Tubal Cytologia del Tubo Fallopiano come strumento promettente per il rilevamento precoce del cancro ovarico

Medicine

Your institution must subscribe to JoVE's Medicine section to access this content.

Fill out the form below to receive a free trial or learn more about access:

Welcome!

Enter your email below to get your free 10 minute trial to JoVE!





We use/store this info to ensure you have proper access and that your account is secure. We may use this info to send you notifications about your account, your institutional access, and/or other related products. To learn more about our GDPR policies click here.

If you want more info regarding data storage, please contact gdpr@jove.com.

 

Summary

Abbiamo esplorato un metodo tubulare citologico campionando il tubo fallopiano direttamente l'escissione post-chirurgica come strumento di rilevazione precoce del cancro ovarico. Qui presentiamo un protocollo per raccogliere le celle di tubo fallopiano da esemplari chirurgici appena ricevuti.

Cite this Article

Copy Citation | Download Citations

Chen, H., Klein, R., Arnold, S., Wang, Y., Chambers, S., Zheng, W. Tubal Cytology of the Fallopian Tube as a Promising Tool for Ovarian Cancer Early Detection. J. Vis. Exp. (125), e55887, doi:10.3791/55887 (2017).

Please note that all translations are automatically generated.

Click here for the english version. For other languages click here.

Abstract

Attualmente, è ampiamente accettato che la stragrande maggioranza del carcinoma serico di alta qualità (HGSC) ovarico provengono dal tubo fallopiano. Tuttavia, a causa della mancanza di marcatori o strumenti per l'identificazione del cancro ovarico, il rilevamento precoce di HGSC rimane impegnativo. Il campionamento diretto del tubo fallopiano può aumentare la sensibilità per la rilevazione delle cellule neoplastiche quando il tumore non è grossolanamente visibile. Abbiamo sviluppato una procedura per raccogliere le cellule del tubo fallopiano direttamente dai campioni chirurgici appena ricevuti, che ha dimostrato un'ottima correlazione con i risultati istologici. Questo approccio pone una base per l'utilità futura dello screening laparoscopico minimamente invasivo nelle popolazioni di pazienti ad alto rischio.

Introduction

Il carcinoma sanguigno di alta qualità ovarico (HGSC) è il tipo più comune e letale del cancro ovarico e rimane una minaccia per la salute pubblica. Negli ultimi dieci anni, i ricercatori hanno suggerito che la grande maggioranza dei casi HGSC provengono dal tubo fallopiano anziché l'ovaia stessa 1 , 2 , 3 , 4 , 5 , 6 . Il carcinoma intraepiteliale tubolare serico (STIC) è ampiamente accettato come precursore di HGSC 1 , 7 , 8 , 9 , 10 , 11 . Finora, l'individuazione precoce del cancro ovarico rimane difficile. Il protocollo di screening attuale con antigene combinato del cancro 125 (CA-125) e ultrasuono transvaginale ha mostratoPoco effetto sulla mortalità paziente 12 , 13 . Il campionamento endometriale per il rilevamento del cancro ovarico ha mostrato una sensibilità estremamente bassa 14 . Due studi pionieristici 15 , 16 hanno esplorato l'utilizzo del campionamento diretto laparoscopico di tubi benigni fallopiani e caratterizzato le caratteristiche citologiche dell'epitelio tubulare benigno. Noi crediamo che il campionamento diretto dal tubo fallopiano può anche essere un modo pratico e semplice per rilevare STIC o HGSC in una fase precoce quando il tumore non è visualizzato dall'immagine.

Sebbene l'obiettivo finale sia l'utilità di uno screening laparoscopico minimamente invasivo in pazienti con fattori ad alto rischio, gli obiettivi immediati dello studio attuale sono: 1) stabilire le caratteristiche citologiche di base dell'epitelio tubulare benigno; E 2) testare la sensibilità e la specificità della citologia tubale nel rilevare la cancellazione ovaricaI precursori del cancro. Abbiamo pertanto sviluppato il seguente metodo di citologia tubolare di base per testare l'efficacia di questo protocollo nel rilevamento di HGSC e del suo precursore STIC 17 . In questo studio abbiamo approfittato del grande volume di esemplari chirurgici regolarmente ricevuti e abbiamo eseguito un campionamento diretto del tubo fallopiano chirurgicamente espiato in aggiunta alle procedure di incasso di routine.

Il nostro recente studio 17 ha dimostrato che la diagnosi citologica di maligni o sospetti per malignità è altamente correlata con la diagnosi istologica di HGSC (100%). Inoltre, la valutazione citologica tubolare ha identificato la neoplasia intratubale negli unici casi di STIC confermati istologicamente coinvolti in questo studio. Crediamo che la citologia tubale abbia un grande potenziale nel rilevamento precoce e fornisca informazioni preziose per la gestione del paziente.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Protocol

Un'approvazione del Consiglio di revisione istituzionale è stata ricevuta dall'Università di Arizona per condurre questo studio. Sono state fornite forme di consenso del paziente informato.

1. Selezione del paziente

NOTA: L'approvazione del Consiglio di revisione istituzionale è stata ottenuta dall'Università di Arizona. Sono stati reclutati complessivamente 38 pazienti. L'età dei pazienti varia da 32 a 86 anni con una media di 55 anni, di cui 26 pazienti in post-menopausa e 12 pazienti erano pre-menopausa.

  1. Ottenere un consenso informato da ogni paziente.

2. Procedura di raccolta delle cellule tubo fallopiane

NOTA: I pazienti inclusi nello studio in corso erano tutti previsti per l'isterectomia totale e la bilaterale salpingo-ooforectomia per la riduzione dei rischi profilattici o la malignità. I dettagli della chirurgia erano sconosciuti per il patologo che ha eseguito lo studio della citologia.

  1. Subito dopo surgiEsaminare il campione di tessuto fresco, incluso l'utero, le ovaie bilaterali e i tubi bilaterali fallopiani con attenzione per identificare il tubo bilaterale fallopiano.
  2. Raccogliere e collocare le cellule del tubo fallopiano nella soluzione di conservante (vedi tabella dei materiali) entro 30 minuti dalla presa di sangue; Il conservante consigliato è una soluzione conservante a base di metanolo, tamponata.
    NOTA: Utilizzare un pennello di tocco gentile per la raccolta delle celle tubolari (prossimi passi). Ad eccezione dei rari casi in cui il tubo fallopiano viene sottoposto a scomparsa dall'utero, l'inserimento di una testa di pennello per raccogliere le cellule provenienti dalla fimbria tubale si verifica tipicamente quando il tubo fallopiano è attaccato all'utero.
    1. Con l'aiuto di una piccola pinza, inserire la spazzola (vedi tabella dei materiali ) nel lumen del tubo fallopiano attraverso l'estremità del fimbriae. Girare lentamente in senso orario e spostare la spazzola in avanti attraverso la parte infondibolare della cadutaTubo opiano, quindi l'ampolla fino a raggiungere l'istmo.
    2. Ruotare lentamente e invertire la spazzola in senso antiorario per estrarre la spazzola. Assicurarsi che la velocità massima del pennello all'interno del lumen sia inferiore a 1 cm / s.
    3. Sciacquare la spazzola nella soluzione di conservante (in una fiala) ruotando e scorrazzando la spazzola 10 volte nella soluzione.
    4. Serrare il tappo del flaconcino.
    5. Registrare le informazioni del paziente e la lateralità del campione.
    6. Conservare la fiala in un frigorifero a 4 ° C (fino a 6 mesi).

3. Preparazione di Slide Tubal Cytology

  1. Caricare la fiala di campionamento nel processore automatizzato per la preparazione delle diapositive.
    NOTA: utilizziamo il processore automatizzato per la preparazione delle diapositive. Le seguenti fasi vengono eseguite automaticamente dopo che il flaconcino di campionamento è posto nel processore: (i) le celle ei detriti sono separati e dispersi attraverso la rotazione del filtro di prova all'interno del campionefiala. (Ii) Le cellule tubali vengono raccolte dalla superficie esterna del filtro con un leggero vuoto. (Iii) Il filtro viene invertito e premuto contro lo scivolo per consentire alle cellule di aderire all'area circolare all'interno della diapositiva. (Iv) Lo scivolo viene ulteriormente fissato in un bagno di fissaggio cellulare e pronto per la colorazione e l'analisi citologica. Purtroppo, non esiste un metodo manuale alternativo, che può produrre risultati con una qualità simile.

4. Protocollo di colorazione Papanicolaou modificato

  1. Trattare le diapositive fatte in passaggio 3.1 eseguendo la procedura automatica di macchia non gyn, come illustrato nella tabella 1 .
    NOTA: Il metodo di colorazione rappresenta una modifica della tecnica di colorazione Papanicolaou che usiamo in maniera regolare per esemplari non ginecologici. Utilizziamo un processore di tessuto automatizzato per macchiare alcune diapositive. Abbiamo scelto la procedura di colorazione non-Gyn sulla procedura di colorazione Gyn in questo studio. L'Eosin usato è EA-65, anziché l'EA-50 usato perEsemplari ginecologici (esemplare di Pap test). Inoltre, l'OG-6 nella procedura di colorazione Gyn, che è principalmente per la colorazione delle cellule squamose, non è inclusa nella procedura di colorazione poiché non si prevede che vengano osservate cellule squamose in questo studio. EA65 (Eosin Azure) è una soluzione di contrasto composta da 3 coloranti: Eosin Y, Fast green FCF e Bismarck brown Y. La procedura è illustrata nella Tabella 1 .
  2. Eseguire una procedura veloce per Pap pappa manuale come segue.
    1. Immergere la diapositiva fatta nel passaggio 3.1 in etanolo al 95%, 10 volte, con ogni tuffo prendendo circa 1 s.
    2. Immergere la diapositiva in H 2 O, 10 volte, con ogni tuffo prendendo circa 1 s.
    3. Emerge la diapositiva in ematossilina per 10-60 s.
    4. Immergere la diapositiva in H 2 O, 10 volte, con ogni tuffo prendendo circa 1 s.
    5. Immergere la slitta in etanolo al 95%, 10 volte, con ogni tuffo prendendo circa 1 s.
    6. Emerge la diapositiva in EA65 per 1 - 3 min.
    7. Immergere la diapositiva intO H 2 O, 10 volte, con ogni tuffo che dura circa 1 s.
    8. Immergere la slitta in etanolo al 95%, 10 volte, con ogni tuffo prendendo circa 1 s.
    9. Immergere la diapositiva in xilene fino a far scorrere la diapositiva.
      NOTA: Si tratta di una procedura di colorazione Papanicolaou modificata. Questo metodo è usato come un metodo di macchia più veloce per casi con tempo o spazio limitato come l'aspirazione fine del sito in loco e gli esemplari STAT. Questa procedura fornisce una colorazione di qualità comparabile come la procedura automatizzata di macchia non-Gyn. La procedura è illustrata nella Tabella 2 .

5. Spin Cell sulle Slides

NOTA: Per ciascun campione sono fatte tre diapositive di citospina. Una diapositiva è H & E macchiata per il confronto morfologico con la diapositiva di citologia. Due diapositive non sottili sono state fatte per il futuro studio di colorazione IHC. Le fasi dettagliate di questa sezione non sono al centro di questo documento; Pertanto, non li discuteremo in prolungato details.

  1. Preparare una citocentrifuga con una diapositiva etichettata, un imbuto del campione e un filtro per ciascun campione da esaminare.
  2. Concentrare le cellule centrifugando per 5 min a 200 x g.
  3. Rimuovere circa la metà del surnatante e quindi riposizionare le cellule con una pipetta leggera.
  4. Aggiungere 200 μL di ogni sospensione cellulare ad un imbuto del campione.
  5. Spin a 250 xg per 5 min. Rimuovere con cautela la slitta (i) dalla citocentrifuga e trasferirli al 95% di etanolo per la fissazione.
  6. Aria asciutta prima della colorazione e per l'immagazzinamento a lungo termine.
    NOTA: A seconda della densità delle celle sulle diapositive finali, la fase 5.2 e la fase 5.3 possono essere saltati o regolati. In questo studio, abbiamo bisogno di almeno 2 cluster di cellule presenti per vista ad alta potenza per una adeguata densità cellulare.

6. Sezione e esame approfondito del protocollo End Fimbriated (SEE-FIM)

  1. Fissare l'intero campione (compreso l'utero, i tubi fallopiani bilaterali e le ovaie)In 10% di formalina prima dell'incasso per minimizzare l'esfoliazione.
  2. Separare delicatamente e accuratamente i tubi fallopiani dall'utero all'istmo utilizzando piccole pinze e forbici. Se l'adesione è presente, disseccare attentamente l'estremità fimbriata dalla superficie ovarica utilizzando piccole pinze e forbici; Questi passaggi sono fondamentali per ridurre al minimo la contaminazione tra i tumori della ovaia e del tubo fallopiano dovuta alla loro intima vicinanza.
  3. Ampete il segmento infundibulum e fimbriae (il distale 1,0 - 2,0 cm di tubo fallopiano) dal resto del campione.
  4. Sezione l'infundibolo e la fimbriae longitudinalmente a intervalli di 2 mm. Invia tutte le sezioni in toto per l'esame istologico.
  5. Setta l'istmo e l'ampolla a intervalli da 2 a 3 mm e presentati interamente.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Representative Results

Il nostro precedente studio ha mostrato che il campionamento direttamente dal tubo fallopiano uscito con un pennello di tocco gentile potrebbe produrre campioni quantitativamente e qualitativamente adeguati per un'ulteriore valutazione citologica. Inoltre, la combinazione di preparazione automatica di scorrimento e la colorazione Papanicolaou modificata consentono al patologo di visualizzare meglio i dettagli citologici per effettuare una diagnosi accurata. Un esempio di una macchia manuale rapida di un esemplare proveniente da un tubo fallopoco benigno è illustrato in figura 1 . Come mostrato in Figura 1 , la manovra a spazzola provoca il campionamento adeguato del campione. Inoltre, la veloce Pap pappa manuale fornisce una buona risoluzione dei dettagli nucleari e della trasparenza citoplasmatica, che sono essenziali per la corretta valutazione delle cellule tubali.

Il confronto tra la PapDi una slitta di citologia e la colorazione H & E di una slitta di citospina è mostrata in Figura 2 . Uno dei vantaggi della preparazione di scorrimento sopra descritta rispetto a quella tradizionale è che ha uno sfondo molto più pulito e una migliore risoluzione dei dettagli nucleari e la trasparenza citoplasmatica. Un esempio di SEE-FIM del Protocollo del tubo Fallopiano è mostrato in Figura 3 . Come mostrato nella figura 1 , la presenza di due popolazioni cellulari (le cellule ciliate e le cellule secretoriali) è una caratteristica dell'epitelio tubulare benigno. L'istologia delle sezioni rappresentative della fimbria e dell'ampolla è mostrata in Figura 4 . La manovra del pennello mostra un leggero disturbo della struttura del villi in circa un terzo del campione.

Nel nostro studio precedente 17 , la diagnosi citologica tubale correlava con il diafono istologicoGnosi di HGSC molto bene (100%). L'aspetto citologico della malignità mostra cluster tridimensionali composti da cellule con nucleoli e anisonucleosi prominenti ( Figura 5a ). Al contrario, la citologia reattiva atipica presentata come fogli angolati composta da cellule atipiche con piccoli nucleoli e anionucleasi moderata senza clustering tridimensionale ( Figura 5b ). I gruppi di cellule simili a HGSC sono stati osservati nel contesto di fogli angolari di normali cellule epiteliali ( Figura 6 ).

Figura 1
Figura 1: Esempio di una macchia a pappa veloce manuale dell'epitelio tubulare benigno. ( A ) Celle di sfondo. Le cellule di background includono piccoli cluster di cellule costituiti da grandi cellule secretorie e piccole cellule ciliate, singole grandi (presumibilmente secCellule retoriche) e piccole cellule (cellule presumibilmente ciliate), sparsi nuclei nobili e grandi. ( B ) cluster di piccole cellule costituiti da piccole cellule ciliate e grandi cellule di segreto (freccia). ( C ) Striscia di epitelio ciliato (freccia). ( D ) Epitelio tubolare con lenzuola mesoteliali. Notare le cellule ciliate afferenti alla periferia (freccia). Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

figura 2
Figura 2: confronto tra macchia manuale veloce di una schiuma di citologia ( A ) e colorazione H & E di una slitta citospina ( B ). Un cluster di cellule angulate benigne è presente al centro sia della macchia di Pap e delle vetrate H & E. Entrambi i metodi forniscono beneRisoluzione per la valutazione citologica del campione. Tuttavia, la macchia Pap del vetrino della citologia ha dato uno sfondo più pulito. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figura 3
Figura 3: Illustrazione di SEE-FIM del Tubo Fallopiano. Si prega di notare la sezione longitudinale del segmento infundibulum e fimbriae e la sezione trasversale dell'istmo e dell'ampolla. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figura 4
Figura 4: Istologia dell'epitelio tubulare benigno.( A ) Segmento Fimbriae. L'epitelio tubolare è costituito da due popolazioni cellulari distinte: piccole cellule ciliate (frecce) e grandi cellule non secretari (cerchi). È nota la perturbazione della villa. ( B ) sezione Ampulla. Si noti la fimbria delle dita. ( C ) Disturbo lieve della struttura del villi (freccia). Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figura 5
Figura 5: confronto tra cluster atipico ( a ) e cluster tridimensionale maligno ( b ) . La citologia maligna mostra cluster tridimensionali composti da cellule con nucleoli e anisonucleosi prominenti ( b ). La citologia atipica mostra un foglio angolatoS composto da cellule atipiche con piccoli nucleoli e moderata anisonucleosi. Nota: Nessun clustering tridimensionale è presente ( a ). Questa cifra è stata adottata dal riferimento 17 .

Figura 6
Figura 6: Correlazione tra aspetto citologico ed istologico della neoplasia intraepiteliale. (A) citologica neoplasia intratubarico. Neoplasia intratubale citologica che mostra l'acquisizione di un contorno tridimensionale e di anisonucleosi significativa e grandi nucleoli di ciliegio (cerchio) nel contesto di fogli angolari di normali cellule epiteliali (freccia). ( B ) corrispondente sezione di patologia chirurgica con carcinoma intraepiteliale tubolare. Si notino le cellule altamente displasiche (cerchio) adiacenti alle cellule epiteliali apparentemente relativamente normali (freccia). Questa cifra è stataAdottato dal riferimento 17 . Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

</ Table>

Tabella 1: punti di macchia non-Gyn.

95% etanolo 5 minuti
H2O 10 sec
Hematoxylin 15 secondi - 3 min
H2O distillato 5 minuti
95% etanolo 30 sec
EA65 2 - 5 min
95% etanolo 30 sec
95% etanolo 30 sec
100% etanolo 30 sec
100% etanolo 30 sec
xilene 30 sec
xilene 5 minuti
95% etanolo 10 scalini
H2O 10 scalini
Hematoxylin 10 sec-1 min
H2O distillato 10 scalini
95% etanolo 10 scalini
EA65 1 - 3 min
95% etanolo 10 scalini
100% etanolo 10 scalini
xilene Immerga fino a quando non è più chiaro

Tabella 2: Pezzi manuali per la macchia veloce manuale.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Discussion

La salpingectomia bilaterale profilattica o il salpingo-ooforectomia ha dimostrato di diminuire il rischio di sviluppare HGSC in popolazioni ad alto rischio, come le donne con mutazioni del gene BRCA e una forte storia familiare del cancro. Tuttavia, la sterilità e la menopausa chirurgica causata dall'intervento chirurgico sono gravi conseguenze e comportano una decisione difficile, soprattutto per le donne in età fertile. Lo studio precedente ha mostrato un'ottima correlazione tra la citologia tubolare e l'istologia 17 . Crediamo che la citometria tubolare sulle cellule tubiopatiche raccolte laparoscopicamente abbia un grande potenziale per diventare uno strumento pratico e minimamente invasivo per la diagnosi precoce del cancro.

Le fasi più critiche per una raccolta con successo di cellule di tubo fallopiano sono: 1) il tempo tra il bloccaggio dell'alimentazione e la raccolta delle cellule; E 2) Manovra delicato e corretto del pennello di tocco dolce.

Il tempo (entro 30 minutiEs) tra bloccaggio e raccolta delle cellule è fondamentale per una buona conservazione della morfologia e dei dettagli nucleari delle cellule raccolte. Una comunicazione efficace tra patologi e chirurghi assicura che il campione venga consegnato al sito di raccolta entro questo periodo. La stragrande maggioranza dei casi inclusi nello studio sono stati eseguiti nella sala congelata. Per raccogliere con successo le cellule tubolari, la persona che esegue la raccolta dovrebbe provare nel modo migliore per evitare di lasciare che il pennello tocchi la superficie serica ovarica a causa dell'impatto staging se il caso è maligno. A volte, questo può essere difficile a causa della vicinanza dei due organi coinvolti e della complessità dell'anatomia del campione. La separazione dei tubi fallopiani dell'intero campione prima della raccolta può essere garantita.

Il pennello di tocco gentile utilizzato in questo studio può raccogliere un gran numero di celle che possono essere facilmente trasferite a diapositive o una soluzione di soluzione conservante,E ha una punta dolce-tocco progettata per ridurre al minimo il trauma al canale. Inoltre, l'intera manovra deve essere lenta e gentile per evitare di disturbare gravemente le strutture fasulle della mucosa tubolare. Per alcuni casi, può essere difficile ottenere il pennello passare l'intero tubo fallopiano a causa di ostruzione. Tuttavia, è importante cercare nel modo più adatto di raccogliere le cellule dalla parte fimbriae e infundibolare, in quanto si ritiene che la maggior parte degli HGSC provenienti dall'estremità distale del tubo fallopiano. Tuttavia, la raccolta non dovrebbe procedere se l'integrità del campione può essere potenzialmente compromessa.

Sulla base della nostra esperienza, il campione può essere conservato in soluzione conservante per diversi mesi senza compromettere la morfologia delle cellule raccolte. La macchia di Papanicolaou è una tecnica di colorazione citologica comunemente utilizzata in citopatologia. I principali vantaggi di questa procedura di colorazione includono: 1) buona definizione del dettaglio nucleare;E 2) trasparenza citoplasmatica. In questo studio sono state utilizzate due procedure di colorazione Papanicolaou modificate per la colorazione dei vetrini di citologia, inclusa la procedura di colorazione automatizzata Non-Gyn e la procedura Quick Pap. Entrambe le procedure forniscono un'ottima e affidabile colorazione a scorrimento, che dimostra una buona conservazione dei dettagli nucleari e citoplasmatici e uno sfondo pulito. Sebbene le diapositive di citospina abbiano generalmente maggiore priorità rispetto alle diapositive di citologia, la loro macchia H & E ha dimostrato una qualità simile di colorazione cellulare. La colorazione H & E di queste diapositive può essere un metodo alternativo appropriato per l'analisi della citologia tubolare se non è disponibile un processore automatico.

Il protocollo SEE-FIM è utilizzato per l'incasso di tutti i tubi fallopiani inclusi in questo studio, inclusi casi benigni e maligni. Il protocollo SEE-FIM è stato inizialmente sviluppato per i campioni profilassi bilaterali BRCA-positive di salpingo-oophorectomia, che è un'opzione di riduzione del rischio standardO vettori di mutazione BRCA. Questo protocollo consente la massima esposizione del plicae tubolare, da cui si ritiene che l'STIC abbia origine. Questo è attualmente considerato come il gold standard per l'individuazione dell'estensione tubolare HGSC e STIC. La correlazione tra la ricerca citologica tubolare e la ricerca istologica SEE-FIM è fondamentale per questo studio per convalidare l'efficienza del protocollo attuale.

Una preoccupazione per la raccolta delle cellule tubolari con un pennello di tocco dolce è che la manovra può disturbare l'integrità dell'epitelio tubolare e ostacolare la successiva interpretazione istologica esatta degli esemplari chirurgici, in particolare la messa a punto del tumore, se viene identificata la malignità. Tuttavia, sulla base delle nostre esperienze, circa un terzo dei casi mostra un leggero disturbo dei villi sull'analisi di istologia, che in genere non interferisce con l'interpretazione finale dell'istologia tubale.

Il nostro precedente studio ha dimostrato che la citologia tubolare è sensibile e specificaNel rilevare HGSC e STIC. Sarà di grande interesse provare ulteriormente se la combinazione della citologia tubolare con la colorazione dei biomarkers come P53 e IMP3 può aumentare la sensibilità e la specificità del rilevamento di cancro sieroso di origine tubale. Il futuro studio si concentrerà sullo sviluppo di una procedura laparoscopica per il campionamento epitelio fallopiano in vivo .

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Disclosures

Gli autori dichiarano di non avere interessi finanziari concorrenti.

Acknowledgments

Gli autori vorrebbero riconoscere il Dipartimento di Patologia, Università dell'Arizona, per il sostegno finanziario. Il progetto è parzialmente sostenuto dal fondo di dotazione Mark e Jane Gibson a WZ.

Materials

Name Company Catalog Number Comments
Cytobrush plus GT gentle touch of Medscand sample collection kit CooperSurgical C0112
ThinPrep preservCyt solution HOLOGIC 234005
ThinPrep 2000 Processor HOLOGIC 70031-001
Papanicolaou Stain, EA 65 sigma aldrich HT40432
95% Ethanol sigma aldrich 652261
100% Ethanol sigma aldrich 493538
Xylene sigma aldrich 214736
Hematoxylin sigma aldrich H9627
Sakura Tissue Tek 2000 tissue processor SAKURA TISSUE-TEK VIP 2000
Mayo Dissecting Scissors,5.5 straight Pilgrim medical equiment FA710-45
Chemware Forceps United state plastic corp 76122
Tissue-Tek Accu-Edge Trimming blades,short SAKURA 4785
Tissue-Tek Accu-Edge Trimming blades handle,short SAKURA 4786

DOWNLOAD MATERIALS LIST

References

  1. Carlson, J. W., et al. Serous tubal intraepithelial carcinoma: its potential role in primary peritoneal serous carcinoma and serous cancer prevention. J Clin Oncol. 26, (25), 4160-4165 (2008).
  2. Kurman, R. J., Shih Ie, M. The origin and pathogenesis of epithelial ovarian cancer: a proposed unifying theory. Am J Surg Pathol. 34, (3), 433-443 (2010).
  3. Lee, Y., et al. A candidate precursor to serous carcinoma that originates in the distal fallopian tube. J Pathol. 211, (1), 26-35 (2007).
  4. Li, J., Fadare, O., Xiang, L., Kong, B., Zheng, W. Ovarian serous carcinoma: recent concepts on its origin and carcinogenesis. J Hematol Oncol. 5, 8 (2012).
  5. Przybycin, C. G., Kurman, R. J., Ronnett, B. M., Shih Ie, M., Vang, R. Are all pelvic (nonuterine) serous carcinomas of tubal origin? Am J Surg Pathol. 34, (10), 1407-1416 (2010).
  6. Zheng, W., Fadare, O. Fallopian tube as main source for ovarian and pelvic (non-endometrial) serous carcinomas. Int J Clin Exp Pathol. 5, (3), 182-186 (2012).
  7. Carcangiu, M. L., et al. Atypical epithelial proliferation in fallopian tubes in prophylactic salpingo-oophorectomy specimens from BRCA1 and BRCA2 germline mutation carriers. Int J Gynecol Pathol. 23, (1), 35-40 (2004).
  8. Leunen, K., et al. Prophylactic salpingo-oophorectomy in 51 women with familial breast-ovarian cancer: importance of fallopian tube dysplasia. Int J Gynecol Cancer. 16, (1), 183-188 (2006).
  9. Piek, J. M., et al. Dysplastic changes in prophylactically removed Fallopian tubes of women predisposed to developing ovarian cancer. J Pathol. 195, (4), 451-456 (2001).
  10. Crum, C. P., et al. The distal fallopian tube: a new model for pelvic serous carcinogenesis. Curr Opin Obstet Gynecol. 19, (1), 3-9 (2007).
  11. Jarboe, E. A., et al. Tubal and ovarian pathways to pelvic epithelial cancer: a pathological perspective. Histopathology. 53, (2), 127-138 (2008).
  12. Menon, U. Ovarian cancer screening has no effect on disease-specific mortality. Evid Based Med. 17, (2), 47-48 (2012).
  13. Buys, S. S., et al. Effect of screening on ovarian cancer mortality: the Prostate, Lung, Colorectal and Ovarian (PLCO) Cancer Screening Randomized Controlled Trial. JAMA. 305, (22), 2295-2303 (2011).
  14. Otsuka, I., Kameda, S., Hoshi, K. Early detection of ovarian and fallopian tube cancer by examination of cytological samples from the endometrial cavity. Br J Cancer. 109, (3), 603-609 (2013).
  15. Dhanani, M., Nassar, A., Dinh, T. Classification of Fallopian Tube Cytology Sampling to Develop a Model for Future Peritoneal and Ovarian Cancer Screening. J Am Soc Cytopathol. 3, (5), S35-S36 (2014).
  16. Rodriguez, E. F., Lum, D., Guido, R., Austin, R. M. Cytologic findings in experimental in vivo fallopian tube brush specimens. Acta Cytol. 57, (6), 611-618 (2013).
  17. Chen, H., Klein, R., Arnold, S., Chambers, S., Zheng, W. Cytologic studies of the fallopian tube in patients undergoing salpingo-oophorectomy. Cancer Cell Int. 16, 78 (2016).

Comments

0 Comments


    Post a Question / Comment / Request

    You must be signed in to post a comment. Please or create an account.

    Usage Statistics