Login processing...

Trial ends in Request Full Access Tell Your Colleague About Jove

Chemistry

Chemoselective preparazione di 1-Iodoalkynes, 1,2-Diiodoalkenes e 1,1,2-Triiodoalkenes basato sull'iodurazione ossidativo degli alchini terminali

doi: 10.3791/58063 Published: September 12, 2018
* These authors contributed equally

Summary

Qui, protocolli dettagliati per l'iodurazione ossidativo degli alchini terminali utilizzando iodio ipervalente reagenti sono presentati, quali chemoselectively permettersi 1-iodoalkynes, 1,2-diiodoalkenes e 1,1,2-triiodoalkenes.

Abstract

Vi presentiamo la sintesi di chemoselective di 1-(iodoethynyl) -4-methylbenzene,-(1,2-diiodovinyl)-4-1 methylbenzene e 1-metil - 4-(1,2,2-triiodovinyl) benzene come esempi rappresentativi per la preparazione di chemoselective pratico di 1-iodoalkynes , 1,2-diiodoalkenes e 1,1,2-triiodoalkenes dall'iodurazione chemoselective degli alchini terminali mediata dai reagenti di iodio ipervalente. La chemoselettività è stata confermata usando p- tolylethyne come un substrato di modello per lo screening di una varietà di fonti di iodio e/o i reagenti di iodio ipervalente. Una combinazione di tetrabutilammonio ioduro (TBAI) e (diacetoxyiodo) benzene (PIDA) selettivamente genera 1-iodoalkynes, mentre una combinazione di KI e PIDA genera 1,2-diiodoalkenes. Una sintesi one-pot sulla base sia TBAI-PIDA e KI-PIDA produce il corrispondente 1,1,2-triiodoalkenes. Questi protocolli sono stati successivamente applicati alla sintesi di sinteticamente importanti aromatici e alifatici 1-iodoalkynes, 1,2-diiodoalkenes e 1,1,2-triiodoalkenes, che sono stati ottenuti in buona resa con eccellente chemoselettività.

Introduction

Iodoalkynes e iodoalkenes sono ampiamente usati importanti precursori e blocchi di costruzione in sintesi organica1,2,3,4, sostanze biologicamente attive e utile per la sintesi di materiali e molecole complesse, date la facilità di conversione il C-bond5,6,7,8. Negli ultimi anni, l'iodurazione ossidativo degli alchini terminali ha attirato più attenzione alla sintesi di derivati iodoalkyne e iodoalkene. Finora, efficienti metodi che utilizzano catalizzatori metallici9,10,11,12, ipervalente-iodonio catalizzatori13,14, un sistema di ossidazione anodica sistemi di liquido ionico16, KI(o2)-ossidante combinazioni17,18,19,20, ultrasuono21, catalizzatori di trasferimento di fase 22, N- iodosuccinimide9,22,23,24,25 n- BuLi26,27, 28 , 29 , 30 , Morpholine catalizzatori17,33,24,35 , reattivi di Grignard32e 31sono stati sviluppati per l'iodurazione degli alchini. Recentemente, abbiamo segnalato un protocollo pratico e chemoselective per la sintesi di 1-iodoalkynes, 1,2-diiodoalkenes e 1,1,2-triiodoalkenes36. Le caratteristiche di questo metodo sono verde e pratico: (1) la tossicità di catalizzatori di iodio ipervalente come reagenti di funzionalizzazione ossidativo è bassa rispetto ad altri ossidanti convenzionali basati su heavy-metal37,38, 39,40,41,42e TBAI (2) e/o KI sono utilizzati come fonti di iodio. Inoltre, il nostro sistema offre un'eccellente selettività in condizioni blande. La sintesi di chemoselective di 1-iodoalkynes, 1,2-diiodoalkenes e 1,1,2-triiodoalkenes richiede un controllo preciso su vari fattori, tra cui la composizione, l'ossidante, la fonte di iodio e il solvente. Tra questi, la fonte di iodio è il fattore più importante per la chemoselettività della reazione. Dopo la proiezione di diversi tipi e carichi della fonte di iodio, come pure i solventi, i tre metodi sono stati identificati e stabiliti. In primo luogo, TBAI come fonte di iodio in combinazione con PIDA (TBAI-PIDA) è selettiva per la sintesi di 1-iodoalkynes. In alternativa, 1,2-diiodoalkenes sono ottenuti in modo efficiente utilizzando un sistema di KI-PIDA. Entrambi i metodi permettersi i prodotti corrispondenti ad alto rendimento e alta chemoselettività. Il corrispondente tri-iodinationproducts, vale a dire., 1,1,2-triiodoalkenes, sono stati ottenuti in buona resa dalla sintesi one-pot che combinano il TBAI-PIDA e KI-PIDA sistemi36.

Qui, dimostreremo come la chemoselettività per iodination degli alchini terminali può essere diretto da 1-iodoalkynes di 1,2-diiodoalkenes e di 1,1,2-triiodoalkenes in condizioni di reazione simili, evidenziando il controllo preciso che può essere esercitata dal giudiziosamente scelta dell'ossidante, fonte di iodio e solvente. Per lo sviluppo di questa nuova tecnica sintetica, p- tolylethyne è stato usato come substrato modello. Sebbene i seguenti protocolli di concentrano sulla sintesi di 1-(iodoethynyl) -4-methylbenzene, (E) -1-(1,2-diiodovinyl)-4-methylbenzene e 1-metil - 4-(1,2,2-triiodovinyl) benzene, questi composti sono rappresentante per 1-iodoalkynes, 1,2 - diiodoalkenes e 1,1,2-triiodoalkenes, rispettivamente, cioè, i protocolli sono ampia nell'ambito, e le stesse tecniche possono essere applicate per l'iodurazione chemoselective di alchini terminali aromatici ed alifatici36.

I reagenti utilizzati nell'iodurazione chemoselective degli alchini terminali e piccole deviazioni dalle tecniche descritti risultato in drammatiche differenze per quanto riguarda i prodotti di destinazione. Per esempio, trasformazione di fonte di iodio TBAI a KI e trasformazione di solvente CH3CN a un CH3CN-H2O ha un impatto drammatico su chemoselettività del iodination. Il protocollo dettagliato mira ad aiutare i nuovi praticanti nel campo con l'iodurazione chemoselective degli alchini terminali per evitare molti errori comuni durante la sintesi di 1-iodoalkynes, 1,2-diiodoalkenes e 1,1,2-triiodoalkenes.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Protocol

1. sintesi di 1-(Iodoethynyl) -4-Methylbenzene (2, 1-Iodoalkynes)

  1. Aggiungere 133 mg (0,36 mmol) di TBAI e 3 mL di CH3CN una provetta di reazione contenente una barra di agitazione magnetica, che è aperta all'aria. Quindi, aggiungere 38 μL (0,3 mmol) di p- tolylethyne per il composto con una microsiringa.
  2. Aggiungere 96,6 mg (0,3 mmol) di PIDA alla miscela di reazione agitata vigorosamente in 10 porzioni per un periodo di 20 minuti con una spatola.
  3. Mescolare la miscela di reazione a temperatura ambiente per 3 h.
  4. Versare la miscela risultante in un imbuto separatore contenente 30 mL di acqua e dissetare con acquosa Na2S2O3 (10%, 0,5 mL). Estrarre lo strato acquoso tre volte con 10 mL di acetato di etile.
  5. Lavare gli strati organici combinati con 10 mL di salamoia satura e asciutto su solfato di sodio anidro (0,5 g).
  6. Filtrare fuori il solfato di sodio utilizzando un imbuto di Buchner e concentrare il filtrato sotto pressione ridotta per ottenere il prodotto grezzo.
  7. Purificare il prodotto grezzo da cromatografia a colonna su gel di silice utilizzando esano come eluente; il prodotto puro, 1-(iodoethynyl) -4-methylbenzene, si ottiene come un liquido giallo-chiaro (71,9 mg, 99% di rendimento; Rf= 0,79).
  8. Analizzare il prodotto da 1H e 13C NMR spettroscopia e cromatografia liquida ad alte prestazioni (HPLC).

2. sintesi di (E) -1-(1,2-Diiodovinyl)-4-Methylbenzene (3, 1,2-Diiodoalkenes)

  1. Aggiungere 124,5 mg (0.75 mmol) di KI e 1 mL di CH3CN una provetta di reazione contenente una barra di agitazione magnetica, che è aperta all'aria. Quindi, aggiungere la miscela tramite una microsiringa 38 μL (0,3 mmol) di p- tolylethyne e 3 mL di H2O.
  2. Aggiungere 96,6 mg (0,3 mmol) di PIDA alla miscela di reazione agitata vigorosamente in 10 porzioni per un periodo di 20 minuti con una spatola.
  3. Mescolare la miscela di reazione a temperatura ambiente per 24 h.
  4. Versare la miscela risultante in un imbuto separatore contenente 30 mL di acqua, dissetare con acquosa Na2S2O3 (10%, 1 mL) ed estrarre lo strato acquoso tre volte con 10 mL di acetato di etile.
  5. Gli strati organici combinati con 10 mL di salamoia di lavare ed asciugare sopra solfato di sodio anidro (0,5 g).
  6. Filtrare fuori il solfato di sodio utilizzando un imbuto di Buchner e concentrare il filtrato sotto pressione ridotta per ottenere il prodotto grezzo.
  7. Purificare il prodotto grezzo da cromatografia a colonna su gel di silice utilizzando esano come eluente. Il prodotto puro, (E) -1-(1,2-diiodovinyl)-4-methylbenzene, si ottiene come un liquido giallo-chiaro (mg 111,9, 98% di rendimento; Rf = 0,84).
  8. Analizzare il prodotto da 1H e 13C NMR spettroscopia nonché di HPLC.

3. sintesi di 1-metil - 4-(1,2,2-Triiodovinyl) benzene (4, 1,1,2-Triiodoalkenes)

  1. Aggiungere 133 mg (0,36 mmol) di TBAI e 1 mL di CH3CN una provetta di reazione che contiene una barra agitazione, che è aperta all'aria. Quindi, aggiungere 38 μL (0,3 mmol) di p- tolylethyne con una microsiringa.
  2. Aggiungere 96,6 mg (0,3 mmol) di PIDA alla miscela di reazione agitata vigorosamente in 10 porzioni per un periodo di 20 minuti con una spatola. Mescolare la miscela di reazione per 3 h a temperatura ambiente.
  3. Aggiungere 124,5 mg (0.75 mmol) di KI in 3 mL di H2O alla miscela di reazione.
  4. Aggiungi 193,2 mg (0,6 mmol) di PIDA alla miscela di reazione in 10 porzioni per un periodo di 20 minuti con una spatola. Mescolare la miscela di reazione per un altro 3 ore a temperatura ambiente.
  5. Aggiungere un altro 124,5 mg (0.75 mmol) di KI in 3 mL di H2O e 1 mL di CH3CN la miscela di reazione.
  6. Aggiungere un altro 193,2 mg (0,6 mmol) di PIDA alla miscela di reazione in 10 porzioni per un periodo di 20 minuti con una spatola. Mescolare la miscela di reazione per un altro 12 h a temperatura ambiente.
  7. Versare la miscela risultante in un imbuto separatore contenente 30 mL di acqua, dissetare con acquosa Na2S2O3 (10%, 2 mL) ed estrarre lo strato acquoso tre volte con 10 mL di acetato di etile.
  8. Gli strati organici combinati con 10 mL di salamoia di lavare ed asciugare sopra solfato di sodio anidro (0,5 g).
  9. Filtrare fuori il solfato di sodio utilizzando un imbuto di Buchner e concentrare il filtrato sotto pressione ridotta per ottenere il prodotto grezzo.
  10. Purificare il prodotto grezzo da cromatografia a colonna su gel di silice con esano per ottenere il prodotto puro, 1-metil - 4-(1, 2, 2-triiodovinyl) benzene, come un liquido giallo (138,4 mg, 93% di rendimento; Rf = 0,79).
  11. Analizzare il prodotto da 1H e 13C NMR spettroscopia nonché di HPLC.

4. la determinazione della selettività per il Mono-, Di- o Tri-iodination degli alchini terminali da HPLC

Nota: La selettività per il mono-, di-, tri-iodination degli alchini è stata determinata mediante HPLC. HPLC è stato effettuato su uno strumento utilizzando un 5 μm, colonna di 4,6 mm × 150 mm, CH3CN/H2O = 75/25 (v/v) come il solvente, una portata di 1,0 mL/min e una lunghezza d'onda di rivelatore di λ = 254 nm.

  1. Preparazione della soluzione dello standard esterna per HPLC
    1. Pesare esattamente 2 (1-(iodoethynyl) -4-methylbenzene; 9,58 mg, 39,58 × 10-3 mmol), 3 ((E) -1-(1,2-diiodovinyl)-4-methylbenzene; 19,29 mg, 52.14 × 10-3 mmol) e 4 (1-metil - 4-(1,2,2- benzene triiodovinyl); 11,10 mg, 22,38 × 10-3 mmol).
    2. Mescolare e sciogliere questi tre composti in 1 mL di CH3CN e diluire la soluzione di riserva 100 volte prima di eseguire la separazione HPLC.
    3. Determinare il rapporto tra area di picco (%) di ogni prodotto sul cromatogramma HPLC.
    4. Calcolare il rapporto di assorbività molare di ciascun composto secondo la seguente formula:
      Ε 2 : ε3 : ε4 = un2/n2 : un3/n3 : un4/n4
      dove ε è l'assorbività molare, all'area del picco e n il peso molare.
  2. Calcolare la chemoselettività secondo la seguente formula:
    n2 : n3 : n4 = un2/ε2 : un3/ε3 : un4/ε4

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Representative Results

La sintesi di chemoselective di 1-iodoalkynes, 1,2-diiodoalkenes e 1,1,2-triiodoalkenes basato sull'iodurazione ossidativo di p- tolylethyne è riassunto nella Figura 1. Tutte le reazioni sono state esposte all'aria. Tutti i composti in questo studio sono stati caratterizzati da 1H e 13C NMR spettroscopia, spettrometria di massa e HPLC per accedere la struttura del prodotto e la selettività della reazione, nonché per esplorare la purezza. I prodotti ottenuti sono stabili durante la conservazione a 4 ° C in frigorifero per quattro mesi, vale a dire., non sono stati rilevati cambiamenti significativi in HPLC e 1H NMR dati. Dati salienti composti rappresentativi sono descritti in questa sezione.

La struttura di 1-(iodoethynyl) -4-methylbenzene (2, 1-iodoalkynes) è stata determinata confrontando i dati NMR con dati di riferimento. 1 H NMR (400 MHz, CDCl3): δ = 7,32 (s, J = 8,0 Hz, 2h), 7.11 (s, J = 8,0 Hz, 2h), 2.34 (s, 3 H); 13 C NMR (100 MHz, CDCl3): δ = 139,1, 132.2, 129.0, 120.4, 94,3, 21,6, 5.1. Scomparirà il segnale chiave protone per il terminale alchino (3,0 ppm) e conferma l'osservazione di un segnale a 5,1 ppm nello spettro 13C NMR mono-iodination di p- tolylethyne (Figura 2), coerente con i dati riportati di NMR 43. analisi HPLC: C18 (5 µm, 4,6 mm × 150 mm), CH3CN/H2O = 75/25 (v/v), portata = 1,0 mL/min1, λ = 254 nm, tempo di permanenza: 6,2 min (Figura 7).

La struttura della (E) -1-(1,2-diiodovinyl)-4-methylbenzene (3, 1,2-diiodoalkenes) è stata determinata confrontando i dati NMR con dati di riferimento. 1 H NMR (400 MHz, CDCl3): δ = 7,26 (s, J = 8,0 Hz, 2h), 7,22 (s, 1h), 7,15 (s, J = 8,0 Hz, 2h), 2.34 (s, 3 H); 13 C NMR (100 MHz, CDCl3): δ = 140.2, 139.0, 129.0, 128.4, 96,6, 80,1, 21,4. Conferma il segnale chiave protone in olefine a 7,2 ppm di-iodination di p- tolylethyne, e 13C NMR spettro Mostra olefina corrispondente atomi di carbonio a 96,6 e 80,1 ppm, rispettivamente (Figura 3). I dati NMR sono coerenti con i valori precedentemente segnalati, in cui 3 è stato determinato come tipo E 18. Analisi HPLC: C18 (5 µm, 4,6 mm × 150 mm), CH3CN/H2O = 75/25 (v/v), portata = 1,0 mL/min1, λ = 254 nm, tempo di permanenza: 10,6 min (Figura 8).

La struttura di 1-metil - 4-(1,2,2-triiodovinyl) benzene (4, 1,1,2-triiodoalkene) è stata determinata mediante NMR e spettrometria di massa ad alta risoluzione (HRMS) HPLC. 1 H NMR (400 MHz, CDCl3): δ = 7,16 (s, 4 H), 2.34 (s, 3 H); 13 C NMR (100 MHz, CDCl3): δ = 138,9, 144,9, 129.3, 127,4, 112.9, 22.2, 21,5 (Figura 4); HRMS (EI) calcolato per C9H7ho3: 495.7682 ([M]+); trovato: 495.7672 (Figura 5); Analisi HPLC: C18 (5 µm, 4,6 mm × 150 mm), CH3CN/H2O = 75/25 (v/v), portata = 1,0 mL/min1, λ = 254 nm, tempo di permanenza: min 11,5 (Figura 9).

La chemoselettività dell'iodurazione è stata determinata mediante HPLC. Le prestazioni di HPLC di 2, 3e 4 come standard esterni sono illustrata nella Figura 6. Il rapporto molare di 2, 3e 4 come standard esterni è 39,58: 52.14: 22,38. Il rapporto di area di picco (%) nel cromatogramma HPLC di 2:3:4 è 49.801%: 30.762%: 19.436% (Figura 6). Di conseguenza, il rapporto di assorbività molare è ε2: ε3: ε4= 2.131: 1: 1.472.

Il sistema di TBAI-PIDA selettivamente offra 2 (2: 3:4= 100:0:0; Figura 7), mentre il sistema di KI-PIDA selettivamente arreda 3(2:3:4= 0.8:98.8:0.4; Figura 8). Combinati in uno-pentola, i sistemi TBAI-PIDA e KI-PIDA efficiente rendimento 4 come dei principali prodotti (2: 3:4= 3.7:3.2:93.1; Figura 9).

Figure 1
Figura 1. Chemoselective mono-, di - e tri-iodination di alchini. p- Tolylethyne è stato usato come substrato modello. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 2
Figura 2. 1 H NMR e 13 Spettri RMN C di 2 . Questa figura è stato riprodotto da Ref. 36 con permesso. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 3
Figura 3. 1 H NMR e 13 Spettri RMN C di 3. questa figura è stato riprodotto da Ref. 36 con permesso. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 4
Figura 4. 1 H NMR e 13 Spettri RMN C di 4 . Questa figura è stato riprodotto da Ref. 36 con permesso. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 5
Figura 5. Spettri di HRMS di 4 . Questa figura è stato riprodotto da Ref. 36 con permesso. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 6
Nella figura 6. Spettro HPLC di una miscela di 2 , 3 , e 4 miscela come standard esterni (2: 9,58 mg; 3: 19,29 mg; 4: 11,10 mg). Questa figura è stato riprodotto da Ref. 36 con permesso. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 7
Figura 7. Spettro HPLC di 2 , sintetizzato utilizzando il sistema TBAI-PIDA. Questa figura è stato riprodotto da Ref. 36 con permesso. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 8
Figura 8 . Spettro HPLC di 3, sintetizzato utilizzando il sistema di KI-PIDA. Questa figura è stato riprodotto da Ref. 36 con permesso. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 9
Figura 9 . Spettro HPLC di 3sintetizzati utilizzando una combinazione dei sistemi KI-PIDA in una pentola e TBAI-PIDA Questa figura è stato riprodotto da Ref. 36 con permesso. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Discussion

1-Iodoalkynes, 1,2-diiodoalkenes e 1,1,2-triiodoalkenes può essere sintetizzato utilizzando reagenti iodio ipervalente come mediatori efficiente per ossidativo iodination(s) chemoselectively. I fattori più critici di questi protocolli di iodination chemoselective sono la natura e il caricamento della fonte di iodio, come pure il solvente. Ad esempio, 1-iodoalkyne 2 è stato ottenuto come il prodotto principale (52% di rendimento) quando TBAI (2,5 equiv caricamento) è stata selezionata come la fonte di iodio in combinazione con MeOH come solvente (2:3:4= 90:5:5). Quando si cambia la fonte di iodio a KI, una tale selettività non è stata osservata, mentre dall'utilizzo di NH4che ha provocato la formazione predominante di 1,2-diiodoalkene 3. I dettagli dell'ottimizzazione della reazione condizioni sono documentati altrove36 (tabella 1).

Parecchi tentativi sono stati fatti di identificare le condizioni ottimali per la formazione di 1-iodoalkynes36. In primo luogo, il caricamento di TBAB influisce notevolmente la selettività verso 1-iodoalkyne 2. Abbassando il TBAB caricamento da 2,5 a 1,2 equiv favorisce la formazione di 2. In secondo luogo, la natura del solvente influenza fortemente la formazione di 1-iodoalkyne 2 in termini di selettività e resa. Ad esempio, CH3CN, Et2O, THF e DCM favore la sintesi di 2 in termini di selettività (assoluto) e resa (eccellente). DMF e toluene permettersi 2 in buona resa, seppur con selettività leggermente inferiore. In particolare, 1-iodoalkynes in modo più efficiente sono generati trattando l'alchino terminale (1,0 equiv) a temperatura ambiente per 2−24 h con PIDA (1,0 equiv) e TBAI (1,2 equiv) CH3CN, THF o Et2O.

Cambiando il solvente ad un CH3CN-H2O miscela migliora drammaticamente la chemoselettività verso 1,2-diiodoalkene 3, quando si utilizza KI come la fonte di iodio. Condizioni di reazione ottimale per la preparazione di 1,2-diiodoalkenes sono state stabilite come segue: il trattamento l'alchino terminale (1,0 equiv) a temperatura ambiente per 2−24 h con PIDA (1,0 equiv) e KI (2,5 equiv) in MeCN-H2O (1:3)36.

Una pratica sintesi one-pot di 1,1,2-triiodoalkene 4 può essere realizzata mediante la combinazione di due metodi di cui sopra. In genere, terminal 4-ethynytoluene (1,0 equiv), PIDA (1,0 equiv) e TBAI (1,2 equiv) erano agitata per 3 ore a temperatura ambiente, seguita dalla aggiunta di PIDA e una soluzione acquosa di KI. In queste condizioni di reazione, 4-ethynytoluene è stato completamente consumato; Tuttavia, solo 44% trasformazione è stata osservata quando 1,0 equiv di PIDA utilizzava nel secondo passaggio. Estendere il tempo di reazione, la trasformazione non è aumentato. Di conseguenza, il caricamento di PIDA (2.0 equiv) è stata aumentata nel secondo passaggio per accelerare questa trasformazione, che porta alla formazione di 4 in 88% di rendimento come dei principali prodotti. È interessante notare che, con una porzione supplementare di PIDA e KI, è stato osservato un ulteriore aumento della resa di 4 (93%). Di conseguenza, sono state ottimizzate le condizioni di reazione per il metodo sintetico di 4 . (i) il terminale alchino (1,0 equiv) è stato mescolato con PIDA (1,0 equiv) e TBAI (1,2 equiv) per 3 ore a temperatura ambiente in MeCN; (ii) dopo l'aggiunta di H2O, PIDA (2.0 equiv) e KI (2,5 equiv), la miscela di reazione è stata agitata per altri 3 h; (iii) con l'aggiunta di H2O, PIDA (2.0 equiv) e KI (2,5 equiv), la miscela di reazione è stata agitata per un altro 12 h36.

Nel presente documento, abbiamo presentato metodi pratici per la preparazione di chemoselective di 1-iodoalkynes, 1,2-diiodoalkenes e 1,1,2-triiodoalkenes basato sull'iodurazione di iodio ipervalente catalizzato degli alchini terminali. Questi metodi presentano elevate Chemoselettività, buona resa, bassa tossicità, condizioni di reazione delicata e ampia portata. Ci aspettiamo che questi nuovi metodi sintetici possono essere applicati alla sintesi efficiente e chemoselective di più iodoalkyne derivati, materiali, prodotti intermedi e composti biologicamente attivi.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Disclosures

Gli autori non hanno nulla di straordinario a divulgare.

Acknowledgments

Questo lavoro è stato supportato dal National Nature Science Foundation della Cina (21502023).

Materials

Name Company Catalog Number Comments
4-ethynyltoluene,98% Energy Chemical D080006
phenylacetylene,98% Energy Chemical W330041
1-ethynyl-4-methoxybenzene,98% Energy Chemical D080007
1-ethynyl-4-fluorobenzene,98% Energy Chemical D080005
4-(Trifluoromethyl)phenylacetylene, 98% Energy Chemical W320273
4-Ethynylbenzoic acid methyl ester,97% Energy Chemical A020720
3-Aminophenylacetylene,97% Energy Chemical D080001
3-Butyn-1-ol,98% Energy Chemical A040031
Propargylacetate,98% Energy Chemical L10031
Tetrabutylammonium Iodide,98% Energy Chemical E010070
Potassium iodide,98% Energy Chemical E010364
(diacetoxyiodo)benzene,99% Energy Chemical A020180
acetonitrile, HPLC grade fischer A998-4
magnetic stirrer IKA
rotary evaporator Buchi
Bruker AVANCE III 400 MHz Superconducting Fourier Bruker
High-performance liquid chromatography Shimadzu

DOWNLOAD MATERIALS LIST

References

  1. Sun, G. D., Wei, M. J., Luo, Z. H., Liu, Y. J., Chen, Z. J., Wang, Z. Q. An Alternative Scalable Process for the Synthesis of the Key Intermediate of Omarigliptin. Organic Process Research & Development. 20, (12), 2074-2079 (2016).
  2. Wang, D., Chen, S., Chen, B. H. Green synthesis of 1,4-disubstituted 5-iodo-1,2,3-triazoles under neat conditions, and an efficient approach of construction of 1,4,5-trisubstituted 1,2,3-triazoles in one pot. Tetrahedron Letters. 55, (51), 7026-7028 (2014).
  3. Chen, Z. W., Zeng, W., Jiang, H. F., Liu, L. X. Cu(II)-Catalyzed Synthesis of Naphthalene-1,3-diamine Derivatives from Haloalkynes and Amines. Organic Letters. 14, (21), 5385-5387 (2012).
  4. Boutin, R. H., Rapoport, H. α-Amino acid derivatives as chiral educts for asymmetric products. Synthesis of sphingosine from α′-amino-α,β-ynones. The Journal of Organic Chemistry. 51, (26), 5320-5327 (1986).
  5. Heravi, M. M., Asadi, S., Nazari, N., Lashkariani, B. M. Developments of Corey-Fuchs Reaction in Organic and Total Synthesis of Natural Products. Current Organic Chemistry. (21), 2196-2219 (2015).
  6. Vaidyanathan, G., McDougald, D., Koumarianou, E., Choi, J., Hens, M., Zalutsky, M. R. Synthesis and evaluation of 4-[18F]fluoropropoxy-3-iodobenzylguanidine ([18F]FPOIBG): A novel 18F-labeled analogue of MIBG. Nuclear Medicine and Biology. 42, (8), 673-684 (2015).
  7. Butini, S., Gemma, S., Brindisi, M., Borrelli, G., Lossani, A., Ponte, A. M., Torti, A., Maga, G., Marinelli, L., La Pietra, V., Fiorini, I., Lamponi, S., Campiani, G., Zisterer, D. M., Nathwani, S. M., Sartini, S., La Motta, C., Da Settimo, F., Novellino, E., Focher, F. Non-Nucleoside Inhibitors of Human Adenosine Kinase: Synthesis, Molecular Modeling, and Biological Studies. Journal of Medicinal Chemistry. 54, (5), 1401-1420 (2011).
  8. Kabalka, G. W., Shoup, T. M., Daniel, G. B., Goodman, M. M. Synthesis and evaluation of a new series of 17alpha-[(123)I]iodovinyl estradiols. Nuclear Medicine & Biology. 27, (3), 279-287 (2000).
  9. Lei, C. H., Jin, X. J., Zhou, J. R. Palladium-Catalyzed Alkynylation and Concomitant ortho Alkylation of Aryl Iodides. ACS Catalysis. 6, 1635-1639 (2016).
  10. Chen, W. W., Zhang, J. L., Wang, B., Zhao, Z. X., Wang, X. Y., Hu, Y. F. Tandem Synthesis of 3-Chloro-4-iodoisoxazoles from 1-Copper(I) Alkynes, Dichloroformaldoxime, and Molecular Iodine. The Journal of Organic Chemistry. 80, (4), 2413-2417 (2015).
  11. Brotherton, W. S., Clark, R. J., Zhu, L. Synthesis of 5-Iodo-1,4-disubstituted-1,2,3-triazoles Mediated by in Situ Generated Copper(I) Catalyst and Electrophilic Triiodide Ion. The Journal of Organic Chemistry. 77, (15), 6443-6455 (2012).
  12. Abe, H., Suzuki, H. Copper-Mediated Nucleophilic Displacement Reactions of 1-Haloalkynes. Halogen-Halogen Exchange and Sulfonylation. Bulletin of the Chemical Society of Japan. 72, (4), 787-798 (1999).
  13. Yan, J., Li, J., Cheng, D. Novel and Efficient Synthesis of 1-Iodoalkynes. Synlett. 2007, (15), 2442-2444 (2007).
  14. Ochiai, M., Uemura, K., Masaki, Y. J. α- versus β-Elimination of (Z)-( α-Halovinyl)iodonium Salts: Generation of α-Haloalkylidene Carbenes and Their Facile Intramolecular 1,2-Migration. Journal of the American Chemical Society. 115, (6), 2528-2529 (1993).
  15. Nishiguchi, I., Kanbe, O., Itoh, K., Maekawa, H. Facile Iodination of Terminal Acetylenes by Anodic Oxidation in the Presence of NaI. Cheminform. 2000, (1), 89-91 (2000).
  16. Nouzarian, M., Hosseinzadeh, R., Golchoubian, H. Ionic Liquid Iodinating Reagent for Mild and Efficient Iodination of Aromatic and Heteroaromatic Amines and Terminal Alkynes. Synthetic Communications. 43, (21), 2913-2925 (2013).
  17. Mader, S., Molinari, L., Rudolph, M., Rominger, F., Hashmi, A. S. K. Dual Gold-Catalyzed Head-to-Tail Coupling of Iodoalkynes. Chemistry-A European Journal. 21, (10), 3910-3913 (2015).
  18. Jiang, Q., Wang, J. Y., Guo, C. C. (NH4)2S2O8-Mediated Diiodination of Alkynes with Iodide in Water: Stereospecific Synthesis of (E)-Diiodoalkenes. Synthesis. 47, (14), 2081-2087 (2015).
  19. Madabhushi, S., Jillella, R., Mallu, K. K. R., Godala, K. R., Vangipuram, V. S. A new and efficient method for the synthesis of α,α-dihaloketones by oxyhalogenation of alkynes using oxone®-KX (X=Cl, Br, or I). Tetrahedron Letters. 54, (30), 3993-3996 (2013).
  20. Reddy, K. R., Venkateshwar, M., Maheswari, C. U., Kumar, P. S. Mild and efficient oxy-iodination of alkynes and phenols with potassium iodide and tert-butyl hydroperoxide. Tetrahedron Letters. 51, (16), 2170-2173 (2010).
  21. Stefani, H. A., Cella, R., Dorr, F. A., de Pereira, C. M. P., Gomes, F. P., Zeni, G. Ultrasound-assisted synthesis of functionalized arylacetylenes. Tetrahedron Letters. 46, (12), 2001-2003 (2005).
  22. Naskar, D., Roy, S. 1-Haloalkynes from Propiolic Acids: A Novel Catalytic Halodecarboxylation Protocol. The Journal of Organic Chemistry. 64, (18), 6896-6897 (1999).
  23. Gómez-Herrera, A., Nahra, F., Brill, M., Nolan, S. P., Cazin, C. S. J. Sequential Functionalization of Alkynes and Alkenes Catalyzed by Gold(I) and Palladium(II) N-Heterocyclic Carbene Complexes. ChemCatChem. 8, (21), 3381-3388 (2016).
  24. Wang, B., Zhang, J. L., Wang, X. Y., Liu, N., Chen, W. W., Hu, Y. F. Tandem Reaction of 1-Copper(I) Alkynes for the Synthesis of 1,4,5-Trisubstituted 5-Chloro-1,2,3-triazoles. The Journal of Organic Chemistry. 78, (20), 10519-10523 (2013).
  25. Li, M., Li, Y., Zhao, B., Liang, F., Jin, L. Facile and efficient synthesis of 1-haloalkynes via DBU-mediated reaction of terminal alkynes and N-haloimides under mild conditions. RSC Advances. 4, (57), 30046-30049 (2014).
  26. Pérez, J. M., Crosbie, P., Lal, S., Díez-González, S. Copper (I)-Phosphinite Complexes in Click Cycloadditions: Three-Component Reactions and Preparation of 5-Iodotriazoles. ChemCatChem. 8, (13), 2222-2226 (2016).
  27. Wilkins, L. C., Lawson, J. R., Wieneke, P., Rominger, F., Hashmi, A. S. K., Hansmann, M. M., Melen, R. L. The Propargyl Rearrangement to Functionalised Allyl-Boron and Borocation Compounds. Chemistry-A European Journal. 22, (41), 14618-14624 (2016).
  28. Usanov, D. L., Yamamoto, H. Enantioselective Alkynylation of Aldehydes with 1-Haloalkynes Catalyzed by Tethered Bis(8-quinolinato) Chromium Complex. Journal of the American Chemical Society. 133, (5), 1286-1289 (2011).
  29. Luithle, J. E. A., Pietruszka, J. Synthesis of Enantiomerically Pure cis-Cyclopropylboronic Esters. European Journal of Organic Chemistry. 2000, (14), 2557-2562 (2000).
  30. Blackmore, I. J., Boa, A. N., Murray, E. J., Dennis, M., Woodward, S. A simple preparation of iodoarenes, iodoalkenes and iodoalkynes by reaction of organolithiums with 2,2,2-trifluoro-1-iodoethane. Tetrahedron Letters. 40, (36), 6671-6672 (1999).
  31. Lee, G. C. M., Tobias, B., Holmes, J. M., Harcourt, D. A., Garst, M. E. A new synthesis of substituted fulvenes. Journal of the American Chemical Society. 112, (25), 9330-9336 (1990).
  32. Rao, M. L. N., Periasamy, M. A Simple Convenient Method for the Synthesis of 1-Iodoalkynes. Synthetic Communications. 25, (15), 2295-2299 (1995).
  33. Zeiler, A., Ziegler, M. J., Rudolph, M., Rominger, F., Hashmi, A. S. K. Scope and Limitations of the Intermolecular Furan-Yne Cyclization. Advanced Synthesis & Catalysis. 357, (7), 1507-1514 (2015).
  34. Dumele, O., Wu, D. N., Trapp, N., Goroff, N., Diederich, F. Halogen Bonding of (Iodoethynyl)benzene Derivatives in Solution. Organic Letters. 16, (18), 4722-4725 (2014).
  35. Hashmi, A. S. K., Dopp, R., Lothschutz, C., Rudolph, M., Riedel, D., Rominger, F. Scope and Limitations of Palladium-Catalyzed Cross-Coupling Reactions with Organogold Compounds. Advanced Synthesis & Catalysis. 352, (8), 1307-1314 (2010).
  36. Liu, Y., Huang, D., Huang, J., Maruoka, K. Hypervalent Iodine Mediated Chemoselective Iodination of Alkynes. The Journal of Organic Chemistry. 82, (22), 11865-11871 (2017).
  37. Wang, X., Studer, A. Iodine (III) Reagents in Radical Chemistry. Accounts of Chemical Research. 50, (7), 1712-1724 (2017).
  38. Yoshimura, A., Zhdankin, V. V. Advances in Synthetic Applications of Hypervalent Iodine Compounds. Chemical Reviews. 116, (5), 3328-3435 (2016).
  39. Charpentier, J., Fruh, N., Togni, A. Electrophilic Trifluoromethylation by Use of Hypervalent Iodine Reagents. Chemical Reviews. 115, (2), 650-682 (2015).
  40. Zhdankin, V. V., Protasiewicz, J. D. Development of new hypervalent iodine reagents with improved properties and reactivity by redirecting secondary bonds at iodine center. Coordination Chemistry Reviews. 275, (16), 54-62 (2014).
  41. Stang, P. J., Zhdankin, V. V. Organic Polyvalent Iodine Compounds. Chemical Reviews. 96, (3), 1123-1178 (1996).
  42. Kohlhepp, S. V., Gulder, T. Hypervalent iodine(III) fluorinations of alkenes and diazo compounds: new opportunities in fluorination chemistry. Chemical Society Reviews. 45, (22), 6270-6288 (2016).
  43. Hein, J. E., Tripp, J. C., Krasnova, L. B., Sharpless, K. B., Fokin, V. V. Copper(I)-Catalyzed Cycloaddition of Organic Azides and 1-Iodoalkynes. Angewandte Chemie International Edition. 48, (43), 8018-8021 (2009).
Chemoselective preparazione di 1-Iodoalkynes, 1,2-Diiodoalkenes e 1,1,2-Triiodoalkenes basato sull'iodurazione ossidativo degli alchini terminali
Play Video
PDF DOI

Cite this Article

Li, Y., Huang, D., Huang, J., Liu, Y., Maruoka, K. Chemoselective Preparation of 1-Iodoalkynes, 1,2-Diiodoalkenes, and 1,1,2-Triiodoalkenes Based on the Oxidative Iodination of Terminal Alkynes. J. Vis. Exp. (139), e58063, doi:10.3791/58063 (2018).More

Li, Y., Huang, D., Huang, J., Liu, Y., Maruoka, K. Chemoselective Preparation of 1-Iodoalkynes, 1,2-Diiodoalkenes, and 1,1,2-Triiodoalkenes Based on the Oxidative Iodination of Terminal Alkynes. J. Vis. Exp. (139), e58063, doi:10.3791/58063 (2018).

Less
Copy Citation Download Citation Reprints and Permissions
View Video

Get cutting-edge science videos from JoVE sent straight to your inbox every month.

Waiting X
simple hit counter