Login processing...

Trial ends in Request Full Access Tell Your Colleague About Jove

18.3: Il sistema nervoso simpatico
INDICE DEI
CONTENUTI

JoVE Core
Biology

A subscription to JoVE is required to view this content. You will only be able to see the first 20 seconds.

Education
The Sympathetic Nervous System
 
TRASCRIZIONE

18.3: Il sistema nervoso simpatico

Panoramica

Il sistema nervoso simpatico, una delle due principali divisioni del sistema nervoso autonomo, viene attivato in tempi di stress. Prepara il corpo ad affrontare le sfide di una circostanza impegnativa, inibendo allo stesso tempo le funzioni essenziali del corpo, come la digestione, che sono una priorità più bassa al momento.

Il sistema "Lotta o Fuga"

Da studente, potresti aver avuto l'esperienza di entrare in classe e trovare un esame a sorpresa che non ti aspettavi. Nel momento della realizzazione, puoi sentire il tuo intestino stringere, la bocca si asciuga e il tuo cuore inizia a correre all'improvviso. Questi sono segni del sistema simpatico che prende il sopravvento in preparazione per reagire. Mentre non si può essere in pericolo immediato, il sistema si è evoluto per facilitare la reazione immediata allo stress o minacce: il sangue è diretto lontano dal sistema digestivo e la pelle per aumentare l'approvvigionamento energetico ai muscoli. Inoltre, la frequenza cardiaca e il flusso sanguigno aumentano e le pupille si dilatano per massimizzare la percezione visiva. Allo stesso tempo, la ghiandola surrenale rilascia epinefrina nel sistema circolatorio. Il tuo corpo è ora pronto ad agire, sia che questo significhi fuggire rapidamente dal pericolo o combattere qualsiasi minaccia possa essere a portata di mano.

Controllo del sistema simpatico

Il sistema nervoso simpatico può essere attivato da varie parti del cervello, con l'ipotalamo che svolge un ruolo particolarmente importante. Le istruzioni simpatiche del sistema nervoso centrale vengono inviate dai neuroni preganici nelle parti toraciche e lombari del midollo spinale verso il sistema nervoso periferico, dove hanno i loro effetti finali, attraverso tre percorsi principali.

La prima via riguarda i neuroni preganglionici che si collegano a una catena vicina di gangli, gruppi di corpi cellulari neuronali, che corre lungo ogni lato della colonna vertebrale, spesso chiamata catena simpatica. Qui, il segnale attiva i neuroni postganglionici che viaggiano verso organi bersaglio o ghiandole per regolare la loro funzione. I loro effetti includono la dilatazione delle pupille, permettendo a più luce di entrare negli occhi; rilassamento delle vie aeree, che porta più ossigeno, e costrizione dei vasi sanguigni e aumento della frequenza cardiaca, spingendo più sangue ai muscoli.

Nel secondo percorso, i neuroni preganglionici inviano segnali ai gangli più lontani dal midollo spinale, vicino agli organi bersaglio. Qui, attivano i neuroni postganglionici che controllano l'attività di organi come lo stomaco, pancreas, fegato, intestini, vescica, e genitali. Gli effetti di questo percorso includono inibire la digestione e minzione, e orgasmi stimolanti.

Nel terzo percorso, un piccolo gruppo di neuroni preganionici viaggia dal midollo spinale direttamente alla ghiandola surrenale, dove stimolano la secrezione degli ormoni epinefrina e noradrenalina nel flusso sanguigno, contribuendo a mediare la risposta allo stress in tutto il corpo.

Stress cronico

Il sistema nervoso simpatico si è evoluto per consentire agli animali di rispondere al meglio alle minacce immediate come l'incontro improvviso con un predatore o un rivale. Mentre gli esseri umani hanno lasciato la maggior parte di quelle paure primordiali alle spalle, il sistema simpatico del corpo può ancora rispondere a situazioni stressanti nello stesso modo come quando si incontra un gatto della savana feroce. Questo include il rilascio degli ormoni epinefrina - chiamato anche adrenalina e cortisolo.

In condizioni normali, il sistema viene attivato brevemente e questi ormoni non sono presenti nel sistema circolatorio a lungo. Tuttavia, fattori di stress moderni nella nostra vita quotidiana possono sovra-attivare questo sistema ed esporre il corpo per periodi più lunghi, che possono avere effetti debilitanti. Questi possono includere ansia, depressione, malattie cardiache, aumento di peso, e disturbi del sonno. Le esigenze della vita universitaria possono essere impegnative, quindi è fondamentale impegnarsi in una sana gestione dello stress. Alcune strategie per gestire lo stress includono un'alimentazione sana, un sonno adeguato, il mantenimento delle relazioni sociali e la ricerca di consulenza professionale quando necessario.


Lettura consigliata

Get cutting-edge science videos from JoVE sent straight to your inbox every month.

Waiting X
simple hit counter