Login processing...

Trial ends in Request Full Access Tell Your Colleague About Jove

36.8: Difese contro agenti patogeni ed erbivori
INDICE DEI
CONTENUTI

JoVE Core
Biology

A subscription to JoVE is required to view this content. You will only be able to see the first 20 seconds.

Education
Defenses Against Pathogens and Herbivores
 
TRASCRIZIONE

36.8: Difese contro agenti patogeni ed erbivori

Le piante rappresentano una ricca fonte di nutrienti per molti organismi, rendendolo un bersaglio per erbivori e agenti infettivi. Le piante, anche se prive di un sistema immunitario adeguato, hanno sviluppato una serie di difese corporanti e inducibili per respingere questi attacchi.

Le difese meccaniche costituiscono la prima linea di difesa nelle piante. La spessa barriera formata dalla corteccia protegge le piante dagli erbivori. Rivestimenti duri, rami modificati come spine e foglie modificate come spine possono anche scoraggiare gli erbivori dal predare le piante. Altre barriere fisiche come la cuticola cerosa, l'epidermide, la parete cellulare e i tricomi possono aiutare a resistere all'invasione da parte di diversi agenti patogeni.

Le piante ricorrono anche alla produzione di sostanze chimiche o composti organici sotto forma di metaboliti secondari come terpeni, fenoli, glicoli e alcaloidi, per la difesa contro gli erbivori e gli agenti patogeni. Molti metaboliti secondari sono tossici e letali per altri organismi. Alcuni metaboliti specifici possono respingere i predatori con odori nocivi, gusti repellenti o caratteristiche allergeniche.

Le piante producono anche proteine ed enzimi che inibiscono specificamente patogeni-proteine o patogeni-enzimi bloccando i siti attivi o alterando le conformazioni enzimatiche. Proteine come defensine, lectine, inibitori dell'amilasi e inibitori delle proteinasi sono prodotte in quantità significative durante l'attacco patogeno e vengono attivate per inibire efficacemente l'invasione.

Inoltre, le piante possono anche sviluppare un meccanismo di resistenza acquisita sistemica (SAR) dopo un'esposizione localizzata precedente a un agente patogeno, analoga al sistema immunitario innato negli animali. Questo meccanismo consente alle piante di percepire la presenza di agenti patogeni e attivare risposte di difesa agli attacchi degli agenti patogeni.


Lettura consigliata

Get cutting-edge science videos from JoVE sent straight to your inbox every month.

Waiting X
simple hit counter