Waiting
Login processing...

Trial ends in Request Full Access Tell Your Colleague About Jove

34.4: Introduzione alle piante da seme
INDICE DEI
CONTENUTI

JoVE Core
Biology

A subscription to JoVE is required to view this content. You will only be able to see the first 20 seconds.

Education
Introduction to Seed Plants
 
TRASCRIZIONE

34.4: Introduzione alle piante da seme

La maggior parte delle piante sono piante di semi, caratterizzate da semi, polline e gametofiti ridotti. Le piante di semi includono gimnosperme e angiosperme.

Le gimnosperme - cicale, ginkgo biloba, gnetofiti e conifere - in genere formano coni. I coni di polline contengono gametofiti maschili. I coni ovulati contengono gametofiti femminili e formano semi esposti quando fecondati.

Le angiosperme, il gruppo più diversificato e onnipresente di piante terrestri, formano fiori e frutta. Come i coni dei gimnosperme, i fiori e i frutti delle angiosperme permettono la riproduzione sessuale.

I fiori facilitano la dispersione del polline. Le fertili strutture floreali, stami e carpe, contengono rispettivamente gametofite maschili e femminili. I frutti facilitano la dispersione dei semi, spesso formandosi dopo che i fiori hanno rilasciato polline. Mentre i semi si sviluppano a causa degli ovuli fecondati di un fiore, la parete delle ovaie si ispessisce, formando un frutto contenente semi.

Gli angiospermi sono stati storicamente classificati come monocotiledoni o dicotiledoni in base al loro numero di cotiledoni, o foglie di semi. Tuttavia, sulla base di prove genetiche, la maggior parte delle specie classicamente considerate dicotiledoni sono ora chiamati eudicotiledoni. I legumi (ad esempio, i fagioli) e gli alberi da fiore più noti (ad esempio, le querce) sono eudicotiledoni.

Gli altri ex dicotiledoni appartengono a uno dei quattro piccoli lignaggi. Tre di questi -Amborella,ninfee e abie stellate e i suoi parenti - sono considerati angiospermi basali a causa della loro divergenza precoce dalle angiosperme ancestrali. Il quarto gruppo, i magnoliidi, contiene migliaia di specie, tra cui la magnolia.

Esempi di monocotiledoni includono orchidee, erbe, palme, mais, riso e grano. A parte il numero di cotiledoni , altre caratteristiche distinguono i monocot dagli eudicotiledoni . Le vene foglia sono tipicamente parallele nei monocotiledoni e reticolari negli eudicotiledoni . Nei gambi, il tessuto vascolare è spesso sparso in monocot e ad anello in eudicots. A differenza degli eudicotiledoni, i monocotiledoni generalmente mancano di una radice primaria. I grani di polline hanno tipicamente un'apertura in monocotiledoni e tre aperture negli eudicotiledoni . Infine, gli organi floreali si trovano spesso in multipli di tre in monocotiledoni e multipli di quattro o cinque in eudicotiledoni .


Lettura consigliata

Get cutting-edge science videos from JoVE sent straight to your inbox every month.

Waiting X
Simple Hit Counter