Waiting
Login processing...

Trial ends in Request Full Access Tell Your Colleague About Jove
Click here for the English version

Medicine

La terapia rigenerativa da Suprachoroidal cella autoinnesto nella degenerazione maculare senile secca: Report preliminare In Vivo

doi: 10.3791/56469 Published: February 12, 2018

Summary

L'obiettivo di questo studio è di valutare se il suprachoroidal dell'innesto di cellule staminali adiposo-derivate incluse nella frazione vascolare stromal e piastrine derivate dal plasma ricco di piastrine mediante la tecnica di restauro Limoli retinico può migliorare l'acuità visiva e risposte di sensibilità retinica in occhi affetti da degenerazione maculare senile secca.

Abstract

Questo studio mira a esaminare se un suprachoroidal dell'innesto di cellule autologhe può migliorare la migliore acuità visiva corretta (BCVA) e risposte a microperimetria (MY) negli occhi affetti da secca di degenerazione maculare senile (AMD) nel corso del tempo attraverso la produzione e la secrezione di fattori di crescita (GFs) il tessuto circostante. I pazienti sono stati assegnati a ciascun gruppo di studio. Tutti i pazienti sono stati diagnosticati con AMD secca e con BCVA uguale o maggiore di 1 logaritmo dell'angolo minimo di risoluzione (logMAR). Un innesto autologous suprachoroidal da Limoli retinica restauro tecnica (LRRT) è stato effettuato su un gruppo, che comprendeva 11 occhio da 11 pazienti. La tecnica è stata effettuata mediante l'impianto di adipociti, cellule staminali adiposo-derivate ottenute dalla frazione vascolare stromal e piastrine da plasma ricco di piastrine nello spazio suprachoroidal. Al contrario, gruppo B, tra cui 14 occhi di 14 pazienti, è stato usato come un gruppo di controllo. Per ogni paziente, la diagnosi è stata verificata da oftalmoscopio confocale del laser e tomografia a coerenza ottica-dominio spettrale (SD-OCT). Nel gruppo A, BCVA migliorato da 0.581 a 0.504 a 90 giorni e a 0,376 logMAR a 180 giorni (+32.20%) postoperatorio. Inoltre, il mio test aumentata di 11,44 dB a 12,59 dB a 180 giorni. I tipi differenti delle cellule innestati dietro la coroide erano in grado di garantire costante secrezione di GF nel flusso coroideale. Di conseguenza, i risultati indicano che l'acuità visiva (VA) nel gruppo innestato può aumentare più di nel gruppo di controllo dopo sei mesi.

Introduction

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Terapia cellulare, che consiste dell'iniezione sistemica o locale di cellule staminali/progenitrici nella zona danneggiata per trattare i disordini cronici multipli, ha attirato molta attenzione nell'ultimo decennio1. Dal 1990, fattori di crescita (GFs) sono stati studiati per il loro ruolo potenzialmente terapeutico nell'atrofia retinica2. Infatti, molte cellule umane possono produrre GFs, che sono proteine specifiche che sono in grado di bloccare o rallentare l'apoptosi, cioè, la morte programmata delle cellule3.

È noto che asciutta degenerazione maculare senile (AMD) è una malattia della retina atrofica dove morte graduale e irreversibile delle cellule comporta lesioni per lo strato dei fotorecettori e, di conseguenza, la perdita della funzione visiva centrale4. AMD è la causa principale di cecità nella gente oltre 55 anni di età nei paesi sviluppati e rappresenta l'80% di tutte le degenerazioni maculare, che mancano di un efficace trattamento per data.

Parecchi studi hanno indicato che ci sono varie fonti da cui possono essere ottenute GFs autologhi. Questi comprendono diversi tipi di cellule, compreso le cellule stromale adipose derivate dal grasso orbitale, piastrine derivate dal plasma ricco di piastrine (PRP) e adiposo-ha derivato le cellule staminali (CSTA) incluse nella frazione vascolare stromal (SVF) del tessuto adiposo5 ,6,7. L'attuale set di GF assicura neuroenhancement retinica e ricerche condotte da Filatov, Meduri, Pelaez e Limoli ha dimostrato che il trapianto di grasso autologo (AFT) è efficace8,9,10.

Inoltre, uno studio preliminare ha mostrato miglioramenti significativi nei dati dell'elettroretinogramma (ERG), registrato post suprachoroidal innesto autologous, secchezza degli occhi colpiti da AMD11. Il tessuto innestato chirurgicamente nello spazio suprachoroidal modulata la secrezione paracrina delle cellule retiniche, ritardando la loro apoptosi6,7,12. Considerando lo spessore di strato nucleare esterno, l'esame istologico della retina delle cavie ha mostrato che GFs potrebbe avere un effetto trofico sulla retina. Pertanto, l'uso diretto o indiretto di GFs può potenzialmente portare benefici terapeutici attraverso un equilibrato rapporto tra molecolari induttori e inibitori6,7,12.

Lo scopo di questo metodo è per valutare se l'innesto di suprachoroidal degli adipociti, CSTA in SVF e PRP può migliorare meglio corretto l'acuità visiva (BCVA) e microperimetria (MY) risposte a secchezza degli occhi colpiti da AMD. Questo studio mira a dimostrare l'effetto terapeutico di autoinnesto sulla base della produzione GF, secondo la letteratura citata6,7,12,13.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Protocol

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Il protocollo di studio è stato approvato dal comitato etico della Low Vision Academy e tutti i soggetti hanno firmato un consenso scritto secondo la dichiarazione di Helsinki. Questo studio di ricerca ha ricevuto l'approvazione etica sia Loughborough e Università di Sheffield.

Nota: I criteri di inclusione ed esclusione dei pazienti di degenerazione maculare senile secca per ricevere suprachoroidal innesto autologous da Limoli retinica restauro tecnica (LRRT) è descritto nella tabella 1.

1. diagnosi dei pazienti di degenerazione maculare senile secca

  1. Accertare la diagnosi con l'oftalmoscopio del laser confocale, SD-OCT e MY.
  2. Valutare BCVA di ogni gruppo per lontano e vicino a distanza. Misura VA per visione da vicino (primo piano) in punti (PT). Misurare BCVA al tempo 0 (T0), 90 (T90), e 180 giorni (T180) rispetto allo studio di retinopatia diabetica iniziale trattamento grafici (EDTRS) a 4 metri in logMAR.
  3. Record Mesopica scotopica, elettrico e l'attività delle cellule fotopico o flash ERG, secondo le norme fissate nel 2009 dalla International Society for Clinical Electrophysiology di visione (ISCEV)11.

2. amputate

Nota: Il gold standard in anestesia durante LRRT è l'anestesia d'attualità, rinforzato da infiltrazione di sub-tenone di anestesia e sedazione. In casi specifici, l'anestesia generale è preferito.

  1. Ottenere corneale e congiuntiva anestesia applicando topici anestetici locali instillato goccia a goccia 15-20 min prima della chirurgia con lidocaina al 4% e ropivacaina all'1%.
  2. Iniettare l'anestesia di infiltrazione direttamente nel sub-congiuntivale e spazi di subtenon.
  3. Utilizzare infiltrazione locale sia nella regione addominale, prima dell'estrazione del tessuto adiposo e nel sub-congiuntivale e spazi di sub-tenone, 12 mm dal limbus. Adottare anestetico locale di carbocaine o marcain mescolato con 1.200 IU epinefrina.
  4. Fornire sedazione intraoperatoria attraverso l'anestetico, che può essere eseguita correttamente utilizzando fentanil come un analgesico narcotico attraverso ripetuti piccoli boli. Il dosaggio è generalmente 0,025 mg di fentanil con 1 mg di midazolam a bolo.

3. Limoli retinica restauro tecnica preparazione

Nota: Questa tecnica rappresenta una variante dell'intervento di Pelaez, mediante il quale grasso autologo orbitale viene trapiantato in subscleral spazio1,6,7,12. Chirurgicamente innestate le cellule possono produrre molti GFs con proprietà neurotrophic e angiotrophic nel tessuto circostante, coroide e retina18,19,20,21,22 ,23,24,25. In LRRT, la distanza tra innestate cellule autologhe e coroide è ridotto per mezzo di profondità sclerectomy, e l'area di contatto tra il gambo e la coroide viene espanso per promuovere la secrezione di cellule autologhe di paracrine nel flusso coroideale9, 10,14.

  1. Eseguire la disinfezione corretta di ogni occhio prima della chirurgia con l'innesto cellulare tra la coroide e sclera, una procedura chiamata Limoli retinica restauro tecnica (LRRT)15,16,17.
  2. Dell'innesto CSTA, ottenuti da Coleman et al e tecnica di Lawrence (Figura 1) dal grasso addominale, in SVF a sovrachoroidal spazio15,16,17.
  3. Il pedicle adiposo si infiltra in con le piastrine derivato da PRP gel ottenuto attraverso le seguenti fasi.
  4. Centrifugare il sangue6,12 e raccogliere il plasma ricco di piastrine (PRP). Lo stimolo alla degranulazione piastrinica provoca il rilascio GF nel peduncolo adiposo6,12.

4. strategia e specifiche tecniche

Nota: Il tessuto grasso è raccolti e purificato dallo strato sottocutaneo addominale dei pazienti, secondo il Lawrence e Coleman tecnica17(Tabella materiali).

  1. Manualmente raccolto 10 mL di tessuto grasso dallo strato sottocutaneo addominale di ogni paziente, utilizzando una cannula smussa 3 mm collegato ad una siringa di bloccaggio, secondo il Lawrence e Coleman tecnica17 (figure 2A/2B).
  2. Separare SVF puro del tessuto grasso da sangue, grasso, olio e liquido mediante centrifugazione per 5 min a 1.500 x g a 20 ° C (Figura 2C). La SVF è molto ricco di CSTA17.
  3. Raccogliere 8 mL di sangue periferico umano con un ago 22G e in un tubo separato per la preparazione del PRP.
  4. Centrifugare il sangue prelevato per 5 min a 1.500 x g a 20 ° C (Figura 2D). In LRRT, il conseguente risultato di cambiamenti nella migliore sopravvivenza dell'innesto grasso autologo, proliferazione ADSC, che favorisce l'aspersione coroidica aumentata, ed una modulazione più completa dell'azione di quei fattori che sono secrete solo da grasso7, 11,17.
  5. Costruire la tasca di suprachoroidal (maggiori dettagli nel passaggio 4, in particolare 4.4 e 4.5) per ospitare l'innesto ottenuto da grasso orbitale e saturare il volume residuo di questa tasca con una miscela di CSTA da SVF e PRP, ottenuta secondo la Lawrence e Coleman tecnica17.

5. Suprachoroidal dell'autoinnesto di LRRT (tecnica di restauro Limoli retinica): procedura chirurgica e dettagli tecnici

  1. Ancorare la sclera con sutura seta 6-0, vicino al limbus temporale inferiore.
  2. Aprire lo spazio subconjunctival e subtenonian alle 11 mm dal limbus temporale inferiore, utilizzando forbici curve Westcott Tenetomy 5.5".
  3. Inserire il riavvolgitore congiuntiva Limoli-Basile in questo spazio per rendere un campo chirurgico scleral.
  4. Usando una smussatura inclinata 5 mm coltello mezzaluna up, pre-tagliare un lembo sul lato nella sclera a 8mm, dal limbus. La cerniera patta è sempre radiale e a sinistra del chirurgo.
  5. Nel quadrante inferiore-temporale, ad 8 mm dal limbus, aprire una porta profondo scleral di circa 5 mm dal lato di cerniera radiale utilizzando un coltello mezzaluna, smusso angolato fino. Eseguire sclerectomy ad una profondità adeguata per visualizzare il colore ardesia della coroide.
  6. Creare un gap rimuovendo un piccolo opercolo nella parte distale della falda, al fine di facilitare la circolazione del sangue nell'autoinnesto suprachoroidal successive.
  7. Estratto con il forcipe oftalmologico al grasso orbitale da un gap di sopra del muscolo obliquo inferiore. Assicurarsi che il grasso estratto è sufficientemente vascularized per permettergli di sopravvivere dopo l'impianto.
  8. Posizionare delicatamente la falda di grasso autologa sul letto coroidico e sutura con fibra di polyglactin coroidica 6/0 al bordo prossimale della porta.
  9. Sutura la falda scleral per evitare la compressione il pedicle grasso o sui suoi vasi nutrienti.
  10. Infiltrano lo stroma del pedicle grasso con 1 mL di gel PRP (ottenuto per centrifugazione del materiale di anima, la separazione del componente e di degranulazione piastrinica26) mediante una cannula angolata (30 °) 30 G.
  11. Preparare i lati del conjunctiva per la sutura. Quindi, rimuovere il retrattore congiuntiva.
  12. Suturare la congiuntiva, utilizzando fibra di polyglactin 6/0.
  13. Prima della chiusura, lasciare uno spazio per inserire nello spazio subscleral, tra la falda, la coroide e l'autoinnesto coroidico, un piccolo tubo di plastica flessibile con l'innesto di grasso autologo.
  14. Saturare lo spazio residuo tra l'innesto di grasso autologo, coroide e scleral flap con 0,5 cc di SVF (ricchi di CSTA), precedentemente preparata al punto 3.2, da un piccolo tubo di plastica flessibile, inserita nella tasca scleral.
  15. Dopo che satura lo spazio residuo, chiudere la sutura.
  16. Dopo la chirurgia, amministrare tre giorni di terapia antibiotica con azitromicina 500mg. Inoltre, è possibile fornire terapia di collirio con una combinazione antibiotica e steroideo, quali cloramfenicolo e betametasone, per circa 15-20 giorni.
    Nota: Un autoinnesto costituito da cellule di grasso, CSTA da SVF e PRP ora è stato ottenuto26. Ridurre la distanza tra le cellule autologhe innestate e coroide profondità sclerectomy per stimolare la secrezione di paracrine di cellule autologhe nel flusso coroideale. Per lo stesso scopo, espandere l'area di contatto tra il gambo e la coroide.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Representative Results

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Due gruppi di pazienti affetti da AMD secchi, con BCVA uguale o maggiore di 1 logaritmo dell'angolo minimo di risoluzione (logMAR), utilizzando la procedura qui presentata, sono stati arruolati nello studio. Gruppo A, compreso 11 occhio di 11 paziente, innesto autologous suprachoroidal ricevuti da Limoli retinica restauro tecnica (LRRT), mentre del gruppo B, tra cui 14 occhi di 14 pazienti, è stato usato come un gruppo di controllo.

Test t di Student e il test chi quadrato sono stati usati per confrontare, rispettivamente, media distribuzione di età e il sesso tra due gruppi di studio (tabella 2). Analisi statistiche e visualizzazione dei dati sono stati effettuati prima e dopo chirurgia LRRT.

Un test di rango firmato di Wilcoxon-Mann-Whitney è stato effettuato per determinare se le differenze pre- e post-trattamento erano significative. Per confrontare due campioni dipendenti, quando la popolazione non può essere considerata normalmente distribuita, come in questo caso è stato applicato questo test di ipotesi statistica non parametrica. VA valori sono stati misurati ad ogni passo dell'analisi. Significatività statistica è stata impostata ad un valore di p <0.05.

Undici occhi (6 destro e 5 occhi sinistro) di 11 pazienti (7 maschi e 4 femmine) con la diagnosi clinica della AMD secca sono stati esaminati in questo studio. Età paziente ha variato da 62 a 84 anni, con un'età media di 71,5 anni (SD ± 3,8).

La tabella 2 fornisce una panoramica dei profili clinici dei pazienti trattati con LRRT e i valori medi registrati a 0 (T0), 90 (T90) e 180 (T180) giorni dopo la chirurgia. Gli effetti negativi sono stati segnalati sempre per garantire la massima sicurezza. I valori medi di pressione intraoculare registrata a 0 (T0), 90 (T90) e 180 (T180) giorni dopo l'intervento chirurgico non ha registrato alcun cambiamento significativo.

Risultati dopo l'intervento chirurgico LRRT erano come segue:
Nel gruppo A, BCVA cambiato da 0.581 (T0) preoperatively in 0.504 a 90 giorni (T90) e in 0.376 logMAR a 180 giorni (T180) con un aumento significativo di 35,20% (p < 0,01). Nel controllo del gruppo B, tra cui 14 occhi di 14 pazienti, 7 maschi e 7 femmine, con un'età media di 80,4 anni, SD ± 2.3, BCVA modificato da 0.573 (T0) a 0,587 (T90) e a 0.601 logMAR (T180) con una media non significativa diminuzione del 4,72% (tabella 2) (Figura 3 ). Nel gruppo A, il mio test è aumentato significativamente da 11,44 dB (T0) a 12,59 dB (T180) (+ 9,58%) (Figura 4), mentre non c'era nessun miglioramento significativo in valori postoperatori nel gruppo B.

Figure 1
Figura 1 : Rappresentazione dell'innesto autologous suprachoroidal. Fattori di crescita (GFs) prodotta da cellule adipose, plasma ricco di piastrine (PRP), e cellule staminali adiposo-derivate (CSTA) raggiungere i tessuti della coroide e della retina attraverso l'epitelio pigmentato retinico (RPE). Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 2
Figura 2 : Procedura tecnica. Cannula e successivo ritiro del tessuto adiposo dalla zona addominale (pannello A). La cannula si muove grasso sottocutaneo con lieve aspirazione aspirando le cellule di grasso nel proprio lume (pannello B). Dopo la centrifugazione, ci sono tre strati di tessuto adiposo: olio (alto livello), grasso omogeneo (strato intermedio) e sangue fluido (strato inferiore) (pannello C). Osservare il tubo con sangue immediatamente dopo la centrifugazione. Ci sono tre strati: il plasma povero di piastrine (PPP), plasma ricco di piastrine (PRP) ed eritrociti (pannello D). Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 3
Figura 3 : Migliore corretta acuità visiva (BCVA) a secco degenerazione maculare senile (AMD). Modificare nel gruppo A dopo trapianto autologo di suprachoroidal da Limoli retinica restauro tecnica (LRRT) e nel gruppo di controllo (Check), misurata al tempo 0 (T0), 90 (T90) e 180 (T180) giorni. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 4
Figura 4 : Microperimetria (MY) in un paziente del gruppo A. Secca di degenerazione maculare senile (AMD) sei mesi dopo Limoli retinica restauro tecnica (LRRT). La mia maggiore da 11,44 dB (T0) a 12,59 dB (T180) (+ 9,58%). Colore scala da 0 a 36 in dB. Stabilità di fissazione: stabile, relativamente instabili, instabili. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Criteri di inclusione Criteri di esclusione
Soggetti indoeuropeo Errori di rifrazione con equivalente sferico > 6D
Partecipanti ben nutriti Segni di AMD essudativa di SD-OCT e FA
Diagnosi di SD-OCT, AFI e FA Disturbi oculari: CT, GL, ON, MP, VM, CRD, ecc.
VA misurabile Trauma oculare
BCVA ≥ 1 logMAR Malattie sistemiche: MS; PD; DM; RD; HD; vasculite
IOP normale Ipertensione, cancro e altre malattie sistemiche
Aree di deposito buono extrafoveal
LogMAR: logaritmo dell'angolo minimo di risoluzione; SD-OCT: spettrale dominio-ottiche di tomografia di coerenza; AFI: formazione immagine di autofluorescenza; FA: l'angiografia della fluorescina; VA: acuità visiva; IOP: pressione intraoculare; D: diottrie; CT: cataratta; GL: glaucoma; ON: neurite ottica; MP: pucker maculare; VM: membrane neovascolari; CRD: la malattia coroidoretinica; MS: sclerosi multipla; PD: Malattia di Parkinson; DM: diabete mellito; RD: malattie renali; HD: malattie epatiche.

Tabella 1: Criteri di inclusione ed esclusione per i pazienti a secco degenerazione maculare senile (AMD).

PARAMETRI LRRT (n = 11) Controllo (n = 14)
Età (media) ±3.8SD 71,5 80,4 ±2.3SD
Età (fascia) 62 - 84 73 - 79
Sesso M:7 F: 4 F:7 M:7
BCVA T0 0,581 logMAR 0.573 logMAR
(media)
BCVA T0 (gamma) 0.301 - 1.0 0.0 - 1.0
BCVA T90 (medio) logMAR 0.504 logMAR 0.587
BCVA T90 (gamma) 0,222 - 1 0.0 - 1
BCVA T180 (medio) 0.376 logMAR 0.601 logMAR
BCVA T180 (gamma) 0,046 - 0.699 0.0 - 1.0
Percentuale 35.19 4.72
cambiare
valore di p < 0.01 > 0,5
Età anni; n = pazienti e controlli; SD = deviazione standard; F = femmina; M = maschio; BCVA = migliore acuità visiva corretta nel logMAR; T0 = linea di base prima dell'autoinnesto di chirurgia; T90 = autoinnesto post chirurgica di 90 giorni; T180 = 180 giorni post chirurgica dell'autoinnesto.

Tabella 2: profili clinici dei pazienti esaminati nello studio. Media dei valori registrati prima (T0), 90 (T90) e 180 giorni (T180) dopo cella autoinnesto di Limoli retinica restauro tecnica (LRRT) in tutti i pazienti.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Discussion

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Lo scopo primario di questo studio era di valutare se l'innesto di suprachoroidal degli adipociti, CSTA in SVF e PRP potrebbe migliorare VA e sensibilità retinica in secchezza degli occhi colpiti da AMD nel corso del tempo. Un altro obiettivo principale era di dimostrare gli effetti terapeutici possibili di queste cellule, sulla base della recente letteratura, poiché parecchi studi preclinici hanno suggerito che la terapia basata su GF potrebbe essere utile per la cura del paziente in parecchie malattie.

In realtà, alcuni studi hanno dimostrato che le cellule staminali autologhe umane pluripotenti indotte (iPSC) potrebbe rappresentare una fonte cellulare per l'innesto, mirata alla rigenerazione di epitelio retinico del pigmento nella terapia sostitutiva del tessuto per AMD18, 19. questi strati delle cellule vengono generati come un monostrato che potrebbe esprimere marcatori tipici RPE ed esibiscono polarizzati GF secrezione, mostrando abilità phagocytotic, nonché modelli di espressione genica simili a quelle dei nativi RPE18,19 . Al momento del trapianto, strati delle cellule di primate non umano autologo iPSC-RPE ha mostrato né immuni rifiuto né tumore formazione18,19.

Il presente studio presenta alcune caratteristiche diverse. Abbiamo analizzato direttamente in occhi umani affetti da AMD secchi se la cella di autoinnesto suprachoroidal può migliorare la prestazione visiva.

Inoltre, sovrachoroidal dell'innesto di cellule autologhe secondo LRRT ha sempre dimostrato di essere sicuro. Non abbiamo mai registrato neovascularization sub-retinico, edema maculare, distacco di retina, o altri problemi retinici nel primo anno post intervento. D'altra parte, inappropriate procedure chirurgiche teoricamente possono portare alla perforazione della coroide con spurgo successivo, ma nella nostra ricerca nessun occhio è stato danneggiato. Tuttavia, è possibile avere emorragia sub-congiuntivale che di solito viene riassorbito in pochi giorni e non presenta ancora una volta come una complicazione.

Studi recenti hanno fornito ampia evidenza di un significativo aumento nei valori di ERG scotopici, BCVA e MY, a 90 e 180 giorni post trapianto autologo. Tuttavia, l'aumento era maggiore se la media dello spessore retinico (RTA) registrata da SD-OCT era superiore11,26. Si ritiene che le cellule innestate chirurgicamente possono produrre GFs nella circostante tessuto, coroide e nella retina, e che hanno proprietà neurotrophic e angiotrophic, come fattore di crescita di base del fibroblasto (bFGF), fattore di crescita endoteliale vascolare (VEGF) , fattore pigmento-epitelio-derivato (PEDF), interleuchina (IL), fattore distimolazione del macrofago (M-CSF), fattore distimolazione del granulocyte-macrofago (GM-CSF) e fattore di crescita placentare (PlGF), mentre le piastrine producono piastrina-derivato di crescere fattore di piastrina-derivato (PDGF), fattore di angiogenesi (PDAF), ecc.6,7,12,13,21

La disposizione dell'innesto nei pressi della coroide è creduta per consentire la GFs prodotta a immettere il flusso coroideale, per raggiungere la cellula endothelial cellule recettori, RPEs, Muller, fotorecettori e infine per interagire con loro. In LRRT, i trapianto autologhi innestano elementi sono utili, ciascuno a proprio modo, per la rigenerazione. Le cellule grasse producono bFGF, fattore di crescita epidermico (EGF), fattore di crescita insulino-simile-1 (IGF-1), IL, β di fattore di crescita trasformante (TGF-β), PEDF e adiponectina21. La CSTA produrre bFGF, VEGF, M-CSF, GM-CSF, PlGF, TGF-β, fattore di crescita epatocitario (HGF), IGF-1, IL e Angiogenina6,7. Le piastrine producono PDGF, IGF-1, TGF-β, VEGF, bFGF, EGF, PDAF e trombospondina (TSP)6,12.

Alcuni fattori promuovono la rigenerazione endoteliale, e alcuni stimolano la proliferazione di ADSC, favorendo così sia grasso autologo e la sopravvivenza degli adipociti, mentre gli altri inibiscono neovascular processi22,23,24. PEDF e bFGF favoriscono la sopravvivenza dei fotorecettori, mentre EGF esercita la sua azione sulle cellule di Müller attivazione endogena bFGF trascrizione e stimolando CSTA per aumentare la loro attività secretiva25,27. Anche se GFs sono normalmente secreto dalle RPEs, ciò non accade in maculopathy atrofico a seguito di RPE/choriocapillaris complesso. Secrezione di Paracrine GF dalle cellule di innesto contribuisce alla favorendo la sopravvivenza dei fotorecettori e coriocapillare28. Inoltre, M-CSF, GM-CSF e IL hanno effetti anti-infiammatori e chemiotattici sui macrofagi, che sono coinvolte nell'eliminazione di detriti cellulari intraretinica, una funzione che è fisiologicamente esercitata da RPEs29,30.

I tipi di cellule innestati dietro la coroide possono garantire costante secrezione di GF nel flusso coroideale. GFs può raggiungere le cellule della retina dalla coroide, interagire con i loro recettori di membrana e infine attivare una via intracellulare. I dati presentati suggeriscono che LRRT possono aumentare aspersione coroidica e trofismo del fotoricettore non solo attraverso interazioni bFGF-recettore, ma anche attraverso la stimolazione di cellule Müller, RPEs e fotorecettori retinici. Di conseguenza, cambiamenti di espressione genica e l'effetto antiapoptotico finale potrebbe spiegare la neuroenhancement. Questo meccanismo cellulare alla base la capacità di aumentare la performance visiva, come evidenziato nei risultati clinici nel gruppo innestato. In sintesi, LRRT potrebbe essere utile per preservare la funzione visiva dei pazienti affetti da AMD asciutti a lungo termine.

Tuttavia, come abbiamo dimostrato in studi precedenti, coni-bastoncelli ERG e rod ERG mostrano una correlazione altamente significativa con RTA, mentre questo non è il caso di cono ERG. Questo può essere spiegato dal fatto che fovea funzione sembra essere compromessa, anche se i volumi maculari in AMD secca continua ad essere regolare, almeno nella fase iniziale26. In questa patologia, trofismo retinico residuo misurata di RTA può essere un criterio prognostico per il trattamento di LRRT, dal momento che i risultati migliori sono più frequenti nei pazienti con RTA uguale o maggiore di 250 µm26. L'insieme GF disponibile potrebbe causare neuroenhancement, la cui entità è proporzionale alla presenza di aree con maggiore cellularità, quanto registrato dall'attività elettrica26. In una fase successiva, cellularità difficile del tessuto non darebbe l'effetto terapeutico che è ricercato con la procedura, a causa delle scarse interazioni recettore GF-membrana.

I passaggi successivi di questa ricerca richiederà l'assunzione di un numero maggiore di soggetti con maggiore VA e fissazione centrale valutando statisticamente tutte le prove indispensabili necessari per confermare che la tecnica sia valida e per studiare gli effetti biochimici. Si può affermare che l'aumento del trofismo cellulare si riflette nell'attività visual cellulare, misurata obiettivamente da ERG, BCVA e mio11. Terapia a base di GF potrebbe fornire un trattamento sono aggiornato, selettivo, sicuro e ragionevole nelle malattie oftalmologiche.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Disclosures

Presentato al 2015 ARVO, 3-7 maggio-Denver - Stati Uniti.

Acknowledgments

Gli autori non hanno nessun ringraziamenti.

Materials

Name Company Catalog Number Comments
Blunt cannula, 3 mm.  Mentor, Santa Barbara, CA.
Luer-LokTM syringe.  BD Biosciences, Franklin Lakes, NJ.
Regen-BCT tube.  RegenKit; RegenLab, Le Mont-sur-Lausanne, CH.
Centrifuge  RegenPRP Centri. RegenLab, Le Mont-sur-Lausanne, CH.
BD Venflon Pro Safety 22G x 1.00 inch (0.9 mm x 25 mm).  BD Biosciences, Franklin Lakes, NJ.
SPSS Statistics Version 19.0 IBM Corp., Armonk, NY, USA.
Confocal scanning laser ophthalmoscope  Nidek Inc, Fremont, CA Nidek F10 
Cirrus 5000 Spectral Domain-Optical Coherence Tomography Carl Zeiss Meditec AG, Jena, Germany  SD-OCT 
Maia 100809 Microperimetry  CenterVue S.p.A., Padua, Italy
Ocular electrophysiology electromedical system, C.S.O., S.r.l., Scandicci, Italy  Retimax for ERG 

DOWNLOAD MATERIALS LIST

References

  1. Daftarian, N., Kiani, S., Zahabi, A. Regenerative therapy for retinal disorders. J. Ophthalmic Vis. Res. 5, 250-264 (2010).
  2. Thanos, C., Emerich, D. Delivery of neurotrophic factors and therapeutic proteins for retinal diseases. Expert. Opin. Biol. Ther. 5, 1443-1452 (2005).
  3. Cao, W., et al. In vivo protection of photoreceptors from light damage by pigment epithelium-derived factor. Inv. Ophthalmol. Vis. Sci. 42, 1646-1652 (2001).
  4. Bhutto, I., Lutty, G. Understanding age-related macular degeneration (AMD): Relationships between the photoreceptor/retinal pigment epithelium/Bruch's membrane/choriocapillaris complex. Mol. Aspects Med. 33, (4), 295-317 (2012).
  5. McHarg, S., Brace, N., Bishop, P. N., Clark, S. J. Enrichment of Bruch's membrane from human donor eyes. J. Vis. Exp. (105), (2015).
  6. Kevy, S. V., et al. Preparation of growth factor enriched autologous platelet gel. Transactions of the Society for Biomaterials 27th Annual Meeting. St. Paul, Minnesota, USA. April 24-29 (2001).
  7. Schaffler, A., Buchler, C. Concise review: adipose tissue-derived stromal cells-basic and clinical implications for novel cell-based therapies. Stem Cells. 25, 818-882 (2007).
  8. Filatov, V. P. Tissue therapy. Med. Gen. Fr. 11, 3-5 (1951).
  9. Pelaez, O. Retinitis pigmentosa. Cuban experience. Editorial Cientifico Técnica. La Habana, Cuba. (1997).
  10. Meduri, R., et al. Effect of basic fibroblast growth factor on the retinal degeneration of B6(A)- Rperd12/J (retinitis pigmentosa) mouse: a morphologic and ultrastructure study. ARVO 2007 Annual Meeting. Fort Lauderdale. May 6-10 (2007).
  11. Limoli, P. G., Vingolo, E. M., Morales, M. U., Nebbioso, M., Limoli, C. Preliminary Study on Electrophysiological Changes After Cellular Autograft in Age-Related Macular Degeneration. Medicine. 93, (29), 355 (2014).
  12. Tischler, M. Platelet rich plasma: The use of autologous growth factors to enhance bone and soft tissue grafts. N. Y. State Dent. J. 68, 22 (2002).
  13. Zuk, P. A., et al. Human adipose tissue is a source of multipotent stem cells. Mol. Biol. Cell. 13, (12), 4279-4295 (2002).
  14. Lin, K. J., et al. Topical administration of orbital fat-derived stem cells promotes corneal tissue regeneration. Stem Cell Res. Ther. 4, (3), 72 (2013).
  15. Limoli, P. The retinal cell-neurorigeneration. Principles, applications and perspectives. The growth factors. FGE Reg. Canelli (AT). 159-206 (2014).
  16. Coleman, W. P., et al. Guidelines of care for liposuction. J. Am. Acad. Dermatol. 45, 438-447 (2001).
  17. Lawrence, N., Coleman, W. P. Liposuction. J. Am. Acad. Dermatol. 47, 105-108 (2002).
  18. Kamao, H., et al. Characterization of human induced pluripotent stem cell-derived retinal pigment epithelium cell sheets aiming for clinical application. Stem Cell Reports. 23, (2), 205-218 (2014).
  19. Dang, Y., Zhang, C., Zhu, Y. Stem cell therapies for age-related macular degeneration: the past, present, and future. Clin. Interv. Aging. 10, 255-264 (2015).
  20. Nebbioso, M., Livani, M. L., Steigerwalt, R. D., Panetta, V., Rispoli, E. Retina in rheumatic diseases: Standard full field and multifocal electroretinography in hydroxychloroquine. Clin. Exp. Optom. 94, (3), 276-283 (2011).
  21. Wang, P., Mariman, E., Renes, J., Keijer, J. The secretory function of adipocytes in the physiology of white adipose tissue. J. Cell. Physiol. 216, 3-13 (2008).
  22. Chen, G., et al. VEGF-Mediated Proliferation of Human Adipose Tissue-Derived Stem Cells. PloS One. 8, 73673 (2013).
  23. Bagchi, M., et al. Vascular endothelial growth factor is important for brown adipose tissue development and maintenance. FASEB J. 27, 3257-3271 (2013).
  24. Carron, J. A., et al. Cultured human retinal pigment epithelial cells differentially express thrombospondin-1, -2, -3,and -4. Int. J. Biochem. Cell. Biol. 32, 1137-1142 (2000).
  25. Kim, S. Y., et al. Expression of pigment epithelium-derived factor (PEDF) and vascular endothelial growth factor (VEGF) in sickle cell retina and choroid. Exp. Eye Res. 77, 433-445 (2003).
  26. Limoli, P. G., Limoli, C., Vingolo, E. M., Scalinci, S. Z., Nebbioso, M. Cell surgery and growth factors in dry age-related macular degeneration: visual prognosis and morphological study. Oncotarget. 7, (30), 46913-46923 (2016).
  27. Ueki, Y., Reh, T. A. EGF stimulates Müller glial proliferation via a BMP-dependent mechanism. Glia. 61, 778-789 (2013).
  28. Kozlowski, M. R. RPE cell senescence: A key contributor to age-related macular degeneration. Med. Hypotheses. 78, 505-510 (2012).
  29. Schneider, A., et al. The hematopoietic factor G-CSF is a neuronal ligand that counteracts programmed cell death and drives neurogenesis. J. Clin. Invest. 115, 2083-2098 (2015).
  30. Yin, Y., et al. Oncomodulin is a macrophage-derived signal for axon regeneration in retinal ganglion cells. Nat. Neurosci. 9, 843-852 (2006).
La terapia rigenerativa da Suprachoroidal cella autoinnesto nella degenerazione maculare senile secca: Report preliminare <em>In Vivo</em>
Play Video
PDF DOI DOWNLOAD MATERIALS LIST

Cite this Article

Limoli, P. G., Vingolo, E. M., Limoli, C., Scalinci, S. Z., Nebbioso, M. Regenerative Therapy by Suprachoroidal Cell Autograft in Dry Age-related Macular Degeneration: Preliminary In Vivo Report. J. Vis. Exp. (132), e56469, doi:10.3791/56469 (2018).More

Limoli, P. G., Vingolo, E. M., Limoli, C., Scalinci, S. Z., Nebbioso, M. Regenerative Therapy by Suprachoroidal Cell Autograft in Dry Age-related Macular Degeneration: Preliminary In Vivo Report. J. Vis. Exp. (132), e56469, doi:10.3791/56469 (2018).

Less
Copy Citation Download Citation Reprints and Permissions
View Video

Get cutting-edge science videos from JoVE sent straight to your inbox every month.

Waiting X
Simple Hit Counter