tre -step sequenza di eventi che è vincolata da relazioni di abilitazione. 33 Per gli studi con i bambini di età inferiore ai 20 mesi di età, sequenze vincolati attivando rapporti sono più spesso utilizzati, come i bambini di queste età dimostrano prestazioni possibilità (es., completando meno del 50% delle coppie dimostrato di azioni sulle sequenze con le associazioni arbitrarie; 34 vedi riferimenti 2,28,32,35-37 per gli studi che mettono a confronto le prestazioni mnemoniche su eventi con diversi vincoli di sequenza).

Figura 1
. Figura 1: Esempio di tre-passo Attivazione evento Sequenza Fai un Shaker Il pannello di sinistra mostra il primo passo di mettere il blocco in una delle tazze di nidificazione; il pannello centrale mostra il secondo passo di assemblare le tazze di nidificazione; il pannello di destra mostra la terza fase di scuotere l'apparato assemblato. Le azioni di destinazione devono essere eseguite nell'ordine temporale corretto per lo stato finale sequenza da realizzare, anche se i materiali di sequenza sono costruiti in modo che le azioni possono essere completati in qualsiasi ordine. Figura e porzioni della didascalia riprodotta con il permesso di riferimenti. 33,42 Motivie clicca qui per vedere una versione più grande di questa figura.

La procedura di imitazione suscitato è più frequentemente usato con neonati e bambini di età compresa tra 6 e 24 mesi (anche se le modifiche metodologiche possono essere effettuate per ospitare la sperimentazione di bambini più grandi e gli adulti 17,18). In genere in via di sviluppo o partecipanti di controllo sono comunemente assunti in modo che siano nati a termine (38 ± 2 settimane) e non hanno subito alcuna condizione pre- o perinatali che potrebbero influire negativamente lo sviluppo del cervello e richiamare la memoria, come condizioni come la nascita pretermine 38,39 e il diabete gestazionale 40,41 sono stati associati con richiamo ridotta. Inoltre, i ricercatori devono essere consapevoli della lingua madre dei partecipanti 33,42 se verranno utilizzati etichette verbali durante la sequenza di dimostrazione o come segnali di recupero.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Protocol

Le istruzioni di amministrazione fornite qui sono simili a quelle che sono state approvate in precedenza dal Institutional Review Board presso la University of California, Irvine.

1. apparecchiature

  1. partecipanti al test in una stanza sicura per i bambini, che ha un tavolo per adulti dimensioni con tre sedie (uno per il ricercatore, uno per il genitore, e uno per il bambino). In alternativa, testare i bambini nelle loro case al proprio tavolo o su un tavolo portatile fornito dai ricercatori.
  2. Utilizzare una videocamera posta su un treppiede per registrare il bambino (audio e video) come lui / lei partecipa nello studio. Posizionare la videocamera in modo che la registrazione mostra chiaramente il partecipante e l'oggetto del suo / suo sguardo e ciascuna delle azioni mirate completate.

2. Procedure di test

  1. Riscaldamento
    1. Sedere il bambino di fronte al ricercatore al tavolo per adulti dimensioni. Sit bambini di età inferiore ai 13 mesi di età sul giro ofa genitore. Sit bambini di età superiore su un seggiolino che è collegato a una sedia per adulti di dimensioni meno che chiedono di sedersi sulle ginocchia del genitore. Se il bambino è seduto in un seggiolino, sedersi il genitore al tavolo accanto al bambino.
    2. Coinvolgere il bambino nel gioco con i giocattoli adatti alla loro età non correlate allo studio in modo da stabilire il comfort con il ricercatore e l'ambiente di test. Avanti, mostrano i bambini di età inferiore ai 13 mesi di età come mettere una forma nella parte superiore o il lato di un giocattolo forma sorter disponibile in commercio, mentre narrare l'azione dicendo, 26,27,43 "fanno parte." - 45 Dare più vecchio i bambini una sfera di plastica e Slinky. Rotolare la palla dall'altra parte del tavolo dicendo "rotolare" e poi mettere la palla dentro del Slinky dicendo: "Metti in".
    3. Condurre ogni manifestazione due volte di seguito prima di consentire al bambino la possibilità di imitare.
    4. Procedere giocattoli una volta che il bambino ha interagito e condivise conil ricercatore.
  2. Baseline
    1. Mettere i materiali di sequenza per il primo evento sul tavolo; garantire che lo stesso ordine standard è utilizzato in tutta partecipanti.
    2. Spingere i puntelli verso il bambino, fornendo un prompt verbale generale per favorire l'interazione con i materiali di sequenza, come ad esempio, "Che cosa si può fare con questa roba?".
    3. Fornire rinforzo positivo come il bambino interagisce con gli oggetti di scena, sia quando lui / lei esegue le azioni mirate e quando lui / lei sta impegnando con i materiali di sequenza più in generale. Ad esempio, dire, "Buon lavoro!" o "E 'una idea pulito!" come il bambino esplora gli oggetti di scena. Se il bambino non interagisce con la prima sequenza al basale, ripetere la sezione 2.1.2.
    4. Se il bambino appare distratto, chiamare la sua / il suo nome o toccare i materiali di sequenza nel tentativo di reindirizzare il suo / la sua attenzione al compito. 28 Verificare che i puntelli non sono sfruttato in un modo che siasuggestivo di azioni mirate o l'ordine del loro completamento. Evitare l'uso di frasi che suggeriscono le informazioni ordine temporale, come "Cosa fai dopo?" o "E poi?".
    5. Permettere ai bambini di età inferiore ai 13 mesi tra 1 ½ e 2 minuti di interagire con gli oggetti di scena 26,27,43 -. 45 interrompere il periodo di riferimento per i bambini più grandi quando il bambino si impegna in ripetitive o off-task comportamenti come mettere in bocca gli oggetti di scena, ripetutamente sbattere sulla tavola, o farli cadere sul pavimento. 28,31,33,42 modello ogni sequenza immediatamente dopo la fase di base di test per tale sequenza viene terminata.
  3. Modellazione sequenza
    1. Portare i materiali sequenza di nuovo al fianco del ricercatore del tavolo.
    2. Restituire i materiali sequenza per le loro posizioni standardizzate originali nel grembo del ricercatore (in modo che il bambino non può vedere ciò che il ricercatore sta facendo) e metterli sul tavolo. Stabilire un contatto visivo con il bambino. Fornire lui / lei con il nome della sequenza usando il linguaggio infantile diretto. Ad esempio, per l'evento Fare un Shaker, diciamo, "posso usare questa roba per fare un Shaker. Guarda come faccio un Shaker con questa roba."
    3. Eseguire ogni azione bersaglio con la narrazione. Per l'evento Fare un Shaker, mettere il blocco in una delle due tazze di nidificazione, mentre dicendo: "Put in blocco." Coprire una delle tazze di nidificazione con l'altro dicendo, "coprire lo compongono." Agitare l'apparato assemblato dicendo, "Shake it!".
    4. Mettere tutti gli oggetti di scena di nuovo sul tavolo, un contatto visivo con il bambino, e dire: "Ecco come faccio un Shaker con questa roba!".
    5. Assicurarsi che il bambino guarda il ricercatore completano ciascuna delle azioni dimostrate. Se il bambino appare distratto, vedere la sezione 2.2.4.
    6. Restituire i materiali di sequenza nelle posizioni originali come indicato nella Sezione 2.3.2.
    7. Re-esimo modelloazioni e tenuti a completare sequenza di eventi ancora una volta (2 dimostrazioni in totale), come indicato nelle sezioni 2.3.3, 2.3.4, 2.3.5, 2.3.6 e.
    8. Se l'imitazione immediato non è consentito, ripetere le sezioni 2.2, 2.3, e 2.4 per ognuna delle sequenze di eventi rimanenti, a sua volta.
  4. imitazione immediata
    1. Portare i materiali sequenza di nuovo al fianco del ricercatore del tavolo.
    2. Restituire i materiali di sequenza nelle posizioni originali, standardizzati (in modo che il bambino non può vedere ciò che il ricercatore sta facendo) e metterli sul tavolo.
    3. Spingere i puntelli nei confronti del bambino, fornendo il nome della sequenza di eventi come spunto di recupero. Ad esempio, quando si verifica l'imitazione immediata per fare un Shaker, dire: "È possibile utilizzare questo materiale per fare un Shaker. Come si fa a fare un Shaker proprio come ho fatto?".
    4. Permettere ai bambini di età inferiore ai 13 mesi di età tra i 1½ e 2 minuti per interagire con gli oggetti di scena. 26,27,43,44 Terminail periodo di imitazione per bambini più grandi quando il bambino si impegna in comportamenti ripetitivi o off-operazione di cui alla sezione 2.2.5. 28,31,33,42
    5. Fornire rinforzo positivo come il bambino interagisce con le sequenze come indicato nella Sezione 2.2.3.
    6. Ripetere la sezione 2.2.4 se il bambino appare distratto durante il periodo di imitazione.
    7. Se è consentito l'imitazione immediata, ripetere sezioni 2.2, 2.3 e 2.4 per ciascuna delle sequenze di eventi rimanenti a turno.
  5. Sessioni aggiuntive ri-esposizione (dopo alcuni ritardi di giorni o settimane)
    1. Completare la procedura di warm-up descritto nella Sezione 2.1.2.
    2. Rimodellare le sequenze di eventi incluso come descritto nella sezione 2.3.
    3. Se è consentito l'imitazione immediato, completare la procedura di imitazione immediato, come descritto nella Sezione 2.4. Se l'imitazione immediato non è consentito, permettere al bambino di giocare con i giocattoli distrattori disponibili in commercio tra dimostrazioni di sequenza così come a MAintain la sua / il suo interesse per l'operazione. 26,28,43,46
    4. Ripetere le sezioni 2.5.2 e 2.5.3 per ciascuna delle sequenze di eventi restanti a turno.
  6. Richiamo ritardato
    1. Completare la procedura di warm-up descritto nella Sezione 2.1.2.
    2. Mettere i materiali di sequenza per il primo evento sul tavolo; assicurarsi che lo stesso ordine standard è usato in tutto i partecipanti e le sessioni.
    3. Spingere i puntelli nei confronti del bambino, fornendo il nome della sequenza di eventi come spunto di recupero. Ad esempio, quando si verifica un ritardo di richiamo Fai un Shaker, dire: "È possibile utilizzare questo materiale per fare un Shaker. Come si fa a fare uno shaker con questa roba?".
    4. Permettere ai bambini di età inferiore ai 13 mesi di età tra i 1½ e 2 minuti di interagire con gli oggetti di scena 26,27,43 -. 45 interrompere il periodo imitazione per bambini più grandi quando il bambino si impegna nella ripetitive o off-task comportamenti elencati nella sezione 2.2.5 . 28,31,33,42
    5. Fornire rinforzo positivo come il bambino interagisce con le sequenze come indicato nella Sezione 2.2.3.
    6. Ripetere la sezione 2.2.4 se il bambino appare distratto durante il periodo di richiamo in ritardo.
    7. Ripetere le sezioni 2.6.2 tramite 2.6.6 per ciascuna delle sequenze di eventi restanti a turno.
  7. Codifica dei dati e riduzione
    1. Creare regole di codifica per ogni evento. Il foglio di regole di codifica include la descrizione di quando il bambino riceve credito per completare un'azione e quando il credito non viene assegnato. credito premio quando il bambino raggiunge l'azione dimostrato dal ricercatore o quando il bambino tenta chiaramente per completare l'azione (intenzione può essere determinata in parte dal guardare lo sguardo del bambino). È importante sottolineare che, in ogni caso, scrivere regole di codifica in modo che il bambino possa completare le azioni mirate in qualsiasi ordine.
    2. Creare una codifica dei datifoglio che elenca ciascuna delle sequenze di eventi inclusi ed i possibili passi per ogni evento.
    3. Avere video codice assistenti di ricerca che sono stati precedentemente codificate dal ricercatore principale o un membro laboratorio di alto livello.
    4. Mentre si guarda il video, il giro ogni azione bersaglio completato dal bambino nell'ordine temporale in cui vengono prodotte le azioni.
    5. Confrontare i codici assegnando un plus per ogni contratto e un meno ad ogni disaccordo. assistenti di treno di ricerca fino a un criterio di affidabilità di almeno il 90% su tre partecipanti consecutivi prima di consentire loro di codificare i dati dello studio.
    6. Calcola l'affidabilità complessiva dividendo il numero totale di accordi al numero totale di codici. Più comunemente, l'affidabilità è codificato contando solo la prima occorrenza di ogni azione codificato in modo da ridurre la probabilità di ricevere credito per azioni eseguite da caso o tentativi ed errori 26 -. 28,31,33,42 -
    7. Hanno il codificatore addestrato segnare i video rimanenti o che hanno il codice tester i dati sono raccolti (consigliato solo quando i partecipanti sono 13 mesi o più vecchi 29,31).
    8. Ridurre i dati per determinare il numero delle azioni mirate e coppie di azioni prodotte per ogni evento in ogni fase di test (ad esempio, baseline, imitazione immediata e richiamo ritardato). Solo la prima occorrenza di ogni azione obiettivo è comunemente considerato durante la riduzione dei dati in modo da ridurre la probabilità di concessione di credito per le azioni prodotte per caso o per tentativi ed errori. 28 Contare il numero di azioni mirate unici che sono stati codificati dalla sequenza (per ad esempio, un partecipante avrebbe ricevuto un punteggio di 3 azioni mirate se lui / lei ha prodotto la seguente sequenza di azioni: 3-1-2-3).
    9. Contare il numero di coppie di azioni realizzate in sequenza se si considera solo la prima volta è stato completato ogni azione destinazione (ad esempio, un partecipante riceverebbeun punteggio di 1 paio di azioni se lui / lei ha prodotto la seguente sequenza di azioni: 3-1-2-3; un partecipante avrebbe anche ricevere un punteggio di 1 paio di azioni se lui / lei ha prodotto la seguente sequenza di azioni: 1-3-2-1).
      Nota: Il numero massimo di azioni mirate possibili è il numero totale di passi nella sequenza, mentre il numero massimo di coppie di azioni è il numero massimo di azioni mirate possibili meno uno.
    10. Creare medie che indicano il numero di azioni mirate eseguite in ogni fase di test (di base, l'imitazione immediato, e il richiamo ritardato, per esempio), e per ogni condizione (se applicabile).
      Nota: La procedura di imitazione suscitato viene somministrato e ha segnato nello stesso modo se i ricercatori utilizzano sequenze con abilitazione, misti, o associazioni arbitrarie 28.

figura 2
Figura 2: dati di esempio Codifica Foglio per i tre-passo Attivazione evento Sequenza Fai un shaker. Le tre azioni mirate ( "Metti in", "coprirlo", e "Shake it") sono mostrati più volte per ciascuna delle tre fasi di test (di base, l'imitazione immediato, e il richiamo in ritardo). Lo spazio è prevista anche per registrare il numero di azioni mirate e coppie di azioni concluse in ogni fase. Si prega di cliccare qui per vedere una versione più grande di questa figura.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Representative Results

Un recente studio imitazione suscitato esaminato se la lingua bambino comprensione moderato la relazione tra l'uso di un linguaggio adulto di supporto alla sequenza dimostrazione quando richiamo è stato valutato comportamentale alla codifica (imitazione immediato) e al ritardato il richiamo dopo 1 settimana. 33 Sedici mesi di età i bambini sono stati presentati con 6 nuove sequenze di eventi in 3 fasi che sono stati vincolati attivando relazioni. Dopo un breve periodo di riferimento, un ricercatore ha dimostrato ciascuna delle due sequenze di eventi in tre condizioni diverse. Le sequenze modellate nella condizione di massimo sostegno sono stati narrati con il linguaggio che fosse specifico per quegli eventi, sia per il nome della sequenza e le frasi di azione inclusi. Le sequenze modellate nella condizione moderatamente favorevoli sono stati narrati con il linguaggio che era specifico per quegli eventi quando si considera il nome solo la sequenza; frasi generali attention-getting sono stati utilizzati al posto dile frasi di azione specifici. Le sequenze modellate nella condizione minima di sostegno sono stati narrati con frasi generali attenzione-ottenere al posto di entrambi i nomi sequenza specifica e frasi d'azione. Codifica è stata valutata utilizzando imitazione immediata dopo la modellazione era completa, e il ricercatore ha dimostrato ogni caso ancora una volta dopo il periodo di imitazione immediata conclusa.

Una settimana di richiamo ritardata è stata valutata in un processo a due fasi. In primo luogo, il ricercatore cued richiamo presentando i bambini con i materiali di sequenza con un prompt verbale generale. In secondo luogo, una volta che il bambino ha smesso di produrre nuove azioni mirate, il ricercatore cued richiamo con il nome dell'evento. misure dipendenti sono stati il ​​numero medio di azioni mirate e coppie di azioni eseguite. Le variabili dipendenti sono stati ridotti a parte per condizione (sequenze presentati con il linguaggio massimo supporto, moderatamente favorevole, e in minima parte di supporto) e da pHase di test (nella prima sessione, al basale e l'imitazione immediato, nella seconda sessione, prima che il nome della sequenza è stato fornito e prestazioni totale). I bambini sono stati assegnati a gruppi di alti e bassi di comprensione utilizzando i punteggi di comprensione della lingua inglese genitore-riportati sul inventario MacArthur-Bates comunicativo di sviluppo:. Parole e gesti (MCDI) 47

ANOVA misti sono stati condotti per analizzare le prestazioni al basale rispetto alle prestazioni di imitazione immediata, come indice di codifica. Ulteriori analisi hanno confrontato le prestazioni al basale a prestazioni a entrambe le fasi di test richiamo ritardato nella seconda sessione (prima della prestazione del prompt specifiche e le prestazioni in totale) per determinare se i neonati ricordano le informazioni presentate sopra il ritardo di 1 settimana e se la fornitura del nome sequenza facilitato richiamo.

Analisi Revealed che anche se i bambini codificati sia interventi mirati e il loro ordine, né comprensione del linguaggio del bambino né condizione è stata associata con la codifica. differenze di prestazioni sono state trovate dopo il ritardo di 1 settimana, tuttavia. In particolare, se si considera le prestazioni prima della prestazione del nome della sequenza, i bambini del gruppo ad alto comprensione prodotto più azioni mirate, quando al massimo la lingua di sostegno è stato utilizzato a codifica rispetto ai bambini nel gruppo a basso comprensione. Inoltre, i bambini del gruppo ad alto comprensione prodotto più azioni mirate, quando al massimo la lingua di sostegno è stato utilizzato a codifica di quando minimamente la lingua di sostegno è stato utilizzato in codifica; l'effetto opposto era evidente per i bambini nel gruppo a basso comprensione, in quanto hanno prodotto più azioni mirate quando minimamente la lingua di sostegno è stato utilizzato in codifica rispetto a quando è stato utilizzato il linguaggio massimo di sostegno (vedi figura 3).


Figura 3: effetti semplici analisi sulla Significativa Gruppo x Condizione interazione prima della prestazione del Prompt verbale specifico per Azioni mirate (media ± errore standard). I risultati hanno rivelato che i bambini nel gruppo ad alta comprensione effettuato più interventi mirati sulle sequenze presentate nella condizione di massimo sostegno rispetto ai bambini nel gruppo a basso comprensione. Inoltre, i bambini del gruppo ad alto comprensione prodotto più azioni mirate sulle sequenze presentate nella condizione di massimo sostegno relativo alla condizione minima di supporto, mentre il modello opposto è stato trovato per bambini nel gruppo a basso comprensione. Figura e la didascalia riprodotta con il permesso di riferimento. 33 Si prega di cliccare qui per vedere una versione più grande di Thè figura.

Le correlazioni tra le variabili condotti dalla MCDI e le prestazioni imitazione suscitato ulteriormente confermato le associazioni tra aumento della comprensione del linguaggio e le prestazioni di richiamo. Alla seconda sessione, realizza il calcio di MCDI sono stati positivamente associati con le prestazioni di richiamo prima della prestazione del nome della sequenza e in totale su entrambe le misure dipendenti. Nel complesso, questi risultati suggeriscono che il linguaggio del bambino modera comprensione l'effetto del linguaggio adulto di supporto alla sequenza dimostrazione quando richiamo viene valutata dopo un ritardo di 1 settimana, ma non a imitazione immediata.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Discussion

Negli ultimi 30 anni, molti ricercatori hanno usato procedure imitazione indotte o differiti per esaminare lo sviluppo della memoria richiamo in prima e seconda infanzia. Un vantaggio di procedure imitazione è che sono altamente versatile: come tali, possono essere modificati e adattati per rispondere a diverse domande relative allo sviluppo cognitivo. Ad esempio, la procedura di imitazione ha suscitato è stato somministrato in combinazione con gli indici elettrofisiologici di memoria di riconoscimento al fine di esaminare le relazioni tra processi di codifica e di consolidamento / archiviazione e il richiamo a lungo termine; la procedura di imitazione ha suscitato è stato oggetto di modifiche procedurali minori che consentono lo studio delle capacità cognitive conosciute come funzioni esecutive; e la procedura di imitazione ha suscitato è stato recentemente utilizzato per esaminare lo sviluppo cognitivo in popolazioni speciali e in gruppi di neonati e bambini esposti agli insulti ambientali. Queste aree di ricerca sono discussiIl prossimo.

I ricercatori hanno abbinato la procedura di imitazione suscitato o differito con la registrazione dei potenziali evento-correlati (ERP) 48 entrambi poco dopo la sequenza di dimostrazione e dopo i ritardi più lunghi in modo da mettere in relazione le prove di codifica e il consolidamento / stoccaggio di richiamo del comportamento a lungo termine. In questi studi, 49-52 ricercatore presenta i neonati con sequenze di eventi innovativi che utilizzano una imitazione paradigma suscitato o differito. Dopo la sequenza di dimostrazione, il partecipante è dotata di un tappo elastico che contiene piccole elettrodi. ERP sono registrati come partecipanti visualizzare fotografie di sequenze di eventi precedentemente modellati e romanzo. La registrazione di questi potenziali post-sinaptici è tempo-locked alla presentazione dello stimolo ed è in media per condizione (risposte alle immagini di sequenze precedentemente modellate o romanzo) dopo la raccolta dei dati è stata completata. Anche se ERP non può essere utilizzato per determinare l'origine del signale a causa della relativamente scarsa risoluzione spaziale, ERP forniscono informazioni temporali dell'ordine di millisecondi, consentendo in tal modo di una finestra nel corso tempo di elaborazione cognitiva. 48

La ricerca condotta fino ad oggi con l'imitazione suscitato in combinazione con la registrazione di ERP ha implicato processi di post-codifica come una significativa fonte di variabilità nella richiamo a lungo termine. Per esempio, uno studio ha riportato che 50 9 mesi di età i bambini codificati le sequenze di eventi modellati, come indicato dal trattamento differenziale di stimoli precedentemente modellate e romanzo in una valutazione ERP condotta poco dopo la sequenza di dimostrazione. Quando i bambini sono stati testati dopo 1 settimana, però, i bambini non hanno mostrato evidenza di trattamento differenziale di sequenze precedentemente modellate e romanzo come gruppo. Invece, la prova di consolidamento / stoccaggio è stato trovato solo per un sottoinsieme di neonati. Quando raggruppati in base alla loro performance al richiamo di valutazione ritardata 1 mese, Solo quei bambini che giustamente ricordato l'ordine temporale di almeno una sequenza precedentemente modellata anche in modo differenziale trattati precedentemente modellati e stimoli nuovi a 1 settimana ERP; quei bambini che non ricordano ordine temporale, inoltre, non hanno mostrato prove di consolidamento / storage. Più recente lavoro comportamentale conferma ed estende questi risultati da implicare ulteriori processi di post-codifica come una significativa fonte di variabilità nella memoria richiamo a lungo termine dall'infanzia alla prima infanzia 53 -. 56

Un altro vantaggio di procedure imitazione indotte o differita è che sono altamente versatile, in modo tale che le modifiche procedurali minori si traducono in attività che forniscono informazioni come ad altri aspetti del funzionamento cognitivo. Come indicato in precedenza, i ricercatori hanno esaminato la flessibilità di rappresentazione attraverso i contesti in paradigmi imitazione modellando sequenze di eventi in un contesto e la valutazione della memoria per loro in un altro. 30,42,45,59,60 aspetti del funzionamento esecutivo sono stati anche esaminato utilizzando paradigmi imitazione stimolate. Planning è stata valutata modellando solo la fase finale di una sequenza di eventi per i partecipanti, in ultima analisi, richiedendo loro di dedurre i passaggi precedenti necessarie per raggiungere lo stato finale sequenza. 61,62 La capacità di resistere alle interferenze da stimoli estranei è stata esaminata anche in paradigmi imitazione di test memoria per eventi precedentemente modellati in presenza di materiali aggiuntivi non necessari per realizzare il finale o meta-stato della sequenza bersaglio. 62,63

La procedura di imitazione suscitato o differita può essere facilmente implementato in studi con popolazioni speciali o per esaminare gli impatti ambientali on primo sviluppo cognitivo. Quando si considera il lavoro fatto con popolazioni speciali, il paradigma imitazione suscitato o differito è stato utilizzato per esaminare il funzionamento cognitivo nei bambini che hanno sperimentato insulti ambientali (come il diabete gestazionale, 40,41 presto maltrattamenti, 64 o istituzionalizzazione 65) o anomalie genetiche (come ad come la sindrome di Down 66). In termini di impatto ambientale, i ricercatori hanno studiato le associazioni tra l'esperienza precoce linguistica (monolinguismo contro il bilinguismo) e la generalizzazione attraverso spunti; 67,68 attenzione è stata anche dedicata a comprendere meglio le relazioni tra sonno infantile abituale 44 e dormire dopo aver appreso 69 sulla memoria richiamo e generalizzazione.

Quando si considera popolazioni speciali, in particolare, i risultati indicano che l'imitazione di paradigma ha suscitato è sensibile alle differenze di gruppo in memoria richiamo. Ad esempio, a 12 mesineonati nati da madri con diabete gestazionale eseguita ricordato minor numero di coppie di azioni dopo un ritardo di 10 minuti rispetto ai bambini nati da controllare madri. 41 disturbi simili in memoria per le informazioni ordine temporale sono stati ottenuti quando si confrontano richiamo memoria nei bambini con sindrome di Down rispetto al solito lo sviluppo di controlli appaiati in età evolutiva. 66 I risultati ottenuti dagli studi di bambini che hanno sperimentato le avversità presto potrebbero avere implicazioni per i programmi di educazione e di intervento. Per esempio, un recente lavoro indica che la partecipazione nella terapia abilità sociali è stata associata ad un aumento di codifica e 1 mese ritardato richiamo di azioni mirate per i bambini con sindrome di Down rispetto ai bambini che non avevano partecipato a questo intervento. lavoro sperimentale supplementare è necessaria per individuare relazioni causali.

Nonostante il già citato programma di utilità di paradigmi imitazione indotte o differita, i risultati frparadigmi om imitazione sono valide solo nella misura in cui ci si prenda cura nella pianificazione indagini empiriche e la somministrazione di protocolli di studio. I ricercatori devono assicurarsi che i partecipanti reclutati sono nati a termine e non hanno subito alcuna condizione di salute o circostanze ambientali che possono influire negativamente sulle prestazioni di richiamo (a meno che queste caratteristiche sono rilevanti per la domanda di ricerca in fase di studio in uno studio particolare). Poiché la procedura viene somministrato, ricercatori devono essere certi che il partecipante stava guardando la dimostrazione degli eventi, come partecipanti non possono essere tenuti a codificare o mantenere a lungo termine ciò che non era assistito inizialmente. Per garantire che i bambini guardare la dimostrazione, il ricercatore deve monitorare lo sguardo del bambino durante la sequenza di manifestazione per garantire che il bambino sta guardando gli oggetti di scena come la manifestazione è stata completata. Se il bambino è distratto durante la manifestazione, il ricercatore deve mettere in pausa il demonstrazione e reindirizzare l'attenzione del bambino toccando gli oggetti di scena o chiamando il nome del partecipante.

Criticamente, i ricercatori devono anche ridurre al minimo il coinvolgimento dei genitori nel compito, chiedendo ai genitori di evitare di assistere il loro bambino durante le fasi di imitazione. La richiesta deve essere fatta di genitori durante il periodo di riscaldamento e può essere ripetuta, se necessario, durante la prova. I genitori potrebbero anche essere chiesto di impegnarsi in un'altra attività, come ad esempio i questionari che completano, come il loro bambino partecipa alla valutazione di imitazione suscitato. Se i genitori dimostrano azioni mirate per il bambino o per aiutarli a completare le azioni di destinazione durante le fasi di imitazione, i dati interessati devono essere esclusi dall'analisi. Infine, i ricercatori devono standardizzare il procedimento per quanto possibile di tutti i partecipanti in modo che gli stimoli sono messi sul tavolo nello stesso ordine, le azioni sono modellati nello stesso modo, ed i nomi delle successioni e frasi azione si dice lo stesso numerodi volte.

Ulteriori lavori dovrebbero essere svolti utilizzando l'imitazione di paradigma ha suscitato in modo da migliorare la nostra comprensione dei processi cognitivi sottostanti associati richiamo memoria potenziata, sia attraverso l'uso di manipolazioni comportamentali progettati per avere un impatto codifica, 51,54 consolidamento / storage, e / o il recupero 53 processi o attraverso l'uso di tecniche neuropsicologici. Ulteriori lavori dovrebbero anche essere condotta per migliorare la nostra comprensione dello sviluppo cognitivo in soggetti sottoposti a traiettorie di sviluppo atipici, come questo lavoro in particolare, potrebbe avere implicazioni significative per lo sviluppo e l'applicazione di programmi di intervento. Infine, il lavoro deve essere condotta per esaminare l'impatto dell'ambiente sociale sulla memoria richiamo e abilità relative. La tecnica di imitazione suscitato o differita potrebbe servire per affrontare ciascuna di queste domande, sia quando usato da solo o in combinazione con altri metodologicatecniche. Per questo motivo, la procedura di imitazione suscitato dovrebbe essere di grande interesse per gli scienziati di sviluppo che cercano di migliorare la nostra comprensione dello sviluppo cognitivo nella prima infanzia e oltre.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Disclosures

Gli autori non hanno nulla da rivelare.

Acknowledgments

I membri autore grazie dell'UCI Memoria e Development Lab per i loro commenti su un progetto di questo manoscritto, nonché la loro assistenza con la preparazione del manoscritto.

Materials

Name Company Catalog Number Comments
Camcorder Canon VIXIA HF R600 HD Flash Memory Camcorder Any commercially-available camcorder that records in color and has audio will suffice

DOWNLOAD MATERIALS LIST

References

  1. Piaget, J. The origins of intelligence in children. International Universities Press. New York, NY. (1962).
  2. Bauer, P., Mandler, J. One thing follws another: Effects of temporal structure on on-to two-year-olds' recall of events. Dev Psychol. 25, 197-206 (1989).
  3. Bauer, P., Shore, C. Making a memorable event: Effects of familiarity and organization on young children's recall of action sequences. Cogn Dev. 2, (4), 327-338 (1987).
  4. Bauer, P., DeBoer, T., Lukowski, A. In the language of multiple memory systems: Defining and describing developments in long-term declarative memory. Short- and Long-Term Memory in Infancy and Early Childhood: Taking the First Steps towards Remembering. Oakes, L., Bauer, P. University Press. Oxford. 240-270 (2007).
  5. Meltzoff, A. Immediate and deferred imitation in fourteen- and twenty-four-month-old infants. Child Dev. 56, (1), 62-72 (1985).
  6. Barr, R., Dowden, A., Hayne, H. Developmental changes in deferred imitation by 6- to 24-month-old infants. Infant Behav Dev. 19, (2), 159-170 (1996).
  7. Hayne, H., MacDonald, S., Barr, R. Developmental changes in the specificity of memory over the second year of life. Infant Behav Dev. 20, (2), 233-245 (1997).
  8. Squire, L. Memory systems of the brain: A brief history and current perspective. Neurobiol Learn Mem. 82, (3), 171-177 (2004).
  9. Bauer, P. What do infants recall of their lives? Memory for specific events by one- to two-year-olds. Am Psychol. 51, (1), 29-41 (1996).
  10. Bauer, P. Long-term recall memory: Behavioral and neuro-developmental changes in the first 2 years of life. Curr Dir Psychol Sci. 11, (4), 137-141 (2002).
  11. Bauer, P. New developments in the study of infant memory. Blackwell Handbook of Research Methods in Developmental Science. Teti, D. Blackwell Publishing. 467-488 (2004).
  12. Bauer, P. Remembering the Times of Our Lives: Memory in Infancy and beyond. Erlbaum. (2007).
  13. Mandler, J. Recall of events by preverbal children. The Development and Neural Bases of Higher Cognitive Functions. Diamond, A. New York Academy of Science. 485-516 (1990).
  14. Meltzoff, A. The implications of cross-modal matching and imitation for the development of representation and memory in infancy. The Development and Neural Bases of Higher Cognitive Function. Diamond, A. New York Academy of Science. 1-31 (1990).
  15. Bauer, P., Wenner, J., Kroupina, M. Making the past present: Later verbal accessibility of early memories. J Cogn Dev. 3, (1), 37-41 (2002).
  16. Cheatham, C., Bauer, P. Construction of a more coherent story: Prior verbal recall predicts later verbal accessibility of early memories. Memory. 13, (5), 516-532 (2005).
  17. McDonough, L., Mandler, J., McKee, R., Squire, L. The deferred imitation task as a nonverbal measure of declarative memory. Proc Natl Acad Sci. 92, (16), 7580-7584 (1995).
  18. Adlam, A. -L., Vargha-Khadem, F., Mishkin, M., de Haan, M. Deferred imitation of action sequences in developmental amnesia. J Cogn Neurosci. 17, (2), 240-248 (2005).
  19. Squire, L., Zola-Morgan, S. The medial temporal lobe memory system. Science. 253, (5026), 1380-1386 (1991).
  20. Nelson, K., Fivush, R. The Oxford Hanbook of Memory. Tulving, E., Craik, F. Oxford University Press. Oxford. 283-295 (2000).
  21. Rovee-Collier, C., Hayne, H. Memory in infancy and early childhood. The Oxford Handbook of Memory. Tulving, E., Craik, F. Oxford University Press. Oxford. 267-282 (2000).
  22. Squire, L., Knowlton, B., Musen, G. The structure and organization of memory. Annu Rev Psychol. 44, (1), 453-495 (1993).
  23. Bauer, P., Memory, Oxford Handbook of Developmental Psychology. Zelazo, P. 1, Oxford University Press. Oxford. 505-541 (2013).
  24. Lukowski, A., Bauer, P. Long-term memory in infancy and early childhood. The Wiley Handbook on the Development of Children's. Bauer, P., Fivush, R. Wiley-Blackwell. 230-254 (2014).
  25. Collie, R., Hayne, H. Deferred imitation by 6- and 9-month-old infants: More evidence for declarative memory. Dev Psychobiol. 35, (2), 83-90 (1999).
  26. Carver, L., Bauer, P. When the event is more than the sum of its parts: 9-month-olds' long-term ordered recall. Memory. 7, (2), 147-174 (1999).
  27. Carver, L., Bauer, P. The dawning of a past: The emergence of long-term explicit memory in infancy. J Exp Psychol Gen. 130, (4), 726-745 (2001).
  28. Bauer, P., Wenner, J., Dropik, P., Wewerka, S. Parameters of remembering and forgetting in the transition from infancy to early childhood. Monogr Soc Res Child Dev. 65, (4), 1-204 (2000).
  29. Bauer, P., Leventon, J. Memory for one-time experiences the second year of life: Implications for the status of episodic memory. Infancy. 18, (5), 755-781 (2013).
  30. Bauer, P., Dow, G. Episodic memory in 16- and 20-month-old children: Specifics are generalized but not forgotten. Dev Psychol. 30, (3), 403-417 (1994).
  31. Bauer, P., Lukowski, A. The memory is in the details: Relations between memory for the specific features of events and long-term recall in infancy. J Exp Child Psychol. 107, (1), 1-14 (2010).
  32. Bauer, P., Travis, L. The fabric of an event: Different sources of temporal invariance differentially affect 24-month-olds' recall. Cogn Dev. 8, (3), 319-341 (1993).
  33. Lukowski, A., Phung, J., Milojevich, H. Language facilitates event memory in early childhood: Child comprehension, adult-provided linguistic support and delayed recall at 16 months. Memory. 23, (5-6), 848-863 (2015).
  34. Wenner, J., Bauer, P. Bringing order to the arbitrary: One- to two-year-olds' recall of event sequences. Infant Behav Dev. 22, (4), 585-590 (1999).
  35. Bauer, P. Holding it all together: How enabling relations facilitate young children's event recall. Cogn Dev. 7, (1), 1-28 (1992).
  36. Bauer, P., Fivush, R. Constructing event representations: Building on a foundation of variation and enabling relations. Cogn Dev. 7, (3), 381-401 (1992).
  37. Bauer, P., Mandler, J. Putting the horse before the cart: The use of temporal order in recall of events by one-year-old children. Dev Psychol. 28, (3), 441-452 (1992).
  38. Cheatham, C., Bauer, P., Georgieff, M. Predicting individual differences in recall by infants born preterm and full term. Infancy. 10, (1), 17-24 (2006).
  39. Rose, S., Feldman, J., Jankowski, J. Recall memory in the first three years of life: A longitudinal study of preterm and term children. Dev Med Child Neurol. 47, (10), 653-659 (2005).
  40. DeBoer, T., Wewerka, S., Bauer, P., Georgieff, M., Nelson, C. Explicit memory performance in infants of diabetic mothers at 1 year of age. Dev Med Child Neurol. 47, (8), 525-531 (2005).
  41. Riggins, T., Miller, N., Bauer, P., Georgieff, M., Nelson, C. Consequences of low neonatal iron status due to maternal diabetes mellitus on explicit memory performance in childhood. Dev Neuropsychol. 34, (6), 762-779 (2009).
  42. Phung, J., Milojevich, H., Lukowski, A. Adult language use and infant comprehension of English: Associations with encoding and generalization across cues at 20 months. Infant Behav Dev. 37, (4), 465-479 (2014).
  43. Bauer, P., Wiebe, S., Waters, J., Bangston, S. Reexposure breeds recall: Effects of experience on 9-month-olds' ordered recall. J Exp Child Psychol. 80, (2), 174-200 (2001).
  44. Lukowski, A., Milojevich, H. Sleeping like a baby: Examining relations between habitual infant sleep, recall memory, and generalization across cues at 10 months. Infant Behav Dev. 36, (3), 369-376 (2013).
  45. Lukowski, A., Wiebe, S., Bauer, P. Going beyond the specifics: Generalization of single actions, but not temporal order, at 9 months. Infant Behav Dev. 32, 331-335 (2009).
  46. Bauer, P., Hertsgaard, L., Wewerka, S. Effects of experience and reminding on long-term recall in infancy: Remembering not to forget. J Exp Child Psychol. 59, (2), 260-298 (1995).
  47. Fenson, L., Marchman, V., Thal, D., Dale, P., Reznick, J., Bates, E. MacArthur-Bates Communicative Development Inventories: User's Guide and Technical Manual. Brookes, P. H. 2nd ed, (2007).
  48. Handy, T. Event-related Potentials. A Methods Handbook. MIT Press. (2005).
  49. Bauer, P. Electrophysiological indexes of encoding and behavioral indexes of recall: Examining relations and developmental change late in the first year of life. Dev Neuropsychol. 29, (2), 293-320 (2006).
  50. Bauer, P., Wiebe, S., Carver, L., Waters, J., Nelson, C. Developments in long-term explicit memory late in the first year of life: Behavioral and electrophysiological indices. Psychol Sci. 14, (6), 629-635 (2003).
  51. Lukowski, A., Wiebe, S., Haight, J., Deboer, T., Nelson, C., Bauer, P. Forming a stable memory representation in the first year of life: Why imitation is more than child's play. Dev Sci. 8, (3), 279-298 (2005).
  52. Carver, L., Bauer, P., Nelson, C. Associations between infant brain activity and recall memory. Dev Sci. 3, 234-246 (2000).
  53. Bauer, P. Developments in declarative memory. Psychol Sci. 16, (1), 41-47 (2005).
  54. Pathman, T., Bauer, P. Beyond initial encoding: Measures of the post-encoding status of memory traces predict longterm recall in infancy. J Exp Child Psychol. 114, (2), 321-338 (2013).
  55. Bauer, P., Larkina, M., Doydum, A. Explaining variance in long-term recall in 3- and 4-year-old children: The importance of post-encoding processes. J Exp Child Psychol. 113, (2), 195-210 (2012).
  56. Pathman, T., Bauer, P. Beyond initial encoding: Measures of the post-encoding status of memory traces predict longterm recall in infancy. J Exp Child Psychol. 114, (2), 321-338 (2013).
  57. Barnat, S., Klein, P., Meltzoff, A. Deferred imitation across changes in context and object: Memory and generalization in 14-month-old infants. Infant Behav Dev. 19, (2), 241-251 (1996).
  58. Hanna, E., Meltzoff, A. Peer imitation by toddlers in laboratory, home, and day-care contexts: Implications for social learning and memory. Dev Psychol. 29, (4), 701-710 (1993).
  59. Herbert, J. The effect of language cues on infants' representational flexibility in a deferred imitation task. Infant Behav Dev. 34, (4), 632-635 (2011).
  60. Herbert, J., Hayne, H. Memory retrieval by 18-30-month-olds: Age-related changes in representational flexibility. Dev Psychol. 36, (4), 473-484 (2000).
  61. Bauer, P., Schwade, J., Wewerka, S., Delaney, K. Planning ahead: Goal-directed problem solving by 2-year-olds. Dev Psychol. 35, (5), 1321-1337 (1999).
  62. Wiebe, S., Lukowski, A., Bauer, P. Sequence imitation and reaching measures of executive control: A longitudinal examination in the second year of life. Dev Neuropsychol. 35, (5), 522-538 (2010).
  63. Wiebe, S., Bauer, P. Interference from additional props in an elicited imitation task: When in sight, firmly in mind. J Cogn Dev. 6, (3), 325-363 (2005).
  64. Cheatham, C., Larkina, M., Bauer, P., Toth, S., Cichetti, D. Declarative memory in abused and neglected infants. Advances in Child Development and Behavior. Varieties of Early Experience: Implications for the Development of Declarative Memory in Infancy. Bauer, P. 38, Elsevier. 161-183 (2008).
  65. Kroupina, M., Bauer, P., Gunnar, M., Johnson, D. Institutional care as a risk for declarative memory development. Advances in Child Development and Behavior. Varieties of Early Experience: Implications for the Development of Declarative Memory in Infancy. Bauer, P. 38, Elsevier. 137-159 (2008).
  66. Milojevich, H., Lukowski, A. Recall memory in children with Down syndrome and typically developing peers matched on developmental age. J Intellectual Disabil Res. 60, (1), 89-100 (2016).
  67. Brito, N., Barr, R. Influence of bilingualism on memory generalization during infancy. Dev Sci. 15, (6), 812-816 (2012).
  68. Brito, N., Barr, R. Flexible memory retrieval in bilingual 6-month-old infants. Dev Psychobiol. 56, (5), 1156-1163 (2014).
  69. Seehagen, S., Konrad, C., Herbert, J., Schneider, S. Timely sleep facilitates declarative memory consolidation in infants. Proc Natl Acad Sci. 112, (5), 1625-1629 (2014).

Comments

0 Comments


    Post a Question / Comment / Request

    You must be signed in to post a comment. Please or create an account.

    Usage Statistics