Utilizzo di Caenorhabditis elegans per studiare gli effetti trans e multigenerazionali dei tossici

Environment

Your institution must subscribe to JoVE's Environment section to access this content.

Fill out the form below to receive a free trial or learn more about access:

 

Summary

Gli effetti trans e multigenerazionali delle sostanze chimiche persistenti sono essenziali per giudicare le loro conseguenze a lungo termine nell'ambiente e sulla salute umana. Forniamo nuovi metodi dettagliati per studiare gli effetti trans e multigenerazionali utilizzando il nematode free-living Caenorhabditis elegans.

Cite this Article

Copy Citation | Download Citations | Reprints and Permissions

Li, Z., Ai, F., Zhang, J., Yu, Z., Yin, D. Using Caenorhabditis elegans for Studying Trans- and Multi-Generational Effects of Toxicants. J. Vis. Exp. (149), e59367, doi:10.3791/59367 (2019).

Please note that all translations are automatically generated.

Click here for the english version. For other languages click here.

Abstract

Le informazioni sulle tossicità delle sostanze chimiche sono essenziali nella loro applicazione e nella gestione dei rifiuti. Per le sostanze chimiche a basse concentrazioni, gli effetti a lungo termine sono molto importanti nel giudicarne le conseguenze nell'ambiente e sulla salute umana. Nel dimostrare influenze a lungo termine, gli effetti delle sostanze chimiche nel corso delle generazioni negli studi recenti forniscono nuove informazioni. Qui, descriviamo protocolli per studiare gli effetti delle sostanze chimiche su più generazioni utilizzando nematode Caenorhabditis elegansfree-living . Sono presentati due aspetti: (1) studi di effetti transgenerazionali (TG) e (2) di effetti multigenerazionali, quest'ultimo dei quali è separato da studi di esposizione multigenerazionale (MGE) e residuio multigenerazionale (MGR). Lo studio sugli effetti TG è robusto con un semplice scopo per determinare se l'esposizione chimica ai genitori può provocare conseguenze residue sulla prole. Dopo che gli effetti sono misurati sui genitori, le soluzioni di ipoclorito di sodio vengono utilizzate per uccidere i genitori e mantenere la prole in modo da facilitare la misurazione degli effetti sulla prole. Lo studio sugli effetti TG viene utilizzato per determinare se la prole è interessata quando il genitore è esposto agli inquinanti. Lo studio degli effetti MGE e MGR viene utilizzato sistematicamente per determinare se l'esposizione generazionale continua può provocare risposte adattative nella prole nel corso delle generazioni. Un attento pick-up e trasferimento sono utilizzati per distinguere le generazioni per facilitare la misurazione degli effetti su ogni generazione. Abbiamo anche combinato protocolli per misurare il comportamento di locomozione, la riproduzione, la durata della vita, i cambiamenti biochimici e dell'espressione genica. Alcuni esperimenti di esempio sono presentati anche per illustrare gli studi sugli effetti trans e multigenerazionali.

Introduction

L'applicazione e la gestione dei rifiuti di sostanze chimiche dipende fortemente dalle informazioni dei loro effetti a determinate concentrazioni. In particolare, il tempo è un altro elemento essenziale tra effetti e concentrazioni. Vale a dire, le sostanze chimiche, soprattutto quelle a basse concentrazioni negli ambienti reali, hanno bisogno di tempo per provocare effetti misurabili1. Pertanto, i ricercatori organizzano diverse lunghezze della durata dell'esposizione negli esperimenti sugli animali e coprono anche l'intero ciclo di vita. Ad esempio, i topi sono stati esposti alla nicotina per 30, 90 o 180 giorni per studiare i suoi effetti tossici 2. Tuttavia, tali durate di esposizione non sono ancora sufficienti a chiarire gli effetti a lungo termine degli inquinanti (ad esempio, inquinanti organici persistenti [POP]) che possono durare su generazioni di organismi nell'ambiente. Pertanto, gli studi sugli effetti nel corso delle generazioni stanno guadagnando sempre più attenzione.

Ci sono due aspetti principali negli studi di effetti generazionali. Il primo è lo studio dell'effetto transgenerazionale (TG) che può verificare in modo robusto se l'esposizione chimica ai genitori può comportare conseguenze sulla prole3. Il secondo è uno studio multigenerazionale degli effetti che è più sistematico con considerazioni sia in esposizione che in quelli residui. Da un lato, gli effetti dell'esposizione multigenerazionale (MGE) vengono utilizzati per illustrare le risposte adattive negli animali agli ambienti difficili a lungo termine. D'altra parte, gli effetti residui multigenerazionali (MGR) sono utilizzati per dimostrare le conseguenze residue a lungo termine dopo l'esposizione, poiché l'esposizione materna è accompagnata da esposizione embrionale alla prima prole e all'esposizione germinale alla seconda prole che rende la terza prole come la prima generazione completamente fuori esposizione4.

Anche se i mammiferi (ad es. topi) sono organismi modello negli studi di tossicità soprattutto in relazione agli esseri umani, la loro applicazione nello studio degli effetti generazionali è piuttosto dispendiosa in termini di tempo, costosa ed eticamente relativa 5 . Di conseguenza, gli organismi tra cui il crostaceo Daphnia magna6, gli insetti Drosophila melanogaster7 e il pesce zebra Danio rerio8, forniscono scelte alternative. Tuttavia, questi organismi o mancano di somiglianze con gli esseri umani, o richiedono attrezzature specifiche negli studi.

Caenorhabditis elegans è un piccolo nematode free-living (circa 1 mm di lunghezza) con un breve ciclo di vita (circa 84 h a 20 gradi centigradi)9. Questo nematode condivide molti percorsi biologici conservatori con gli esseri umani, e quindi è stato ampiamente impiegato per illustrare gli effetti di varie sollecitazioni o tossici10. In particolare, il 99,5% dei nematodi sono ermafroditi che rendono questi organismi estremamente adatti nello studio degli effetti generazionali, ad esempio gli effetti TG di metalli pesanti e solfati33,11, effetti MGE di nanoparticelle d'oro e pesanti metalli12 e temperatura13, effetti MGR della solfonamide14, e gli effetti MGE e MGR di irradiazione gamma15 e lindane4. Inoltre, sono stati riscontrati risultati comparabili tra gli effetti delle sostanze chimiche (ad esempio zearalenone) sullo sviluppo e la riproduzione di topi e C. elegans16,17, che fornirebbero un vantaggio per estrapolare effetti da questo piccolo animale agli esseri umani.

Entrambi gli studi sugli effetti TG e MG richiedono molto tempo e richiedono un'attenta progettazione e prestazioni. In particolare, esistevano differenze nelle scelte della fase di vita, nelle condizioni di esposizione e nei metodi di separazione della generazione negli studi summenzionati. Tali differenze hanno ostacolato il confronto diretto tra i risultati e ostacolato un'ulteriore interpretazione dei risultati. Pertanto, è imperativo stabilire protocolli uniformi per guidare gli studi sugli effetti TG e MG, e anche fornire un quadro più ampio per rivelare modelli simili di vari sostanze tossiche o inquinanti in conseguenze a lungo termine. L'obiettivo superiore dei protocolli attuali dimostrerà chiari processi operativi nello studio degli effetti trans e multigenerazionali con C. elegans. I protocolli andranno a beneficio dei ricercatori interessati a studiare gli effetti a lungo termine di sostanze tossiche o inquinanti.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Protocol

1. Cultura E. coli OP50

  1. Preparare la soluzione di idrossido di sodio da 1 M sciogliendo 4 g di idrossido di sodio in acqua di 100 mL.
  2. Preparare il brodo di lisogenità (LB) medio sciogliendo 10 g di tripone, 5 g di estratto di lievito e 10 g di cloruro di sodio con 1 L di acqua ultrapura in una fiaschetta conica 1 L. Regolare il pH a 7,0 con una soluzione di idrossido di sodio da 1 M.
  3. Aliquota del supporto liquido LB da passo 1.2 a 20 flaconi conici (volume massimo consentito: 100 mL) con 50 mL di mezzo in ciascuno. Coprire i flaconi conici con carta kraft.
  4. Sterilizzare il supporto liquido LB a 121 e 0,105 MPa per 20 m. Raffreddare il supporto LB fino a temperatura ambiente.
  5. Pipette 200 - L dalle sospensioni batteriche (vedi passo 1.8) o scegliere una piccola colonia da agars (nel passo 2.14) utilizzando un anello inoculante, posizionarlo in mezzo LB.
  6. Incubare il supporto LB con agitazione a 150 giri/min a 37 gradi centigradi per 24-48 h. Il mezzo LB cambierà da un liquido trasparente marrone a sospensione torbida color kaki.
  7. Utilizzare le sospensioni batteriche dell'80% dei flaconi totali per fornire E. coli OP50 come alimento per nematodi da utilizzare al punto 2.11.
  8. Conservare il resto dei flaconi contenenti le sospensioni batteriche in frigorifero a 4 gradi centigradi. Pipetta 200 - L delle sospensioni LB sul lato superiore del supporto LB fresco (passaggio 1.4) e ripetere il passo 1.6 per la successiva incubazione.

2. Cultura C. elegans

NOTA: Colture C. elegans secondo i passaggi da 2.1 a 2.11 in base ai metodi standard18.

  1. Sciogliere 22,8 g di K2HPO4x 3H2O in 100 mL di acqua distillata sterile.
  2. Sciogliere 6,8 g di KH2PO4 in 50 mL di acqua distillata sterile.
  3. Mescolare le soluzioni dai passaggi 2.1 e 2.2, per preparare 1 M K2HPO4-KH2PO4 buffer (pH 6.0, 150 mL in totale).
  4. Preparare 1,0 M MgSO4 sciogliendo 1,232 g di MgSO4,7H2O in 5 mL di acqua distillata sterile, e sterilizzarlo filtrando la soluzione attraverso un filtro di membrana monouso sterile da 0,22 m in un contenitore sterile.
  5. Preparare 1 M CaCl2 sciogliendo 0,554 g di CaCl2 in 5 mL di acqua distillata sterile e sterilizzarla filtrando le soluzioni attraverso un filtro di membrana monouso sterile da 0,22 m in un contenitore sterile.
  6. Preparare la soluzione di colesterolo da 1 M sciogliendo 0,025 g di colesterolo in 5 mL di etanolo assoluto e sterilizzarla filtrando la soluzione attraverso un filtro di membrana usa e getta sterile da 0,22 m in un contenitore sterile.
  7. Preparare il nematode medio (NGM) agar con l'aggiunta di 17 g di polvere di agar, 2,5 g di peptone e 3 g di cloruro di sodio a una fiaschetta conica da 1 L contenente 1 L di acqua ultrapura. Aggiungere 25 mL di K2HPO4-KH2PO4 soluzione dal passaggio 2.3.
  8. Sterilizzare l'agar NGM da passo 2.7 a 121 gradi centigradi con 0,105 MPa per 20 min.
  9. Raffreddare l'agar NGM a circa 50 gradi centigradi, aggiungere 1 mL di 1 M MgSO4, 1 M CaCl2e 5 soluzione di colesterolo-etanolo mg/mL dai passi da 2,4 a 2,6 nel mezzo e mescolarli accuratamente.
  10. Versare 10 mL di agar medio per piatto in 100 piatti sterili Petri (6,0 cm di diametro). Raffreddare il mezzo nei piatti Petri a temperatura ambiente per formare agar solido.
  11. Pipetta 170 - L delle sospensioni batteriche dal punto 1.7 sul suddetto agar NGM utilizzando una punta sterile. Agitare leggermente l'agar NGM per distribuire uniformemente il supporto LB sulla superficie dell'agar NGM.
  12. Inoculare l'agar NGM con il lato superiore verso l'alto fino a 37 gradi centigradi per 8-12 h per formare un prato batterico.
  13. Utilizzare la maggior parte dell'agar con prati batterici dal passo 2.12 ai nematodi di coltura nel passo 2.15 o 2.19.
  14. Conservare 1 o 2 agar a testa in giù per evitare l'evaporazione dell'acqua e la contaminazione nei frigoriferi a 4 gradi centigradi in modo da sostenere i batteri in contaminazione.
  15. Quando ci sono meno di 2.000 nematodi sugli agarNGM di stoccaggio (da esperimenti precedenti o dotati di altri laboratori), tagliare un sesto dell'agar NGM che contiene C. elegans con una punta sterile e trasferirlo su agar NGM appena preparati con agar batterici prato (dal punto 2.13). Tenere gli agarNG agars a testa in giù in un incubatore di 22 gradi centigradi per la successiva coltura.
  16. Quando ci sono più di 2.000 nematodi sull'agar NGM, lavare i nematodi dell'agar NGM con 2 mL di acqua sterile nei tubi di centrifuga. L'ingresso di 2 mL di acqua si tradurrà in un'uscita di circa 1,5 mL.
  17. Lasciare che i nematodi si depositino nei tubi di centrifuga da 30 min. Scartare 1 mL dei supernatanti pipettando e aggiungere 1 mL di acqua sterile in ogni tubo per lavare i pellet (cioè i nematodi).
  18. Sistemare i nematodi nei tubi di centrifuga per 30 min. Scartare 1 mL dei supernatanti pipettando. Aggiungere 1 mL di acqua sterile in ogni tubo per risospendere i nematodi.
  19. Distribuire le sospensioni dei nematodi (circa 1,5 mL in totale) con il pipettaggio di 150 gradi l su ogni nuovo agar NGM con prato batterico (dal punto 2.13), realizzando 8-10 nuovi agar NGM in totale.
  20. Tenere gli agarNG da passo 2.19 up-side up in un incubatore 20 c durante la notte e poi a lato verso il basso per la successiva cultura.
  21. Ripetere il passaggio 2.15 o 2.16-2.20 ogni tre giorni.

3. Preparare uova sincronizzate e larve L3 di C. elegans

  1. Svuotare i nematodi gravidi e le uova appena prodotte dagli agarNGM in sterili tubi di centrifuga, con 2 mL di acqua sterile su ogni agar NGM che ha ottenuto circa 1,5 mL di uscita.
  2. Depositare i nematodi nei tubi di centrifuga per 30 min, quindi scartare l'85% dei supernatanti pipettando.
  3. Preparare soluzioni di ipoclorito di sodio sciogliendo 0,6 g di NaOH e 5 mL di NaOCl (4-6% gradienti attivi, vedere la Tabella dei Materiali per i dettagli) con 25 mL di acqua per portare il NaOH a 0,5 M e NaOCl all'1%.
  4. Mescolare i pellet dal punto 3.2(contrassegnare il volume come V 0) con 7 volte V0 di soluzioni di ipoclore di sodio da (passaggio 3.3, cioè, rapporto di volume di 1:7)19.
  5. Agitare i tubi di centrifuga ogni 2 min per 10-15 min per losianizzare le larve e nematodi adulti; il colore delle sospensioni nematode si trasformerà da torbido a chiaro.
  6. Centrifugare i tubi a 700 x g per 3 min a 20 gradi centigradi, quindi scartare i supernatanti pipettando.
  7. Risospendere i pellet in 5 volte V0 di acqua sterile per lavare le uova sincronizzate con l'età. Centrifuga a 700 x g per 3 min a 20 gradi centigradi, quindi scartare i supernatanti.
  8. Ripetere il passaggio 3.7 due volte.
  9. Aggiungere 1 v0 di acqua sterile nei tubi per risospendere le uova sincronizzate in base all'età.
  10. Distribuire le sospensioni delle uova con pipiglianti 50 gradi l su ogni nuovo agar NGM con prato batterico da passo 2.13. Tenere gli agarNG dall'alto in un'incubatrice di 20 gradi centigradi per 30 min, permettendo all'acqua di evaporare o di essere assorbita dal prato batterico. Quindi, fare il NGM agars a testa in giù per la cultura successiva. Contrassegnare il tempo comeil tempo dell'uovo (uovo T ).
  11. Preparare K-medio sciogliendo 3 g di NaCl e 2,36 g di KCl in 1 L di acqua. Sterilizzare il mezzo a 121 e 0,105 MPa per 20 min e raffreddarlo a temperatura ambiente.
  12. Quando il tempo raggiunge 36h dopo l'uovo T , i nematodi raggiungeranno lo stadio di larve L3 (L3 nematodes)20. Sciacquare i nematodi dagli agar NGM in tubi di centrifuga, con 2 mL di acqua sterile su ogni agar NGM che ha ottenuto circa 1,5 mL di uscita.
  13. Dopo un assestamento per 30 min, sostituire l'85% dei supernatanti (pipettando) con K-medium da 2 h per digerire il cibo nelle viscere3.
  14. Scartate i superalatari. Utilizzare K-medium (dal punto 3.11) per regolare le sospensioni dei nematodi a circa 200 nematodi per 100 l per gli esperimenti successivi.

4. Utilizzare C. elegans per lo studio degli effetti transgenerazionali

  1. Preparare soluzioni chimiche con 5 livelli di concentrazione e un solvente o controllo assoluto, vale a dire 6 gruppi in totale.
  2. Aggiungere 100 soluzioni di controllo o chimiche con 10 pozzi come repliche in ogni gruppo (cioè 60 pozzi in totale) nella zona centrale di una micropiastra sterile di 96 pozzetti per evitare effetti di bordo.
  3. Diluire le sospensioni nematode dal gradino 3.14 con K-medium dal passo 3.11 per 10 volte. Aggiungete 100 sospensioni per nematodi a ciascuno dei 60 pozze del punto 4.2. Contrassegnare l'ora come t0.
  4. Quando il tempo raggiunge 24 h dopo t0, contare i nematodi viventi e morti nei pozzi. Calcolare la concentrazione letale mediana (LC50).
  5. Preparare una serie di 5 concentrazioni al di sotto del 10% dei valori LC50.
  6. Aggiungere 100 soluzioni di controllo o chimiche (dal punto 4.5) con 10 pozze come repliche in ogni gruppo (vale a dire 60 pozzi in totale) nella zona centrale di una microplacca sterile da 96 pozzeper evitare effetti di bordo.
  7. Aggiungere 100 L di K-medium contenente circa 200 nematodi L3 (dal punto 3.14) a ciascuno dei 60 pozze dal punto 4.6. Contrassegnare l'ora come T0.
  8. Eseguire l'esposizione per 24 a 96 h da T0.
  9. Dopo l'esposizione, raccogliere i nematodi da cinque pozzi in ciascun gruppo in tubi centrifugati da 1,5 mL mediante pipettaggio (cioè 6 tubi in totale).
  10. Accomodate i nematodi per 30 min, scartate i supernatanti pipettando e revistano e lavate i nematodi sul fondo con 1 mL di acqua sterilizzata.
  11. Accomodare i nematodi per 30 min, scartare i supernatanti pipettando e utilizzare i nematodi nella parte inferiore per le misurazioni dell'indicatore (vedere la sezione 7) della generazione padre esposta contrassegnata come F0.
  12. Raccogliere, sistemare e lavare (rimettendo) i nematodi dai restanti cinque pozzi in ogni gruppo nel passaggio 4.9 secondo il passaggio 4.10.
  13. Accomodate i nematodi dal punto 4.12 per 30 min. Scartate i supernatanti pipettando e aggiungete 100 l di acqua sterile per risospendere i nematodi. Trasferire le sospensioni nematode in modo uniforme su tre agar NGM appena preparati con prato batterico dal passo 2.13.
  14. Incubare i nematodi per 36 h per diventare gravid ed eseguire la sincronizzazione dell'età secondo i passaggi 3.1-3.9. Incubare le uova sincronizzate sui rispettivi agar NGM con prato batterico dal passo 2.13 per 36 h.
  15. Sciacquare i nematodi sugli agar NGM dal gradino 4.14 in sei tubi di centrifuga.
  16. Sistemare i nematodi per 30 min e scartare i supernatanti pipettando. Risospendere e lavare i pellet con 1 mL di acqua sterilizzata.
  17. Sistemare i nematodi per 30 min e scartare i supernatanti pipettando. Utilizzare i nematodi in basso per le misurazioni dell'indicatore (vedere la sezione 7) della generazione della prole contrassegnata come T1.

5. Utilizzare C. elegans per lo studio dell'effetto di esposizione multigenerazionale (MGE)

  1. Mescolare 99,0 mL di agar NGM (dal punto 2.9) con 1 mL di soluzioni di controllo o chimiche (basse e alte concentrazioni nel presente protocollo come esempi, vale a dire tre gruppi in totale).
  2. Versare i circa 10 mL di NGM agar medium per piatto da passo 5.1 in 100 sterili piatti Petri (6,0 cm di diametro). Raffreddare il mezzo nei piatti Petri a temperatura ambiente per formare agar solido.
  3. Sospensioni batteriche pipette sull'agar come da passo 2.11.
  4. Mettere da parte i coperchi superiori dei piatti Petri ed esporre il prato battericoalla luce UV (145 gradi centigradi) nell'armadio di biosicurezza per 15 min.
  5. Scegli una piccola colonia usando un anello inoculante, posizionala in un supporto LB dagli agar nel passaggio 1.4. Incubare il mezzo LB con scosse ad una velocità di 150 giri/min a 37 gradi centigradi per 24 h per confermare la negligle bacterial growth, convalidando la fase di uccisione 5.4.
  6. Pipette le uova sincronizzate con età dal passo 3.9 sugli agar (dal punto 5.4). Contrassegnare l'inizio dell'esposizione alla generazione padre F0 e contrassegnare il giorno 0 (D0).
  7. Incubare gli agar per 3 d a 20 gradi centigradi. Quindi (cioè su D3), utilizzare i nematodi maturi per misurare gli effetti in F0 (vedi sezione 7).
  8. Sempre su D3, scegli I nematodi maturi F0 sui nuovi agar NGM (dal punto 5.4) utilizzando un'asta di vetro, la cui estremità è dotata di un filo di fibra artificiale piegato in un anello.
  9. Sulla D4, scegli e scarta i nematodi F0 maturi dagli agarNGM. Contrassegnare i nematodi appena nati all'interno di questi 24 h (da D3 a D4) come F1 per sperimentare l'esposizione di seconda generazione.
  10. Su D6, misurare gli indici (vedere la sezione 7) dei nematodi maturi F1 che hanno sperimentato l'esposizione per 3 giorni.
  11. In D9 ripetere i passaggi da 5,8 a 5,10, utilizzare i nematodi F1 per riprodurre i worm F2 e misurare gli effetti sui nematodi F2.
  12. Su D12, ripetere il passaggio 5.11, utilizzare i nematodi F2 per riprodurre i vermi F3 e misurare gli effetti sui nematodi F3. Allo stesso modo, riprodurre la prole e misurare gli effetti MGE sulla generazione di nprole (Fn).

6. Utilizzare C. elegans per lo studio degli effetti residui multigenerazionali (MGR)

  1. Ripetere i passaggi 5.1-5.7. Su D3, scegliere F0 nematodi maturi su nuovi agar NGM senza prodotti chimici aggiunti (dal passo 2.13).
  2. Sulla D4, scegli e scarta i nematodi F0 maturi. Mark i nematodi appena nati all'interno di questi 24 h come nematodi T1.
  3. Su D6, misurare gli indici (vedere la sezione 7) dei nematodi maturi T1 che sono cresciuti per 3 giorni.
  4. In D9 ripetere i passaggi da 6.2 a 6.3, utilizzare i nematodi T1 per riprodurre i nematodi T2 e misurare gli effetti nei nematodi T1.
  5. In D12 ripetere i passaggi 6.4, utilizzare i nematodi T2 per riprodurre i nematodi T3 e misurare gli effetti nei nematodi T2. Allo stesso modo, riprodurre la prole e misurare gli effetti MGR sulla generazione nth prole (Tn) nematodes di F0, o n prole (Tn') nematodi di Fn dal passo 5.12.

7. Indicatori di misura

  1. Misurare il comportamento della locomozione.
    1. Sciacquare i nematodi dagli agar NGM usando acqua sterile e raccoglierli in tubi di centrifuga. Accomodate i nematodi per 30 min, scartate i supernatanti e usate i nematodi nei pellet per la misurazione degli effetti.
    2. Risospendere i nematodi nei pellet con 1 mL di acqua sterile e pipettarli su agarNGM senza prato batterico dal punto 2.10.
    3. Utilizzare un microscopio dissettivo per segnare i nematodi per la frequenza di piegatura del corpo (BBF) che si riferisce ai tempi in cui la lampadina posteriore della facrela cambia direzione lungo la direzione verticale del percorso di viaggio entro un intervallo di 60 s.
    4. Utilizzare il microscopio sezionato per segnare il movimento di inversione (RM) che si riferisce ai tempi in cui la direzione di viaggio cambia oltre 90 s compresi giri all'indietro e Omega girare (OT) in un intervallo di 60 s. L'OT si riferisce al movimento quando la testa del nematodo tocca o quasi tocca la coda rendendo la forma nematode come la lettera greca Omega (z).
      NOTA: sono stati esaminati almeno 6 nematodi per ogni trattamento in ogni replica sperimentale.
Esempi di effetti MGE (da F0 a F3) sulla riproduzione e sulla durata della vita con 3 gruppi (un controllo e due trattamenti di esposizione).
giorno Numero di agar NGM per lo studio MGE spiegazione
Durata riproduzione
0 (in vie 30 (esposizione F0) 10 repliche per ogni gruppo, contrassegnate come F0-1-1-0 a F0-3-10-0, con l'ultima cifra per mostrare i giorni di sopravvivenza.
1 : il nome del 30 (F0 sopravvive 1 d) Da F0-1-1-0 a F0-3-10-0 deve essere cambiato in F0-1-1-1 in F0-3-10-1.
2 Il nome del sistema 30 (F0 sopravvive 2 d) Da F0-1-1-1 a F0-3-10-1 deve essere cambiato in F0-1-1-2 in F0-3-10-2.
Non c'è bisogno di trasferire F0 nematodi fino a 3 d.
3 (COM del nome 30 (F0 sopravvive a 3 d, cancellato dopo il trasferimento e la raccolta dei nematodi) Dopo 3 d, I nematodi F0 sono maturi e 36 nuovi agar NGM (con 2 nematodi su ogni agar) vengono utilizzati per osservare la loro sopravvivenza e riproduzione.
36 (da F0-1-1-3 a F0-3-12-3) Dovrebbero essere effettuati esperimenti preliminari per organizzare il numero di nematodi F0, assicurando almeno 200 prole per il successo delle operazioni multigenerazionali.
In particolare, se si studiano gli effetti MGR, i nematodi F0 dovrebbero essere trasferiti su agarNG senza esposizione chimica, e dovrebbe essere notato come Inizio T1.
La maggior parte dei nematodi F0 sono raccolti per misurare gli indici chimici e genetici e i 30 agar in F0 vengono cancellati.
4 DEL psu' 36 (da F0-1-1-4 a F0-3-12-4) 36 (da F1-1-1-1 a F1-3-12-1) La misurazione sulla durata e la riproduzione richiede il trasferimento ogni giorno.
I nematodi dei genitori da F0-1-1-3 a F0-3-12-3 vengono raccolti sui nuovi agar NGM contrassegnati come F0-1-1-4 a F0-3-12-4.
I restanti nematodi della prole (cioè F1 in MGE o T1 in MGR) in F0-1-1-3 a F0-3-12-3 sono cresciuti per 1 d, e i marcatori vengono cambiati in F1-1-1-1 in F1-3-12-1. Questi agar sono utilizzati anche per monitorare la durata della F1 con trasferimento giornaliero.
5 Del numero 3( 36 (da F0-1-1-5 a F0-3-12-5) 36 (da F1-1-1-2 a F1-3-12-2) Nematodi su F1-1-1-1 a F1-3-12-1 agar sono cresciuti per 2 d e diventano facilmente osservabili e i nematodi vengono contati, e i marcatori vengono cambiati in F1-1-1-2 in F1-3-12-2.
36 (da F0-1-1-4 a F0-3-12-4) I nematodi della prole negli agar F0-1-1-4 a F0-3-12-4 sono cresciuti per 1 d.
6 È possibile: 36 (da F0-1-1-6 a F0-3-12-6) 36 (da F0-1-1-4 a F0-3-12-4, cancellato dopo il conteggio) Nematodi su F1-1-1-2 a F1-3-12-2 agar sono cresciuti per 3 d e i marcatori sono cambiati in F1-1-1-3 in F1-3-12-3. In particolare, i nematodi di F1 iniziano a riprodursi F2 in questo giorno, i nematodi di F1 dovrebbero essere trasferiti su nuovi agar NGM che producono F2-1-1-0 a F1-3-12-0. Per gli studi MGR, T2 inizia oggi.
36 (da F1-1-1-3 a F1-3-12-3) 36 (da F0-1-1-5 a F0-3-12-5) Questo può essere ritardato dall'esposizione chimica, e quindi cambiamenti flessibili dovrebbero essere eseguiti in ogni esperimento per garantire abbastanza nematodi per le generazioni successive.
36 (da F2-1-1-0 a F1-3-12-0) I nematodi della prole sugli amatodi F0-1-1-4 a F0-3-12-4 sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati.
I nematodi della prole sugli amatodi F0-1-1-5 a F0-3-12-5 sono cresciuti per 1 d.
7 (in questo stato 36 (da F0-1-1-7 a F0-3-12-7) 36 (da F0-1-1-5 a F0-3-12-5, eliminato dopo il conteggio) I nematodi della prole sugli amatodi F0-1-1-5 a F0-3-12-5 sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati.
36 (da F1-1-1-4 a F1-3-12-4) 36 (da F0-1-1-6 a F0-3-12-6) Il numero complessivo di nematodi in F1-1-1-1 a F1-3-12-1, F0-1-1-4 a F0-3-12-4 agars e da F0-1-1-5 a F0-3-12-5 sono utilizzati per calcolare la riproduzione iniziale di F0.
36 (da F2-1-1-1 a F2-3-12-1) I nematodi della prole sugli amatodi F0-1-1-6 a F0-3-12-6 sono cresciuti per 1 d.
I nematodi F2 da F2-1-1-0 a F1-3-12-0 sono cresciuti per 1 d e i loro marcatori vengono trasformati in F2-1-1-1 in F2-3-12-1.
8 (IN vio 36 (da F0-1-1-8 a F0-3-12-8) 36 (da F0-1-1-6 a F0-3-12-6, cancellato dopo il conteggio) I nematodi della prole sugli amatodi F0-1-1-6 a F0-3-12-6 sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati.
36 (da F1-1-1-5 a F1-3-12-5) 36 (da F0-1-1-7 a F0-3-12-7) I nematodi della prole di F0 su F0-1-1-7 a F0-3-12-7 agar s'aspettano per 1 d.
36 (da F2-1-1-2 a F2-3-12-2) 36 (da F1-1-1-4 a F1-3-12-4) I nematodi della prole di F1 su F1-1-1-4 a F1-3-12-4 agar sono cresciuti per 1 d.
36 (da F2-1-1-1 a F2-3-12-1, cambiato in F2-1-1-2 in F2-3-12-2 dopo contato) I nematodi F2 da F2-1-1-1 a F2-3-12-1 sono cresciuti per 2 d, i nematodi sono contati e i loro marcatori vengono cambiati in F2-1-1-2 in F2-3-12-2.
9 (in vie 36 (da F0-1-1-9 a F0-3-12-9) 36 (da F0-1-1-7 a F0-3-12-7, cancellato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F0 su F0-1-1-7 a F0-3-12-7 agar sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati.
36 (da F1-1-1-6 a F1-3-12-6) 36 (da F1-1-1-4 a F1-3-12-4, cancellato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F1 su F1-1-1-4 a F1-3-12-4 agar sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati.
36 (da F2-1-1-3 a F2-3-12-3) 36 (da F0-1-1-8 a F0-3-12-8) I nematodi della prole di F0 su F0-1-1-8 a F0-3-12-8 agar sono cresciuti per 1 d.
36 (da F3-1-1-0 a F3-3-12-0) 36 (da F1-1-1-5 a F1-3-12-5) I nematodi della prole di F1 su F1-1-1-5 a F1-3-12-5 agars sono cresciuti per 1 d.
I nematodi F2 da F2-1-1-2 a F2-3-12-2 sono cresciuti per 3 giorni e i loro marcatori vengono cambiati in F2-1-1-3 in F2-3-12-3. I nematodi F2 iniziano a riprodursi oggi e vengono trasferiti a 36 nuovi agar NGM sono necessari e contrassegnati come F3-1-1-0 a F3-3-12-0. Per gli studi MGR, T3 inizia oggi.
10 del sistema 36 (da F0-1-1-10 a F0-3-12-10) 36 (da F0-1-1-8 a F0-3-12-8, cancellato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F0 da F0-1-1-8 a F0-3-12-8 agar sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati.
36 (da F1-1-1-7 a F1-3-12-7) 36 (da F1-1-1-5 a F1-3-12-5, eliminato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F1 su F1-1-1-5 a F1-3-12-5 agar sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati.
36 (da F2-1-1-4 a F2-3-12-4) 36 (da F0-1-1-9 a F0-3-12-9) Il numero complessivo di nematodi da F2-1-1-1 a F2-3-12-1, F1-1-1-4 a F1-3-12-4 e da F1-1-1-5 a F1-3-12-5 per calcolare la riproduzione iniziale di F1.
36 (da F3-1-1-1 a F3-3-12-1) 36 (da F1-1-1-6 a F1-3-12-6) I nematodi della prole di F0 su F0-1-1-9 a F0-3-12-9 agar sono cresciuti per 1 d.
I nematodi della prole di F1 su F1-1-1-6 a F1-3-12-6 agar sono cresciuti per 1 d.
Il nematode della prole sugli agar F3-1-1-0 a F3-3-12-0 è cresciuto per 1 d e i marcatori vengono trasformati in F3-1-1-1 in F3-3-12-1.
In particolare, la riproduzione dei nematodi F0 diminuirà significativamente dopo i primi giorni. Pertanto, il trasferimento nematode non è strettamente richiesto di essere giornaliero dopo D10 e può essere eseguito ogni 2 giorni. Tuttavia, la sopravvivenza richiede ancora un'osservazione quotidiana.
La stessa regola si applica anche in F1 (T1, T1'), F2 (T2, T2') e F3 (T3, T3').
11 Del sistema di 36 (da F0-1-1-11 a F0-3-12-11) 36 (da F0-1-1-9 a F0-3-12-9, cancellato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F0 da F0-1-1-9 a F0-3-12-9 agar sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati.
36 (da F1-1-1-8 a F1-3-12-8) 36 (da F1-1-1-6 a F1-3-12-6, cancellato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F1 su F1-1-1-6 a F1-3-12-6 agar sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati.
36 (da F2-1-1-5 a F2-3-12-5) 36 (da F0-1-1-10 a F0-3-12-10) I nematodi della prole di F0 su F0-1-1-10 a F0-3-12-10 agars sono cresciuti per 1 d.
36 (da F3-1-1-2 a F3-3-12-2) 36 (da F1-1-1-7 a F1-3-12-7) I nematodi della prole di F1 su F1-1-1-7 a F1-3-12-7 agar sono cresciuti per 1 d.
36 (da F2-1-1-4 a F2-3-12-4) I nematodi della prole di F2 su F2-1-1-4 a F2-3-12-4 agar sono cresciuti per 1 d.
36 (da F3-1-1-1 a F3-3-12-1, cambiato in F3-1-1-2 in F3-3-12-2 dopo il conteggio) I nematodi sugli agar F3-1-1-1 a F3-3-12-1 sono cresciuti per 2 d, i nematodi vengono contati e i marcatori vengono cambiati in F3-1-1-2 in F3-3-12-2.
12 mila 36 (da F0-1-1-12 a F0-3-12-12) 36 (da F0-1-1-10 a F0-3-12-10, cancellato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F0 da F0-1-1-10 a F0-3-12-10 agar sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati.
36 (da F1-1-1-9 a F1-3-12-9) 36 (da F1-1-1-7 a F1-3-12-7, cancellato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F1 su F1-1-1-7 a F1-3-12-7 agar sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati.
36 (da F2-1-1-6 a F2-3-12-6) 36 (da F2-1-1-4 a F2-3-12-4, cancellato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F2 su F2-1-1-4 a F2-3-12-4 agar sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati.
36 (da F3-1-1-3 a F3-3-12-3) 36 (da F0-1-1-11 a F0-3-12-11) I nematodi della prole di F0 su F0-1-1-11 a F0-3-12-11 agars sono cresciuti per 1 d.
36 (da F4-1-1-0 a F4-3-12-0) 36 (da F1-1-1-8 a F1-3-12-8) I nematodi della prole di F1 su F1-1-1-8 a F1-3-12-8 agar sono cresciuti per 1 d.
36 (da F2-1-1-5 a F2-3-12-5) I nematodi della prole di F2 su F2-1-1-5 a F2-3-12-5 agars sono cresciuti per 1 d.
I nematodi sugli agar F3-1-1-2 a F3-3-12-2 sono cresciuti per 3 d e i marcatori vengono trasformati in F3-1-1-3 in F3-3-12-3. I nematodi F3 iniziano a riprodursi oggi e vengono trasferiti a 36 nuovi agar NGM sono necessari e contrassegnati come F4-1-1-0 a F4-3-12-0. Per gli studi MGR, la prole di F3 (cioè T1') inizia oggi.
13 del sistema 36 (da F0-1-1-13 a F0-3-12-13) 36 (da F0-1-1-11 a F0-3-12-11, cancellato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F0 da F0-1-1-11 a F0-3-12-11 agar sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati.
36 (da F1-1-1-10 a F1-3-12-10) 36 (da F1-1-1-8 a F1-3-12-8, cancellato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F1 su F1-1-1-8 a F1-3-12-8 agar sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati.
36 (da F2-1-1-7 a F2-3-12-9) 36 (da F2-1-1-5 a F2-3-12-5, eliminato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F2 su F2-1-1-5 a F2-3-12-5 agar sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati.
36 (da F3-1-1-4 a F3-3-12-4) 36 (da F0-1-1-12 a F0-3-12-12) Il numero di nematode complessivo da F3-1-1-1 a F3-3-12-1, F2-1-1-4 a F2-3-12-4 e da F2-1-1-5 a F2-3-12-5 per calcolare la riproduzione iniziale di F2.
36 (da F4-1-1-1 a F4-3-12-1) 36 (da F1-1-1-9 a F1-3-12-9) I nematodi della prole di F0 su F0-1-1-12 a F0-3-12-12 agars sono cresciuti per 1 d.
36 (da F2-1-1-6 a F2-3-12-6) I nematodi della prole di F1 su F1-1-1-9 a F1-3-12-9 agar sono cresciuti per 1 d.
I nematodi della prole di F2 sugli agar F2-1-1-6 a F2-3-12-6 sono cresciuti per 1 d.
I nematodi della prole di F3 da F4-1-1-0 a F4-3-12-0 sono cresciuti per 1 d, e i marcatori sono cambiati in F4-1-1-1 in F4-3-12-1.
14 Del sistema 36 (da F0-1-1-14 a F0-3-12-14) 36 (da F0-1-1-12 a F0-3-12-12, cancellato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F0 su F0-1-1-12 a F0-3-12-12 agar sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati.
36 (da F1-1-1-11 a F1-3-12-11) 36 (da F1-1-1-9 a F1-3-12-9, cancellato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F1 su F1-1-1-9 a F1-3-12-9 agar sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati.
36 (da F2-1-1-8 a F2-3-12-8) 36 (da F2-1-1-6 a F2-3-12-6, cancellato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F2 sugli f2-1-1-6 agli agar F2-3-12-6 sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati.
36 (da F3-1-1-5 a F3-3-12-5) 36 (da F4-1-1-1 a F4-3-12-1, cancellato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F3 su F4-1-1-1 a F4-3-12-1 sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati. Per gli studi MGR, i nematodi T1' sono cresciuti per 2 d, e inizieranno a riprodurre T2' il giorno successivo (D15), e T2' inizierà a riprodurre T3' su D18. La durata della vita del tipo selvaggio C. elegans è di 15 giorni. Quindi, la fine della durata di vita di T3' sarà su D33.
36 (da F0-1-1-13 a F0-3-12-13) I nematodi della prole di F0 su F0-1-1-13 a F0-3-12-13 agars sono cresciuti per 1 d.
36 (da F1-1-1-10 a F1-3-12-10) I nematodi della prole di F1 su F1-1-1-10 a F1-3-12-10 agars sono cresciuti per 1 d.
36 (da F2-1-1-7 a F2-3-12-7) I nematodi della prole di F2 su F2-1-1-7 a F2-3-12-7 agar sono cresciuti per 1 d.
36 (da F3-1-1-4 a F3-3-12-4) I nematodi della prole di F3 su F3-1-1-4 a F2-3-12-4 agar sono cresciuti per 1 d.
15 Mi lasa del sistema 36 (da F0-1-1-15 a F0-3-12-15) 36 (da F0-1-1-13 a F0-3-12-13, cancellato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F0 su F0-1-1-13 a F0-3-12-13 agars sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono cancellati dopo che i nematodi sono stati contati.
36 (da F1-1-1-12 a F1-3-12-12) 36 (da F1-1-1-10 a F1-3-12-10, cancellato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F1 su F1-1-1-10 a F1-3-12-10 agar sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati.
36 (da F2-1-1-9 a F2-3-12-9) 36 (da F2-1-1-7 a F2-3-12-7, cancellato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F2 sugli f2-1-1-7 agli agar F2-3-12-7 sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati.
36 (da F3-1-1-6 a F3-3-12-6) 36 (da F3-1-1-4 a F3-3-12-4, cancellato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F3 su F3-1-1-4 a F3-3-12-4 agar sono cresciuti per 2d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati.
36 (da F0-1-1-14 a F0-3-12-14) I nematodi della prole di F0 su F0-1-1-14 a F0-3-12-14 agars sono cresciuti per 1 d.
36 (da F1-1-1-11 a F1-3-12-11) I nematodi della prole di F1 su F1-1-1-11 a F1-3-12-11 agars sono cresciuti per 1 d.
36 (da F2-1-1-8 a F2-3-12-8) I nematodi della prole di F2 su F2-1-1-8 a F2-3-12-8 agar sono cresciuti per 1 d.
36 (da F3-1-1-5 a F3-3-12-5) I nematodi della prole di F3 su F3-1-1-5 a F2-3-12-5 agars sono cresciuti per 1 d.
16 36 (da F0-1-1-15 a F0-3-12-15, oltre) 36 (da F0-1-1-14 a F0-3-12-14, cancellato dopo il conteggio) La durata della vita del tipo selvaggio C. elegans è di 15 giorni. Pertanto, F0 dovrebbe essere morto prima del giorno 16 dopo l'esposizione.
36 (da F1-1-1-13 a F1-3-12-13) 36 (da F1-1-1-11 a F1-3-12-11, cancellato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F0 da F0-1-1-14 a F0-3-12-14 agar sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati.
36 (da F2-1-1-10 a F2-3-12-10) 36 (da F2-1-1-8 a F2-3-12-8, cancellato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F1 su F1-1-1-11 a F1-3-12-11 agar sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati.
36 (da F3-1-1-7 a F3-3-12-7) 36 (da F3-1-1-5 a F3-3-12-5, eliminato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F2 su F2-1-1-8 a F2-3-12-8 agar sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati.
36 (da F0-1-1-15 a F0-3-12-15) I nematodi della prole di F3 su F3-1-1-5 a F3-3-12-5 agar sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati.
36 (da F1-1-1-12 a F1-3-12-12) Il numero complessivo di nematodi da F4-1-1-1 a F4-3-12-1, F3-1-1-4 a F3-3-12-4 e da F3-1-1-5 a F3-3-12-5 per calcolare la riproduzione iniziale di F3.
36 (da F2-1-1-9 a F2-3-12-9) I nematodi della prole di F0 su F0-1-1-15 a F0-3-12-15 agars sono cresciuti per 1 d.
36 (da F3-1-1-6 a F3-3-12-6) I nematodi della prole di F1 su F1-1-1-12 a F1-3-12-12 agars sono cresciuti per 1 d.
I nematodi della prole di F2 sugli f2-1-1-9 agli agar F2-3-12-9 sono cresciuti per 1 d.
I nematodi della prole di F3 su F3-1-1-6 a F2-3-12-6 agar sono cresciuti per 1 d.
17 mi lato 36 (da F1-1-1-14 a F1-3-12-14) 36 (da F0-1-1-15 a F0-3-12-15, eliminato dopo il conteggio, oltre) I nematodi della prole di F0 da F0-1-1-15 a F0-3-12-15 agar sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati. Non ci saranno più figli di F0.
36 (da F2-1-1-11 a F2-3-12-11) 36 (da F1-1-1-12 a F1-3-12-12, cancellato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F1 su F1-1-1-12 a F1-3-12-12 agar sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati.
36 (da F3-1-1-8 a F3-3-12-8) 36 (da F2-1-1-9 a F2-3-12-9, cancellato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F2 sugli agar F2-1-1-9 a F2-3-12-9 sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati.
36 (da F3-1-1-6 a F3-3-12-6, cancellato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F3 su F3-1-1-6 a F3-3-12-6 agar sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati.
36 (da F1-1-1-13 a F1-3-12-13) I nematodi della prole di F1 su F1-1-1-13 a F1-3-12-13 agars sono cresciuti per 1 d.
36 (da F2-1-1-10 a F2-3-12-10) I nematodi della prole di F2 su F2-1-1-10 a F2-3-12-10 agars sono cresciuti per 1 d.
36 (da F3-1-1-7 a F3-3-12-7) I nematodi della prole di F3 su F3-1-1-7 a F2-3-12-7 agar sono cresciuti per 1 d.
18 mi lato 36 (da F1-1-1-15 a F1-3-12-15) 36 (da F1-1-1-13 a F1-3-12-13, cancellato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F1 su F1-1-1-13 a F1-3-12-13 agars sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono cancellati dopo che i nematodi sono stati contati.
36 (da F2-1-1-12 a F2-3-12-12) 36 (da F2-1-1-10 a F2-3-12-10, cancellato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F2 su F2-1-1-10 a F2-3-12-10 agar sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati.
36 (da F3-1-1-9 a F3-3-12-9) 36 (da F3-1-1-7 a F3-3-12-7, cancellato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F3 su F3-1-1-7 a F3-3-12-7 agar sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati.
36 (da F1-1-1-14 a F1-3-12-14) I nematodi della prole di F1 su F1-1-1-14 a F1-3-12-14 agars sono cresciuti per 1 d.
36 (da F2-1-1-11 a F2-3-12-11) I nematodi della prole di F2 su F2-1-1-11 a F2-3-12-11 agars sono cresciuti per 1 d.
36 (da F3-1-1-8 a F3-3-12-8) I nematodi della prole di F3 su F3-1-1-8 a F2-3-12-8 agar sono cresciuti per 1 d.
Negli studi MGR, T2' inizierà a riprodurre T3' oggi. La durata della vita del tipo selvaggio C. elegans è di 15 giorni. Quindi, la fine della durata di vita di T3' sarà su D33.
19 del 12 36 (da F1-1-1-15 a F1-3-12-15, oltre) 36 (da F1-1-1-14 a F1-3-12-14, cancellato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F1 su F1-1-1-14 a F1-3-12-14 agar sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati.
36 (da F2-1-1-13 a F2-3-12-13) 36 (da F2-1-1-11 a F2-3-12-11, cancellato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F2 su F2-1-1-11 a F2-3-12-11 agar sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati.
36 (da F3-1-1-10 a F3-3-12-10) 36 (da F3-1-1-8 a F3-3-12-8, cancellato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F3 su F3-1-1-8 a F3-3-12-8 agar sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati.
36 (da F1-1-1-15 a F1-3-12-15) I nematodi della prole di F1 su F1-1-1-15 a F1-3-12-15 agars sono cresciuti per 1 d.
36 (da F2-1-1-12 a F2-3-12-12) I nematodi della prole di F2 sugli f2-1-1-12 agli agar F2-3-12-12 sono cresciuti per 1 d.
36 (da F3-1-1-9 a F3-3-12-9) I nematodi della prole di F3 su F3-1-1-9 a F2-3-12-9 agar sono cresciuti per 1 d.
20 anni 36 (da F2-1-1-14 a F2-3-12-14) 36 (da F1-1-1-15 a F1-3-12-15, cancellato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F1 su F1-1-1-14 a F1-3-12-14 agar sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati. Non ci saranno più prole di F1.
36 (da F3-1-1-11 a F3-3-12-11) 36 (da F2-1-1-12 a F2-3-12-12, cancellato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F2 su F2-1-1-12 a F2-3-12-12 agar sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati.
36 (da F3-1-1-9 a F3-3-12-9, cancellato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F3 su F3-1-1-9 a F3-3-12-9 agar sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati.
36 (da F2-1-1-13 a F2-3-12-13) I nematodi della prole di F2 su F2-1-1-13 a F2-3-12-13 agars sono cresciuti per 1 d.
36 (da F3-1-1-10 a F3-3-12-10) I nematodi della prole di F3 su F3-1-1-10 a F2-3-12-10 agars sono cresciuti per 1 d.
21 Mieto 36 (da F2-1-1-15 a F2-3-12-15) 36 (da F2-1-1-13 a F2-3-12-13, cancellato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F2 su F2-1-1-13 a F2-3-12-13 agar sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati.
36 (da F3-1-1-12 a F3-3-12-12) 36 (da F3-1-1-10 a F3-3-12-10, cancellato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F3 su F3-1-1-10 a F3-3-12-10 agar sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati.
36 (da F2-1-1-14 a F2-3-12-14) I nematodi della prole di F2 sugli agar F2-1-1-14 a F2-3-12-14 sono cresciuti per 1 d.
36 (da F3-1-1-11 a F3-3-12-11) I nematodi della prole di F3 su F3-1-1-11 a F2-3-12-11 agars sono cresciuti per 1 d.
22 Milia 36 (da F2-1-1-15 a F2-3-12-15, oltre) 36 (da F2-1-1-14 a F2-3-12-14, cancellato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F2 su F2-1-1-14 a F2-3-12-14 agar sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati.
36 (da F3-1-1-13 a F3-3-12-13) 36 (da F3-1-1-11 a F3-3-12-11, cancellato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F3 su F3-1-1-11 a F3-3-12-11 agar sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati.
36 (da F3-1-1-12 a F3-3-12-12) I nematodi della prole di F3 su F3-1-1-12 a F2-3-12-12 agars sono cresciuti per 1 d.
23 del 23 o 36 (da F3-1-1-14 a F3-3-12-14) 36 (da F2-1-1-15 a F2-3-12-15, cancellato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F2 su F2-1-1-15 a F2-3-12-15 agar sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati. Non ci saranno più prole di F2.
36 (da F3-1-1-12 a F3-3-12-12, cancellato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F3 su F3-1-1-12 a F3-3-12-12 agar sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati.
36 (da F3-1-1-13 a F3-3-12-13) I nematodi della prole di F3 su F3-1-1-13 a F2-3-12-13 agars sono cresciuti per 1 d.
24 Mi lasa' di 36 (da F3-1-1-15 a F3-3-12-15) 36 (da F3-1-1-13 a F3-3-12-13, cancellato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F3 su F3-1-1-13 a F3-3-12-13 agar s'innalzano per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati.
36 (da F3-1-1-14 a F3-3-12-14) I nematodi della prole di F3 sugli agar F3-1-1-14 a F2-3-12-14 sono cresciuti per 1 d.
25 mi lato 36 (da F3-1-1-15 a F3-3-12-15, oltre) 36 (da F3-1-1-14 a F3-3-12-14, cancellato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F3 su F3-1-1-14 a F3-3-12-14 agar sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati.
36 (da F3-1-1-15 a F3-3-12-15) I nematodi della prole di F3 su F3-1-1-15 a F2-3-12-15 agars sono cresciuti per 1 d.
26 del sistema di 36 (da F3-1-1-15 a F3-3-12-15, cancellato dopo il conteggio) I nematodi della prole di F3 su F3-1-1-15 a F3-3-12-15 agar sono cresciuti per 2 d, e gli agar vengono eliminati dopo che i nematodi sono stati contati.
In particolare, negli studi MGR, la prima prole non esposta di F3 (cioè T3') sarebbe nata sulla D18. La durata della vita del tipo selvaggio C. elegans è di 15 giorni. Quindi, la fine della durata di vita di T3' sarà su D33.
Entrambi gli studi MGE e MGR copriranno più giorni quando la durata della vita dei nematodi è più lunga.

Tabella 1: Elenco dei marcatori e delle relative definizioni.

  1. Misurare la riproduzione e la durata della vita negli studi sugli effetti MGE.
    1. In D0 ripetere il passaggio 5.6. Contrassegnare gli agar (3 gruppi con 10 repliche in ciascuno) come Fx-a-b-c, dove x si riferisce al numero di generazione, a si riferisce al numero di gruppo (1 per il controllo, 2 per la bassa concentrazione e 3 per l'alta concentrazione ); b si riferisce alla replica da 1 a 10; e c si riferisce alla durata dell'esposizione (0 indica l'inizio). Per D0, contrassegna gli agar come F0-1-1-0 a F0-3-10-0. I lettori possono fare riferimento alla Tabella 1 per informazioni dettagliate.
    2. Su D1, controllare la crescita del nematode sugli agar, e cambiare i marcatori da F0-1-1-0 a F0-3-10-0 a F0-1-1-1 a F0-3-10-1.
    3. Su D2, controllare la crescita del nematode sugli agar e modificare i marcatori F0-1-1-2 in F0-3-10-2.
    4. Su D3, scegli 24 nematodi F0 da ogni gruppo su 12 nuovi agar NGM con due agar NGM dal punto 5.4. Contrassegnare gli agar come F0-1-1-3 a F0-3-12-3.
    5. Sulla D4, trasferire i due nematodi padre da F0-1-1-3 a F0-3-12-3 raccogliendo i nuovi agar NGM dal passo 5.4. Contrassegnare i nuovi agarNGM come F0-1-1-4 a F0-3-12-4. Modificare i marcatori da F0-1-1-3 in F0-3-12-3 in F1-1-1-1 in F1-3-12-1 per rappresentare la prole di F0 (cioè, F1) entro il primo giorno da quando F0 inizia a riprodursi.
    6. Su D5, utilizzare un microscopio dissettivo per contare i nematodi su F1-1-1-1 a F1-3-12-1 agars dove i nematodi sono cresciuti 2 giorni. Lasciare che gli agar F1-1-1-1 a F1-3-12-1 riproducano F2 per le generazioni successive.
    7. Trasferire i due nematodi padre da F0-1-1-4 a F0-3-12-4 agars raccogliendo su nuovi agar NGM dal passo 5.4. Contrassegnare NGM agars da F0-1-1-5 a F0-3-12-5. Modificare i voti di F0-1-1-4 in F0-3-12-4 in F1-1-1-2 in F1-3-12-2 per rappresentare la prole di F0 (cioè F1) entro il secondo giorno da quando F0 inizia a riprodursi.
    8. Sulla D6, contare i nematodi su F1-1-1-2 a F1-3-12-2 agars. Trasferire i nematodi genitori da F0-1-1-5 a F0-3-12-5 agar a F0-1-1-6 a F0-3-12-6. Modificare i marcatori da F0-1-1-5 in F0-3-12-5 in F1-1-1-3 in F1-3-12-3 per rappresentare la prole di F0 (cioè, F1) entro il terzo giorno da quando F0 inizia a riprodursi.
    9. I nematodi sugli agar F1-1-1-1 a F1-3-12-1 sono cresciuti per 3 giorni. Usali per riprodurre F2 nel successo degli studi sugli effetti MGE. Allo stesso modo, utilizzare nematodi F2 per riprodurre F3 per continuare gli studi di effetto MGE.
    10. Allo stesso modo, trasferire i due nematodi dei genitori ogni giorno e contare i nematodi della prole il giorno successivo, fino a quando i nematodi genitore in 6 agarNGM (cioè la metà degli agar totali in ogni gruppo) interrompere la riproduzione.
    11. Calcolare il numero totale della prole per l'intera durata della riproduzione come dimensione totale della covata. Utilizzare il numero della prole entro i primi 3 giorni per rappresentare la riproduzione iniziale dei genitori.
    12. Utilizzare il giorno in cui la riproduzione dei nematodi genitore si ferma in 6 agar NGM per stimare la durata della riproduzione. Usa i giorni in cui ogni singolo genitore è sopravvissuto come durata della sua vita.
    13. Ottenere la riproduzione iniziale, la durata della riproduzione, la dimensione totale della covata e la durata della durata di F1 nello stesso modo in cui viene eseguita per F0. Allo stesso modo, ripetendo la procedura di cui sopra, è possibile ottenere informazioni sulla riproduzione e sulla durata della vita di F2 (a Fn).
  2. Misurare la riproduzione e la durata della vita negli studi sugli effetti MGR.
    1. Eseguire il passaggio 7.2.4 con gli agar NGM del passaggio 5.4 modificati in quelli del passaggio 2.13.
  3. Misurare gli indici biochimici.
    1. Sciacquare i nematodi dagli agarNGM con acqua sterile e raccoglierli in tubi di centrifuga. Sistemare i nematodi per 30 min e scartare i supernatanti. Utilizzare i nematodi nei pellet per la misurazione dell'effetto.
    2. Aggiungere 1 mL di fosfato freddo con ghiaccio tamponato salina (PBS, pH 7.0) nei nematodi (pellet) nei tubi centrifugati da 1,5 mL per lavare i nematodi.
    3. Centrifuga a 10.000 x g per 5 min a 4 gradi centigradi, e scartare con cura i supernatanti con una pipetta.
    4. Agganciare i pellet con azoto liquido o in un congelatore a -80 gradi centigradi.
    5. Omogeneizzare i pellets utilizzando pestelli in un bagno di ghiaccio. Utilizzare 200 PBS ghiacciato 200 per lavare i liquidi residui sul pestello nel tubo di centrifuga prima di estrarre il pestello.
    6. Centrifuga a 10.000 x g per 5 min a 4 gradi centigradi di nuovo, e utilizzare i supernatanti per determinare le attività o le quantità di sostanze biochimiche con i kit commerciali (vedere la Tabella dei Materiali per i dettagli).
    7. Misurare la quantità della proteina totale (TP) nei campioni e utilizzare i risultati come denominatore nel rappresentare altri indicatori biochimici, in modo da eliminare la differenza tra i numeri di nematodi tra i campioni.
  4. Misurare l'espressione genica.
    1. Ripetere i passaggi da 7.4.1 a 7.4.4. Isolare l'RNA totale dai campioni di nematodi utilizzando un kit commerciale di estrazione dell'RNA (vedere la Tabella dei Materiali per i dettagli) secondo le istruzioni del produttore21.
    2. Utilizzare l'RNA per sintetizzare cDNA secondo le istruzioni del produttore21.
    3. Analizzare il campione cDNA nella reazione a catena di polimerasi in tempo reale (RT-PCR) utilizzando i kit SYBR Green RT-PCR secondo le istruzioni del produttore (vedere Tabella dei materiali)21.
    4. Quantifica i livelli di espressione relativi dei geni scelti con il metodo2 - CT 22e tratta i livelli di espressione del pil-2 (o di altro altro gene di riferimento) come riferimento negativo.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Representative Results

Qui, descriviamo i protocolli per studiare gli effetti delle sostanze chimiche nel corso delle generazioni utilizzando C. elegans negli studi di esposizione trans-generazionale (TG), esposizione multigenerazionale (MGE) e residui multigenerazionale (MGR). I nostri risultati di ricerca sono presentati come esempi. Uno studio presenta gli effetti TG dei metalli pesanti sul comportamento di locomozione3. Gli altri due studi presentano gli effetti MGE e MGR di solfomettoxazolo e lindane sulle misurazioni della riproduzione e degli indici biochimici e genetici4,14.

effetti TG dei metalli pesanti sul comportamento di locomozione C. elegans

Gli effetti TG del cadmio (Cd), del rame (Cu), del piombo (Pb) e dello zinco (N) sulla frequenza di flessione del corpo (BBF) sono stati studiati nel genitore nematode (F0) dopo l'esposizione materna e la loro progenie (T1)3. Gli effetti dei metalli sulla BBF hanno mostrato che le inibizioni in T1 erano maggiori rispetto a F0, dimostrando una tossicità più grave dei metalli pesanti sul comportamento della locomozione nella prole esposta agli embrioni rispetto al genitore direttamente esposto. Gli effetti TG dei metalli pesanti a concentrazioni realistiche dal punto di vista ambientale hanno dimostrato che l'esposizione materna può moltiplicare i rischi di inquinamento da metalli pesanti nelle generazioni successive. Vedere La Figura 1.

Figure 1
Figura 1 : Gli effetti del cadmio (Cd), del rame (Cu), del piombo (Pb) e dello zinco (n) sulla frequenza di piegatura del corpo del genitore nematode (F0, bianco) dopo l'esposizione prenatale e la loro progenie (T1, ombreggiata). Barra di errore: errore standard; : significativamente diverso dal controllo, p < 0,05; : significativamente diverso dalla concentrazione più bassa, p < 0,05; : implica effetti significativamente diversi in F1 rispetto a F0, p < 0,05. Questa cifra è stata modificata da Yu et al.3 con il permesso. Fare clic qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Effetti MGR del solfathoxazole (SMX) sulla durata e riproduzione del nematode

Gli effetti MGR del solficcoloxazolo (SMX) sulla durata della vita e sulla riproduzione14 del nematode sono stati studiati sul genitore gestatore (F0), sulla prole esposta agli embrioni (T1), sulla prole esposta alla germinale (T2), sulla prima prole non esposta (T3) e sui tre generazioni successive (T4-T6). I risultati hanno mostrato che la riproduzione (una dimensione totale della covata come 49% del controllo) è stata significativamente influenzata nell'esposizione germinale (T2), e le tossicità persistevano nelle generazioni non esposte da T3 a generazioni T6 (Figura2). I nostri risultati hanno sollevato nuove preoccupazioni per quanto riguarda le influenze a lungo termine degli antibiotici stessi oltre ai loro effetti sulla resistenza agli antibiotici.

Figure 2
Figura 2 : dimensione della covata (in (A), espressa in percentuale di controllo) e riproduzione iniziale (in (B)) di C. elegans nel genitore esposto e la sua prole (F0, T1 a T6, da sinistra a destra ad ogni concentrazione). Barra di errore: errore standard; a - significativamente diverso dal controllo di ANOVA (p < 0,05); b - significativamente diverso dal controllo e dalla generazione precedente alla stessa concentrazione (p < 0,05); c - significativamente diverso dal controllo e dalla concentrazione inferiore nella stessa generazione (p < 0,05); d - significativamente diverso dal controllo e dalla generazione precedente alla stessa concentrazione e minore concentrazione nella stessa generazione (p < 0,05); e - significativamente diverso dalla generazione precedente alla stessa concentrazione e alla minore concentrazione nella stessa generazione (p < 0,05); f - significativamente diverso dalla generazione precedente alla stessa concentrazione (p < 0,05). Questa cifra è stata modificata da Yu et al.14 con il permesso.

Effetti MGE e MGR del lindane sugli indici biochimici e genetici dei nematodi

Gli effetti MGE e MGR del lindane (un inquinante organico persistente [POP]) sono stati studiati sulle sostanze biochimiche chiave nel metabolismo dei lipidi e sui cambiamenti dell'espressione genetica nel relativo percorso insulinico4. I risultati hanno mostrato che il lindane ha mostrato effetti obesogenici con disturbi nella regolazione del segnale insulinico (Figura 3). Inoltre, i cambiamenti tra la segnalazione di sgk-1 (F0, F3, T1' e T3') e akt-1 (T1 e T3) hanno indicato che i nematodi di diverse generazioni di esposizione mostravano diverse strategie di risposta per la tolleranza e l'elusione.

Figure 3
Figura 3 : cambiamenti dei livelli di espressione dei geni chiave nel percorso del segnale simile all'insulina nei nematodi con diverse esperienze di esposizione. : regolamentazione positiva; symbol : regolamentazione negativa; :l'accresciuta dell'espressione; :espressione del down-regulation. Questa cifra è stata modificata da Chen a.4 con il permesso. Fare clic qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Discussion

Al fine di condurre con successo il protocollo descritto, dovrebbero essere presi in considerazione i seguenti suggerimenti. Eseguire le operazioni sperimentali complessive in un ambiente sterile. Un'operazione impropria può provocare la contaminazione dei ceppi di E. coli, ad esempio, funghi e acari può ostacolare la normale crescita di C. elegans e quindi influenzare i risultati sperimentali. Nella sezione che descrive la coltivazione C. elegans, osservare la scala di crescita di C. elegans sugli agarNG da occhi nudi o microscopi. Quando la scala di C. elegans sull'agar supera il 75% in area, o il tempo di coltura supera una settimana, eseguire un nuovo ciclo di inoculazione per evitare la crescita eccessiva o il declino della popolazione di C. elegans. Prima del processo di sincronizzazione, utilizzare un microscopio per osservare la crescita di C. eleganse continuare il processo quando le uova di nematode sono ampiamente distribuite sull'agar. Inoltre, se si utilizzano solventi (ad esempio, il solfuro dimetilo [DMSO]), le loro concentrazioni nelle soluzioni di stock devono essere inferiori all'1% per garantire che le loro concentrazioni finali non superino lo 0,5% (v/v) per evitare gli effetti negativi dei solventi stessi. Negli studi sugli effetti TG, la durata dell'esposizione superiore a 24 h è necessaria per garantire che il tempo di esposizione copra la formazione embrionale della generazione successiva e la durata dovrebbe essere entro 96 h per facilitare la successiva separazione di generazione. Utilizzare piccole quantità di nematodi (di solito entro 20) per misurare la durata della vita e la riproduzione. D'altra parte, utilizzare grandi quantità di nematodi (di solito più di 500) per misurare gli indici di regolazione biochimica e genetica. Quindi, al fine di garantire un numero sufficiente di campioni, eseguire esperimenti preliminari per stimare approssimativamente quanti prole i nematodi F0 maturi possono riprodurre entro le prime 24 h da quando iniziano la riproduzione. Quindi determinare il numero di nematodi F0 necessari per garantire che ci siano almeno 200 prole per i procedimenti studi multigenerazionali.

Rispetto ai precedenti rapporti di studi TG con C. elegans, l'attuale protocollo sperimentale è stato più premuroso della scelta della fase della vita. In C. elegans,gli spermatozoi si formano allo stadio L4 per fertilizzare gli ovociti più tardi23. Di conseguenza, l'esposizione che copre il periodo della spermiogenesi e dell'oocitogenesi fornirà una particolare finestra per studiare gli effetti TG sulla prole. Le uova sincronizzate in base all'età vengono utilizzate per studi di effetti multigenerazionali per garantire che l'esposizione copra il periodo complessivo dall'inizio di ogni ciclo di vita. Rispetto ai precedenti studi multigenerazionali, l'attuale protocollo sperimentale ha facilitato la misurazione degli effetti su più generazioni anziché solo 1-2 generazioni. Inoltre, il presente protocollo ha considerato sia gli effetti MGE che MGR, che è più sistematico rispetto agli studi precedenti che misuravano solo gli effetti MGE o MGR.

In particolare, ci sono ancora alcune questioni da considerare nell'attuale protocollo sperimentale. L'attuale protocollo utilizza C. elegans selvatici il cui tempo di generazione è di circa 60 h e la durata della vita è di 20 giorni. Questo rende la durata complessiva dell'esperimento abbastanza lunga (ad esempio, gli effetti MGE studiano sulla durata della vita su 3 generazioni richiede almeno 30 giorni). Al fine di ridurre il tempo, i ricercatori possono scegliere C. elegan mutanti mutanti, come i nematodi mutanti di breve durata. Un altro problema è il trattamento di uccisione sui batteri, il cui stato vivo è necessario per mantenere i nematodi sani 24. Inoltre, il processo di uccisione UV potrebbe introdurre cambiamenti nelle sostanze chimiche25. Pertanto, altri trattamenti sui batteri dovrebbero essere considerati, e un attento monitoraggio sui cambiamenti chimici durante la preparazione o il processo di esposizione può essere necessario, soprattutto per i composti instabili. Allo stesso tempo, ci sono limitazioni nello studio delle differenze di sesso negli effetti tossici perché la maggior parte del fatto che C. elegans è ermafrodite. Sono necessari ulteriori miglioramenti per studiare il contributo sessuale negli effetti TG, MGE o MGR. In sintesi, prevediamo che il protocollo proposto sarà di grande importanza per l'utilizzo di C. elegans per studiare gli effetti TG, MGE e MGR dei tossici.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Disclosures

Gli autori sono grati per i supporti finanziari del National Science and Technology Major Project for Water Pollution Control and Treatment (2017-X07201004) e del Programma internazionale di cooperazione scientifica e tecnologica della Cina (n. 2016YFE0123700).

Materials

Name Company Catalog Number Comments
 agar powder OXOID, Thermo Fisher Scientific, UK 9002-18-0
79nnHT Fast Real-Time PCR System  Applied Biosystems 
96-well sterile microplate Costar?Corning?America
Autoclave sterilizer Tomy, Tomy Digital Biology, Japan
Biosafety cabinet LongYue, Shanghai longyue instrument equipment co. Ltd, China
calcium chloride Sinopharm chemical reagent company Ltd, China 10043-52-4
centrifuge  5417R Eppendorf, Ai Bende (Shanghai) International Trade Co., Ltd, Germany
Centrifuge tubes Axygen, Aixjin biotechnology (Hangzhou) co. Ltd, America
cholesterol Sinopharm chemical reagent company Ltd, China 57-88-5
Dimethyl sulfoxide VETEC, Sigmar aldrich (Shanghai) trading co. Ltd, America 67-68-5
disodium hydrogen phosphate Sinopharm chemical reagent company Ltd, China 7558-79-4
ethanol Sinopharm chemical reagent company Ltd, China 64-17-5
Filter Thermo, Thermo Fisher Scientific, America
incubator YiHeng17, Shanghai yiheng scientific instrument co. Ltd, China
inoculating loop
K2HPO4•3H2O Sinopharm chemical reagent company Ltd, China 16788-57-1
kraft paper
Mcroplate Reader Boitek, Boten apparatus co. Ltd, America
MgSO4•7H2O Sinopharm chemical reagent company Ltd, China 10034-99-8
Microscopes XTL-BM-9TD BM, Shanghai BM optical instruments manufacturing co. Ltd, China 
Petri dishes
Pipette Eppendorf, Ai Bende (Shanghai) International Trade Co., Ltd, Germany
Potassium chloride Sinopharm chemical reagent company Ltd, China 7447-40-7
potassium dihydrogen phosphate Sinopharm chemical reagent company Ltd, China 7778-77-0
Qiagen RNeasy kits Qiagen Inc., Valencia, CA, United States
QuantiTect SYBR Green RT-PCR kits Qiagen Inc., Valencia, CA, United States
RevertAid First Strand cDNA Synthesis Kit Thermo Scientific, Wilmington, DE, United States
sodium chloride Sinopharm chemical reagent company Ltd, China 7647-14-5
sodium hydroxide Sinopharm chemical reagent company Ltd, China 1310-73-2
sodium hypochlorite solution Aladdin, Shanghai Aladdin biochemical technology co. Ltd, China 7681-52-9
tryptone OXOID, Thermo Fisher Scientific, UK 73049-73-7
yeast extract OXOID, Thermo Fisher Scientific, UK 119-44-8

DOWNLOAD MATERIALS LIST

References

  1. Yu, Z., Zhang, J., Hou, M. The time-dependent stimulation of sodium halide salts on redox reactants, energy supply and luminescence in Vibrio fischeri. Journal of Hazardous Materials. 342, 429-435 (2018).
  2. Li, W., et al. Long-term nicotine exposure induces dysfunction of mouse endothelial progenitor cells. Experimental and Therapeutic. 13, 85-90 (2017).
  3. Yu, Z. Y., Chen, X. X., Zhang, J., Wang, R., Yin, D. Q. Transgenerational effects of heavy metals on L3 larva of Caenorhabditis elegans with greater behavior and growth inhibitions in the progeny. Ecotoxicology and Environmental Safety. 88C, 178-184 (2013).
  4. Chen, R., Yu, Z., Yin, D. Multi-generational effects of lindane on nematode lipid metabolism with disturbances on insulin-like signal pathway. Chemosphere. 210, 607-614 (2018).
  5. Van Norman, G. A. A matter of mice and men: ethical issues in animal experimentation. International Anesthesiology Clinics. 53, (3), 63-78 (2015).
  6. Pereira, C. M. S., Everaert, G., Blust, R., De Schamphelaere, K. A. C. Multigenerational effects of nickel on Daphnia magna depend on temperature and the magnitude of the effect in the first generation. Environmental Toxicology and Chemistry. 37, (7), 1877-1888 (2018).
  7. Morimoto, J., Simpson, S. J., Ponton, F. Direct and trans-generational effects of male and female gut microbiota in Drosophila melanogaster. Biology Letters. 13, 20160966 (2017).
  8. Coimbra, A. M., et al. Chronic effects of clofibric acid in zebrafish (Danio rerio): A multigenerational study. Aquatic Toxicology. 160, 76-86 (2015).
  9. Sugi, T. Genome editing in C. elegans and other nematode species. International Journal of Molecular Sciences. 17, 295 (2016).
  10. Leung, M. C. K., et al. Caenorhabditis elegans: an emerging model in biomedical and environmental toxicology. Toxicological Science. 106, (1), 5-28 (2008).
  11. Yu, Z. Y., Jiang, L., Yin, D. Q. Behavior toxicity to Caenorhabditis elegans transferred to the progeny after exposure to sulfamethoxazole at environmentally relevant concentration. Journal of Environmental Sciences-China. 23, (2), 294-300 (2011).
  12. Kim, S. W., Kwak, J. I., An, Y. J. Multigenerational study of gold nanoparticles in Caenorhabditis elegans: transgenerational effect of maternal exposure. Environmental Science & Technology. 47, 5393-5399 (2013).
  13. Klosin, A., Casas, E., Hidalgo-Carcedo, C., Vavouri, T., Lehner, B. Transgenerational transmission of environmental information in C. elegans. Science. 356, 320 (2017).
  14. Yu, Z. Y., et al. Trans-generational influences of sulfamethoxazole on lifespan, reproduction and population growth of Caenorhabditis elegans. Ecotoxicology and Environmental Safety. 135, 312-318 (2017).
  15. Buisset-Goussen, A., et al. Effects of chronic gamma irradiation: a multigenerational study using Caenorhabditis elegans. Radioactivity. 137, 190-197 (2014).
  16. Zhao, F., et al. Multigenerational exposure to dietary zearalenone (ZEA), anestrogenic mycotoxin, affects puberty and reproductionin female mice. Reproductive Toxicology. 47, 81-88 (2014).
  17. Yang, Z., Wang, J., Tang, L., Sun, X., Xue, K. S. Transgenerational comparison of developmental and reproductive toxicities in zearalenone exposed Caenorhabditis elegans. Asian Journal of Ecotoxicology. 11, (4), 61-68 (2016).
  18. Brenner, S. The genetics of Caenorhabditis dlegans. Genetics. 77, 71-94 (1974).
  19. Emmons, S., Klass, M., Hirsch, D. An analysis of the constancy of DNA sequences during development and evolution of the nematode Caenorhabditis elegans. Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America. 76, 1333-1337 (1979).
  20. Van Gilst, M. R., Hadjivassiliou, H., Yamamoto, K. R. A Caenorhabditis elegans nutrient response system partially dependent on nuclear receptor NHR-49. Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America. 102, (38), 13496-13501 (2005).
  21. Cobb, E., Hall, J., Palazzolo, D. L. Induction of metallothionein expression after exposure to conventional cigarette smoke but not electronic cigarette (ECIG)-generated aerosol in Caenorhabditis elegans. Frontiers in Physiology. 9, 426 (2018).
  22. Livak, K. J., Schmittgen, T. D. Analysis of relative gene expression data using real-time quantitative PCR and the 2-ΔΔCT method. Methods. 25, (4), 402-408 (2001).
  23. Hill, R., et al. Genetic flexibility in the convergent evolution of hermaphroditism in Caenorhabditis Nematodes. Developmental Cell. 10, 531-538 (2006).
  24. Cabreiro, F., Gems, D. Worms need microbes too: microbiota, health and aging in Caenorhabditis elegans. EMBO Molecular Medicine. 2013, 1300-1310 (2013).
  25. Breider, F., von Gunten, U. Quantification of total N-nitrosamine concentrations in aqueous samples via UV-photolysis and chemiluminescence detection of nitric oxide. Analytical Chemistry. 89, (3), 1574-1582 (2017).

Comments

0 Comments


    Post a Question / Comment / Request

    You must be signed in to post a comment. Please or create an account.

    Usage Statistics