Misurazione del cortisolo a Koala (Phascolarctos cinereus) Pelliccia

JoVE Journal
Biochemistry

Your institution must subscribe to JoVE's Biochemistry section to access this content.

Fill out the form below to receive a free trial or learn more about access:

 

Summary

Vi presentiamo un protocollo per determinare il solvente di estrazione ottimale per misurare il cortisolo dalla pelliccia di koala. I solventi utilizzati in questo protocollo sono metanolo, etanolo e isopropanolo. Determinare un solvente di estrazione ottimale aiuterà a misurare in modo affidabile la pelliccia per determinare l'impatto dello stress cronico sui koala.

Cite this Article

Copy Citation | Download Citations | Reprints and Permissions

Charalambous, R., Narayan, E. Cortisol Measurement in Koala (Phascolarctos cinereus) Fur. J. Vis. Exp. (150), e59216, doi:10.3791/59216 (2019).

Please note that all translations are automatically generated.

Click here for the english version. For other languages click here.

Abstract

I metodi ottimali di estrazione degli ormoni utilizzati per misurare lo stress negli animali tra i tipi di campione non sono sempre gli stessi. L'iconica specie marsupiale australiana, il koala (Phascolarctos cinereus), deve affrontare un'esposizione prolungata a fattori di stress antropogenici e la valutazione dello stress cronico nelle popolazioni selvatiche è urgentemente giustificata. Uno dei modi più efficaci per misurare lo stress cronico è attraverso l'analisi dell'ormone glucocorticoide cortisolo nei capelli o pelliccia, in quanto supporta le risposte fisiologiche e comportamentali. Questo studio di convalida di laboratorio ha lo scopo di testare le tecniche attuali per convalidare un metodo ottimale di estrazione dell'ormone da utilizzare come misura non invasiva del cortisolo nella pelliccia di koala. È riconosciuto che l'utilizzo di tecniche non invasive per misurare gli ormoni dello stress è preferito rispetto alle tecniche tradizionali ed invasive a causa delle loro ideali punti di vista pratici ed etici. Inoltre, è relativamente più facile acquisire pelliccia dai koala che acquisire campioni del loro sangue. Questo studio ha utilizzato campioni di pelliccia di koala acquisita dall'Adelaide Koala e dal Wildlife Hospital per eseguire una serie di tecniche di estrazione ormonale nel tentativo di convalidare un metodo ottimale di estrazione del cortisolo. I risultati hanno mostrato che il metanolo al 100% ha fornito l'estrazione del solvente più ottimale rispetto al 100% di etanolo o al 100% dell'isopropanolo sulla base dei risultati del parallelismo. In conclusione, questo metodo di estrazione del cortisolo dalla pelliccia di koala ha fornito un saggio affidabile non invasivo che potrebbe essere utilizzato per studiare lo stress cronico nei koala.

Introduction

Gli ecosistemi australiani sostengono la vita umana attraverso la fornitura di servizi tra cui cibo e fibra tra molte altre interazioni dinamiche1. Ironia della sorte, è l'attività umana che opera come il motore dominante della perturbazione dell'ecosistema attraverso il cambiamento della biodiversità2. La frammentazione degli habitat, noto come processo di divisione di grandi habitat continui in piccole macchie di terra, isolate l'una dall'altra, è il principale cambiamento di biodiversità antropogenica che minaccia gli ecosistemi australiani2. La frammentazione dell'habitat modifica la struttura e la diversità della composizione delle specie in qualsiasi area, riducendo così l'area di habitat necessaria a queste specie per mantenere le popolazioni vitali2. Il risultato è una maggiore concorrenza tra le specie per le risorse tra cui cibo, carburante, fibra e acqua3. La distruzione degli ecosistemi australiani a seguito del cambiamento della biodiversità sta avendo conseguenze catastrofiche su molte specie autoctone australiane1.

La specie marsupiale più iconica dell'Australia, il koala (Phascolarctos cinereus), dipende dal fatto che gli ecosistemi australiani rimangano sani per la loro sopravvivenza4. L'introduzione dell'insediamento europeo ha causato un rapido declino delle popolazioni australiane di koala, in quanto sono state massacrate per le loro pelli in cerca di profitto in un grande commercio di esportazione5. Questa pratica è stata vietata negli anni '80 e le popolazioni di koala sono state quindi in grado di stabilizzare5. Tuttavia, la crescita esponenziale della popolazione umana ha portato questa specie a competere per gran parte del loro habitat, e la loro sopravvivenza è di nuovo sotto minaccia6. Secondo l'Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN), tutte le popolazioni di koala australiani sono elencate come vulnerabili all'estinzione con una tendenza demografica in diminuzione7. Questo elenco è attribuito all'incertezza sui parametri della popolazione pertinenti e alla marcata variazione delle tendenze demografiche per questa specie7. Essendo gli animali più iconici ed endemici, i koala beneficiano in gran parte l'economia australiana attraverso il turismo (NSW Office of Environment and Heritage 2018). Una stima suggerisce che il turismo correlato al koala ha generato circa 9.000 posti di lavoro e contribuisce tra 1,1 e 2,5 miliardi di dollari per l'economia (NSW Office of Environment and Heritage 2018). La rimozione di qualsiasi specie ha il potenziale per essere catastrofica, e può essere visto nel costante declino della fauna selvatica australiana nativa6. Inoltre, l'economia australiana sentirà le ramificazioni se le popolazioni di koala australiani continueranno a diminuire al ritmo di6.

Si suggerisce che la prevalenza di morte e malattia in risposta alla frammentazione dell'habitat sia il risultato dello stress cronico8. 24 specie marsupiali sono già state dichiarate estinte in Australia a causa della frammentazione dell'habitat, con i koala che seguono una tendenza simile8. La complessità della frammentazione dell'habitat e dei sistemi biologici è sinergica, ma può essere discomificata attraverso l'analisi della risposta allo stress6. Generalmente, qualsiasi disturbo in un ambiente naturale di animali attiva una complessa cascata di eventi neuroormonali, noti come una risposta 'lotta o volo'9,10. Questa risposta allo stress è un processo che inizia nel cervello dove viene attivato l'asse ipotalamico-pituitario-surrenale (HPA)11. Un componente del cervello chiamato l'ipotalamo rilascia l'ormone che rilascia corticotrofina (CRH), che poi segnala l'ipofisi anteriore per rilasciare l'ormone adrenocorticotrofico (ACTH)11. Questo a sua volta stimola la secrezione glucocorticoide dalla medulla surrenale. Il corpo circola glucocorticoidi attraverso il sangue, che devia la conservazione del glucosio dal glicogeno e mobilita il glucosio dal glicogeno immagazzinato11. Questa cascata di eventi neuroormonali è la risposta utilizzata dall'animale per affrontare stimoli imprevedibili11. Tuttavia, quando i glucocorticoidi vengono rilasciati e rimangono elevati per un periodo prolungato di tempo, l'animale è considerato vivendo stress cronico12,13. Questo processo comporta la deviazione di energia da altre funzioni corporee corporali, in quanto è necessario per la produzione di glucocorticoidi in corso13. Di conseguenza, lo stress cronico può vietare la crescita, la riproduzione e l'immunità, tutti essendo tratti chiave del fitness necessari per la sopravvivenza14.

Misurare la produzione di glucocorticoidi di un animale è un indicatore comune utilizzato per determinare se l'animale sta vivendo o meno stress fisiologico15. Per farlo, i glucocorticoidi possono essere misurati nel plasma sanguigno, siero, saliva, urina o feci16. Tuttavia, l'evidenza suggerisce che i capelli sono un indicatore molto più efficace di stress cronico, al contrario del suddetto16. Questo perché i capelli è pensato per incorporare ormoni trasmessi al sangue durante la sua fase di crescita; è relativamente stabile; e qualsiasi cortisolo rilevato nei capelli riflette lo stress fisiologico sperimentato nel periodo di crescita dei capelli, che può essere settimane fino a mesi16. Inoltre, qualsiasi raccolta di cortisolo dovrebbe essere non invasiva al fine di ridurre al minimo lo stress associato alla cattura e alla manipolazione16. Tuttavia, qualsiasi stress sperimentato durante questo evento non avrebbe un impatto sui livelli di glucocorticoide nei capelli16. Ci sono stati molti studi che esplorano la competenza di utilizzare i capelli per misurare lo stress a lungo termine in un certo numero di animali, e comprendono studi su renne, orsi grizzly, scimmie rhesus, buoi muso e orsi bruni17,18, 19 del 12 , 20 anni , 21. Il cortisolo per capelli viene solitamente estratto lavando prima il campione per garantire che il sudore e il cortisolo di derivazione sebum depositati sulla superficie dei capelli non venga co-estratto con cortisolo e poi polverizzando il campione in un perline-battitore22. Dopo il lavaggio, il campione deve essere essiccato per garantire la completa evaporazione22. Infine, utilizzando un solvente, il campione può essere estratto e ricostituito per facilitare il saggio di cortisolo22. Il solvente più comune utilizzato per estrarre il cortisolo dalla pelliccia è il metanolo21,23; tuttavia, ci sono alcuni studi che utilizzano etanolo e isopropanolo nelle loro tecniche di estrazione del cortisolo. Ad esempio, uno studio che ha usato l'etanolo ha avuto successo per estrarre il cortisolo dal liquido amniotico umano24. Inoltre, uno studio che ha usato isopropanol ha avuto successo per estrarre cortisolo da capelli e unghie umane25,26. Per questo motivo, questo studio ha testato tutti e tre i solventi (metanolo, etanolo e isopropanolo) per determinare quale sia stato il più riuscito per l'estrazione del cortisolo da campioni di pelliccia di koala.

L'obiettivo principale di questo studio era quello di utilizzare le tecniche attuali per convalidare una tecnica ottimale di estrazione dell'ormone da utilizzare come misura non invasiva del cortisolo dalla pelliccia di koala. Ciò è stato ottenuto testando tre solventi di estrazione (metanolo, etanolo e isopropanolo). Abbiamo ipotizzato che il metanolo sarà il solvente ottimale utilizzato per estrarre il cortisolo dalla pelliccia di koala perché è il solvente raccomandato di estrazione da Arbor saggio cortisol kit27.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Protocol

Questo progetto è stato eseguito secondo severe linee guida per la cura degli animali e dell'uomo. L'etica animale è stata concessa dalla Western Sydney University (A12373). Inoltre, una valutazione del rischio di laboratorio e un modulo di biosicurezza e radiazioni sono stati inviati e accettati dalla Western Sydney University per intraprendere in modo sicuro questa ricerca (B12366).

NOTA: I campioni di pelliccia di Koala per questo progetto sono stati ottenuti dall'Adelaide Koala and Wildlife Hospital, situato al 282 di Anzac Highway, Plympton South Australia. La pelliccia è stata prelevata da un koala che era stato ricoverato in ospedale ed eutanasia a causa delle loro gravi lesioni. Il koala deceduto era stato conservato in un congelatore all'interno di un sacchetto del corpo subito dopo la morte. Dopo aver rimosso il koala deceduto dal sacco del corpo, 1,2 g di pelliccia è stata rasata dalla nuca utilizzando clipper animali standard. La pelliccia è stata rasata il più vicino possibile alla pelle, in modo da garantire che la pelle non fosse tagliata. Una volta rasato, il koala deceduto è stato rimesso nel sacchetto del corpo e messo nel congelatore. La pelliccia è stata poi posta in una sacca in lamina di alluminio e conservata sotto i -20 gradi centigradi. Durante il transito, la pelliccia è stata tenuta a temperatura ambiente, e all'arrivo in laboratorio, la pelliccia è stata conservata a -80 gradi centigradi.

1. Estrazione del cortisolo di pelliccia di Koala

  1. Togliere la pelliccia dal deposito a -80 gradi centigradi e lasciare scongelare il tempo.
  2. Pesare la pelliccia su un equilibrio di precisione analitico di laboratorio.
  3. Mettere 60 mg della pelliccia in un tubo di centrifugatura prepesato ed etichettato da 1,5 mL e ripetere fino a riempire 18 tubi.
    NOTA: per questo studio di convalida sono stati utilizzati 18 sottocampioni di pellicce.
  4. Aggiungere 1 mL di cromatografia liquida ad alte prestazioni al 100% (HPLC) isopropanolo ad ogni tubo utilizzando una pipetta.
  5. Campioni di vortice per 30 s.
  6. Filtrare ogni campione utilizzando un setaccio micro precisione di 0,5 mm in modo da ottenere la separazione di liquido e pelliccia.
  7. Scartare il liquido in un contenitore di rifiuti.
  8. Mettere ogni campione di pelliccia in una barca di pesatura in plastica etichettata, quindi mettere in un desiccatore vuoto, lasciare asciugare la pelliccia per 3 giorni.
  9. Una volta completamente asciutto, mettere ogni campione in un tubo di microcentrifuga da 1,5 mL etichettato.
  10. Mettere ogni campione in un mulino a perline con 3 perline in acciaio cromato (3,2 mm) e polverizzare per 2 min a 30 frullati al secondo.
  11. Pipetta 1,5 mL della prima tecnica di estrazione (etanolo di grado analitico al 100%) in 6 tubi di microcentrifuga da 1,5 mL contenenti il campione di pelliccia.
  12. Eseguire lo stesso per il metanolo di grado analitico al 100% e l'isopropanolo di grado analitico 100% fino a 18 1,5 mL di tubi di microcentrifuga sono riempiti.
  13. Capovolgere ogni tubo di microcentrismo da 1,5 ml e incubare a temperatura ambiente (RT) con pulsazione costante utilizzando uno shaker per 3 h.
  14. Rimuovere e defiltrare i campioni utilizzando un setaccio di micro precisione di 0,5 mm.
  15. Trasferire il liquido in un nuovo tubo di microcentrifuga da 1,5 ml etichettato con una pipetta, garantendo al contempo che la pelliccia venga scartata in modo appropriato.
  16. Estratto di solvente completamente asciutto sotto un flusso di vapore N2 sotto un armadio fume.
  17. Ricostituire l'estratto di campione essiccato utilizzando 400 l di assaggio tampone (composizione fornita nel kit di cortisolo commerciale; vedi Tabella dei materiali) e 100 -L di etanolo di grado analitico 100%.
    NOTA: estratti di esempio possono essere memorizzati a -80 .

2. Controlli interni

  1. Per fare controlli, fare una piscina di campioni estratti con alti livelli di ormone. Per creare questa piscina, selezionare i campioni da animali con esposizione nota al fattori di stress. Ad esempio, selezionare i campioni da koala che sono stati salvati da traumi ambientali in quanto generalmente mostrano alti livelli di ormone cortisolo6.
    1. Per fare il pool di estratto, prendere 20 l' di estratto da ogni campione (n : 10) fino a ottenere un volume totale di 200 L. Il pool di estratti può essere conservato a -80 C fino a i saggi. Eseguire il pool in ogni analisi come controlli interni bassi o alti (vedere il passaggio 2.2).
  2. Per il saggio, utilizzare il pool per effettuare scorte per controlli bassi e alti che si legano rispettivamente al 70% (C1) e al 30% (C2). Ottenere il fattore di diluizione per i punti di rilegatura 30% e 70% dal grafico del parallelismo per l'estratto rispetto allo standard cortisolo (Figura 1). Utilizzare il buffer di analisi per la diluizione del pool di esempio. Ad esempio, utilizzare 60 l dell'estratto del pool e 60 luna di buffer di analisi per la diluizione 1:2.
    NOTA: per l'estratto di metanolo, il punto di rilegatura del 30% era pulito mentre il 70% del punto di rilegatura era di circa 1:2 come da Figura 1. Pertanto, questi hanno fornito il fattore di diluizione per i controlli interni (rispettivamente C1 e C2) per l'esecuzione all'interno del saggio.

3. Analisi cortisolo in estratti di pelliccia di koala

  1. Utilizzare un kit di cortisolo commerciale (Tabella dei materiali) e impostare la piastra da 96 bengeti comprendente i campioni, i controlli, gli standard del cortisolo, i pozzi di legame non specifici e i pozzi di legatura massima seguendo le istruzioni del fornitore. Utilizzare il foglio di layout della lastra fornito nell'opuscolo del kit per elencare le posizioni dei campioni, dei controlli e degli standard sulla mappa della lastra.
    NOTA: si consiglia di eseguire tutti i campioni, i controlli e gli standard in duplicato per consentire l'accuratezza dei risultati.
  2. Preparare i campioni. Seguire l'estrazione dell'ormone pelliccia (sezione 1) per ottenere il 100% di metanolo estratto per la pelliccia di koala.
  3. Preparare i reagenti. Seguire la procedura descritta nel kit di cortisolo commerciale per preparare i reagenti tra cui (1) buffer di analisi, (2) lavare buffer e (3) standard (composizioni fornite nel kit di cortisolo, Tabella dei materiali).
  4. In base alle istruzioni fornite nel kit di cortisolo, pipet 50 - L di campioni o standard in pozzi nella piastra. Pipet 75 l e 50 L di assaggio buffer nei pozzi di rilegatura non specifici (NSB) e i pozzi di rilegatura massima (Standard B0 o zero), rispettivamente.
  5. Aggiungere 25 l del cortisolo coniugato ad ogni pozzo utilizzando un pipet ripetitore. Quindi pipet 25 -L dell'anticorpo cortisolo in ogni pozzo, ad eccezione dei pozzi NSB. Toccare delicatamente i lati della piastra per assicurarsi che i reagenti siano ben miscelati.
  6. Coprire la piastra con il sigillante della piastra e agitare a temperatura ambiente per 1 h (a bassa velocità) utilizzando uno shaker orbitale.
  7. Togliere il sigillante e aspirare la piastra del pozzo lavando ogni pozzo con 300 .
  8. Asciugare la piastra toccando la piastra su asciugamani assorbenti puliti.
  9. Pipette 100 -L di substrato tetrametilbenzadina (TMB) (composizione fornita nel kit di cortisolo, Tabella deimateriali) ad ogni pozzo.
  10. Posizionare il sigillante sulla piastra del pozzo e incubare a RT per 30 min.
  11. Pipette 50 -L di soluzione di arresto per ogni pozzo.
  12. Posizionare la piastra del pozzo in un lettore di lamiere in grado di leggere 450 nm.
  13. Per calcolare la concentrazione finale dell'ormone, derivare la concentrazione finale di cortisolo di pelliccia in ng/mg di campione moltiplicando la concentrazione di ormone pg/mL con il volume dell'estratto finale (0,5 mL) e dividendo per la massa campione di pelliccia (60 mg).

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Representative Results

Il rilevamento di analisi dei metaboliti ormonali di interesse è determinato utilizzando il parallelismo. Utilizzando una curva di parallelismo, il punto di rilegatura del 50% determina anche il fattore di diluizione del campione sulla curva standard (Figura 1). Come mostrato nel grafico del parallelismo (Figura 1), gli estratti di etanolo al 100% e 100% isopropanol non hanno fornito uno spostamento parallelo rispetto allo standard cortisolo. Tuttavia, l'estratto di metanolo 100% ha fornito spostamento parallelo rispetto allo standard cortisolo. Gli estratti secchi sono stati eseguiti in modo pulito attraverso la diluizione nel tampone di analisi (100 - L di 100% etanolo e 400 l di tampone di analisi).

I coefficienti di variazione di analisi intra- (all'interno) e inter (tra) sono stati determinati da e basso (circa il 30%) estratti di dati di rilegatura eseguiti in tutti i saggi. Sulla base del grafico del parallelismo (Figura 1), i controlli interni di rilegatura 30% (basso) erano pool di estratto di koala pulito, mentre i controlli interni di rilegatura 70% (alto) erano 1:2 diluito koala estrarre pool. CV% per i controlli interni interni interni interni alti e bassi interni interni sono stati <15%.

Il margine di errore all'interno dell'analisi può essere determinato utilizzando il controllo qualità, inclusi i coefficienti di variazione intra-e inter-ssay, che dovrebbero essere <15%. La sensibilità del saggio è stata calcolata come il valore 2 deviazioni standard dalla risposta media dei campioni vuoti (rilegatura zero) ed espressa come 81,26 pg/well.

Figure 1
Figura 1: Parallelismo della pelliccia di koala in pool estratta utilizzando 3 diversi solventi (100% etanolo, isopropanolo 100% o 100% metanolo) contro la curva standard del cortisolo sotto un cortisolo enzima-immunoassay. B/TB è la percentuale di rilegatura rispetto all'associazione totale. Il fattore di diluizione seriale (ad esempio, 1:2X fattore medio di diluizione pari a 2) è stato fornito insieme alla concentrazione di ogni standard. Fare clic qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

In secondo luogo, l'associazione tra ogni estratto di solvente e standard di cortisolo è stata determinata utilizzando un grafico di regressione (Figura 2). Come illustrato nella Figura2, l'estratto di metanolo al 100% ha fornito la migliore linea di regressione con il valore R2 più alto rispetto agli estratti di etanolo 100% e 100%.

Figure 2
Figura 2: Grafici di regressione per l'associazione percentuale dello standard di cortisolo rispetto a ciascuno dei 3 solventi (etanolo, metanolo e isopropanolo) utilizzati per estrarre la pelliccia di koala. Il valore R2 è stato ottenuto dalla linea di migliore vestibilità. Fare clic qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Inoltre, è stato analizzato il sottoset di pelliccia di koala estratto utilizzando ciascuno dei tre solventi e i risultati sono riportati nella tabella 1 riportata di seguito. Come mostrato nella tabella 1, la concentrazione osservata dello standard di cortisolo era compresa nell'intervallo di 2879.61-125.70 pg/well. Né il metodo di estrazione dell'etanolo né dell'isopropanolo potrebbero ottenere coerenza nel risultato, poiché le concentrazioni di estratto di pelliccia ottenute utilizzando uno dei metodi hanno comportato un'altissima gamma di concentrazioni ormonali min-max (cfr. numeri contrassegnati dalla Tabella 1 in rosso), che erano oltre il limite di rilevazione del saggio cortisolo. Tuttavia, gli estratti di metanolo hanno provocato concentrazioni di cortisolo all'interno dell'intervallo dello standard cortisolo (come mostrato in grassetto numeri neri nella tabella 1). Inoltre, le concentrazioni di cortisolo di pelliccia rilevate mediante il metodo di estrazione del metanolo erano altamente coerenti rispetto ai risultati ottenuti utilizzando gli altri due metodi (cfr. tabella 1). Pertanto, accettiamo l'ipotesi nulla che il metanolo sia il solvente più adatto per l'estrazione dell'ormone della pelliccia koala rispetto all'etanolo e all'isopropanolo.

Table 1
Tabella 1: La concentrazione di cortisolo (ng/mg) per la pelliccia di koala (n - 18) estratta utilizzando 3 diversi solventi (etanolo, isopropanolo o metanolo) e viene eseguita contro la curva standard del cortisolo sotto un cortisolo enzima-immunoassay. I numeri rossi in grassetto mostrano concentrazioni incoerenti per estratti di etanolo e isopropanolo che erano al di là della gamma di saggi (pg/well). I numeri neri audaci mostrano le concentrazioni per il cortisolo di pelliccia estratto con metanolo che rientrava nell'intervallo degli standard cortisolo (pg/well). Fare clic qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Discussion

Ci sono una serie di studi che utilizzano una serie di tecniche per rilevare cortisolo nella pelliccia di mammifero. Questo studio presenta i risultati per la rilevazione del cortisolo nella pelliccia raccolta da un koala selvatico esposto allo stress antropogenico corrente. Questo studio innovativo usato pelliccia per testare quale dei tre solventi comunemente utilizzati sono meglio per estrarre cortisolo, una misura di stress cronico, dalla pelliccia koala. I risultati hanno mostrato che il metanolo al 100% era il solvente raccomandato per l'estrazione del cortisolo in questo tipo di pelliccia di mammifero.

L'etanolo, il metanolo e l'isopropanolo sono tutti alcoli primari che sono legati da molecole di idrogeno e sono comunemente utilizzati come solventi negli esperimenti di estrazione ormonale28. In generale, le sostanze polari si dissolvono meglio in altre sostanze polari, mentre le sostanze non polari si dissolvono meglio in altre sostanze non polari. Il gruppo alcolico contenente metanolo è molto polare, mentre il gruppo alcolfo contenente isopropanolo è molto non polare. Grazie alla sua costruzione molecolare, il gruppo alcolico contenente etanolo ha il vantaggio di essere sia un solvente polare che non polare. Ormoni steroidei come il cortisolo sono considerati non polari, il che significa che il cortisolo dovrebbe avere una forte associazione vincolante con solventi polari.

Per un'analisi più completa dei solventi di estrazione utilizzati per valutare lo stress fisiologico nella pelliccia di koala, i futuri progetti di ricerca dovrebbero tentare metodi identici in tale ordine come descritto nella Figura 3. Studi simili hanno storicamente eseguito il lavaggio prima della macinazione22, in modo da garantire che non vi sia sudore indesiderato e/o cortisolo derivato dal sebo depositato nel campione di pelliccia. Inoltre, è importante che la misurazione del cortisolo da solo non possa garantire un'indicazione completa dello stress cronico. Le letture del cortisolo dei capelli sono uno strumento prezioso quando si tenta di comprendere lo stress fisiologico sperimentato da un animale, ma l'elevata attività di HPA può verificarsi in una varietà di condizioni tra cui l'esercizio fisico, le anomalie metaboliche e la presenza di malattie infettive22. Altri fattori importanti che dovrebbero essere presi in considerazione per l'integrità principale dei dati ormonali includono i seguenti. (1) Il livello accettabile di errore casuale - i coefficienti di variazione ottenuti dai controlli interni (CV1 e CV2) devono essere mediati a <15% per tutti i saggi. (2) Errore casuale all'interno del test campione: i campioni duplicati eseguiti su ogni piastra devono avere un% CV di <15%; in caso contrario, sarà necessario rieseguire l'esempio. (3) Limite di rilevazione dei test - la concentrazione di ormone quantificato all'interno di ogni saggio deve essere entro il limite di rilevazione degli saggi (tra letture per la massima diluizione e standard pulito); altrimenti i campioni possono richiedere un'ulteriore diluizione (se i livelli rilevati per i campioni sono superiori alla concentrazione di standard standard). (4) Sensibilità del test - questo può essere influenzato dalla lettura del fondo (attacco non specifico), quindi è importante mantenere il più alto livello di garanzia della qualità per l'analisi (ad esempio, attrezzature come lavatrice a lamiera e lettore di lamiere devono essere servite regolarmente). (5) Essiccazione dell'estratto di campione - questo passaggio potrebbe provocare una potenziale contaminazione incrociata o perdita di campioni. Si raccomanda di essiccare singolarmente i campioni a vapore di gas N2 e di sostituire la pipetta Pasteur utilizzata per l'estrazione tra ciascun campione.

Figure 3
Figura 3: Diagramma di flusso concettuale che mostra i passi chiave coinvolti nella cortisola koala enzimatica-immunoassay (EIA). Fare clic qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

La procedura descritta in questo studio (Figura 3) è facilmente replicabile in quanto è relativamente facile da eseguire, metodologia passo-passo che incorpora sostanze chimiche prontamente disponibili, reagenti e forniture con attrezzature che potrebbero essere che si trovano in un laboratorio analitico standard. L'applicazione di questo studio consente di utilizzare una tecnica non invasiva per valutare lo stress fisiologico nei koala selvatici e in cattività.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Disclosures

Gli autori non hanno nulla da rivelare.

Acknowledgments

Questo lavoro è stato sostenuto attraverso finanziamenti di ricerca per le start-up per Edward Narayan attraverso la Western Sydney University, School of Science and Health. Gli autori ringraziano Jack Nakhoul per l'assistenza nell'elaborazione dei campioni.

Materials

Name Company Catalog Number Comments
Centrifuge Tubes n/a n/a 1.5 mL
Chrome Steel Beads n/a n/a 3.2 mm x 3
Cortisol Kit Arbor Assays K003-H1W Manufactured in Michigan USA
DetectX Cortisol Enzyme Immunoassay Kit Arbor Assays K003-H5 Used first-time for cortisol testing in koala fur
Ethanol n/a n/a HPLC Grade
Isopropanol n/a n/a HPLC Grade
Methanol n/a n/a HPLC Grade
Micro Pipette n/a n/a n/a
Micro Precision Sieve n/a n/a 0.5 mm
Microplate Reader Bio Radi n/a n/a
Microplate Washer Bio Radi n/a n/a
Orbital Shaker Bio Line n/a n/a
Plastic Weighing Boat n/a n/a n/a
Plate Sealer n/a n/a n/a
Precision Balance n/a n/a n/a
Vortex Mixer Eppendorf n/a n/a

DOWNLOAD MATERIALS LIST

References

  1. Sandhu, H. S., Crossman, N. D., Smith, F. P. Ecosystem services and Australian agricultural enterprises. Ecological Economics. 74, 19-26 (2012).
  2. Martinez-Ramos, M., Ortiz-Rodriguez, I. A., Pinero, D., Dirzo, R., Sarukhan, J. Anthropogenic disturbances jeopardize biodiversity conservation within tropical rainforest reserves. Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America. 113, (19), 5323-5328 (2016).
  3. Aukema, J. E., Pricope, N. G., Husak, G. J., Lopez-Carr, D. Biodiversity Areas under Threat: Overlap of Climate Change and Population Pressures on the World's Biodiversity Priorities. PLoS ONE. 12, (1), 0170615 (2017).
  4. MacDougall, A. S., McCann, K. S., Gellner, G., Turkington, R. Diversity loss with persistent human disturbance increases vulnerability to ecosystem collapse. Nature. 494, (7435), 86-89 (2013).
  5. Hrdina, F., Gordon, G. The Koala and Possum Trade in Queensland, 1906-1936. Australian Zoologist. 32, (4), 543-585 (2004).
  6. Narayan, E. J., Williams, M. Understanding the dynamics of physiological impacts of environmental stressors on Australian marsupials, focus on the koala (Phascolarctos cinereus). BMC Zoology. 1, (1), (2016).
  7. Woinarski, J., Burbidge, A. Phascolarctos cinereus. The IUCN Red List of Threatened Species 2016. (2016).
  8. Gonzalez-Astudillo, V., Allavena, R., McKinnon, A., Larkin, R., Henning, J. Decline causes of Koalas in South East Queensland, Australia: a 17-year retrospective study of mortality and morbidity. Scientific Reports. 7, 42587 (2017).
  9. Hing, S., Narayan, E. J., Thompson, R. C. A., Godfrey, S. S. The relationship between physiological stress and wildlife disease: consequences for health and conservation. Wildlife Research. 43, (1), 51-60 (2016).
  10. Whirledge, S., Cidlowski, J. Glucocorticoids, stree, and fertility. Minerva Endocrinologica. 35, (2), 109 (2010).
  11. Romero, L. M. Physiological stress in ecology: lessons from biomedical research. Trends in Ecology & Evolution. 19, (5), 249-255 (2004).
  12. McEwen, B. S., Wingfield, J. C. What is in a name? Integrating homeostasis, allostasis and stress. Hormones and Behavior. 57, (2), 105-111 (2010).
  13. Wingfield, J. C. The comparative biology of environmental stress: behavioural endocrinology and in ability to cope with novel, changing environments. Animal Behaviour. 85, (5), 1127-1133 (2013).
  14. Chrousos, G. P. Stress and disorders of the stress system. Nature Reviews Endocrinology. 5, (1), 374-381 (2009).
  15. Narayan, E. J., Webster, K., Nicolson, V., Mucci, A., Hero, J. M. Non-invasive evaluation of physiological stress in an iconic Australian marsupial: the Koala (Phascolarctos cinereus). General and Comparative Endocrinology. 187, 39-47 (2013).
  16. Mastromonaco, G. F., Gunn, K., McCurdy-Adams, H., Edwards, D. B., Schulte-Hostedde, A. I. Validation and use of hair cortisol as a measure of chronic stress in eastern chipmunks (Tamias striatus). Conservation Physiology. 2, (1), 055 (2014).
  17. Ashley, N. T., et al. Glucocorticosteroid concentrations in feces and hair of captive caribou and reindeer following adrenocorticotropic hormone challenge. General and Comparative Endocrinology. 172, (3), 382-391 (2011).
  18. Macbeth, B. J., Cattet, M. R. L., Stenhouse, G. B., Gibeau, M. L., Janz, D. M. Hair cortisol concentration as a noninvasive measure of long-term stress in free-ranging grizzly bears (Ursus arctos): considerations with implications for other wildlife. Canadian Journal of Zoology. 88, (10), 935-949 (2010).
  19. Dettmer, A. M., Novak, M. A., Suomi, S. J., Meyer, J. S. Physiological and behavioral adaptation to relocation stress in differentially reared rhesus monkeys: hair cortisol as a biomarker for anxiety-related responses. Psychoneuroendocrinology. 37, (2), 191-199 (2012).
  20. Di Francesco, J., et al. Qiviut cortisol in muskoxen as a potential tool for informing conservation strategies. Conservation Physiology. 5, (1), 052 (2017).
  21. Cattet, M., et al. Quantifying long-term stress in brown bears with the hair cortisol concentration: a biomarker that may be confounded by rapid changes in response to capture and handling. Conservation Physiology. 2, (1), 026 (2014).
  22. Meyer, J., Novak, M., Hamel, A., Rosenberg, K. Extraction and analysis of cortisol from human and monkey hair. Journal of Visualized Experiments. (83), e50882 (2014).
  23. Carlitz, E. H., et al. Measuring Hair Cortisol Concentrations to Assess the Effect of Anthropogenic Impacts on Wild Chimpanzees (Pan troglodytes). PLoS ONE. 11, (4), 0151870 (2016).
  24. Aderjan, R., Rauh, W., Vecsei, P., Lorenz, U., Ruttgers, H. Determination of cortisol, tetrahydrocortisol, tetrahydrocortisone, corticosterone, and aldosterone in human amniotic fluid. Journal of Steroid Biochemistry. 8, (1), 525-528 (1977).
  25. Nejad, J. G., Ghaseminezhad, M. A Cortisol Study; Facial Hair and Nails. Journal of Steroids & Hormonal Science. 7, (2), 177 (2016).
  26. Palme, R., Touma, C., Arias, N., Dominchin, M., Lepschy, M. Steroid extraction: get the best out of faecal samples. Veterinary Medicine Australia. 7, (2), 1-5 (2013).
  27. Davenport, M. D., Tiefenbacher, S., Lutz, C. K., Novak, M. A., Meyer, J. S. Analysis of endogenous cortisol concentrations in the hair of rhesus macaques. General and Comparative Endocrinology. 147, (3), 255-261 (2006).
  28. Kanse, K. S., Joshi, Y. S., Kumbharkhane, A. C. Molecular interaction study of ethanol in non-polar solute using hydrogen-bonded model. Physics and Chemistry of Liquids. 52, (6), 710-716 (2014).

Comments

0 Comments


    Post a Question / Comment / Request

    You must be signed in to post a comment. Please sign in or create an account.

    Usage Statistics