Waiting
Login processing...

Trial ends in Request Full Access Tell Your Colleague About Jove
JoVE Science Education
Materials Engineering

A subscription to JoVE is required to view this content.
You will only be able to see the first 20 seconds.

 
Click here for the English version

Calorimetria differenziale a scansione

Overview

Fonte: Danielle N. Beatty e Taylor D. Sparks,Dipartimento di Scienza e Ingegneria dei Materiali, Università dello Utah, Salt Lake City, UT

La calorimetria differenziale a scansione (DSC) è una misura importante per caratterizzare le proprietà termiche dei materiali. Il DSC viene utilizzato principalmente per calcolare la quantità di calore immagazzinato in un materiale mentre si riscalda (capacità termica) e il calore assorbito o rilasciato durante reazioni chimiche o cambiamenti di fase. Tuttavia, la misurazione di questo calore può anche portare al calcolo di altre importanti proprietà come la temperatura di transizione vetrosa, la cristallinità del polimero e altro ancora.

A causa della natura lunga e a catena dei polimeri, non è raro che i fili polimerici siano impigliati e disordinati. Di conseguenza, la maggior parte dei polimeri sono solo parzialmente cristallini con il resto del polimero amorfo. In questo esperimento utilizzeremo DSC per determinare la cristallinità del polimero.

Principles

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Come suggerisce il nome, la calorimetria differenziale a scansione si basa su un differenziale nel flusso di calore tra un campione di interesse e un campione di riferimento con proprietà termiche note. In effetti, misurare il calore con precisione con un contatore di calore è molto difficile. La misurazione è ulteriormente complicata dal fatto che il campione viene posto all'interno di una padella che assorbe anche il calore e la misurazione avviene tipicamente all'interno di un forno più grande. Una misurazione più accurata comporterebbe il monitoraggio della temperatura di un campione e il calcolo di quale flusso di calore deve essere stato presente per produrre la variazione di temperatura.

Pertanto, DSC comporta la misurazione simultanea o sequenziale delle temperature sia di un campione che di un riferimento. Per misurare con precisione il calore dentro e fuori dal campione tenendo conto dei contributi termici e delle perdite alla padella e all'ambiente circostante, la misurazione sia del campione che del riferimento deve avvenire esattamente nello stesso ambiente e nelle stesse condizioni di calore. Anche i preparativi per la padella devono essere coerenti tra riferimento e campione. Questi includono la crimpatura per sigillare la padella e il foro nel coperchio, per consentire l'equilibrio con l'atmosfera inerte nel forno ed evitare la pressurizzazione nella padella quando si verificano cambiamenti di fase nel campione.

Uno schema della configurazione del campione DSC e della cella termica è mostrato nella Figura 1. Per ogni scansione, il DSC contiene una padella di riferimento vuota e una padella campione. Il DSC legge la differenza di potenza necessaria per mantenere la padella di riferimento e la padella del campione alla temperatura impostata (definita prima della misurazione da parte dell'utente). La padella del campione richiederà più energia per riscaldare quando il campione assorbe calore (in una reazione endotermica) e più potenza per raffreddare quando il campione emette calore (in una reazione esotermica).

Figure 1
Figura 1: Configurazione del campione DSC e schema delle celle termiche.

Una padella vuota viene posizionata nella posizione di riferimento per tutte le misurazioni DSC. Per tutte le tecniche di caratterizzazione termica, una misurazione di base viene eseguita prima con una padella vuota all'interno del forno nella posizione del campione. Questa misurazione tiene conto dei cambiamenti atmosferici e viene automaticamente sottratta dalla seguente misurazione del campione. Per una misurazione della cristallinità, una quantità misurata con precisione di materiale campione viene collocata in una padella separata (che viene posizionata nella posizione del campione nel forno) ed eseguita utilizzando lo stesso programma di misurazione della linea di base. La cristallinità percentuale viene calcolata utilizzando i valori ottenuti dalla misurazione del campione. L'equazione utilizzata è:

% Cristallinità = Equation 1 (Equazione 1)

Una tipica curva dei risultati DSC è mostrata nella Figura 2. Il calore di fusione (ΔHm) si ottiene prendendo l'area sotto il picco endotermico (presente durante la fase di riscaldamento della misura) e il calore di cristallizzazione a freddo (ΔHc) si ottiene prendendo l'area sotto il picco esotermico (presente durante la fase di raffreddamento della misura); il software di accompagnamento viene utilizzato per calcolare questi valori dalla misurazione del campione. Il calore noto di fusione di una forma cristallina al 100% del campione (ΔHm°) è una proprietà del materiale che deve anche essere nota per calcolare la cristallinità percentuale del polimero.

Figure 2
Figura 2: Schema di una curva dei risultati DSC. I picchi esotermici ed endotermici sono etichettati.

Quando si esegue una misurazione della capacità termica, viene aggiunto un ulteriore passaggio: prima di eseguire la misurazione del campione, viene eseguita una misurazione identica alla linea di base con una quantità misurata con precisione di un materiale standard. Il materiale standard dovrebbe essere un composto con capacità termica ben caratterizzata, come lo zaffiro. Il materiale campione viene quindi eseguito utilizzando lo stesso programma di misurazione della linea di base e dello standard. Anche la capacità termica e il flusso di calore in entrata / uscita dal campione sono calcolati dall'utente nel software di accompagnamento. La misurazione di base viene sottratta e la capacità termica del materiale standard viene utilizzata per passare dalla temperatura al flusso di calore.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Procedure

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here
  1. Accendere la macchina e lasciarla scaldare per circa un'ora.
  2. Verificare che il serbatoio dell'azoto compresso e il serbatoio dell'azoto liquido siano entrambi pieni e che la valvola che li collega sia aperta. Il flusso di pressione dell'azoto compresso è impostato a 10 psi dalle manopole di regolazione sul regolatore.
  3. Preparare due padelle vuote. Praticare un piccolo foro nel coperchio di ciascuno e sigillare usando la pressa per crimpatura. Rimuovere i tre coperchi del forno e posizionare le pentole sui due sensori circolari all'interno del forno. Sostituire tutti e tre i coperchi.
  4. Fare clic sull'icona denominata DSC 3500 Sirius per avviare il software della macchina.
  5. Selezionare File → Nuovo. Si aprirà la finestra Definizione misurazione; sono incluse quattro schede che richiedono l'inserimento di informazioni. La prima scheda è la scheda Setup. Contiene informazioni sullo strumento e non ha bisogno di essere modificato per eseguire una misurazione utilizzando la procedura standard.
  6. Fare clic sulla seconda scheda, denominata Intestazione. Selezionare Correzione in Tipo di misurazione. Ciò salverà la misurazione di base come file di correzione, che verrà successivamente sottratto dalla misurazione del campione dal software.
  7. Input Baseline con la data come identità e nome di esempio nella sezione Esempio.
  8. In Calibrazione temperatura fare clic su Seleziona. Questo aprirà una finestra separata; trovare il file di calibrazione della temperatura più recente salvato sul computer e selezionarlo.
  9. Per una misurazione percentuale della cristallinità, fare clic su Seleziona in Calibrazione sensibilità e selezionare il file di calibrazione della sensibilità più recente salvato sul computer.
  10. Selezionare la terza scheda, denominata Programma di temperatura.
  11. Selezionare le caselle Purge 2 e Protective elencate in Condizioni di passaggio. Questo attiva il gas di spurgo dell'azoto per tutte le fasi della temperatura.
  12. Selezionare Iniziale in Categoria gradino e immettere 20 °C come Temperatura iniziale.
  13. Selezionare Dinamica in Categoria gradini e immettere una temperatura per la temperatura finale. Questa temperatura finale deve essere superiore di circa 30 °C alla temperatura di fusione riportata del campione polimerico. La temperatura massima consentita dalle pentole in alluminio è di 600 °C; per precauzione non andare oltre i 550 °C. Immettere 10 K/min come velocità di riscaldamento.
  14. Selezionare Dinamica in Categoria gradino e immettere 20 °C per la temperatura finale.
  15. Nella parte superiore dello schermo, fare clic sulla freccia a discesa sotto LN2 per la seconda fase di raffreddamento, che riporta il forno a temperatura ambiente. Seleziona Auto. Questo indica al programma di temperatura di accendere automaticamente l'azoto liquido per raffreddare il forno al termine della fase di riscaldamento.
  16. Selezionare Finale in Categoria passaggio. Ingresso 20 °C come temperatura finale.
  17. Il programma chiederà una temperatura di ripristino di emergenza. Immettere una temperatura di 10 °C superiore alla temperatura massima impostata nel programma di temperatura. Questa è un'impostazione protettiva, che impedisce alla macchina di riscaldarsi più in alto di una temperatura impostata in caso di malfunzionamento della macchina. Questo protegge il forno dal riscaldamento a una temperatura che potrebbe vaporizzare il campione e danneggiare la macchina.
  18. Il programma chiederà quindi informazioni sullo standby finale. Queste informazioni manterranno il forno alla temperatura finale per un massimo di 2 ore per mantenerlo equilibrato, ma non hanno alcun effetto sui dati raccolti. Ingresso 20 °C per la temperatura di standby, 40 K/min come velocità di riscaldamento e un tempo di standby massimo di 2 ore.
  19. Selezionare la quarta scheda, denominata Ultimi elementi.
  20. A destra di Nome file fare clic su Seleziona. Scegliere una posizione sul computer in cui salvare la scansione e denominarla Baseline con la data (stesso nome elencato nella scheda Intestazione).
  21. Fare clic su Avanti nell'angolo in basso a destra della finestra Definizione misurazione. Apparirà una nuova finestra più piccola, che elenca la temperatura iniziale come definita nel programma di temperatura e la temperatura corrente del forno. Per avviare il programma, la temperatura corrente del forno deve essere entro 5 gradi dalla temperatura iniziale.
  22. Se la temperatura del forno si trova entro 5 gradi dalla temperatura iniziale del programma, fare clic su Avvia e la misurazione avrà inizio. Se la temperatura del forno è troppo bassa, fare clic su Start e la macchina eseguirà una fase di riscaldamento ed equilibratura prima di iniziare la misurazione. Se il forno è troppo caldo, selezionare Diagnosi → gas e interruttori. Selezionare la casella per LN2 e lasciare che l'azoto liquido scorra fino a quando la temperatura raggiunge entro 5 gradi dall'iniziale. Quindi deselezionare la casella LN2 e premere Start per avviare la misurazione.
  23. Dopo l'esecuzione della scansione baseline, rimuovere la padella della baseline vuota e sostituirla con la padella contenente il campione. Le pentole hanno un diametro di circa 6 millimetri con un volume di 25 microlitri e quindi richiedono una quantità molto piccola di campione. Tagliare il campione in piccoli pezzi che si inseriscono nella padella. Per garantire un flusso di calore uniforme e letture DSC accurate, viene posizionato un sottile strato dei pezzi campione in modo da coprire l'intero fondo della padella.
  24. Selezionare File → Apri. Fare clic su OK quando il programma chiede di eliminare la configurazione corrente e trovare e aprire la scansione baseline.
  25. La finestra Definizione misurazione si aprirà in una pagina Definizione rapida. Selezionare Correzione più campione in Tipo di misurazione.
  26. Nella sezione Esempio, immettere il nome del campione in Identità e nome e immettere la massa del campione in milligrammi.
  27. Nella parte inferiore della finestra fare clic su Seleziona. Scegli un luogo da nominare e salva la scansione.
  28. Seleziona Avanti. Premere Start quando viene visualizzata la finestra più piccola.
  29. Al termine della misurazione, chiudere il programma, spegnere il serbatoio dell'azoto compresso e spegnere la macchina.
  30. Trova la misurazione salvata per la scansione del campione e fai doppio clic su di essa. Questo aprirà la scansione nel software Proteus Analysis.
  31. Utilizzare il software per trovare l'area sotto le curve di fusione e ricristallizzazione. Questi valori sono il calore di fusione e il calore di cristallizzazione a freddo del campione polimerico in Joule per grammo.
  32. La cristallizzazione percentuale può essere calcolata utilizzando l'equazione sopra elencata:
    Cristallinità = Equation 2

La calorimetria differenziale a scansione o DSC è un'importante tecnica di misurazione utilizzata per caratterizzare le proprietà termiche dei materiali, in particolare dei polimeri. La configurazione di misurazione DSC è costituita da padelle di campionamento e di riferimento separate, ciascuna con sensori di temperatura identici. La temperatura della vaschetta del campione contenente il campione di interesse e la padella di riferimento che in genere rimane vuota sono controllate in modo indipendente utilizzando riscaldatori separati ma identici. La temperatura di entrambe le pentole viene aumentata linearmente. La differenza nella quantità di energia o flusso di calore necessaria per mantenere entrambe le pentole alla stessa temperatura viene registrata in funzione della temperatura. Ad esempio, se la padella del campione contiene un materiale che assorbe energia quando subisce un cambiamento di fase o una reazione, il riscaldatore sotto la padella del campione deve lavorare di più per aumentare la temperatura della padella rispetto al riscaldatore sotto la padella di riferimento vuota. Questo video dimostrerà come utilizzare DSC per determinare le transizioni di fase del polimero e calcolare la cristallizza percentuale di un polimero.

A causa della lunga struttura a catena dei polimeri, i fili possono esibire un ordine a lungo raggio e sono chiamati cristallini o possono essere organizzati in modo casuale, definiti amorfi. I polimeri cristallini subiscono una transizione di fase da solido a liquido attraverso la fusione. Mentre i polimeri amorfi passano dal loro stato rigido, chiamato vetro, al loro stato gommoso attraverso una transizione vetrosa. Questi eventi possono essere misurati utilizzando DSC. Tuttavia la maggior parte dei polimeri cristallini sono solo parzialmente cristallini con il resto delle catene amorfe. Questi sono chiamati polimeri semicristallino. In questi materiali le parti amorfe del polimero subiscono una transizione vetrosa durante il riscaldamento mentre le parti cristalline subiscono la fusione.

Questi eventi sono visualizzati in una curva DSC del flusso di calore rispetto alla temperatura. I cambiamenti esotermici, cioè quelli che emanano calore, sono mostrati come picchi nella trama. Mentre gli eventi endotermici, quelli che assorbono il calore, appaiono come valli. Questi picchi e valli sono specifici per determinati cambiamenti di fase in un polimero. Il calore di fusione, delta Hm, è la quantità di energia necessaria per indurre la fusione in un polimero cristallino quando la temperatura aumenta. Possiamo calcolare il calore di fusione prendendo l'area sotto il picco endotermico durante la fase di riscaldamento della misurazione.

Il calore della cristallizzazione a freddo, delta Hc, è la quantità di energia rilasciata mentre il campione si raffredda e ricristallizza. Delta Hc viene calcolato utilizzando l'area sotto il picco esotermico durante la fase di raffreddamento della misurazione. Quindi, se riscaldiamo il campione oltre la fusione e poi raffreddiamo a temperatura ambiente, possiamo determinare sia delta Hm che delta Hc. Quindi, usando questa relazione, possiamo determinare la cristallità percentuale. Ora che hai visto come identificare i cambiamenti di fase in un grafico DSC, diamo un'occhiata a come eseguire la misurazione e analizzare i risultati.

Per iniziare la misurazione DSC accendere lo strumento e lasciarlo riscaldare per circa un'ora. Verificare che il serbatoio dell'azoto compresso e il serbatoio dell'azoto liquido siano entrambi pieni e che la valvola che li collega sia aperta. Ora preparate le due padelle. Scegli una padella chimicamente inerte e stabile nell'intervallo di temperatura desiderato. Fai un piccolo buco nei coperchi. Posizionare i coperchi su ogni padella e quindi sigillarli con una pressa per crimpatura. Quindi rimuovere i tre coperchi del forno e posizionare le due pentole vuote sui sensori circolari all'interno del forno. Quindi sostituire i coperchi del forno. Avviare il software DSC sul computer e creare un nuovo file.

Si aprirà la finestra Definizione misurazione con schede per definire i parametri di misurazione. Selezionare Intestazione e quindi Correzione in Tipo di misurazione. Ciò salverà la misurazione di base come file di correzione che verrà sottratto dalla misurazione del campione dal software. Nella sezione Campione etichettare la misura e la data di base. Quindi, durante la calibrazione della temperatura, selezionare il file di calibrazione della temperatura più recente. Per una misurazione percentuale della cristallinità in Calibrazione sensibilità, selezionare il file di calibrazione della sensibilità più recente. Quindi, nella scheda del programma di temperatura, selezionare le caselle Purge2 e Protective in Condizioni passo., Questo attiva il gas di spurgo dell'azoto per tutte le fasi della temperatura.

Selezionare Iniziale nella categoria Step e immettere 20 gradi Celsius come temperatura iniziale. Quindi selezionare Dinamica e input in una temperatura finale. Dovrebbe essere di circa 30 gradi superiore alla temperatura di fusione riportata del campione polimerico. In questo caso useremo 260 gradi Celsius. Quindi fare clic sulla freccia a discesa sotto l'icona dell'azoto liquido per impostare la fase di raffreddamento. Selezionare auto per accendere automaticamente l'azoto liquido per raffreddare il forno al termine della fase di riscaldamento. Selezionare Finale nella categoria Step e immettere 20 gradi come temperatura finale. Quindi impostare la temperatura di ripristino di emergenza 10 gradi superiore alla temperatura più alta del programma che spegne lo strumento in caso di malfunzionamento e surriscaldamento della macchina. Ora, con tutti i parametri impostati, controlla la temperatura iniziale che hai definito e la temperatura corrente del forno. Per avviare il programma, il forno deve trovarsi entro cinque gradi dalla temperatura iniziale. Fare clic su Avvia per iniziare il riscaldamento e il programma inizierà automaticamente.

Dopo l'esecuzione della scansione della linea di base, rimuovere la padella vuota dalla linea di base dal forno. Ottenere una nuova padella e coperchio e fare un buco nel coperchio. Pesare la vaschetta e il coperchio vuoti. Quindi tagliare il campione di polimero in piccoli pezzi che si adatteranno alla padella. Per garantire un flusso di calore uniforme, posizionare uno strato sottile dei pezzi campione nella padella in modo che l'intero fondo della padella sia coperto. Quindi posizionare il coperchio sulla padella e crimparlo chiuso. Ora pesare la padella del campione completa e sottrarre il peso della padella vuota per determinare il peso del campione.

Quindi posizionare la padella nel forno e chiudere il coperchio. Nel software DSC, selezionare File, quindi Apri. Fare clic su OK quando il programma chiede di aprire la scansione di base. Nella finestra di definizione della misurazione selezionare Correzione + campione sotto il Tipo di misurazione. Quindi sotto la sezione di esempio inserire il nome e la massa del campione. Selezionare Avanti e premere Avvia quando richiesto per avviare la scansione. Al termine della misurazione, chiudere il programma, spegnere il serbatoio dell'azoto compresso e quindi spegnere lo strumento.

I dati DSC del polibutilene tereftalato campione di polimero sono presentati come un grafico del flusso di calore rispetto al tempo. La traccia rossa mostra l'aumento della temperatura a 260 gradi, e quindi il raffreddamento a temperatura ambiente. Qui la curva mostra due picchi distinti. Il primo picco si è verificato durante il riscaldamento ed è un picco endotermico corrispondente al calore di fusione. Il calore di fusione viene calcolato utilizzando l'area sotto la curva che equivale a circa meno 61 joule per grammo. Il secondo picco è un picco esotermico che si è verificato durante la fase di raffreddamento e corrisponde al calore della cristallizzazione a freddo. Il calore di cristallizzazione viene calcolato prendendo l'area sotto la curva che è di circa 50 joule per grammo. Con questi due valori, insieme al noto calore di fusione per un campione cristallino al 100% di polibutilene tereftalato, possiamo calcolare la percentuale di cristallinità del campione che è del 78,6%.

DSC può essere utilizzato per studiare eventi termodinamici anche in altri campioni e materiali. Ad esempio, DSC può essere utilizzato per analizzare le transizioni di fase in campioni biologici. In questo esperimento è stata analizzata la transizione di fase di una sospensione cellulare per comprenderne le proprietà di liofilizzazione. La liofilizzazione o liofilizzazione è comunemente usata per la conservazione a lungo termine dei biologici. Qui le sospensioni cellulari sono state preparate e congelate in condizioni diverse nello strumento DSC. Le sospensioni congelate sono state quindi riscaldate e misurata la transizione vetrosa. Successivamente, le cellule sono state analizzate con microscopia elettronica per determinare quale condizione di congelamento ha promosso la sopravvivenza cellulare. La comprensione del processo di liofilizzazione attraverso le temperature di transizione di fase aiuta a personalizzare il processo al fine di migliorare lo stoccaggio delle celle.

Il cambiamento di entalpia che si verifica durante una reazione chimica è una misura della quantità di calore assorbito nel caso di una reazione endotermica o rilasciato nel caso di una reazione esotermica. Il cambiamento di entalpia durante una reazione può essere misurato utilizzando DSC eseguendo la reazione chimica all'interno della padella del campione e misurando il flusso di calore. In questo esempio, l'entalpia di decomposizione del carbonato di calcio per formare ossido di calcio o calce viva è stata misurata da DSC. La decomposizione del carbonato di calcio avviene endotermicamente come evidenziato dal picco positivo a 853 gradi Celsius. L'entalpia di decomposizione del carbonato di calcio è calcolata dall'area sotto il picco ed è di circa 160 kilojoule per mole.

Hai appena visto l'introduzione di JoVE allo studio delle transizioni di fase polimeriche utilizzando la calorimetria differenziale a scansione. Ora dovresti capire le diverse transizioni di fase per un polimero cristallino e amorfo e come identificare gli eventi e calcolare la cristallinità usando DSC. Grazie per l'attenzione.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Results

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

La Figura 3 mostra il risultato di una scansione del campione di cristallinità percentuale DSC su un campione di polimero di polibutilene tereftalato (PBT). Il risultato viene visualizzato come una lettura della potenza DSC (in milliwatt per milligrammo di campione) verso il tempo. La lettura della potenza, la traccia blu nella Figura 3,indica quanta potenza aggiuntiva è stata necessaria per modificare la temperatura della padella del campione rispetto alla padella di riferimento vuota. Il programma di temperatura viene visualizzato anche come linea rossa tratteggiata nella Figura 3. Il primo picco nella traccia blu è un picco endotermico; la sua area dà un valore per il calore di fusione del campione polimerico. Il secondo picco è un picco esotermico la cui area dà un valore per il calore di cristallizzazione del campione polimerico.

La Figura 4 mostra le viste ingrandrite dei picchi endotermici ed esotermici dalla scansione PBT (Figura 3). Viene mostrata l'area di ciascun picco (calcolata utilizzando il software Proteus Analysis). Da questi valori calcolati, la cristallinità percentuale di questo campione di polimero PBT viene calcolata utilizzando l'equazione 1 e un valore riportato di 142 J/g per ΔHm°:

% Cristallinità = Equation 2 = 78,6% cristallino 

Figure 3
Figura 3: Lettura DSC vs tempo per un campione di polimero polibutilene tereftalato, eseguito utilizzando il DSC 3500. Il programma di temperatura utilizzato è anche mostrato come la curva tratteggiata rossa. 

Figure 4
Figura 4: Vista ingrandita del picco endotermico (A) e del picco esotermico (B) della scansione DSC del polimero PBT. Vengono calcolate le aree sotto ciascuna curva, che corrispondono rispettivamente al calore di fusione e al calore di cristallizzazione a freddo del campione di polimero PBT.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Applications and Summary

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

La calorimetria differenziale a scansione è una tecnica utilizzata per determinare molte proprietà termiche dei materiali, come il calore di fusione, il calore di cristallizzazione, la capacità termica e i cambiamenti di fase. Le misurazioni DSC possono anche essere utilizzate per calcolare ulteriori proprietà del materiale, tra cui la temperatura di transizione vetrosa e la cristallinità percentuale del polimero. Il DSC richiede campioni molto piccoli che devono essere conformi alle dimensioni e alla forma delle pentole utilizzate nella macchina e si basa su un confronto del calore differenziale tra un riferimento vuoto e un campione. I calcoli della cristallinità della percentuale del polimero sono relativamente semplici se è noto il calore di fusione di una forma cristallina al 100% del polimero da testare. Altri metodi di caratterizzazione che possono determinare la cristallinità percentuale includono misurazioni della densità, che richiedono anche una versione cristallina al 100% e una versione amorfa al 100% del polimero, e la diffrazione a raggi X, che richiede un campione che può essere accuratamente miscelato con un materiale standard come il silicio.

La cristallinità percentuale è un parametro importante che contribuisce in modo significativo a molte delle proprietà dei materiali polimerici utilizzati ogni giorno. La percentuale di cristallinità gioca un ruolo nella fragilità (alta cristallinità) o nella morbidezza e duttile (bassa cristallinità) di un polimero. Il polietilene è uno dei materiali polimerici più utilizzati ed è un buon esempio dell'importanza della cristallinità per le proprietà del materiale. L'HDPE (polietilene ad alta densità) è una forma più cristallina e quindi è una plastica più dura e fragile utilizzata nei bidoni della spazzatura e nei taglieri, mentre l'LDPE (polietilene a bassa densità) ha una cristallinità inferiore ed è quindi una plastica duttile utilizzata nei sacchetti di plastica usa e getta. La cristallinità del polimero può anche influenzare la trasparenza e il colore; i polimeri con maggiore cristallinità sono più difficili da colorare e sono spesso più opachi. La cristallinità percentuale gioca un ruolo importante nel modo in cui creiamo e utilizziamo ogni giorno diverse materie plastiche e diverse forme della stessa plastica, dai polimeri utilizzati nei tessuti a quelli utilizzati nei giubbotti antiproiettile. Altre caratteristiche polimeriche che possono influenzare queste proprietà e possono contribuire ai valori percentuali di cristallinità, includono precedenti trattamenti termici e grado di reticolazione.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Transcript

Please note that all translations are automatically generated.

Click here for the English version.

Get cutting-edge science videos from JoVE sent straight to your inbox every month.

Waiting X
Simple Hit Counter