Trace paura condizionata in topi

Behavior

Your institution must subscribe to JoVE's Behavior section to access this content.

Fill out the form below to receive a free trial or learn more about access:

 

Summary

Nel seguente esperimento si descrive un protocollo per la traccia di paura condizionata nei topi. Questo tipo di memoria associativa comprende un periodo di traccia che separa lo stimolo neutro e lo stimolo incondizionato.

Cite this Article

Copy Citation | Download Citations | Reprints and Permissions

Lugo, J. N., Smith, G. D., Holley, A. J. Trace Fear Conditioning in Mice. J. Vis. Exp. (85), e51180, doi:10.3791/51180 (2014).

Please note that all translations are automatically generated.

Click here for the english version. For other languages click here.

Abstract

In questo esperimento presentiamo una tecnica per misurare l'apprendimento e la memoria. Nel protocollo di condizionamento trace paura presentato qui ci sono cinque abbinamenti tra uno stimolo neutro e uno stimolo incondizionato. C'è un periodo di traccia di 20 secondi che separa ogni prova condizionata. Sul seguente congelamento giorno viene misurata durante la presentazione dello stimolo condizionato (CS) e il periodo di analisi. Il terzo giorno è prevista una prova 8 min per misurare memoria contestuale. I risultati sono rappresentativi di topi che sono stati presentati con lo stimolo incondizionato avversivo (shock) rispetto ai topi che hanno ricevuto le presentazioni di tono, senza lo stimolo incondizionato. Trace condizionamento alla paura è stato utilizzato con successo per rilevare i deficit e miglioramenti di apprendimento e memoria sottili nei topi che non si trovano con altri metodi di condizionamento alla paura. Questo tipo di paura condizionata è ritenuta essere dipendente connessioni tra la corteccia prefrontale mediale e l'ippocampo. Una polemica attuale è se questo metodo si crede di essere amigdala-indipendente. Pertanto, è necessario un altro test di condizionamento paura per esaminare apprendimento e memoria effetti amigdala-dipendenti, ad esempio attraverso il ritardo condizionamento alla paura.

Introduction

In condizionamento alla paura uno stimolo neutro (NS) è accoppiato con uno stimolo incondizionato aversivo (US). Il NS è normalmente un tono e diventa uno stimolo condizionato (CS), attraverso abbinamenti ripetuti con gli Stati Uniti. Il CS può quindi provocare una risposta condizionata (CR), come il congelamento, in assenza del aversive US. Una paura protocollo condizionata comunemente usato è il ritardo condizionata. In questo protocollo l'insorgenza della NS e Stati Uniti è contiguo o con qualche sovrapposizione nella presentazione dello stimolo. Anche se il ritardo condizionamento alla paura è uno dei tipi più comunemente usati di temporale condizionata associativa, ci sono molti altri tipi di condizionamento associativo modalità temporali: il condizionamento simultanea, di condizionamento all'indietro, e la traccia di condizionamento 1. Nella traccia di paura condizionata c'è un intervallo libero da stimolo tra NS e gli Stati Uniti di alcuni secondi con un conseguente periodo di "traccia".

Diversi studi hanno riportato deficits in traccia paura condizionata quando le lesioni neurotossiche sono prodotte nelle strutture che l'input nei ippocampo 2-5 o quando gli agenti farmacologici sono usati per bloccare la funzione del recettore nell'ippocampo. Lesione ai risultati ippocampo in deficit nella traccia di condizionamento e condizionamento contestuale, ma non compromette il ritardo condizionamento alla paura 8. Ci sono molti vantaggi di utilizzare trace fear conditioning. Il protocollo condizionata paura può essere realizzato in un periodo di test di tre giorni e permette memoria ippocampo-dipendente che non è spazialmente dipendente. Tracciare paura condizionata può essere usata come test complementare al labirinto ad acqua di Morris, prova romanzo riconoscimento di oggetti, o altri test del labirinto a indagare memoria ippocampo-dipendente.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Protocol

I topi utilizzati nel seguente esperimento sono stati generati e ospitati presso la Baylor University a una temperatura ambiente di 22 ° C, con una luce 14 ore e 10 ore scuro (20:00-06:00 h) ciclo diurno. I topi sono stati dati ad libitum l'accesso al cibo e all'acqua. Tutte le procedure per i topi erano in conformità con il National Institutes of Linee guida per la salute per la cura e l'uso di animali da laboratorio e il protocollo animale è stato approvato dal Baylor University cura degli animali e del Comitato Usa.

Panoramica

Il compito paura traccia condizionata, basato su procedure descritte da Wiltgen e colleghi 9.

1. Preparazione delle attrezzature

Il timore camera di un'apparecchiatura di condizionamento (26 centimetri x 22 cm x 18 cm) costituito da due lati che sono acrilico, due lati che sono metallo ed estremità reticolati che viene utilizzato per erogare la scarica piede lieve. La camera di prova è la casad in un suono da camera attenuato. La camera è anche stretto luce per evitare che la luce esterna da influenzare il software di rilevamento del movimento.

  1. Calibrare i livelli di shock, livelli di luce, e livelli di intensità del suono per la camera di prova. Misurare il livello della camera di prova sfondo. Il rumore di fondo in questa camera è di 65 dB. Utilizzare un fonometro per misurare questo livello. Il contatore deve essere impostato a 70 dB, impostato su C, e al rilevamento impostazione lento.
    1. Calibrare il livello di shock a 0,5 mA. Utilizzare un dispositivo di calibrazione esterno per calibrare correttamente il livello di shock (vedi Materiali Tavolo). La misura interna del generatore scossa non è preciso. Il generatore di shock amministra uno shock criptato che non può essere misurata con precisione da un amperometro standard.
    2. Collocare un cavo su una delle sbarre di griglia e posizionare l'altro cavo 3 o 4 bar sopra. Utilizzare il generatore di shock per somministrare lo shock. Regolare il livello di shock fino a quando il livello corretto è raggiunto. Fate questo per EAch temere camera di condizionamento.
    3. Chiudere la porta alla camera quando si misura il livello di luminosità della camera. Calibrare livello la luce a circa 1,0. Questo è un numero specifico per il software FreezeFrame utilizzato in questo esperimento. Un esposimetro esterno leggerà questo come 2 lux. L'intensità luminosa può essere regolata spostando la posizione della luce casa o regolando il condensatore della lente. Assicurarsi di stringere le viti di regolazione per la lente dopo la regolazione.
    4. Calibrare il livello del suono di decibel a 85 dB. Utilizzare un misuratore di decibel esterno dentro la gabbia di test per calibrare il livello di decibel (vedi Materiali Tavolo). Il suono ha presentato sarà un tono di 2.700 Hz. Nota: Se si utilizzano topi di età superiore ai 6 mesi di età, può essere meglio usare rumore bianco dal momento che i topi più anziani possono avere deficit dell'udito.
  2. Dopo che l'apparecchio è pronto prendere i soggetti in una stanza un'azienda distinta. Nota: non ospitare il mouse nella stessa stanza come sala prove.
  3. Label the coda dei topi che saranno testati in ordine delle prove. E 'meglio ridurre le eccessive manipolazioni prima del test. In alternativa, le code possono essere etichettati il ​​giorno prima dell'esperimento per ridurre lo stress da maneggiamento. Dopo i topi sono stati etichettati permettono loro di acclimatarsi alla camera per 30 min. Avere gabbie in più pulite per alloggiare i topi dopo il test è stato completato.

2. Traccia condizionata Day 1

  1. Rimuovere ogni mouse dalla gabbia e metterli in gabbie individuali per il trasporto alla paura camera di condizionamento. Utilizzare biancheria pulita per ogni gabbia. Mettere una nota adesiva sulla gabbia di trasferimento per mantenere l'ordine dei topi testare il corretto. Nota: se i topi sono alloggiati singolarmente quindi possono essere trasportati nella loro gabbia casa.
  2. Posizionare il mouse nella camera di prova e chiudere la porta. Avviare il programma software.
  3. Il giorno di formazione, consentono ai topi di esplorare la camera per 3 min. Il software presenta poi un secondo tono (85 dB, 2.700 Hz) t 20o l'animale. Dopo un periodo di traccia 20 sec una leggera scossa (2 sec, 0,5 mA) viene somministrato all'animale.
  4. Registrare la reazione del soggetto per confermare che hanno ricevuto i stimoli avversi visualizzando il video. Un intervallo inter-trial 200 sec separa le 5 prove di condizionamento. Ogni prova è costituito da un tono 20 secondi seguita da un ritardo di 20 sec poi uno shock.
  5. Al termine del test consentire agli animali di rimanere nella camera di prova per 1 min prima di rimuoverla dalla gabbia test.
  6. Posizionare l'animale torna nella gabbia trasferimento e tornare alla sua gabbia casa. Se ci sono i topi aggiuntivi nella loro gabbia casa poi ospitare singolarmente il mouse fino a quando tutti i test completo topi. Ciò consentirà di ridurre lo stress all'altra topi che non sono stati testati. Una soluzione alternativa potrebbe essere quella di alloggiare singolarmente tutti i topi una settimana prima del test per ridurre l'influenza di rimuovere in continuo topi da una gabbia.
  7. Pulire la camera di prova con il 30% di isopropanolo dopo each animale è testato.
  8. Ripetere i passaggi 2,2-2,7 per tutti i mouse nella coorte di test.
  9. Rientro tutti i topi nella loro stanza colonia dopo l'ultimo mouse nella coorte è stato testato.

3. Trace paura condizionata Day 2: Prove di memoria Trace

  1. Test sulla memoria Trace avverrà il giorno 2. In questo protocollo ci sono 3 presentazioni di tono. Posizionare il mouse in un nuovo contesto per la prova traccia condizionata.
  2. Preparare il software per eseguire un programma con un periodo di riferimento 2 min seguita da tre presentazioni del 20 tono sec. C'è sa 220 sec ITI tra ogni presentazione di tono.
  3. Per il nuovo condizione di contesto, posizionare inserti acriliche chiare sul pavimento della camera a modificare la forma, la consistenza e il colore della camera di condizionamento.
  4. Cambiare l'odore nella camera posizionando l'estratto di vaniglia in una barca pesare sotto l'inserto pavimento.
  5. Pulire la camera con il 70% di etanolo invece del 30% di isopropanolo. Nota: Questo aiuteràper creare un contesto romanzo.
  6. Portare i topi nella stanza detenzione e relabel loro code per la prova, se necessario.
  7. Preparare nuove gabbie di trasferimento contesto sostituendo le lenzuola con carta straccia. Nota: Ciò contribuirà a creare un ambito romanzo.
  8. Posizionare il mouse nella camera di prova quindi avviare il programma. Pulire la camera con il 70% di etanolo dopo che il test è stato completato.
  9. Riportare i topi per loro gabbia casa dopo la traccia di condizionamento è completata. Rientro tutti i topi nella loro stanza colonia quando tutti i topi sono stati testati.

4. Trace paura condizionata Giorno 3: Prove di memoria contestuale

  1. Il terzo giorno di condizionamento contestuale è condotta. Preparare il software per eseguire un programma per registrare il comportamento di congelamento per 8 min.
  2. Pulire la camera con il 30% di isopropanolo prima delle prove e dopo aver testato ogni mouse. Il contesto deve essere identica a quella del giorno 1. Le gabbie di trasferimento devono essere le stesse in 1 giorno.
  3. Collocare ogni mouse nella camera di prova quindi avviare il programma. Pulire la camera con il 30% di isopropanolo al termine del test.
  4. Rientro tutti i topi nella loro stanza colonia una volta completato.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Representative Results

Per i risultati rappresentativi presentiamo i dati di controllo C57BL/6J topi adulti che hanno ricevuto gli abbinamenti stimolo neutro con lo stimolo incondizionato (condizione di shock) rispetto ai topi che hanno ricevuto lo stimolo neutro, ma non hanno ricevuto lo stimolo incondizionato (nessuna condizione di shock). È importante eseguire questa condizione quando prima configurazione di questa prova comportamentale per determinare se il protocollo è stato eseguito correttamente.

I dati della figura 1 rappresentano il giorno formazione dei topi C57BL/6J nel test condizionata traccia paura. In generale non è necessario confrontare i gruppi in tutte le condizioni durante la giornata di formazione. Tuttavia è utile esaminare il periodo di riferimento per valutare se vi siano differenze iniziali di riferimento. Non abbiamo osservato differenze nei livelli di congelamento in condizioni originarie t (1,10) = 0.6, p = 0.56. Questo dimostra che non ci sono differenze iniziali di congelamento levels. In generale ci sono livelli bassi di congelamento ai processi di apprendimento precoce, ma c'è un aumento dei comportamenti di congelamento negli studi condizionata accoppiamento. Quando abbiamo eseguito un misto modello ANOVA che ha analizzato le differenze tra lo shock e Nessuna condizione Shock oltre le 16 periodi abbiamo trovato un effetto principale del gruppo F (1,10) = 60.3, p <0,001. C'era un effetto principale del gruppo F (1,10) = 215.9, p <0,001, e un gruppo dall'interazione tempo F (1,10) = 133,9, p <0.001. L'analisi dimostra che vi era una differenza nel significato acquisizione tra i due gruppi.

I dati per la figura 2 illustrano il comportamento di congelamento tra i topi che avevano abbinamenti tono d'urto (Shock Stato) e il mouse che hanno ricevuto la stessa procedura senza l'abbinamento di shock (No Condizione Shock) di tutti i 5 toni di condizionamento prove. I topi nella condizione Shock formarono un'associazione tra le coppie d'urto tono in traccia paura condizionata. Un misto-Design ANOVA è stato utilizzato per esaminare l'effetto principale di apprendimento per il gruppo F (1, 10) = 83.48, p <0,001. C'è stato anche un effetto principale di condizionamento prove (tempo) F (3,30) = 24.83, p <0,001, e l'interazione in tempo X gruppo F (3,30) = 4.7, p <0.01. Dato che c'era un'interazione x tempo di gruppo, t-test separati per punto temporale sono stati condotti per valutare la differenza tra i gruppi ad ogni tempo. T-test separati rivelano una differenza significativa tra i gruppi al basale t (1,10) = 6.8, p <0,001; tono t (1,10) = 8.6, p <0,001; periodo trace t (1,10) = 5.3 , p <0,001, e l'inter-trial intervallo t (1,10) = 5.1, p <0,001. Per il tono, periodo traccia, e l'intervallo inter-trial i dati sono stati in media tra i tre presentazioni. I dati dimostrano che l'esperimento condizionata traccia prodotta successo differenze di apprendimento al protocollo traccia condizionata.

I dati per la figura 3 mostrano il congelamentozione comportamento tra i topi che avevano abbinamenti tono di shock (shock Stato) ed i topi che hanno ricevuto la stessa procedura senza l'abbinamento di shock (No Condizione Shock) nella condizione contesto. La sperimentazione condizione di contesto è stata presentata 48 ore dopo traccia condizionata è implementato. I topi nella condizione Shock era significativamente maggiore di congelamento nel contesto originale del No Shock Condition topi F (1,10) = 12.5, p <0.01. C'era anche un effetto principale di tempo F (7,70) = 5.5, p <0,001, tuttavia, non vi era alcuna interazione tra tempo e gruppo F (7,70) = 0,78, p = 0,61. I dati dimostrano che il esperimento condizionata traccia prodotta con successo apprendimento contestuale quando il CS è stato accoppiato con un US in traccia paura condizionata.

Figura 1
Figura 1.I dati della giornata di formazione della traccia di paura condizionata. Le barre nere rappresentano i dati dal mouse che hanno ricevuto lo stimolo incondizionato avversivo (shock). Le barre rosse rappresentano topi che non hanno ricevuto lo stimolo incondizionato avversione (senza shock), ma hanno ricevuto gli stimoli tono. Le barre rappresentano la media ± errore standard della media (SEM) per cento di congelamento per i topi durante la giornata di formazione.

Figura 2
Figura 2. Dati da topi nel test tono seguente traccia paura condizionata. I topi che hanno ricevuto lo stimolo incondizionato (condizione Shock) aveva più di congelamento rispetto ai topi che non hanno ricevuto la scossa (No Condizione Shock) nella linea di base, il tono, rintracciare, e l'intervallo tra le prove (ITI). Le barre rappresentano la media± errore standard della media (SEM) per cento congelamento per topi durante la prova tono. Astericks (***) indicano una differenza gruppo significativo (p <0,001).

Figura 3
Figura 3. Dati di topi sottoposti alla prova di contesto seguente traccia paura condizionata. L'topi che hanno ricevuto lo shock aveva più congelamento rispetto ai topi nella condizione n Shock nella condizione di test contesto attraverso la prova di 8 min. I punti di dati rappresentano la media ± errore standard della media (SEM) per cento congelamento per topi durante la prova contesto. Astericks (***) indicano una differenza gruppo significativo (p <0,001).

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Discussion

Ci sono stati diversi studi che hanno chiarito i circuiti neurali che sottende traccia paura condizionata. Trace condizionamento alla paura si ritiene di coinvolgere il CA1 dell'ippocampo 12-14. Vi sono anche prove che la corteccia prefrontale mediale (mPFC) gioca un ruolo importante nella traccia occhiolino condizionata 15 e il mPFC è stato trovato per essere coinvolti in traccia paura condizionata. Uno studio ha trovato che i neuroni mPFC forniscono attività sostenuta durante il periodo di analisi, fornendo così una struttura che possa sostenere la memoria durante l'intervallo traccia 17.

Esaminando il ruolo del mPFC è possibile esaminare la linea temporale degli eventi molecolari a formare una memoria associativa. Runyan et al. 16 hanno trovato che inibendo la chinasi segnale-regolata extracellulare (ERK) nel mPFC interferito con la conservazione della memoria, ma non hanno interferito con la codifica della memoria. Inoltre, un aumento phosphorylated ERK nella corteccia prefrontale stato riferito in precedenza che nell'ippocampo. Poiché ERK è creduto per essere coinvolti nella memoria a lungo termine, il mPFC può essere una struttura critica coinvolto nella ritenzione di memoria a lungo termine. Altri studi potrebbero esaminare il ruolo delle altre vie di segnalazione nella memoria a lungo termine e l'interazione tra il mPFC e nell'ippocampo.

Un altro uso della traccia di paura condizionata è nell'esame di apprendimento e memoria alterazioni a carico dell'ippocampo sottili. Manipolazioni genetiche che riducono l'inibizione GABAergica migliorare traccia condizionata senza alterare ritardo condizionamento alla paura. Un altro studio ha trovato che traccia la paura condizionata è stata migliorata solo nei topi femmina che mancava il GABAA δ subunità 9. Uno studio separato ha trovato che traccia la paura condizionata è aumentata nei topi che mancano GABAA α4 22. Pertanto, tracciare condizionamento alla paura può essere utile esaminare i miglioramenti di apprendimento e memoria ippocampo-dipendente sottili odeficit r. Trace condizionamento può essere abbastanza sensibile per rilevare l'effetto di neurosteroidi sull'attività GABAeric simili a ciò che è stato trovato con un contestuale paura protocollo condizionata 23. Questo potrebbe essere una considerazione importante quando si esaminano deficit di apprendimento e memoria in un ko o topo transgenico in cui vengono utilizzati topi maschi e femmine.

Anche se c'è un sacco di prove che traccia la paura condizionata può essere utile esaminare il ruolo della mPFC e l'ippocampo, vi è una certa polemica se traccia paura condizionata è amigdala-indipendente. In un report hanno effettuato uno studio in doppio dissociazione per esaminare il contributo della amigdala e l'ippocampo di tracciare e ritardare la paura condizionata 24. Quando hanno inattivato l'amigdala dal agonista GABAA muscimolo c'era compromissione di condizionamento contestuale e ritardo, senza interrompere l'acquisizione o il consolidamento della traccia di paura condizionata. Inattivazione del secoloippocampo dorsale e compromessa traccia condizionata e della memoria contestuale, senza compromettere ritardo condizionamento alla paura. Anche se questi risultati sostengono fortemente che traccia la paura condizionata non richiede l'amigdala, altri studi hanno trovato risultati contrastanti 25-27. Kwapis et al. 25 hanno trovato che il consolidamento di ritardo e tracciare condizionamento alla paura sia interrotta da infusione della proteina sintesi inibitore anisomysin nella amigdala basolaterale. Anche se queste carte sembrano contraddirsi l'un l'altro ci sono molte differenze procedurali che devono essere presi in considerazione quando si esegue traccia paura condizionata.

Nell'esaminare traccia di paura condizionata, è importante considerare diversi parametri sperimentali. Uno è il tipo di animale da utilizzare in questo tipo di condizionamento associativo. Lo studio di Kwapis et al. 25 ratti utilizzati e le Raybuck e Lattal 24 di studio topi utilizzati in modo lìpossono essere differenze di specie nella neurocircuitry che sottende traccia paura condizionata. Il protocollo descritto in questo documento è progettato per i topi. Questo protocollo può essere utilizzato per ratti o altre specie ma studi di convalida che utilizzano un disegno sperimentale doppia dissociazione per inattivare l'amigdala e l'ippocampo dovrà essere eseguita per determinare la validità in altri animali.

Un'altra considerazione è il numero di traccia condizionamento prove nel giorno di formazione. Può essere che più o meno le prove di condizionamento potrebbero influenzare cui le strutture neurali vengono reclutati in traccia di paura condizionata. In questo protocollo sono stati usati cinque prove condizionamento. Se si aggiungono le prove di condizionamento supplementari allora ci potrebbe essere l'attivazione ulteriore di altre strutture neurali che diventano assunti con gli accoppiamenti supplementari. Inoltre, il periodo di traccia potrebbe essere allungato o accorciato se il numero di coppie deve essere alterato. Tuttavia, vi è qualche evidenza che shointervalli di traccia rt non si impegnano l'ippocampo e possono produrre risultati simili per ritardare paura condizionata, che non ha alcun intervallo tra la presentazione del CS e Stati Uniti. Pertanto un intervallo di traccia che vanno dal 15-20 sec è stata riportata in diversi studi per impegnare l'ippocampo. Un'altra modifica potrebbe essere la forza dello stimolo incondizionato. Nel protocollo presentato qui la scossa è stato fissato a 0,5 mA. Se sono necessari accoppiamenti supplementari il livello di shock potrebbe essere abbassato a 0,3 mA. Se sono necessari un minor numero di colpi, quindi il livello di shock potrebbe essere fissato a 0,7 mA. A livello di shock superiore a 0,7 mA dovrebbe essere evitato.

Quando si esegue studi di convalida per ippocampo-dipendente traccia condizionata una considerazione è quando la struttura neurale è inattivato. È stato trovato che i circuiti alternativi possono essere utilizzati in contestuale paura condizionata che non utilizzano l'ippocampo quando esso è inattivato prima formazione. Pertanto, i tempi di inattivazione di dstrutture neurali ifferent durante traccia condizionata è una considerazione importante.

Un'altra considerazione importante per condizionamento alla paura esperimenti è il livello di base. Il livello di base è importante segnalare quanto molti studi sottraggono i livelli di base dai livelli di gelo durante la presentazione tono 32 o sottrarre i livelli basali dalla inter-trial intervallo 33. Queste manipolazioni sono il presupposto di fondo che i livelli di base sono gli stessi gruppi di tutto. Tuttavia, una correlazione positiva e 'stato segnalato tra i livelli basali di paura e livelli di tono paura 34. La carta da Jacobs et al. 34 descrive diverse strategie per ridurre i livelli di base e come per tenere conto di livelli di base durante il condizionamento alla paura. Queste sono considerazioni importanti quando si utilizza il metodo del rapporto di congelamento in tono condizionata rispetto ai livelli base, utilizzando il metodo di sottrazione, o quando si utilizza the il metodo di base covariate per tenere conto di differenze nel livello di base.

Quando prima stabilire paura condizionata, un altro controllo importante è l'uso di un gruppo di controllo spaiato. Il gruppo di controllo spaiato può essere costituito da un apparato sperimentale dove ci sono intervalli casuali tra la presentazione del CS e Stati Uniti. Un altro approccio può essere dove il CS e US sono presentati in giorni diversi 29. Il gruppo di controllo spaiato è utile per determinare gli effetti non associative come la sensibilizzazione, lo stress novità, pseudoconditioning, e di altri fattori che possono contribuire al comportamento di congelamento. Smith et al. 29, descrive l'uso di diversi tipi di traccia paura protocolli di condizionamento e come possono essere ottimizzati per ridurre gli effetti non associative in tre diversi ceppi di topi. Queste sono considerazioni importanti quando l'ottimizzazione di condizionamento alla paura nei topi.

Trace paura condizionata offre Several vantaggi che possono integrare le risultanze in ritardo condizionamento alla paura e l'apprendimento spaziale. Tuttavia, si deve essere consapevoli che la scelta del roditore, il numero di tracce di condizionamento prove, e la tempistica di manipolazione circuito può alterare in modo significativo l'esito e l'interpretazione dei risultati. Un'altra limitazione è che è controverso se traccia paura condizionata può essere utilizzato per esaminare apprendimento amigdala-dipendente. Questa può essere una limitazione quando prima esaminare l'effetto di un trattamento o un animale knockout. In termini di strategia sarebbe meglio usare prima un protocollo di condizionamento ritardo temuto che può esaminare l'apprendimento amigdala-dipendente e la memoria e contestuale condizionata, che è ippocampo-dipendente. Si può quindi utilizzare un altro gruppo di soggetti ad esaminare ulteriormente apprendimento e memoria differenze nella traccia paura condizionata.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Disclosures

Gli autori non hanno nulla da rivelare.

Acknowledgments

Questo lavoro è supportato da una concessione Research Council Baylor University e da un assegno di ricerca della Fondazione Epilessia.

Materials

Name Company Catalog Number Comments
FreezeFrame Coulbourn
30% Isopropanol Purchase 90% isopropanol and dilute it down to 30%
70% Ethanol
Amp-meter Med-Associates ENV-420 Windows XP, Vista, and 7 Compatible (32-bit only)
Digital Sound Level Meter 33-2055
Vanilla Extract McCormick Pure Vanilla Extract
Sticky Notes Post-it 3 in x 3 in

DOWNLOAD MATERIALS LIST

References

  1. Powell, R. A., Honey, P. L., Symbaluk, D. G. Introduction to learning and behavior. 4th ed, Wadsworth Cengage Learning. Forthcoming.
  2. Tsaltas, E., Preston, G. C., Gray, J. A. The effects of dorsal bundle lesions on serial and trace conditioning. Behav. Brain Res. 10, 361-374 (1983).
  3. McAlonan, G. M., Dawson, G. R., Wilkinson, L. O., Robbins, T. W., Everitt, B. J. The effects of AMPA-induced lesions of the medial septum and vertical limb nucleus of the diagonal band of Broca on spatial delayed non-matching to sample and spatial learning in the water maze. Eur. J. Neurosci. 7, 1034-1049 (1995).
  4. Chowdhury, N., Quinn, J. J., Fanselow, M. S. Dorsal hippocampus involvement in trace fear conditioning with long, but not short, trace intervals in mice. Behav. Neurosci. 119, 1396-1402 (2005).
  5. Quinn, J. J., Oommen, S. S., Morrison, G. E., Fanselow, M. S. Post-training excitotoxic lesions of the dorsal hippocampus attenuate forward trace, backward trace, and delay fear conditioning in a temporally specific manner. Hippocampus. 12, 495-504 (2002).
  6. Misane, I., et al. Time-dependent involvement of the dorsal hippocampus in trace fear conditioning in mice. Hippocampus. 15, 418-426 (2005).
  7. Quinn, J. J., Loya, F., Ma, Q. D., Fanselow, M. S. Dorsal hippocampus NMDA receptors differentially mediate trace and contextual fear conditioning. Hippocampus. 15, 665-674 (2005).
  8. McEchron, M. D., Bouwmeester, H., Tseng, W., Weiss, C., Disterhoft, J. F. Hippocampectomy disrupts auditory trace fear conditioning and contextual fear conditioning in the rat. Hippocampus. 8, 638-646 (1998).
  9. Wiltgen, B. J., Sanders, M. J., Ferguson, C., Homanics, G. E., Fanselow, M. S. Trace fear conditioning is enhanced in mice lacking the delta subunit of the GABAA receptor. Learn. Mem. 12, 327-333 (2005).
  10. Davis, R. R., et al. Genetic basis for susceptibility to noise-induced hearing loss in mice. Hear. Res. 155, 82-90 (2001).
  11. Zheng, Q. Y., Johnson, K. R., Erway, L. C. Assessment of hearing in 80 inbred strains of mice by ABR threshold analyses. Hear. Res. 130, 94-107 (1999).
  12. Moyer, J. R., Thompson, L. T., Disterhoft, J. F. Trace eyeblink conditioning increases CA1 excitability in a transient and learning-specific manner. 16, 5536-5546 (1996).
  13. Leuner, B., Falduto, J., Shors, T. J. Associative memory formation increases the observation of dendritic spines in the hippocampus. J. Neurosci. 23, 659-665 (2003).
  14. McEchron, M. D., Disterhoft, J. F. Hippocampal encoding of non-spatial trace conditioning. Hippocampus. 9, 385-396 (1999).
  15. McLaughlin, J., Skaggs, H., Churchwell, J., Powell, D. A. Medial prefrontal cortex and pavlovian conditioning: trace versus delay conditioning. Behav. Neurosci. 116, 37-47 (2002).
  16. Runyan, J. D., Moore, A. N., Dash, P. K. A role for prefrontal cortex in memory storage for trace fear conditioning. J. Neurosci. 24, 1288-1295 (2004).
  17. Gilmartin, M. R., McEchron, M. D. Single neurons in the medial prefrontal cortex of the rat exhibit tonic and phasic coding during trace fear conditioning. Behav. Neurosci. 119, 1496-1510 (2005).
  18. Crow, T., Xue-Bian, J. J., Siddiqi, V., Kang, Y., Neary, J. T. Phosphorylation of mitogen-activated protein kinase by one-trial and multi-trial classical conditioning. J. Neurosci. 18, 3480-3487 (1998).
  19. Martin, K. C., et al. MAP kinase translocates into the nucleus of the presynaptic cell and is required for long-term facilitation in Aplysia. Neuron. 18, 899-912 (1997).
  20. Crestani, F., et al. Trace fear conditioning involves hippocampal alpha5 GABA(A) receptors. Proc. Natl. Acad. Sci. U.S.A. 99, 8980-8985 (2002).
  21. Crestani, F., et al. Decreased GABAA-receptor clustering results in enhanced anxiety and a bias for threat cues. Nat. Neurosci. 2, 833-839 (1999).
  22. Moore, M. D., et al. Trace and contextual fear conditioning is enhanced in mice lacking the alpha4 subunit of the GABA(A) receptor. Neurobiol. Learn. Mem. 93, 383-387 (2010).
  23. Cushman, J. D., Moore, M. D., Jacobs, N. S., Olsen, R. W., Fanselow, M. S. Behavioral pharmacogenetic analysis on the role of the alpha4 GABA(A) receptor subunit in the ethanol-mediated impairment of hippocampus-dependent contextual learning. Alcohol Clin. Exp. Res. 35, 1948-1959 (2011).
  24. Raybuck, J. D., Lattal, K. M. Double dissociation of amygdala and hippocampal contributions to trace and delay fear conditioning. PLoS ONE. 6, (2011).
  25. Kwapis, J. L., Jarome, T. J., Schiff, J. C., Helmstetter, F. J. Memory consolidation in both trace and delay fear conditioning is disrupted by intra-amygdala infusion of the protein synthesis inhibitor anisomycin. Learn. Mem. 18, 728-732 (2011).
  26. Gilmartin, M. R., Kwapis, J. L., Helmstetter, F. J. Trace and contextual fear conditioning are impaired following unilateral microinjection of muscimol in the ventral hippocampus or amygdala, but not the medial prefrontal cortex. Neurobiol. Learn. Mem. 97, 452-464 (2012).
  27. Baysinger, A. N., Kent, B. A., Brown, T. H. Muscarinic receptors in amygdala control trace fear conditioning. PLoS ONE. 7, (2012).
  28. Wanisch, K., Tang, J., Mederer, A., Wotjak, C. T. Trace fear conditioning depends on NMDA receptor activation and protein synthesis within the dorsal hippocampus of mice. Behav. Brain. 157, 63-69 (2005).
  29. Smith, D. R., Gallagher, M., Stanton, M. E. Genetic background differences and nonassociative effects in mouse trace fear conditioning. Learn. Mem. 14, 597-605 (2007).
  30. Rudy, J. W., O'Reilly, R. C. Contextual fear conditioning, conjunctive representations, pattern completion, and the hippocampus. Behav. Neurosci. 113, 867-880 (1999).
  31. Wiltgen, B. J., Sanders, M. J., Anagnostaras, S. G., Sage, J. R., Fanselow, M. S. Context fear learning in the absence of the hippocampus. J. Neurosci. 26, 5484-5491 (2006).
  32. Reijmers, L. G., Perkins, B. L., Matsuo, N., Mayford, M. Localization of a stable neural correlate of associative memory. Science. 317, 1230-1233 (2007).
  33. Huerta, P. T., Sun, L. D., Wilson, M. A., Tonegawa, S. Formation of temporal memory requires NMDA receptors within CA1 pyramidal neurons. Neuron. 25, 473-480 (2000).
  34. Jacobs, N. S., Cushman, J. D., Fanselow, M. S. The accurate measurement of fear memory in Pavlovian conditioning: Resolving the baseline issue. J. Neurosci. Methods. 190, 235-239 (2010).

Comments

0 Comments


    Post a Question / Comment / Request

    You must be signed in to post a comment. Please or create an account.

    Usage Statistics