Rilevamento di virus da Bioaerosols utilizzando resina a scambio anionico

JoVE Journal
Environment

Your institution must subscribe to JoVE's Environment section to access this content.

Fill out the form below to receive a free trial or learn more about access:

 

Summary

Un anione cambio metodo a base di resine, adattato a liquido basato su urto bioaerosol campionamento dei virus è dimostrato. Quando accoppiato con rilevazione molecolare a valle, il metodo consente facile e sensibile di rilevazione di virus da bioaerosols.

Cite this Article

Copy Citation | Download Citations | Reprints and Permissions

Schaeffer, J. W., Chandler, J. C., Davidson, M., Magzamen, S. L., Pérez-Méndez, A., Reynolds, S. J., Goodridge, L. D., Volckens, J., Franklin, A. B., Shriner, S. A., Bisha, B. Detection of Viruses from Bioaerosols Using Anion Exchange Resin. J. Vis. Exp. (138), e58111, doi:10.3791/58111 (2018).

Please note that all translations are automatically generated.

Click here for the english version. For other languages click here.

Abstract

Questo protocollo viene illustrato un metodo di campionamento di bioaerosol su misura per i virus. In questo sistema, resina a scambio anionico è accoppiata con dispositivi di prelievo di liquido aria basati su urto efficace concentrazione di virus caricati negativamente da bioaerosols. Così, la resina serve come un passo ulteriore concentrazione del flusso di lavoro di bioaerosol campionamento. Estrazione di acidi nucleici delle particelle virali viene quindi eseguita direttamente dalla resina a scambio ionico, con il campione risultante adatto per analisi molecolari. Inoltre, questo protocollo descrive una camera di bioaerosol su misura in grado di generare carichi di virus bioaerosols sotto una varietà di condizioni ambientali e consentendo per il monitoraggio continuo di variabili ambientali quali temperatura, umidità, velocità del vento e concentrazione di massa di aerosol. Il vantaggio principale dell'utilizzo di questo protocollo è aumento della sensibilità di rilevazione virale, come valutato tramite confronto diretto a un impinger liquido convenzionale non modificato. Altri vantaggi includono la possibilità di concentrare diversi virus caricati negativamente, il basso costo di resina a scambio anionico (~$0.14 per esempio) e la facilità d'uso. Gli svantaggi includono l'impossibilità di questo protocollo per valutare infettività delle particelle virali resina-adsorbito e potenzialmente la necessità per l'ottimizzazione del buffer campionamento liquido utilizzato all'interno del gorgogliatore.

Introduction

Lo scopo di questo metodo è quello di fornire una piattaforma di campionamento di bioaerosol altamente sensibile per facilitare la rilevazione molecolare del virus caricati negativamente da bioaerosols. Microrganismi, tra cui particelle virali, possono sopravvivere in bioaerosols per lunghi periodi di tempo1. Bioaerosols può viaggiare su distanze relativamente lunghe e mantenere la vitalità e l'infettività, come evidenziato da un focolaio di malattia dei Legionari che ha provenuto da torri si trova ad una distanza di 6 km da individui commoventi di raffreddamento industriale e ha provocato 18 vittime2. Trasmissione indiretta del virus agli esseri umani mediati da bioaerosols può verificarsi in diverse impostazioni ed è stato dimostrato per focolai di norovirus in scuole e ristoranti3,4. Allo stesso modo, bioaerosol trasmissione di virus può verificarsi in ambienti agricoli come negli allevamenti di suini e pollame, con questo itinerario di trasmissione viene considerato come un fattore importante nel movimento di virus tra produzione strutture5, 6 , 7 , 8 , 9.

Campionamento effettiva di carichi di virus bioaerosols consente un miglioramento nella diagnosi rapida e la preparazione per la prevenzione di scoppio, come mostrato nelle dimostrazioni in cui H5 dell'influenza un virus sono stati rilevati da bioaerosols in animale vivo mercati in Cina e la Stati Uniti10,11. Le attuali tecnologie di campionamento di bioaerosol implicano una serie di principi di cattura delle particelle differenti e possono essere categorizzate largamente in gorgogliatori, cicloni, simulazione e filtri12. Esula dall'ambito di questo protocollo per coprire esaustivamente tutti i vantaggi e gli svantaggi di queste piattaforme per il campionamento di virus da bioaerosols; Tuttavia, si può affermare che la maggior parte di questi dispositivi di campionamento non è stata ottimizzata per la raccolta di virus e batteriofagi13. Inoltre, infettività delle particelle virali è spesso negativamente colpiti, con liquidi gorgogliatori considerati per mantenere più efficacemente di campionamento dispositivi come dispositivi d'urto o filtri solido14infettività virale. Tuttavia, uno svantaggio di urto liquido è l'effetto di diluizione di destinazione, che si verifica perché i virus sono raccolti in volumi relativamente grande (in genere ≥ 20 mL) di liquido nel recipiente di raccolta. Un altro svantaggio importante coinvolge l'efficienza suboptimale di liquidi gorgogliatori di concentrare le particelle < 0,5 µM in dimensioni15. Tuttavia, l'efficienza di cattura di questi dispositivi può essere migliorata tramite immobilizzazione su matrici solide, come immobilizzazione può migliorare la conservazione degli acidi nucleici virali e infettività virale16,17.

Precedentemente abbiamo dimostrato che la resina a scambio anionico è uno strumento efficace per la cattura e la concentrazione di virus da matrici liquide, tra cui F-RNA batteriofagi, virus dell'epatite A, adenovirus umano e rotavirus18,19 ,20. Come definito dal costruttore, la resina a scambio anionico utilizzata in questo lavoro è una resina a scambio macroreticolari polistirene anionica altamente basica in cui funzionalizzati ammine quaternarie gruppi mediare attrazione e cattura di anioni in un liquido medio21 . Di conseguenza, la resina a scambio anionico è previsto di catturare i virus con cariche di superficie net-negativi, tra cui molti virus enterici, virus influenzali e altri virus rilevanti per la salute pubblica e degli animale.

Il protocollo attuale prevede l'aggiunta di resina a scambio anionico per un impinger liquido. In questo sistema, la resina serve come un passo di concentrazione secondaria per particelle virali catturato nel liquido gorgogliatore. Acidi nucleici può quindi essere eluiti direttamente in piccoli volumi, fornendo un campione concentrato per analisi molecolari. Così, il vantaggio principale di questo metodo è il miglioramento della sensibilità di rilevazione virale, principalmente attraverso la riduzione del volume del campione. Inoltre, a causa della cattura non specifico inerente di virus caricati negativamente, è probabile che il metodo applicabile per il rilevamento di un gran numero di virus di interesse. Qui, il metodo è dimostrato per i ceppi di vaccino del virus dell'influenza di tipo B e tipo A e il coliphage FRNA MS2 (MS2). Questi virus vengono successivamente rilevati tramite analisi standard qRT-PCR come descritto in precedenza22. L'utente finale non deve aspettarsi di incontrare difficoltà nell'esecuzione di questo metodo, perché le modifiche attualmente esistenti attrezzature non costituiscono gravi perturbazioni al flusso convenzionale di bioaerosol campionamento e analisi.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Protocol

1. installazione della camera Bioaerosol (Vedi Figura 2)

  1. Pre-caricare i liquidi gorgogliatori con 20 mL di 0,01 M tamponato fosfato salino, pH 7.5 (PBS).
    1. Aggiungere 0,5 g di resina a scambio anionico e sospendere entro il PBS di uno dei gorgogliatori liquidi, con un altro liquido impinger che serve come controllo.
  2. Gorgogliatori liquidi posizione in parallelo all'interno della camera di bioaerosol utilizzando il morsetto stand con insenature di aerosol nebulizzatore di fronte.
    Nota: Vedere la Figura 2 per ulteriori dettagli.
  3. Co-individuare un monitor di lettura diretta aerosol vicino i liquidi gorgogliatori per misurare la concentrazione di massa (mg/m3) del bioaerosol.
  4. Co-localizzare strumentazione aggiuntiva a lettura diretta (anemometro monitor e thermal qualità di aria interna) vicino i liquidi gorgogliatori per monitorare le variabili ambientali, quali temperatura, umidità e vento velocità, all'interno della camera di bioaerosol.
  5. Eseguire ventilatori assiali negli angoli della camera di bioaerosol per facilitare la miscelazione di aerosol.
    Nota: Ventilatori assiali eseguire ad una velocità fissa e non sono regolabili.

2. modello Bioaerosolization esperimenti (Vedi Figura 3)

  1. Eseguire serial, 10 volte diluizioni di MS2 batteriofago e l'influenza vaccino a concentrazioni desiderate in tampone fosfato salino (PBS).
    Nota: Per dimostrare il metodo qui, 103.5 FFU/mL di ceppi di vaccino tipo A e B dell'influenza virus e 105 PFU/mL del batteriofago MS2 vengono utilizzati. Per determinare i titoli per gli inoculi, batteriofagi sono propagati in Escherichia coli HS (pFamp) R ed enumerati come descritto in precedenza20. Il vaccino commerciale contiene quantità note di quattro ceppi di virus dell'influenza attenuato dal vivo, due di tipo un virus dell'influenza e due virus dell'influenza di tipo B, espresso in unità fluorescenti attenzione o FFU.
  2. Preparare inoculi all'interno del vaso di vetro di un nebulizzatore jet a 6 collisione creando sospensioni di desiderato concentrazioni di particelle virali in 100 mL di PBS e installare all'interno della camera di bioaerosol personalizzato.
  3. Avviare la strumentazione per misurare le variabili all'interno della camera di bioaerosol, quali temperatura, umidità relativa %, concentrazione di anidride carbonica e vento (generato utilizzando un ventilatore assiale). Utilizzare un monitor di lettura diretta aerosol per tenere traccia di concentrazione di massa all'interno della camera di bioaerosol e assicurare la coerenza all'interno e tra le prove.
  4. Tenuta la camera di bioaerosol e spurgo per 10 min con aria filtrata HEPA.
  5. Fornire aria secca e filtrata al nebulizzatore operanti a 6,9 kPa.
  6. Generare una concentrazione target di bioaerosols virale (tramite nebulizzatore) in ogni camera di bioaerosol prova. Per questa dimostrazione, vengono generati bioaerosols con una concentrazione di 5 mg/m3 .
  7. Una volta raggiunta la concentrazione di massa di destinazione dell'aerosol, smettere di nebulizzazione.
  8. Far funzionare una pompa di campionamento aria per ogni impinger liquido che è stato calibrato per una portata di 12,5 L/min calibrazione condotta utilizzando uno standard di flusso primario prima e dopo ogni evento di campionamento per garantire la coerenza in volume di campionamento. Diluizione di alimentazione aria utilizzando una linea filtrata HEPA situata vicino il nebulizzatore e mantenere costante la pressione nella camera.
  9. Attivamente di assaporare l'atmosfera di camera di bioaerosol per un periodo di 40 min per raggiungere un volume di campionamento di 500 L per campione.
    Nota: Campionamento per 40 min a 12,5 L/min con due pompe in parallelo permette per il campionamento di 1.000 L del bioaerosol. Così, al termine dell'esperimento, si prevede che la maggior parte dell'aria presente nella camera di bioaerosol è stata provata e rilasciata nell'ambiente tramite un sistema di filtraggio HEPA. Ciò è dimostrato dalla diminuzione di concentrazione di particelle. Post-esperimento, le superfici vengono decontaminate con etanolo al 10% della famiglia candeggina e 70%. Gli indicatori sono utilizzati in questa dimostrazione; Tuttavia, se noti organismi patogeni vengono utilizzati in questo sistema, biosicurezza ulteriori misure possono essere attuate secondo le necessità.

3. acido nucleico estrazione e qRT-PCR Detection

  1. Isolare gli acidi nucleici direttamente da resina a scambio anionico e, a fini comparativi, dal liquido utilizzato all'interno del liquidi gorgogliatori. In questo esempio, una procedura di isolamento del RNA è descritto, ma un protocollo simile potrebbe essere utilizzato per virus a DNA.
    1. Isolamento dell'acido nucleico dalla resina a scambio anionico.
      1. Trasferire tutto il liquido contenenti resina scambio anionico del gorgogliatore liquido in una provetta conica sterile 50 mL.
      2. Lasciare che la resina di stabilirsi e decantare lentamente il campione liquido dalla resina a scambio anionico. Utilizzare una pipetta da 1 mL per rimuovere tutto il liquido restante dalla resina a scambio anionico.
      3. Da un kit di isolamento di RNA virale, 560 µ l di tampone di lisi virale contenente RNA di operatore per la resina a scambio anionico e incubare per 10 minuti a temperatura ambiente con miscelazione periodica.
      4. Utilizzando la punta di una pipetta da 1 mL, trasferire il virale lisato (il buffer di lisi virale) a una sterile mL 1,5 conico tubo e procedere con RNA kit isolamento tramite un isolamento di RNA virale (Vedi Tabella materiali) conformemente alle istruzioni del produttore, ad eccezione che RNA viene eluito in un volume totale di 60 µ l di tampone di eluizione.
    2. Isolamento dell'acido nucleico da liquidi gorgogliatori.
      1. Pipettare 140 µ l del campione liquido in una provetta conica sterile 1,5 mL ed eseguire l'isolamento del RNA usando il kit di isolamento di RNA virale in conformità alle istruzioni del produttore, con l'eccezione di eluizione RNA in un volume totale di 60 µ l di tampone di eluizione.
        Nota: 140 µ l è il volume di campione massimo che può essere elaborato con il kit di isolamento RNA virale specifico impiegato qui in un'unico passaggio preparazione.
  2. Eseguire qRT-PCR per la rilevazione di MS2 e dell'influenza A e B virus come descritto in precedenza23,24. In questa dimostrazione, 5 µ l di acido nucleico eluati sono utilizzati per qRT-PCR.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Representative Results

Figura 1 viene illustrato il principio dietro basati su carica cattura di virus da bioaerosols tramite l'inclusione di resina a base liquida gorgogliatori. La figura 2 Mostra l'installazione della camera bioaerosol su misura. La figura 3 descrive i passaggi necessari a configurare l'esperimento di nebulizzazione e misure per garantire il controllo di qualità. La figura 4 Mostra le curve di amplificazione per rilevazione di qRT-PCR di virus caricati negativamente catturato da bioaerosols. La tabella 1 Mostra i primer e sonde utilizzate per qRT-PCR per il virus di esempio utilizzato in questo studio.

Utilizzando MS2 e influenza virus contenuti entro il vaccino dell'influenza come modelli nella camera di bioaerosol personalizzato, i liquidi gorgogliatori modificato con resina a scambio anionico ammessi per circa 3 x 9 miglioramento x rilevamento virale, a seconda delle specifiche virus, rispetto al test diretto di urto liquido22. Come mostrato nelle curve di amplificazione rappresentativo qRT-PCR (Figura 4), rilevamento di un virus dell'influenza potrebbe essere realizzato fino a 3,26 tipo cicli prima quando resina a scambio anionico è stata utilizzata rispetto al test diretto del liquido impingement. Considerando che in un qRT-PCR che è efficiente al 100%, un guadagno di un Ct corrisponde a un aumento di 2 volte nella concentrazione target, questa differenza è equivalente a un miglioramento di 9,58 x nella rilevazione.

Figure 1
Figura 1: urto liquido accoppiato con resina a scambio anionico. Tutti i dispositivi di campionamento di bioaerosol modificate incorpora una resina a scambio anionico nel suo design. Ogni perlina di resina è una sfera di 0,5-1,0 mm con una superficie porosa, una caratteristica che aumenta la superficie di scambio anionico. Gruppi di ammonio quaternario funzionale consentono per la cattura di ioni in mezzi liquidi, acquisizione di virus con cariche di superficie net-negativi, tra cui MS2 fagi e influenza virus, che sono utilizzati nel presente protocollo as organismi di modello (un munito di mediazione batteriofago viene disegnato qui come esempio per i virus catturati). Isolamento dell'acido nucleico viene quindi eseguita direttamente dalla resina (utilizzando kit disponibile in commercio), con il campione adatto a strategie di rilevazione più molecolari (qRT-PCR impiegato qui). Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 2
Figura 2: camera di bioaerosol Custom schematico. R: 6-getto nebulizzatore alimentato con aria secca e filtrata ad una pressione generatrice di 6,9 kPa; B: ventilatori assiali per facilitare la miscelazione uniforme bioaaerosol; C: monitor aerosol per identificare le concentrazioni di bioaerosol relativa; D: liquido gorgogliatore con resina; E: gorgogliatore liquido senza resina; F: termica anemometro per misurare la velocità del vento; G: monitor di qualità aria per misurare altre variabili ambientali, quali temperatura, anidride carbonica e percentuale di umidità relativa; H: pompe di campionamento attivo calibrate a 12,5 L/min; I: guanto pneumaticamente sigillato porte per apparecchi per la campionatura di posizionamento all'interno della camera di bioaerosol; J: finestra di osservazione di. Questa figura è stata riutilizzata dal precedente lavoro con permesso da editore22. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 3
Figura 3: flusso di lavoro dell'esperimento bioaerosolization. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 4
Figura 4: resina a scambio anionico migliora il rilevamento di qRT-PCR basata di virus caricati negativamente in bioaerosols. In questo esempio, virus dell'influenza di tipo A ad una concentrazione di inoculo di 103.5 FFU/mL erano aerosolizzare nella camera di bioaerosol personalizzato fino al raggiungimento della concentrazione di massa di bioaerosol 5 mg/m3. Gorgogliatori liquidi con e senza resina erano contemporaneamente impegnati ad ogni campione (500 L) del bioaerosol. Il RNA virale è stato ottenuto dalla resina a scambio anionico o dal liquido del gorgogliatore e analizzato mediante qRT-PCR. L'esperimento fu ripetuto in triplice copia. Acidi nucleici ottenuti da campioni di resina sono stati rilevati presso un Ct medio di 26,76, mentre campioni liquidi impinger sono stati rilevati presso un Ct medio di 30.02 (ΔCt di 3,26). Questa differenza di Ct è equivalente a un miglioramento 9,58 x rilevamento utilizzando la resina a scambio anionico. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Virus Nome di primer Sequenza più superelegante Riferimento
MS2 GI Fwd 5'-ATCCATTTTGGTAACGCCG-3' 23
Sonda di GI 5'-(6-FAM)-TAGGCATCTACGGGGACGA-(BBQ)-3'
GI Rev 5'-TGCAATCTCACTGGGACATAT-3'
IAC Fwd (46F) 5'-GACATCGATATGGGTGCCG-3'
Sonda IAC 5'-(Cy5) - CACATTCACCAGGGAGACGCATGAGA-(BBQ) -3 '
IAC Rev (186R) 5'-CGAGACGATGCAGCCATTC-3'
virus influenzali di tipo A Un virus dell'influenza universale di CDC forward primer 5'-GAC CRA TCC TGT CAC CTC TGA C-3' 24
Un virus dell'influenza universale di CDC reverse primer 5'-AGG GCA TTY TGG ACA AAK CGT CTA-3'
Sonda di virus influenzale universale A CDC 5'-(FAM) - TGC AGT CCT CGC TCA CTG GGC ACG-(BHQ1) -3 '
virus dell'influenza di tipo B Primer in avanti per il virus influenzale universale B CDC 5'-TCCTCAACTCACTCTTCGAGCG-3' 24
Virus influenzale universale B CDC reverse primer 5'-CGGTGCTCTTGACCAAATTGG-3'
Sonda di CDC universale influenza B virus 5'-(JOE) - CCAATTCGAGCAGCTGAAACTGCGGTG-(BHQ1) -3 '

Tabella 1: primer e sonde utilizzate in questo studio. Tutti i primer e sonde erano da Friedman et al. 201123 e Maggy & Emanuele 201024.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Discussion

Questo protocollo descrive un metodo per cattura sensibile virale da bioaerosols utilizzando modificate liquidi gorgogliatori. Il metodo è ottimizzato per il rilevamento e la quantificazione della carica virale in bioaerosols. La modifica specifica dimostrata qui prevede l'aggiunta di resina a scambio ionico a liquido contenuto all'interno di un comune impinger liquido. Questo metodo è stato sviluppato per la sua semplicità nel trattamento dei campioni a valle, mentre altre tecniche di elaborazione del campione come centrifugazione, filtrazione e metodi basati su precipitazione non offrono tale vantaggio. Estrazione degli acidi nucleici viene eseguita direttamente dalla resina, prevenente l'esigenza di eluizioni ad alto volume e più passaggi di preparazione del campione, in ultima analisi, contribuendo alla sensibilità di rilevamento migliorato del metodo tramite riduzione effettiva del campione volume. Inoltre, è stato dimostrato che immobilizzazione delle particelle virali su solido superfici possono contribuire a una maggiore stabilità dell'acido nucleico virale o ritenzione di infettività virale17,25. Immobilizzazione può contribuire ulteriormente alla acquisizione di una maggiore efficienza riducendo le perdite a causa di reaerosolization16. Il metodo può essere facilmente accoppiato con analisi molecolari a valle (qRT-PCR ha dimostrato qui). La resina a scambio anionico può essere estratta dal campo e spedita ad un laboratorio di riferimento per l'analisi, mentre attrezzature di campionamento dell'aria possono rimanere dedicata al monitoraggio in zona di campionamento. Come il principio dietro la procedura comporta la cattura non specifico di virus che trasportano una carica superficiale di net-negativo, il metodo dovrebbe essere favorevole alla rilevazione di virus patogeni multipli di importanza per la salute umana e medicina veterinaria. Come Recensito da Michen e Graule26, un gran numero di virus importante per la salute pubblica e degli animale hanno cariche di superficie net-negativi, con poche eccezioni conosciute, come ad esempio alcuni ceppi di rotavirus e poliovirus.

Questo protocollo non direttamente valutare l'effetto delle condizioni ambientali sulla sensibilità di rilevazione; Tuttavia, quando il campionamento dell'aria avviene in impostazioni del campo, è concepibile che variabili quali temperatura e umidità relativa possono influenzare il rendimento della raccolta per diversi tipi di campionatori di aria12. Così, le condizioni all'interno della camera di bioaerosol possono essere modificate per soddisfare questi parametri ambientali come necessario. Il metodo di resina di scambio anionico ha dimostrato efficacemente concentrare più virus da campioni di acqua con una vasta gamma di proprietà fisico-chimiche, che indica che l'interferenza da particolato, batteri e altri ambientali contaminanti dovrebbe essere minimo18. Inoltre, buffer di raccolta possono richiedere ottimizzazione per virus specifici, come in alcuni casi è stato dimostrato che l'ottimizzazione del buffer di raccolta possono portare a una migliore ritenzione di stabilità virale27. Uno svantaggio principale del metodo come presentato è il fatto che non è possibile determinare infettività virale. Un altro svantaggio di questo protocollo è l'incapacità di valutare gli effetti potenzialmente negativi della nebulizzazione e campionamento su stabilità virale, compresa la dissecazione, tosatura e adsorbimento non specifico di bioaerosol camera superfici22dell'aria.

I dispositivi di campionamento di bioaerosol modificate potrebbero essere suscettibili di campionamento sul campo in più impostazioni, tra cui ospedali, scuole, aziende agricole e altri locali. Perché vengono apportate modifiche all'attrezzatura di campionamento aria esistente, si prevede che i dispositivi modificati sarebbe facilmente adottabili da operatori attualmente campionamento bioaerosols per individuare eventuali virus. Il protocollo è dimostrato qui in una camera di bioaerosol su misura utilizzando virus MS2 e l'influenza, che sono obiettivi utili per lo sviluppo del metodo in quanto rappresentano esempi di virus non capsulati e avvolti, MS2 è riconosciuto come un surrogato di virus enterici e sono comunemente impiegati nella valutazione di gorgogliatori22,26,27,28,29.

Lavoro futuro coinvolgerà l'ottimizzazione delle condizioni di campionamento (cioè, velocità di campionamento dell'aria, collezione buffer) e l'inclusione di virus aggiuntive pertinenti in protocolli di prova.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Disclosures

Gli autori non hanno nulla a rivelare.

Acknowledgments

Questo lavoro è stato sostenuto da finanziamenti dal CDC/NIOSH High Plains Intermountain centro agricolo di salute e sicurezza (5U54OH008085) e il Colorado Bioscience Discovery valutazione Grant Program (14BGF-16).

Materials

Name Company Catalog Number Comments
Escherichia coli bacteriophage MS2 (ATCC 15597-B1) American Type Culture Collection ATCC 15597-B1
FluMist Quadrivalent AstraZeneca Contact manufacturer Viral constitutents of this vaccine are subject to change on an annual basis
CFX96 Touch Real-Time PCR Detection System Bio-Rad 1855195
Primers and probes Integrated DNA Technologies NA
0.2 µM sterile filter NA NA
1 L pyrex bottles or equivalent NA NA
1 mL pipet tips NA NA
1 mL pipettor NA NA
50 mL serological pipet NA NA
PCR tubes NA NA
Pipet-aid or equivalent NA NA
QIAamp Viral RNA Mini Kit Qiagen 52904
QuantiTect Probe RT-PCR Kit Qiagen 204443
Amberlite IRA-900 chloride form Sigma-Aldrich 216585-500G
Phosphate buffered saline Sigma-Aldrich P5368-10PAK
Water (molecular biology grade) Sigma-Aldrich W4502-1L
Eppendorf DNA LoBind Microcentrifuge Tubes ThermoFisher 13-698-791
Falcon 50 mL Conical Centrifuge Tubes  ThermoFisher 14-432-22
Falcon Polypropylene Centrifuge Tubes ThermoFisher 05-538-62
SuperScript III Platinum One-Step qRT-PCR Kit w/ROX ThermoFisher 11745100
SKC Biosampler 20 mL, 3-piece glass set SKC Inc. 225-9593
Vac-u-Go sample pumps SKC Inc. 228-9695
Collison nebulizer (6-jet) BGI Inc. NA
HEPA capsule PALL 12144
Q-TRAK indoor air quality monitor 8554 TSI Inc. NA
Alnor velometer thermal anemometer AVM440-A TSI Inc. NA
SidePak AM510 personal aerosol monitor TSI Inc. NA
Bioaerosol chamber NA NA

DOWNLOAD MATERIALS LIST

References

  1. Pirtle, E. C., Beran, G. W. Virus survival in the environment. Revue scientifique et technique (International Office of Epizootics). 10, (3), 733-748 (1991).
  2. Nguyen, T. M., et al. A community-wide outbreak of legionnaires disease linked to industrial cooling towers--how far can contaminated aerosols spread? The Journal of Infectious Diseases. 193, (1), 102-111 (2006).
  3. Marks, P. J., et al. Evidence for airborne transmission of Norwalk-like virus (NLV) in a hotel restaurant. Epidemiology and Infection. 124, (3), 481-487 (2000).
  4. Marks, P. J., et al. A school outbreak of Norwalk-like virus: Evidence for airborne transmission. Epidemiology and Infection. 131, (1), 727-736 (2003).
  5. Corzo, C. A., Culhane, M., Dee, S., Morrison, R. B., Torremorell, M. Airborne detection and quantification of swine influenza a virus in air samples collected inside, outside and downwind from swine barns. PLoS One. 8, (8), e71444 (2013).
  6. Anderson, B. D., et al. Bioaerosol sampling in modern agriculture: A novel approach for emerging pathogen surveillance. The Journal of Infectious Diseases. 214, (4), 537-545 (2016).
  7. Hietala, S. K., Hullinger, P. J., Crossley, B. M., Kinde, H., Ardans, A. A. Environmental air sampling to detect exotic Newcastle disease virus in two California commercial poultry flocks. Journal of Veterinary Diagnostic Investigation. 17, (2), 198-200 (2005).
  8. Jonges, M., et al. Wind-mediated spread of low-pathogenic avian influenza virus into the environment during outbreaks at commercial poultry farms. PLoS One. 10, (5), e0125401 (2015).
  9. Otake, S., Dee, S. A., Jacobson, L., Torremorell, M., Pijoan, C. Evaluation of aerosol transmission of porcine reproductive and respiratory syndrome virus under controlled field conditions. The Veterinary Record. 150, (26), 804-808 (2002).
  10. Wu, Y., et al. Aerosolized avian influenza A (H5N6) virus isolated from a live poultry market, China. The Journal of Infection. 74, (1), 89-91 (2017).
  11. Choi, M. J., et al. Live animal markets in Minnesota: A potential source for emergence of novel influenza A viruses and interspecies transmission. Clinical Infectious Diseases. 61, (9), 1355-1362 (2015).
  12. Haig, C. W., Mackay, W. G., Walker, J. T., Williams, C. Bioaerosol sampling: Sampling mechanisms, bioefficiency and field studies. The Journal of Hospical Infection. 93, (3), 242-255 (2016).
  13. Anderson, B. D., Lednicky, J. A., Torremorell, M., Gray, G. C. The use of bioaerosol aampling for airborne virus surveillance in swine production facilities: A mini review. Frontiers in Veterinary Science. 4, 121 (2017).
  14. Verreault, D., Moineau, S., Duchaine, C. Methods for sampling of airborne viruses. Microbiology and Molecular Biology Reviews. 72, (3), 413-444 (2008).
  15. Hogan, C. J. Jr Sampling methodologies and dosage assessment techniques for submicrometre and ultrafine virus aerosol particles. Journal of Applied Microbiology. 99, (6), 1422-1434 (2005).
  16. Yu, K. -P., Chen, Y. -P., Gong, J. -Y., Chen, Y. -C., Cheng, C. -C. Improving the collection efficiency of the liquid impinger for ultrafine particles and viral aerosols by applying granular bed filtration. Journal of Aerosol Science. 101, 133-143 (2016).
  17. Perez-Mendez, A., et al. Evaluation of a simple and cost effective filter paper-based shipping and storage medium for environmental sampling of F-RNA coliphages. J Virol Methods. 194, (1-2), 60-66 (2013).
  18. Chandler, J. C., et al. Field-based evaluation of a male-specific (F+) RNA coliphage concentration method. Journal of Virological Methods. 239, 9-16 (2017).
  19. Perez-Mendez, A., Chandler, J. C., Bisha, B., Goodridge, L. D. Concentration of enteric viruses from tap water using an anion exchange resin-based method. Journal of Virological Methods. 206, 95-98 (2014).
  20. Perez-Mendez, A., Chandler, J. C., Bisha, B., Goodridge, L. D. Evaluation of an anion exchange resin-based method for concentration of F-RNA coliphages (enteric virus indicators) from water samples. Journal of Virological Methods. 204, 109-115 (2014).
  21. Kammerer, J., Carle, R., Kammerer, D. R. Adsorption and ion exchange: Basic principles and their application in food processing. Journal of Agricultural and Food Chemistry. 59, (1), 22-42 (2011).
  22. Chandler, J. C., et al. A method for the improved detection of aerosolized influenza viruses and the male-specific (F+) RNA coliphage MS2. Journal of Virological Methods. 246, 38-41 (2017).
  23. Friedman, S. D., Cooper, E. M., Calci, K. R., Genthner, F. J. Design and assessment of a real time reverse transcription-PCR method to genotype single-stranded RNA male-specific coliphages (Family Leviviridae). Journal of Virological Methods. 173, (2), 196-202 (2011).
  24. Selvaraju, S. B., Selvarangan, R. Evaluation of three influenza A and B real-time reverse transcription-PCR assays and a new 2009 H1N1 assay for detection of influenza viruses. Journal of Clinical Microbiology. 48, (11), 3870-3875 (2010).
  25. Cademartiri, R., et al. Immobilization of bacteriophages on modified silica particles. Biomaterials. 31, (7), 1904-1910 (2010).
  26. Michen, B., Graule, T. Isoelectric points of viruses. Journal of Appled Microbiology. 109, (2), 388-397 (2010).
  27. Turgeon, N., Toulouse, M. J., Martel, B., Moineau, S., Duchaine, C. Comparison of five bacteriophages as models for viral aerosol studies. Applied and Environmental Microbiology. 80, (14), 4242-4250 (2014).
  28. Vergara, G. G., et al. Evaluation of FRNA coliphages as indicators of human enteric viruses in a tropical urban freshwater catchment. Water Research. 79, 39-47 (2015).
  29. Tung-Thompson, G., Libera, D. A., Koch, K. L., de Los Reyes, F. L. 3rd, Jaykus, L. A. Aerosolization of a human norovirus surrogate, bacteriophage MS2, during simulated vomiting. PLoS One. 10, (8), e0134277 (2015).

Comments

0 Comments


    Post a Question / Comment / Request

    You must be signed in to post a comment. Please sign in or create an account.

    Usage Statistics