Proprietà elettroattivo Polymer Nanoparticelle Esporre fototermiche

1Materials Science, Engineering, and Commercialization Program, Texas State University, 2Department of Chemistry and Biochemistry, Texas State University, 3Department of Biomedical Engineering, The University of Texas at Austin
Published 1/08/2016
0 Comments
  CITE THIS  SHARE 
Engineering

You must be subscribed to JoVE to access this content.

Fill out the form below to receive a free trial:

Welcome!

Enter your email below to get your free 10 minute trial to JoVE!





By clicking "Submit," you agree to our policies.

 

Summary

Cite this Article

Copy Citation

Cantu, T., Rodier, B., Iszard, Z., Kilian, A., Pattani, V., Walsh, K., et al. Electroactive Polymer Nanoparticles Exhibiting Photothermal Properties. J. Vis. Exp. (107), e53631, doi:10.3791/53631 (2016).

Please note that all translations are automatically generated through Google Translate.

Click here for the english version. For other languages click here.

Abstract

Introduction

Polimeri elettroattivi modificano le loro proprietà (colore, conducibilità, reattività, volumi, ecc) in presenza di un campo elettrico. I tempi di commutazione rapidi, tunability, durata e caratteristiche di leggerezza dei polimeri elettroattivi hanno portato a numerose applicazioni proposte, compresa l'energia alternativa, i sensori, Electrochromics e dispositivi biomedici. Polimeri elettroattivi sono potenzialmente utili come flessibili, leggeri batteria e condensatore elettrodi. 1 Applicazioni di polimeri elettroattivi in dispositivi elettrocromici includono i sistemi di riduzione del riverbero per edifici e automobili, occhiali da sole, occhiali protettivi, dispositivi di archiviazione ottica e tessuti intelligenti. 2-5 finestre intelligenti possono ridurre il fabbisogno energetico bloccando specifiche lunghezze d'onda della luce on-demand e la protezione interni di case e automobili. Tessuti intelligenti possono essere utilizzati in abbigliamento per aiutare a proteggere contro le radiazioni UV. 6 polimeri elettroattivi hanno also iniziato ad essere utilizzato in dispositivi medici. Tra i polimeri elettroattivi utilizzati nei dispositivi biomedici, polipirrolo (PpY), polianilina (PANI), e poli (3,4-ethylenedioxythiophene) (PEDOT) sono tra i più comuni. Ad esempio, questi tipi di polimeri sono comunemente usati come trasduttori a dispositivi biosensori 7 Applicazioni in consegna terapeutico hanno mostrato risultati promettenti.; Studi hanno dimostrato il rilascio di farmaci e proteine ​​terapeutiche da dispositivi preparati polimeri elettroattivi. 8-12 Più recentemente, i polimeri elettroattivi sono stati utilizzati come agenti terapeutici nella terapia fototermica. 13-15 Nella terapia fototermica, agenti fototermiche devono assorbire la luce nel prossimo -Infrared (NIR) regione (~ 700-900 nm), noto anche come la finestra terapeutica, dove la luce ha la profondità massima di penetrazione nei tessuti, tipicamente fino a 1 cm. 16,17 In questa gamma, cromofori biologici come emoglobina , emoglobina ossigenata, lipidi, e l'acqua hanno poco-a-noassorbanza, che permette alla luce di penetrare facilmente. Quando gli agenti fototermiche assorbono la luce in questa finestra terapeutica, il photoenergy viene convertita in energia fototermica.

Irvin e collaboratori hanno già riportato alcossi-sostituito bis-Edot monomeri benzene che sono stati sintetizzati mediante accoppiamento Negishi. 18 accoppiamento Negishi è un metodo preferito per la formazione di legami carbonio-carbonio. Questo processo ha molti vantaggi, compreso l'uso di intermedi organozinco, che sono meno tossici e tendono ad avere una maggiore reattività rispetto ad altri composti organometallici utilizzati. 19,20 composti organozinco sono compatibili con una vasta gamma di gruppi funzionali sulle alogenuri organici. 20 Nel reazione di accoppiamento Negishi, un organohalide e organometallico sono accoppiati tramite l'uso di palladio (0) catalizzatore. 20 Nel lavoro qui presentato, questo metodo di accoppiamento incrociato è utilizzato nella sintesi di 1,4-dialcossi-2,5-bis ( 3,4-ethylenedioxythienyl) benzeNE (BEDOT-B (OR) 2) monomeri. Questi monomeri possono essere facilmente polimerizzati elettrochimicamente o chimicamente per produrre polimeri che sono candidati promettenti per applicazioni biomediche.

I metodi convenzionali per la preparazione di sospensioni colloidali polimeriche in soluzione acquosa per applicazioni biomediche tipicamente coinvolgono la dissoluzione dei polimeri sfusi seguita da nanoprecipitation o emulsione solvente tecniche di evaporazione. 21,22 Per produrre nanoparticelle di poli (BEDOT-B (OR) 2) , un approccio bottom-up è dimostrato qui dove sono sintetizzate le NP via in situ polimerizzazione in emulsione. Polimerizzazione in emulsione è un processo che è facilmente scalabile ed è un metodo relativamente veloce per la preparazione NP. 22 Studi con polimerizzazione in emulsione per produrre nanoparticelle di polimeri elettroattivi altri sono stati riportati per PpY e PEDOT. 15,23,24 PEDOT NP, per esempio, è stato redatto utilizzando emulsione a spruzzo polymerization. 24 Questo metodo è difficile da riprodurre, e produce in genere, le particelle di micron di dimensioni più grandi. Il protocollo descritto in questo articolo esplora l'uso di un metodo drop-sonicazione per preparare riproducibile 100 nm NP polimeriche.

In questo protocollo, i polimeri elettroattivi su misura per assorbire la luce nella regione NIR simile a poli riportato in precedenza (BEDOT-B (OR) 2) sono sintetizzati e caratterizzati per dimostrare il loro potenziale in dispositivi elettrocromici e come agenti PTT. In primo luogo, il protocollo per la sintesi dei monomeri mediante accoppiamento Negishi è descritto. I monomeri sono caratterizzati usando spettroscopia NMR e UV-Vis-NIR. La preparazione di sospensioni colloidali NP via ossidativa emulsione polimerizzazione in ambiente acquoso è anche descritto. La procedura si basa su un processo di polimerizzazione in emulsione a due fasi precedentemente descritto da Han et al. Che viene applicato ai vari monomeri. Un sistema a due tensioattivo èutilizzato per controllare il monodispersity NP. Un test vitalità cellulare viene utilizzato per valutare citocompatibilità delle NP. Infine, il potenziale di questi NP per agire come trasduttori PTT è dimostrata mediante irraggiamento con un laser NIR.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Protocol

Attenzione: Si prega di consultare tutte le pertinenti Schede di Sicurezza (SDS) prima dell'uso. Molti dei reagenti utilizzati in queste sintesi sono potenzialmente pericolosi. Si prega di utilizzare tutte le pratiche di sicurezza, inclusa dispositivi di protezione individuale (occhiali, guanti, camice, pantaloni lunghi e scarpe chiuse), ed eseguire sintesi nelle cappe di aspirazione. Litiazione è particolarmente pericoloso e deve essere effettuata solo da persone adeguatamente addestrato con supervisione.

1. monomero Sintesi

Nota: La figura 1 mostra il percorso chimico per la preparazione di precursori e monomeri cui sintesi è descritta nelle sezioni 1.2 - 1.5.

  1. Materiali
    1. Purificare EDOT come descritto in precedenza. 25
    2. Ricristallizzare tetrabutilammonio perclorato di ammonio (TBAP) da acetato di etile e secco sotto vuoto per 24 ore. Titolare n-butillitio (nBuLi, 2.5 M in esano), come descritto da Hoye et al.
    3. Solfato di magnesio e carbonato di potassio secco a 100 ° C per 24 ore prima dell'uso. Utilizzare tutte le altre sostanze chimiche usate in questo protocollo come ricevuto.
  2. Sintesi di 1,4-Dialkoxybenzenes
    Nota: La figura 1A mostra la preparazione di 1,4-dihexyloxybenzene utilizzando 1-bromohexane.
    1. Equipaggiare un tre colli pallone a fondo rotondo essiccato con un setto, un adattatore di ingresso argon, e un condensatore dotato di un adattatore per presa gas collegato ad un gorgogliatore. Aggiungi un ancoretta al pallone prima della sigillatura.
    2. Collegare l'adattatore di ingresso di una linea Schlenk utilizzando poli (cloruro di vinile) (PVC) tubo e spurgare il pallone a fondo tondo con argon.
    3. Aggiungere 12,5 g (113,5 mmoli) di idrochinone nel pallone a fondo tondo e scioglierlo in 20 ml di tetraidrofurano anidro (THF) sotto agitazione.
    4. Separatamente, si sciolgono 14 g (250 mmoli) di KOH in 30 ml di etanolo in un singolo collopallone a fondo tondo e mescolare fino a scioglimento.
    5. Una volta sciolto, aggiungere lentamente la soluzione di KOH a tre colli il pallone fondo con una siringa. Lasciare il composto a mescolare per 1 ora.
    6. Dopo 1 ora, aggiungere 250 mmoli di 1-bromoalcano alla miscela di reazione.
    7. Riscaldare la miscela di reazione a riflusso per 24 ore con agitazione sotto argon.
    8. Dopo 24 ore, lasciare la miscela di reazione a raffreddare a RT e aggiungere 15 ml di acqua deionizzata e 10 ml di diclorometano.
    9. Trasferire il composto in un imbuto separatore. Isolare lo strato organico e lavarlo tre volte con 10 ml di acqua deionizzata.
    10. Essiccare lo strato organico su 15 g di MgSO4 per 15 min.
    11. Rimuovere il MgSO 4 attraverso la filtrazione vuoto attraverso carta da filtro.
    12. Eliminare il solvente dalla soluzione filtrata con un evaporatore rotante a 50 ° C e 21 kPa per produrre 1,4-dialkoxybenzene come grezzo solido bianco.
    13. Ricristallizzare il prodotto grezzo aggiungendo sufficiente etanolo caldoSciogliere il prodotto. Una volta disciolto, collocare in un bagno di ghiaccio per indurre la cristallizzazione.
    14. Raccogli i cristalli tramite filtrazione vuoto attraverso carta da filtro e lavare con etanolo freddo.
    15. Asciugare i cristalli sotto vuoto per 24 ore a temperatura ambiente e memorizzarli sotto argon fino a nuovo uso. Questa procedura produce 1,4-dihexyloxybenzene.
    16. Caratterizzare il prodotto con punto di fusione e 1 H e 13 spettroscopia NMR C. 27
  3. Sintesi di 1,4-Dialkoxybenzenes contenenti porzioni esteri
    Nota: la figura 1B mostra la via chimica per la preparazione di un 1,4-dialkoxybenzene usando etil-4-bromobutanoate.
    1. Equipaggiare un tre colli pallone a fondo rotondo essiccato con un setto, un adattatore di ingresso argon, e un condensatore dotato di un adattatore per presa di vetro collegato ad un gorgogliatore. Aggiungi un ancoretta al pallone prima della sigillatura.
    2. Collegare l'adattatore di alimentazione alla linea schlenk utilizzando tubi in PVC e spurgare con argon.
    3. Pesare 1,88 g (93,5 mmol) di KI e 15.69 g (93,3 mmol) di K 2 CO 3 e aggiungere al pallone a fondo tondo.
    4. Aggiungere 25 ml di anidra N, N -dimethylformamide (DMF) e mescolare fino a quando i sali si dissolvono.
    5. Una volta sciolto, aggiungere 2,5 g (18,7 mmol) di idrochinone alla miscela di reazione e lasciare che la reazione a mescolare fino alla dissoluzione.
    6. Quando tutti i solidi sono sciolte, aggiungere 46,8 mmol di alchil bromoalkanoate; scaldare la miscela di reazione a riflusso per 24 ore sotto argon con agitazione continua.
    7. Rimuovere la miscela di reazione da fuoco e lasciarla raffreddare a temperatura ambiente.
    8. Trasferire la miscela di reazione in un imbuto separatore e aggiungere acqua (20 ml) e acetato di etile (20 ml) per estrarre lo strato organico. Isolare lo strato organico e lavarlo tre volte con acqua (20 ml porzioni).
    9. Essiccare lo strato organico su 15 g di MgSO4 per 15 min. Una volta essiccato, rimuovere MgSO4 dalla miscela attraverso filtrazione vuoto attraverso filcarta ter.
    10. Eliminare il solvente mediante evaporatore rotante a 100 ° C e 21 kPa. Essiccare il prodotto grezzo sotto vuoto a RT O / N.
    11. Ricristallizzare il prodotto aggiungendo etanolo caldo appena sufficiente per sciogliere tutto il solido. Una volta sciolto, raffreddare il pallone in ghiaccio e permettono di cristalli di forma. Raccogliere il prodotto tramite filtrazione sotto vuoto e lavare con etanolo freddo.
    12. Essiccare i cristalli sotto vuoto a temperatura ambiente per 24 ore e memorizzare sotto argon fino a nuovo uso. Questa procedura produce 1,4-bis (butanoyloxy etile) benzene.
    13. Caratterizzare il prodotto con punto di fusione e 1 H e 13 spettroscopia NMR C. 28
  4. Sintesi di 1,4-dialcossi-2,5-dibromobenzenes
    Nota: La via chimica per la preparazione di 1,4-dialcossi-2,5-dibromobenzenes è mostrato in Figura 1A e 1B.
    1. Montare un, tre colli pallone a fondo rotondo secco di un ingresso di argon, un costante imbuto pressione ricoperto con untappo di vetro o setto, ed una uscita collegata al tubo di plastica dotato di un imbuto di vetro rovesciato sospesa su una soluzione 1 M NaOH.
    2. In questo pallone a fondo rotondo, sciogliere 218 mmol di 1,4-dialkoxybenzene in diclorometano (15 ml).
    3. Separatamente, aggiungere 12 ml (598 mmoli) di Br 2 in un pallone da 250 ml e diluire con diclorometano (12 ml).
    4. Trasferire la soluzione 2 / diclorometano Br alla costante imbuto pressione. Aggiungere la Br 2 soluzione goccia a goccia nel pallone a fondo tondo a tre colli con agitazione sotto argon in un arco di 2 ore.
    5. Dopo la completa aggiunta, lasciare che la reazione di mescolare O / N sotto flusso di argon continuo.
    6. Placare la reazione aggiungendo acqua deionizzata (20 ml), e versare il composto in un imbuto separatore.
    7. Isolare lo strato organico e lavare tre volte con acqua deionizzata (20 ml porzioni). Essiccare lo strato organico su 15 g di MgSO4 per 15 min.
    8. Rimuovere la MgSO 4 dafiltrazione sotto vuoto attraverso carta da filtro, e rimuovere il solvente mediante evaporatore rotante a 75 ° C e 21 kPa.
    9. Purificare grezzo 1,4-dialcossi-2,5-dibromobenzene aggiungendo etanolo caldo appena sufficiente per sciogliere tutto il solido. Una volta sciolto, raffreddare il pallone in ghiaccio e permettono di cristalli di forma. Raccogliere il prodotto tramite filtrazione sotto vuoto e lavare con etanolo freddo.
    10. Essiccare il prodotto purificato sotto vuoto a RT O / N; conservare sotto argon.
    11. Caratterizzare il prodotto con punto di fusione e 1 H e 13 spettroscopia NMR C. 27,28
  5. Negishi Accoppiamento con 3,4-Ethylenedioxythiophene 2,5-dibromobenzenes 1,4-dialcossi-(EDOT)
    Nota: Figura 1C mostra l'accoppiamento Negishi di 1,4-dialcossi-2,5-dibromobenzenes con EDOT formare monomeri M1 e M2.
    1. Montare un tre colli pallone a fondo rotondo pulita con un setto, un condensatore dotato di un adattatore di controllo del flusso in ingresso collegato ad argon, e con un flusso di uscita del gasAdattatore di controllo collegato ad un gorgogliatore.
    2. Collegare l'adattatore di alimentazione alla linea schlenk utilizzando tubi in PVC a parete spessa. Iniziare scorre argon nel pallone di reazione per alcuni minuti.
    3. Utilizzando un becco Bunsen, fiamma asciugare l'apparecchio sotto vuoto e spurgare con argon tre volte al fine di assicurare un ambiente airless.
    4. Pesare 1.07 g (10 mmoli) purificato EDOT e aggiungere al pallone di reazione utilizzando una siringa inserita attraverso il setto. Diluire il EDOT con THF anidro (20 ml) e mescolare sotto argon.
    5. Raffreddare il pallone contenente la soluzione EDOT utilizzando un bagno di ghiaccio / acetone secco per 15 min a -78 ° C.
    6. Dopo 15 min, aggiungere lentamente 11 mmol nBuLi in soluzione goccia a goccia esano mantenendo la temperatura a -78 ° C. Mescolare la reazione a -78 ° C per 1 ora.
      Nota: La concentrazione esatta del nBuLi dovrebbe essere determinata mediante titolazione prima dell'uso ai sensi dell'articolo 1.1.
    7. Dopo 1 ora di agitazione, rimuovere i secchi di ghiaccio / ba acetoneesimo.
    8. Subito dopo la rimozione del bagno, aggiungere 14.13 ml di 1,0 M ZnCl 2 soluzione goccia a goccia. Lasciare la reazione di procedere per 1 ora sotto agitazione a temperatura ambiente.
    9. Dopo 1 ora di agitazione, aggiungere 4 mmol di 1,4-dialcossi-2,5-dibromobenzene e 0,08 mmoli di tetrakis (trifenilfosfina) palladio (0) alla miscela di reazione.
    10. Riscaldare la miscela di reazione a riflusso (70 ° C) in un bagno d'olio.
    11. Monitorare i progressi reazione utilizzando cromatografia su strato sottile (TLC): Prendere piccoli (0,2 ml) aliquote della miscela di reazione quotidiano utilizzando una siringa e precipitare in 2 ml di 1 M HCl. Estrarre con 2 ml CHCl 3 e individuare l'estratto su un piatto di silice TLC accanto macchie di soluzioni di EDOT e appropriate1,4-dialcossi-2,5-dibromobenzene. Eluire con acetato di etile 60:40: esano.
    12. Quando la reazione è completa, la miscela di reazione consentire raffreddare a RT. Quench la reazione aggiungendo 10 ml di 1 M HCl seguita dall'aggiunta di diclorometano (20 ml).
    13. Transfer in un imbuto separatore e isolare lo strato organico.
    14. Lavare la fase organica con acqua deionizzata fino a quando l'acqua di lavaggio non è più acida. Testare l'acidità dell'acqua di lavaggio con carta pH
    15. Essiccare lo strato organico su 15 g di MgSO4, filtro e rimuovere il solvente mediante evaporatore rotante a 50 ° C e 21 kPa per dare il greggio monomero coniugazione estesa (M1 o M2) come solido giallo-arancio.
    16. Ricristallizzare il prodotto grezzo con una soluzione calda di 3: 1 etanolo: soluzione benzene per M1 o 7: 2 esano: benzene per M2. Aggiungere sufficiente miscela solvente caldo per dissolvere il solido. Una volta sciolto, raffreddare il pallone in ghiaccio e permettono di cristalli di forma. Raccogliere il prodotto tramite filtrazione sotto vuoto e lavare con etanolo freddo.
    17. Essiccare il prodotto sotto vuoto per 24 ore a temperatura ambiente. Conservare al buio sotto argon.
    18. Caratterizzare il prodotto con punto di fusione e 1 H e 13 spettroscopia NMR C. 18

  1. Elettropolimerizzazione
    1. In 50 ml matraccio preparare un 100 mM tetrabutilammonio perclorato (TBAP) soluzione elettrolitica in acetonitrile anidro (CH 3 CN).
    2. In 10 ml matraccio tarato da preparare un monomero 10 mM soluzione (M1 o M2) utilizzando la soluzione TBAP 100 mM / CH 3 CN come diluente.
    3. Aggiungere un filo d'argento (elettrodo pseudo-riferimento) e un flag di platino (controelettrodo) per una cella elettrochimica a forno.
    4. Inserire un pulsante di platino appena lucidato (2 mm 2 di diametro) per l'uso come elettrodo di lavoro. Assicurarsi che la parte inferiore dell'elettrodo tasto platino non tocchi il fondo della cella elettrochimica.
    5. Riempire la cella elettrochimica con sufficiente soluzione monomero elettrolita per assicurare che le punte delle tre elettrodi sono immersi nella soluzione.
    6. Disaerare la soluzione per 5 min facendo gorgogliare argon dolcemente attraverso un ago immerso in thsoluzione di e.
    7. Sollevare l'ago 2 mm sopra la soluzione e continuare il flusso di argon tutto l'esperimento di mantenere una coperta argon sulla soluzione.
    8. Collegare gli elettrodi al potenziostato e iniziare la polimerizzazione in bicicletta i potenziali applicato cinque volte a una velocità di scansione di 100 mV / sec e un potenziale compreso tra -1,5 V e 1,0 V.
    9. Registrare l'uscita di corrente durante questo processo per generare voltammograms ciclici.
  2. Polymer Elettrochimica
    1. Dopo il film polimerico viene depositato sull'elettrodo di lavoro tasto di platino, rimuovere tutti gli elettrodi dalla soluzione elettrolitica monomero e risciacquare delicatamente con soluzione elettrolitica senza monomero (3 ml).
    2. Aggiungere gli elettrodi di una cella elettrochimica pulito e aggiungere abbastanza soluzione elettrolitica senza monomero per assicurare che le punte delle tre elettrodi sono immersi nella soluzione.
    3. Collegare gli elettrodi al potenziostato. Ciclo del potenziale tw applicatatempi o ad una velocità di scansione di 50 mV / sec e un potenziale compreso tra -1,5 V e 1,0 V.
    4. Ripetere l'esperimento a 100, 200, 300, e 400 mV / sec. Registrare l'uscita di corrente durante ogni esperimento per generare voltammograms ciclici.
  3. Preparazione di Electropolymerized Films per UV-Vis NIR-Spettroscopia e fototermica Studi
    1. Preparare film polimerici, come descritto nel precedente paragrafo 2.1, questa volta utilizzando un ossido di indio e stagno (ITO) Rivestiti vetrino come elettrodo di lavoro. Crescere i film polimerici oltre 5 cicli ad una velocità di scansione di 100 mV / sec.
    2. Dopo la deposizione del polimero, rimuovere gli elettrodi dalla soluzione monomero e risciacquare con acetonitrile (5 ml).
    3. Conservare il film polimerico in acetonitrile prima spettroscopiche studi.

3. Preparazione NP

La figura 2 mostra uno schema del processo utilizzato per la preparazione NP tramite polimerizzazione in emulsione.

  1. Prepare una soluzione 1 ml di 2% (w / v) poli (acido 4-stirensolfonico acid-co-maleica) (PSS-co-MA) in acqua in un flacone di vetro. Aggiungere una piccola ancoretta magnetica al flaconcino. Questa è la fase acquosa.
  2. Preparare 100 ml di 16 mg / ml soluzione monomero in cloroformio in una provetta.
  3. Preparare la soluzione organica sciogliendo 0,03 g di acido solfonico dodecilbenzen (DBSA) nella soluzione di monomero 100 microlitri. Mescolare la soluzione organica utilizzando un miscelatore automatico vortex per 30-60 min per assicurare l'omogeneità della soluzione.
  4. Aggiungere la fase organica alla fase acquosa a gocce in 10 microlitri porzioni sotto agitazione con ancoretta magnetica fino ad esaurimento del volume totale della soluzione organica. Consentire a mescolare per 60 secondi tra le aggiunte.
  5. Aggiungere 2 ml di acqua per diluire il composto. Rimuovere la barra di agitazione dalla fiala.
  6. Sonicare l'emulsione utilizzando un sonicatore sonda per un totale di 20 sec a 10 sec-intervalli ad una ampiezza di 30%, mentre l'immersionefiala in un bagno di ghiaccio.
  7. Rimuovere la fiala del campione del bagno di ghiaccio, sostituire l'ancoretta, e continuare a mescolare l'emulsione.
  8. Aggiungere 3,8 ml di soluzione di 100 mg / ml di FeCl 3 in acqua all'emulsione monomero. Lasciare che la polimerizzazione si verifichi per 1 ora mentre mescolando continuamente. Questo produce protocollo NP di polimero stabilizzate con PSS-co-MA.
  9. Rimuovere la sospensione NP dalla piastra mescolare e trasferire in 7 ml provette. Centrifugare la sospensione a 75.600 xg per 3 min; recuperare il supernatante e scartare pellet
  10. Dializzare il surnatante per 24 ore con 100 kDa peso di taglio (MWCO) tubi di dialisi molecolare.

4. film polimerici e NP Caratterizzazione

Nota: Caratterizzare i film polimerici e NP tramite spettroscopia-Vis-NIR UV, e NP con dispersione dinamica della luce, analisi potenziale zeta, e microscopia elettronica.

  1. Determinazione di assorbimento di polimero nel UV-Vis-NIR Spectrum 29
    1. Sospensioni NP: Trasferire la sospensione in una cuvetta di quarzo e acquisiscono uno spettro da 300 - 1.000 nm in un intervallo di scansione di 5 nm.
    2. Film polimerici ossidati: Trasferire il vetro ITO vetrino polimero rivestito per una cuvetta di quarzo e riempire la provetta con acetonitrile anidro. Aggiungere 2 gocce di una soluzione / ml 100 mg di FeCl 3 in CHCl3 al acetonitrile e mescolare per garantire il film polimerico è completamente ossidato. Acquisire uno spettro da 300 - 1.000 nm in un intervallo di scansione di 5 nm.
    3. Film polimerici ridotti: Trasferire il vetro ITO vetrino polimero rivestito di una cuvetta e riempire la provetta con acetonitrile anidro. Aggiungere una goccia di idrazina al liquido e miscelare per garantire il film polimerico è completamente ridotto. Acquisire uno spettro da 300 - 1.000 nm in un intervallo di scansione di 5 nm.
  2. Determinazione della NP Dimensioni tramite il Dynamic Light Scattering (DLS) 30
    1. Accendere lo strumento DLS e consentireche si riscaldi per 15 minuti.
    2. Diluire la sospensione NP in acqua ad una concentrazione di 0,01 mg / ml e posto in un polistirene cuvetta monouso.
    3. Mettere cuvetta nel lettore e iniziare la misurazione.
  3. Determinazione del NP Potenziale Zeta 31
    1. Accendere lo strumento potenziale zeta e farlo riscaldare per 30 min.
    2. Preparare il campione diluendo 200 ml di sospensione NP in 800 ml di soluzione di 10 mM KCl.
    3. Si riempie una vaschetta di polistirolo usa e getta con 700 ml di campione.
    4. Inserire il potenziale delle cellule dell'elettrodo zeta nel campione assicurandosi che bolle sono intrappolati tra gli elettrodi o nel percorso di luce laser.
    5. Inserire la cuvetta nello strumento e seguire le istruzioni del software per l'esecuzione della misura.
  4. Determinazione della NP formato Utilizzando microscopia elettronica a scansione (SEM) 32
    1. Drop-getto 10 ml di sospensioni NP su wafer di Si elasciare asciugare.
    2. Sputter cappotto NP secchi con 2 nm di iridio.
    3. Immagine i campioni a una distanza di lavoro di 5 mm ea 5 kV.

5. Indagare la citocompatibilità del NP

Nota: Tutte le manipolazioni cellulari devono essere effettuate in un armadio biosicurezza (cappa a flusso laminare) per impedire la contaminazione delle cellule con batteri, lieviti o funghi dall'ambiente, e per proteggere l'utente da malattie potenzialmente infettivi. Tutte le soluzioni e all'acquisto del materiale con le cellule devono essere sterili. Uso corretto di tecniche di coltura cellulare asettiche.

  1. Cultura le Skov-3 cellule di cancro ovarico in fiasche T75 a 37 ° C in un incubatore CO 2 utilizzando Dulbecco Modified Eagle Medium (DMEM) supplementato con 10% di siero bovino fetale come mezzo di crescita (5% 2 CO).
  2. Seme cellule ad una densità cellulare di 5,000 cellule / pozzetto in una piastra a 96 pozzetti e incubare per 24 ore a 37 ° C in un CO 2
  3. Immediatamente prima dell'uso, diluire la sospensione NP nel mezzo di crescita completo ad una concentrazione di 1 mg / ml.
  4. Filtrare le sospensioni NP passando attraverso un filtro da 0,2 micron sterile e diluire a concentrazioni desiderate di esposizione (2-500 mg / ml) con mezzo di coltura completo addizionato con 1% di penicillina / streptomicina.
  5. Rimuovere il supporto da ciascuno dei pozzetti della piastra a 96 pozzetti pipettando delicatamente e sostituirlo con 100 ml di sospensioni NP alle varie concentrazioni di esposizione, o con 100 microlitri di media NP-libero per entrambi i controlli citocompatibilità positivi e negativi. Utilizzare 6 pozzi replicati per condizione.
  6. Immediatamente prima del passo successivo, preparare una soluzione 0,5 mg / ml di 3- (4,5-dimetiltiazol-2-il) -2,5-difeniltetrazolio bromuro (MTT) in fenolo DMEM senza rosso. Filtro sterile soluzione MTT attraverso un filtro 0,2 micron sterile.
  7. Dopo aver lasciato i PN per incubare con le cellule per il periodo di tempo desiderato (tycamente 24 o 48 ore), rimuovere le sospensioni NP pipettando con cautela.
  8. Sostituire immediatamente i mezzi di comunicazione con la segue a seconda della condizione:
    1. Per il controllo citocompatibilità negativo, aggiungere 100 ml di metanolo a ciascuno dei 6 pozzi e lasciar riposare per almeno 5 minuti. Dopo il trattamento metanolo, sostituire il metanolo con 100 ml di 0,5 mg / ml di soluzione MTT filtrata sterile in fenolo DMEM senza rosso.
    2. Per il controllo positivo e campioni NP-trattati, sostituire il mezzo con 100 ml di 0,5 mg / ml di soluzione MTT filtrata sterile in fenolo DMEM senza rosso.
  9. Incubare le cellule per 2 a 4 ore in incubatrice. Dopo l'incubazione, esaminare le cellule sotto il microscopio per verificare la formazione di cristalli formazano.
  10. Rimuovere con attenzione la soluzione MTT pipettando e sostituirlo con 100 ml di dimetilsolfossido (DMSO).
  11. Posizionare la piastra da 96 pozzetti su un agitatore e miscelare per alcuni minuti per favorire la dissoluzione del percristalli Mazan.
  12. Misurare l'assorbanza di ciascun pozzetto a 590 nm (picco di assorbimento del prodotto formazano) e 700 nm (baseline).
  13. Sottrarre l'assorbanza del campione a 700 nm (basale) da quella a 590 nm per ogni pozzetto.
  14. Normalizzare la assorbanza corretta dividendolo per la media del controllo positivo e convertire in una percentuale moltiplicando per 100.
  15. Determinare la vitalità percentuale media e deviazione standard per ogni condizione.

6. fototermica trasduzione Studi

Nota:. In questo lavoro un sistema laser precedentemente descritto da Pattani e Tunell viene utilizzato 33

  1. Fototermico trasduzione di NP Sospensioni
    1. Diluire NP in acqua deionizzata alla concentrazione di interesse.
    2. Aggiungere 100 microlitri di sospensione NP ad un pozzetto di una piastra a 96 pozzetti. Posizionare la piastra bene su una piastra calda mantenuta a 25 ° C.
    3. Accendere l'alimentazione al laser e farlo to riscaldare per diversi minuti. In questo studio è utilizzato un diodo laser 808 nm accoppiato in fibra nominale fino a 1 W di potenza.
    4. Far passare il raggio laser verso la fase del campione tramite una fibra ottica. Utilizzare una lente convessa per divergere il fascio laser per la dimensione del punto desiderato.
    5. Misurare la potenza utilizzando un misuratore di potenza standard ed adattarsi a una potenza di 1 W / cm 2.
    6. Accendere telecamera a infrarossi (InSb telecamera a infrarossi (FLIR Systems SC4000)) e impostare la regione di interesse (ROI) posto per leggere la temperatura del punto 6 millimetri in cui il laser è focalizzato.
    7. Posizionare il pozzo di interesse nel punto focale del raggio laser. Registrare la temperatura basale del campione. Accendere il laser e irradiare il pozzo continuo per 5 minuti durante la registrazione della temperatura.
    8. Dopo 5 min, spegnere il laser e continua a registrare la temperatura del pozzo fino al raffreddamento indietro fino alla temperatura iniziale di base.
      Nota: Il calore e raffreddare ogni sospensione per tre volte e calcolare ilvariazione media della temperatura nel tempo. Utilizzare acqua deionizzata a 25 ° C invece di una sospensione NP come controllo negativo per la conversione fototermica.
  2. Fototermico trasduzione di film polimerici
    1. Trasferire il vetrino di vetro ITO rivestimento polimerico ad una piastra calda mantenuta a 25 ° C.
    2. Accendere l'alimentazione al laser e lasciarlo riscaldare per alcuni minuti. In questo studio è utilizzato un diodo laser 808 nm accoppiato in fibra nominale fino a 1 W di potenza.
    3. Far passare il raggio laser verso la fase del campione tramite una fibra ottica. Utilizzare una lente convessa per divergere il fascio laser per la dimensione del punto desiderato.
    4. Misurare la potenza utilizzando un misuratore di potenza standard ed adattarsi a una potenza di 1 W / cm 2.
    5. Accendere telecamera a infrarossi (InSb telecamera a infrarossi (FLIR Systems SC4000)) e impostare la regione di interesse (ROI) posto per leggere la temperatura del punto 6 millimetri in cui il laser è focalizzato.
    6. Posizionare il film al punto focale del raggio laser. Registrare la btemperatura aseline del campione. Accendere il laser e irradiare il campione continuo per 5 min durante la registrazione della temperatura.
    7. Dopo 5 min, spegnere il laser e continuare la registrazione della temperatura del campione fino al raffreddamento indietro fino alla temperatura iniziale di base.
      Nota: Il calore e raffreddare ogni film tre volte e calcolare la variazione media delle temperature nel corso del tempo. Utilizzare una diapositiva ITO spoglia a 25 ° C come controllo negativo per la conversione fototermica.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Representative Results

Il protocollo di reazione cedevole M1 e M2 è mostrato in Figura 1. I monomeri possono essere caratterizzati da 1 H e 13 C NMR spettroscopia, punto di fusione, ed analisi elementare. Lo spettro NMR 1 H fornisce informazioni per quanto riguarda la connettività degli atomi e dei loro ambienti elettronici; in tal modo, viene utilizzato di routine per verificare che le reazioni sono state completate con successo. Reazioni di accoppiamento Negishi coinvolgono accoppiamento dell'anello fenilico al EDOT, provocando il picco protone fenile passare da 7,1 a 7,8 ppm ppm. Il protone tienile anche sposterà in attacco a 6,5 ​​ppm. I quattro protoni sui carboni ponte etilendiossi si dividerà in due serie di multipletti a 4,3 ppm. I protoni sui carboni alifatici non cambieranno in modo significativo. Lo spettro NMR 13C esporrà picchi a 170, 145, 140, e 113 per i carboni tienile, e 150, 120, e 112 per i carboni fenilene. Posizioni di alicarboni fatici non cambieranno in modo significativo. La struttura chimica, 1 H NMR, 13 C NMR e di M2 sono mostrati in Figura 3.

Electropolymerizations di M2 cedevoli polimero (P2) e voltammetria ciclica di P2 sono mostrati in Figura 4 In Figura 4A, inizialmente, non vi è alcuna risposta attuale.; come potenziale aumenta, l'insorgenza di ossidazione del monomero M1 (E su, m) può essere visto a + 0,25 V, con il picco di ossidazione del monomero (E p, m) a + 0,61 V. Durante la prima scansione, la picco iniziale osservato è indicativa di ossidazione irreversibile monomero, causando formazione P2 sulla superficie dell'elettrodo di lavoro. Durante la seconda scansione vengono osservati due processi di ossidazione: monomero ossidazione ancora è visto a 0,25 V, e l'ossidazione polimero è vista a 0 V. voltammetria ciclica di P2 (Figura 4B) è stato condotto a velocità di scansione da 50 a 400 mV / sec. Il film polimerico è blu scuro nello stato ossidato e rosso in stato neutro. Bicicletta il polimero a varie frequenze di scansione rivela una relazione lineare tra la frequenza di scansione e corrente di picco, che indica che il polimero è elettroattivi e aderito all'elettrodo. 18 Polymer ossidazione (E a, p) viene osservato a -0.02 V per P2, e riduzione polimero (E c, p) viene osservato a -0,3 V quando ciclato a 100 mV / sec.

Le NP sono stati sintetizzati come mostrato in Figura 2 e caratterizzato mediante spettroscopia UV-Vis-NIR, microscopia elettronica, e DLS. Gli spettri di film P2 ossidato e ridotto, e di ossidato P2 NP Vis-NIR-UV, sono mostrati in figura 5. I film polimerici ossidati e NP mostrano un picco di assorbanza λ max a 1.56 eV (795 nm). Quando è ridotta in idrazina, l'assorbanza di picco pellicola si sposta a un λ max di 2,3 eV (540 nm). La band polimero gap (E g) è determinato dalla comparsa del π- π * transizione nel polimero neutro, come indicato dalla freccia nera nella figura 5.

L'immagine SEM di P2 NP nella Figura 6A mostra che le NP sono sferici e sub-100 nm di diametro. DLS dati della figura 6B mostra una Z-medio delle sospensioni per essere 104 nm di diametro, con un indice di polidispersità (PDI) di 0,13, che indica che il campione è moderatamente monodispersi. Il potenziale zeta della P2 NP è risultata -30,5 mV. Variazione di temperatura quando PN sono esposti a radiazioni NIR dimostra conversione fototermica. Rispetto ai controlli acqua, che subiscono meno di un aumento di 1 ° C di temperatura, sospensioni NP in acqua sono in grado di convertire l'energia laser assorbita in calore come dimostrato dalla 30 ° C aumento di temperatura delle sospensioni NP (Figura6C). Un aumento della temperatura simile (28 ° C) si osserva quando film polimerici su vetro ITO sono irraggiati a 808 nm (Figura 6C).

Il citocompatibilità di NP polimeriche è determinato mediante test vitalità cellulare MTT. I risultati di studi citocompatibilità per PEDOT:. PSS-co-MA NP sono mostrati in Figura 7 Come illustrato, all'interno del range di concentrazione NP di 0,23 a 56 ug / ml, NP non diminuiscono vitalità cellulare a meno del 90% del controllo. Tipicamente, una riduzione della vitalità cellulare inferiore al 20% (cioè, fino al 80% vitalità) è considerato accettabile per la determinazione di NP citocompatibilità.

Figura 1
Figura 1. Generale sintesi monomero partendo con la sintesi precursore. (A) Sintesi di 1,4-dialcossi-2,5-dibromobenzene. (B) Sintesi di 1,4-dialcossi-2,5-dibromobenzene contenente estere frazione. (C) reazione di accoppiamento di 1,4-dialcossi-2,5-dibromobenzene con EDOT, cedendo monomeri M1 e M2. Cliccate qui per vedere una versione più grande di questa figura.

Figura 2
Figura 2. processo di polimerizzazione in cui viene aggiunta la soluzione organica goccia a goccia ad una soluzione acquosa creando un'emulsione. Il monomero e il solvente organico può variare. Polimerizzazione ossidativo si verifica quando FeCl 3 è aggiunto all'emulsione. Dopo la purificazione della sospensione colloidale, le nanoparticelle vengono sospesi in mezzo acquoso. Cliccate qui per vedere una versione più grande di questofigura.

Figura 3
Figura 3. Spettri NMR di monomero M2. (A) 1 H NMR spettroscopia di M2 dove la scissione dei protoni etilendiossi a 4.32 ppm, lo spostamento in attacco dei protoni tienile, e lo spostamento in attacco dei protoni fenilici sono indicativi di accoppiamento successo . (B) 13 C NMR spettroscopia di M2 che mostra i picchi tienile e carbonio fenile. Cliccate qui per vedere una versione più grande di questa figura.

Figura 4
Figura 4. (A) polimerizzazione elettrochimica di M2 a P2; cinque cicli a 100 mV / sec di 0,01 M M2 a 0,1 M TBAP / CH 3 CN. (B) voltammetria ciclica del film polimerico in 0.1 M TBAP / CH3CN pedalato a 50, 100, 200, 300, e 400 mV / sec. Cliccate qui per vedere una versione più grande di questa figura.

Figura 5
Figura 5. UV-Vis-NIR spettri P2 sia come un film e come una sospensione di nanoparticelle. Lo spettro del film ossidato è mostrata in blu, lo spettro del film ridotto viene mostrato in rosso, e lo spettro del ossidato sospensione NP è mostrato in verde. La freccia nera corrisponde alla linea tangente utilizzato per la determinazione del bandgap polimero. Le lunghezze d'onda di assorbimento di picco per i polimeri sono forniti. Cliccate qui per vedere una versione più grande di questofigura.

Figura 6
Immagine Figura 6. (A) SEM che mostra la morfologia e la dimensione delle P2 NP. (B) la distribuzione di P2 Dimensioni: sospensione PSS-co-MA NP dove il valore Z-medio è di 104 nm e la PDI è 0.13. (C) Variazione di temperatura di una P2:. PSS-co-MA NP sospensione a 1 mg / ml (blu) e il film (verde) quando irradiato con NIR luce per 300 secondi, seguito da raffreddamento passivo al termine di irraggiamento laser Cliccate qui per vedere una versione più grande di questa figura.

Figura 7
Figura 7. citocompatibilità di PEDOT: sospensioni PSS-co-MA NP come determinato dal saggio MTT Viabilità è.visualizzata per cellule esposte a concentrazioni variabili del NP come la percentuale media relativa a quello delle cellule incubate con supporti NP-free (controllo positivo). Il controllo negativo costituito da cellule uccise da esposizione al metanolo prima del test MTT. Le barre di errore rappresentano la deviazione standard tra le repliche (n = 6). Cliccate qui per vedere una versione più grande di questa figura.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Discussion

In questo lavoro, NP polimeri elettroattivi sono stati sintetizzati come potenziali agenti PTT per il trattamento del cancro. La preparazione delle nanoparticelle è descritta, iniziando con la sintesi di monomeri seguita da polimerizzazione in emulsione. Mentre la preparazione di polimeri elettroattivi NP utilizzando come EDOT e pirrolo è stato descritto in precedenza, questo documento descrive la preparazione di nanoparticelle polimeriche iniziano uniche monomeri coniugazione estese, dimostrando che questo processo può essere estesa a più grandi, monomeri più complesse.

Due percorsi differenti sono necessari per sintetizzare le monomeri dialkoxybenzene. Mentre il 1,4-dihexyloxybenzene può essere sintetizzato utilizzando KOH / EtOH, tale approccio non ha successo nella sintesi di 1,4-bis (butanoyloxy etile) benzene, molto probabilmente a causa base-promosso idrolisi. Quando viene usato un KI / K miscela 2 CO 3, idrolisi viene evitata, e il prodotto è ottenuto con successo. Bromurazione di both dialkoxybenzenes è compiuta utilizzando Br 2. È necessario condurre questo esperimento sotto argon scorre spostare HBr formata durante la reazione. L'uscita del gas deve sfogare su una soluzione di NaOH neutralizzante per evitare HBr corroda infissi cappuccio; notare che HBr può causare tubo di plastica per indurire nel tempo.

BEDOT-B (OR) 2 monomeri M1 e M2 sono stati sintetizzati utilizzando accoppiamento Negishi. Questo è un metodo efficace per l'accoppiamento carbonio-carbonio di EDOT con 1,4-dialcossi-2,5-dibromobenzenes cedere BEDOT-B (OR) 2 monomeri. È fondamentale raffreddare la EDOT a -78 ° C prima dell'aggiunta di nBuLi, al fine di minimizzare reazioni collaterali indesiderabili. Quando tutto il 1,4-dialcossi-2,5-dibromobenzene è esaurito dalla miscela di reazione (determinato mediante TLC; questo richiede tipicamente 3-5 giorni), la reazione è completa. La reazione è estremamente sensibile all'aria, e qualsiasi esposizione all'aria influenzerà la resa della reazione. Così, quando introducing composti solidi (come catalizzatore) nel contenitore sigillato, esposizione all'aria dovrebbe essere minimizzato aumentando il flusso di argon.

Monomeri elettroattivi e polimeri sono abitualmente caratterizzate con voltammetria ciclica per determinare monomero e ossidazione polimero potenziale e potenziale di riduzione polimero e film preparati tramite polimerizzazione elettrochimica sono utilizzati per determinare l'assorbimento polimero nello spettro UV-Vis-NIR in entrambi gli stati ossidati e ridotti. In questo lavoro, film polimerici sono stati depositati su entrambi un pulsante di platino e vetro rivestito ITO per elettropolimerizzazione. Alcuni dei vantaggi di elettropolimerizzazione sono riproducibilità e la capacità di controllare lo spessore del film monitorando la corrente del film polimerizzato e fermare l'elettropolimerizzazione quando si ottiene una risposta specifica 34 esperimenti elettrochimici devono essere condotte in atmosfera inerte, come argon.; il flusso di argon dovrebbe essere così lenta da non disturbare la superficie della soluzione per garantire un processo di diffusione controllata. In alternativa, gli esperimenti elettrochimici possono essere eseguite in atmosfera inerte dry box munito passanti elettrochimici. È importante che nessuno dei tre elettrodi si toccano durante elettropolimerizzazione. Prima di polimero studi di voltammetria ciclica, film polimerici depositati devono essere lavati con soluzione elettrolitica senza monomero per rimuovere qualsiasi monomero non reagito dai film. Per tutti gli studi elettrochimici gamma potenziale necessaria dipenderà dalla struttura del monomero / polimero; così questa gamma può variare in monomeri e polimeri alternativi. A seconda della struttura dei sostituenti alcossi, il solvente utilizzato per preparare le soluzioni elettrolitiche monomero può anche sciogliere il polimero. In tal caso, la deposizione del polimero sull'elettrodo durante elettropolimerizzazione sarà lento o inesistente, e il solvente usato per la polimerizzazione deve essere cambiato.

e_content "> polimerizzazione in emulsione per la preparazione di NP composto di polimeri elettroattivi è un metodo efficace che produce NP con morfologia uniforme In questo lavoro, il processo di polimerizzazione in emulsione utilizza lo stesso meccanismo di polimerizzazione ossidativa utilizzata durante la polimerizzazione elettrochimica;. la differenza principale è che un ossidante chimico (cloruro ferrico) è usato al posto di un potenziale elettrochimico applicata. Questa polimerizzazione in emulsione, di conseguenza, produce NP identici in composizione chimica dei film preparati tramite polimerizzazione elettrochimica. Mentre polimerizzazione elettrochimica fornisce un mezzo facili per caratterizzare le proprietà redox del monomeri e polimeri, polimerizzazione in emulsione è un processo rapido, economico e riproducibile che è facilmente scalabile e può potenzialmente essere utilizzato con diversi polimeri elettroattivi. polimerizzazione in emulsione consente anche la preparazione di NP da polimeri che hanno una bassa solubilità in organicoe soluzioni acquose che non potevano essere emulsionati efficacemente dallo stato polimerico. Nelle nostre polimerizzazioni in emulsione, la fase organica è stata composta da monomero, solvente organico (esano), e acido solfonico dodecilbenzen (tensioattivo). La fase acquosa è stata composta da acqua, cloruro ferrico (ossidante), e PSS-co-MA (tensioattivo). Il processo di polimerizzazione in emulsione è preceduta da una fase sonicazione per garantire la fase organica è ben disperso nella fase acquosa. Durante sonicazione, è necessario immergere l'emulsione in un bagno di ghiaccio per evitare il riscaldamento bulk. I tensioattivi PSS-co-MA e DBSA consentono la dispersione del NP sintetizzato in soluzioni acquose mediante inter-particelle elettrostatiche forze repulsive. Questi tensioattivi agiscono anche come ulteriori droganti-carica bilanciamento ed hanno dimostrato di produrre sferica geometria NP 24 Le NP polimeriche rimangono nello stato ossidato, (come dimostra il picco di assorbimento a 795 nm; Figura 4)., Che è criticoAL per applicazioni biomediche nei quali è necessario l'assorbimento nello spettro NIR. 24

Analisi potenziale Zeta è comunemente eseguita per valutare la stabilità delle sospensioni NP. Potenziale Zeta è il potenziale al confine tra lo strato di Stern in cui gli ioni sono fortemente associati con la superficie NP, e lo strato diffuso dove gli ioni interagiscono più con la superficie NP. 31 potenziali misure Zeta basano sul movimento delle NP praticati quando un elettrico campo viene applicato alla sospensione. Specificamente, NP caricati negativamente sono attratti verso l'elettrodo positivo, e viceversa. Sospensioni colloidali possono essere stabilizzati attraverso repulsioni elettrostatiche. In particolare, le sospensioni sono considerate stabili quando il loro potenziale zeta è maggiore di +/- 30 mV. Nelle nostre formulazioni NP, la presenza di gruppi solfonici e carbossilato da DBSA e PSS-co-MA produce una carica superficiale negativa sulle NP.

Purificazione di the NP è un passo cruciale per eliminare qualsiasi tensioattivo eccesso e qualsiasi materiale di partenza non reagito prima di studi sulle cellule in vitro. Rimozione tensioattivo inefficace può portare a significativi morte cellulare. Come per qualsiasi altro test in vitro delle cellule, è fondamentale per lavorare in una cappa a flusso laminare e di lavorare in condizioni sterili. NP dovrebbe anche essere sterilizzati prima dell'uso facendo passare la sospensione attraverso un filtro da 0,2 micron sterile. E 'anche importante verificare la concentrazione di sospensioni NP dopo la filtrazione sterile. A questo scopo, una frazione della sospensione NP filtrato di volume noto può essere liofilizzati per ottenere la massa secca. Il saggio vitalità cellulare MTT è tipicamente usato per studiare l'effetto di biomateriali, tra NP, su cellule in coltura. Questo semplice test può essere adattato per l'indagine della citocompatibilità di sospensioni NP con qualsiasi linea cellulare di mammifero. Il saggio colorimetrico MTT è basato sulla conversione di un colorante giallo di tetrazolio in viola, INSOLcristalli formazano üble che possono poi essere sciolti in DMSO o soluzioni alcoliche acide. 35,36 Quando si esegue in saggi cellulari in vitro come la vitalità cellulare saggio MTT in piastre multi-pozzetto, coerenza semina cellulare e manipolazione è critica per ottenere differenze minime tra replicare campioni. Prima e durante l'esperimento, le cellule seminate devono essere esaminati al microscopio per assicurare semina costante e la crescita, e anche per escludere qualsiasi contaminazione. Infine, la microscopia può essere utilizzato anche per confermare la completa dissoluzione dei cristalli di formazano dopo l'aggiunta di DMSO.

Studi fototermica sono stati condotti utilizzando un laser continuo a 808 nm. L'uso di contro a impulsi continui laser in grado di riscaldare i materiali in modo diverso. Precedenti studi hanno confrontato conversione fototermico e fototermica l'ablazione con nanostrutture di oro come agenti PTT, 37 ma sono necessarie ulteriori ricerche per studiare la conversione da fototermico di polimerizzazionec NP come quelli descritti nel presente documento. In questo lavoro, il laser è stato discostato in una lente convessa e focalizzata a una dimensione dello spot 6 mm. E 'importante stare attenti a non disturbare il sistema ottico durante l'esecuzione di esperimenti per prevenire modifiche accidentali nel piano focale che potrebbero causare differenze nei risultati della conversione fototermica. Una piastra calda è stata utilizzata per riscaldare e mantenere una temperatura costante di riferimento per lo studio.

In conclusione, un protocollo per NP preparazione di polimeri elettroattivi sospese in mezzo acquoso è descritto. Accoppiamento Negishi è un metodo efficace per accoppiare 1,4-dialcossi-2,5-dibromobenzenes con 3,4-ethylenedioxythiophene (EDOT). Elettropolimerizzazione dei monomeri è dettagliata in questo protocollo. Questo dimostra di essere un modo efficace per produrre rapidamente pellicole polimeriche e studiarne le proprietà elettroniche. Le pellicole polimeriche sono ulteriormente caratterizzati mediante spettroscopia-Vis-NIR UV per determinare le lacune band dei polimeri neutri. Electrochemical rese di polimerizzazione in emulsione sub-100 nm NP con morfologie sferiche uniformi. In aggiunta alla terapia fototermico ablazione, queste nanoparticelle hanno molte potenziali applicazioni in dispositivi elettroattivi, inclusi stoccaggio di energia e sensori. Gli studi termici e citocompatibilità svolte indicano che queste nanoparticelle potrebbero essere candidati potenziali in applicazioni biomediche come agenti fototermiche.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Acknowledgements

Questo lavoro è stato finanziato in parte dal Texas Emerging Technology Fund (Avvio a TB), l'Università Statale di Ricerca Enhancement Programma Texas, il Texas State University di dottorato di ricerca Fellowship (TC), il Partenariato NSF di Ricerca e Formazione sui Materiali (PREM, DMR-1205670), la Fondazione Welch (AI-0045), e National Institutes of Health (R01CA032132).

Materials

Name Company Catalog Number Comments
2 mm diameter platinum working electrode CH Instruments CH102 Polished using very fine sandpaper
3,4-ethylenedioxythiophene Sigma-Aldrich 483028 Purified by vacuum distillation
3-(4,5-Dimethylthiazol-2-yl)-2,5-Diphenyltetrazolium Bromide (MTT) 98% Alfa Aesar L11939
505 Sonic Dismembrator Fisher Scientific™  FB505110 1/8“ tip and rated at 500 watts
808 nm laser diode ThorLabs L808P1WJ Rated at 1 W
Acetonitrile anhydrous 99% Acros 61022-0010
Avanti J-26 XPI Beckman Coulter 393127
Bromohexane 98% MP Biomedicals 202323
Dialysis (100,000) MWCO SpectrumLabs G235071
Dimethyl sulfoxide 99% (DMSO) BDH BDH1115
Dimethylformamide anhydrous (DMF) 99% Acros 326870010
Dodecyl benzenesulfonate (DBSA)  TCI D0989
Dulbecco’s modified eagle medium (DMEM)  Corning 10-013 CV
EMS 150 TES sputter coater Electron Microscopy Sciences
Ethanol (EtOH) 100% BDH BDH1156
ethyl 4-bromobutyrate (98%) Acros 173551000
Ethyl acetate 99% Fisher UN1173
Fetal bovine serum (FBS) Corning 35-010-CV
Helios NanoLab 400 FEI
Hexane Fisher H306-4
Hydrochloric acid (HCl) Fisher A142-212
Hydroquinone 99.5% Acros 120915000
Hydrozine anhydrous 98% Sigma-Aldrich 215155
Indium tin oxide (ITO) coated galss Delta Technologies CG-41IN-CUV 4-8 Ω/sq
Iron chloride 97% FeCl3 Sigma-Aldrich 157740
Magnesium sulfate (MgSO4) Fisher 593295 Dried at 100 °C
SKOV-3 ATCC HTB-26
Methanol BDH BHD1135
n-Butlithium (2.5 M)  Sigma-Aldrich 230707 Pyrophoric
Poly(styrenesulfonate-co-malic acid) (PSS-co-MA) 20,000 MW Sigma-Aldrich 434566
Potassium carbonate Sigma-Aldrich 209619 Dried at 100 °C
Potassium hydroxide Alfa Aesar A18854
Potassium iodide Fisher P410-100
RO-5 stirplate IKA-Werke
SC4000 IR camera FLIR
Synergy H4 Hybrid Reader Biotek
Tetrabutylammonium perchlorate (TBAP) 99% Sigma-Aldrich 3579274 Purified by recrystallization in ethyl acetate
Tetrahydrofuran anhydrous (THF) 99% Sigma-Aldrich 401757
tetrakis(triphenylphosphine) palladium(0) Sigma-Aldrich 216666 Moisture sensitive
Thermomixer Eppendorf
USB potentiostat/galvanostat WaveNow AFTP1
Zetasizer Nano Zs Malvern Optical Arrangment 175°
Zinc chloride (1 M) ZnCl2 Acros 370057000

DOWNLOAD MATERIALS LIST

References

  1. Irvin, J., Irvin, D., Stenger-Smith, J. Electrically active polymers for use in batteries and supercapacitors. Handbook of Conducting Polymers. (2007).
  2. Amb, C. M., Dyer, A. L., Reynolds, J. R. Navigating the color palette of solution-processable electrochromic polymers. Chemistry of Materials. 23, (3), 397-415 (2011).
  3. Beaujuge, P. M., Reynolds, J. R. Color control in pi-conjugated organic polymers for use in electrochromic devices. Chemical Reviews. 110, (1), 268-320 (2010).
  4. Ananthakrishnan, N., Padmanaban, G., Ramakrishnan, S., Reynolds, J. R. Tuning polymer light-emitting device emission colors in ternary blends composed of conjugated and nonconjugated polymers. Macromolecules. 38, (18), 7660-7669 (2005).
  5. Zhu, Y., Otley, M. T., et al. Neutral color tuning of polymer electrochromic devices using an organic dye. Chemical Communications, Cambridge, England. 50, (60), 8167-8170 (2014).
  6. Kline, W. M., Lorenzini, R. G., Sotzing, G. A. A review of organic electrochromic fabric devices. Coloration Technology. 130, (2), 73-80 (2014).
  7. Gerard, M., Chaubey, A., Malhotra, B. D. Application of conducting polymer to biosensors. Biosensors & Bioeletronics. 17, 345-359 (2002).
  8. Abidian, M. R., Kim, D. -H., Martin, D. C. Conducting-polymer nanotubes for controlled drug release. Advanced materials. 18, (4), 405-409 (2006).
  9. Ge, D., Qi, R., et al. A self-powered and thermally-responsive drug delivery system based on conducting polymers. Electrochemistry Communications. 12, (8), 1087-1090 (2010).
  10. George, P. M., LaVan, D. A., Burdick, J. A., Chen, C. -Y., Liang, E., Langer, R. Electrically controlled drug delivery from biotin-doped conductive polypyrrole. Advanced Materials. 18, (5), 577-581 (2006).
  11. Li, Y., Neoh, K. G., Kang, E. T. Controlled release of heparin from polypyrrole-poly(vinyl alcohol) assembly by electrical stimulation. Journal of biomedical materials research. Part A. 73, (2), 171-181 (2005).
  12. Svirskis, D., Travas-Sejdic, J., Rodgers, A., Garg, S. Electrochemically controlled drug delivery based on intrinsically conducting polymers. Journal of controlled release: official journal of the Controlled Release Society. 146, (1), 6-15 (2010).
  13. Cheng, L., Yang, K., Chen, Q., Liu, Z. Organic stealth nanoparticles for highly effective in vivo near-infrared photothermal therapy of cancer. ACS Nano. 6, (6), 5605-5613 (2012).
  14. Chougule, M. A. Synthesis and characterization of polypyrrole (PPy) thin films. Soft Nanoscience Letters. 01, (01), 6-10 (2011).
  15. Yang, K., Xu, H., Cheng, L., Sun, C., Wang, J., Liu, Z. In vitro and in vivo near-infrared photothermal therapy of cancer using polypyrrole organic nanoparticles. Advanced materials. 24, (41), 5586-5592 (2012).
  16. Diniz, S. N., Sosnik, A., Mu, H., Valduga, C. J. Nanobiotechnology. BioMed research international. 2013, (2013).
  17. Weissleder, R. A Clearer Vision for in vivo Imaging. Nature Biotechnology. (2001).
  18. Irvin, J., Reynolds, J. Low-oxidation-potential conducting polymer: alternating substituted para-phenylene and 3,4-ethylenedioxythiophene repeat units. Polymer. 39, (11), 2339-2347 (1998).
  19. Yang, Y., Oldenhius, N., Buchwald, S. Mild and general condition for Negishi cross-coupling enabled by the use of palladacycle percatalysts. Angew Chem. 29, (6), 997-1003 (2012).
  20. Negishi, E., Hu, Q., Huang, Z., Qian, M., Wang, G. The Negishi Coupling: an update: Enantiopure sulfoxides and sulfinamides. New products from Aldrich R & D. Aldrichchimica Acta. 38, (3), (2005).
  21. Bilati, U., Allémann, E., Doelker, E. Development of a nanoprecipitation method intended for the entrapment of hydrophilic drugs into nanoparticles. European Journal of Pharmaceutical Sciences. 24, (1), 67-75 (2005).
  22. Nagavarma, B. V. N., Yadav, H. K. S., Ayaz, A., Vasudha, L. S., Shivakumar, H. G. Different techniques for preparation of polymeric nanopaticles-A review. Asian Journal of Pharaceutical and Clinical Research. 5, (3), 16-23 (2012).
  23. Vaitkuviene, A., Kaseta, V., et al. Evaluation of cytotoxicity of polypyrrole nanoparticles synthesized by oxidative polymerization. Journal of Hazardous Materials. 250-251, 167-174 (2013).
  24. Han, Y. K., Yih, J. N., et al. Facile synthesis of aqueous-dispersible nano-PEDOT:PSS-co-MA core/shell colloids through spray emulsion polymerization. Macromolecular Chemistry and Physics. 212, (4), 361-366 (2011).
  25. Winkel, K. L., Carberry, J. R., Irvin, J. A. Synthesis and electropolymerization of 3,5-bis-(3,4-ethylenedioxythien-2-yl)-4,4-dimethyl isopyrazole: A donor-acceptor-donor monomer. Journal of the Electrochemical Society. 160, (8), G111-G116 (2013).
  26. Hoye, T., Eklov, B., Voloshin, M. No-D NMR spectroscopy as a convenient method for titering. Organic Letters. 6, (15), 2567-2570 (2004).
  27. Umezawa, K., Oshima, T., Yoshizawa-Fujita, M., Takeoka, Y., Rikukawa, M. Synthesis of hydrophilic-hydrophobic block copolymer ionomers based on polyphenylenes. ACS Macro Letters. 1, (8), 969-972 (2012).
  28. Tao, Z., Fan, H., Zhou, J., Jin, Q. Conjugated polyelectrolyte with pendant caboxylate groups: synthesis, photophysics, and pH responses in the presence of surfactants. Journal of Polymer Science Part A-Polymer Chemistry. 46, (3), 830-843 (2008).
  29. Winkel, K. L., Carberry, J. R., et al. Donor-acceptor-donor polymers utilizing pyrimidine-based acceptors. Reactive & Functional Polymers. 83, 113-122 (2014).
  30. Kròl, E., Scheffers, D. -J. FtsZ polymerization assays: simple protocols and considerations. Journal of Visualized Experiments : JoVE. (81), e50844 (2013).
  31. Zolnik, B., Potter, T. M., Stern, S. T. Zeta potential measurement. Methods in Molecular Biology. 697, 173-179 (2011).
  32. Nogi, K., Naito, M., Yokoyama, T. Nanoparticle technology handbook. Elsevier. (2012).
  33. Pattani, V. P., Tunnell, J. W. Nanoparticle-mediated photothermal therapy: A comparative study of heating for different particle types. Lasers in Surgery and Medicine. 44, (8), 675-684 (2012).
  34. Subianto, S., Will, G. D., Kokot, S. Templated electropolymerization of pyrrole in a capillary. Journal of Polymer Science, Part A: Polymer Chemistry. 41, (12), 1867-1869 (2003).
  35. Sgouras, D., Duncan, R. Methods for the evaluation of biocompatibility of soluble synthetic polymers which have potential for biomedical use: use of the tetrazolium-based colorimetric assay (MTT) as a preliminary screen for evaluation of in vitro cytotoxicity. Journal of Materials Science: Materials in Medicine. 1, (2), 61-68 (1990).
  36. Ahmadian, S., Barar, J., Saei, A. A., Fakhree, M. A. A., Omidi, Y. Cellular toxicity of nanogenomedicine in MCF-7 cell line: MTT assay. Journal of Visualized Experiments : JoVE. (26), (2009).
  37. Huang, X., Kang, B., et al. Comparative study of photothermolysis of cancer cells with nuclear-targeted or cytoplasm-targeted gold nanospheres: continuous wave or pulsed lasers. Journal of Biomedical Optics. 15, (5), 058002 (2015).

Comments

0 Comments


    Post a Question / Comment / Request

    You must be signed in to post a comment. Please or create an account.

    Video Stats