Regioselettiva O- glicosilazione dei nucleosidi tramite il temporaneo 2', 3'-diolo protezione da boronico per la sintesi di disaccaride nucleosidi

Chemistry

Your institution must subscribe to JoVE's Chemistry section to access this content.

Fill out the form below to receive a free trial or learn more about access:

 

Summary

Qui, presentiamo i protocolli per la sintesi dei nucleosidi disaccaride di regioselettiva O- glicosilazione di ribonucleosides tramite una protezione temporanea della loro 2', 3'-diolo moiety utilizzando un estere boronico ciclico. Questo metodo si applica a diversi nucleosidi non protetti quali adenosina, guanosina, citidina, uridina, 5-methyluridine e 5-fluorouridine dare corrispondente nucleosidi disaccaride.

Cite this Article

Copy Citation | Download Citations

Someya, H., Itoh, T., Kato, M., Aoki, S. Regioselective O-Glycosylation of Nucleosides via the Temporary 2',3'-Diol Protection by a Boronic Ester for the Synthesis of Disaccharide Nucleosides. J. Vis. Exp. (137), e57897, doi:10.3791/57897 (2018).

Please note that all translations are automatically generated.

Click here for the english version. For other languages click here.

Abstract

Nucleosidi disaccaride, che consistono di disaccaride e nucleobase moiety, sono stati conosciuti come un prezioso gruppo di prodotti naturali, avendo molteplici bioattività. Anche se chimica O- glycosylation è una strategia comunemente benefica per sintetizzare nucleosidi disaccaride, la preparazione di substrati come glicosil donatori e accettori richiede protezione gruppo noioso manipolazioni e una purificazione presso ogni passo sintetico. Nel frattempo, diversi gruppi di ricerca hanno riferito che boronico ed esteri di Borinici servono come una protezione o attivazione di un gruppo di derivati di carboidrati per ottenere il regio - e/o stereoselettiva acilazione, alchilazione, sililazione e glicosilazione. In questo articolo, dimostriamo la procedura per la regioselettiva O- glicosilazione di ribonucleosides non protetti utilizzando acido boronico. L'esterificazione di 2', 3'-diolo di ribonucleosides con Acido boronico rende la protezione temporanea di diolo e, O- glycosylation seguente con un glicosil donatore in presenza di p- toluenesulfenyl cloruro e argento TRIFLATI, permessi la reazione regioselettiva del gruppo idrossile 5' permettersi i nucleosidi disaccaride. Questo metodo potrebbe essere applicato a vari nucleosidi, quali guanosina, adenosina, citidina, uridina, 5-metyluridine e 5-fluorouridine. In questo articolo e il video di accompagnamento rappresentano informazioni utili (visivo) per la O- glicosilazione dei nucleosidi non protetti e loro analoghi per la sintesi di non solo nucleosidi disaccaride, ma anche una varietà di biologicamente rilevanti derivati.

Introduction

Nucleosidi disaccaride, che sono coniugati di un nucleoside e una parte del carboidrato collegato tramite un O-glicosidici bond, costituiscono un'importante classe di naturale carboidrati derivati1,2 ,3,4,5,6,7. Per esempio, sono incorporati in macromolecole biologiche quali tRNA (acido ribonucleico transfer) e poli (ADP = adenosina difosfato), così come in alcuni agenti antibatterici e altre sostanze biologicamente attive (ad es., adenophostins, amicetins, ezomycin)5,6,8,9,10,11,12,13, 14,15,16,17,18,19. Quindi, disaccaride nucleosidi e loro derivati devono essere composti di piombo per la ricerca di scoperta di farmaci. Le metodologie per la sintesi dei nucleosidi disaccaride sono classificate in tre categorie; enzimatica O- glicosilazione20,21, chimico N- glicosilazione5,9,16,22,23, 24e chimici O- glicosilazione7,9,14,16,18,19,24, 25,26,27,28,29,30,31,32,33, 34,35,36,37. In particolare, chimica O- glycosylation sarebbe un metodo efficiente per la sintesi stereoselettiva e sintesi su larga scala dei nucleosidi disaccaride. Precedenti ricerche hanno dimostrato che l'O- glycosylation di 2'-trifosfati 2 con il thioglycosyl donatore 1, utilizzando la combinazione di p- toluenesulfenyl cloruro e argento triflato, garantisce la desiderato disaccaride nucleosidici 3 (Figura 1A; AR = arilico e PG = protezione gruppo)38.

A seguito di questi risultati, abbiamo deciso di sviluppare il O- glycosylation di applicazione del sistema di promotore triflato argento/cloruro di p- toluenesulfenyl ribonucleosides. Mentre diversi esempi di O- glicosilazione di ribonucleosides parzialmente protette sono state dimostrate7,9,14,16,18,19 ,24,32,33,34,35,36,37, l'uso di non protetto o protetto da temporaneamente ribonucleosides come un accettore di glicosil per O- glycosylation è stata segnalata in modo trascurabile. Di conseguenza, lo sviluppo di regioselettiva O- glicosilazione di ribonucleosides temporaneamente protetto o non protetto sarebbe fornire un metodo sintetico più vantaggioso senza proteggere le manipolazioni di gruppo di ribonucleosides. Al fine di raggiungere la regioselettiva O- glicosilazione di ribonucleosides, ci siamo concentrati sui composti del boro, perché diversi esempi di acilazione di regio - e/o stereoselettiva, alchilazione, sililazione e glicosilazione del carboidrato strumenti derivati assistiti da boronico o acido Borinici sono stati segnalati39,40,41,42,43,44,45 ,46,47,48,49,50. In questo articolo, dimostriamo la procedura per la sintesi dei nucleosidi disaccaride che utilizzano regioselettiva O- glicosilazione presso il gruppo di 5'-idrossile di ribonucleosides via boronico intermedio. Nella strategia presentata qui, estere boronico intermedio 6 sarebbe essere garantita da esterificazione del ribonucleoside 4 con la boronico acido 5, che permette la regioselettiva O- glicosilazione presso il gruppo di 5'-idrossile con thioglycosyl donatore 7 per dare il disaccaride nucleosidici 8 (Figura 1B)51. Inoltre abbiamo studiato l'interazione di un ribonucleoside e Acido boronico dalla spettroscopia di risonanza magnetica nucleare (NMR), per osservare la formazione di un estere boronico. Esterificazione per rendere boronico e una reazione di glicosilazione richiedono condizioni anidra per evitare l'idrolisi dell'estere boronico e glicosil donatore. In questo articolo, dimostriamo le tipiche procedure per ottenere le condizioni anidra per reazioni di glicosilazione successo per ricercatori e studenti non solo in chimica, ma anche in altri campi di ricerca.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Protocol

Nota: Tutti i dati sperimentali [NMR, spettroscopia infrarossa (IR), spettroscopie di massa (MS), ottiche rotazioni e dati di analisi elementale] dei composti sintetizzati sono stati segnalati in un precedente carta51.

1. procedura di O- glicosilazione reazioni

  1. Sintesi di composti α/β-12 (12 di voce nella tabella 1)
    Nota: 1-13 di voci nella tabella 1 sono state effettuate utilizzando una procedura simile.
    1. Protezione temporanea di 2', 3'-diolo di ribonucleoside40
      1. Pallone a forma di pera (pallone da 1), sciogliere in un 10ml mannosyl donatore α -9 (28,4 mg, 0.0486 mmol)52, uridina 10 (7,9 mg, 0.0324 mmol) e 4-(trifluoromethyl) phenylboronic acido 11C (9,3 mg, 0.0490 mmol) in piridina anidra (0,40 mL).
        Nota: È consigliabile l'uso di un pallone da 10 mL per la pera perché, nel passaggio 1.1.3.1, la miscela di reazione sarà trasferita al pallone da 2 (una 10ml due colli pallone con un setto collegato ad esso) contenente molecolare setacci in polvere.
      2. Co-evaporare la miscela di reazione (ottenuta al passaggio 1.1.1.1.) con piridina anidra (0,40 mL, 3 x) e anidro 1,4-diossano (0,40 mL, 3 x) a temperatura ambiente per ca. 40 ° C per rimuovere tutta l'acqua.
      3. Disciogliere il residuo (ottenuto al passaggio 1.1.1.2.) in anidro 1,4-diossano (0,32 mL) e mescolare la miscela di reazione alla sua temperatura di riflusso per 1 h formare un estere boronico (protezione temporanea).
      4. Rimuovere il solvente mediante evaporatore rotante seguito da una pompa a vuoto.
    2. Attivazione di setacci molecolari
      1. In un pallone a sfondo sferico due colli da 10 mL con un setto collegato ad esso (pallone da 2), aggiungere 4 Å polvere di setacci molecolari (64 mg).
        Nota: Setacci molecolari appropriati dovrebbero essere selezionati secondo il solvente utilizzato per la glicosilazione (3 Å per acetonitrile) e 4 Å per 1,4-diossano, diclorometano e propionitrile.
      2. Riscaldare i setacci molecolari in un forno a microonde sotto pressione atmosferica e raffredarli sotto pressione ridotta evacuata da una pompa a vuoto (3x) e poi asciugarle con una pistola di calore sotto pressione ridotta durante la sostituzione dell'aria con gas argon diverse volte.
    3. Glicosilazione
      1. Sciogliere il residuo del passaggio 1.1.1.4. in boccetta 1 in propionitrile (0,64 mL) o altri solventi e trasferire questa soluzione in pallone 2.
        Nota: Acetonitrile, 1,4-diossano, diclorometano e propionitrile sono stati utilizzati per le voci 1-7 e 9, voce 10, voce 11 e voci 8, 12 e 13, rispettivamente.
      2. Mescolare la miscela di reazione nella beuta 2 a temperatura ambiente per 0,5 h seguita da raffreddamento a-40 ° C.
        Nota: La temperatura è stata modificata secondo il solvente utilizzato per la glicosilazione (-40 ° C per diclorometano e propionitrile), temperatura ambiente per 1,4-diossano e -20 ° C per acetonitrile.
      3. Aggiungere la miscela di reazione alla stessa temperatura utilizzata nel passaggio 1.1.3.2 argento triflato (49,9 mg, 0,194 mmol) e p -toluenesulfenyl cloruro (12,8 µ l, 0,0968 mmol).
      4. Mescolare la miscela di reazione alla stessa temperatura per 1,5 h.
      5. Controllare la reazione di cromatografia di strato sottile (TLC) con esano/etile acetato [3/1 (v/v)] per verificare i glicosil donatori [il coefficiente di conservazione (Rf) (donatore α -9) = 0,63] e con cloroformio/metanolo [10/1 (v/v))] per controllare il glicosil Gettoniere e prodotti [Rf (accettore 10) = 0,03, Rf (prodotto desiderato) = 0,50].
      6. Placare la miscela di reazione con bicarbonato di sodio acquoso saturo (1,0 mL), diluirlo con cloroformio (2,0 mL), rimuovere il materiale insolubile con Celitee lavare accuratamente la Celite con cloroformio (20 mL).
      7. Lavare il filtrato (strato organico) con acquoso saturato bicarbonato di sodio (20 mL, 3 x) e salamoia (20 mL) utilizzando un imbuto separatore mL 100.
      8. Asciugare lo strato organico risultante con solfato di sodio, filtrare i materiali insolubili e concentrare il filtrato utilizzando un evaporatore rotante.
      9. All'incirca purificare il residuo da cromatografia a colonna [gel di silice, cloroformio/metanolo = 1/0 - 50/1 (v/v)] di permettersi grezza 5'-O-(6"-O- acetil-2", 3", 4"- tri-O- benzil-α/β-ᴅ-mannopyranosyl) uridina contenente un piccole quantità di sottoprodotti (15,2 mg, sciroppo incolore).
    4. Acetilazione
      1. In un flaconcino da 5 mL, sciogliere il composto grezzo risultante preparato al punto 1.1.3.9 in piridina anidra (0,20 mL).
      2. Aggiungi N,N-dimetil-4-aminopiridina (una quantità catalitica) e anidride acetica (20,4 µ l, 0.0216 mmol: 10 equivalenti basato sul composto grezzo) alla soluzione a 0 ° C.
      3. Mescolare la miscela di reazione alla stessa temperatura per 0,5 h seguita da un riscaldamento a temperatura ambiente.
      4. Dopo aver agitato durante la notte, controllare la reazione di TLC con cloroformio/metanolo [30/1 (v/v)] [Rf (α/β-12) = 0,45].
      5. Diluire la miscela di reazione con cloroformio (20 mL).
      6. Lavare lo strato organico con acido cloridrico 1 M (20 mL, 3 x), acquoso saturato bicarbonato di sodio (20 mL, 3 x) e salamoia (20 mL) utilizzando un imbuto separatore mL 100.
      7. Asciugare lo strato organico risultante con solfato di sodio, filtrare i materiali insolubili e concentrare il filtrato utilizzando un evaporatore rotante.
      8. Purificare il residuo da cromatografia a colonna [gel di silice, cloroformio/metanolo = 1/0 - 90/1 (v/v)] per dare α/β-12 (15,8 mg, 61%, α/β = 1/1.6, incolore solido amorfo).
  2. Sintesi di composti β-22 di β-30 (tabella 2) e β-33 (tabella 3)
    Nota: La sintesi di β-22-Β-30e β-33è stata effettuata utilizzando una procedura simile.
    1. Sintesi di composti β-22 (voce 1 nella tabella 2)
      1. Protezione temporanea di 2', 3'-diolo di ribonucleoside
        1. Pallone a forma di pera (pallone da 3), sciogliere in un 10ml adenosina 13 (20,4 mg, 0.0763 mmol), galactosyl donatore β -21 (80,4 mg, 0.114 mmol)53e 4-(trifluoromethyl) acido phenylboronic 11C (21,7 mg, 0.114 mmol) in anidro piridina (0,76 mL).
          Nota: L'uso di un pallone da 10 mL per la pera è consigliata perché la miscela di reazione sarà trasferita al pallone 4 (una 10ml due colli pallone con un setto collegato ad esso) contenente molecolare setacci polvere nel passaggio 1.2.1.3.1.
        2. Co-evaporare la miscela di reazione (ottenuta al passaggio 1.2.1.1.1.) con piridina anidra (0,76 mL, 3 x) e anidro 1,4-diossano (0,76 mL, 3 x) a temperatura ambiente per ca. 40 ° C per rimuovere tutta l'acqua.
        3. Disciogliere il residuo (ottenuto al passaggio 1.2.1.1.2.) in anidro 1,4-diossano (0,76 mL) e mescolare la miscela di reazione alla sua temperatura di riflusso per 1 h formare un estere boronico (una protezione temporanea).
        4. Rimuovere il solvente mediante evaporatore rotante seguito da una pompa a vuoto.
      2. Attivazione di setacci molecolari
        1. In un pallone a sfondo sferico due colli da 10 mL con un setto collegato ad esso (recipiente 4), aggiungere 4 Å polvere di setacci molecolari (150 mg).
        2. Riscaldare i setacci molecolari in un forno a microonde sotto pressione atmosferica e raffredarli sotto pressione ridotta evacuata da una pompa a vuoto (3x) e poi asciugarle con una pistola di calore sotto pressione ridotta durante la sostituzione dell'aria con gas argon diverse volte.
      3. Glicosilazione
        1. Sciogliere il residuo del passo 1.2.1.1.4. in beuta, 3 in propionitrile (1,50 mL) e trasferire questa soluzione in pallone 4.
        2. Mescolare la miscela di reazione a temperatura ambiente per 0,5 h, seguito da raffreddamento a-40 ° C.
        3. Aggiungere argento triflato (117,6 mg, 0,458 mmol) e p- toluenesulfenyl cloruro (30,3 µ l, 0,229 mmol) alla miscela di reazione alla stessa temperatura, come indicato al punto 1.2.1.3.2.
        4. Mescolare la miscela di reazione, alla stessa temperatura per 1,5 h.
        5. Controllare la reazione di TLC con esano/etile acetato [2/1 (v/v)] per verificare i glicosil donatori [Rf (donatore β -21) = 0,62] e con cloroformio/metanolo [10/1 (v/v)] per verificare il glicosil accettori e prodotti [Rf (accettore 13 ) = 0,05, Rf (prodotto desiderato) = 0.30].
        6. Placare la miscela di reazione con bicarbonato di sodio acquoso saturo (2,0 mL), diluirlo con cloroformio (3,0 mL), rimuovere i materiali insolubili attraverso Celitee lavare accuratamente la Celite con cloroformio (30 mL).
        7. Lavare il filtrato (strato organico) con acquoso saturato bicarbonato di sodio (30 mL, 3 x) e salamoia (30 mL) utilizzando un imbuto separatore mL 100.
        8. Asciugare lo strato organico risultante con solfato di sodio, filtrare i materiali insolubili e concentrare il filtrato utilizzando un evaporatore rotante.
        9. Purificare il residuo da cromatografia a colonna [gel di silice, cloroformio/metanolo = 1/0 - 30/1 (v/v)] di permettersi β -22 (27,4 mg, 42%, solido incolore).
    2. Sintesi di composti β-23 (voce 2, tabella 2)
      1. Condotta la reazione utilizzando 14 (28,4 mg, 0.0765 mmol)54, β -21 (80,5 mg, 0.115 mmol), 11C (21,8 mg, 0.115 mmol), p- toluenesulfenyl cloruro (30,3 µ l, 0,229 mmol), argento triflato (117,8 mg, 0,458 mmol), anidro 1,4-diossano (0,76 mL), anidro propionitrile (1,50 mL) e 4 Å setacci molecolari (150 mg). Purificare il residuo risultante da cromatografia a colonna [gel di silice, cloroformio/metanolo = 1/0 - 50/1 (v/v)] per dare β23 (21,9 mg, 30%, solido incolore). TLC: Rf (β -23) = 0,37 [cloroformio/metanolo = 10/1 (v/v)].
    3. Sintesi di composti β-24 (voce 3 della tabella 2)
      1. Condurre la reazione utilizzando 15 (21,6 mg, 0.0763 mmol), β -21 (80,5 mg, 0.115 mmol), 11C (21,8 mg, 0.115 mmol), p- toluenesulfenyl cloruro (30,3 µ l, 0,229 mmol), argento triflato (117,6 mg, 0,458 mmol), anidro (1,4-diossano 0,76 mL), anidro propionitrile (1,50 mL) e 4 Å setacci molecolari (150 mg). Purificare il residuo risultante da cromatografia a colonna [gel di silice, cloroformio/metanolo = 1/0 - 8/1 (v/v)] per dare β -24 (8,1 mg, 12%, solido incolore). TLC: Rf (β -24) = 0.20 [cloroformio/metanolo = 10/1 (v/v)].
    4. Sintesi di composti β-25 (voce 4 nella tabella 2)
      1. Condotta la reazione utilizzando 16 (27,0 mg, 0.0764 mmol)55, β -21 (80,5 mg, 0.115 mmol), 11C (21,8 mg, 0.115 mmol), p- toluenesulfenyl cloruro (30,3 µ l, 0,229 mmol), argento triflato (117,8 mg, 0,458 mmol), anidro 1,4-diossano (0,76 mL), anidro propionitrile (1,50 mL) e 4 Å setacci molecolari (150 mg). Purificare il residuo risultante da cromatografia a colonna [gel di silice, cloroformio/metanolo = 1/0 - 20/1 (v/v)] per dare β -25 (31,4 mg, 44%, solido incolore). TLC: Rf (β -25) = 0.27 [cloroformio/metanolo = 10/1 (v/v)].
    5. Sintesi di composti β-26 (ingresso 5 nella tabella 2)
      1. Condurre la reazione utilizzando 10 (18,6 mg, 0.0762 mmol), β -21 (80,4 mg, 0.114 mmol), 11C (21,7 mg, 0.114 mmol), p- toluenesulfenyl cloruro (30,3 µ l, 0,229 mmol), argento triflato (117,6 mg, 0,458 mmol), anidro (1,4-diossano 0,76 mL), anidro propionitrile (1,50 mL) e 4 Å setacci molecolari (150 mg). Purificare il residuo risultante da cromatografia a colonna [gel di silice, cloroformio/metanolo = 1/0 - 40/1 (v/v)] per dare β -26 (26,1 mg, 42%, solido incolore). TLC: Rf (β -26) = 0,45 [cloroformio/metanolo = 10/1 (v/v)].
    6. Sintesi di composti β-27 (6 entrata nella tabella 2)
      1. Condurre la reazione utilizzando 17 (19,7 mg, 0.0763 mmol), β -21 (80,5 mg, 0.115 mmol), 11C (21,8 mg, 0.115 mmol), p- toluenesulfenyl cloruro (30,3 µ l, 0,229 mmol), argento triflato (117,6 mg, 0,458 mmol), anidro (1,4-diossano 0,76 mL), anidro propionitrile (1,50 mL) e 4 Å setacci molecolari (150 mg). Purificare il residuo risultante da cromatografia a colonna [gel di silice, cloroformio/metanolo = 1/0 - 40/1 (v/v)] per dare β -27 (33,8 mg, 53%, solido incolore). TLC: Rf (β -27) = 0,50 [cloroformio/metanolo = 10/1 (v/v)].
    7. Sintesi di composti β-28 (entrata 7 nella tabella 2)
      1. Condurre la reazione utilizzando 18 (20,0 mg, 0.0763 mmol), β -21 (80,4 mg, 0.114 mmol), 11C (21,7 mg, 0.114 mmol), p- toluenesulfenyl cloruro (30,3 µ l, 0,229 mmol), argento triflato (117,6 mg, 0,458 mmol), anidro (1,4-diossano 0,76 mL), anidro propionitrile (1,50 mL) e 4 Å setacci molecolari (150 mg). Purificare il residuo risultante da cromatografia a colonna [gel di silice, cloroformio poi acetato di etile/cloroformio = 1/1 (v/v)] per dare β28 (38,8 mg, 61%, solido incolore). TLC: Rf (β -28) = 0,33 [cloroformio/metanolo = 10/1 (v/v)].
    8. Sintesi di composti β-29 (ingresso 8 nella tabella 2)
      1. Condurre la reazione utilizzando 19 (18,5 mg, 0.0761 mmol), β -21 (80,4 mg, 0.114 mmol), 11C (21,7 mg, 0.114 mmol), p- toluenesulfenyl cloruro (30,3 µ l, 0,229 mmol), argento triflato (117,6 mg, 0,458 mmol), anidro (1,4-diossano 0,76 mL), anidro propionitrile (1,50 mL) e 4 Å setacci molecolari (150 mg). Purificare il residuo risultante da cromatografia a colonna [gel di silice, cloroformio/metanolo = 1/0 - 10/1 (v/v)] per dare β -29 (34,1 mg, 55%, solido incolore). TLC: Rf (β -29) = 0,25 [cloroformio/metanolo = 10/1 (v/v)].
    9. Sintesi di composti β-30 (voce 9 della tabella 2)
      1. Condotta la reazione utilizzando 20 (26,6 mg, 0,0766 mmol)56, β -21 (80,6 mg, 0.115 mmol), 11C (21,8 mg, 0.115 mmol), p- toluenesulfenyl cloruro (30,3 µ l, 0,229 mmol), argento triflato (117,8 mg, 0,458 mmol), anidro 1,4-diossano (0,76 mL), anidro propionitrile (1,50 mL) e 4 Å setacci molecolari (150 mg). Purificare il residuo risultante da cromatografia a colonna [gel di silice, cloroformio/metanolo = 1/0 - 50/1 (v/v)] per dare β -30 (28,0 mg, 40%, solido incolore). TLC: Rf (β -30) = 0,48 [cloroformio/metanolo = 10/1 (v/v)].
    10. Sintesi di composti β-33 (voce 1 nella tabella 3)
      1. Condotta la reazione utilizzando 18 (20,0 mg, 0.0762 mmol), β -31 (80,4 mg, 0.114 mmol)57, 11C (21,7 mg, 0.114 mmol), p- toluenesulfenyl cloruro (30,3 µ l, 0,229 mmol), argento triflato (117,6 mg, 0,458 mmol), anidro 1,4-diossano (0,76 mL), anidro propionitrile (1,50 mL) e 4 Å setacci molecolari (150 mg). Purificare il residuo risultante da cromatografia a colonna [gel di silice, cloroformio/metanolo = 1/0 - 30/1 (v/v)] per dare β -33 (34,5 mg, 54%, solido incolore). TLC: Rf (β -33) = 0,33 [cloroformio/metanolo = 10/1 (v/v)].

2. deprotezione di β-28 (Figura 2)

  1. In un flaconcino da 5 mL, aggiungere β -28 (25,2 mg, 0.0300 mmol) e 10 M metilammina in metanolo (2,0 mL)58.
  2. Mescolare la miscela di reazione a 0 ° C per 2 h seguita da riscaldandola a temperatura ambiente.
  3. Dopo mescolando per 13 h, controllare la reazione di TLC con cloroformio/metanolo [10/1 (v/v)] [Rf (β -35) = 0,20].
  4. Concentrare la miscela di reazione mediante un evaporatore rotante.
  5. Sciogliere il residuo risultante in acqua (15 mL) e lavare lo strato acquoso con diclorometano (15 mL, 3 x) utilizzando un imbuto separatore 50 mL.
  6. Concentrare lo strato acquoso mediante un evaporatore rotante.
  7. Purificare il residuo di preparativa ad alte prestazioni cromatografia liquida (HPLC) [colonna: ODS (ottadecilsilano) colonna (20Φ x 250 mm), eluente: acqua (contiene acido trifluoroacetico 0,1% [v/v]), portata: 8,0 mL/min, rilevamento: 266 nm, temperatura: 25 ° C, tempo di permanenza: 20 min] per dare β -35 (7,9 mg, 62%, incolore solido amorfo)59.

3. NMR studi di estere boronico ciclico (Figura 3 e 4)

  1. Preparazione e misurazione dei 36
    1. Sciogliere in matraccio da 10 mL a forma di pera, uridina 10 (34,3 mg, 0.140 mmol) e 4-(trifluoromethyl) acido phenylboronic 11C (40,0 mg, 0.211 mmol) in piridina anidra (1,00 mL).
    2. Co-evaporare la miscela di reazione con piridina anidra (1,00 mL, 3 x) e anidro 1,4-diossano (1,00 mL, 3 x) a temperatura ambiente per ca. 40 ° C per rimuovere tutta l'acqua.
    3. Disciogliere il residuo in anidro 1,4-diossano (1,40 mL) e mescolare la miscela di reazione alla sua temperatura di riflusso per 1 h formare un estere boronico (una protezione temporanea).
    4. Versare la miscela di reazione (0,14 mL) per un flaconcino da 5 mL.
    5. Rimuovere il solvente dal flaconcino da 5 mL utilizzando un evaporatore rotante, seguito da una pompa a vuoto.
    6. Sciogliere il residuo risultante 36 in acetonitrile -d3 (0,64 mL).
    7. Misurare 1H, 11B e spettroscopie NMR F 19utilizzando un quarzo tubo NMR a 25 ° C.
  2. Preparazione e misurazione dei 38
    1. Preparare la miscela di reazione 38 da 11C (40,0 mg, 0.211 mmol) utilizzando la procedura simile a quella del passo 3.1.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Representative Results

I risultati di O- glicosilazione di uridina 10 con thiomannoside α -9 sono riassunti in tabella 160,61. Nella voce 1, O- glycosylation di 10 con α -9 in assenza di derivati dell'acido Boronici ha provocato la formazione di una miscela complicata. Nella voce 2, 10 e phenylboronic acido 11a erano misti e co-si è volatilizzati con piridina e 1,4-diossano e, quindi, mescolati a 1,4-diossano alla sua temperatura di riflusso per formare la protezione temporanea di 2', 3'-cis- diolo seguita da un Aggiunta di α -9 per condurre la glicosilazione.

Nelle voci 3-13, O- glycosylations sono state eseguite secondo il protocollo descritto qui (punto 1.1). L'effetto dei sostituenti sull'acido arilboronico è stato studiato in voci 4 - 9. Elettrone-carente arilboronico acidi come 4-(trifluoromethyl) phenylboronic acido 11C e 2,4-difluorophenylboronic acido 11d provocato rendimenti più elevati chimici di α/β-12 rispetto a quella dell'acido 4-methoxyphenylboronic 11b , possibilmente dovuto la stabilità superiore di estere boronico intermedio preparata da elettrone-carente arilboronico acido62. Tuttavia, l'uso di 4-nitrophenylboronic acid 11e, che ha anche un gruppo elettron-attrattori, ha provocato una bassa resa chimica di α/β-12 a causa della bassa solubilità dell'estere boronico intermedio in acetonitrile. Nella voce 8, O- glycosylation usando 4-hexylphenylboronic acid 11f in propionitrile (per aumentare la solubilità dell'estere boronico intermedio) non ha migliorato la resa chimica. Voce 9, alkylboronic (acido cyclopentylboronic 11g) è stato utilizzato invece dell'acido arilboronico, che ha provocato una minore resa chimica di α/β-12 rispetto a quella di acidi arilboronico.

L'effetto del solvente per la chimica resa e stereoselettività del prodotto glicosilazione è stata studiata in entrate 10-12. Nella voce 10, l'uso di 1,4-diossano come solvente consentito un altro α-stereoselettiva O- glycosylation rispetto all'utilizzo di acetonitrile fatto63,64, mentre il rendimento di α/β-12 era insufficiente. Nella voce 11, O- glycosylation in diclorometano ha dato una quantità trascurabile di α/β-12 a causa della bassa solubilità della sostanza intermedia. Nella voce 12, usando propionitrile come solvente ha provocato un più alto rendimento chimico di α/β-12 rispetto a quando utilizzano altri solventi (voci 5, 10 e 11) con quasi la stessa stereoselettività rispetto all'uso di acetonitrile (voce 5). Voce 13, gli equivalenti di p- toluenesulfenyl cloruro e argento triflato furono ridotti a 1.8 e 3.6 contro 10, rispettivamente (nelle voci 1-12, equivalenti 3.0 e 6.0 di p- toluenesulfenyl cloruro e argento triflato erano usata contro 10, rispettivamente) per permettersi α/β-12 nel risultato simile.

Nella tabella 2, O- glycosylations di 10 e 13 - 20 con il thiogalactoside β -21 furono eseguiti sotto le condizioni di reazione ottimizzato stabilite nella tabella 1 (voce 12) (In questa carta, adenina, guanina, citosina, uracile, timina e 5-fluorouracile sono abbreviati come Ade, Gua, Cyt, Ura, Thy e 5-FUra, rispettivamente, non come A, G, C, U, T e 5-FU, che sono loro abbriviations generale a scanso di equivoci [ad esempio, C-nucleosidici in genere significa C (carbonio)-legami glicosidici]). Nel caso di adenosina, non protetto 13 accordata il nucleosidici disaccaride corrispondente a un rendimento più elevato rispetto al N- protetto 14 potrebbe, possibilmente dovuto la depurinazione del 14 e/o β -23 simile al nostro precedente relazione (voci 1 e 2)38. La O- glycosylation di N- guanosina protetta 16 fornito β -25 in una resa migliore rispetto alla glicosilazione di non protetti 15 a causa della maggiore solubilità della sostanza intermedia preparato da 16 di quello da 15 (voci 3 e 4). Nelle voci di 5-7, O- glycosylations di uridina 10 e analoghi come 5-metyluridine 17 e 5-fluorouridine 18 sono stati esaminati. L'utilizzo di 10 ha offerto il β -26 (42% di rendimento) con una reazione di lato per dare un sottoprodotto in cui la posizione 5 della parte dell'uracile è stata sostituita con un p- tolylthio gruppo (ingresso 5)65. D'altra parte, il 17 e 18, in cui la posizione 5 della parte dell'uracile è un gruppo metilico o fluoro, ha dato il disaccaride corrispondente nucleosidi β -27 e β -28 a moderata produce, rispettivamente (voci 6 e 7). Inoltre, una reazione su larga scala utilizzando 250 mg di 18 (0.95 mmol) e 1,01 g di β -21 (1,43 mmol) offerto β -28 in un rendimento del 58% (mg 461,0), che è quasi la stessa resa come quella di una reazione su piccola scala (61% in entrata 7 di tabella 2 ). Nel caso di citidina, O- glycosylation di non protetti 19 ha dato β -29 in una resa leggermente migliore rispetto all'utilizzo della N- protetto 20 conseguente β -30 ha.

Diversi glicosil donatori, come glucosil donatore β -31, galactosyl donatore β -21e mannosyl donatore α -32, sono stati utilizzati in O- glycosylation di 5-fluorouridine 18 (tabella 3)66. Il risultato della voce 2 è uguale a quello dell'entrata 7 della tabella 2 in questo manoscritto. Da questi risultati, l'uso di galactosyl donatore β -21 accordata il corrispondente prodotto β -28 in un alto rendimento rispetto all'uso di β -31 e α -32. In entrata 3, la reazione utilizzando α -32 ha dato una miscela di α -34 con un sottoprodotto non identificato, che possibilmente ha un peso molecolare simile a quella di 34 (si presume che potrebbe essere un regio - o stereoisomero di 34), perché questi composti non potevano essere separati dalla cromatografia di permeazione del gel (GPC), che separa i composti avendo diversi pesi molecolari. Inoltre, la miscela ha mostrato gli spostamenti chimici simili nello spettro NMR F 19(164,0 e 165,2 ppm). La deprotezione del prodotto β - glicosilazione28 utilizzando metilammina ha dato β -35 (62%) (Figura 2).

La miscela di reazione 36 preparato da 10 e 11 c secondo la fase 3 del protocollo (Figura 3) è stata osservata da 1H, 11B e spettroscopia NMR F 19per indagare la formazione dell'estere boronico intermedia 37 (Figura 4). La miscela di reazione 38 è stato anche preparato da 11 c per il confronto. I risultati degli spettri 1H NMR 1hanno indicato che il segnale di 2'- e protoni 3'-idrossi scomparso, e che di protoni 2' e 3' spostato drammaticamente upfield in presenza di 11C (figure 4A e 4B). Negli spettri NMR B 11, abbiamo ipotizzato che i picchi di estere boronico 37, 11C e/o boroxine 40 (che è un trimero ciclico generato dalla condensazione di tre acidi Boronici disidratazione) e boroxine piridina complessa 39 (che è una struttura proposta sulla base dei dati segnalati spettri di complessi di piridina boroxine) sono stati osservati a 32 ppm, 28 ppm e 21 ppm, rispettivamente (figure 4 - 4E)67,68, 69. In 19spettri NMR F, abbiamo supposto che i picchi di 37, 11C e/o 40e 39 corrispondono rispettivamente a-63,30 ppm, ppm-63,20 e-62,80 ppm, (figure 4F - 4 H).

Figure 1
Figura 1 : Lavoro precedente e questo lavoro. (A) questo pannello mostra il O- glycosylation di 2 ′-trifosfati con un thioglycoside promosso da cloruro di p- toluenesulfenyl (p- TolSCl) e argento triflato (AgOTf). (B), questo pannello mostra la regioselettiva O- glicosilazione di un ribonucleoside non protetti utilizzando un estere boronico ciclico come un gruppo di protezione temporaneo. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 2
Figura 2 : Deprotezione di β-28. La scissione dei gruppi di benzoile è stato condotto con metilammina (MeNH2) permettersi β -35. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 3
Figura 3 : Preparazione delle miscele di reazione 36 e 38. Miscele 36 e 38 sono stati preparati da uridina 10 e 4-(trifluoromethyl) acido phenylboronic 11 c e da 11 c, rispettivamente. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 4
Figura 4: Studio NMR dell'estere boronico ciclico intermedio 37 preparato da acido di phenylboronic uridina 10 e 4-(trifluoromethyl) 11 c di 1H, 11B, e 19F NMR misure in acetonitrile -d3 a 25 ° C. Il 37, 39 e 40 erano strutture proposte, vedere la figura 3. (A), questo pannello spettacoli 10 osservato da 1H NMR. (B) questo pannello mostra miscela 36 osservato da 1H NMR. (C) questo pannello mostra 11 c osservati da 11B NMR. (D) questo pannello mostra miscela 38 osservato da 11B NMR. (E) questo pannello mostra miscela 36 osservata da 11B NMR. (F) questo pannello mostra 11 c osservato da 19F NMR. (G) questo pannello mostra miscela 38 osservato da 19F NMR. (H) questo pannello mostra miscela 36 osservato da 19F NMR. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure of Table 1

Entrata Boronico acido b Solvente Condizione Rendimento (per 3 passi) c
1 un - MeCN − 20 ° C, 1,5 h < 16% (miscela complessa)
2 a,d PhB(OH)2 (11a) MeCN − 20 ° C, 1,5 h 41% (Α/Β = 1/1.6)
3 a,e 11a MeCN − 20 ° C, 1,5 h 45% (Α/Β = 1/1.6)
4 a,e 4-MeOC6H4B(OH)2 (11b) MeCN − 20 ° C, 1,5 h 39% (Α/Β = 1/1.8)
5 a,e 4-CF3C6H4B(OH)2 (11 c) MeCN − 20 ° C, 1,5 h 51% (Α/Β = 1/1.8)
6 a,e 2,4-F2C6H4B(OH)2 (11d) MeCN − 20 ° C, 1,5 h 46% (Α/Β = 1/1.8)
7 a,e 4-NO2C6H4B(OH)2 (11e) MeCN − 20 ° C, 1,5 h 24% (Α/Β = 1/1.6)
8 a,e 4-CH3(CH2)5C6H4B(OH)2 (11f) EtCN − 40 ° C, 1,5 h 30% (Α/Β = 1/1.6)
9 a,e Acido Cyclopentylboronic (11g) MeCN − 20 ° C, 1,5 h 8% (Α/Β = 1/1.7)
10 a,e 11c 1,4-diossano r.t., 1,5 h 27% (Α/Β = 1/3.3)
11 a,e 11c CH2Cl2 − 40 ° C, 1,5 h traccia
12 a,e 11c EtCN − 40 ° C, 1,5 h 61% (Α/Β = 1/1.6)
13 e, f 11c EtCN − 40 ° C, 1,5 h 57% (Α/Β = 1,5/1)

Tabella 1. Condizioni di reazione per regioselettiva O- glicosilazione di uridina 10 con thiomannoside α-9. un Glycosylations sono stati condotti utilizzando 1,5 equivalenti di α -9, 3,0 equivalenti di p- toluenesulfenyl cloruro e 6,0 equivalenti d'argento triflato contro 10. I prodotti risultanti erano acetilati con ca. 10 equivalenti di anidride acetica (Ac2O) in presenza di una quantità catalitica di N,N-dimetil-4-aminopiridina (DMAP). b Acido boronico 11 era 1,5 equivalenti contro 10. c il rapporto α/β con α/β-12 stato controllato da 1H NMR. d una miscela di 10 e 11 bis è stato co-si è volatilizzata con piridina e 1,4-diossano e poi mescolata a 1,4-diossano alla sua temperatura di riflusso, seguita dall'aggiunta di una soluzione di α -9 in acetonitrile per condurre il glicosilazione. e una miscela di α -9, 10e 11 è stata co-si è volatilizzata con piridina e 1,4-diossano e poi agitata in 1,4-diossano alla sua temperatura di riflusso, seguita da un trattamento con cloruro di p- toluenesulfenyl e triflato di argento. f una reazione di glicosilazione è stata condotta utilizzando 1,5 equivalenti di α -9, 1,8 equivalenti di p- toluenesulfenyl cloruro e 3,6 equivalenti d'argento triflato contro 10. I prodotti risultanti erano acetilati con ca. 10 equivalenti di anidride acetica in presenza di una quantità catalitica di N,N-dimetil-4-aminopiridina. AC = acetile, Bn = benzilico, Ph = fenile.

Figure of Table 2

Voce un Accettore Prodotto Rendimento (per 2 passi)
1 13 (base azotata = Ade) Β -22 72F
2 14 (base azotata = AdeBz) Β -23 30%
3 15 (base azotata = Gua) Β -24 12%
4 16 (base azotata = GuahoBu) Β -25 44%
5 10 (base azotata = Ura) Β -26 42% (ca. 15%: Nucleobase = 5-STol-Ura)
6 17 (base azotata = tua) Β -27 53%
7 18 (base azotata = 5-FUra) Β -28 61%
8 19 (base azotata = Cyt) Β -29 55%
9 20 (base azotata = CytBz) Β -30 40%

Tabella 2. O -Glycosylations dei nucleosidi 10 e 13-20 con il thiogalactoside β-21 per la sintesi di disaccaride nucleosidi β-22-β-30. un Glycosylations sono stati condotti utilizzando 1,5 equivalenti delle β -21, 1,5 equivalenti di 4-(trifluoromethyl) phenylboronic acido 11C, 3,0 equivalenti di p- toluenesulfenyl cloruro e 6,0 equivalenti d'argento triflato contro l'accettore (10 e 13 - 20). Una miscela di β -21, l'accettore (10 e 13 - 20) e 11 c è stata co-si è volatilizzata con piridina e 1,4-diossano e poi agitata in 1,4-diossano alla sua temperatura di riflusso, seguita da un trattamento con p - toluenesulfenyl cloruro e argento triflato. BZ = benzoile, miBu = isobutirril, Tol = tolil, Ade = adenina, Gua = guanina, Ura = uracile, Thy = timina, 5-FUra = 5-fluorouracile, Cyt = citosina.

Figure of Table 3

Voce un Donatore Prodotto Rendimento (per 2 passi)
1 Β -31 (Glc) Β -33 54%
2 b Β -21 (Gal) Β -28 61%
3 Α -32 (uomo) Α -34 < 39% (miscela)

Tabella 3. O -Glycosylations di glicosil donatori β-21, β-31 e α-32 con 5-fluorouridine 18 per la sintesi di disaccaride nucleosidi β-28, β-33 e α-34. un Glycosylations sono stati condotti utilizzando 1,5 equivalenti di un donatore (β -21, β -31, o α -32), 1,5 equivalenti di 4-(trifluoromethyl) phenylboronic acido 11C, 3,0 equivalenti di p- toluenesulfenyl cloruro e 6,0 equivalenti d'argento triflato contro 18. Una miscela di un donatore (β -21, β -31o α -32), 18e 11 c è stata co-si è volatilizzata con piridina e 1,4-diossano e poi agitata in 1,4-diossano alla sua temperatura di riflusso, seguita da un trattamento con p - toluenesulfenyl cloruro e argento triflato. b Questo è lo stesso risultato come voce 7 della tabella 2. GLC = glucoside, Gal = galattoside, uomo = mannoside, 5-FUrd = 5-fluorouridine.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Discussion

Lo scopo di questo manoscritto è quello di mostrare un metodo sintetico conveniente per preparare nucleosidi disaccaride utilizzando ribonucleosides non protetti senza manipolazioni di gruppo protezione noioso. Segnaliamo qui il regioselettiva O- glycosylations di nucleosidi tramite il temporaneo 2', 3'-diolo protezione da un estere boronico ciclico (Figura 1B)51.

La preparazione dell'estere boronico ciclico intermedio è uno dei passi importanti. Anidro solventi devono essere utilizzati, per la co-evaporazione della miscela di reazione (passaggi 1.1.1.2 e 1.2.1.1.2 del protocollo) e per il passo di esterificazione (passaggi 1.1.1.3 e 1.2.1.1.3), perché gli esteri Boronici preparati da nucleosidici e Acido boronico potrebbe essere facilmente idrolizzato. Le reazioni di O- glicosilazione richiedono anche condizioni anidra per evitare l'idrolisi dei glicosil donatori. Di conseguenza, i setacci molecolari (punti 1.1.2 e 1.2.1.2), il pallone da due colli e i solventi anidro (passaggi 1.1.3.1 e 1.2.1.3.1) devono essere sufficientemente asciugati prima del loro utilizzo per la O- glicosilazione.

Il p -toluenesulfenyl cloruro-preparato secondo la nostra precedente carta38 - devono essere conservati al buio a-20 ° C, per essere utilizzato entro 3 mesi. Se l'argento triflato è bagnato, dovrebbe essere essiccato sotto vuoto prima del suo utilizzo per la O- glicosilazione.

Questo metodo potrebbe essere applicato a vari nucleosidi e glicosil donatori (tabella 1, 2e 3). La sintesi su larga scala di β -28 in gran parte riuscito, ad eccezione di alcuni esempi come la combinazione di α -32 e 18 (tabella 3, voce 3), in cui l'isolamento dei nucleosidi disaccaride desiderata non è facile. Inoltre, questo metodo viene applicato alla costruzione di un 1", 5'-glicosidic sollevatore di nucleosidi disaccaride (la costruzione di un 1", 2'- e 1 ', 3'-glicosidic sollevatore deve ancora essere studiato).

La O- glycosylation che utilizzano nucleosidi non protetti fornisce nucleosidi disaccaride in un processo più breve rispetto ai metodi precedenti utilizzando nucleosidi protette.

La O- glicosilazione dei nucleosidi non protetti che utilizzano la protezione temporanea di un estere boronico ciclico potrebbe applicarsi alla preparazione dei vari biologicamente attiva disaccaride nucleosidi e loro analoghi. Soprattutto, β -35 e dei suoi analoghi dovrebbero essere i nuovi candidati farmaci poiché è noto che 5-fluorouridine e 5-fluorouracile hanno attività anticancro, antivirus e antibatterico24,59, 70,71,72,73,74,75,76. Crediamo anche che l'applicazione di una protezione temporanea dei gruppi di idrossile di boronico sarà utile per la sintesi di una varietà di composti naturali e artificiali, così come nucleosidi disaccaride.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Disclosures

Gli autori non hanno nulla a rivelare.

Acknowledgments

Questa ricerca è stata finanziata da donazioni dal Ministero della pubblica istruzione, cultura, sport, scienza e tecnologia (MEXT) del Giappone (nn. 15 00408 K, 24659011, 24640156, 245900425 e 22390005 per Shin Aoki), da una sovvenzione della ricerca biochimica di Tokyo Foundation, Tokyo, Giappone e dal fondo per le aree di ricerca strategica TUS (Tokyo University of Science). Vorremmo ringraziare Noriko Sawabe (facoltà di scienze farmaceutiche, Università delle scienze di Tokyo) per le misurazioni degli spettri NMR, Fukiko Hasegawa (facoltà di scienze farmaceutiche, Università delle scienze di Tokyo) per le misurazioni della massa spettri e Tomoko Matsuo (Istituto di ricerca per la scienza e tecnologia, Tokyo University of Science) per le misurazioni delle analisi elementare.

Materials

Name Company Catalog Number Comments
Silver trifluoromethanesulfonate Nacalai Tesque 34945-61
Phenylboronic acid (contains varying amounts of anhydride) Tokyo Chemical Industry B0857
p-Methoxyphenylboronic acid Wako Pure Chemical Industries 321-69201
4-(Trifluoromethyl)phenylboronic acid (contains varying amounts of anhydride) Tokyo Chemical Industry T1788
2,4-Difluorophenylboronic acid (contains varying amounts of anhydride) Tokyo Chemical Industry D3391
Cyclopentylboronic acid (contains varying amounts of Anhydride) Tokyo Chemical Industry C2442
4-Nitrophenylboronic acid (contains varying amounts of anhydride) Tokyo Chemical Industry N0812
4-Hexylphenylboronic acid (contains varying amounts of anhydride) Tokyo Chemical Industry H1489
Adenosine Merck KGaA 862.
Guanosine Acros Organics 411130050
Cytidine Tokyo Chemical Industry C0522
Uridine Tokyo Chemical Industry U0020
5-Fluorouridine Tokyo Chemical Industry F0636
5-Methyluridine Sigma M-9885
Methylamine (40% in Methanol, ca. 9.8mol/L) Tokyo Chemical Industry M1016
N,N-dimethyl-4-aminopyridine Wako Pure Chemical Industries 044-19211
Acetic anhydride Nacalai Tesque 00226-15
Pyridine, Dehydrated Wako Pure Chemical Industries 161-18453
Acetonitrile Kanto Chemical 01031-96
1,4-Dioxane Nacalai Tesque 13622-73
Dichloromethane Wako Pure Chemical Industries 130-02457
Propionitrile Wako Pure Chemical Industries 164-04756
Molecular sieves 4A powder Nacalai Tesque 04168-65
Molecular sieves 3A powder Nacalai Tesque 04176-55
Celite 545RVS Nacalai Tesque 08034-85
Acetonitrile-D3 (D,99.8%) Cambridge Isotope Laboratories DLM-21-10
Trifluoroacetic acid Nacalai Tesque 34831-25
TLC Silica gel 60 F254 Merck KGaA 1.05715.0001
Chromatorex Fuji Silysia Chemical FL100D
Sodium hydrogen carbonate Wako Pure Chemical Industries 191-01305
Hydrochloric acid Wako Pure Chemical Industries 080-01061
Sodium sulfate Nacalai Tesque 31915-96
Chloroform Kanto Chemical 07278-81
Sodium chloride Wako Pure Chemical Industries 194-01677
Methanol Nacalai Tesque 21914-74
JEOL Always 300 JEOL Measurement of NMR
Lamda 400 JEOL Measurement of NMR
PerkinElmer Spectrum 100 FT-IR Spectrometer Perkin Elmer Measurement of IR
JEOL JMS-700 JEOL Measurement of MS
PerkinElmer CHN 2400 analyzer Perkin Elmer Measurement of elemental analysis
JASCO P-1030 digital polarimeter JASCO Measurement of optical rotation
JASCO PU-2089 Plus intelligent HPLC pump JASCO For HPLC
Jasco UV-2075 Plus Intelligent UV/Vis Detector JASCO For HPLC
Rheodyne Model 7125 Injector Sigma-Aldrich 58826 For HPLC
Chromatopac C-R8A Shimadzu For HPLC
Senshu Pak Pegasil ODS Senshu Scientific For HPLC
p-Toluenesulfenyl chloride Prepared  Ref. 38
Phenyl 6-O-acetyl-2,3,4-tri-O-benzyl-1-thio-a-D-mannopyranoside (a-9) Prepared  Ref. 52
4-Metylphenyl 2,3,4,6-tetra-O-benzoyl-1-thio-b-D-galactopyranoside (b-21) Prepared  Ref. 53
4-Metylphenyl 2,3,4,6-tetra-O-benzoyl-1-thio-b-D-glucopyranoside (b-31) Prepared  Ref. 57
4-Metylphenyl 2,3,4,6-tetra-O-benzoyl-1-thio-a-D-Mannopyranoside (a-32) Prepared  Ref. 67
6-N-Benzoyladenosine (14) Prepared  Ref. 54
2-N-Isobutyrylguanosine (16) Prepared  Ref. 55
4-N-Benzoylcytidine (20) Prepared  Ref. 56

DOWNLOAD MATERIALS LIST

References

  1. Kobayashi, J., Doi, Y., Ishibashi, M. Shimofuridin A, a nucleoside derivative embracing an acylfucopyranoside unit isolated from the okinawan marine tunicate Aplidium multiplicatum. The Journal of Organic Chemistry. 59, 255-257 (1994).
  2. Takahashi, M., Tanzawa, K., Takahashi, S. Adenophostins, newly discovered metabolites of penicillium brevicompactum, act as potent agonists of the inositol 1,4,5-trisphosphate receptor. The Journal of Biological Chemistry. 269, 369-372 (1994).
  3. Haneda, K. Cytosaminomycins, new anticoccidial agents produced by Strevtomvces sp. KO-8119 I. taxonomy, production, isolation and physico-chemical and biological properties. The Journal of Antibiotics. 47, 774-781 (1994).
  4. Shiomi, K., Haneda, K., Tomoda, H., Iwai, Y., Omura, S. Cytosaminomycins, new anticoccidial agents produced by Streptomyces sp. KO-8119 II. structure elucidation of cytosaminomycins A, B, C and D. The Journal of Antibiotics. 47, 782-786 (1994).
  5. Knapp, S. Synthesis of complex nucleoside antibiotics. Chemical Reviews. 95, 1859-1876 (1995).
  6. Efimtseva, E. V., Kulikova, I. V., Mikhailov, S. N. Disaccharide nucleosides as an important group of natural compounds. Journal of Molecular Biology. 43, 301-312 (2009).
  7. Huang, R. M., et al. Marine nucleosides: Structure, bioactivity, synthesis and biosynthesis. Marine Drugs. 12, 5817-5838 (2014).
  8. Efimtseva, E. V., Mikhailov, S. N. Disaccharide nucleosides and oligonucleotides on their basis. New tools for the study of enzymes of nucleic acid metabolism. Biochemistry (Moscow). 67, 1136-1144 (2002).
  9. Mikhailov, S. N., Efimtseva, E. V. Disaccharide nucleosides. Russian Chemical Reviews. 73, 401-414 (2004).
  10. Kimura, K., Bugg, T. D. H. Recent advances in antimicrobial nucleoside antibiotics targeting cell wall biosynthesis. Natural Product Reports. 20, 252-273 (2003).
  11. Winn, M., Goss, R. J. M., Kimura, K., Bugg, T. D. H. Antimicrobial nucleoside antibiotics targeting cell wall assembly: Recent advances in structure-function studies and nucleoside biosynthesis. Natural Product Reports. 27, 279-304 (2010).
  12. Takahashi, M., Kagasaki, T., Hosoya, T., Takahashi, S. Adenophostins A and B: Potent agonists of inositol-1,4,5-trisphosphate receptor produced by Penicillium brevicompactum. Taxonomy, fermentation, isolation, physico-chemical and biological properties. The Journal of Antibiotics. 46, 1643-1647 (1993).
  13. Takahashi, S., Kinoshita, T., Takahashi, M. Adenophostins A and B: Potent agonists of inositol-1,4,5-trisphosphate receptor produced by penicillium brevicompactum. Structure elucidation. The Journal of Antibiotics. 47, 95-100 (1994).
  14. Hotoda, H., Takahashi, M., Tanzawa, K., Takahashi, S., Kaneko, M. IP3 receptor-ligand. 1: Synthesis of adenophostin A. Tetrahedron Letters. 36, 5037-5040 (1995).
  15. Hirota, J., et al. Adenophostin-medicated quantal Ca2+ release in the purified and reconstituted inositol 1,4,5-trisphosphate receptor type 1. FEBS Letters. 368, 248-252 (1995).
  16. McCormick, J., et al. Structure and total synthesis of HF-7, a neuroactive glyconucleoside disulfate from the funnel-web spider Hololena curta. Journal of the American Chemical Society. 121, 5661-5665 (1999).
  17. Bu, Y. Y., Yamazaki, H., Ukai, K., Namikoshi, M. Anti-mycobacterial nucleoside antibiotics from a marine-derived Streptomyces sp. TPU1236A. Marine Drugs. 12, 6102-6112 (2014).
  18. Knapp, S., Gore, V. K. Synthesis of the ezomycin nucleoside disaccharide. Organic Letters. 2, 1391-1393 (2000).
  19. Behr, J. B., Gourlain, T., Helimi, A., Guillerm, G. Design, synthesis and biological evaluation of hetaryl-nucleoside derivatives as inhibitors of chitin synthase. Bioorganic & Medicinal Chemistry Letters. 13, 1713-1716 (2003).
  20. Binder, W. H., Kӓhlig, H., Schmid, W. Galactosylation by use of β-galactosidase: Enzymatic syntheses of disaccharide nucleosides. Tetrahedron: Asymmetry. 6, 1703-1710 (1995).
  21. Ye, M., Yan, L. -Q., Li, N., Zong, M. -H. Facile and regioselective enzymatic 5-galactosylation of pyrimidine 2-deoxynucleosides catalyzed by β-glycosidase from bovine liver. Journal of Molecular Catalysis B: Enzymatic. 79, 35-40 (2012).
  22. Niedballa, U., Vorbrüggen, H. A general synthesis of N-glycosides. III. Simple synthesis of pyrimidine disaccharide nucleosides. The Journal of Organic Chemistry. 39, 3664-3667 (1974).
  23. Abe, H., Shuto, S., Matsuda, A. Synthesis of the C-glycosidic analog of adenophostin A, a potent IP3 receptor agonist, using a temporary silicon-tethered radical coupling reaction as the key step. Tetrahedron Letters. 41, 2391-2394 (2000).
  24. Watanabe, K. A., et al. Nucleosides. 114. 5'-O-Glucuronides of 5-fluorouridine and 5-fluorocytidine. Masked precursors of anticancer nucleosides. Journal of Medicinal Chemistry. 24, 893-897 (1981).
  25. Khan, S. H., O'Neill, R. A. Modern Methods in Carbohydrate Synthesis. Harwood Academic Publishers. Amsterdam, The Netherlands. (1996).
  26. Lindhorst, T. K. Essentials ofCarbohydrate Chemistry and Biochemistry. Wiley-VCH Verlag Gmb-H & Co. KGaA. Weinheim, Germany. (2007).
  27. Demchenko, A. V. Handbook of Chemical Glycosylation. Wiley-VCH Verlag Gmb-H & Co. KGaA. Weinheim, Germany. (2008).
  28. Chen, X., Halcomb, R. L., Wang, P. G. Chemical Glycobiology (ACS Symposium Series 990). American Chemical Society. American Chemical Society. Washington, WA. (2008).
  29. Toshima, K., Tatsuta, K. Recent progress in O-glycosylation methods and its application to natural products synthesis. Chemical Reviews. 93, 1503-1531 (1993).
  30. Ito, Y. My stroll in the backyard of carbohydrate chemistry. Trends in Glycoscience and Glycotechnology. 22, 119-140 (2010).
  31. Yasomanee, J. P., Demchenko, A. V. From stereocontrolled glycosylation to expeditious oligosaccharide synthesis. Trends in Glycoscience and Glycotechnology. 25, 13-41 (2013).
  32. Nakamura, M., Fujita, S., Ogura, H. Synthesis of disaccharide nucleoside derivatives of 3-deoxy-ᴅ-glycero-ᴅ-galacto-2-nonulosonic acid (KDN). Chemical and Pharmaceutical Bulletin. 41, 21-25 (1993).
  33. Mikhailov, S. N., et al. Studies on disaccharide nucleoside synthesis. Mechanism of the formation of trisaccharide purine nucleosides. Nucleosides & Nucleotides. 18, 691-692 (1999).
  34. Lichtenthaler, F. W., Sanemitsu, Y., Nohara, T. Synthesis of 5'-O-glycosyl-ribo-nucleosides. Angewandte Chemie International Edition. 17, 772-774 (1978).
  35. Knapp, S., Gore, V. K. Synthesis of the shimofuridin nucleoside disaccharide. The Journal of Organic Chemistry. 61, 6744-6747 (1996).
  36. Zhang, Y., Knapp, S. Glycosylation of nucleosides. The Journal of Organic Chemistry. 81, 2228-2242 (2016).
  37. Xing, L., Niu, Q., Li, C. Practical glucosylations and mannosylations using anomeric benzoyloxy as a leaving group activated by sulfonium ion. ACS Omega. 2, 3698-3709 (2017).
  38. Aoki, S., et al. Synthesis of disaccharide nucleosides by the O-glycosylation of natural nucleosides with thioglycoside donors. Chemistry - An Asian Journal. 10, 740-751 (2015).
  39. Duggan, P. J., Tyndall, E. M. Boron acids as protective agents and catalysts in synthesis. Journal of the Chemical Society, Perkin Transactions 1. 1325-1339 (2002).
  40. Method for preparation of 2'-O-alkylribonucleosides by regioselective alkylation of 2',3'-O-(arylboronylidene) ribonucleosides. JPN. Patent. Yamada, K., Hayakawa, H., Wada, T. 5, JP 2009/256335A (2009).
  41. Lee, D., Taylor, M. S. Borinic acid-catalyzed regioselective acylation of carbohydrate derivatives. Journal of the American Chemical Society. 133, 3724-3727 (2011).
  42. Gouliaras, C., Lee, D., Chan, L., Taylor, M. S. Regioselective activation of glycosyl acceptors by a diarylborinic acid-derived catalyst. Journal of the American Chemical Society. 133, 13926-13929 (2011).
  43. Satoh, H., Manabe, S. Design of chemical glycosyl donors: Does changing ring conformation influence selectivity/reactivity. Chemical Society Reviews. 42, 4297-4309 (2013).
  44. Liu, X., et al. 1,2-trans-1-Dihydroxyboryl benzyl S-glycoside as glycosyl donor. Carbohydrate Research. 398, 45-49 (2014).
  45. Kaji, E., et al. Thermodynamically controlled regioselective glycosylation of fully unprotected sugars through bis(boronate) intermediates. European Journal of Organic Chemistry. 3536-3539 (2014).
  46. Nakagawa, A., Tanaka, M., Hanamura, S., Takahashi, D., Toshima, K. Regioselective and 1,2-cis-α-stereoselective glycosylation utilizing glycosyl-acceptor-derived boronic ester catalyst. Angewandte Chemie International Edition. 127, 11085-11089 (2015).
  47. Tanaka, M., Nashida, J., Takahashi, D., Toshima, K. Glycosyl-acceptor-derived borinic ester-promoted direct and β-stereoselective mannosylation with a 1,2-anhydromannose donor. Organic Letters. 18, 2288-2291 (2016).
  48. Nishi, N., Nashida, J., Kaji, E., Takahashi, D., Toshima, K. Regio- and stereoselective β-mannosylation using a boronic acid catalyst and its application in the synthesis of a tetrasaccharide repeating unit of lipopolysaccharide derived from E. Coli O75. Chemical Communications. 53, 3018-3021 (2017).
  49. Mancini, R. S., Leea, J. B., Taylor, M. S. Boronic esters as protective groups in carbohydrate chemistry: Processes for acylation, silylation and alkylation of glycoside-derived boronates. Organic & Biomolecular Chemistry. 15, 132-143 (2017).
  50. Mancini, R. S., Lee, J. B., Taylor, M. S. Sequential functionalizations of carbohydrates enabled by boronic esters as switchable protective/activating groups. The Journal of Organic Chemistry. 82, 8777-8791 (2017).
  51. Someya, H., Itoh, T., Aoki, S. Synthesis of disaccharide nucleosides utilizing the temporary protection of the 2',3'-cis-diol of ribonucleosides by a boronic ester. Molecules. 22, 1650 (2017).
  52. Lemanski, G., Ziegler, T. Synthesis of 4-O-ᴅ-mannopyranosyl-α-ᴅ-glucopyranosides by intramolecular glycosylation of 6-O-tethered mannosyl donors. Tetrahedron. 56, 563-579 (2000).
  53. Liu, G., Zhang, X., Xing, G. A general method for N-glycosylation of nucleobases promoted by (p-Tol)2SO/Tf2O with thioglycoside as donor. Chemical Communications. 51, 12803-12806 (2015).
  54. Zhu, X. -F., Williams, H. J., Scott, A. I. An improved transient method for the synthesis of N-benzoylated nucleosides. Synthetic Communications. 33, 1233-1243 (2003).
  55. Eisenführ, A., et al. A ribozyme with michaelase activity: Synthesis of the substrate precursors. Bioorganic & Medicinal Chemistry. 11, 235-249 (2003).
  56. Samuels, E. R., McNary, J., Aguilar, M., Awad, A. M. Effective synthesis of 3'-deoxy-3'-azido nucleosides for antiviral and antisense ribonucleic guanidine (RNG) applications. Nucleosides, Nucleotides and Nucleic Acids. 32, 109-123 (2013).
  57. France, R. R., Rees, N. V., Wadhawan, J. D., Fairbanks, A. J., Compton, R. G. Selective activation of glycosyl donors utilising electrochemical techniques: a study of the thermodynamic oxidation potentials of a range of chalcoglycosides. Organic & Biomolecular Chemistry. 2, 2188-2194 (2004).
  58. Wunderlich, C. H., et al. Synthesis of (6-13C)pyrimidine nucleotides as spin-labels for RNA dynamics. Journal of the American Chemical Society. 134, 7558-7569 (2012).
  59. Abraham, R. C., et al. Conjugates of COL-1 monoclonal antibody and β-ᴅ-galactosidase can specifically kill tumor cells by generation of 5-fluorouridine from the prodrug β-ᴅ-galactosyl-5-fluorouridine. Cellular Biophysics. 24, 127-133 (1994).
  60. Huang, X., Huang, L., Wang, H., Ye, X. -S. Iterative one-pot synthesis of oligosaccharides. Angewandte Chemie International Edition. 43, 5221-5224 (2004).
  61. Verma, V. P., Wang, C. -C. Highly stereoselective glycosyl-chloride-mediated synthesis of 2-deoxyglucosides. Chemistry - A European Journal. 19, 846-851 (2013).
  62. Martínez-Aguirre, M. A., Villamil-Ramos, R., Guerrero-Alvarez, J. A., Yatsimirsky, A. K. Substituent effects and pH profiles for stability constants of arylboronic acid diol esters. The Journal of Organic Chemistry. 78, 4674-4684 (2013).
  63. Wulff, G., Röhle, G. Results and problems of O-glycoside synthesis. Angewandte Chemie International Edition. 13, 157-170 (1974).
  64. Demchenko, A., Stauch, T., Boons, G. -J. Solvent and other effects on the stereoselectivity of thioglycoside glycosidations. Synlett. 818-820 (1997).
  65. Welch, C. J., Bazin, H., Heikkilä, J., Chattopadhyaya, J. Synthesis of C-5 and N-3 arenesulfenyl uridines. Preparation and properties of a new class of uracil protecting group. Acta Chemica Scandinavica. 39, 203-212 (1985).
  66. Tam, P. -H., Lowary, T. L. Synthesis of deoxy and methoxy analogs of octyl α-ᴅ-mannopyranosyl-(1→6)-α-ᴅ-mannopyranoside as probes for mycobacterial lipoarabinomannan biosynthesis. Carbohydrate Research. 342, 1741-1772 (2007).
  67. Yalpani, M., Boeseb, R. The structure of amine adducts of triorganylboroxines. Chemische Berichte. 116, 3347-3358 (1983).
  68. McKinley, N. F., O'Shea, D. F. Efficient synthesis of aryl vinyl ethers exploiting 2,4,6-trivinylcyclotriboroxane as a vinylboronic acid equivalent. The Journal of Organic Chemistry. 69, 5087-5092 (2004).
  69. Iovine, P. M., Fletcher, M. N., Lin, S. Condensation of arylboroxine structures on Lewis basic copolymers as a noncovalent strategy toward polymer functionalization. Macromolecules. 39, 6324-6326 (2006).
  70. Chen, T. -B., Huzak, M., Macura, S., Vuk-Pavlović, S. Somatostatin analogue octreotide modulates metabolism and effects of 5-fluorouracil and 5-fluorouridine in human colon cancer spheroids. Cancer Letters. 86, 41-51 (1994).
  71. Agudo, R., et al. Molecular characterization of a dual inhibitory and mutagenic activity of 5-fluorouridine triphosphate on viral RNA synthesis. Implications for lethal mutagenesis. Journal of Molecular Biology. 382, 652-666 (2008).
  72. Kirienko, D. R., Revtovich, A. V., Kirienko, N. V. A high-content, phenotypic screen identifies fluorouridine as an inhibitor of pyoverdine biosynthesis and Pseudomonas aeruginosa virulence. mSphere. 1, 00217 (2016).
  73. Wu, Q., Xia, A., Lin, X. Synthesis of monosaccharide derivatives and polymeric prodrugs of 5-fluorouridine via two-step enzymatic or chemo-enzymatic highly regioselective strategy. Journal of Molecular Catalysis B: Enzymatic. 54, 76-82 (2008).
  74. Brusa, P., et al. In vitro and in vivo antitumor activity of immunoconjugates prepared by linking 5-fluorouridine to antiadenocarcinoma monoclonal antibody. Il Farmaco. 52, 71-81 (1997).
  75. Ozaki, S., et al. 5-Fluorouracil derivatives XX.: Synthesis and antitumor activity of 5'-O.-unsaturated acyl-5-fluorouridines. Chemical and Pharmaceutical Bulletin. 38, 3164-3166 (1990).
  76. Martino, M. M., Jolimaitre, P., Martino, R. The prodrugs of 5-fluorouracil. Current Medicinal Chemistry. Anti-Cancer Agents. 2, 267-310 (2002).

Comments

0 Comments


    Post a Question / Comment / Request

    You must be signed in to post a comment. Please or create an account.

    Usage Statistics