Trasferimento di calore esofageo per controllo temperatura del paziente e gestione della temperatura mirata

Medicine
 

Summary

Questo studio presenta un nuovo metodo per fornire il controllo di temperatura efficiente del paziente per il raffreddamento o riscaldamento pazienti. Un uso singolo, triplo lume dispositivo viene inserito nell'esofago, analoga ad un tubo orogastrico standard e si collega a esistente unità di scambio di calore per eseguire la gestione automatica della temperatura paziente.

Cite this Article

Copy Citation | Download Citations

Naiman, M. I., Gray, M., Haymore, J., Hegazy, A. F., Markota, A., Badjatia, N., Kulstad, E. B. Esophageal Heat Transfer for Patient Temperature Control and Targeted Temperature Management. J. Vis. Exp. (129), e56579, doi:10.3791/56579 (2017).

Please note that all translations are automatically generated.

Click here for the english version. For other languages click here.

Abstract

Controllo della temperatura del paziente è importante per una vasta gamma di condizioni cliniche. Raffreddamento a normale o sotto la temperatura corporea normale è spesso eseguita per il neuroprotection dopo insulto ischemico (ad es. ictus emorragico, l'emorragia subaracnoidea, arresto cardiaco o altre lesioni ipossiche). Raffreddamento, Stati febbrili considera febbre e riduce gli effetti negativi dell'ipertemia sui neuroni feriti. I pazienti sono riscaldati in sala operatoria per prevenire l'ipotermia accidentale perioperatoria, che è conosciuto per causare la perdita di sangue aumentata, le infezioni della ferita e lesione del miocardio, mentre anche prolungando il tempo di recupero. Ci sono molti approcci segnalati per la gestione della temperatura, compresi i metodi improvvisati che dotazione reimpiegare standard (ad es., ghiaccio, refrigerato salino, ventilatori, coperte) ma sono più sofisticate tecnologie progettate per la gestione della temperatura in genere più successo nella realizzazione di un protocollo ottimizzato. Nell'ultimo decennio, tecnologie avanzate hanno sviluppato intorno a due metodi di trasferimento di calore: dispositivi di superficie (acqua coperte, aria forzata scalda) o dispositivi intravascolari (cateteri sterili che richiedono il posizionamento vascolare). Recentemente, un nuovo dispositivo è diventato disponibile che è posizionato nell'esofago, analoga ad un tubo orogastrico standard, che fornisce il trasferimento di calore efficiente attraverso il nucleo del paziente. Il dispositivo si connette alla unità di scambio di calore esistenti per consentire la gestione automatica della temperatura paziente tramite un servomeccanismo, utilizzando la temperatura del paziente da sensori di temperatura standard (sensori di temperatura di core rettale, Foley, o altro) come variabile di input. Questo approccio Elimina complicazioni vascolari posizionamento (trombosi venosa profonda, linea centrale associata infezione della circolazione sanguigna), riduce l'ostruzione all'accesso del paziente e provoca meno brividi quando rispetto ad approcci superficiali. I dati pubblicati hanno anche dimostrato un alto grado di precisione e mantenimento della temperatura di destinazione utilizzando l'approccio esofageo alla gestione di temperatura. Pertanto, lo scopo di questo metodo è di fornire un metodo alternativo di basso rischio per controllo temperatura del paziente nelle impostazioni di cura critica.

Introduction

C'è forte bisogno per la gestione della temperatura del paziente quando il trattamento di una vasta gamma di condizioni, tra cui l'arresto cardiaco, refrattario o febbre ricorrente, febbre neurogena e chirurgia maggiore. Negli Stati Uniti, un arresto cardiaco di mezzo milione provengono annualmente in ospedale (ad esempio, in pazienti che si sottopongono a cure per condizioni mediche o chirurgiche generali)1 o fuori dall'ospedale (ad esempio, a casa o in luoghi pubblici, che vengono poi portate al pronto soccorso)2. In entrambi gli scenari, i risultati pazienti sono migliorati significativamente quando gestione temperatura attivo è amministrato3 e gestione della temperatura mirata (TTM) dal 2005 è uno standard di cura per un arresto cardiaco. Oltre 5 milioni di pazienti sono ricoverati in unità di terapia intensiva annualmente in u. s4 . Di questi, la febbre si sviluppa in fino al 45% dei pazienti non-neurologico feriti5 e fino al 70% di pazienti neurologicamente feriti6. Controllo di febbre in unità di cure intensive è associato con i risultati migliori e riduzione del rischio di morte, perché la temperatura elevata aumenta le richieste metaboliche, peggiora l'ischemia cerebrale e aumenta la perdita di un neurone7. Almeno 10 milioni interventi chirurgici eseguiti annualmente negli Stati Uniti richiedono riscaldamento paziente attivo per evitare involontarie perioperative ipotermia8. In sala operatoria, pazienti sottoposti a chirurgia dovrebbero mantenere una temperatura corporea superiore a 36 ° C per evitare un gran numero di effetti negativi. Non pianificate diminuzioni della temperatura corporea prima, durante o dopo chirurgia aumento sangue perdita, infezioni e ospedale la lunghezza del soggiorno, che aggiunge $7.000 o più al paziente al ricovero costi9,10,11 ,12.

Nonostante la grande necessità cliniche, i protocolli di gestione temperatura più ampiamente amministrato dimostrano prestazioni inadeguate o introducono un rischio significativo per il paziente. Dispositivi di superficie (ad esempio acqua coperte, materassi di conduzione e copertine di aria forzata) sono ingombranti, hanno una limitata capacità di trasferimento di calore e devono essere rimossi per consentire l'accesso al paziente per la cura del paziente e le procedure. Dispositivi intravascolari sono dilaganti, difficili da posizionare e predisporre i pazienti alle infezioni e coaguli di sangue. Gli attuali approcci per prevenire l'ipotermia accidentale perioperatoria non riescono a mantenere normothermia fino al 70% del tempo12,13,14,15,16 e un'analisi retrospettiva di arresto post-cardiaco raffreddamento trovato che nel complesso, il 30% dei pazienti non è riusciti a raggiungere la temperatura di destinazione all'interno di 6 h17.

L'approccio esofageo alla temperatura del paziente gestione offre notevoli vantaggi ai esistenti tecnologie18. Il dispositivo di gestione della temperatura esofagea mantiene la funzionalità del tubo gastrico in genere posizionato nella cura critica e popolazioni di pazienti chirurgici. Permette il continuo aspirazione gastrica e la decompressione di gas e liquidi mentre aggiungendo la capacità di controllare la temperatura del paziente in modo sicuro ed efficiente sfruttando l'ambiente di scambio di calore favorevole dell'esofago (Figura 1). Modulazione della temperatura si ottiene collegando il dispositivo di gestione della temperatura esofagea ad uno più esterni degli scambiatori di calore (chiamati anche refrigeratori) che utilizzano l'acqua come refrigerante. Diversi fornitori di producono compatibili scambiatori di calore sono disponibili negli ospedali per l'alimentazione di prodotti esistenti di controllo di temperatura (più spesso acqua coperte). Infermieri, infermieri o medici in genere inserire un dispositivo di gestione della temperatura esofagea, ma può anche essere inserito da qualsiasi provider addestrati per posizionare un tubo orogastrico standard. Il dispositivo di gestione della temperatura esofagea non limita l'accesso al paziente, non deve essere sterile, evita il rischio di punture accidentali tra provider ed evita i rischi di complicazioni della pelle, infezioni del torrente sanguigno e coaguli di sangue nel paziente. Pertanto, lo scopo di questo metodo è di fornire un metodo alternativo di basso rischio per il controllo della temperatura del paziente nelle impostazioni critiche di cura e sala operatoria.

Figure 1
Figura 1. Posizionamento del dispositivo gestione temperatura esofagea. Vicinanza del dispositivo ai grandi vasi e cuore promuovere il trasferimento di calore efficiente al nucleo del paziente. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Protocol

Questo protocollo segue le linee guida del Comitato di etica di ricerca umana della nostra istituzione.

1. valutazione linee guida prima del posizionamento

Nota: Anche se non ci sono controindicazioni formali elencati nell'etichettatura US, è consigliabile che il dispositivo di gestione della temperatura esofagea essere usato con cautela nei pazienti con noti deformità esofageo, prova del trauma esofageo e in pazienti conosciuti per avere ingerito veleni acidi o caustici entro le 24 ore precedenti.

  1. Ottenere tutte le attrezzature, tra cui unità di scambio termico appropriato, il dispositivo di gestione della temperatura esofagea, un dispositivo di ritenuta appropriata, i pacchetti di lubrificazione a base d'acqua e un blocco di morso della circonferenza.
  2. Termistore posto Foley e/o temperatura rettale sonda e collega uno per l'unità di scambio termico. Una seconda fonte di temperatura è raccomandata per la verifica e può essere collegata al monitor paziente.
  3. Collegare il dispositivo di gestione temperatura esofagea allo scambiatore di calore adeguato, accendere l'unità, impostare la temperatura di destinazione paziente secondo il protocollo ospedaliero e posizionare lo scambiatore di calore in modalità automatica. Garantire che l'acqua sta fluendo attraverso il dispositivo di gestione della temperatura esofagea e verificare che nessun perdite siano presenti.

2. il dispositivo inserimento

  1. Misurare la profondità di inserimento appropriato per il dispositivo di gestione della temperatura esofagea estendendola dalle labbra del paziente per il lobo dell'orecchio e poi dal lobo dell'orecchio fino alla punta del processo xifoideo; segnare la profondità di inserimento del dispositivo (Figura 2).

Figure 2
Figura 2. Un dispositivo di gestione temperatura esofagea per il posizionamento di misurazione. Questo schema illustra la procedura appropriata per determinare la profondità di posizionamento del dispositivo, come descritto al punto 2.1. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

  1. Lubrificare il dispositivo di gestione della temperatura esofagea generosamente (circa 15 cm dell'estremità distale) con lubrificante idrosolubile (Figura 3).

Figure 3
Figura 3. Lubrificare il dispositivo di gestione della temperatura esofagea. Questo schema illustra la procedura appropriata per la relativa lubrificazione solubile in acqua al dispositivo prima dell'inserimento, come descritto al punto 2.2. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

  1. Posizionare il paziente come piatto come tollerato e inserire il dispositivo di gestione temperatura esofagea con una leggera pressione posteriormente e verso il basso attraverso la bocca, passato l'orofaringe e nell'esofago. Una sublussazione della mandibola delicato potrebbe essere necessario aiutare il passaggio del dispositivo. Se clinicamente fattibile, l'aggiunta di estensione del collo lieve, indotto con supporto sotto le spalle, se necessario, può facilitare ulteriormente il passaggio del dispositivo. Far avanzare il dispositivo con una leggera pressione finché la lunghezza desiderata del tubo è stata inserita. Fissare il boccaglio in posizione (Figura 4).

Figure 4
Figura 4. Inserimento del dispositivo di gestione della temperatura esofagea. Questo schema illustra l'appropriato posizionamento del paziente per l'inserimento del dispositivo, come descritto al punto 2.3. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

  1. Confermare il posizionamento del dispositivo di gestione temperatura esofagea secondo protocollo ospedaliero.
    1. Iniettare l'aria con una siringa attraverso il lume centrale mentre auscultating sopra lo stomaco per "swoosh" o una "burp" che indica il posizionamento gastrico.
    2. Aspirare il contenuto gastrico con una siringa attraverso il lume centrale.
    3. Confermare la posizione e il posizionamento con una radiografia.
  2. Fissare con un dispositivo di ritenuta o il nastro secondo protocollo ospedaliero. Assicurare il tubo e tubo set connessioni non siano a contatto con la pelle del paziente, come contatto diretto tra il tubo e la pelle esposta può provocare brividi.
  3. Per la decompressione dello stomaco, collegare il lume centrale al basso-intermittente aspirazione tramite la tubazione di aspirazione standard.

3. temperatura di gestione – raffreddamento

  1. Garantire lo scambiatore di calore è impostato sulla modalità automatica e impostare la temperatura obiettivo adatto (in genere da 32 ° C a 37 ° C, a seconda del protocollo istituzionale).
  2. Iniziato brividi profilassi con farmaci secondo il protocollo di unità (intervento profilattico è consigliato con farmaci non sedativo per avviare; per esempio, paracetamolo, buspirone, magnesio e counterwarming della pelle).
  3. Valutare per brividi utilizzando il comodino brividi della scala di valutazione a intervalli regolari, oppure in qualsiasi momento riduzione della temperatura non sta procedendo come previsto. Brividi si verifica in una progressione caudale e saranno identificati prima presso i muscoli della mandibola o del pettorale; intervento precoce è di importanza fondamentale. Trattamento supplementare per brividi può includere meperidina, dexmedetomidina, fentanil, propofol o blocco neuromuscolare.

4. gestione della temperatura – manutenzione

  1. Monitorare e registrare temperatura acqua oraria; Se la temperatura dell'acqua scende sotto i 10 ° C per 1 h (o più di una volta quando il paziente è a temperatura target), in primo luogo valutare per brividi.
  2. Periodicamente e riposizionare il dispositivo di gestione della temperatura esofagea secondo protocollo ospedaliero.

5. temperatura di gestione – riscaldamento

  1. Seguire linee guida ospedale locale per il tasso di riscaldamento se rewarming da ipotermia intenzionale.
  2. Impostare un massimo rewarming tasso se rewarming da ipotermia accidentale, o prevenire l'ipotermia perioperatoria.

6. risoluzione dei problemi

Nota: Un nodo o un pizzico nel sistema potrebbe causare un allarme di occlusione sullo scambiatore di calore esterno. Se la causa non può essere trovato, interrompere il trattamento e rimuovere il dispositivo di gestione della temperatura esofagea.

  1. Utilizzare approcci standard per tubi gastrici schiarimento bloccato se il lume centrale del dispositivo di gestione temperatura esofagea diventa intasato o bloccato; in caso contrario, sostituire il dispositivo.
  2. Se c'è una discrepanza superiore a 0,5 ° C tra fonti di temperatura, sospendere la terapia per indagare sul problema.
  3. Come perdita nel sistema può causare un aumento in liquidi accumulati nel contenitore, se una più grande di volume previsto di acqua si accumula nel contenitore, interrompere il trattamento e rimuovere il dispositivo di gestione temperatura esofagea per esaminare eventuali perdite.
    Nota: Fattori che possono influenzare il riscaldamento o il raffreddamento includono le condizioni ambientali, massa di corpo, brividi e condizione clinica; superiore a 120 kg i pazienti possono esibire più lente risposte ai cambiamenti di temperatura previsto, e i pazienti più piccoli potrebbero richiedere più tempo per riscaldare.
  4. Se il paziente non è di raffreddamento o riscaldamento come previsto:
    1. Assicurarsi che il dispositivo di gestione della temperatura esofagea è alla profondità corretta.
    2. Assicurare il flusso d'acqua adeguato e che il dispositivo sia freddo o caldo al tatto (come appropriato).
    3. Verificare che lo scambiatore di calore esterno sia impostato in modo appropriato in modo automatico con destinazione desiderata temperatura e temperatura adatta dell'acqua (4 ° C a 42 ° C).
    4. Confermare che la sonda di temperatura è intatto e preciso; Verifica con fonte secondaria.
    5. Controllare il paziente per la generazione di calore (brividi o febbre generazione ad esempio), perdita (somministrazione di instabilità o farmaco emodinamica) di calore e garantire la temperatura ambientale è coerenza con l'obiettivo di modulazione di temperatura.

7. rimozione del dispositivo

  1. Premere "Monitor" per interrompere lo scambiatore di calore esterno, chiudere i morsetti, se presente e ritirare il dispositivo.
  2. Scollegare il dispositivo dalle connessioni set tubo e smaltire secondo la politica istituzionale.
  3. Spegnere l'unità di scambio termico.

Representative Results

Dati aggregati
In termini di raffreddamento, la manutenzione e tassi di riscaldamento, temperatura esofagea management esegue allo stesso modo per altre tecnologie di gestione avanzata di temperatura. Un'analisi di 30 pazienti trattati fino a 36 ore con gestione della temperatura esofagea trovato che il tempo medio di temperatura era h 2,7 (SD ±2.8 h) e che il 96% della temperatura letture registrate durante il periodo di manutenzione erano all'interno di ± 1 ° C19. Prestazioni è stato coerente in tutti i protocolli, indipendentemente dalla temperatura dell'obiettivo (Figura 5, Figura 6, Figura 7, Figura 8). Prestazioni è rimasto coerente con il trattamento durate più di 72 ore (Figura 9 e Figura 10).

Casi notevoli
Numerosi studi di caso descrivono l'applicazione di gestione della temperatura esofagea in pratica, anche per il trattamento dell'arresto cardiaco post di ischemia-riperfusione, riduzione febbre centrale e manutenzione di normothermia operativa20 , 21 , 22 , 23 , 24 , 25 , 26 , 27. anche se il metodo di gestione temperatura esofagea è stato inizialmente concepito nel contesto del trattamento di arresto cardiaco, i seguenti casi evidenziano suo successo traduzione in altri domini critici di cura e perioperatoria.

Caso 1: meningite
Una donna di 36 anni con un peso di 64 kg è stato ammesso con grave Streptococco meningite di pirogeni. La temperatura del suo corpo è aumentato da 38,2 ° C sull'ammissione a 40,0 ° C sei ore più tardi; IV paracetamolo e coperte di raffreddamento esterni non sono riusciti a ridurre adeguatamente la temperatura.

La gestione di temperatura esofagea è stata iniziata a 48 h e la temperatura del paziente è sceso da 39,4 ° C a 37,8 ° C in 4 ore. La temperatura del paziente ha continuato a cadere verso 36,6 ° C durante le prossime 12 ore ed è stata mantenuta tra 36 ° C e 37 ° C per 5 giorni. Il giorno 7 la gastroscopia non ha rivelato cambiamenti attribuibili al dispositivo di gestione della temperatura esofagea.

Caso 2: Grave ustione e piressia inversione
A 49 anni Maschio Peso 86 kg è stato ammesso con 49% ustioni circonferenziali che comprendeva ustioni ad entrambe le gambe, braccio sinistro e sinistra torso. Due giorni dopo l'ammissione, il paziente è stato portato in sala operatoria per le procedure chirurgiche che comprendeva asportazione organizzata e l'innesto delle gambe ferite. Al momento di immissione del dispositivo di gestione della temperatura esofagea e avviare Gestione della temperatura, temperatura al cuore del paziente è stata mantenuta a normothermia permettendo la temperatura operativa di suite essere diminuito con successo a 24 ° C. Successivamente, il giorno 22 di degenza del paziente, il paziente ha sviluppato la febbre a causa di E. coli e Candida setticemia resistente ai convenzionali metodi di raffreddamento. Gestione temperatura esofagea è stata ancora iniziata, riducendo la temperatura del paziente da 40 ° C al set point di 38,5 ° C, e questa temperatura è stata mantenuta nonostante limitando la temperatura minima dell'acqua consentita a 12 ° C.

Figure 5
Figura 5. Curva di temperatura per protocollo di 33 ° C. 17 pazienti con arresto post-cardiaco sono stati raffreddati a 33 ° C per 24 h e poi riscaldati in un periodo di 4 ore a 37 ° C. Normothermia è stata poi mantenuta per un altro 8 h. Ogni punto dati rappresenta una misura di temperatura singolo da un singolo paziente. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 6
Nella figura 6. Curva di temperatura per protocollo di 35 ° C. 6 pazienti con arresto post-cardiaco sono stati raffreddati a 35 ° C per 24 h e poi riscaldati in un periodo di 4 ore a 37 ° C. Normothermia è stata poi mantenuta per un altro 8 h. Ogni punto dati rappresenta una misura di temperatura singolo da un singolo paziente. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 7
Figura 7. Curva di temperatura per i pazienti refrattari febbre. 4 i pazienti refrattari febbre sono stati raffreddati a 36,5 ° C o 38 ° C. Vedi legenda nell'inserto per dettagli. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 8
Figura 8. Curva di temperatura per perioperative normothermia. 3 pazienti dell'ustione grave (superficie corporea 40-50%) venivano riscaldati durante l'intervento per prevenire l'ipotermia accidentale. Tutti i pazienti mantenute core temperature superiori a 36 ° C e la temperatura ambiente in sala operatoria è stata mantenuta a 27 ° C. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 9
Nella figura 9. Durata gestione di temperatura esofagea in pazienti con arresto cardiaco estesa. 18 pazienti sono stati raffreddati a 33 ° C per 24 h e poi riscaldati su un periodo di 8 h a 36 ° C. Normothermia è stata poi mantenuta per fino a 122 h. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 10
Figura 10. Durata gestione di temperatura esofagea in pazienti refrattari febbre estesa. 18 pazienti sono stati raffreddati per 454 h secondo il protocollo ospedaliero, tra cui una temperatura di 37,5 ° C (triangoli verdi), 37 ° C (diamanti viola), 36,7 ° C (triangoli rossi), 36,5 ° C (quadrati arancioni) o 36 ° C (cerchi blu). Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Discussion

Modificazione e risoluzione dei problemi necessaria per questo protocollo è generalmente limitate a quello descritto sopra ed implica il monitoraggio tipici del paziente cura impiegata nelle impostazioni di cura critica. Modulando la temperatura interna è fondamentale per gli esiti dei pazienti in una gamma crescente di scenari clinici. Questi includono l'induzione intenzionale dell'ipotermia da normothermia, rewarming da ipotermia accidentale o intenzionale, e attivamente mantenendo la temperatura corporea normale (cioè, normothermia) durante le condizioni in cui ipotermia accidentale sono comune, come ad esempio in sala operatoria. Come esempi clinici specifici, i pazienti che soffrono di ischemia-riperfusione, come si verifica durante l'arresto cardiaco, beneficiare di raffreddamento (generalmente a temperature inferiori a temperatura corporea normale) seguita da dolci che riscalda e febbre prevenzione per fino a 3 giorni dopo rianimazione28,29,30. Neonati affetti da encefalopatia ischemica hypoxic ottenere i risultati migliori se raffreddati di sotto di temperatura corporea normale31. Il raffreddamento dei donatori di rene dopo la morte neurologici, prima del trapianto d'organo, ha dimostrato di ridurre il tasso di ritardo funzione32. Controllo febbri in pazienti con shock settico può ridurre i requisiti di vasopressori e contribuiscono a ridurre la precoce mortalità33. Mantenimento di normothermia in pazienti sottoposti a procedure chirurgiche riduce le infezioni della ferita chirurgica, le complicazioni del miocardio, perdita di sangue e requisiti di trasfusione, accorciando la durata del soggiorno e riducendo la probabilità di morte10 , 11 , 16.

Le limitazioni della tecnica comprendono sfide incontrate nella gestione di pazienti di terapia intensiva. Mentre la gestione della temperatura mirata promuove i buoni risultati, le più comuni tecniche di modulazione di temperatura introducono rischi per i pazienti e le sfide logistiche ai fornitori (tra cui difficoltà di posizionamento, batteriemie, coaguli di sangue, danni alla pelle e il costo). Gestione temperatura esofagea è progettato per superare queste carenze34,35,36. Quando adeguatamente gestiti, il dispositivo di gestione della temperatura esofagea non venire a contatto con il sistema vascolare (come fanno la temperatura intravascolare dispositivi di modulazione) o pelle (come la temperatura della superficie dispositivi di modulazione), evitando così coaguli di sangue, infezione della circolazione sanguigna e la degradazione di pelle. Il dispositivo può essere posizionato velocemente da una varietà di operatori sanitari, in genere in una manciata di minuti21,37. La tecnica di inserimento imita la disposizione del tubo orogastrico standard, che riduce al minimo le interruzioni del flusso di lavoro che potrebbero ritardare l'inizio di terapia. Utilizzando un approccio di base appare anche di posare significativamente meno brividi onere di superficie si avvicina27,38,39,40 . Questo ha il vantaggio di ridurre il sedativo e anti-brividi farmaco costa, che quindi accorcia la lunghezza paziente del soggiorno via più rapido risveglio dal più basso grado di sedazione richiesto. Queste caratteristiche, considerate in concerto con la performance clinica descritta sopra, supportano la gestione di temperatura esofagea come una valida opzione per i fornitori nel pronto soccorso, terapia intensiva e sala operatoria. Un insieme crescente di dati pubblicati sul dispositivo supporta similarmente questo nuovo approccio21,22,23,24,27,41.

Fasi critiche all'interno del protocollo includono avvio di flusso all'interno del dispositivo prima dell'inserimento, fornendo un'adeguata lubrificazione al dispositivo al fine di assicurare la facile collocazione, eseguendo l'aspirazione gastrica e decompressione per consentire il massimo contatto tra dispositivo e paziente e affrontare qualsiasi paziente brividi che possono sviluppare. Seguendo questo protocollo fornirà risultati ottimali e permettono un elevato grado di performance e sicurezza nella cura di questa importante popolazione di pazienti.

Disclosures

Gli autori Melissa Naiman, Maria Gray ed Erik Kulstad sono dipendenti di Attune medica che produce il dispositivo di gestione della temperatura esofagea descritto in questo manoscritto. Gli autori Ahmed Hegazy, Joseph Haymore, Neeraj Badjatia e Andrej Markota ricevevano dispositivi gratuiti per condurre valutazioni cliniche.

Acknowledgements

Nessuno.

Materials

Name Company Catalog Number Comments
EnsoETM Attune Medical ECD01 Device compatible with Gaymar/Stryker Medi-Therm III and Stryker Altrix Precision Temperature Management System
EnsoETM Attune Medical ECD02 Device compatible with Cincinnati SubZero Blanketrol II and Cincinnati SubZero Blanketrol III
Gaymar/Stryker Medi-Therm III Stryker n/a Compatible heater-cooler with the ECD01
Cincinnati SubZero Blanketrol II Gentherm n/a Compatible heater-cooler with the ECD02
Cincinnati SubZero Blanketrol III Gentherm n/a Compatible heater-cooler with the ECD02
Stryker Altrix Precision Temperature Management System Stryker n/a Compatible heater-cooler with the ECD01
Water-soluble lubricant Various n/a Standard water-soluble lubricant used to ease insertion of tubes, catheters, and digits
Securement device Various n/a E.g., Guard360 by PrimeGuard Medical

DOWNLOAD MATERIALS LIST

References

  1. Chan, P. S., Krumholz, H. M., Nichol, G., Nallamothu, B. K. Delayed time to defibrillation after in-hospital cardiac arrest. N Engl J Med. 358, (1), 9-17 (2008).
  2. Callans, D. J. Out-of-Hospital Cardiac Arrest -- The Solution Is Shocking. N Engl J Med. 351, (7), 632-634 (2004).
  3. Kochanek, P. M., Jackson, T. C. The Brain and Hypothermia-From Aristotle to Targeted Temperature Management. Crit Care Med. 45, (2), 305-310 (2017).
  4. Society of Critical Care Medicine. Critical Care Statistics in the United States. Available from: http://www.sccm.org/Communications/Pages/CriticalCareStats.aspx (2006).
  5. Laupland, K. B., et al. Occurrence and outcome of fever in critically ill adults. Crit Care Med. 36, (5), 1531-1535 (2008).
  6. Diringer, M. N., Reaven, N. L., Funk, S. E., Uman, G. C. Elevated body temperature independently contributes to increased length of stay in neurologic intensive care unit patients. Critical Care Medicine. 32, (7), 1489-1495 (2004).
  7. Laupland, K. B. Fever in the critically ill medical patient. Critical care medicine. 37, (Suppl 7), S273-S278 (2009).
  8. Mathias, J. M. Hospitals to report on normothermia. OR manager. 25, (9), 22-24 (2009).
  9. Auerbach, A. D. Making Health Care Safer: A Critical Analysis of Patient Safety Practices - Ch. 20 Prevention of Surgical Site Infections. Available from: http://www.ahrq.gov/clinic/ptsafety/chap20a.htm (2001).
  10. Rajagopalan, S., Mascha, E., Na, J., Sessler, D. I. The effects of mild perioperative hypothermia on blood loss and transfusion requirement. Anesthesiology. 108, (1), 71-77 (2008).
  11. Kurz, A., Sessler, D. I., Lenhardt, R. Perioperative normothermia to reduce the incidence of surgical-wound infection and shorten hospitalization. Study of Wound Infection and Temperature Group. N Engl J Med. 334, (19), 1209-1215 (1996).
  12. Sessler, D. I. New surgical thermal management guidelines. Lancet. 374, (9695), 1049-1050 (2009).
  13. Young, V. L., Watson, M. E. Prevention of perioperative hypothermia in plastic surgery. Aesthet Surg J. 26, (5), 551-571 (2006).
  14. Hedrick, T. L., et al. Efficacy of protocol implementation on incidence of wound infection in colorectal operations. J Am Coll Surg. 205, (3), 432-438 (2007).
  15. Forbes, S. S., et al. Implementation of evidence-based practices for surgical site infection prophylaxis: results of a pre- and postintervention study. J Am Coll Surg. 207, (3), 336-341 (2008).
  16. Sun, Z., et al. Intraoperative core temperature patterns, transfusion requirement, and hospital duration in patients warmed with forced air. Anesthesiology. 122, (2), 276-285 (2015).
  17. Leary, M., et al. The association of body mass index with time to target temperature and outcomes following post-arrest targeted temperature management. Resuscitation. 85, (2), 244-247 (2014).
  18. Naiman, M., Shanley, P., Garrett, F., Kulstad, E. Evaluation of advanced cooling therapy's esophageal cooling device for core temperature control. Expert Rev Med Devices. 13, (5), 423-433 (2016).
  19. Naiman, M., Markota, A., Hegazy, A. F., Dingley, J., Kulstad, E. Temperature Management in Critical Care and Burn Patients using an Esophageal Heat Transfer Device. Military Medicine. In Press (2017).
  20. Hegazy, A. F., Lapierre, D. M., Butler, R., Martin, J., Althenayan, E. The esophageal cooling device: A new temperature control tool in the intensivist's arsenal. Heart Lung. (2017).
  21. Hegazy, A. F., Lapierre, D. M., Butler, R., Althenayan, E. Temperature control in critically ill patients with a novel esophageal cooling device: a case series. BMC Anesthesiol. 15, 152 (2015).
  22. Bukovnik, N., Markota, A., Velnar, T., Rebol, J., Sinkovic, A. Therapeutic hypothermia and inhalation anesthesia in a patient with severe pneumococcal meningitis and secondary cardiac arrest. Am J Emerg Med. 35, (4), 665.e665-665.e666 (2017).
  23. Markota, A., Fluher, J., Kit, B., Balazic, P., Sinkovic, A. The introduction of an esophageal heat transfer device into a therapeutic hypothermia protocol: A prospective evaluation. Am J Emerg Med. 34, (4), 741-745 (2016).
  24. Markota, A., Kit, B., Fluher, J., Sinkovic, A. Use of an oesophageal heat transfer device in therapeutic hypothermia. Resuscitation. 89, e1-e2 (2015).
  25. Schroeder, D. C., et al. Oesophageal heat exchangers with a diameter of 11mm or 14.7mm are equally effective and safe for targeted temperature management. PLoS One. 12, (3), e0173229 (2017).
  26. Williams, D., et al. Use of an Esophageal Heat Exchanger to Maintain Core Temperature during Burn Excisions and to Attenuate Pyrexia on the Burns Intensive Care Unit. Case Reports in Anesthesiology. 2016, 6 (2016).
  27. Khan, I., et al. 14th Annual Neurocritical Care Society Meeting. National Harbor, MD. (2016).
  28. HACA. Mild therapeutic hypothermia to improve the neurologic outcome after cardiac arrest. N Engl J Med. 346, (8), 549-556 (2002).
  29. Bernard, S. A., et al. Treatment of comatose survivors of out-of-hospital cardiac arrest with induced hypothermia. N Engl J Med. 346, (8), 557-563 (2002).
  30. Callaway, C. W., et al. Part 8: Post-Cardiac Arrest Care: 2015 American Heart Association Guidelines Update for Cardiopulmonary Resuscitation and Emergency Cardiovascular Care. Circulation. 132, (18 Suppl 2), S465-S482 (2015).
  31. Wyckoff, M. H., et al. Part 13: Neonatal Resuscitation: 2015 American Heart Association Guidelines Update for Cardiopulmonary Resuscitation and Emergency Cardiovascular Care. Circulation. 132, (18 Suppl 2), S543-S560 (2015).
  32. Niemann, C. U., et al. Therapeutic Hypothermia in Deceased Organ Donors and Kidney-Graft Function. N Engl J Med. 373, (5), 405-414 (2015).
  33. Schortgen, F., et al. Fever control using external cooling in septic shock: a randomized controlled trial. Am J Respir Crit Care Med. 185, (10), 1088-1095 (2012).
  34. Reccius, A., Mercado, P., Vargas, P., Canals, C., Montes, J. Inferior Vena Cava Thrombosis Related to Hypothermia Catheter: Report of 20 Consecutive Cases. Neurocrit Care. 23, (1), 72-77 (2015).
  35. Maze, R., et al. Endovascular cooling catheter related thrombosis in patients undergoing therapeutic hypothermia for out of hospital cardiac arrest. Resuscitation. 85, (10), 1354-1358 (2014).
  36. Simosa, H. F., Petersen, D. J., Agarwal, S. K., Burke, P. A., Hirsch, E. F. Increased risk of deep venous thrombosis with endovascular cooling in patients with traumatic head injury. Am Surg. 73, (5), 461-464 (2007).
  37. Kulstad, E., et al. Induction, maintenance, and reversal of therapeutic hypothermia with an esophageal heat transfer device. Resuscitation. 84, (11), 1619-1624 (2013).
  38. van Zanten, A. R., Polderman, K. H. Blowing hot and cold? Skin counter warming to prevent shivering during therapeutic cooling. Crit Care Med. 37, (6), 2106-2108 (2009).
  39. Tommasi, E., et al. Cooling techniques in mild hypothermia after cardiac arrest. J Cardiovasc Med. (2014).
  40. Diringer, M. N. Treatment of fever in the neurologic intensive care unit with a catheter-based heat exchange system. Crit Care Med. 32, (2), 559-564 (2004).
  41. Hegazy, A. F., Lapierre, D. M., Butler, R., Martin, J., Althenayan, E. The esophageal cooling device: A new temperature control tool in the intensivist's arsenal. Heart Lung. 46, (3), 143-148 (2017).

Comments

0 Comments


    Post a Question / Comment / Request

    You must be signed in to post a comment. Please or create an account.

    Usage Statistics