Transcanalicular diodo Laser-assistita Dacryocystorhinostomy per il trattamento di primaria acquisita l'ostruzione del condotto Nasolacrimal

Published 10/13/2017
0 Comments
  CITE THIS  SHARE 
Medicine

Your institution must subscribe to JoVE's Medicine section to access this content.

Fill out the form below to receive a free trial or learn more about access:

Welcome!

Enter your email below to get your free 10 minute trial to JoVE!





By clicking "Submit", you agree to our policies.

 

Summary

L'obiettivo del presente protocollo è quello di presentare transcanalicular laser-assistita dacryocystorhinostomy come un approccio mini-invasivo nel trattamento dell'ostruzione del condotto nasolacrimal acquistata primaria.

Cite this Article

Copy Citation

Mor, J. M., Guo, Y., Koch, K. R., Heindl, L. M. Transcanalicular Diode Laser-assisted Dacryocystorhinostomy for the Treatment of Primary Acquired Nasolacrimal Duct Obstruction. J. Vis. Exp. (128), e55981, doi:10.3791/55981 (2017).

Please note that all translations are automatically generated.

Click here for the english version. For other languages click here.

Abstract

Gold standard odierno nel trattamento dell'ostruzione del dotto nasolacrimale acquisita primaria infrasaccal (PANDO) è esterno dacryocystorhinostomy (DCR), una procedura relativamente invasiva che può essere eseguita dopo il fallimento della recanalizing trattamenti. Tuttavia, con il progresso nel campo della tecnologia laser a diodi, sono emersi nuovi approcci. Laser-assistita transcanalicular DCR con l'intubazione bicanalicular successive silicio è una nuova opzione mostrando la grande promessa come una valida procedura minimamente invasiva. Sotto controllo visivo endoscopico permanente dalla cavità nasale, una fibra laser a diodi è inserita nel sac lacrimale e l'energia del laser viene applicata per creare un ostium ossuto fra il sac lacrimale e la cavità nasale. Poiché nessuna incisione cutanea deve essere reso, i vantaggi di questo metodo comprendono il risparmio della pelle così come le strutture palpebrale mediale e il meccanismo a pompa palpebrale-canalicular fisiologico. La durata della chirurgia così come reconvalescence è generalmente più breve con DCR esterna. Le complicazioni comprendono il prolasso del tubo di silicone, lieve gonfiore e, raramente, l'infezione canalicolare e lesioni termiche. Tassi di successo funzionale di un anno, definiti come risoluzione completa dei sintomi e la pervietà del ostium, sono alti, eppure ancora gamma dietro quelle dei DCR esterna. Tuttavia, DCR secondario esterno dopo il fallimento della DCR laser-assistita può essere eseguita senza difficoltà. Così, transcanalicular laser-assistita DCR è una valida opzione che dovrebbe essere considerata come una procedura secondo passo dopo il fallimento delle procedure di ricanalizzazione e prima DCR esterna.

Introduction

Infrasaccal l'ostruzione del condotto nasolacrimal acquistata primaria (PANDO) è un disordine comune in pazienti di mezza età e anziani che conducono al epiphora cronico e blefarite, nonché dacryocystitis ricorrente o cronica. Più comunemente, i pazienti sviluppano un'ostruzione infrasaccal dei condotti nasolacrimal uno o di entrambi, con conseguente drenaggio insufficiente lacrima.

Nel trattamento di PANDO, esterno dacryocystorhinostomy (DCR) è ancora considerato il gold standard, anche se questa procedura storicamente risale oltre un centinaio di anni da quando è stato eseguito prima1. Dopo incisione della pelle e la preparazione della parete nasale del sac lacrimale, un trapano viene utilizzato per creare un ostium ossuto che conduce alla cavità nasale, aggirando così il dotto ostruito. Tassi di successo funzionale sopra l'85% sono stati segnalati per questo metodo2,3. Questi risultati, tuttavia, vengono al costo di esecuzione di una procedura relativamente invasiva che mette a rischio le strutture mediale della palpebra compreso la pompa canalicolare fisiologico meccanismo4,5 e può lasciare i pazienti con un spiacevole, cicatrice, sebbene incisioni cutanee nasojugal moderni hanno migliorato i risultati. Questi rischi sono potenzialmente evitabili eseguendo le tecniche meno invasive o scegliendo un metodo endonasal.

Al fine di eludere la chirurgia invasiva, molto lavoro è stato fatto nel campo della ricanalizzazione drenaggio lacrima minimamente invasiva. Due metodi, in particolare, sono stati stabiliti come potenziale primo passo procedure: microdrill dacryoplasty e dacryoplasty laser-assistita. Queste procedure sono basate sull'endoscopia transcanalicular della rete di fognatura lacrima e possono essere eseguite per trattare per bicchierino-segmento membranose stenosi del dotto nasolacrimale. Anche se solo minimamente invasiva e caratterizzata da rapida reconvalescence, un inconveniente comune di questi recanalizing tecniche sono i tassi di successo funzionale relativamente basso in relazione a lungo termine dei risultati6,7, 8 , 9.

Nel tentativo di colmare il vuoto tra queste procedure in una prima fase e DCR esterna come un trattamento definitivo, si sono recentemente sviluppati nuovi approcci. Il più promettente dei quali è DCR laser-assistita per il trattamento di assoluta infrasaccal PANDO. Come con tutti gli approcci di cui sopra, i pazienti si raccomanda di essere messi sotto anestesia generale per questa procedura. Una fibra laser a diodi è inserita tramite entrambi canalicolo e quindi è avanzata nel sac lacrimale. Successivamente, l'energia del laser viene applicato alla parete nasale laterale fino a quando viene creato un ostium ossuto, collegamento alla cavità nasale all'altezza del margine anteriore10,11 di turbinate centrale. Nel frattempo, è mantenuto costante controllo visivo utilizzando l'endoscopia endonasale. L'anastomosi neonata serve come un bypass per il drenaggio di lacrima. Dopo successo irrigazione, l'intubazione bicanalicular silicio viene eseguita per evitare cicatrici all'inizio dell'ostium neonato. Trattamento postoperatorio è costituito da decongestionante, steroidei e collirio antibiotico per evitare gonfiore, infiammazione e infezione, rispettivamente.

La durata della chirurgia così come reconvalescence è generalmente più breve con DCR esterna (10-25 min in DCR laser-assistita vs 35-75 min in DCR esterna). Tassi di complicanze sono relativamente bassi, il più comune è discreto gonfiore delle palpebre e prolasso del tubo di silicone. Infezione canalicolare e lesione termica sono eventi rari10. Un anno successo funzionale tassi di 74-88% sono stati segnalati10,11,12,13,14,15,16, 17,18, così che vanno strettamente dietro quelle dei DCR esterni senza subire gli svantaggi dell'approccio chirurgico esterno. Tuttavia, i risultati a lungo termine rimangono ancora per essere fornito. Inoltre, anche dopo il fallimento del DCR laser-assistita, DCR esterno secondario può ancora essere eseguita senza difficoltà. Di conseguenza, DCR laser-assistita si qualifica come una procedura secondo fasi vitale che dovrebbe essere eseguita in modo ottimale dopo il fallimento dell'intervento di ricanalizzazione e prima DCR esterna.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Protocol

per questa procedura, il consenso informato è necessario ed è stato ottenuto per ogni paziente che ha subito la chirurgia in dipartimento di oftalmologia, Università di Colonia, Colonia, Germania. Tutti gli esami e gli interventi chirurgici sono stati eseguiti in conformità con le leggi nazionali e la dichiarazione di Helsinki dal 1975 nella sua attuale versione.

Nota: salvo diversa indicazione, le istruzioni riguarderanno sempre solo il lato su cui viene eseguita la procedura. Utilizzare attrezzature sterilizzate.

1. paziente preparazione

  1. eseguire un approfondito esame oftalmico (con particolare attenzione alle palpebre, punctum superiore ed inferiore ed il drenaggio di lacrima) compreso di irrigazione e di sondaggio per verificare PANDO 10 .
    1. Per irrigazione standardizzati, inserire una sonda Bangerter superiore e, successivamente, più bassi punctum. Iniziare inserendo verticalmente, quindi inclinarlo verso il tempio in posizione orizzontale per seguire la formazione fisiologica del canaliculus. Quando la sonda è in posizione, attentamente iniettare soluzione fisiologica per verificare l'ostruzione del condotto lacrimale.
      Nota: In infrasaccal PANDO, la cannula Bangerter potranno raggiungere facilmente la parete nasale laterale senza una resistenza rimbalzante (" finecorsa "). Cercando di irrigare si tradurrà in controlaterale riflusso attraverso il punctum opposto senza qualsiasi fluido raggiungendo il paziente ' s faringe 10.
  2. Regola fuori le infezioni acute, tumori del sistema di drenaggio strappo anche come traumatica, congenita o ostruzione presaccal.
    1. Per escludere infezioni acute, senti per arrossamento doloroso, scarico purulento o gonfiore del drenaggio della lacrima. Per escludere tumori, cercare di gonfiore indolente, ulcerazione o pigmentazione. L'ostruzione Presaccal si traduce in una resistenza rimbalzante quando cercando di far avanzare la sonda Bangerter nel sac lacrimale (" arresto graduale "). Ostruzione congenita e traumatico può essere esclusa da assunzione di storia paziente 10 , 19 , 20.
  3. Scartare patologie rinologici intranasale, deviazione del setto per esempio grave. Questo dovrebbe essere fatto prendendo il paziente ' storia di s in combinazione con una rinologici ispezione della cavità nasale 21.
  4. Mettere il paziente in anestesia generale, ad es. iniezione endovenosa di propofol e remifentanil atracurium per induzione e inalazione di remifentanil desfluran plus endovenoso per manutenzione, utilizzando standard di dosaggio Peso-adattato 10. l'intubazione deve essere eseguita, ma è anche possibile utilizzare una maschera laringe.
    Nota: Anestetici, come pure i dosaggi possono variare tra le cliniche. Nessun protocollo di anestesia specifico è richiesto per laser-assistita DCR.

2. Laser-assistita DCR

  1. inserto l'endoscopio video-assistita in nasale cavità avanzando con attenzione attraverso la narice. Visualizzare il margine anteriore del turbinate inclinando leggermente l'endoscopio verso la parete nasale laterale.
  2. Impostare le apparecchiature laser e laser impostazioni con i valori corretti. Indossare occhiali protettivi.
    1. Connetti il laser fibra ottica (diametro 400 µm) per il laser a diodi (lunghezza d'onda 810 nm). Impostare il diodo laser impostazioni per 6-8 W, durata di impulso di 200 ms, 100 ms esposizione pausa.
    2. Fit la fibra ottica laser in mano-pezzo per il manovramento e attraverso una cannula smussa. Lasciare 2-3 mm della fibra sporgono sulla punta della cannula.
    3. Eseguire carbonizzazione della punta della fibra laser tenendolo su una spatola di legno e applicando energia del laser per pochi secondi fino a quando la punta è sufficientemente annerita.
      Nota: Questo limiterà la distribuzione indesiderata energia al tessuto del sac lacrimale.
  3. Posizionare correttamente la fibra laser presso la parete nasale laterale.
    1. Uso un lacrimale sonda per dilatare il punctum inferiore ( Figura 2a). Inserire la sonda in posizione verticale in un primo momento e poi mettono in un orientamento orizzontale prima ulteriormente facendolo avanzare verso il sac lacrimale. Ciò consentirà la fibra laser da inserire senza problemi nel passaggio successivo.
    2. Inserire la fibra laser nel canaliculus inferiore ( Figura 2b , 2C). Iniziare inserendo verticalmente, quindi inclinarlo verso il tempio in posizione orizzontale per seguire la formazione fisiologica del canaliculus inferiore.
    3. Far avanzare con cautela la fibra laser nel sac lacrimale fino a toccare la parete nasale laterale, cioè la parete mediale saccal lacrimale. Lì, dirigere la punta in senso antero-inferiore in modo che punti al margine anteriore del turbinate.
    4. Verificare il corretto posizionamento endoscopico di monitoraggio transluminescenza del fascio che mirando all'altezza del margine anteriore del turbinate ( figura 2d).
  4. Crea un sufficiente nasolacrimal di esclusione dall'applicazione di energia laser pulsata alla parete nasale.
    1. Applica energia laser (utilizzando i parametri impostati sopra), mantenendo un costante contatto alla parete senza pressione, con l'obiettivo per il margine anteriore del turbinate centrale. Il laser si vaporizza il tessuto direttamente di fronte ad essa, creazione di un bypass nasolacrimal ( figura 2d , 2e).
      Nota: L'energia totale necessaria è compresa tra 0,9 - 1,8 kJ e tende a variare tra pazienti.
    2. Assicurarsi che la punta della fibra non è attivamente premuta contro il muro. Fare attenzione a non lasciare che lo slittamento di punta nuovamente dentro la cannula metallica ciò causerebbe lesioni termiche dovute al riscaldamento del metallo. Anche evitare movimenti laterali come la punta può rompere off.
    3. Su penetrano la parete nasale laterale, tirare la fibra laser indietro un po' e ingrandire il ostium di vaporizzazione attentamente i margini in modo circolare. Tenta di creare grande quanto un bypass come possibile ( Figura 2f).
    4. Obiettivo per un diametro totale di 5 mm per il ostium.
    5. Interrompere l'applicazione di energia e rimuovere la fibra laser insieme con il manipolo e la cannula ritraendo accuratamente l'attrezzatura.
  5. Verificare la pervietà del ostium di irrigazione con soluzione fisiologica utilizzando una sonda Bangerter come descritto al punto 1.1.1. Se è stato creato un brevetto ostium, irrigazione successo dovrebbe essere visibile endoscopicamente.
  6. Rimuovere la sonda Bangerter.
  7. Posto il tubo di silicone ( Figura 2 g).
    1. Attraverso il punctum inferiore, inserire un tubo di silicone di monocanalicular e farlo avanzare con attenzione fino a quando la punta di metallo leader passa il ostium ossuto e sporge nella cavità nasale.
    2. Uso Blakesley pinze per afferrare la punta all'interno della cavità nasale e tirare il tubo di silicone dal naso e in posizione ( Figura 2 h).
    3. Utilizzare un paio di forbici per accorciare il tubo in silicone. Alla fine non dovrebbe essere attaccando fuori dal naso.
    4. Eseguire l'intubazione di silicio attraverso il canalicolo superiore pure (segue 2.7.1 attraverso 2.7.3) ( Figura 2 h).
  8. Rimuovere l'endoscopio nasale.

3. post-op cura e follow-up

  1. dopo la chirurgia, iniziare il trattamento con antibiotico eye gocce (ad es. ofloxacin), decongestionante collirio (es. xylometazolin) e colliri steroidei (ad es. acetato di prednisolone). Gli antibiotici possono essere interrotto dopo una settimana, mentre steroidei e decongestionante collirio dovrebbe essere svezzato lentamente fuori nel corso di un mese.
  2. Follow-up a sei settimane e tre mesi dopo la chirurgia. Guardare per la risoluzione dei sintomi, prolasso del tubo di silicone, infezione e secrezione.
  3. Rimuovere i tubicini di silicone a tre mesi dopo la chirurgia semplicemente afferrando l'estremità a forma di T all'altezza dei puncta e attentamente tirarle fuori.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Representative Results

Risultato ottimale:

La procedura come sopra descritto dura circa 10-25 min e generalmente è tollerata molto bene. Dopo l'esame il giorno successivo, un piccolo gonfiore della palpebra possa essere presente in circa il 60% dei casi. Questo piccolo gonfiore sempre si risolve completamente entro un massimo di tre giorni. I pazienti non si lamentano dolore, prolasso di silicio o segni di lesioni o infezioni. Tuttavia, a causa di intubazione di silicio bicanalicular viene eseguita durante la procedura, epifora può persistere fino a quando i tubi sono rimossi. L'applicazione topica di antibiotico, steroideo e decongestionante occhio postoperatorio è essenziale e i pazienti devono seguire le istruzioni molto attentamente per ottenere risultati ottimali. Tre mesi dopo la chirurgia, tubi in silicone possono essere rimosso facilmente. Nei casi ottimali, si può osservare la risoluzione completa e permanente dei sintomi. Tabella 1 fornisce una panoramica dei risultati di questa tecnica, precedentemente pubblicati da Koch et al. nel 201610.

Risultati non ottimali:

Anche se sollievo dei sintomi si verifica inizialmente nella maggior parte dei pazienti, circa il 20-25% dei pazienti, che altrimenti non hanno avuto poco o nessun complicazioni, mostrano una risoluzione incompleta dei sintomi presso il marchio di sei mesi. Il motivo più probabile per questo è tessuto cicatriziale formando in ostium ossuto. In questi casi di stenosi ricorso, DCR esterno secondario può diventare necessario.

Casi complicati:

Le complicanze gravi sono rare. Quando l'attrezzatura del laser utilizzato non è gestito con cura, la punta della fibra laser può scivolare nuovamente dentro la cannula metallica che provoca il riscaldamento del metallo. Ciò provoca lesioni termiche al canalicolo o del sac lacrimale. Le lesioni penetranti dovuto necrosi della rete di fognatura lacrima richiedono sutura e, possibilmente, una falda di spostamento per chiudere il difetto. Necessità di pazienti affetti da seguire più da vicino come la lesione facilita la cicatrizzazione e un'ostruzione che ne derivano, nonché infezioni. DCR esterno secondario e chirurgia di ricostruzione del canaliculus può diventare necessari in questi casi.

Figure 1
Figura 1. Foto ritratto di pre- e postoperatoria di un paziente di 73 anni che ha subito transcanalicular laser-assistita DCR del lato sinistro.
un
apparenza Preoperative. b lieve gonfiore della palpebra più bassa il primo giorno postoperatorio, con risoluzione completamente entro due giorni. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 2
Nella figura 2. Procedura dettagliata sperimentale
r. dilatazione del punctum superiore usando una sonda lacrimale. La dilatazione deve essere eseguita bicanalicularly per facilitare l'intubazione del silicone più tardi.
b. la fibra laser viene inserita nel manipolo e la cannula smussata. Successivamente, viene inserito nel canaliculus inferiore.
c. corretto posizionamento della fibra laser. Dopo aver inserito la cannula, la punta è rivolta in direzione antero-inferiore, con l'obiettivo per il margine anteriore del turbinate centrale.
d. il fascio di puntamento del laser appare circa presso il margine anteriore del turbinate centrale. L'energia del laser viene applicata per creare un ostium.
e. come il tessuto tra il sacco lacrimale e la cavità nasale cresce più sottile, la luce diventa più luminosa. Sfondamento della parete è imminente.
f. poco dopo aver violato il muro. La punta della fibra laser può essere visto attaccare attraverso l'osteotomia neonata.
g. intubazione di silicio del canaliculus inferiore.
h. intranasale immagine durante l'intubazione del silicone del canaliculus superiore. Il primo tubo di silicone è già a posto (laterale) mentre la punta di metallo leader del secondo tubo in silicone è spuntava il ostium. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

numero di pazienti 48
uomo 11
donna 37
età media (anni) 60 ± 11
tasso di successo chirurgico * 94%
tasso di successo funzionale (6 mesi) * * 78%
gonfiore postoperatorio coperchio 64%
infezione canalicolare 2%
lesioni termiche 2%
prolasso del tubo di silicone 9%
* definito come bypass postoperatorio l'evidenza
* * definito come risoluzione completa dei sintomi

Tabella 1.
Panoramica dei risultati del DCR laser-assistita come descritto in questo protocollo. I dati precedentemente pubblicati a Klin. Monbl. Augenheilkd. da Koch et al 201610.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Discussion

Transcanalicular laser-assistita DCR come descritto sopra è un modo abbastanza veloce, minimamente invasivo per il trattamento di assoluta infrasaccal ostruzione del dotto in modo efficace senza la necessità di incisione della pelle, risparmiando così non solo la pelle, ma anche mediale tendine canthal e il meccanismo fisiologico della pompa canalicolare. Mentre la procedura è adatta per i pazienti con ostruzione del dotto nasolacrimale acquisita primaria, patologie diverse da stenosi idiopatica non si qualificano per questa procedura. Questo è dovuto, in parte, al fatto che non permette per una ispezione completa del sac lacrimale o biopsie di risultati atipici da adottare19,20,22,23.

In termini di successo funzionale, esso varia molto attentamente dietro l'attuale gold standard di DCR esterna con tassi iniziali di successo funzionale di 74-85% a un anno di follow-up 10,11,12,13 , 14 , 15 , 16 , 17 , 18 , 19 per l'approccio di transcanalicular rispetto ai > 85% per esterni DCR2,3,19. Tuttavia, studi che forniscono risultati a lungo termine sono piuttosto scarsi. In uno studio, Kaynak et al trovato quel successo funzionale tassi di DCR laser-assistita possono rilasciare al 63% nel primo anno e scendere al 60% nelle prime due anni24. Al contrario, Dogan et al funzionalmente successo risultati trovati in fino a 84% dei casi sopra un tempo medio di follow-up di 18,1 mesi17. La gamma relativamente ampia dei risultati può essere dovuto al fatto che DCR laser-assistita non è ancora una tecnica standardizzata e la maggior parte dei protocolli trovati in letteratura mostrano alcune differenze fondamentali. Queste differenze comprendono diverse impostazioni di laser e lunghezze d'onda, Teflon vs intubazione di silicio, locale vs anestesia generale e l'uso supplementare di sostanze adiuvante come mitomicina C (MMC) o endonasal trapanazione15, 17,25,26,27,28. Rispetto alla DCR esterna, i tassi di complicazione in DCR laser-assistita sono relativamente bassi e durata della chirurgia così come reconvalescence è mantenuto a un minimo di10.

Al fine di migliorare i tassi di successo funzionale, è state proposte una serie di ulteriori passaggi, aggiungendo alla semplice formazione di un bypass lacrimale. Per prima cosa, nel protocollo di cui sopra, l'intubazione bicanalicular silicio è incluso per facilitare il epithelization del bypass e prevenire le cicatrici all'inizio dell'osteotomia neonata10,11,12 ,13,14,15,16. Questo passaggio (come l'intubazione di monocanalicular o bicanalicular) è comunemente usato in una varietà di protocolli e tecniche tra cui esterno DCR2,3,19. Tuttavia, i dati trovati su questo argomento nella letteratura corrente sono in conflitti e nessun consenso su se pazienti beneficiano dall'intubazione di silicio in ambulatorio lacrimale di esclusione è stato raggiunto alla data25,26.

Inoltre, per inibire lo sfregio dell'osteotomia, l'applicazione topica della mitomicina antimetabolita C, noto per il suo uso nella chirurgia del glaucoma, è stato proposto. Parecchi studi che studiano il profitto presunto dell'ulteriore applicazione topica MMC al bypass subito dopo osteotomia non potevano mostrare un significativo vantaggio di questa procedura aggiuntiva17,27,28 .

La fase più critica nel protocollo fornito è la corretta formazione di un osteotomy sufficiente nella posizione ottima. Quando si inserisce la fibra ottica laser, si consiglia di adottare l'approccio tramite il canalicolo inferiore come questo garantirà la massima manovrabilità più tardi. In uno studio recente di laser-assistita DC10,11, la fibra laser è stata avanzata attraverso il canalicolo superiore a 20 dei pazienti partecipanti. In tre di questi, il corretto posizionamento del laser è rivelato impossibile dovuto alla ribalta dell'orlo orbitale superiore, che a sua volta conduce posizionamento sfavorevole dell'osteotomia più tardi. Inoltre, dopo il successo di posizionamento della punta e prima di applicare l'energia alla parete nasale laterale, è di fondamentale importanza per garantire che la punta non è scivolato indietro nella cannula. In causa uno segnalato10,11, ritrazione della punta provocato dal riscaldamento della cannula metallica, che a sua volta ha condotto alla ferita termica che ha richiesto la ricostruzione plastica.

È importante notare che il osteotomy creato con una fibra laser a diodi di 300-400 µm è nettamente inferiore a quello di un trapano in DCR esterna. Dopo l'allargamento dell'osteotomia come descritto in precedenza, può essere raggiunto fino a 5 mm di diametro del ostium. Tuttavia, il diametro del ostium in DCR esterna varia circa 1 cm. logicamente, un osteotomy più grande è meno suscettibile alla cicatrizzazione precoce. Si raccomanda pertanto di puntare per grande quanto un ostium possibile mentre allo stesso tempo evitando danni ai tessuti inutili. Deve essere notato che l'induzione di fibrosi come complicazione ritardata della procedura laser è possibile. Tuttavia, il grado a cui questo accade non può essere definito ancora.

In sintesi, transcanalicular laser-assistita DCR, se eseguita come delineato sopra, fornisce buoni risultati come una valida opzione prima di chirurgia invasiva lacrimale nei casi di PANDO. A causa di tassi di complicazione bassi e breve convalescenza e tempo di intervento chirurgico, soddisfazione del paziente è alta, mentre allo stesso tempo, gamma di tariffe di successo funzionale molto attentamente dietro quelli di DCR esterna.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Disclosures

Nessun conflitto di interessi.

Acknowledgements

Deutsche Forschungsgemeinschaft (Associazione tedesca di ricerca; PER 2240 "L'angiogenesi (linfa) e l'immunità cellulare nelle malattie infiammatorie dell'occhio" di LMH; Egli 6743/2-1 e lui 6743/3-1 a LMH), programma GEROK dell'Università di Colonia a KRK e LMH. La nostra gratitudine va al Dr. Kühner per il supporto tecnico.

Materials

Name Company Catalog Number Comments
C1.multi LUT 05.0082h.1 Endoscope camera
HL 250 LUT 95.2048n Endoscope light source
MD-19E ACL GmbH 1119 Endoscope screen
FOX (laser) A.R.C. Laser GmBH, Nürnberg, Germany n/a Diode laser
Laser fiber A.R.C. Laser GmBH, Nürnberg, Germany LL13001s Laser fiber
Laser handpiece A.R.C. Laser GmBH, Nürnberg, Germany n/a Handpiece
Wide Collarette Monoka Fa. FCL, Paris, France S1.1630 monocanalicular silicon tube
Suction elevatorium Storz 474015 For intranasal use
Forceps (Grünwald) Storz 426620 For intranasal use
Forceps (Blakesley-Wilde) Storz 456502 To grab the silicon tube
Lacrimal canula Storz 81071 Blunt cannula
Bangerter probe cannula Storz 81055 Bangerter probe cannula
Wooden spatula any n/a Wooden spatula
Xylometazolin 0.05% eye drops GlaxoSmithKline Consumer Healthcare n/a Decongestant eye drops
Dexapos comod eye drops Ursapharm n/a steroid eye drops
Floxal eye drops Dr. Gerhard Mann n/a antibiotic eye drops

DOWNLOAD MATERIALS LIST

References

  1. Toti, A., et al. Nuovo metodo conservatoire di cura radicale delle suppurazioni croniche del sacco lacrimale (dacriocistorinostomia). Clin. Mod. Pisa. 1, (10), 385-387 (1904).
  2. Alnawaiseh, M., et al. Long-Term Outcomes of External Dacryocystorhinostomy in the Age of Transcanalicular Microendoscopic Techniques. J. Ophthalmol. (2016).
  3. Tooley, A. A., et al. Dacryocystorhinostomy for Acquired Nasolacrimal Duct Stenosis in the Elderly (≥80 Years of Age). Ophthalmology. (2016).
  4. Detorakis, E. T., Drakonaki, E., Papadaki, E., Pallikaris, I. G., Tsilimbaris, M. K. Watery eye following patent external DCR: an MR dacryocystography study. Orbit. 29, (5), 239-243 (2010).
  5. Kakizaki, H., et al. The lacrimal canaliculus and sac bordered by the Horner's muscle form the functional lacrimal drainage system. Ophthalmology. 112, (4), 710-716 (2005).
  6. Emmerich, K. H., Ungerechts, R., Meyer-Rüsenberg, H. W. Mikroendoskopische Tränenwegschirurgie. Ophthalmologe. 106, (3), 196-204 (2009).
  7. Emmerich, K. H., Lüchtenberg, M., Meyer-Rüsenberg, H. W., Steinhauer, J. Dacryoendoskopie und Laserdacryoplastik: Technik und Ergebnisse. Klin. Monatsbl. Augenheilkd. 211, (6), 375-379 (1997).
  8. Meyer-Rüsenberg, H. W., Emmerich, K. H., Lüchtenberg, M., Steinhauer, J. Endoskopische Laserdacryoplastik - Methodik und Ergebnisse nach 3 Monaten. Ophthalmologe. 96, (5), 332-334 (1999).
  9. Emmerich, K. H., Ungerechts, R., Meyer-Rüsenberg, H. W. Transcanalicular microendoscopic laser DCR: technique and results. Klin Monbl Augenheilkd. 229, (1), 39-41 (2012).
  10. Koch, K. R., Cursiefen, C., Heindl, L. M. Transcanalicular Laser Dacryocystorhinostomy: One-Year-Experience in the Treatment of Acquired Nasolacrimal Duct Obstructions. Klin. Monbl. Augenheilkd. 233, (2), 182-186 (2016).
  11. Koch, K. R., Kühner, H., Cursiefen, C., Heindl, L. M. Significance of transcanalicular laser assisted dacryocystorhinostomy in modern lacrimal drainage surgery. Ophthalmologe. 112, (2), 122-126 (2015).
  12. Uludag, G., Yeniad, B., Ceylan, E., Yildiz-Tas, A., Kozer-Bilgin, L. Outcome comparison between transcanalicular and external dacryocystorhinostomy. Int. J. Ophthalmol. 8, (2), 353-357 (2015).
  13. Ozcimen, M., Uysal, I. O., Eryilmaz, M. A., Kal, A. Endocanalicular diode laser dacryocystorhinostomy for nasolacrimal duct obstruction: short-term results of a new minimally invasive surgical technique. J. Craniofac. Surg. 21, (6), 1932-1934 (2010).
  14. Drnovsek-Olup, B., Beltram, M. Transcanalicular diode laser-assisted dacryocystorhinostomy. Indian. J. Ophthalmol. 58, (3), 213-217 (2010).
  15. D'Ecclesia, A., et al. Endoscopic laser-assisted dacryocistorhinostomy DCR with the placement of a customised silicone and Teflon bicanalicular stent Endoscopic laser-assisted dacryocystorhinostomy (DCR). Clin. Ter. 165, (6), e391-e394 (2014).
  16. Ayintap, E., et al. Analysis of age as a possible prognostic factor for transcanalicular multidiode laser dacryocystorhinostomy. J. Ophthalmol. (2014).
  17. Dogan, R., Meric, A., Ozsütcü, M., Yenigun, A. Diode laser-assisted endoscopic dacryocystorhinostomy: a comparison of three different combinations of adjunctive procedures. Eur. Arch. Otorhinolaryngol. 270, (8), 2255-2261 (2013).
  18. Plaza, G., Beteré, F., Nogueira, A. Transcanalicular dacryocystorhinostomy with diode laser: long-term results. Ophthal Plast Reconstr Surg. 23, (3), 179-182 (2007).
  19. Heindl, L. M., Junemann, A., Holbach, L. M. A clinicopathologic study of nasal mucosa in 350 patients with external dacryocystorhinostomy. Orbit. 28, (1), 7-11 (2009).
  20. Heindl, L. M., Treutlein, E., Jünemann, A. G., Kruse, F. E., Holbach, L. M. Selective lacrimal sac biopsy for external dacryocystorhinostomy: a clinical pathological study. Ophthalmologe. 107, (12), 1139-1144 (2010).
  21. Aziz, T., Biron, V. L., Ansari, K., Flores-Mir, C. Measurement tools for the diagnosis of nasal septal deviation: a systematic review. J Otolaryngol Head Neck Surg. 43, 11 (2014).
  22. von Goscinski, C., Koch, K. R., Cursiefen, C., Heindl, L. M. Tumors of the lacrimal drainage system. HNO. 64, (6), 386-393 (2016).
  23. Heindl, L. M., Jünemann, A. G., Kruse, F. E., Holbach, L. M. Tumors of the lacrimal drainage system. Orbit. 29, (5), 298-306 (2010).
  24. Kaynak, P., et al. Transcanalicular diode laser assisted dacryocystorhinostomy in primary acquired nasolacrimal duct obstruction: 2-year follow up. Ophthal Plast Reconstr Surg. 30, (1), 28-33 (2014).
  25. Goel, R., et al. Transcanalicular Laser-Assisted Dacryocystorhinostomy With Endonasal Augmentation in Primary Nasolacrimal Duct Obstruction: Our Experience. Ophthal Plast Reconstr Surg. (2016).
  26. Yildirim, Y., et al. Comparison of Transcanalicular Multidiode Laser Dacryocystorhinostomy with and without Silicon Tube Intubation. J Ophthalmol. (2016).
  27. Kar, T., Yildirim, Y., Topal, T., Çolakoğlu, K., Ünal, M. H. Efficacy of adjunctive mitomycin C in transcanalicular diode laser dacryocystorhinostomy in different age groups. Eur. J. Ophthalmol. 26, (1), 1-5 (2016).
  28. Ozsutcu, M., Balci, O., Tanriverdi, C., Demirci, G. Efficacy of adjunctive mitomycin C in transcanalicular diode laser dacryocystorhinostomy. Eur. Arch. Otorhinolaryngol. 274, (2), 873-877 (2016).

Comments

0 Comments


    Post a Question / Comment / Request

    You must be signed in to post a comment. Please or create an account.

    Video Stats