Fabbricazione di White Light-emitting cellule elettrochimiche con emissione stabile da ecciplessi

Engineering

Your institution must subscribe to JoVE's Engineering section to access this content.

Fill out the form below to receive a free trial or learn more about access:

 

Cite this Article

Copy Citation | Download Citations | Reprints and Permissions

Uchida, S., Takizawa, D., Ikeda, S., Takeuchi, H., Nishimura, S., Nishide, H., Nishikitani, Y. Fabrication of White Light-emitting Electrochemical Cells with Stable Emission from Exciplexes. J. Vis. Exp. (117), e54628, doi:10.3791/54628 (2016).

Please note that all translations are automatically generated.

Click here for the english version. For other languages click here.

Abstract

Gli autori presentano un approccio per fabbricare stabile emissione luce bianca polimero luminescenti celle elettrochimiche (PLECS) avente uno strato attivo che consiste di poli blue-fluorescente (9,9-di-n-dodecylfluorenyl-2,7-diile) ( PFD) e molecole trifenilamina π-coniugati. Questa emissione di luce bianca proviene da ecciplessi formati tra PFD e ammine in stati elettronici eccitati. Un dispositivo contenente PFD, 4,4 ', 4' '- tris [2-naftil (fenil) ammino] trifenilamina (2-TNATA), poli (ossido di etilene) e K 2 CF 3 SO 3 mostrato emissione di luce bianca con Commission Internationale de l'éclairage (CIE) coordinate di (0,33, 0,43) e un Indice di resa cromatica (CRI) di Ra = 73 ad una tensione applicata di 3,5 V. misure di tensione costante ha dimostrato che coordina il CIE di (0,27, 0,37), Ra di 67, e il colore di emissione osservato immediatamente dopo l'applicazione di una tensione di 5 V erano quasi immutata e stabile dopo300 sec.

Protocol

1. preparazione di soluzioni strato attivo

  1. Soluzione livello attivo per i dispositivi PFD ammine drogato
    NOTA: Il PFD, 4,4 ', 4' '- tris [2-naftil (fenil) ammino] trifenilamina (2-TNATA), 9,9-dimetil- N, N' -di (1-naftil) - N , N 'difenil-9H-fluorene-2,7-diammina (DMFL-NPB), poli (ossido di etilene) (PEO), sono stati utilizzati come ricevuti. Il trifluorometansolfonato di potassio (K 2 CF 3 SO 3) è stato essiccato sotto vuoto a 200 ° C per 1 ora prima dell'uso.
    1. Per i dispositivi aventi un PFD: rapporto ammina di 1: 0,25, sciogliere 10 mg di PFD e 2,5 mg di ammina aromatica in 1 ml di cloroformio e agitare per 1 ora a 40 ° C. Per quelle aventi un PFD: rapporto ammina di 1: 1, utilizzare 10 mg di ammina aromatica.
    2. Separatamente, sciogliere 10 mg di PEO in 1 ml di cicloesanone e agitare per 1 ora a 60 ° C, e sciogliere 2,5 mg di trifluorometansolfonato di potassio (KCF 3 SO 3) in 1ml di cicloesanone e mescolare per 1 ora a 40 ° C.
    3. Aggiungere 0,78 ml della soluzione di PEO e 0.147 ml della soluzione KCF 3 SO 3 alla soluzione PFD utilizzando micropipette. Agitare la soluzione mista per 4 ore a 40 ° C.
    4. Filtrare la soluzione mista utilizzando un filtro a membrana prima girare rivestimento.
  2. Soluzione livello attivo per il dispositivo PFD non drogato
    1. Per il dispositivo PFD non drogato, sciogliere 10 mg di PFD in 1 ml di cloroformio e agitare per 1 ora a 40 ° C. I passi che seguono sono le stesse di quelle descritte in precedenza per le ammine drogato PFDs in 1.1.2 - 1.1.4.

2. fabbricazione di dispositivi LEC

NOTA: processo di fabbricazione di dispositivi LEC è riassunto in Figura 1.

  1. Pulire con ultrasuoni fantasia ossido di indio-stagno (ITO) substrati di vetro con un detergente diluito, seguito da acqua ionizzata, acetone e 2-propanolo utilizzando unbath tavolo ultrasuoni (38 kHz) per 3 minuti per ogni passaggio. Infine, rimuovere il solvente utilizzando un soffiatore N 2.
  2. Trattare i substrati con UV / O 3 per 3 min usando un UV / O 3 trattamento Unità secondo il protocollo del produttore. Eseguire il processo di rivestimento strato attivo in atmosfera inerte in un vano portaoggetti.
  3. Impostare un substrato pulito sulla testa di un dispositivo a induzione di spin. Dispensare circa 100 ml di soluzione di livello attivo con una micropipetta. Spin substrato come segue: 800 rpm per 60 sec, aumentare il tasso a 1.000 rpm più di 3 secondi, poi girare a 1000 rpm per 10 sec. Lo spessore dello strato attivo sarà di circa 150 nm.
  4. Asciugare i substrati rivestiti nel vano portaoggetti durante la notte.
  5. Pulire polimero in eccesso per garantire un collegamento dell'elettrodo corretta e l'incapsulamento.
  6. Posizionare i supporti su un supporto di evaporazione per deposizione di alluminio. Caricare il supporto nella camera di evaporazione, e depositare uno strato termicamente 100 nm di alluminioad un tasso di evaporazione di 0,4 nm / sec attraverso una maschera di evaporazione in acciaio inox, che ha 3 mm ampie aperture per depositare gli elettrodi contatore alluminio.
  7. Quando la deposizione è stata completata, trasferire i dispositivi ad un glove box in atmosfera inerte. Applicare uno strato di resina induribile UV epossidica nella forma di un rettangolo utilizzando un dispenser. Posizionare un vetro di copertura (15 mm x 12 mm x 0.7 mm di spessore) sulla resina per incapsulare il dispositivo (vedi Figura 1).
  8. Curare la resina utilizzando la radiazione UV (dose cumulativa: 6.000 mJ / cm 2, lunghezza d'onda: 365 nm) da una sorgente di luce UV-LED.

3. Caratterizzazione

  1. misurazioni JVL
    NOTA: La densità di corrente (J) -Voltage (V) -luminance (L) (JVL) caratteristiche e le coordinate Commission Internationale de l'Eclairage (CIE) sono stati misurati usando un fotorilevatore spettrale dotato di un monitor sorgente di corrente tensione continua. Il sistema di misura è controllato da unPC con un software di controllo personalizzato per l'acquisizione dei dati. Il sistema è stato calibrato seguente protocollo del produttore e le misurazioni sono state eseguite nel buio sotto una tenda nera.
    1. Collegare i terminali ai contatti del dispositivo con morsetti a coccodrillo. Posizionare il dispositivo sul palco di misura.
    2. Eseguire il software di controllo per l'acquisizione dei dati. Il sistema controlla la tensione applicata e la corrente nel tempo e raccoglie gli spettri di emissione dallo spettrometro attraverso una fibra ottica.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Representative Results

Il elettroluminescenza (EL) spettri sono stati usati per calcolare le coordinate CIE e valori CRI (Figure 2, 4, 5). Le immagini fotografiche dei dispositivi che emettono sono stati raccolti per verificare la bianchezza delle emissioni (Figura 3).

Gli spettri EL dei dispositivi PFD amminici drogato e non drogato dispositivo PFD sono mostrati in Figura 2. Il dispositivo PFD non drogato mostrato emissione blu che corrisponde all'emissione eccitone PFD. Nel frattempo, il 2-TNATA ei dispositivi DMFL-NPB drogate indicavano emissioni lunghezze d'onda maggiori rispetto al dispositivo PFD non drogato. Le emissioni provenienti dai dispositivi di ammine drogato originati da ecciplessi formati tra il PFD e ammine in stati elettronici eccitati.

Dispositivi drogati Il 2-TNATA e DMFL-NPB mostrato emissione di luce bianca come si vede nella photogra colore phs dei dispositivi emettitori (Figura 3). Le variazioni delle coordinate CIE dei dispositivi amminici drogato (rapporti droganti di PFD: ammina = 1: 0,25 e 1: 1). Sono mostrati in Figura 4 Il dispositivo drogato 2-TNATA (PFD: 2-TNATA = 1: 0.25) mostrato coordinate CIE di (0,33, 0,43) e un Indice di resa cromatica (CRI) Ra = 73 a V accensione = 3,5 V (V accensione è definito come la tensione richiesta per produrre una luminanza di oltre 1 cd / cm 2 durante una scansione tensione di misura) ed il dispositivo drogato DMFL-NPB con lo stesso rapporto di PFD: DMFL-NPB (1: 0,25) mostrava coordinate CIE di x = 0,23, y = 0,33, e un CRI di Ra = 54 a V turn-on = 3,5 V. il colore di emissione del dispositivo DMFL-NPB drogato era leggermente blu fatto scorrere rispetto a quella del dispositivo drogato 2-TNATA. Ciò è causa di una differenza nel exciplex formando capacità delle ammine con PFD, con 2-TNATA avere una maggiore capacità di formare ecciplessi rispetto DMFL-NPB. 15

ontent "fo: keep-together.within-page =" 1 "> Figura 5 mostra i cambiamenti nella densità di corrente, luminanza e coordinate CIE del 2-TNATA dispositivo drogato quando è stata applicata una tensione costante di 5 V Immediatamente dopo l'applicazione della. tensione, il dispositivo mostrato coordinate CIE di (0,27, 0,37) e una Ra di 67, e il colore di emissione è rimasto pressoché invariato e stabile dopo 300 sec.

Figura 1
Figura 1. processo di fabbricazione del dispositivo LEC. Cliccate qui per vedere una versione più grande di questa figura.

figura 2
Figura 2. EL spettri di emissione di PLECS, 2-TNATA drogato, DMFL-NPB dispositivi drogati e non drogati.e.jove.com/files/ftp_upload/54628/54628fig2large.jpg "target =" _ blank "> Clicca qui per vedere una versione più grande di questa figura.

Figura 3
Figura 3. Fotografia di emissione di luce dai dispositivi di ammine drogato rapporto doping di PFD:. Ammina = 1:.. 1 a) 2-TNATA dispositivo drogato b) DMFL-NPB dispositivo drogato (barre di scala:. 5 mm) Si prega di cliccare qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figura 4
Figura 4. Variazioni CIE coordinate del 2-TNATA e la DMFL-NPD dispositivi drogati con l'aumentare della tensione a) I dispositivi con rapporto di doping di PFD:. Ammina = 1: 1. B) </ strong> Dispositivi con rapporto di doping di PFD: ammina = 1: 0.25. Clicca qui per vedere una versione più grande di questa figura.

Figura 5
Figura 5. temporale evoluzione a) coordinate CIE, luminanza e attuali, e b) l'efficacia, luminanza, e la corrente del 2-TNATA drogati PLECS. Cliccate qui per vedere una versione più grande di questa figura.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Discussion

Il LEC ha uno strato attivo contenente PFD idrofoba e ammine aromatiche, e ossido di polietilene idrofila e KCF 3 SO 3. Poiché questi materiali hanno molto diverse solubilità, accurata preparazione della soluzione di spin coating è fondamentale per evitare solvatazione incompleta. Ciascuno deve essere prima sciolti separatamente e completamente in solventi con capacità di solvatazione sufficiente, allora le soluzioni sono mescolati insieme per formare una miscela uniforme. Bilanciare le emissioni eccitonici e exciplex è la chiave per ottenere emissioni bianco. Pertanto, gli importi di PFD e ammine devono essere misurate con precisione.

In LEC è anche importante per controllare la morfologia di fase-separazione dello strato attivo. Gli autori hanno provato ad utilizzare altri ioni polimeri conduttori quali trimetilolpropano etossilati (TMPE-OH) 16 invece di PEO, ma il dispositivo fabbricato con TMPE-OH non funzionavano come un LEC. I materiali idrofobici (PFD e aromaticoammine) e l'elettrolita polimero idrofilo tendono a eliminare gradualmente separati, il che significa che i materiali devono essere selezionati con cura.

La luce UV utilizzata per curare la resina può danneggiare il materiale strato attivo. Pertanto, la luce UV è brillato dal lato depositato alluminio attraverso una copertura in vetro per evitare l'esposizione inutile.

Rispetto ai metodi in cui vengono utilizzati diversi materiali luminescenti, 10-14 il metodo sopra descritto presenta un grande vantaggio di emissione di luce bianca può essere ottenuta solo attraverso l'aggiunta di composti semplici quali ammine aromatiche. Per produrre alta luce bianca CRI, sarà necessario ottenere emissioni banda più larga con uno spettro più vicino alla luce solare. Perché ecciplessi generalmente producono emissioni a banda larga, trovando migliori combinazioni di blu polimeri emettitori di luce e ammine dovrebbe rendere possibile il raggiungimento di questi cris superiori.

La Figura 5 mostra il tempo evoluzione di luminanza, densità di corrente, coordinate CIE e all'efficacia del LEC 2-TNATA-drogato applicato ad una tensione costante di 5 V. La figura 4b mostra l'andamento tipico di un LEC, come l'aumento di luminanza e la densità di corrente e le variazioni in efficacia durante i primi 30 secondi di funzionamento.

Gli autori hanno così dimostrato la procedura di fabbricazione per PLECS con emissione di luce bianca che utilizza le emissioni exciplex provenienti da PFD e ammine. Gli autori hanno anche dimostrato la stabilità di questa emissione di luce bianca, una proprietà che è particolarmente importante per le grandi applicazioni di illuminazione zona.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Acknowledgments

Questo lavoro è stato parzialmente supportato da un Grant-in-Aid per la ricerca scientifica (n ° 24.225.003). Questo lavoro è stato sostenuto finanziariamente dalla JX Nippon Oil & Energy Corporation.

Materials

Name Company Catalog Number Comments
Poly(9,9-di-n-dodecylfluorenyl-2,7-diyl) (PFD) Aldrich 571660
4,4’,4’’-Tris[2-naphthyl(phenyl)amino] triphenylamine (2-TNATA) Aldrich 768669
9,9-Dimethyl-N,N’-di(1-naphthyl)-N,N’-diphenyl-9H-fluorene-2,7-diamine (DMFL-NPB) Aldrich
Poly(ethylene oxide) (PEO) Aldrich 182028
Potassium tirifluoromethansulfonate (KCF3SO3) Aldrich 422843 dried under vacuum at 200 °C for 2 hr prior to use
Chloroform Kanto Chemical Co. 08097-25 dehydrated
Cyclohexanone Kanto Chemical Co. 07555-00
SCAT 20-X (detergent) Daiichi Kogyo Seiyaku diluted with water
Acetone Kanto Chemical Co. 01866-25 Electronic grage
2-propanol Kanto Chemical Co. 32439-75 Electronic grage
13 mm GD/X Disposable Filter Device PVDF Filter Media, Polypropylene Housing Whatman 6872-1304
UV/O3 Treating Unit SEN Lights Co. SSP16-110
Spectral Photo Detector Otsuka Electronics MCPD 9800
Voltage Current Source Monitor ADCMT 6241A
Evaporation Mask Tokyo Process Service Co., Ltd. NA The evaporation mask was wet-etched to create openings for patterned deposition of aluminum. The size of the mask is 100 mm x 100 mm x 0.2 mm-thick.

DOWNLOAD MATERIALS LIST

References

  1. Pei, Q., Yu, G., Zhang, C., Yang, Y., Heeger, A. J. Polymer light-emitting electrochemical cells. Science. 269, (5227), 1086-1088 (1995).
  2. Sun, Q., Li, Y., Pei, Q. Polymer light-emitting electrochemical cells for high-efficiency low-voltage electroluminescent devices. J. Disp. Technol. 3, (2), 211-224 (2007).
  3. Meier, S. B., et al. Light-emitting electrochemical cells: recent progress and future prospects. Mater. Today. 17, (5), 217-223 (2014).
  4. Edman, L., et al. Single-component light-emitting electrochemical cell fabricated from cationic polyfluorene: Effect of film morphology on device performance. J. Appl. Phys. 98, (4), 044502 (2005).
  5. Fang, J., Matyba, P., Edman, L. The Design and Realization of Flexible, Long-Lived Light-Emitting Electrochemical Cells. Adv. Funct. Mater. 19, (16), 2671-2676 (2009).
  6. Yu, Z., et al. Stabilizing the Dynamic p− i− n Junction in Polymer Light-Emitting Electrochemical Cells. J. Phys. Chem. Lett. 2, (5), 367-372 (2011).
  7. Sandström, A., Dam, H. F., Krebs, F. C., Edman, L. Ambient fabrication of flexible and large-area organic light-emitting devices using slot-die coating. Nat. Commun. 3, 1002 (2012).
  8. Liang, J., Li, L., Niu, X., Yu, Z., Pei, Q. Elastomeric polymer light-emitting devices and displays. Nat. Photonics. 7, (10), 817-824 (2013).
  9. Yang, Y., Pei, Q. Efficient blue-green and white light-emitting electrochemical cells based on poly 9, 9-bis (3, 6-dioxaheptyl)-fluorene-2, 7-diyl. J. Appl. Phys. 81, (7), 3294-3298 (1997).
  10. Tang, S., Buchholz, H. A., Edman, L. White Light from a Light-Emitting Electrochemical Cell: Controlling the Energy-Transfer in a Conjugated Polymer/Triplet-Emitter Blend. ACS Appl. Mater. Iterfaces. 7, (46), 25955-25960 (2015).
  11. Nishikitani, Y., Takizawa, D., Nishide, H., Uchida, S., Nishimura, S. White Polymer Light-Emitting Electrochemical Cells Fabricated Using Energy Donor and Acceptor Fluorescent π-Conjugated Polymers Based on Concepts of Band-Structure Engineering. J. Phys. Chem. C. 119, (52), 28701-28710 (2015).
  12. Sun, M., Zhong, C., Li, F., Cao, Y., Pei, Q. A Fluorene− Oxadiazole Copolymer for White Light-Emitting Electrochemical Cells. Macromolecules. 43, (4), 1714-1718 (2010).
  13. Tang, S., Pan, J., Buchholz, H., Edman, L. White Light-Emitting Electrochemical Cell. ACS Appl. Mater. Interfaces. 3, (9), 3384-3388 (2011).
  14. Tang, S., Pan, J., Buchholz, H. A., Edman, L. White light from a single-emitter light-emitting electrochemical cell. J. Am. Chem. Soc. 135, (9), 3647-3652 (2013).
  15. Nishikitani, Y., et al. White polymer light-emitting electrochemical cells using emission from exciplexes with long intermolecular distances formed between polyfluorene and π-conjugated amine molecules. J. Appl. Phys. 118, (22), 225501 (2015).
  16. Tang, S., Mindemark, J., Araujo, C. M. G., Brandell, D., Edman, L. Identifying Key Properties of Electrolytes for Light-Emitting Electrochemical Cells. Chem. Mater. 26, (17), 5083-5088 (2014).

Comments

0 Comments


    Post a Question / Comment / Request

    You must be signed in to post a comment. Please or create an account.

    Usage Statistics