Un nuovo metodo per indurre un comportamento depressione-come in ratti

* These authors contributed equally
Behavior

Your institution must subscribe to JoVE's Behavior section to access this content.

Fill out the form below to receive a free trial or learn more about access:

 

Summary

Questo protocollo descrive un nuovo modello con cui ratti sani potrebbero contrarre la depressione in un dato tempo periodthrough contagio dall'esposizione all'imprevedibile cronico ha sottolineato ratti (CUS).

Cite this Article

Copy Citation | Download Citations

Zeldetz, V., Natanel, D., Boyko, M., Zlotnik, A., Shiyntum, H. N., Grinshpun, J., Frank, D., Kuts, R., Brotfain, E., Peiser, J. A New Method for Inducing a Depression-Like Behavior in Rats. J. Vis. Exp. (132), e57137, doi:10.3791/57137 (2018).

Please note that all translations are automatically generated.

Click here for the english version. For other languages click here.

Abstract

Contagiosa, la depressione è un fenomeno che deve ancora essere pienamente riconosciuto e questo deriva dal materiale insufficiente sul tema. Al momento, esiste un formato esistente per studiare il meccanismo di azione, prevenzione, contenimento e trattamento della depressione contagiosa. Lo scopo di questo studio, pertanto, era di stabilire il primo modello animale di depressione contagiosa.

Ratti sani possono contrarre i comportamenti depressivi se esposti ai ratti depressi. Depressione è indotta in ratti, sottoponendoli a diverse manipolazioni dello sforzo cronico imprevedibile (CUS) oltre 5 settimane, come descritto nel protocollo. Un test di preferenza successo saccarosio ha confermato lo sviluppo della depressione nei ratti. I ratti esposti CUS sono stati quindi ingabbiati con ingenuo ratti dal gruppo di contagio (ingenuo 1 ratto/2 depresso ratti in una gabbia) per altre 5 settimane. 30 gruppi sociali sono stati creati dalla combinazione di ratti naive e CUS-esposti.

Questo protocollo proposto depressione-contagio negli animali consiste principalmente di conviventi ratti esposti CUS e sani per 5 settimane. Per garantire che questo metodo funziona, una serie di test sono effettuati - in primo luogo, il test di preferenza di saccarosio al momento di indurre depressione ai ratti, quindi, la preferenza di saccarosio testare, a fianco di campo aperto e test di nuoto forzato alla fine del periodo di convivenza. In tutto l'esperimento, i ratti sono dati tag e vengono sempre restituiti alle loro gabbie dopo ogni test.

Alcune limitazioni a questo metodo sono le deboli differenze registrate tra lo sperimentale e gruppi nella prova della preferenza di saccarosio e l'esito traumatico irreversibile della prova forzata di nuotata di controllo. Questi possono essere opportuno prendere in considerazione l'idoneità prima di qualsiasi futura applicazione del protocollo. Ciò nonostante, seguito all'esperimento, i ratti ingenui sviluppato depressione di contagio dopo 5 settimane di condividere la stessa gabbia con i ratti esposti a CUS.

Introduction

Prove effettuate in tempi recenti hanno suggerito che le malattie psichiatriche potrebbero essere facilmente diffondersi in individui in buona salute tramite contagio1. In questo caso, esso è chiamato contagio sociale ed è sparsa attraverso effetto, atteggiamento o comportamento. Questo richiede solo un individuo depresso di interagire con uno o più individui in buona salute, facilitando così la condivisione delle emozioni. Le relazioni sociali sono quindi una componente molto importante dell'umore, come essi definiscono il trasferimento di emozioni da un individuo a altro, a titolo di mimetismo e "contagio emotivo". Tempi per contagio effettive variano2, inevitabilmente a seconda della gravità dell'emozione e la forza di resistenza del destinatario.

Le significative conseguenze del contagio emotivo hanno assicurato che gli studi effettuati in passato principalmente focalizzata sugli aspetti negativi. Il risultato di effetti negativi assicurata depressione contagio ricevuto enorme attenzione, con studi che mostrano che la depressione di contagio aumenta la probabilità che le famiglie e gli amici di un individuo depresso che esibiscono comportamenti depressivi3 , 4 , 5 , 6.

Non ci sono motivi sia personali che economiche per affrontare la depressione. E ' comunemente causa la morbosità; e la sua incidenza di vita è tra 13,3 e 17,1% in Stati Uniti d'America7. I file dell'organizzazione mondiale della sanità mostrano che la depressione è quarto nella lista delle malattie globali con enorme fardello, che si verificano nelle persone di tutti i sessi, età, ceto sociale ed è ugualmente in grado di infliggere danni di salute cagionevole, influire sulla capacità di interagire con altri8,9,10,11e che causano disabilità in eccesso12,13. 850.000 vite sono stimate essere perso al suicidio depressivo ogni anno14. I pazienti sono in genere prescritto farmaci antidepressivi o consiglia di sottoporsi a terapia cognitivo-comportamentale. Questi treatmentshelp circa il 60-80% dei pazienti. Tuttavia, affrontare la malattia pone ancora un grosso problema; trattamento non è disponibile per tutti i pazienti depressi. Per coloro che ottengono il trattamento, alcuni soffrono di effetti collaterali, mentre gli altri mal conformi alle linee guida15. Il numero di pazienti resistenti al trattamento è fino a circa il 40%14. Con la depressione, l'economia ha sofferto frequentemente sotto forma di costose cure, una diminuzione della forza lavoro e i pensionamenti anticipati16. Una perdita annuale stimata di $ 44 miliardi negli Stati Uniti è causata dalla depressione, rappresentano quasi la metà di di perdita di produttività del paese17. Trattamento costoso richiede particolare attenzione medica, che comporta una serie di costi medici aumentati e rende necessaria la previsione di risultati indesiderati, come pure la scarsa risposta al trattamento18.

Non avendo incontrato un già collaudato modello animale per studiare il meccanismo di depressione-contagio, prevenzione e trattamento, questo ipotetico protocollo animale è stato utilizzato per la prima volta. Essa suggerisce che, attraverso la convivenza con i ratti esposti a CUS, ratti sani tendono ad esprimere comportamenti depressivi. L'obiettivo principale di questo esperimento era di istituire una procedura di laboratorio che hanno evidenziato il trasferimento della depressione, tramite contagio, da ratti CUS-esposti a quelle sane. Successivamente, i risultati sono stati valutati per determinare se la depressione-contagio era limitata solo a sintomi depressivi, o se era imparentato con altri disturbi dell'umore, come ansia. L'obiettivo finale dell'esperimento è quello di avvicinarsi al meglio la comprensione del meccanismo di depressione-contagio in gara per sviluppare nuovi approcci terapeutici19.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Protocol

La procedura seguente è stata condotta secondo le raccomandazioni della dichiarazione di Helsinki e Tokyo e le linee guida per l'uso di animali da esperimento della Comunità europea. Gli esperimenti sono stati approvati dal comitato di cura animale presso l'Università di Ben-Gurion del Negev.

1. preparazione ratti per la procedura sperimentale

Nota: Per la procedura sperimentale, selezionare ratti Sprague-Dawley maschi senza patologia conclamata, ciascuno di peso tra 300 e 350 g.

  1. Casa tre ratti per gabbia, con chow e acqua disponibile ad libitum e consentire per almeno due settimane di adattamento, alternando 12h di luce e 12 ore di buio.
  2. Prima dell'inizio dell'esperimento, tutti i ratti per la presenza di comportamenti simil-depressivi utilizzando un 3 giorni di test test di preferenza di saccarosio (vedere il passaggio 4).
  3. Escludi ratti che sono percepiti per visualizzare i comportamenti simil-depressivi e quelli che sono alloggiati nelle stesse gabbie come tale ratti, in modo da evitare la possibile diffusione della depressione ai ratti inalterate prima che l'esperimento ha cominciato in primo luogo, eliminano i ratti che test positivo per depressione; quindi, eliminare i ratti che sono alloggiati in gabbie stesse come i ratti depressi.
  4. Se necessario, escludere ulteriori ratti in modo casuale per creare gruppi di finali di 60 ratti per l'esperimento di depressione, 30 ratti per il gruppo di contagio e 30 ratsforthe gruppo di controllo.
  5. Tag ratti (utilizzando adesivi numerati), durante le procedure sperimentali. Temporaneamente trasferire singole gabbie ratti durante gli esperimenti (nella stessa camera e ciclo scuro per il CUS, saccarosio e prove in campo aperto e in una camera diversa e il ciclo scuro per il test di nuoto forzato e per uno dei fattori di stress (Vedi 2.1.7)) e restituirle la IR originale gruppi sociali alla fine.

2. la procedura per l'induzione della depressione in ratti

Nota: Al fine di indurre depressione, sottoporre i 60 ratti nel gruppo CUS-esposti a diverse manipolazioni del CUS per cinque settimane20.

  1. Esporre i ratti al giorno per 2 qualsiasi dei seguenti fattori di 7 sforzo, in ordine casuale; per un fattore di stress durante il giorno e l'altro di notte, per 5 settimane consecutive.
    1. Casa dei ratti in gruppi (sei ratti, invece dei soliti tre, per gabbia per 18 h);
    2. Posizionare i ratti in una gabbia inclinata (45° lungo l'asse verticale per 3 h);
    3. Privare i ratti di cibo (18 h);
    4. Privare i ratti dell'acqua (18 h) ed esporli alla bottiglie vuote di acqua immediatamente dopo un periodo di privazione acuta dell'acqua (1 h);
    5. Posizionare i ratti in una gabbia di biancheria bagnata (con 300 mL di acqua versata nella biancheria da letto) per 8 h (ciclo di notte);
    6. Esporre i ratti per illuminazione continua (24 h) e invertito il ciclo luce/buio (12 h) due volte a settimana;
    7. Posizionare i ratti in un ambiente caldo (40° C, 5 min - ciclo notte), con un altro apparecchio utilizzato per aumentare il calore.
  2. Confermare lo sviluppo della depressione eseguendo un test di preferenza di saccarosio (vedere il passaggio 4).
    Nota: Il protocollo può essere sospeso dopo tutti i passaggi di cui sopra. Inoltre, se qualsiasi comportamento aberrante viene visualizzata da qualsiasi rat, quindi, eliminare il ratto e qualsiasi altro ratto che potrebbe aver risentito il ratto irregolare.

3. la procedura per determinare la depressione-contagio nei ratti Naive

  1. Stabilire 30 gruppi sociali con i ratti dal CUS-esposti (60) e depressione-contagio (30):
    1. Casa due CUS-ratti esposti per gabbia in 30 diverse gabbie.
    2. Aggiungere un ratto dal gruppo depressione-contagio per ogni gabbia contenente due CUS - esposti ratti.
  2. Consentire la convivenza per 5 settimane , in condizioni standard, con chow e acqua disponibile ad libitum.
  3. Dopo 5 settimane di convivenza, soggetto tutti i gruppi per la preferenza di saccarosio, campo aperto e test di nuoto forzato nell'ordine mostrato in Figura 1.

4. la preferenza di saccarosio prova21

  1. Durante il ciclo scuro, posizionare i ratti in gabbie individuali nella stessa camera come l'alloggiamento.
  2. Mettere una bottiglia di 100 mL di soluzione di 1% (p/v) saccarosio in ogni gabbia per 24 h e consentire per adattamento.
  3. Rimuovere le bottiglie e privare i ratti di cibo e acqua per 12 h.
  4. Posizionare due bottiglie, una contenente 100 mL di soluzione di saccarosio (1%, p/v) e l'altra, 100 mL di acqua di rubinetto, in ogni gabbia per 4 h.
  5. Registrare il volume (in mL) di soluzione di saccarosio consumato sia acqua e calcolare l'affinità alla preferenza di saccarosio come segue:
    Equation 1

5. la prova di campo aperto

Nota: Il test di campo aperto standard è comunemente usato per valutare i comportamenti dell'apparato locomotore, esplorativi e tipo di ansia e le risposte comportamentali alle novità in laboratorio animali22, 23. Questo test ha dimostrato anche di analizzare i comportamenti depressivi24. La prova sul campo aperto esamina due parametri opposti; paura dei roditori per la brillante luce che brilla al centro del campo contro il loro desiderio espressivo verso la novità. Quando ansioso, roditori tendono ad evitare di scoperta e soggiorno messo dalle mura (tigmotassia). Questa ansia è determinata dal grado di scongiurare il campo centrale illuminato. Campo aperto, costituito da una scatola nera di acrilico distorta (120 × 60 cm × 60 cm), è diviso in parte centrale (25%) e il resto della scatola (75%). Questo test si svolge nella stessa camera come l'alloggiamento durante il ciclo scuro. Una videocamera, sospesa a circa 200 cm sopra il campo, viene utilizzata per la registrazione il campo aperto prova22, 23.

  1. Pulire l'apparecchio con 5% di alcool prima dell'introduzione di ogni animale. Posizionare il ratto nell'angolo del campo aperto rivolto verso la parete.
  2. Registrare il comportamento del ratto con una videocamera per 5 min.
  3. Analisi post-registrazioni dei seguenti parametri: tempo totale di percorrenza, velocità nella parte centrale del campo e tempo trascorso nella parte centrale del campo.

6. la prova di nuoto forzato

Nota: Il principio della prova forzata di nuotata è basata sul fatto che quando i ratti sono costretti a nuotare in uno spazio ristretto, alla fine rinunciare e rimanere immobile, occasionalmente loro corpi in movimento per evitare l'annegamento21, 23. Dovuto l'enormità dell'apparato già assemblato, questo test è stato effettuato in camera diversa durante il ciclo scuro.

  1. Per assuefazione, posizionare il ratto in un cilindro di vetro (altezza 100 cm, 40 cm di diametro e 40 cm di profondità) contenente acqua a temperatura ambiente per 15 minuti sessione di nuoto.
  2. Rimuovere il ratto dal cilindro, asciugare con carta assorbente e posto in una gabbia calda per 15 min.
  3. Ratto di ritorno alla sua casa gabbia (originale);
    Nota: Il protocollo può essere messo in pausa qui. Inoltre, se qualsiasi ratto nel corso di questa prova sta annegando, rimuoverla immediatamente.
  4. Il giorno seguente, filmare una sessione di nuoto 5-min e analizzare post-registrazioni dei seguenti parametri: immobilità, arrampicata e defecazione.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Representative Results

Il test di preferenza del saccarosio: Dopo esposizione di ratti a 5 settimane di CUS per l'induzione della depressione e poi successivamente esporre ratti sani ai ratti esposti CUS per altre 5 settimane, entrambi i gruppi di ratti visualizzato depressivo-come behaviorsat alla fine dell'esperimento (Figura 2). Le prove di questo comportamento è stata veduta nella preferenza ridotta per saccarosio dai ratti depressi, dopo CUS (65 ± 2,8%, p < 0,001, Figura 2), quando rispetto ai 30 ratti nel gruppo di controllo (101 ± 7%, (Figura 2). Dopo 10 settimane, i ratti esposti CUS 60 ha dimostrato un cambiamento statisticamente significativo (72 ± 3,3%, p < 0,001, Figura 2) quando rispetto ai 30 ratti nel gruppo di controllo (95 ± 3,4%, Figura 2), come hanno fatto i 30 ratti di depressione-contagio (76 ± 4,7% p < 0,001, Figura 2), dopo 5 settimane di convivenza con i ratti esposti a CUS.

La prova sul campo aperto: Ratti in entrambi il CUS-esposti e gruppi di depressione-contagio erano diminuito Distanze di corsa totale (depressione-contagio - p < 0.05 e CUS-esposto - p < 0.01, Figura 3A) ed ha fatto diminuire le velocità medie (CUS-esposto - p < 0,05, Figura 3C), rispetto al gruppo di controllo. Il tempo trascorso al centro dei ratti fieldby aperto da gruppo di controllo e i due gruppi sperimentali era non-significativo diverso (Figura 3B).

La prova di nuoto forzato: Risultati dalla valutazione dell'immobilità erano come ci aspettavamo. Entrambi CUS-esposti e depressione-contagio ratti hanno mostrato estesa immobilità seguendo la prova forzata di nuotata. Tuttavia, un tempo significativamente prolungato di inattività è stato registrato solo nei ratti esposti a CUS (p < 0,01) quando rispetto al gruppo di controllo (Figura 4A). In un altro parametro di prova forzata-nuotata oggetto dell'inchiesta, arrampicata tempo, entrambi i gruppi di CUS-esposti e contagio-depressione ratti ha esibito proprietà arrampicata molto limitata (p < 0,01) quando rispetto al gruppo di controllo (Figura 4B). La valutazione del tasso di defecazione ha provocato la registrazione di elevate quantità di feci per entrambi i gruppi sperimentali (p < 0,01), rispetto al controllo (Figura 4C).

Figure 1
Figura 1 : Il progetto di protocollo sperimentale. Viene illustrato l'ordine temporale e dei rispettivi protocolli sperimentali. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 2
Figura 2 : Il test di preferenza di saccarosio La variazione percentuale nel test di preferenza di saccarosio è diminuito significativamente nei 60 ratti esposti CUS (65 ± 2,8% vs. 101 ± 7%, p < 0,001) rispetto ai 30 ratti nel gruppo di controllo, dopo 5 settimane del CUS. C'era una percentuale significativa cambiare nel test di preferenza di saccarosio in sia il 60 CUS-esposti (72 ± 3,3%, p < 0,001) e 30 depressione-contagio (76 ± 4,7%, p < 0,001) ratti dopo 10 settimane, rispetto ai 30 ratti nel gruppo di controllo (95 ± 3,4%). L'analisi statistica è stato fatto con One-way ANOVA con test post hoc di Bonferroni. I dati sono presentati come percentuali della linea di base ed espressi come media ± SEM. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 3
Figura 3 : Il campo aperto test. La depressione-contagio (68,1 ± 6,5%, p < 0,05, Figura 3A) e il CUS-esposti ratti (59,6 ± 5,7%, p < 0.01, Figura 3A) erano diminuito Distanze di viaggio totale, rispetto ai ratti di controllo (100 ± 13%, Figura 3 A). differenze significative sono state trovate per tempo speso da tutti e 3 i gruppi di ratti nella parte centrale del campo aperto (Figura 3B). Il CUS-esposti (75,4 ± 6%, p < 0,05, Figura 3,C) e depresso-contagio (88 ± 5,6%, p < 0,005, Figura 3C) ratti entrambi avevano fatto diminuire la velocità media, ma un cambiamento significativo è stato registrato solo nel CUS-esposti gruppo, rispetto ai ratti nel gruppo di controllo. In tutti e 3 i test, sono stati utilizzati il Kruskal-Wallis, seguita da test di Mann-Whitney. I dati sono presentati come percentuali del gruppo di controllo ed espressi come media ± SEM. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 4
Figura 4 : Il test di nuoto forzato. Il CUS-esposti (151 ± 3,3%, p < 0.01, Figura 4A) e depressione-contagio (107 ± 6,7%, Figura 4A) ratti erano entrambi trovati per essere altamente immobile, ma un cambiamento significativo è stato registrato solo nel gruppo CUS-esposti, rispetto a i ratti nel gruppo di controllo. Il CUS-esposti (46 ± 5,5%, p < 0.01, Figura 4B) e la depressione-contagio (64 ± 5,4% p < 0.01, Figura 4B) ratti entrambi espressi ridotto i tempi di arrampicata. Le tariffe di defecazione dei 60 ratti esposti CUS (278 ± 32%, p < 0.01,Figura 4,C) e 30 ratti depressione-contagio (131 ± 37%, Figura 4C) erano significativamente maggiori rispetto al tasso di defecazione del controllo 30 ratti (100 ± 22,5%, p < 0.01). Analisi post hoc non trovato nessuna differenza significativa tra i ratti di depressione-contagio e i controlli, ma ha mostrato una differenza significativa tra CUS-esposti rispetto ai ratti di controllo (p < 0.01 Figura 4C). L'analisi statistica è stata fatta con One-way ANOVA. I dati sono presentati sotto forma di percentuali del gruppo di controllo espressi come media ± SEM. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Discussion

Secondo i risultati ottenuti con l'applicazione del presente protocollo, ratti sani, come gli esseri umani, sono stati influenzati negativamente da ratti depressi quando alloggiati insieme per un periodo prolungato. I ratti contagiosa depressi sono stati colpiti dai loro omologhi già depressi dopo cinque settimane di convivenza, che stabilisce un modello di depressione-contagio animale distinto per la prima volta. Uno studio più iniziale con maiali aveva anche suggerito statuti emotivi condivisi tra suini depresso e sano25.

L'induzione della depressione nei ratti è stata realizzata con l'applicazione del CUS. Questo metodo esprime le caratteristiche comuni ai fattori di sforzo socio-ambientale di tutti i giorni. Archivi mostrano che il CUS è il metodo più usato di indurre depressione negli animali. I risultati ottenuti con questo metodo Condividi forti le analogie con i sintomi clinici e comportamenti simil-depressivi. Se è usato correttamente sui ratti, i ratti canexpress tutti i noti segni depressivi26. La capacità di far emergere tutti i comportamenti depressivi quando applicato sui ratti convalida CUS come un metodo affidabile di depressione-induzione con alta prevedibilità e costruire validità27, 28. Il metodo CUS è ugualmente utilizzato come un modello animale di depressione per analizzare i meccanismi cellulari e molecolari della patofisiologia della depressione, anche studiare il meccanismo di azione degli antidepressivi29,30,31 , 32 , 33.

Il test di preferenza di saccarosio applicato dopo convivenza di depresso e ingenuo ratti abilitato la valutazione della diffusione della depressione, conseguente l'espressione dei comportamenti depressivi in entrambi i gruppi di ratti dopo 5 settimane (Figura 2, Figura 3, Figura 4). Il nuoto forzato prova20 e il campo aperto prova34,35,36,37,38,39,40 furono anche utilizzati per indagare depressione in ratti41. Questi metodi specchio una vasta gamma di irregolarità del comportamento. Il fatto che non esiste un meccanismo specifico di contagio significa che componenti coscienti ed unconscious ha potuto essere avanzate come potenziali risultati ipotetici. Incoscienza potrebbe manifestarsi attraverso mimetismo42, a titolo di ratti sani copia i movimenti del corpo dei ratti depressi. Movimenti più probabili di essere riprodotte sono come le espressioni facciali e il neurone sistema43. Coscienza, d'altra parte, poteva sorgere per mezzo di metodi di comunicazione. Uno di questi metodi è co-ruminazione44.

Anche se i ratti sani è diventato depressi quando condivisione alloggiamento con i ratti depressi, depressi ratti inoltre è diventato meno depresso, rispetto al loro stato dopo CUS, a seguito di convivenza con loro controparti sane. Questo segue un modello che è stato osservato in precedenti ricerche quando depresso gli studenti universitari sono stati in grado di diventare contagiosa posizione dopo aver trascorso tempo con loro coinquilini sano4. C'è, pertanto, non solo un impatto negativo con la depressione contagiosa, ma anche un effetto reciproco. Gli individui depressi hanno un impatto negativo su quelle sane, mentre essi stessi leggermente recuperare dalla depressione in virtù di essere esposti ai colleghi non depressi. Tale osservazione potrebbe essere una spinta alla psichiatria nell'affrontare sia gli individui depressi e popolazioni.

Prima di questo test, modelli animali di depressione-contagio erano inesistenti, e anche se un passo avanti è stato fatto qui, questo test ha i suoi limiti. Può essere considerato un po ' debole per alcuni motivi. La differenza tra l'assorbimento di saccarosio e assorbimento di acqua nei ratti presumibilmente depressi, quando confrontati ai ratti di controllati, non è altamente significativa e non è dimostrativa di uno stato altamente depresso nei ratti sperimentali. Inoltre, l'uso del test forzato-nuotata non sarebbe consigliabile se meglio opzioni alternative possono essere trovati. I danni causati da questo test sono traumatiche, permanente e irreversibile. Di conseguenza, gli animali sottoposti alla prova di nuoto forzato non possono essere riciclati o utilizzati per ulteriori esperimenti. Indipendentemente gli svantaggi del metodo, rimane un metodo pionieristico che ha prodotto risultati decenti.

Molto è stato detto e fatto per venire a patti con la depressione, ma è rimasta delle principali cause di preoccupazione, con il crescente numero di situazioni life-threatening, evidenziando la sua gravità nella società oggi. La natura complessa di definire le interazioni fra gli esseri umani rende problematico per valutare sistematicamente contagio depressione. Così, una conoscenza avanzata di un modello animale potrebbe essere la chiave per sbloccare il meccanismo della depressione nella popolazione umana, successivamente stabilire le risposte terapeutiche per questa malattia problematica.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Disclosures

Gli autori non hanno nulla a rivelare.

Acknowledgements

Gli autori riconoscono con gratitudine Dr. R. Bilyar, residente, dipartimento di urologia, il centro medico Soroka, per il suo aiuto in laboratorio così come l'analisi dei video. Il supporto di Shira Ovadia, direttore dell'unità risorse di animale, si ringraziano. Molte grazie a r. Alir e a tutto il personale il Critical Care Unit, il centro medico Soroka per il loro supporto e discussioni utili.

Materials

Name Company Catalog Number Comments
Rat Cages Techniplast 2000P Conventional housing for rodents. Was used for housing rats throughout the experiment
Water - - Common tap water used througout the experiment at different stages
Purina Chow Purina 5001 Rodent laboratory chow given to rats, mice and hamster is a life-cycle nutrition that has been used in biomedical researc for over 5 decades. Provided to rats ad libitum in this experiment
Bottles Techniplast ACBT0262SU 150 ml bottles filled with 100 ml of water and 100 ml 1%(w/v) sucrose solution
Black lusterless perspex box - - (120 cm × 60 cm × 60 cm), divided into a 25% central zone and the surrounding border zone
Video Camera Canon - Digital video camera for high definition recording of rat behavior under open field test
Alcohol Pharmacy - 99% pharmaceutical alcohol diluted to 5% and used for lceaning the open field test box before the introduction of each rat
Glass cylinder - - 100 cm tall, 40 cm in diameter, and 40 cm deep cylinder used for carrying out the forced swim test
Paper towels Pharmacy - Dry towels used for keeping rats dry after immersing them in water
Bold markers - - Common bold markers used for labeling rats

DOWNLOAD MATERIALS LIST

References

  1. Hill, A. L., Rand, D. G., Nowak, M. A., Christakis, N. A. Emotions as infectious diseases in a large social network: the SISa model. Proc Biol Sci R Soc. 277, (1701), 3827-3835 (2010).
  2. Fowler, J. H., Christakis, N. A. Dynamic spread of happiness in a large social network: longitudinal analysis over 20 years in the Framingham Heart Study. BMJ. 337, 2338 (2008).
  3. Bastiampillai, T., Allison, S., Chan, S. Is depression contagious? The importance of social networks and the implications of contagion theory. Aust N Z J Psychiatry. 47, (4), 299-303 (2013).
  4. Joiner, T. E. Contagious depression: specificity to depressed symptoms, and the role of reassurance seeking. J Pers Soc Psychol. 67, (2), 287-296 (1994).
  5. Siebert, D. C. Depression in North Carolina social workers: implications for practice and research. Social Work Res. 28, 30-40 (2004).
  6. Joiner, T. E., Katz, J. Contagion of depressive symptoms and mood: meta-analytic review and explanations from cognitive, behavioral, and interpersonal viewpoints. Clin Psychol: Sci Pract. 6, (2), 149-164 (2006).
  7. Rosenquist, J. N., Fowler, J. H., Christakis, N. A. Social network determinants of depression. Mol Psychiatry. 16, (3), 273-281 (2011).
  8. Sobocki, P., et al. Healthrelated quality of life measured with EQ-5D in patients treated for depression in primary care. Value Health. 10, (2), 153-160 (2007).
  9. Creed, F., Morgan, R., Fiddler, M., Marshall, S., Guthrie, E., House, A. Depression and anxiety impair health-related quality of life and are associated with increased costs in general medical inpatients. Psychosomatics. 43, (4), 302-309 (2002).
  10. Saarni, S. I., et al. Impact of psychiatric disorders on health-related quality of life: general population survey. Br J Psychiatry. 190, 326-332 (2007).
  11. Gaynes, B. N., Burns, B. J., Tweed, D. L., Erickson, P. Depression and health-related quality of life. J Nerv Ment Dis. 190, (12), 799-806 (2002).
  12. Dunlop, D. D., Manheim, L. M., Song, J., Lyons, J. S., Chang, R. W. Incidence of disability among preretirement adults: the impact of depression. Am J Public Health. 95, (11), 2003-2008 (2005).
  13. Lenze, E. J., et al. The association of late-life depression and anxiety with physical disability: a review of the literature and prospectus for future research. Am J Geriatr Psychiatry. 9, (2), 113-135 (2001).
  14. Lang, U. E., Borgwardt, S. Molecular mechanisms of depression: perspectives on new treatment strategies. Cell Physiol Biochem: Int J Exp Cell Physiol Biochem Pharmacol. 31, (6), 761-777 (2013).
  15. Keller, M. B., Hirschfeld, R. M., Demyttenaere, K., Baldwin, D. S. Optimizing outcomes in depression: focus on antidepressant compliance. Int Clin Psychopharmacol. 17, (6), 265-271 (2002).
  16. Wang, P. S., et al. The costs and benefits of enhanced depression care to employers. Arch Gen Psychiatry. 63, (12), 1345-1353 (2006).
  17. Stewart, W. F., Ricci, J. A., Chee, E., Hahn, S. R., Morganstein, D. Cost of lost productive work time among US workers with depression. JAMA. 289, (23), 3135-3144 (2003).
  18. Pirraglia, P. A., Rosen, A. B., Hermann, R. C., Olchanski, N. V., Neumann, P. Cost-utility analysis studies of depression management: a systematic review. Am J Psychiatry. 161, (12), 2155-2162 (2004).
  19. Boyko, M., et al. Establishment of an animal model of depression contagion. Behavioural Brain Research. 281, 358-363 (2015).
  20. Willner, P. Chronic mild stress (CMS) revisited: consistency and behaviouralneurobiological concordance in the effects of CMS. Neuropsychobiology. 52, (2), 90-110 (2005).
  21. Boyko, M., et al. The influence of aging on poststroke depression using a rat model via middle cerebral artery occlusion. Cogn Affect Behav Neurosci. 13, (4), 847-859 (2013).
  22. Boyko, M., et al. The neuro-behavioral profile in rats after subarachnoid hemorrhage. Brain Res. 1491, 109-116 (2013).
  23. Slattery, D. A., Cryan, J. F. Using the rat forced swim test to assess antidepressant-like activity in rodents. Nature Protocols. 7, 1009-1014 (2012).
  24. Kalueff, A. V., Tuohimaa, P. Experimental Modeling of anxiety and depression. Acta Neurobiol Exp. 64, 439-448 (2004).
  25. Reimert, I., Bolhuis, J. E., Kemp, B., Rodenburg, T. B. Indicators of positive and negative emotions and emotional contagion in pigs. Physiol Behav. 17, (109), 42-50 (2013).
  26. Yang, J., et al. Enhanced antidepressant-like effects of electroacupuncture combined with citalopram in a rat model of depression. Evid Based Complement Altern Med. 2013:107380 (2013).
  27. Forbes, N. F., Stewart, C. A., Matthews, K., Reid, I. C. Chronic mild stress and sucrose consumption: validity as a model of depression. Physiol Behav. 60, (6), 1481-1484 (1996).
  28. Moreau, J. L. Reliable monitoring of hedonic deficits in the chronic mild stress model of depression. Psychopharmacology. 134, (4), 357-358 (1997).
  29. Sikiric, P., et al. The antidepressant effect of an antiulcer pentadecapeptide BPC 157 in Porsolt's test and chronic unpredictable stress in rats. A comparison with antidepressants. J Physiol-Paris. 94, (2), 99-104 (2000).
  30. Zhou, L. L., Ming, L., Ma, C. G., Cheng, Y., Jiang, Q. Antidepressant-like effects of BCEF0083 in the chronic unpredictable stress models in mice. Chin Med J. 118, (11), 903-908 (2005).
  31. Banasr, M., Valentine, G. W., Li, X. Y., Gourley, S. L., Taylor, J. R., Duman, R. S. Chronic unpredictable stress decreases cell proliferation in the cerebral cortex of the adult rat. Biol Psych. 62, (5), 496-504 (2007).
  32. Bachis, A., Cruz, M. I., Nosheny, R. L., Mocchetti, I. Chronic unpredictable stress promotes neuronal apoptosis in the cerebral cortex. Neurosci lett. 442, (2), 104-108 (2008).
  33. Bondi, C. O., Rodriguez, G., Gould, G. G., Frazer, A., Morilak, D. A. Chronic unpredictable stress induces a cognitive deficit and anxiety-like behavior in rats that is prevented by chronic antidepressant drug treatment. Neuropsychopharmacology. 33, (2), 320-331 (2007).
  34. Meng, H., Wang, Y., Huang, M., Lin, W., Wang, S., Zhang, B. Chronic deep brain stimulation of the lateral habenula nucleus in a rat model of depression. Brain Res. 1422, 32-38 (2011).
  35. Li, W., et al. Effects of electroconvulsive stimulation on long-term potentiation and synaptophysin in the hippocampus of rats with depressive behavior. J ECT. 28, (2), 111-117 (2012).
  36. Walf, A. A., Frye, C. A. The use of the elevated plus maze as an assay of anxiety-related behavior in rodents. Nat Protoc. 2, (2), 322-328 (2007).
  37. Moran, G. M., Fletcher, B., Calvert, M., Feltham, M. G., Sackley, C., Marshall, T. A systematic review investigating fatigue, psychological and cognitive impairment following TIA and minor stroke: protocol paper. Syst Rev. 2, 72 (2013).
  38. Lamers, F., et al. Comorbidity patterns of anxiety and depressive disorders in a large cohort study: the Netherlands Study of Depression and Anxiety (NESDA). J Clin Psychiatry. 72, (3), 341-348 (2011).
  39. Lenze, E. J., Mulsant, B. H., Shear, M. K., Alexopoulos, G. S., Frank, E., Reynolds, C. F. Comorbidity of depression and anxiety disorders in later life. Depress Anxiety. 14, (2), 86-93 (2001).
  40. Braam, A. W., et al. Depression, subthreshold depression and comorbid anxiety symptoms in older Europeans: results from the EURODEP concerted action. J Affect Disord. 155, 266-272 (2014).
  41. Kumar, V., Bhat, Z. A., Kumar, D. Animal models of anxiety: a comprehensive review. J Pharmacol Toxicol Methods. 68, (2), 175-183 (2013).
  42. Hatfield, E., Cacioppo, J. T., Rapson, R. L. Emotional contagion, vol. vii. Cambridge University Press/Editions de la Maison des sciences de l'homme. Cambridge, England/New York/Paris. 240 (1994).
  43. Ocampo, B., Kritikos, A. Interpreting actions: the goal behind mirror neuron function. Brain Res Rev. 67, (1-2), 260-267 (2011).
  44. Van Zalk, M. H., Kerr, M., Branje, S. J., Stattin, H., Meeus, W. H. Peer contagion and adolescent depression: the role of failure anticipation. J Clin Child Adolesc Psychol. 39, (6), 837-848 (2010).

Comments

0 Comments


    Post a Question / Comment / Request

    You must be signed in to post a comment. Please or create an account.

    Usage Statistics