Login processing...

Trial ends in Request Full Access Tell Your Colleague About Jove
Click here for the English version

Medicine

Efficacia terapeutica di un supplemento dietetico per la gestione di alitosi in Cani

doi: 10.3791/52717 Published: July 6, 2015

Abstract

Alitosi è un disturbo comune che coinvolge i problemi sociali e di comunicazione negli esseri umani e influenza anche il rapporto pet-proprietario. In questo cross-over randomizzato valutazione clinico controllato con placebo, abbiamo valutato l'efficacia di un integratore alimentare dedicato a migliorare l'alitosi cronica in 32 cani di diverse razze e le età. Questo protocollo descrive come evalute presenza di orali compunds suphur volatili, ad esempio metil mercaptano, solfuro di idrogeno e solfuro di dimetile, mediante un dispositivo gascromatografo portatile accoppiato con una siringa, che è stato utilizzato per raccogliere il respiro, e un software dedicato, che permette all'operatore di monitorare ogni concentrazione del composto durante ogni misurazione, in un tempo relativamente breve (8 min).

Una modifica significativa dei parametri alitosi è stata osservata dopo 30 giorni dall'inizio del trattamento (p <0,05), mentre un effetto duraturo stata ancora osservata anche 20 giorni after la sospensione del trattamento. Gascromatografo portatile, che è anche ampiamente utilizzato nella pratica clinica, può essere quindi usato per confermare e controllare alitosi nell'uomo e negli animali. Anche se le specie umane e animali presentano alcune differenze, questa terapia innovativa e alternativa a gestione alitosi potrebbe essere esteso alla pratica clinica umana come un approccio dietetico adiuvante.

Introduction

Odore orale, conosciuto anche con il termine alitosi, è un disturbo comune che provoca imbarazzo interpersonali relazioni sociali 1 per quanto corpo malodor 2. Sebbene la maggior parte dei dati epidemiologici su odore orale è limitato in termini di precisione e la sensibilità a causa di un personale di auto-stima, studi riportano che il 30-50% della popolazione è affetto da questa patologia 3-6. Alcuni studi hanno anche evidenziato che è più frequente negli uomini che nelle donne, indipendentemente dall'età, con un rapporto di 3: 1 e il rapporto è leggermente più alto nelle persone oltre 20 anni 7.

Alitosi può essere messo in scena a seconda della sua eziologia: tipo 1 (orale), tipo 2 (via aerea), di tipo 3 (gastroesofageo), tipo 4 (ematica) e di tipo 5 (personale); Tuttavia, è stato ipotizzato che l'alitosi potrebbe essere potenzialmente considerato la somma di questi tipi in qualsiasi combinazione, sovrapposto l'odore fisiologica presente in salute (Type 0) 8,9. Scully et al., che ampiamente descritto e caratterizzato eziopatogenesi e gestione di alitosi, riportato che in alcuni pazienti ha un'eziologia extra-orale e, in alcuni di essi, anomalie metaboliche sono coinvolti 10. Gli autori hanno sottolineato che i composti volatili solforati (VSC) e alcuni fattori predisponenti, come ad esempio l'igiene orale scarsa, iposalivazione, apparecchi dentali, gengivali e malattie parodontali e malattie delle mucose, sono i principali responsabili del cattivo odore. Inoltre, hanno proposto il miglioramento della salute orale, terapie anti-cattivo odore e counteractives cattivo odore, come un approccio convenzionale di base. Inoltre, hanno proposto anche l'uso di probiotici e vaccini contro i batteri che causano cattivo odore.

Compagni umani e animali, vale a dire. cani e gatti, possono essere influenzati da reazioni avverse legate al cibo, che può coinvolgere diversi sistemi, come il gastroenterico, cutaneo, otologica, oculare, urinario e respiratorio 11-13. Tuttavia, numerosi studi su animali hanno evidenziato che la camera nasale è uno dei sistemi più coinvolti dove tartaro 14, stomatiti 15, e alitosi 16 sono spesso presenti. Inoltre, i batteri che causano l'alito cattivo può essere trasmesso da compagni animali agli esseri umani 17. Iwanicka-Grzegorek quantificato composti di zolfo e ammine a basso peso molecolare nella saliva da 84 pazienti affetti da alitosi e 40 controlli sani. Più del 80% dei pazienti appartenenti al gruppo alitosi riferito di aver avuto animali domestici nell'infanzia (P <0,001) e oltre il 70% ancora posseduto un animale domestico (P <0,001).

Pertanto alimentazione può essere utilizzato per gestire alitosi. Inoltre, l'alimentazione gioca un ruolo fondamentale nello sviluppo dei denti, l'integrità del tessuto orale e della gomma, la resistenza delle ossa e anche denti e della bocca gestione della malattia 18. Sulla base di tali considerazioni, presso l'Associazione Italiana per la ricerca sulle malattie Oncologica (AIRMO) Centro, Corriamo un crossover di valutazione clinico controllato con placebo randomizzato che coinvolge 32 cani che soffrono di alitosi, al fine di valutare l'efficacia di un integratore alimentare contro un alimento disponibile in commercio per animali domestici.

Protocol

Tale valutazione clinica è stato progettato di conseguenza con la legislazione europea (86/609 / UE) e il protocollo sperimentale è stato approvato dal Comitato Etico e il benessere degli animali del Centro di Ricerca AIRMO (Milano, Italia).

1. Cani e Food Selection

  1. Casualmente dividere 32 cani di razze diverse (7,01 ± 0,20 anni [media ± errore standard della media (SEM)]; 34.05 ± 1.47 Kg [media ± SEM], 12 maschi e 20 femmine) che soffrono di alitosi cronica in 2 gruppi, fornendo loro sia con l'integratore alimentare o il placebo per un periodo di 30 giorni.
  2. Assicurarsi che ciascun cane riceve la dose appropriata di integratore alimentare o in base al peso dell'animale in chilogrammi placebo, secondo le istruzioni del produttore. (Tabella 1).
  3. Dopo un trattamento di 30 giorni, in modo che entrambi i gruppi hanno un 10 giorni lavare, dove tutti gli animali sono alimentati con il placebo. Alla fine diil wash out periodo, il regime di alimentazione dei due gruppi sono invertiti in modo che il gruppo di controllo riceve l'integratore alimentare per altri 30 giorni e il gruppo di trattamento riceve il placebo.
  4. Due controlli veterinari effettuati sui cani in entrambi i gruppi, uno prima e uno dopo il trattamento di 30 giorni.

2. Il gascromatografo

Nota: Il gascromatografo è un dispositivo portatile che misura i composti volatili solforati (VSC), solfuro di idrogeno, mercaptano metilico, e dimetil solfuro, che sono i principali fattori causali di alitosi, fornendo informazioni sulla concentrazione di ciascun gas misurato. Misurare ogni VSC aiuta a identificare la causa di alitosi e valutare l'efficacia del trattamento.

  1. Utilizzando la procedura descritta nelle sezioni 3 e 4, esaminare composti volatili solforati (VSC) prima del trattamento con il supplemento dietetico (tempo 0), 10 giorni dopo il trattamento (tempo di 10), 20 giorni dopo il trattamento (tempo20) e alla fine del trattamento (tempo 30).

3. gascromatografo Setting

  1. Accendere l'interruttore principale sul retro dell'unità. Nota: La schermata iniziale visualizza la parola "Modalità di misura".
  2. Premere il tasto Invio per selezionare la modalità di misurazione.
    Nota: WAIT viene visualizzato sullo schermo e il tempo di attesa necessario per stabilizzare il dispositivo di misurazione viene visualizzato accanto alla parola "COUNTER". Quando è giunto il tempo di attesa al termine, il dispositivo è automaticamente pronto per misurare e la spia READY si accende.

4. I cani Respiro di campionamento e analisi

  1. Eseguire il software Data Manager.
  2. Fare clic su "misura" dopo aver confermato che "lo stato attuale" è "pronto per la misurazione"
  3. Inserisci ID e fai clic su "Seleziona". Nota: un messaggio viene visualizzato nell'angolo in alto a destra della finestra.
    1. Se il messaggio visualizzato è & #8220; Iniettare gas orale ", avviare la misurazione.
    2. Se il messaggio visualizzato è "Il dispositivo è essere pronto", quindi attendere.
  4. Mediante una siringa monouso 1 ml, raccogliere il respiro dalla bocca del cane ponendo la siringa nella commessura del cane, lentamente tirando lo stantuffo e rimuovere la siringa dalla bocca del cane.
  5. Regolare il volume della siringa a 1 ml.
  6. Applicare l'ago fornito alla fine della siringa e, dopo aver aperto il coperchio, estrarre il campione nella presa sull'unità principale dispositivo spingendo lo stantuffo.
    Nota: Le misure si avviano automaticamente e la spia READY si spegne. La misurazione è completata in 8 minuti e il risultato viene automaticamente visualizzata (display può essere cambiato in "cromatogramma"). Verrà visualizzata la finestra di giudizio al termine della misura. È possibile visualizzare la storia di misura e dati di misura.
  7. Premere ENTER per memorizzare i risultati che honto l'unità.
    Nota: I dati sono espressi in unità standard di parti per miliardo (ppb) e / o GN / 10 ml.
  8. Quindi attendere 1 min per stabilizzare il dispositivo ed effettuare una nuova misurazione. Nota: Al termine di questo tempo, la lampada si accende significa che il dispositivo è pronto.

Representative Results

Sia placebo e integratore alimentare sono state adeguate allo scopo di fornire apporto nutrizionale e calorico simile e per soddisfare il fabbisogno nutrizionale di cani adulti, in particolare. La loro composizione analitica era: proteina grezza 26%, oli e grassi 13%, fibra grezza 2,5%, ceneri gregge '8% e metabolizzato Energia (EM) 3464 kcal / kg. Energia Metabolizzato è stata calcolata in base alle linee guida nutrizionali per alimenti per animali domestici completi e complementari per cani e gatti dall'industria alimentare Federazione Pet europea. Placebo era composto da carne disidratata di pollo, riso, grassi animali, uova disidratate, avena, polpa di barbabietola secca, semi di lino, proteine ​​animali idrolizzate, olio di pesce, olio vegetale, carbonato di calcio, lievito di birra secco, fosfato monocalcico, cloruro di sodio. Integratore alimentare differiva dal placebo per la presenza di sostanze attive contenute in pressato a freddo compresse a forma di cuore speciali (brevetto europeo n. EP 2.526.781) incluso in completa i cibina percentuale del 6-7%, e per la fonte proteica, farina di pesce invece pasto di pollo. Compresse contenevano propoli (0,0161%), Salvia officinalis (0,0087%), albume d'uovo (lisozima 0,0078%), estratto di arancia disidratato (bioflavonoidi 0,0077%), Thymus vulgaris (0,0127%), Ribes nigrum (0,0040%).

I dati sono stati analizzati, presentata come media ± errore standard della media e controllato per la normalità con il test di normalità D'Agostino-Pearson. Una t-test multiplo è stato utilizzato per confrontare le modifiche in VSC punteggio al follow-up rispetto al basale per ogni modalità di trattamento.

La figura 1A mostra una significativa diminuzione della concentrazione di idrogeno solforato in animali trattati, da un valore di base di 0,43 ng / ml e 0,06 ng / ml, dopo 30 giorni di trattamento. Figura 1B mostra una significativa diminuzione della concentrazione metil mercaptano negli animali trattati, da un basalevalore di 0,30 ng / ml e 0,06 ng / ml, dopo 30 giorni di trattamento. La figura 1C mostra una significativa diminuzione della concentrazione dimetil solfuro negli animali trattati, da un valore di base di 0,28 ng / ml a 0,13 ng / ml, dopo 30 giorni di trattamento .

La figura 2A mostra una significativa diminuzione della concentrazione di idrogeno solforato, da un valore di base di 0,37 ng / ml a 0,10 ng / ml, dopo il trattamento di 20 giorni. In Figura 2B una tendenza simile è stato osservato anche per metil mercaptano che mostra una significativa diminuzione della concentrazione del composto, da un valore di base di 0,24 ng / ml a 0,05 ng / ml, dopo 30 giorni di trattamento. Quanto al dimetil solfuro, Figura 2C, una significativa diminuzione della concentrazione del composto, da un valore base di 0,32 ng / ml a 0,11 ng ​​/ ml, è stata osservata dopo 30 giorni di trattamento.

PESO CORPOREO Integratore alimentare importo per giorno (g)
1 - 10 30-180
11 - 20 190-300
21 - 35 310-455
36 - 50 465-595

Tabella 1: quantità giornaliera di cibo fornito ai cani.

Figura 1
Figura 1: (A) Rappresentazione grafica di solfuro di idrogeno Concentrazione Andamento trattata (n = 16) vs controllo (n = 16) Gruppo Durante i 30 giorni del periodo di trattamento; * P <0,05; (B) Rappresentazione grafica di metile Mercaptano Concentrazione Andamento trattata (n = 16) vs controllo (n = 16) Gruppo Durante i 30 giorni del periodo di trattamento; * P <0,05; (C)Rappresentazione grafica del campo di concentramento Trend dimetilsolfuro a trattata (n = 16) vs controllo (n = 16) Gruppo Durante i 30 giorni del periodo di trattamento; * P <0,05.

Figura 2
Figura 2: (A) Rappresentazione grafica delle tendenze di idrogeno solfuro di concentrazione a trattata (n = 16) vs controllo (n = 16) di gruppo dopo i 10 giorni lavare Periodo; * P <0,05; (B) Rappresentazione grafica di metile Mercaptano Concentrazione Andamento trattata (n = 16) vs controllo (n = 16) di gruppo dopo i 10 giorni lavare Periodo; * P <0,05; (C) Rappresentazione grafica di dimetil Trends solfuro di concentrazione a trattati (n = 16) vs controllo (n = 16) di gruppo dopo i 10 giorni lavare Periodo; * P <0,05.

Discussion

Alitosi è un problema comune nei cani, che rappresenta un problema psicosociale incidere in modo significativo il pet-proprietario rapporto 19. Alito cattivo viene dal metabolismo microbico di entrambi i substrati proteine ​​esogene e endogene all'interno della cavità orale 20 che si traduce in volatili di produzione composto di zolfo, ed è aggravata da altri fattori, tra cui la gengivite necrotizzante ulcerativa acuta, sito estrattivo infetti, detriti sotto apparecchi dentali, ulcere, tonsilloliths e basso 21-23 igiene. Gli agenti principali responsabili della produzione di alito cattivo sono batteri Gram-negativi 24 e il loro aumento è relativo a un ispessimento della placca dentale 25. Una buona igiene orale con diete specifiche in grado di ridurre la carica microbica al livello fisiologico, riducendo l'alitosi ed evitando gengiviti e le malattie parodontali che hanno effetti spiacevoli sulla respiro 26.

Questo punto di vista è supportato dal nostro study mostrando che, dopo 10 giorni di assunzione integratore alimentare, un miglioramento complessivo è stato osservato in 29 su 32 cani (90%) presentano un malodor moderateto severa e, al termine della valutazione, 19 su 29 cani (65% ), che ha ottenuto un miglioramento acquisito una condizione fisiologica stabile per quanto riguarda la concentrazione VSC.

La nostra indagine affronta la questione molto intrigante del possibile la somministrazione di un integratore alimentare per cani con alito cattivo odore da fondamentalmente introducendo pesci proteine ​​idrolizzate, salvia, Ribes nigrum L., Timo, lisozima, propoli, bioflavonoidi e vitamina C nel programma nutrizionale giornaliero. Questi composti, ampiamente utilizzate nella medicina tradizionale, sono state già dimostrato efficace sia in vitro che in vivo.

In particolare, le proteine ​​di pesce sono stati scelti sulla base di studi precedenti cromatografiche che indicava la presenza di grandi quantità di idrogeno solforato, metantiolo, etanotiolo, dimetil solfuro, ed etilene solfuro in proteine ​​bovine 27. Studi di letteratura hanno anche dimostrato una attività antimicrobica di salvia e Ribes nigrum L. Contro mutans Streptoccocus che è noto per essere uno degli agenti patogeni orali (con Porphyromonas gingivalis e Candida albicans) responsabili di odore orale e carie formazione 28-30. Bioflavonoidi e vitamina C sono stati riconosciuti sia come agenti antinfiammatori e batteriostatici che limitano la crescita di alcuni batteri associati con malattie parodontali 31.

Riguardo propoli e timo, una riduzione della produzione malodor da incubate tutta la saliva è stata dimostrata da Sterer et al. 32 L'attività batteriostatica del propoli è stato ampiamente demontrated in letteratura, che vanno dal contenimento della quantità di placca batterica 33-37 di diminuire la tolleranza microrganismi a pH acido 38 39. Inoltre, propoli è dimostrato efficace nel ridurre denti carie nei ratti che limitano il numero di microrganismi, rallentando la sintesi di glucani insolubili, e l'attività glucosiltransferasi 40.

Il nostro studio presenta alcune limitazioni come la sensibilità dello strumento, se confrontato con altre tecniche disponibili (ad es accidentata WO3 hemitube nanostruttura assistita da O 2 plasma modificazione superficiale con funzionalizzazione di base grafene materiale 41, SnO elettrofilate 2 nanofibre sensibilizzati con ossido di grafene ridotto nanosheets 42, benzoil-DL-arginina-naphthylamide (Bana) prova 43, ad alte prestazioni cromatografia liquida (HPLC) 44 e Solid Phase Micro Extraction-gascromatografia / spettrometria di massa (SPME-GC / MS 45). D'altra parte, il dispositivo impiegato in questo studio potrebbe consentire, per instANCE, la raccolta di dati veloce per ottenere rapidamente una diagnosi precoce di epatite virale B, che è anche caratterizzato da elevati livelli di solfuro dimethile 46 o per stabilire uno stato di malattia sistemica e / o respiratorie (come polmonite, enfisema polmonare e bronchite) che sono caratterizzato da elevata solfuro di idrogeno, mercaptano metilico e livelli di solfuro di dimetil 47.

Durante la procedura ci siamo resi conto che il tempo a disposizione per raccogliere il respiro dalla bocca di un cane è stato leggermente inferiore a quello richiesto (pochi secondi contro 30 secondi suggerite dal costruttore). Questo problema è stato superato con successo ripetendo ogni misurazione per tre volte. Un punto critico durante l'esperimento era raccolta respiro. Per non lasciare il cane a bocca aperta troppo a lungo senza danneggiare la siringa, abbiamo messo la siringa nel commessura del cane per raccogliere in modo sicuro il respiro.

Come osservatonell'uomo, ulteriori applicazioni di questa tecnica sarà la prevenzione delle malattie legate respiro, ossia sistemica e respiratoria, nei cani e più in generale in animali. In sintesi, il nostro studio ha dimostrato che l'integratore dietetico era efficace nel ridurre l'alitosi cronica nei cani. I nostri risultati potrebbero anche essere in accordo con quanto proposto da Porter et al., Che ipotizza una possibile interazione tra alitosi e il tratto gastrointestinale, suggerendo che una terapia per alitosi con origine orale potrebbe anche avere qualche effetto sulla composizione batteri intestinali che notoriamente responsabile, in alcuni casi, per volatili composti solforati produzione 48. Tuttavia, una disbiosi potrebbe verificarsi anche dopo un uso massiccio di antibiotici 49, o carne derivati ​​da bestiami intensivi e comunemente usato nella maggior parte di animali e alimenti per l'uomo 50,51.

Disclosures

Gli autori non hanno nulla da rivelare.

Acknowledgments

Questa recensione non è stata sostenuta da sovvenzioni. Abbiamo thankSanypet Spa (Padova, Italia) per fornire gentilmente il supplemento dietetico e placebo utilizzato in questo studio. Ringraziamo anche San Patrignano Comunità che gentilmente hanno partecipato allo studio, fornendo tutti i cani.

Materials

Name Company Catalog Number Comments
OralChroma CHM-1 FIS Inc. 10061285 portable gas cromatograph
FORZA10 Oral Active SANYpet .Sp.a. dietary supplement
InJ/Light-100 PCS Rays S.p.a. INJ5171112 disposable syringes 

DOWNLOAD MATERIALS LIST

References

  1. Bosy, A. Oral malodor: philosophical and practical aspects. Journal (Canadian Dental Association). 63, 196-201 (1997).
  2. Lee, S. S., Zhang, W., Li, Y. Halitosis update: a review of causes, diagnoses, and treatments). Journal of the California Dental Association. 35, 258-260 (2007).
  3. Tessier, J. F., Kulkarni, G. V. Bad breath: etiology, diagnosis and treatment. Oral Health. 81, 19-22, 24 (1991).
  4. Sanz, M., Roldan, S., Herrera, D. Fundamentals of breath malodour. The journal of Contemporary Dental Practice. 2, 1-17 (2001).
  5. Outhouse, T. L., Al-Alawi, R., Fedorowicz, Z., Keenan, J. V. Tongue scraping for treating halitosis. The Cochrane Database of Systematic Reviews. (2006).
  6. Liu, X. N., et al. Oral malodor-related parameters in the Chinese general population. Journal of Clinical Periodontology. 33, 31-36 (2006).
  7. Nadanovsky, P., Carvalho, L. B., Ponce de Leon, A. Oral malodour and its association with age and sex in a general population in Brazil. Oral Diseases. 13, 105-109 (2007).
  8. Aydin, M., Harvey-Woodworth, C. N. Halitosis: a new definition and classification. British Dental Journal. 217, E1 (2014).
  9. Porter, S., Fedele, S. Summary of: Halitosis: a new definition and classification. British Dental Journal. 217, 32-33 (2014).
  10. Scully, C., Greenman, J. Halitology (breath odour: aetiopathogenesis and management. Oral Diseases. 18, 333-345 (2012).
  11. Gaschen, F. P., Merchant, S. R. Adverse food reactions in dogs and cats. The Veterinary clinics of North America. Small Animal Practice. 41, 361-379 (2011).
  12. Mandigers, P., German, A. J. Dietary hypersensitivity in cats and dogs. Tijdschrift voor Diergeneeskunde. 135-710 (2010).
  13. Skypala, I. Adverse food reactions--an emerging issue for adults. Journal of the American Dietetic Association. 111, 1877-1891 (2011).
  14. Larsen, J. Oral products and dental disease. Compendium (Yardley, PA). 32, E4 (2010).
  15. Addie, D. D., Radford, A., Yam, P. S., Taylor, D. J. Cessation of feline calicivirus shedding coincident with resolution of chronic gingivostomatitis in a cat. The Journal of Small Animal Practice. 44, 172-176 (2003).
  16. Simone, A., Jensen, L., Setser, C., Smith, M., Suelzer, M. Assessment of oral malodor in dogs. Journal of veterinary. 11, 71-74 (1994).
  17. Iwanicka-Grzegorek, E., et al. Is transmission of bacteria that cause halitosis from pets to humans possible. Oral Diseases. 11, Suppl 1. 96-97 (2005).
  18. Logan, E. I. Dietary influences on periodontal health in dogs and cats. The Veterinary Clinics of North America. Small Animal Practice. 36, 1385-1401 (2006).
  19. Rawlings, J. M., Culham, N. Halitosis in dogs and the effect of periodontal therapy. The Journal of Nutrition. 128, 2715s-2716s (1998).
  20. Weinberg, M. A., Wesphal, C., Froum, S. J., Palat, M., Schoor, R. Comprehensive Periodontics for the Dental Hygienist WEINBERG Mea A., WESTPHAL Cheryl, FROUM Stuart J., PALAT Milton, SCHOOR Robert: Librairie Lavoisier. 544, Third Edition, (2009).
  21. Lee, P. P., Mak, W. Y., Newsome, P. The aetiology and treatment of oral halitosis: an update. Hong Kong medical journal = Xianggang yi xue za zhi / Hong Kong Academy of Medicine. 10, 414-418 (2004).
  22. Laine, M. L., Slot, D. E., Danser, M. M. Halitosis. A common problem. Nederlands Tijdschrift voor Tandheelkunde. 118, 607-611 (2011).
  23. Warrick, J. M., Inskeep, G. A., Yonkers, T. D., Stookey, G. K., Ewing, T. H. Effect of clindamycin hydrochloride on oral malodor, plaque, calculus, and gingivitis in dogs with periodontitis. Veterinary Therapeutics : Research in Applied Veterinary Medicine. 1, 5-16 (2000).
  24. Nakano, Y., Yoshimura, M., Koga, T. Methyl mercaptan production by periodontal bacteria. International Dental Journal. 52, Suppl 3. 217-220 (2002).
  25. Ritz, H. L. Microbial population shifts in developing human dental plaque. Archives of Oral Biology. 12, 1561-1568 (1967).
  26. Culham, N., Rawlings, J. M. Oral malodor and its relevance to periodontal disease in the dog. Journal of Veterinary Dentistry. 15, 165-168 (1998).
  27. Qvist, I. H., Von Sydow, E. C. F. Unconventional proteins as aroma precursors. Chemical analysis of the volatile compounds in heated soy, casein, and fish protein model systems. Journal of Agricultural and Food Chemistry. 22, 1077-1084 (1021).
  28. Sterer, N., et al. Oral malodor reduction by a palatal mucoadhesive tablet containing herbal formulation. Journal of Dentistry. 36, 535-539 (2008).
  29. Greenberg, M., Urnezis, P., Tian, M. Compressed mints and chewing gum containing magnolia bark extract are effective against bacteria responsible for oral malodor. J.Journal of Agricultural and Food Chemistry. 55, 9465-9469 (2007).
  30. Ikuta, K., et al. Anti-viral and anti-bacterial activities of an extract of blackcurrants (Ribes nigrum L). Microbiology and Immunology. 56, 805-809 (2012).
  31. Chatterjee, A., Saluja, M., Agarwal, G., Alam, M. Green tea: A boon for periodontal and general health. Journal of Indian Society of Periodontology. 16, 161-167 (2012).
  32. Sterer, N., Rubinstein, Y. Effect of various natural medicinals on salivary protein putrefaction and malodor production. Quintessence International. 37, 653-658 (2006).
  33. Steinberg, D., Kaine, G., Gedalia, I. Antibacterial effect of propolis and honey on oral bacteria. American Journal of Dentistry. 9, 236-239 (1996).
  34. Koo, H., et al. In vitro antimicrobial activity of propolis and Arnica montana against oral pathogens. Archives of Oral Biology. 45, 141-148 (2000).
  35. Botushanov, P. I., Grigorov, G. I., Aleksandrov, G. A. A clinical study of a silicate toothpaste with extract from propolis. Folia Medica. 43, 28-30 (2001).
  36. Jeon, J. G., Rosalen, P. L., Falsetta, M. L., Koo, H. Natural products in caries research: current (limited) knowledge, challenges and future perspective. Caries Research. 45, 243-263 (2011).
  37. Jafarzadeh Kashi, T. S., et al. Evaluating the In-vitro Antibacterial Effect of Iranian Propolis on Oral Microorganisms. Iranian Journal of Pharmaceutical Research : IJPR. 10, 363-368 (2011).
  38. Duarte, S., et al. The influence of a novel propolis on mutans streptococci biofilms and caries development in rats. Archives of Oral Biology. 51, 15-22 (2006).
  39. Ozan, F., et al. Effect of mouthrinse containing propolis on oral microorganisms and human gingival fibroblasts. European Journal of Dentistry. 1, 195-201 (2007).
  40. Ikeno, K., Ikeno, T., Miyazawa, C. Effects of propolis on dental caries in rats. Caries Research. 25, 347-351 (1991).
  41. Choi, S. J., et al. Fast responding exhaled-breath sensors using WO3 hemitubes functionalized by graphene-based electronic sensitizers for diagnosis of diseases. ACS Applied Materials & Interfaces. 6, 9061-9070 (2014).
  42. Choi, S. J., et al. Selective detection of acetone and hydrogen sulfide for the diagnosis of diabetes and halitosis using SnO(2) nanofibers functionalized with reduced graphene oxide nanosheets. ACS Applied Materials & Interfaces. 6, (2), 2588-2597 (2014).
  43. Aylikci, B. U., Colak, H. Halitosis: From diagnosis to management. Journal of Natural Science, Biology, and Medicine. 4, 14-23 (2013).
  44. Goldberg, S., et al. Cadaverine as a putative component of oral malodor. Journal of Dental Research. 73, 1168-1172 (1994).
  45. Kanu, A. B., et al. Rapid screening of 2-[18F]-fluoro-2-deoxy-D-glucose infusions for volatile organic compound contaminants by solid phase microextraction with gas chromatography-selective ion monitoring mass spectrometry SPME-GC-SIMMS). Applied Radiation and Isotopes : Including Data, Instrumentation and Methods for Use in Agriculture, Industry. 58, 193-200 (2003).
  46. Han, D. H., Lee, S. M., Lee, J. G., Kim, Y. J., Kim, J. B. Association between viral hepatitis B infection and halitosis. Acta Odontologica Scandinavica. 72, 274-282 (2014).
  47. Awano, S., et al. Relationship between volatile sulfur compounds in mouth air and systemic disease. Journal of Breath Research. 2, 017012 (2008).
  48. Porter, S. R. Diet and halitosis. Current Opinion in Clinical Nutrition and Metabolic. 14, 463-468 (2011).
  49. Sekirov, I., Russell, S. L., Antunes, L. C., Finlay, B. B. Gut microbiota in health and disease. Physiological Reviews. 90, (3), 859-904 (2010).
  50. Di Cerbo, A., Canello, S., Guidetti, G., Laurino, C., Palmieri, B. Unusual antibiotic presence in gym trained subjects with food intolerance; a case report. Nutr Hosp. 30, (2), 395-398 (2014).
  51. Freeman, L. M., Chandler, M. L., Hamper, B. A., Weeth, L. P. Current knowledge about the risks and benefits of raw meat–based diets for dogs and cats. J Am Vet Med Assoc. 243, (11), 243-2411 (2013).
Efficacia terapeutica di un supplemento dietetico per la gestione di alitosi in Cani
Play Video
PDF DOI DOWNLOAD MATERIALS LIST

Cite this Article

Di Cerbo, A., Pezzuto, F., Canello, S., Guidetti, G., Palmieri, B. Therapeutic Effectiveness of a Dietary Supplement for Management of Halitosis in Dogs. J. Vis. Exp. (101), e52717, doi:10.3791/52717 (2015).More

Di Cerbo, A., Pezzuto, F., Canello, S., Guidetti, G., Palmieri, B. Therapeutic Effectiveness of a Dietary Supplement for Management of Halitosis in Dogs. J. Vis. Exp. (101), e52717, doi:10.3791/52717 (2015).

Less
Copy Citation Download Citation Reprints and Permissions
View Video

Get cutting-edge science videos from JoVE sent straight to your inbox every month.

Waiting X
simple hit counter