A getto d'inchiostro stampa tutti gli inchiostri di Perovskite alogenuro inorganici per applicazioni fotovoltaiche

Chemistry

Your institution must subscribe to JoVE's Chemistry section to access this content.

Fill out the form below to receive a free trial or learn more about access:

 

Summary

Un protocollo per la sintesi di ibridi inorganici-piombo-alogenuro perovskite quantum dot inchiostri per la stampa a getto d'inchiostro e il protocollo per la preparazione e stampa degli inchiostri di quantum dot in una stampante a getto d'inchiostro con tecniche di caratterizzazione di post sono presentati.

Cite this Article

Copy Citation | Download Citations | Reprints and Permissions

Richmond, D., McCormick, M., Ekanayaka, T. K., Teeter, J. D., Swanson, B. L., Benker, N., Hao, G., Sikich, S., Enders, A., Sinitskii, A., Ilie, C. C., Dowben, P. A., Yost, A. J. Inkjet Printing All Inorganic Halide Perovskite Inks for Photovoltaic Applications. J. Vis. Exp. (143), e58760, doi:10.3791/58760 (2019).

Please note that all translations are automatically generated.

Click here for the english version. For other languages click here.

Abstract

Un metodo per la sintetizzazione fotoattivi inorganici perovskite quantum dot inchiostri e un metodo di deposizione della stampante a getto d'inchiostro, utilizzando gli inchiostri sintetizzati, sono dimostrati. La sintesi di inchiostro si basa su una semplice reazione chimica bagnata e il protocollo di stampa a getto d'inchiostro è un facile metodo di passo dopo passo. Il getto di inchiostro stampato film sottili sono stati caratterizzati dalla diffrazione dei raggi x, spettroscopia di assorbimento ottico, fotoluminescenti spettroscopia e misure di trasporto elettronico. Diffrazione dei raggi x delle pellicole stampate quantum dot indica una struttura cristallina coerenza con una fase di temperatura ambiente ortorombico con orientamento (001). In combinazione con altri metodi di caratterizzazione, le misure di diffrazione di raggi x mostrano film possono essere ottenuti attraverso il metodo di stampa a getto d'inchiostro di alta qualità.

Introduction

Dieter Weber sintetizzato il primo ibridi organici-inorganici ad alogenuri perovskiti nel 19781,2. Circa 30 anni dopo, nel 2009, Akihiro Kojima e collaboratori fabbricati dispositivi fotovoltaici utilizzando la stessa ibridi organici-inorganici ad alogenuri perovskiti sintetizzato da Weber, vale a dire, CH3NH3PbI3 e CH3NH3 PbBr33. Questi esperimenti sono stati l'inizio di una successiva ondata di ricerche incentrate sulle proprietà fotovoltaica di ibridi organici-inorganici ad alogenuri perovskiti. Dal 2009 al 2018, l'efficienza di conversione di potere dispositivo drammaticamente aumentato da 3,8%3 a oltre il 23%4, rendendo ibridi organici-inorganici ad alogenuri perovskiti paragonabile a Si-based celle solari. Come con le perovskiti basati su alogenuri organici-inorganici, le perovskiti basati su alogenuri inorganici iniziò a guadagnare trazione nella comunità di ricerca intorno al 2012 quando è stato misurato l'efficienza del dispositivo fotovoltaico prima di essere 0,9%5. Dal 2012 i tutte le perovskiti basati su alogenuri inorganici hanno percorso una lunga strada con alcuni efficienze di dispositivo misurate per essere oltre 13% come nello studio di 2017 da Sanehira et al. 6 entrambe le perovskiti organici-inorganici basati e trovano applicazioni legate al laser7,8,9,10, di diodi che emettono luce11, 12 , 13, ad alta energia radiazione rilevazione14, foto rilevamento15,16e applicazioni fotovoltaiche naturalmente5,15,17,18 . Quasi nell'ultimo decennio, molte tecniche differenti di sintesi sono emerse da scienziati e ingegneri che vanno dai metodi di soluzione elaborata a vuoto vapor deposition tecniche19,20,21. L'alogenuro perovskiti sintetizzati utilizzando un metodo di soluzione-trattati sono vantaggiosi in quanto possono facilmente essere impiegati come inchiostri per inkjet stampa15.

Nel 1987, il primo riferito uso della stampa a getto d'inchiostro di celle solari è stato presentato. Da allora, gli scienziati e gli ingegneri hanno cercato modi per stampare correttamente tutte le celle solari inorganiche con proprietà interessanti prestazioni e scarsa esecuzione Costa22. Ci sono molti vantaggi a stampa celle solari a getto d'inchiostro, rispetto ad alcuni dei comuni metodi di fabbricazione base vuoto. Un aspetto importante del metodo di stampa a getto d'inchiostro è che materiali basati sulla soluzione sono usati come inchiostri. Questo apre la porta per le prove di molti materiali differenti, quali inchiostri a base di perovskite inorganici, che possono essere sintetizzati dal facile bagnati metodi chimici. In altre parole, stampa a getto d'inchiostro di materiali della pila solare è un percorso di basso costo per prototipazione rapida. Stampa a getto d'inchiostro ha anche il vantaggio di essere in grado di stampare grandi aree su substrati flessibili e stampare da design a bassa temperatura in condizioni atmosferiche. Inoltre, la stampa inkjet è molto adatto per la produzione di massa consentendo per implementazione realistica di roll-to-basso costo23,24.

In questo articolo, discutiamo prima i passaggi necessari per sintetizzare inchiostro inorganici perovskite quantum dot stampa. Quindi, descriviamo i passaggi aggiuntivi per la preparazione di inchiostri per la stampa e le procedure attuali per inkjet stampa un film fotoattivo utilizzando una stampante a getto d'inchiostro disponibili in commercio. Infine, si discute la caratterizzazione dei film stampato che è necessaria garantire che i film sono di composizione di cristallo per le prestazioni del dispositivo di alta qualità e del prodotto chimico adeguato.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Protocol

Attenzione: Si prega di consultare schede di sicurezza del laboratorio (MSDS) prima di procedere. I prodotti chimici utilizzati in questi protocolli di sintesi sono associati a rischi per la salute. Inoltre, i nanomateriali hanno ulteriori rischi rispetto alla loro controparte di massa. Si prega di utilizzare tutte le pratiche di sicurezza appropriate quando si esegue una reazione nanocristallo compreso l'uso di una cappa aspirante o guantiera e adeguata attrezzatura di protezione individuale (occhiali di sicurezza, guanti, camice, pantaloni, Scarpe chiuse, ecc.).

1. precursore sintesi

  1. Sintesi di precursori di cesio oleato
    Nota: Oleato di cesio è sintetizzato in un ambiente di2 N.
    1. Aggiungere carbonato 0,203 g di cesio (Cs2CO3), 10 mL di octadecene (ODE) e 1,025 mL di acido oleico (OA) per un tre a collo tondo in basso mescolando boccetta. Il pallone fondo tondo collo tre per precursore di oleato di cesio con l'etichetta 1 in Figura 1a.
    2. Mettere un termometro o la termocoppia in uno dei colli tramite un tappo di gomma.
    3. Mettere un setto di gomma in uno dei colli rimanenti e quindi allegare il terzo e ultimo collo a un azoto gas linea tramite una linea di Schlenk. Mettere il composto in un'atmosfera di azoto gassoso.
    4. Riscaldare la miscela a 150 ° C con agitazione costante ad una velocità di agitazione di 399 mm/s utilizzando un'ancoretta magnetica di 2,54 cm fino a quando il Cs2CO3 completamente si dissolve.
    5. Abbassare la temperatura a 100 ° C per evitare la precipitazione e la decomposizione del oleato di cesio e congedo mescolando alla stessa velocità di agitazione come descritto al punto 1.1.4.
  2. Sintesi di precursori di oleilammina-PbBr2
    Nota: Oleilammina-PbBr2 precursore è sintetizzato in un ambiente di2 N.
    1. Aggiungere 37,5 mL di ODE, 7,5 mL di oleilammina (OAm), 3,75 mL di OA e 1,35 mmol di PbBr2 in altri tre dal collo tondo in basso mescolando boccetta. I tre dal collo pallone da agitazione per OAm-PbBr2 è etichettato 2 in Figura 1a. Figura 1b Mostra la soluzione precursore non miscelati.
    2. Inserire un termometro o la termocoppia in uno dei colli e inserire una sorta di pellicola polimerica intorno termometro/termocoppia per sigillare il collo, Vedi Figura 1.
    3. Inserire un tappo di gomma in uno dei colli rimanenti e quindi allegare il terzo e ultimo collo alla linea di gas di azoto tramite una linea di Schlenk. Mettere il composto sotto atmosfera di azoto gassoso.
    4. Riscaldare la miscela a 100 ° C con agitazione costante ad una velocità di agitazione di 599 mm/s utilizzando un'ancoretta magnetica finchè il PbBr2 sia completamente dissolto. La soluzione di precursore sotto costante agitazione è mostrata in Figura 1c e la soluzione completamente disciolto precursore è mostrata nella Figura 1d.
    5. Riscaldare la miscela a 170 ° C con agitazione costante, notare che la miscela subisce un cambiamento di colore di colore giallo scuro, una volta che arrivano fino a 170 ° C come si vede nella Figura 1d. lascia mescolando sotto 170 ° C calore.

2. CsPbBr3 Quantum Dot sintesi

  1. Usando una siringa di vetro da 2 mL, con un ago di calibro lungo 18 cm 10, estrarre 1,375 mL del precursore di oleato di cesio dal pallone a tre colli da attraverso il setto di gomma come illustrato nella Figura 2un.
  2. Iniettare velocemente, attraverso il setto di gomma, i mL 1,375 di precursore di oleato di cesio nel pallone tre collo contenente il precursore di OAm-PbBr2 , come mostrato nella Figura 2b. Ci dovrebbe essere un cambiamento di colore osservabile, un brillante giallo-verde, come mostrato in Figura 2c.
  3. Dopo aver iniettato il cesio oleato precursore, attendere 5 s, togliere il pallone a tre colli dal fuoco e immergere il pallone a fondo tondo tre colli in un bagno di ghiaccio/acqua a 0 ° C, come illustrato nella Figura 3un.
  4. Separare la soluzione nella beuta tre collo ugualmente in 2 provette, circa 25 mL / provetta.
  5. Aggiungere 25mL di acetone a ogni soluzioni surnatante, quindi separare con centrifuga utilizzando parametri qui sotto.
  6. Separare i punti quantici utilizzando una centrifuga a 2431.65 x g per 5 min a temperatura ambiente impostata, come mostrato nella Figura 3b.
  7. Separare i punti quantici surnatante e centrifugato, come mostrato nella Figura 3 c, versando il surnatante in una provetta vuota.
  8. Infine, sciogliere i punti quantici separati in 10-25 mL di esano o cyclohexanes. Questa soluzione utilizzabile quindi come un inchiostro nelle cartucce della stampante a getto d'inchiostro per stampa pellicole sottili.
    Nota: Una stampante a getto d'inchiostro disponibili in commercio è stata utilizzata per stampare tutti i quantum dot sottile film degli inchiostri perovskite basati su alogenuri inorganici. In questo substrati di protocollo di vetro amorfo e ossido della latta dell'indio rivestito di polietilene tereftalato (ITO/PET) sono stati utilizzati durante le misurazioni. Per garantire che la superficie del substrato sia pulita prima della stampa, i substrati erano puliti utilizzando un lavaggio di acetone seguito da una lavatura di metanolo.

3. pulizia della testina della stampante

  1. In primo luogo assicurarsi che la stampante sia collegata e accesa l'alimentazione per accedere alle cartucce di inchiostro e testina di stampa.
  2. Rimuovere le cartucce di inchiostro dalla testina della stampante, aprire la parte superiore della stampante e attendere che le cartucce di inchiostro tornare alla posizione centrale e le luci rosse sotto le cartucce di inchiostro ad essere illuminata e quindi rimuovere tutte le cartucce.
  3. Spostare la testina di stampa leggermente a destra e tirare fuori la guardia sul vassoio dell'inchiostro in modo che consenta il vassoio rimanere in posizione, come mostrato nella Figura 4. Raggiungere il retro del vassoio dell'inchiostro e un pizzico il divisore di plastica che separa le due metà della testina di stampa. Tirare delicatamente e la testina di stampa verrà rimosso facilmente.
  4. Per pulire la testina di stampa, preparare un piatto con pochi millimetri di acqua tiepida. Posizionare la testina di stampa in acqua con le fessure nella parte inferiore sommersa. Evitare il contatto tra l'acqua e le parti elettroniche verde sul retro perché questo ha il potenziale di danneggiare la testina di stampa.
  5. Utilizzare una pipetta e acqua calda a goccia d'acqua sulle resistenze. Lasciare la testina di stampa che si siede in acqua calda per 1-2 h.
  6. Una volta finito ammollo in acqua calda, posizionare la testina di stampa su un tessuto di laboratorio e lasciare per asciugare almeno 20 min., evitare di pulire la parte inferiore della testina di stampa perché le fibre dalla cancellazione dei dati possono rimanere incastrate nelle feritoie della cui inchiostro è dispensato.
  7. Riportare la testina di stampa nella sua posizione e spingere indietro la guardia alla sua posizione originale.

4. stampa Perovskite Quantum Dot inchiostri

Nota: Questo protocollo utilizza una stampante a getto d'inchiostro che include la possibilità di stampare etichette CD su CD con l'ausilio di un cassetto del disco CD rigido. È consigliabile prima stampa perovskiti, che uno tagliato un comodo forma e le dimensioni del substrato e quindi stampare l'esatta dimensione e la forma del substrato desiderato sul disco CD stesso utilizzando inchiostro nero, come mostrato nella Figura 5.

  1. Disegnare una linea retta al bordo del disco e proseguire il vassoio del disco CD. In questo modo, il modello di CD possono essere allineati lo stesso modo ogni volta e garantire gli inchiostri di stampa nella posizione desiderata.
  2. Posizionare il substrato sopra le immagini di inchiostro stampate sul disco. Il substrato può essere tenuto in posizione con nastro biadesivo o qualche altro adesivo, come mostrato nella Figura 5b.
  3. Prima di riempire le cartucce d'inchiostro, assicurare il coperchio arancione è installato correttamente sul fondo della cartuccia di inchiostro, come mostrato nella Figura 6un. Ciò impedirà inchiostro che si rovesciano fuori la parte inferiore della cartuccia.
  4. Una volta fatta la soluzione di inchiostro, come descritto al punto 2.9, e la copertina è sulla cartuccia, utilizzare una pipetta per iniettare l'inchiostro del puntino di quantum nella parte superiore della cartuccia di inchiostro, come mostrato nella Figura 6un.
    Nota: L'inchiostro del puntino di quantum sarà assorbita dalla spugna fino a quando esso diventa saturo e l'inchiostro rimanente verrà memorizzato nello scompartimento accanto la spugna. Evitare di riempire eccessivamente questo vano, perché inchiostro può fuoriuscire dalla parte superiore quando diventa quasi pieno.
  5. Una volta che la cartuccia è piena la quantità desiderata, collegare la parte superiore con il tappo di gomma e rimuovere con cautela il coperchio inferiore arancione. Preparatevi per un po' inchiostro di fuggire attraverso il fondo, quando si esegue questa operazione.
  6. Posizionare la cartuccia d'inchiostro nella testina di stampa e assicuratevi di che scatta in posizione, come mostrato in Figura 6b, assicurarsi di inserire le restanti cartucce, vuote o piena prima di proseguire per il passo successivo, come mostrato nella Figura 6c.
  7. Chiudere la stampante e attendere che la testina di stampa tornare l'estremità destra della stampante.
  8. Assicurarsi che il colore delle immagini in fase di stampa corrisponde al colore cartuccia inchiostro contenente i punti quantici. Un'immagine solida di ciano, magenta o giallo sono stati trovati per funzionare al meglio (nero è difficile perché ci sono due cartucce di nere).
  9. Fare clic su stampa all'angolo in basso a destra e seguire sullo schermo le istruzioni.
  10. Mentre la stampante si sta riscaldando, controllare che il disco sia allineato correttamente il vassoio del disco, tale che l'immagine sullo schermo verrà stampata esattamente dove previsto.
  11. Un'istruzione apparirà sullo schermo che indirizza l'utente ad aprire il coperchio del disco sulla stampante e inserire il cassetto del disco contenente il disco nella macchina. Eseguire questa operazione e quindi premere il pulsante Riprendi (spia arancione lampeggiante) sulla stampante o fare clic sul pulsante "OK" sullo schermo, come mostrato nella Figura 7a e 7b.
  12. A questo punto la stampante accetterà il vassoio del disco e stampa perovskiti sul substrato, termine della stampa; Verifica che gli inchiostri effettivamente stampato sul substrato come intasamento è un problema comune.
    1. Tenere una lampada ultra violetta (UV) sopra il substrato, se la stampa non ha funzionato ci sarà qualcosa di simile a Figura 7c; in caso contrario non ci sarà essere luminescing pellicola come in Figura 7d in se il protocollo di cui sopra ha funzionato correttamente.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Representative Results

Caratterizzazione della struttura di cristallo

Che caratterizzano la struttura di cristallo è di vitale importanza per quanto riguarda la sintesi delle perovskiti inorganici. Diffrazione di raggi x (XRD) è stato effettuato in aria a temperatura ambiente su un diffrattometro utilizzando un 1.54 Å lunghezza d'onda Cu-Kα sorgente luminosa. Utilizzando i protocolli di cui sopra dovrebbe condurre a una struttura di cristallo ortorombico di temperatura per gli inchiostri di CsPbBr3 quantum dot, come illustrato nella Figura 8una.

La XRD risultati, come illustrato nella Figura 8una, indicano che gli inchiostri QD3 CsPbBr cristallini mantengano una struttura perovskite ortorombico temperatura ambiente dopo il processo di stampa a getto d'inchiostro, in buon accordo con i rapporti nella letteratura8 , 15 , 25 , 26. the Scherrer equazione27 può essere usato in combinazione con una distribuzione standard di Lorentzian raccordo funzione del picco di Bragg (220), per determinare la dimensione del puntino di quantum, che in questo caso è di circa 5.5 nm di diametro. L'equazione di Scherrer è mostrato di seguito,
Equation
dove D è il diametro del punto quantico, k è un fattore di forma adimensionale, λ è la lunghezza d'onda dei raggi x, β è la larghezza piena a metà-massimo del picco in radianti, e θ è l'angolo di diffrazione di Bragg. Un fattore di forma, k = 0.89 che viene utilizzato per cubo come nanoparticelle, è stato utilizzato nei calcoli28.

Assorbimento ottico e la caratterizzazione di fotoluminescenza spettroscopia

È noto che le proprietà ottiche di questi punti quantici di perovskite inorganici sono sensibili alla dimensione del quantum dot e stechiometria della inorganici (catione) e gli atomi ad alogenuri (anione). Piccoli cambiamenti nella dimensione o stechiometria dei punti quantici porterà a livelli di assorbimento e profili di luminescenza. Fotoluminescenza e assorbimento ottico sono stati effettuati con deuterio-sorgente luminosa alogena equipaggiata con uno spettrometro ad alta risoluzione UV-Near a raggi infrarossi (UV-NIR), dove l'intervallo di lunghezza d'onda di lampada al deuterio è 210-400 nm e lunghezza d'onda di lampada alogena gamma è 360-1500 nm. In Figura 8b, viene visualizzato il profilo di fotoluminescenza (curva nera) per CsPbBr3 e la posizione del picco è ≈ 520 nm. Similmente, in Figura 8b, il profilo di assorbimento ottico (curva rossa) per CsPbBr3 è indicato con un picco eccitoniche osservato intorno 440 nm. Il protocollo di cui sopra se eseguita correttamente dovrebbe provocare un profilo di assorbimento e di fotoluminescenza come mostrato in Figura 8b.

Caratterizzazione di trasporto elettronico

Un sourcemeter, un picoammeter e un multimetro sono stati utilizzati per misurare le curve corrente-tensione (I-V). Un analizzatore di impedenza è stato utilizzato per misurare le curve di capacità-tensione (C-V). -V e C-V misure sono state prese per pellicole stampate in condizioni di buia e luce, come mostrato nelle figure 8 c e 8 d. Senza illuminazione è stata misurata una corrente scura di 1,3 pA a 1,0 tensione V applicata. Nell'ambito dell'illuminazione, con fluences sorgente luminosa di 14,1 mW/cm2, la corrente misurata è aumentato linearmente a 2,64 mA a 1.0 V tensione applicata. L'aspetto di una significativa corrente diverso da zero, sotto illuminazione a luce, indica che il film è fotoattivo. I film possono esibire molto alto inserita/disinserita rapporti, alti come 109, che suggerisce buone applicazioni potenziali legate alla fotorivelazione.

I film mostrano molto bassa capacità in condizioni di buia quando nessuna illuminazione è presente, come si può vedere in Figura 8d. Illuminazione luce sotto il zero-bias misurato aumenti di capacità alle ore 14.45 nF. Quando sotto illuminazione a luce una capacità misurata diverso da zero a zero-bias è un'altra indicazione che i film sono fotoattivi.

Figure 1
Figura 1: Quantum Dot precursore sintesi. (a) il precursore di oleato di cesio in tre boccette con il collo con l'etichetta 1 e il precursore di2 OAm-PbBr in tre fiasco dal collo con etichetta 2. (b) mettere oleilammina e PbBr2 in tre pallone con il collo. (c) miscelazione e soluzione di riscaldamento OAm-PbBr2 precursore. (d) OAm-PbBr2 precursore è completamente sciolto, notare il colore giallo scuro a cambiare. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 2
Figura 2: metodo di iniezione precursore. (a) estrazione 1,375 mL di oleato di cesio per iniezione. (b) iniettando oleato di cesio nel OAm-PbBr2 soluzione. (c) cambiamento di colore rapida e formazione di quantum dot soluzione. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 3
Figura 3: Ice bagno e centrifugazione. (a) la soluzione di puntino di quantum sintetizzato collocato in tubi del bagno (b) due di ghiaccio con uguali quantità di soluzione messo in centrifuga. (c) la polvere del puntino di quantum nella parte inferiore della provetta con la soluzione supernatante sul top, post centrifugazione. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 4
Figura 4: taglio substrato e allegare al modello di stampa. (a) taglio di substrato di ITO/PET. (b) il modello di stampa con substrato allegata. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 5
Figura 5: rimozione di testina di stampa. (a) la testina di stampa può essere rimosso premendo destra leggermente come indicato dalla freccia. (b) dopo la testina di stampa è stato rimosso. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 6
Figura 6: caricamento cartucce con inchiostri di Quantum Dot. (a) iniettando inchiostri in inchiostro cartucce tramite una pipetta. cartuccia (b) inserimento riempito d'inchiostro nella testina di stampa. (c) Inserting restanti cartucce vuote nella testina di stampa. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 7
Figura 7: stampa e controllo di qualità. (a) inserire il vassoio del disco nella stampante. (b) premendo il pulsante arancione lampeggio per avviare la procedura di stampa. (c) una stampa non riuscita come nessun film è presente sotto illuminazione UV. stampa (d) un successo come indicato dalla presenza di pellicola sotto illuminazione UV. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 8
Figura 8: Post stampa caratterizzazione. (a) spettro di diffrazione di raggi x per CsPbBr3. (b) spettro di assorbimento ottico (curva rossa) e spettro di fotoluminescenza (curva nera). (c) corrente-tensione spettro per CsPbBr3 sotto illuminazione (curva rossa) e al buio (curva blu). (d) spettro di capacità-tensione per CsPbBr3 sotto illuminazione (curva rossa) e al buio (curva blu). Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Discussion

Ci sono molti parametri coinvolti nel processo di stampa a getto d'inchiostro che colpiscono la pellicola stampata finale. La discussione di tutti quei parametri esula dall'ambito del presente protocollo, ma poiché questo protocollo si concentra su una soluzione a base di sintesi e metodo di deposizione, è opportuno dare un breve confronto ad altri metodi di deposizione basata su soluzione ben noto: il rivestimento per rotazione metodo e il metodo racla.

Il metodo di rivestimento per rotazione è molto veloce, produce film uniforme ed è a basso costo. Lo spessore del film può essere variato modificando la viscosità e la velocità di rotazione della spalmatrice di spin. Rivestimento per rotazione è noto per essere molto dispendioso, perché la maggior parte del materiale viene espulso fuori la superficie dopo la filatura. Rivestimento per rotazione è anche lento perché il processo è campione per campione, pertanto non è adatto per l'elaborazione su larga scala mediante centrifugazione. Da altro lato è il metodo di racla che è anche semplice e basso costo. Il vero vantaggio è lo spessore uniforme delle pellicole, ma il metodo medico-lama è molto lento e spreca una quantità enorme di materiali. Stampa a getto d'inchiostro come metodi medico-lama sia il rivestimento per rotazione è a basso costo. La possibilità di stampare da design è un grande vantaggio per stampa inkjet rispetto al medico-aletta e rivestimento per rotazione. Inoltre, la stampa inkjet è altamente efficiente in termini di materiali usati contro materiali sprecati. Stampa inkjet è anche adatto per grandi aree e prototipazione rapida. Queste caratteristiche suggeriscono stampa inkjet ha un alto potenziale per la produzione di roll-to-roll con una caratteristica aggiunta combinatorio.

Sebbene la stampa a getto d'inchiostro è un promettente tecnica di deposizione ci sono alcune limitazioni: stampante testa intasamento, limitato numero di solventi stampabile e omogeneità di pellicola. La limitazione più grande in termini di versatilità riguarda i solventi utilizzati nella stampante, non ogni solvente è appropriato e in alcuni casi può danneggiare i componenti di stampa. Ad esempio, probabilmente non è una buona idea utilizzare acetone come solvente inchiostro, come questo si asciugano o sciogliere alcuni dei componenti della stampante. Alcuni solventi causa l'espansione di guarnizioni in gomma della testina di stampa e altri settori. Se qualsiasi pezzo sembra avere ampliato durante il processo di stampa, immergerlo in acqua calda per 10 minuti e lasciarlo asciugare completamente, riportandolo alle dimensioni normali.

Stampante intasato teste sono un altro ostacolo e tenerli puliti è un passo fondamentale in questo protocollo. I componenti della stampante devono essere tenuti pulito prima di e post stampa. La testina di stampa contiene resistenze metalliche con guarnizioni in gomma che li circonda in ogni slot cartuccia d'inchiostro. Le guarnizioni hanno lo scopo di mantenere una tenuta tra la cartuccia e la testina della stampante. È importante tenere la testina di stampa e le guarnizioni più pulito possibile. Inoltre, essere gentile quando rimozione guarnizioni come possono essere danneggiati durante la rimozione.

La realizzazione di materiali di basso costo e ad alto rendimento cella solare stampabile è una strada per il raggiungimento di alta efficienza, elevata stabilità e generazione di energia a basso costo in applicazioni di nicchia, che possono ancora consentire per la distribuzione su larga scala, ma dove materiali a base di silicio non sono competitivi. Inoltre, il getto di inchiostro compatibile di prontamente roll-to-metodo di stampa fornisce una base per elettronica "stampabile" realisticamente scalabile. Con un vasto numero di inchiostri e supporti cartacei, stampa inkjet consente l'accesso alla fabbricazione di dispositivi elettronici leggere, flessibile e a basso consumo per una vasta gamma di applicazioni. Da transistor a quantum dot display al fotovoltaico, stampa inkjet è un campo interessante di fabbricazione di dispositivi e Mostra la grande promessa. Se utilizzato in combinazione con un set di stampa a getto d'inchiostro di progettazione regole utilizzabile come strumento per materiali stampabili con proprietà desiderate per applicazioni di ingegneria.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Disclosures

Gli autori non hanno conflitti di interessi finanziari e non hanno nulla a rivelare.

Acknowledgments

Questo lavoro è stato sostenuto dalla National Science Foundation, attraverso il MRSEC Nebraska (Grant DMR-1420645),-1565692 e-145533 così come il centro di Nebraska for Energy Science Research.

Materials

Name Company Catalog Number Comments
Oleic acid, 90% Sigma Aldrich 364525 Technical grade
Oleylamine, 70% Sigma Aldrich O7805 Technical grade
1-octadecene, 90% Sigma Aldrich O806 Technical grade
Acetone, >95% Fisher 67641 Certified ACS
Cesium Carbonate, 99% Chem-Impex 1955 Assay
Hexane, 98.5% Sigma Aldrich 178918 Mixture of isomers
Cyclohexane, 99.9% Sigma Aldrich 110827
Lead(II) bromide, 98% Sigma Aldrich 211141
Lead(II) iodide, 99% Sigma Aldrich 211168

DOWNLOAD MATERIALS LIST

References

  1. Weber, D. CH3NH3PbX3, ein Pb(II)-System mit kubischer Perowskitstruktur / CH3NH3PbX3, a Pb(II)-System with Cubic Perovskite Structure. Zeitschrift für Naturforschung B. 33, 1443-1445 (1978).
  2. Weber, D. ( x = 0-3 ), ein Sn ( II ) -System mit kubischer Perowskitstruktur. Zeitschrift für Naturforschung B. 33, 862-865 (1978).
  3. Kojima, A., Teshima, K., Shirai, Y., Miyasaka, T. Organometal Halide Perovskites as Visible-Light Sensitizers for Photovoltaic Cells. Journal of the American Chemical Society. 131, 6050-6051 (2009).
  4. National Renewable Energy Laboratory NREL Best Research-Cell Efficiencies. Available from: https://www.nrel.gov/pv/assets/images/efficiency-chart.png (2018).
  5. Chen, Z., Wang, J. J., Ren, Y., Yu, C., Shum, K. Schottky solar cells based on CsSnI 3 thin-films. Applied Physics Letters. 101, (9), 93901 (2012).
  6. Sanehira, E. M., et al. Enhanced mobility CsPbI 3 quantum dot arrays for record-efficiency, high-voltage photovoltaic cells. Science Advances. 3, (10), 4204 (2017).
  7. Jia, Y., Kerner, R. A., Grede, A. J., Rand, B. P., Giebink, N. C. Continuous-wave lasing in an organic-inorganic lead halide perovskite semiconductor. Nature Photonics. 11, (12), 784-788 (2017).
  8. Eaton, S. W., et al. Lasing in robust cesium lead halide perovskite nanowires. Proceedings of the National Academy of Sciences. 113, (8), 1993 (2016).
  9. Yakunin, S., et al. Low-threshold amplified spontaneous emission and lasing from colloidal nanocrystals of caesium lead halide perovskites. Nature Communications. 6, 1-8 (2015).
  10. Fu, Y., et al. Broad Wavelength Tunable Robust Lasing from Single-Crystal Nanowires of Cesium Lead Halide Perovskites (CsPbX3, X = Cl, Br, I). ACS Nano. 10, (8), 7963-7972 (2016).
  11. Jeong, B., et al. All-Inorganic CsPbI 3 Perovskite Phase-Stabilized by Poly(ethylene oxide) for Red-Light-Emitting Diodes. Advanced Functional Materials. 1706401 (2018).
  12. Pan, J., et al. Bidentate Ligand-Passivated CsPbI3Perovskite Nanocrystals for Stable Near-Unity Photoluminescence Quantum Yield and Efficient Red Light-Emitting Diodes. Journal of the American Chemical Society. 140, (2), 562-565 (2018).
  13. Xiao, Z., et al. Efficient perovskite light-emitting diodes featuring nanometre-sized crystallites. Nature Photonics. 11, (2), 108-115 (2017).
  14. Stoumpos, C. C., et al. Crystal growth of the perovskite semiconductor CsPbBr3: A new material for high-energy radiation detection. Crystal Growth and Design. 13, (7), 2722-2727 (2013).
  15. Ilie, C. C., et al. Inkjet printable-photoactive all inorganic perovskite films with long effective photocarrier lifetimes. Journal of Physics Condensed Matter. 30, (18), 18LT02 (2018).
  16. Shoaib, M., et al. Directional Growth of Ultralong CsPbBr3Perovskite Nanowires for High-Performance Photodetectors. Journal of the American Chemical Society. 139, (44), 15592-15595 (2017).
  17. Swarnkar, A., et al. Quantum dot-induced phase stabilization of a-CsPbI3 perovskite for high-efficiency photovoltaics. Science. 354, (6308), 92-96 (2016).
  18. Kumar, M. H., et al. Lead-free halide perovskite solar cells with high photocurrents realized through vacancy modulation. Advanced Materials. 26, (41), 7122-7127 (2014).
  19. Burschka, J., et al. Sequential deposition as a route to high-performance perovskite-sensitized solar cells. Nature. 499, (7458), 316-319 (2013).
  20. Dirin, D. N., Cherniukh, I., Yakunin, S., Shynkarenko, Y., Kovalenko, M. V. Solution-Grown CsPbBr 3 Perovskite Single Crystals for Photon Detection. Chemistry of Materials. 28, (23), 8470-8474 (2016).
  21. Zhou, H., et al. Vapor Growth and Tunable Lasing of Band Gap Engineered Cesium Lead Halide Perovskite Micro/Nanorods with Triangular Cross Section. ACS Nano. 11, (2), 1189-1195 (2017).
  22. Teng, K. F., Vest, R. W. Application of Ink Jet Technology on Photovoltaic Metallization. IEEE Electron Device Letters. 9, (11), 591-593 (1988).
  23. Habas, S. E., Platt, H. aS., van Hest, M. F. A. M., Ginley, D. S. Low-Cost Inorganic Solar Cells: From Ink To Printed Device. Chemical Reviews. 110, (11), 6571-6594 (2010).
  24. Leenen, M. A. M., Arning, V., Thiem, H., Steiger, J., Anselmann, R. Printable electronics: Flexibility for the future. Physica Status Solidi (A) Applications and Materials Science. 206, (4), 588-597 (2009).
  25. Koolyk, M., Amgar, D., Aharon, S., Etgar, L. Kinetics of cesium lead halide perovskite nanoparticle growth; focusing and de-focusing of size distribution. Nanoscale. 8, (12), 6403-6409 (2016).
  26. Palazon, F., Di Stasio, F., Lauciello, S., Krahne, R., Prato, M., Manna, L. Evolution of CsPbBr 3 nanocrystals upon post-synthesis annealing under an inert atmosphere. Journal of Materials Chemistry C. 4, (39), 9179-9182 (2016).
  27. Scherrer, P. Bestimmung der Größe und der inneren Struktur von Kolloidteilchen mittels Röntgenstrahlen. Nachrichten von der Gesellschaft der Wissenschaften zu Göttingen. Nachrichten von der Gesellschaft der Wissenschaften zu Göttingen, Mathematisch-Physikalische Klasse. 2, 98-100 (1918).
  28. Shekhirev, M., Goza, J., Teeter, J., Lipatov, A., Sinitiskii, A. Synthesis of Cesium Lead Halide Quantum Dots. Journal of Chemical Education. 94, (8), 1150-1156 (2017).

Comments

0 Comments


    Post a Question / Comment / Request

    You must be signed in to post a comment. Please or create an account.

    Usage Statistics