Edilizia e sistematica simmetriche Studi di una serie di supramolecolari cluster con binario o ternario ammonio Triphenylacetates

Chemistry

Your institution must subscribe to JoVE's Chemistry section to access this content.

Fill out the form below to receive a free trial or learn more about access:

Welcome!

Enter your email below to get your free 10 minute trial to JoVE!





We use/store this info to ensure you have proper access and that your account is secure. We may use this info to send you notifications about your account, your institutional access, and/or other related products. To learn more about our GDPR policies click here.

If you want more info regarding data storage, please contact gdpr@jove.com.

 

Cite this Article

Copy Citation | Download Citations

Sasaki, T., Ida, Y., Yuge, T., Yamamoto, A., Hisaki, I., Tohnai, N., Miyata, M. Construction and Systematical Symmetric Studies of a Series of Supramolecular Clusters with Binary or Ternary Ammonium Triphenylacetates. J. Vis. Exp. (108), e53418, doi:10.3791/53418 (2016).

Please note that all translations are automatically generated.

Click here for the english version. For other languages click here.

Abstract

Funzioni del cluster in nano o scala sub-nano in modo significativo dipendono non solo i tipi di loro componenti, ma anche le modalità, o la simmetria, dei loro componenti. Pertanto, gli accordi in cluster sono stati proprio caratterizzati, soprattutto per i complessi metallici. Contrariamente a questo, caratterizzazioni di accordi molecolari in cluster supramolecolari costituiti da molecole organiche sono limitati a pochi casi. Questo perché la costruzione dei cluster supramolecolari, in particolare ottenendo una serie di cluster supramolecolari, è difficile a causa della bassa stabilità di legami non covalenti confrontare covalenti obbligazioni. Da questo punto di vista, l'utilizzo di sali organici è una delle strategie più utili. Una serie di supramolecole potrebbe essere costruito da una combinazione di una specifica molecola organica con vari ioni contatore. Soprattutto, carbossilati di ammonio primari sono adatti come esempi tipici di supramolecole perchè vari tipi di acidi carbossilicie ammine primarie sono commercialmente disponibili, ed è facile cambiare le loro combinazioni. In precedenza, è stato dimostrato che triphenylacetates ammonio primari utilizzando vari tipi di ammine primarie specificamente costruire cluster sopramolecolari, che sono composti da quattro ammoni e quattro triphenylacetates assemblati da legami idrogeno carica-assistita, in cristalli ottenuti da solventi non polari. Questo studio dimostra un'applicazione della costruzione specifica dei cluster supramolecolari come strategia per condurre sistematica studio simmetrica di chiarificazione di correlazioni tra regime molecolari in supramolecole e tipi e numero dei loro componenti. Allo stesso modo con sali binari composti triphenylacetates e un tipo di ammoni primari, sali organici ternarie composte triphenylacetates e due tipi di ammonio costruire cluster supramolecolari, offrendo una serie di cluster supramolecolari con vari tipi e numeri dei componenti.

Introduction

Supramolecole sono affascinanti e importanti obiettivi di ricerca a causa delle loro funzioni esclusive, come la costruzione di architetture supramolecolari, rilevamento di ioni e / o molecole, e le separazioni chirali, originati dalle loro capacità di riconoscimento molecolare mediante legami non covalenti flessibili 1-11. In riconoscimenti molecolari, simmetria supramolecolari è uno dei fattori più importanti. Nonostante l'importanza, è ancora difficile progettare supramolecole con simmetrie desiderati dovuti alla flessibilità in numero e tipo dei componenti così come angoli e distanze di legami non covalenti.

Chiarimento delle correlazioni tra simmetrie di supramolecole e dei loro componenti sulla base di studi sistematici è la strategia utile per ottenere la costruzione di supramolecole desiderati. A questo scopo, i cluster supramolecolari sono stati scelti come obiettivi di ricerca perché sono composti del numero limitato di componenti und sono valutabili teoricamente 12-14. Tuttavia, contrariamente a complessi metallici, ci sono un numero limitato di segnalazioni costruire cluster supramolecolari a causa della bassa stabilità di legami non covalenti per sostenere le strutture supramolecolari 15,16. Questa bassa stabilità diventa anche un problema di ottenere una serie di supramolecolari aventi lo stesso tipo di strutture. In questo studio, legami idrogeno carica-assistita di sali organici, che sono uno dei legami non covalenti più robuste 17-20, sono principalmente impiegati per la costruzione di specifiche assemblee supramolecolari preferenzialmente 21-32. È inoltre degno di nota che i sali organici sono composti da acidi e basi, e quindi numerosi tipi di sali organici sono facilmente ottenibili semplicemente miscelando diverse combinazioni di acidi e basi. Soprattutto, sali organici sono utili per studi sistematici causa combinazioni di un componente specifico con vari tipi di contro-ioni producono gli stessi tipi di supramoassemblee lecular. Pertanto, è possibile confrontare le differenze strutturali supramolecolari basati su tipi di contro-ioni.

In lavori precedenti, supramolecole con 0-dimensionale (0-D), 1-dimensionale (1-D), e 2-dimensionali (2-D) le reti di idrogeno-legame di carbossilati di ammonio primari sono stati confermati e caratterizzato dal punto di vista della chiralità 32. Questi supramolecole multi-dimensionali sono importanti obiettivi di ricerca nella progettazione di cristallo gerarchica 27 così come le applicazioni che sfruttano la loro dimensionalità. Inoltre, la caratterizzazione delle reti di idrogeno-legame darebbe importanti conoscenze sui ruoli di molecole biologiche perché tutti gli amminoacidi hanno ammonio e gruppi carbossilici. Fornire linee guida per ottenere questi supramolecole dà separatamente loro ulteriori opportunità nelle applicazioni. In questi supramolecole, la costruzione di cluster supramolecolari con le reti di idrogeno-legame 0-D è relativeldifficile y come dimostrato in studio statistico 28. Tuttavia, dopo chiarimento di fattori per costruire i cluster sopramolecolari, sono stati costruiti in modo selettivo, e una serie di cluster supramolecolari stato ottenuto 21-25,32. Queste opere permettono di condurre sistematico studio simmetrica sui cluster sopramolecolari chiarire caratteristiche simmetriche componente-dipendente dei cluster supramolecolari. A questo scopo, i grappoli supramolecolari di triphenylacetates ammonio primari hanno caratteristiche interessanti, cioè la loro topologica varietà di reti di idrogeno-legame 24,32, che riflettono le caratteristiche simmetriche e conformazioni chirali dei gruppi componente tritile (Figura 1a e 1b). Qui metodologie per la costruzione di una serie di cluster supramolecolari utilizzando triphenylacetates ammonio primari e per caratterizzare le caratteristiche simmetriche dei cluster supramolecolari sono demonitrati. Tasti per la costruzione dei cluster supramolecolari sono introduzione di gruppi tritile ingombranti e ricristallizzazione dei sali organici da solventi non polari. triphenylacetates ammonio primario binari e ternari sono stati preparati per la costruzione dei cluster supramolecolari. Studi cristallografici dal punto di vista delle topologie delle reti di idrogeno-legame 24,32, topografie (conformazioni) di gruppi trityl 33,34 e le modalità molecolare come analoghi di poliedri octacoordinated 12 (Figura 1c) hanno rivelato caratteristiche simmetriche dei componenti-dipendente dei cluster supramolecolari 25.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Protocol

1. Preparazione di cristalli singoli Composto da primari ammonio Triphenylacetates

  1. Preparare sali organici, triphenylacetates ammonio primari (Figura 1A).
    1. Sciogliere l'acido triphenylacetic (TPAA, 0,10 g, 0,35 mmol) e ammina primaria: n -butylamine (n Bu, 2,5 x 10 -2 g, 0,35 mmol), isobutylamine (isoBu, 2,5 x 10 -2 g, 0,35 mmol), t -butylamine (t Bu, 2,5 x 10 -2 g, 0,35 mmoli), o t -amylamine (t Am, 3,0 x 10 -2 g, 0,35 mmoli), insieme in metanolo (20 ml) in TPAA: ammina = 1: 1 rapporto molare per la preparazione di sali organici binari.
    2. Nel caso di sali organici ternari, sciogliere TPAA (0,10 g, 0,35 mmoli) e due tipi di ammine primarie: n Bu (1,3 x 10 -2 g, 0.17 mmol) - t Bu (1,3 x 10 -2 g, 0,17 mmol ), n Bu (1,3 x 10 -2 g, 0,17 mmol) - t Am (1,5 x 10 -2 g, 0,17 mmol), isoBu (1,3 x 10 -2 g, 0.17 mmol) - t Bu (1,3 x 10 -2 g, 0,17 mmol), o isoBu (1,3 x 10 -2 g, 0.17 mmol) - t Am (1,5 x 10 -2 g , 0,17 mmoli), insieme in metanolo (20 ml) in TPAA: ammina-1: ammina-2 = 2: 1: 1.
    3. Far evaporare tutte le soluzioni per evaporatori rotanti (40 ° C, 200 Torr), offrendo sali organici: TPAA- n Bu, TPAA-isoBu, TPAA- t Bu, TPAA- t Am, TPAA- n Bu- t Bu, TPAA- n Bu- t Am, TPAA-isoBu- t Bu, e TPAA-isoBu- t Am.
  2. Preparare cristalli singoli composti di cluster supramolecolari.
    1. Sciogliere ciascuno dei sali organici (5,0 mg) in una fiala di vetro in toluene (0,30 ml) come un buon solvente non polare, che è stato scelto perché i cluster supramolecolari sono preferibilmente costruiti in ambiente non-polare. Per i sali organici TPAA- t Bu, TPAA- t Am, TPAA-isoBu- t Bu, e TPAA-isoBu- t Am, toluene riscaldare to 40 ° C per scioglierli.
    2. Aggiungere esano: 0,5 ml, 0,5 ml, 0,5 ml, 2 ml, 2 ml, 1 ml e 0,5 ml, per la soluzione dei sali organici di TPAA- n Bu, TPAA-isoBu, TPAA- t Am, TPAA- n Bu- t Bu, TPAA- n Bu - t Am, TPAA-isoBu- t Bu, e TPAA-isoBu- t Am, rispettivamente, come un povero solvente per ridurre la solubilità del sale organico, tranne per la soluzione del sale organico TPAA- t Bu.
    3. Mantenere la stabile soluzione a temperatura ambiente nella fiala di vetro, offrendo cristalli singoli entro un giorno.
  3. Confermare la formazione sale organico con trasformata di Fourier a raggi infrarossi spettri 35,36 (FT-IR).
    1. Mescolare i singoli cristalli del sale organico con bromuro di potassio (KBr) in 1: 100 rapporto in peso.
    2. Macinare la miscela con un mortaio di agata fino a renderla omogenea miscela in polvere.
    3. Riempire uno stampo rotondo (diametro: 5 mm) con la miscela in polvere e fare una pallina da pressing con una pressa a pellet.
    4. Mettere il pellet in uno spettrometro FT-IR, ed eseguire le misurazioni (numero cumulativo: 16, Risoluzione: 1 cm-1).

2. Studi cristallografici

  1. Prendete un singolo cristallo di alta qualità del sale organico TPAA- t Am dalla fiala di vetro in paraffina su una lastra di vetro. Il cristallo sembra uniforme sotto un stereomicroscopio, significa che il cristallo non è assiemi di più cristalli ma un singolo cristallo, e ha una dimensione di cristallo circa 0,3 e 1 mm senza crepe.
  2. Mettere monocristallo su un loop.
  3. Impostare il circuito con monocristallo in un'unica apparecchiatura di diffrazione a raggi X cristallo.
  4. Selezionare un collimatore: 0,3, 0,5, 0,8 o 1 mm a seconda della dimensione massima del singolo cristallo.
  5. Avviare una misura preparatoria di cristallo singolo diffrazione a raggi X per raccogliere raggi X diffrazione 37,38 dal monocristallo utilizzando il singolo crystal raggi X attrezzature di diffrazione (sorgente di radiazione: grafite monochromated Cu K α (λ = 1,54,187 mila Å), tempo di esposizione: 30 sec (determinare in base alla dimensione dei cristalli), rivelatore: per esempio piastra di imaging, cristallo-a-detector distanza: 127.40 mm, temperatura: 213.1 K, il numero di fotogrammi: 3).
  6. Determinare i possibili parametri di cristallo e impostare le condizioni: il tempo di esposizione e angoli di esposizione ai raggi X: ω, χ, e φ, e il numero di fotogrammi, per la seguente misura in base al risultato della misurazione di preparazione di cui sopra.
  7. Inizia una misurazione regolare del cristallo singolo diffrazione a raggi X per raccogliere modelli di diffrazione di raggi X 37,38 dai singoli cristalli utilizzando monocristallo attrezzature diffrazione dei raggi X nelle condizioni (fonte di radiazione: grafite monochromated Cu K α (λ = 1,54,187 mila Å), rivelatore: per esempio piastra di imaging, cristallo-to-detector distANCE: 127,40 millimetri, temperatura: 213.1 K).
  8. Risolvere una struttura cristallina dai modelli di diffrazione con metodi diretti, SIR2004 39 o SHELXS97 40, e definire da un completo matrice minimi quadrati procedura utilizzando tutte le riflessioni osservati basate su F 2. Raffinare tutti gli atomi di idrogeno non con parametri di spostamento anisotrope, e posizionare gli atomi di idrogeno in posizioni ideali con i parametri di spostamento isotrope relativi agli atomi di idrogeno non collegati e non raffinati. Eseguire questi calcoli utilizzando un software come il CrystalStructure 41.
  9. Ripetere le procedure da passaggi da 2.1 a 2.8 con alcune modifiche delle condizioni: dimensioni collimatore, tempo di esposizione di raggi X per misure preparatorie e misurazioni regolari, e angoli di esposizione ai raggi X: Ohm, χ, e φ, e il numero di fotogrammi , per i singoli cristalli di sali organici: TPAA- n Bu- t Bu, TPAA- n BU <em> t Am, TPAA-isoBu- t Bu, e TPAA-isoBu- t Am a rivelare le loro strutture cristalline.
  10. Recuperare strutture cristalline di sali organici: TPAA- n Bu (refcode: MIBTOH) 22, TPAA-isoBu (refcode: GIVFEX) 24, e TPAA- t Bu (refcode: GIVFIB) 23, da Cambridge Database strutturale 42 utilizzando un software, conquista 43, o di una richiesta di modulo 44.
  11. Indagare i cluster supramolecolari nelle strutture cristalline di computer grafica utilizzando software come Mercury 45-48 e PyMOL 49; Determinare simmetrie gruppo punto di modelli idrogeno legame nei cluster supramolecolari confrontando i modelli ottenuti con quelli precedentemente classificati (Figura 1b) e conformazioni chirali dei gruppi tritile come Λ o Δ (Figura 1a).
  12. Caratterizzare caratteristiche poliedrici dei cluster supramolecolari in ciascuna delle strutture cristallinedei sali organici.
    1. Eliminare tutti gli atomi nel cluster supramolecolari eccezione di carbonio e di azoto atomi degli anioni componente carbossilati e cationi ammonio.
    2. Rendere legami tra gli atomi di carbonio e di azoto cui carbossilati originale e ammonio cationi sono collegati da legami idrogeno.
    3. Misurare le distanze tra carbonio-carbonio e atomi di azoto di azoto, e limiti definiti per la preparazione di ulteriori obbligazioni (5.3 e 4.1 Å per il carbonio-carbonio e azoto-azoto distanze, rispettivamente, in questo studio).
    4. Effettuare ulteriori legami tra carbonio-carbonio e atomi di azoto di azoto, di cui le distanze sono meno di 5.4 e 4.2 Å, rispettivamente.
    5. Determinare i poliedri risultanti dei sali organici: TPAA-isoBu, TPAA- t Bu, TPAA- t Am, TPAA-isoBu- t Bu, e TPAA-isoBu- t Am, come trans ottaedro -bicapped (t bo), dodecaedro triangolare (td), td, td, e TD rispettivamente da considering asse di rotazione (C 3 oppure C 2), così come il numero di lati dei poliedri.
    6. Fare obbligazioni aggiuntive per i poliedri risultanti dei sali organici: TPAA- n Bu, TPAA- n Bu- t Bu, e TPAA- n Bu- t Am, prendendo in considerazione il numero di lati, elementi di simmetria, e le interazioni intermolecolari nei cluster supramolecolari perché hanno meno parti rispetto a quelli ideali: TD, t bo, e antiprisma quadrato (sa).
    7. Determinare il poliedro del sale TPAA- n Bu come sa, facendo due legami aggiunta a causa della sua simmetria C 2 e 14 titoli originali. Determinare gli altri poliedri dei sali organici TPAA- n Bu- t Bu e TPAA- n Bu- t Am come TD in base alla loro simmetria C 2 e le "bande" dei gruppi trityl di tutto il gruppo supramolecolare. Vale a dire, i gruppi tritile nei cluster supramolecolari dei sali organici ternarie formano4; bande "di intermeshing loro tre anelli fenilici e il td poliedro ha lati che collegano quattro acidi (Figura 1c (ii)), nel senso che hanno caratteristiche strutturali simili.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Representative Results

formazione sale organico di TPAA e primarie ammine sono stati confermati da misurazioni FT-IR. strutture cristalline di sali organici sono stati analizzati da misure cristallo singolo di raggi X diffrazione. Come risultato, gli stessi tipi di cluster sopramolecolari, che sono composti da quattro ammoni e quattro triphenylacetates di legami idrogeno carica-assistita (Figura 1a), sono stati confermati in tutti i singoli cristalli di sali organici indipendentemente tipi e numeri di le ammoni componenti (Tabella 1, Figura 2). Questo risultato è applicabile allo studio simmetrica sistematico per chiarire varietà simmetriche componente-dipendente dei cluster supramolecolari.

Secondo gli studi simmetriche sistematiche sui cluster supramolecolari, si è constatato che chiralità e poliedrici caratteristiche dei cluster supramolecolari (figura 1b 1c) dipendono dal tipo e numero dei ammonio primari componenti. Il cluster supramolecolare binaria di TPAA- n Bu ha un achirale D 2 di rete D-idrogeno legame dal punto di vista topologico. Il D 2 d è un simbolo della notazione Schönflies e indica che ci sono tre assi duplici che sono perpendicolari fra loro e due piani speculari verticali che passano tra due assi duplici. Nel cluster supramolecolare, i suoi componenti sono disposti in modo antiprisma quadrato (sa) con due piega-assi di rotazione o C 2 simmetria (figura 3a). Questa caratteristica poliedrica è chiarita sostituendo molecole componenti con atomi rappresentativi: atomi di carbonio dei anioni carbossilati e gli atomi di azoto dei cationi ammonio, e facendo nuove connessioni tra carbonio-carbonio, carbonio-azoto e atomi di azoto azoto secondasulle distanze degli atomi. Il cluster supramolecolare ha racemi, Λ: Δ = 2: 2, gruppi trityl. I grappoli supramolecolari binari di TPAA- t Bu e TPAA- t Am, che hanno le reti S 4 di idrogeno-legame achirali, hanno anche racemiche, Λ: Δ = 2: 2, gruppi trityl (Figura 3C e 3D). In questi casi, i loro componenti sono disposti in dodecaedro triangolare maniere (td) che hanno C 2 simmetria secondo la stessa analisi con il caso del cluster supramolecolare TPAA- n Bu. Contrariamente a questi casi, il cluster supramolecolare binaria TPAA-isoBu ha un achirale C S rete di idrogeno-bonding, che non ha un asse di rotazione duplice ma pseudo-triplice asse di rotazione (figura 3b). Questa simmetria risultati in gruppi trityl chirali come Λ: Δ = 1: 3 (e viceversa). Vale a dire, quando il gruppo trityl con Λ conformazioneè sull'asse di rotazione pseudo-triplice, gli altri gruppi tritile con Δ conformazione sono attorno all'asse (e viceversa). Inoltre, la disposizione molecolare del cluster supramolecolare appartiene ad un ottaedro trans -bicapped (t bo) modalità con un asse di rotazione triplice, o C 3 simmetria. Da queste indagini, si può dire che se la rete di idrogeno-legame (o poliedro) ha C 2 o (pseudo) C 3 simmetria, i gruppi trityl preferiscono formare Λ racemica: Δ = 2: 2, o chirale Λ : Δ = 1: 3 (e viceversa) conformazioni, rispettivamente nel cluster supramolecolare binario.

Contrariamente al caso dei cluster supramolecolari binari, ternari i grappoli supramolecolari di TPAA- n Bu- t Bu, TPAA- n Bu- t Am, TPAA-isoBu- t Bu, e TPAA-isoBu- t Am, che hannoC 2 / C 2 ', D 2 d, D 2 D, e D 2 D reti idrogeno-legame, rispettivamente, hanno caratteristiche diverse (Figura 4). Tutti loro hanno due-fold assi di rotazione, o C 2 simmetrie, nella rete di idrogeno-legame, ma i gruppi trityl avere chiralità come Λ: Δ = 0: 4 (e viceversa). Questo risultato indica che l'introduzione del terzo componente porta alla riduzione simmetria nei cluster supramolecolari, dimostrando l'utilità dei sali organici per indurre chiralità. Va notato che chiralità dei gruppi tritile sono utilizzati in colonne chirali 33,34. Ulteriori indagini sui cluster sopramolecolari ternarie rivelato che i gruppi tritile stati intermeshed reciprocamente cluster supramolecolari (Figura 5). Questo InterMESH potrebbe essere uno dei principaliFattore di forma Λ chirale: Δ = 0: 4 (e viceversa) conformazioni consegnando chiralità uno del gruppo tritile agli altri. Questa connettività tra quattro anioni TPAA sono simili con una caratteristica strutturale del td (figura 5b), e quindi i poliedri dei cluster sopramolecolari ternarie sono facilmente determinato come td dalla combinazione del stessa analisi con il caso del cluster supramolecolare binario.

Figura 1
Figura 1: Caratteristiche dei cluster supramolecolari-legami idrogeno (a) La formazione dei cluster supramolecolari-legami idrogeno.. strutture chimiche di (i) triphenylacetates con chirali conformazioni trityl: sinistra (lambda) e la mano destra (Δ), e (ii) ammonio primari impiegati in questo studio. (B) la classificazione topologica dell'idrogeno-bondingreti di cluster supramolecolari. simmetrie gruppo di punti sono descritti da Schönflies notazione. (C) le modalità Polyhedral: (i) cubo regolare (rc) (ii) triangolare dodecaedro (TD) (iii) trans ottaedro -bicapped (t bo), e (iv) antiprisma quadrato (sa). Questo dato è stato modificato e adattato con il permesso di Crisalide. . La crescita Des 15 (2), 658-665, doi: 10.1021 / cg5013445 (2015). Copyright (2015) American Chemical Society.

figura 2
Figura 2: Strutture di cluster supramolecolari Strutture di ammassi supramolecolari di (a) binari sali organici:. (I) TPAA- n Bu (ii) TPAA-isoBu (iii) TPAA- t Bu, e (iv) TPAA- t Am, e (b) ternari sali organici: (i) n TPAA- Bu- t Bu (ii) n TPAA- Bu- t Am (iii) TPAA-isoBu- tBu, e (iv) TPAA-isoBu- t Am. Tutti i cluster supramolecolari sono costruiti da coppie di ioni degli anioni TPAA ei cationi ammonio primari. I legami idrogeno sono rappresentati in azzurro con linee tratteggiate. Questo dato è stato modificato e adattato con il permesso di Crisalide. . La crescita Des 15 (2), 658-665, doi: 10.1021 / cg5013445 (2015). Copyright (2015) American Chemical Society.

Figura 3
Figura 3:. Polyhedral grappoli supramolecolari di sali organici binari Strutture di poliedriche cluster supramolecolari di sali organici binari (a) TPAA- n Bu (SA) (b) TPAA-isoBu (t bo) (c) TPAA- t Bu (TD) e (d) TPAA- t Am (TD). (I) La struttura piena del cluster supramolecolare e (ii) Disposizione poliedrica dei componenti, che è rappresentato da atomi di carbonio dei gruppi carbossilato eatomi di azoto dei gruppi di ammonio, del cluster supramolecolare. gruppi trityl con conformazioni lambda o delta sono colorati in rosa chiaro o azzurro, rispettivamente. Un simbolo 'C 2 *' significa che l'asse di rotazione è duplice simmetria pseudo. Ammonio sono colorati in verde. Gli atomi di idrogeno sono omessi per chiarezza. Questo dato è stato modificato e adattato con il permesso di Crisalide. . La crescita Des 15 (2), 658-665, doi: 10.1021 / cg5013445 (2015). Copyright (2015) American Chemical Society.

Figura 4
Figura 4:. Polyhedral grappoli supramolecolari di sali organici ternari Strutture di poliedriche cluster supramolecolari di sali organici ternari (a) TPAA- n Bu- t Bu (TD) (b) TPAA- n Bu- t Am (TD) (c) TPAA -isoBu- t Bu (TD), e (d) TPAA-isoBu- t Am (TD).(I) La struttura piena del cluster supramolecolare e (ii) Disposizione poliedrica dei componenti, che è rappresentato da atomi di carbonio dei anioni carbossilati e gli atomi di azoto dei cationi ammonio, nel cluster supramolecolare. gruppi trityl con conformazioni lambda o delta sono colorati in rosa chiaro o azzurro, rispettivamente. Ammonio sono colorati in verde per n Bu e isoBu e arancione per t Bu e t Am. Gli atomi di idrogeno sono omessi per chiarezza. Questo dato è stato modificato e adattato con il permesso di Crisalide. . La crescita Des 15 (2), 658-665, doi: 10.1021 / cg5013445 (2015). Copyright (2015) American Chemical Society.

Figura 5
Figura 5: Disposizioni di gruppi trityl nei cluster supramolecolari ternari (TPAA-isoBu- t Am) maniere di inte.rmesh tra due dei quattro gruppi tritile (numerate da 1 a 4): (i) 1 e 2, (ii) 2 e 3, (iii) 3 e 4, e (iv) 4 e 1. (b) Rappresentazione schematica di una struttura 'banda' composto dai gruppi tritile compenetranti e che in un dodecaedro triangolare. I gruppi trityl con Δ conformazione sono colorati in azzurro. I ammoni: isoBu e t Am, sono colorati in verde e arancione, rispettivamente. Questo dato è stato modificato e adattato con il permesso di Crisalide. . La crescita Des 15 (2), 658-665, doi: 10.1021 / cg5013445 (2015). Copyright (2015) American Chemical Society.

D 2 d
Entries Topologia trityl chiralità Poliedro Ref. codice o CCDC no.
TPAA- n Bu Λ: Δ = 2: 2 SA MIBTOH [a]
TPAA-isoBu C S Λ: Δ = 1: 3
Λ: Δ = 3: 1
t bo GIVFEX [b]
TPAA- t Bu S 4 Λ: Δ = 2: 2 TD GIVFIB [c]
TPAA- t Am S 4 Λ: Δ = 2: 2 TD 973.395 [d]
TPAA- n Bu- t Bu C 2 / C 2 ' Λ: Δ = 4: 0
Λ: Δ = 0: 4
TD 973.399 [d]
TPAA- n Bu- t Am D 2 d Λ: Δ = 4: 0
Λ: Δ = 0: 4
TD 973.398 [d]
TPAA-isoBu- t Bu D 2 d Λ: Δ = 4: 0
Λ: Δ = 0: 4
TD 973.397 [d]
TPAA-isoBu- t Am D 2 d Λ: Δ = 4: 0
Λ: Δ = 0: 4
TD 973.396 [d]

Tabella 1: Caratteristiche dei cluster supramolecolari [a] - [D]:. Vedere arbitri. 22, 24, 23 e 25, rispettivamente. Questa tabella è stato modificato e adattato con il permesso di Crisalide. Des crescita.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Discussion

Una serie di cluster supramolecolari con reti idrogeno-legame chiusi stato costruito con successo e caratterizzato da punti di vista di chiralità e caratteristiche poliedrici utilizzando sali organici di TPAA, che ha un gruppo tritile, e vari tipi e combinazioni di ammine primarie. In questo metodo, i punti critici sono introduzione di una molecola con un gruppo tritile ingombrante e ricristallizzazione dei sali organici, composti da ioni molecola e contatore di solventi non polari. Questo perché il cluster supramolecolare ha una struttura rovesciata micellare, cioè, legami idrogeno e idrocarburi ionici idrofobi sono dentro e fuori, rispettivamente. Pertanto, il cluster supramolecolare è stabile ed è costruito in modo selettivo in ambienti non polari.

Sebbene il cluster supramolecolare ha sempre quattro ammonio e quattro triphenylacetates, è possibile introdurre due tipi di ammonio e una specie di ammonio, dando supramolecular cluster varietà formando cluster supramolecolari ternari in aggiunta a quelli binari. Questa flessibilità nel formare i cluster sopramolecolari conduce efficaci studi simmetriche sistematici per chiarire la dipendenza non solo tipi, ma anche il numero di componenti e suggerisce un potenziale per raggiungere multi-funzionalizzazione dei cluster supramolecolari. E 'inoltre degno di nota che i cristalli singoli di alta qualità dei sali organici sono facilmente reperibili, e quindi le loro strutture cristalline sono stati rivelati da sola analisi a raggi X di cristallo. Al contrario, solo alcune strutture di cluster acqua octameric, di cui reti di idrogeno-legame simili a quelli dei cluster supramolecolari e la loro topologia è stato classificato teoricamente 13, sono stati confermati sperimentalmente 50,51. Questo vantaggio è attribuibile a fatti che gli ammassi supramolecolari sono stabili a causa di robusti legami idrogeno carica-assistita e sono confezionate in modo efficace in stati cristallinia causa delle loro forme cubici.

Un metodo che utilizza sali organici è uno degli approcci più utili per realizzare la previsione e / o il controllo di strutture supramolecolari e cristalline base di studi sistematici. In questo studio, si è dimostrato che l'introduzione di tritile gruppi risultati nella costruzione selettiva dei cluster supramolecolari. I grappoli supramolecolari con specifiche proprietà simmetriche possono essere costruiti dopo il chiarimento delle loro contatore caratteristiche simmetriche ioni-dipendente. Ad esempio, si segnala che i cluster supramolecolari costituiti da solfonati triphenylmethylammonium costruire sali organici porosi diamondoide 52. I risultati ottenuti in questo studio mostrano una possibilità di controllare la costruzione del diamondoide e altri tipi sconosciuti di strutture porose di componenti mutevoli. Inoltre, l'introduzione di un altro frazioni specifici (ad esempio lunghe catene alchiliche lineari) può portare alla costruzione di altre supramolecole unici(Ad esempio strati supramolecolari) 29-31. Sistematica studi simmetriche su queste supramolecole possono contribuire a raggiungere il controllo simmetria basata su componenti dei supramolecole e cristalli. Inoltre, anche se i cluster supramolecolari composti carbossilati e ammoni sono limitati a gruppi con otto componenti: quattro ammonio e quattro carbossilati, è possibile sintonizzare i numeri componente utilizzando acidi fosfonici invece di acidi carbossilici. Questo perché gli acidi fosfonici hanno due protoni acidi, e quindi possono formare reti idrogeno-legame più vario di acidi carbossilici, che hanno solo un protone acido. Scoperte e sistematici studi simmetriche di ulteriori nuovi e funzionali cluster supramolecolari porteranno un futuro eccitante in scienze dei materiali e ingegneria di cristallo.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Materials

Name Company Catalog Number Comments
Triphenylacetic acid Aldrich T81205-10G
n-Butylamine TCI B0707
Isobutylamine TCI I0095
tert-Butylamine TCI B0709
tert-Amylamine TCI A1002
Methanol Wako 131-01826 hazardous substance
Toluene Wako 204-01866 hazardous substance
Hexane Wako 085-00416
KBr Wako 165-17111

DOWNLOAD MATERIALS LIST

References

  1. Lehn, J. -M. Supramolecular Chemistry. Wiley-VCH. (1995).
  2. Lehn, J. -M. Perspectives in Supramolecular Chemistry-From Molecular Recognition towards Molecular Information Processing and Self-Organization. Angew. Chem. Int. Ed. Engl. 29, (11), 1304-1319 (1990).
  3. Lehn, J. -M. From Supramolecular Chemistry towards Constitutional Dynamic Chemistry and Adaptive Chemistry. Chem. Soc. Rev. 36, (2), 151-160 (2007).
  4. Fabbrizzi, L., Poggi, A. Sensors and Switches from Supramolecular Chemistry. Chem. Soc. Rev. 24, (3), 197-202 (1995).
  5. Zeng, F., Zimmerman, S. C. Dendrimers in Supramolecular Chemistry: From Molecular Recognition to Self-Assembly. Chem. Rev. 97, (5), 1681-1712 (1997).
  6. Joseph, R., Rao, C. P. Ion and Molecular Recognition by Lower Rim 1,3-Di-conjugates of Calix[4]arene as Receptors. Chem. Rev. 111, (8), 4658-4702 (2011).
  7. Kinbara, K., Hashimoto, Y., Sukegawa, M., Nohira, H., Saigo, K. Crystal Structures of the Salts of Chiral Primary Amines with Achiral Carboxylic Acids: Recognition of the Commonly-Occurring Supramolecular Assemblies of Hydrogen-Bond Networks and Their Role in the Formation of Conglomerates. J. Am. Chem. Soc. 118, (14), 3441-3449 (1996).
  8. Tamura, R., et al. Mechanism of Preferential Enrichment, an Unusual Enantiomeric Resolution Phenomenon Caused by Polymorphic Transition during Crystallization of Mixed Crystals Composed of Two Enantiomers. J. Am. Chem. Soc. 124, (44), 13139-13153 (2002).
  9. Megumi, K., Arif, F. N. B. M., Matumoto, S., Akazome, M. Design and Evaluation of Salts between N-Trityl Amino Acid and tert-Butylamine as Inclusion Crystals of Alcohols. Cryst. Growth Des. 12, (11), 5680-5685 (2012).
  10. Davey, R. J., et al. Racemic Compound Versus Conglomerate: Concerning the Crystal Chemistry of the Triazoylketone, 1-(4-chlorophenyl)-4,4-dimethyl-2-(1 H-1,2,4-triazol-1-yl)pentan-3-one. CrystEngComm. 16, (21), 4377-4381 (2014).
  11. Iwama, S., et al. Highly Efficient Chiral Resolution of DL-Arginine by Cocrystal Formation Followed by Recrystallization under Preferential-Enrichment Conditions. Chem. Eur. J. 20, (33), 10343-10350 (2014).
  12. Connelly, N. G., Damhus, T., Hartshorn, R. M., Hutton, A. T. Nomenclature of Inorganic Chemistry − IUPAC Recommendations 2005. RSC Publishing. Cambridge, U.K. (2005).
  13. McDonald, S., Ojamäe, L., Singer, S. J. Graph Theoretical Generation and Analysis of Hydrogen-Bonded Structures with Applications to the Neutral and Protonated Water Cube and Dodecahedral Cluster. J. Phys. Chem. A. 102, (17), 2824-2832 (1998).
  14. Xantheas, S. S., Dunning, T. H. Jr Ab initio. Studies of Cyclic Water Cluster (H2O)n, n = 1-6. I. Optimal Structures and Vibrational Spectra. J. Chem. Phys. 99, (11), 8774-8792 (1993).
  15. MacGillivray, L. R., Atwood, J. L. A chiral spherical molecular assembly held together by 60 hydrogen bonds. Nature. 389, (6650), 469-472 (1997).
  16. Liu, Y., Hu, A., Comotti, A., Ward, M. D. Supramolecular Archimedean Cages Assembled with 72 Hydrogen Bonds. Science. 333, (6041), 436-440 (2011).
  17. Mautner, M. The Ionic Hydrogen Bond. Chem. Rev. 105, (1), 213-284 (2005).
  18. Ward, M. D. Charge-Assisted Hydrogen-Bonded Networks. Struct. Bond. 132, 1-23 (2009).
  19. Holman, K. T., Pivovar, A. M., Ward, M. D. Engineering Crystal Symmetry and Polar Order in Molecular Host Frameworks. Science. 294, (5548), 1907-1911 (2001).
  20. Ward, M. D. Design of Crystalline Molecular Networks with Charge-Assisted Hydrogen Bonds. Chem. Commun. 47, 5838-5842 (2005).
  21. Tohnai, N., et al. Well-Designed Supramolecular Clusters Comprising Triphenylmethylamine and Various Sulfonic Acids. Angew. Chem. Int. Ed. 46, (13), 2220-2223 (2007).
  22. Yuge, T., Tohnai, N., Fukuda, T., Hisaki, I., Miyata, M. Topological Study of Pseudo-Cubic Hydrogen-Bond Networks in a Binary System Composed of Primary Ammonium Carboxylates: An Analogue of an Ice Cube. Chem. Eur. J. 13, (15), 4163-4168 (2007).
  23. Sada, K., et al. Well-defined Ion-pair Clusters of Alkyl- and Dialkylammonium Salts of a Sterically-Hindered Carboxylic Acid. Implication for Hydrogen-bonded Lys Salt Bridges. Chem. Lett. 33, (2), 160-161 (2004).
  24. Yuge, T., Hisaki, I., Miyata, M., Tohnai, N. Guest-Induced Topological Polymorphism of Pseudo-Cubic Hydrogen Bond Networks-Robust and Adaptable Supramolecular Synthon. CrystEngComm. 10, (3), 263-266 (2008).
  25. Sasaki, T., et al. Chirality Generation in Supramolecular Clusters: Analogues of Octacoordinated Polyhedrons. Cryst. Growth Des. 15, (2), 658-665 (2015).
  26. Hisaki, I., Sasaki, T., Tohnai, N., Miyata, M. Supramolecular-Tilt-Chirality on Twofold Helical Assemblies. Chem. Eur. J. 18, (33), 10066-10073 (2012).
  27. Sasaki, T., Hisaki, I., Tsuzuki, S., Tohnai, N., Miyata, M. Halogen Bond Effect on Bundling of Hydrogen Bonded 2-Fold Helical Columns. CrystEngComm. 14, (18), 5749-5752 (2012).
  28. Yuge, T., Sakai, T., Kai, N., Hisaki, I., Miyata, M., Tohnai, N. Topological Classification and Supramolecular Chirality of 21-Helical Ladder-Type Hydrogen-Bond Networks Composed of Primary Ammonium Carboxylates: Bundle Control in 21-Helical Assemblies. Chem. Eur. J. 14, (10), 2984-2993 (2008).
  29. Sada, K., et al. Organic Layered Crystals with Adjustable Interlayer Distances of 1-Naphthylmethylammonium n-Alkanoates and Isomerism of Hydrogen-Bond Networks by Steric Dimension. J. Am. Chem. Soc. 126, (6), 1764-1771 (2004).
  30. Tanaka, A., et al. Supramolecular Chirality in Layered Crystals of Achiral Ammonium Salts and Fatty Acids: A Hierarchical Interpretation. Angew. Chem. Int. Ed. 45, (25), 4142-4145 (2006).
  31. Sada, K., et al. Multicomponent Organic Alloys Based on Organic Layered Crystals. Angew. Chem. Int. Ed. 44, (43), 7059-7062 (2005).
  32. Sasaki, T., et al. Characterization of Supramolecular Hidden Chirality of Hydrogen-Bonded Networks by Advanced Graph Set Analysis. Chem. Eur. J. 20, (9), 2478-2487 (2014).
  33. Okamoto, Y., Honda, S., Yashima, E., Yuki, H. Complete Chromatographic Resolution of Tris(acetylacetonato)cobalt(III) and Chromium(III) on an Optically Active Poly(triphenylmethyl methacrylate) Column. Chem. Lett. 12, (8), 1221-1224 (1983).
  34. Nakano, T., Okamoto, Y. Synthetic Helical Polymers: Conformation and Function. Chem. Rev. 101, (12), 4013-4038 (2001).
  35. Chalmers, J. M., Griffiths, P. R. Handbook of Vibrational Spectroscopy. Wiley. (2002).
  36. Griffiths, P. R., Delaseth, J. A. Fourier Transform Infrared Spectrometry. 2nd ed, John Wiley & Sons, Inc. (2007).
  37. Stout, G. H., Jensen, L. H. X-Ray Structure Determination: A Practical Guide. Wiley-Interscience. 2nd ed, (1989).
  38. Massa, W. Crystal Structure Determination. Springer. (2004).
  39. Burla, M. C., et al. SIR2004: an Improved Tool for Crystal Structure Determination and Refinement. J. Appl. Cryst. 32, (2), 115-119 (2005).
  40. Sheldrick, G. M. A Short History of SHELX. Acta Cryst. A. 64, (1), 112-122 (2008).
  41. Rigaku. CrystalStructure 3.8: Crystal Structure Analysis Package. The Woodlands, TX, USA. (2007).
  42. Allen, F. H. The Cambridge Structural Database: A Quarter of a Million Crystal Structures and Rising. Acta Cryst. B: Structural Science. 58, (3), 380-388 (2002).
  43. Bruno, I. J., et al. New Software for Searching the Cambridge Structural Database and Visualising Crystal Structures. Acta Cryst. B: Structural Science. 58, (3), 389-397 (2002).
  44. Cambridge Crystallographic Data Centre. Cambridge Strucural Database Access From. Available from: https://summary.ccdc.cam.ac.uk/structure-summary-form (2015).
  45. Macrae, C. F. Mercury CSD 2.0 - New Features for the Visualization and Investigation of Crystal Structures. J. Appl. Cryst. 41, (2), 466-470 (2008).
  46. Macrae, C. F. Mercury: Visualization and Analysis of Crystal Structures. J. Appl. Cryst. 39, (3), 453-457 (2006).
  47. Bruno, I. J. New Software for Searching the Cambridge Structural Database and Visualising Crystal Structures. Acta Cryst. B. 58, (3), 389-397 (2002).
  48. Taylor, R., Macrae, C. F. Rules Governing the Crystal Packing of Mono- and Di-alcohols. Acta Cryst. B. 57, (6), 815-827 (2001).
  49. Schrödinger, L. L. C. The PyMOL Molecular Graphics System, Version 1.7.1.6. (2015).
  50. Gruenloh, C. J., Carney, J. R., Arrington, C. A., Zwier, T. S., Fredericks, S. Y., Jordan, K. D. Infrared Spectrum of a Molecular Ice Cube: The S4 and D2d Water Octamers in Benzene-(Water)8. Science. 276, (5319), 1678-1681 (1997).
  51. Blanton, W. B., et al. Synthesis and Crystallographic Characterization of an Octameric Water Complex (H2O)8. J. Am. Chem. Soc. 121, (14), 3551-3552 (1999).
  52. Yamamoto, A., et al. Diamondoid Porous Organic Salts toward Applicable Strategy for Construction of Versatile Porous Structures. Cryst. Growth Des. 12, (9), 4600-4606 (2012).

Comments

0 Comments


    Post a Question / Comment / Request

    You must be signed in to post a comment. Please or create an account.

    Usage Statistics