Waiting
Login processing...

Trial ends in Request Full Access Tell Your Colleague About Jove
Click here for the English version

Chemistry

Studio della breve pubblicità peptide sulla soluzione Dispersi Nanoparticelle inorganiche

Published: April 11, 2020 doi: 10.3791/60526

Summary

Il primo passo nella comprensione dell'interazione tra biomolecola e fase solida inorganica sta rivelando costanti fisico che possono essere valutate stabilendo isotermim di adsorbidimento. L'assorbemento dalla fase liquida è limitato da cinetica, capacità superficiale, pH e adsorbimento competitivo, che tutti dovrebbero essere considerati con cautela prima di impostare un esperimento di adsorbimento.

Abstract

I fondamenti delle interazioni inorganico-organiche sono di fondamentale importanza nella scoperta e nello sviluppo di nuovi biointerfaccia adatti all'utilizzo nella biotecnologia e nella medicina. Studi recenti indicano che le proteine interagiscono con le superfici attraverso siti di adsorbizione limitati. Frammenti proteici come aminoacidi e peptidi possono essere utilizzati per la modellazione dell'interazione tra macromolecole biologiche complesse e superfici inorganiche. Nel corso degli ultimi tre decenni, sono stati sviluppati molti metodi validi e sensibili per misurare i fondamentali della chimica fisica di tali interazioni: calorimetria isotermica di titore (ITC), risonanza del plasmone superficiale (SPR), microbilanciamento del cristallo di quarzo (QCM), fluescenza di riflessione interna totale (TIRF) e spettroscopia di riflessione totale attenuata (ATR).

La tecnica più semplice e conveniente per la misurazione dell'adsorption è il metodo di deplezione, in cui il cambiamento nella concentrazione di sorbate (esaurimento) dopo il contatto con il sorbente disperso nella soluzione viene calcolato e considerato adsorbito. Gli isotermi di adsordimento basati sui dati di esaurimento forniscono tutti i dati fisici di base. Tuttavia, l'adsorbimento da soluzioni richiede tempi di equilibratura più lunghi a causa di restrizioni cinetiche e sorbenti con un'area di superficie elevata specifica, rendendola quasi inapplicabile alle superfici piane fisse macroscopiche. Inoltre, fattori come l'instabilità dei sol, gli aggregati di nanoparticelle, la cristallinità sorbente, la distribuzione delle dimensioni delle nanoparticelle, il pH della soluzione e la concorrenza per l'adsorpazione, dovrebbero essere considerati durante lo studio dei peptidi. La costruzione isotermica dei dati di esaurimento fornisce dati chimici fisici completi per letteralmente ogni sorbate solubile, ma rimane la metodologia più accessibile, in quanto non richiede configurazioni costose. Questo articolo descrive un protocollo di base per lo studio sperimentale dell'adsorbimento dei peptidi sull'ossido inorganico e copre tutti i punti critici che influenzano il processo.

Introduction

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Negli ultimi 50 anni l'interazione tra superfici inorganiche e peptidi ha attirato molta attenzione a causa della sua grande importanza nella scienza dei materiali e nella medicina. La ricerca biomedica si concentra sulla compatibilità e la stabilità delle superfici bioinorganiche, che hanno implicazioni dirette per la medicina rigenerativa, l'ingegneria tissutale1,2,3e l'impianto4,5,6,7.7 I dispositivi bioreattivi contemporanei, come sensori e attuatori, si basano su proteine funzionali immobilizzate su superfici semiconduttori di ossido8,9,10,11,12,13. Le moderne pratiche di purificazione per la produzione di proteine spesso si basano sulle proprietà di interazione delle biomolecole nella purificazione e separazione a valle14.

Tra i molteplici ossidi inorganici, il biossido di titanio rimane il più utilizzato in combinazione con substrati biologicamente rilevanti15,16. La ricerca nel settore delle biointerfacce basate su TiO2si è concentrata sulla creazione di un legame forte e specifico di proteine e peptidi senza modificarne le proprietà biologiche e strutturali. In definitiva, l'obiettivo principale è uno strato ad alta densità superficiale di biomolecole con alta stabilità e una maggiore funzionalità che faranno progredire la creazione di applicazioni biotecnologiche e mediche a base di titanio17.

Il titanio e le sue leghe sono stati ampiamente utilizzati come materiale protesico chirurgico per almeno sei decenni perché uno strato di superficie TiO2 con uno spessore di pochi nanometri è resistente alla corrosione e presenta un alto livello di biocompatibilità in molte applicazioni in vivo18,19,20. Il biossido di titanio è anche ampiamente considerato un substrato inorganico prodotto in biomineralizzazione, dove la nucleazione e la crescita in fase inorganica accompagnata da proteine e peptidi possono fornire materiali con promettenti proprietà catalitiche e ottiche21,22,23,24.

Data l'elevata rilevanza dell'interazione tra materiali inorganici e biomolecole in generale e interazioni proteina-TiO2 in particolare, sono state registrate molte ricerche per affrontare la manipolazione e il controllo dell'adsorto delle proteine su TiO2. A causa di questi studi, sono state rivelate alcune proprietà fondamentali di questa interazione, come la cinetica adsorbiente, la copertura superficiale e la conformazione di biomolecola, dando un supporto sostanziale per ulteriori progressi nelle biointerfacce5,13.

Tuttavia, la complessità delle proteine aggiunge notevoli restrizioni alla piena determinazione e comprensione dell'interazione a livello molecolare di una proteina con le superfici inorganiche. Supponendo che le biomolecole interagiscano con le superfici inorganiche attraverso siti limitati, alcune proteine con strutture note e sequenze di amminoacidi sono state ridotte ai loro componenti-peptidi e aminoacidi-che sono studiati separatamente. Alcuni di questi peptidi hanno dimostrato un'attività significativa, che li rende un soggetto unico di studi di adsorbizione senza la necessità di precedente separazione delle proteine25,26,27,28,29,30.

La caratterizzazione quantitativa dell'adsorbimento dei peptidi su TiO2 o su altre superfici inorganiche può essere realizzata mediante metodi fisici che sono stati adattati specificamente per le biomolecole negli ultimi decenni. Questi metodi includono la calorimetria di titola isotermica (ITC), la risonanza del plasmone superficiale (SPR), il microbilanciamento di cristallo di quarzo (QCM), la fluorescenza totale della riflessione interna (TIRF) e la spettroscopia di riflessità totale attenuata (ATR) attenuata, che consentono il rilevamento della forza di adsorptiontion fornendo dati termodinamici chiave: Legatura costante, energia libera da gibblla, enthalpy e31.

L'adsorbizione delle biomolecole al materiale inorganico può essere realizzato in due modi: 1) ITC e il metodo di esaurimento utilizzare particelle disperse in una soluzione che lega alle superfici macroscopiche fisse; 2) SPR, QCM, TIRF e ATR utilizzano superfici macroscopiche modificate con materiale inorganico, come vetro rivestito in oro o trucioli metallici, cristalli di quarzo, cristalli di solfuro di zinco e chip PMMA, rispettivamente.

La calorimetria di titola isotermica (ITC) è un metodo fisico privo di etichette che misura il calore prodotto o consumato al titolazione di soluzioni o miscele eterogenee. Le cellule calorimetriche sensibili rilevano effetti di calore fino a 100 nanojoule, rendendo possibile la misurazione del calore di adsorbinte sulle superfici delle nanoparticelle. Il comportamento termico del sorbate durante l'addizione continua, fornisce un profilo termodinamico completo dell'interazione rivelando l'enthalpy, la costante di legame e l'entropia ad una determinata temperatura32,33,34,35,36.

La spettroscopia di risonanza del plasmone superficiale (SPR) è una tecnica ottica sensibile alla superficie basata sulla misurazione dell'indice di rifrazione del supporto in prossimità della superficie studiata. Si tratta di un metodo in tempo reale e senza etichette per il monitoraggio di adsorbimento reversibile e spessore strato adsorbito. La costante di rilegatura può essere calcolata in base ai tassi di associazione e di dissociazione. Gli esperimenti di adsordimento effettuati a temperature diverse possono fornire informazioni sulla dipendenza dalla temperatura dell'energia di attivazione e in sequenza altri parametri termodinamici37,38,39.

Il metodo QCM (Quarzo Crystal Microbalance) misura il cambiamento della frequenza oscillante dei cristalli piezoelettrici durante i processi di adsorbimento e desorption. La costante di associazione può essere valutata dal rapporto tra le costanti del tasso di adsorption e desorption. QCM viene utilizzato per misurazioni di massa relative e pertanto non ha bisogno di calibrazione25,27,40. QCM viene utilizzato per l'adsorbimento da gas e liquido. La tecnica liquida permette a QCM di essere utilizzata come strumento di analisi per descrivere la deposizione su superfici variamente modificate41.

La fluorescenza totale della riflessione interna (TIRF) è una tecnica ottica ottica delicata basata sulla misurazione della fluorescenza dei fluorofori ad assorbimento eccitata con onde evanescenti riflesse internamente. Il metodo consente il rilevamento di molecole fluorescenti che coprono la superficie con spessori nell'ordine di decine di nanometri, motivo per cui viene utilizzato nello studio dell'adsorbizione macromolecolare su varie superfici42,43. Il monitoraggio in situ delle dinamiche di fluorescenza su adsorption e desorption forniscono la cinetica adsorbiente e quindi i dati termodinamici42,43.

La riflettanza totale attenuata (ATR) è stata utilizzata da Roddick-Lanzilotta per stabilire gli isotermi di adsorbizione lisina basati sulle bande spettrali di lisina a 1.600 e 1.525 cm-1. Questa è la prima volta che la costante di legame per un peptide su TiO2 è stata determinata utilizzando un metodo infrarosso in situ44. Questa tecnica è stata efficace nello stabilire gli isotermi per i peptidi di polilisina45 e gli amminoacidi acidi46.

A differenza dei metodi di cui sopra, dove il parametro di adsorption è misurato in situ, in un esperimento convenzionale la quantità di biomolecole adsorbite viene misurata dal cambiamento di concentrazione dopo che la superficie ha contattato la soluzione. Poiché la concentrazione di un sorbate decade in una stragrande maggioranza dei casi di adsorption, questo metodo è indicato come il metodo di esaurimento. Le misurazioni della concentrazione richiedono un saggio analitico convalidato, che può essere basato su una proprietà analitica intrinseca del sorbate o basato sull'etichettatura47,48,49,50 o derivazione51,52 dello stesso.

Gli esperimenti di adsorbimenti con QCM, SPR, TIRF o ATR richiedono una speciale preparazione superficiale dei chip e dei sensori utilizzati per gli studi di adsorbimenti. Le superfici preparate devono essere utilizzate una sola volta e richiedono un cambiamento al momento del passaggio dell'adsorbate, a causa dell'inevitabile idratazione della superficie di ossido o dell'eventuale chemisorption di un sorbate. È possibile eseguire un solo campione alla volta utilizzando ITC, QCM, SPR, TIRF o ATR, mentre nel metodo di esaurimento è possibile eseguire decine di campioni, per i quali la quantità è limitata solo dalla capacità del termostato e dalla disponibilità del termostato. Ciò è particolarmente importante quando si elaborano grandi lotti di campioni o librerie di molecole bioattive. È importante sottolineare che il metodo di esaurimento non richiede attrezzature costose, ma solo un termostato.

Tuttavia, nonostante i suoi evidenti vantaggi, il metodo di deplezione richiede caratteristiche procedurali complesse che possono sembrare ingombranti. Questo articolo presenta come eseguire uno studio fisico completo di pubblicità dipeptide su TiO2 utilizzando il metodo di esaurimento e affronta i problemi che i ricercatori possono affrontare quando eseguono esperimenti pertinenti.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Protocol

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

1. Preparazione di soluzioni e diluizioni di dissidi

  1. Preparazione della soluzione dipeptide da 16 mM
    1. Mettere 0,183 g di un dipeptide (Ile-His) (vedi Tabella dei Materiali)in una provetta polimerica sterile, diluire a 35 mL con acqua a doppia distillazione (DDW) e sciogliere a temperatura ambiente (RT) con agitazione vigorosa.
      NOTA: Se il dipeptide non si dissolve in DDW mentre si agita, mettere la soluzione dipeptide in un bagno ad ultrasuoni e sonicare per alcuni minuti.
    2. Preparare una soluzione da 50NmM di tampone di acido etanofonico (MES) da 50 mM con 0,533 g di acido etanosonico 2-( N-morpholino) in 50 mL di DDW nella provetta sterile.N Preparare una soluzione di idrossido di sodio da 50 mM sciogliendo 200 mg di idrossido di sodio in 100 mL di DDW.
    3. Regolare il pH della soluzione di peptide predisso a 7,4 aggiungendo con attenzione (titore di microlitro) 50 mM MES, o idrossido di sodio 50 mM alla soluzione dipeptide da 16 mM, agitando la RT e monitorando il pH con un misuratore di pH. Dopo aver regolato il pH, versare la soluzione in un cilindro di misura, risciacquare la provetta e riempire il cilindro con DDW a 40 mL per fare una concentrazione finale di 16 mM.
  2. Preparazione delle diluizioni didipeptiche da una soluzione di stock da 16 mM
    1. Preparare le diluizioni dei peptidi con concentrazioni comprese tra 0,4 e 12,0 mM diluindo la soluzione di peptide da 16 m m con DDW. Ad esempio, per preparare una soluzione di peptide da 8 mM, aggiungere 7 mL di DDW a 10 mL della soluzione dipeptide da 16 mM. Dopo la diluizione, regolare il pH a 7,4 aggiungendo 50 mM MES o 50 mM NaOH goccia a goccia alla soluzione dipeptide (vedere il passaggio 1.1.3). Dopo aver regolato il pH, versare la soluzione in un cilindro di misura, risciacquare la provetta e riempire il cilindro di misura fino a 20 mL con DDW per rendere la concentrazione dipeptide 8 mM.
      NOTA: altre diluizioni di 16 mM di peptide stock soluzione con concentrazioni di 0.4, 0.8, 1.2, 1.6, 2.0, 3.0, 4.0, 8.0, e 12.0 mM, sono preparati in conformità con Figura 1. La regolazione di ogni pH della soluzione dipeptide a 7.4 è descritta nel passaggio 1.1.3.

2. Preparazione di titania sol

  1. Preparare una soluzione da 10 mM di buffer MES sciogliendo 1,066 g di MES in 500 mL di DDW. Regolare il pH a 7,4 con idrossido di sodio secco mescolando e monitorando il pH con il misuratore di pH.
  2. Macinare 200 mg di nanocristallo TiO2 in un mortaio per almeno 5 min (vedi Tabella dei Materiali).
  3. Pesare 40 mg di nanoparticelle di biossido di titanio di terra in un pallone da laboratorio. Mettere il pallone nel bagno di sonicazione (vedi Tabella dei materiali)utilizzando il supporto di laboratorio.
  4. Aggiungere 20 mL di 10 mM MES buffer nel flacone con TiO2 e sonicare in un bagno ad ultrasuoni (5 L, 40 kHz, 120 W) per 20 min.

3. Miscelazione e termosta

  1. Impostare il termostato (vedere Tabella dei materiali) alle temperature desiderate (ad esempio, 0,00, 10,00, 20,00, 30,00 o 40,00 gradi centigradi).
  2. Aggiungere 1 mL del sol sonicato di TiO2 alle fiale adsorbenti marcate. Posizionare le fiale di adsortiazione contrassegnate contro la corrispondente diluizione dipeptide in un dispositivo di galleggiamento improvvisato in schiuma di polistirolo estruso. Posizionare il dispositivo di galleggiamento con le fiale marcate e le corrispondenti diluizioni dipeptide nel termostato per almeno 5 min.
  3. Aggiungere 1 mL di ogni diluizione dipeptide alla corrispondente fiala di adsorption marcata, assicurandosi che tutte le soluzioni di miscelazione abbiano la stessa temperatura. Mantenere la serie di campioni di adsortioni ottenuti sul termostato a 0,00, 10.00, 20.00, 30.00, o 40.00 C per 24 h per raggiungere l'equilibrio di adsorptioni.
    NOTA: Scuotere con cautela tutti i campioni di dispersioni ottenute prima di metterli nel termostato.
  4. Occasionalmente mescolare le dispersioni TiO2 agitandole manualmente durante la termorazione.

4. Filtrazione dei campioni termodati

  1. Al fine di evitare la riordinamento indotta dalla temperatura estrarre un campione alla volta dal termostato per la filtrazione.
  2. Prendere un campione della soluzione dipeptide da ogni fiala di vetro con una siringa, attraverso un ago di siringa. Togliere l'ago dalla siringa e mettere sul filtro della siringa (vedi Tabella dei materiali) per filtrare la soluzione dipeptide nella fiala di vetro. Ripetere la filtrazione con gli altri campioni.
  3. Analizzare il filtrato in conformità con la sezione 5.
    NOTA: Non centrifugare i campioni, perché richiede pochi minuti e può causare un cambiamento nell'equilibrio di concentrazione.

5. Derivazione e analisi HPLC

  1. Crea una soluzione da 50 mL di acido trifluoroacetico (TFA) in acetonitrile. Aggiungere 0,34 mL di TFA nel cilindro di misura e regolare il volume della soluzione a 50 mL con acetonitrile a RT.
    AVVISO: Lavorare con il TFA sotto una cappa fumata con ventilazione dello scarico, perché l'acido trifluoroacetico è dannoso quando viene inalato, provoca gravi ustioni cutanee ed è tossico per gli organismi acquatici anche a basse concentrazioni53.
  2. Preparare la soluzione di derivazione (ad esempio, Edman reagente54) mettendo 299 l di isothiocyanate fenile e 347 L di triethylamine in un cilindro graduato e regolando il volume della soluzione a 50 mL con acetonittile a RT.
  3. Prima dell'analisi della cromatografia liquida ad alte prestazioni (HPLC), derivai i campioni con il reagente di Edman nelle fiale della cromatografia. Mescolare 400 l del campione con 400 l di Reagente di Edman. Riscaldare il campione a 60 gradi centigradi per 15 min. Dopo il riscaldamento, neutralizzare il campione con 225 l-l della soluzione TFA e attendere qualche minuto per raffreddare il campione in RT.
  4. Utilizzare l'analisi HPLC (vedere Tabella dei materiali) per determinare la concentrazione della soluzione dipeptide prima e dopo l'adsorbimento. Posizionare le fiale cromatografiche con le soluzioni analizzate nell'autocampione HPLC e iniziare ad analizzare i campioni con le condizioni necessarie, impostate dal software (vedere Tabella dei materiali).
    NOTA: La fase mobile è costituita dallo 0,1% Di TFA in acqua deionizzata e acetonitrile pura, con gradienti di acetonitrile dal 20-90% a 286 nm per 13 min. Misurare la concentrazione della soluzione dipeptide utilizzando la curva di calibrazione stabilita in precedenza (Figura 2). Per le specifiche di cromatografia vedere Shchelokov et al.55.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Representative Results

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

L'adsorbimento di un dipeptide sul biossido di titanio nanocristalliè è stato studiato in condizioni biocompatibili in un intervallo di temperatura di 0-40 gradi centigradi. L'adsorption sperimentale di dipeptide (A, mmol/g) sulla superficie di un biossido di titanio è stato valutato come

Dove C0 e Ce sono le concentrazioni iniziali e di equilibrio dipeptide in millimole, rispettivamente; V è il volume di una soluzione dipeptide in litri; e m è il peso del sorbente in grammi.

Le misurazioni dell'adsorption dipeptide sono state elaborate utilizzando il modello Henry. Questo modello isoterma presuppone un adsorbemento a concentrazioni relativamente basse con le molecole di sorbate isolate l'una dall'altra su una superficie sorbente ed è adatto per descrivere i dati sperimentali (Figura 3). Si noti, tuttavia, che questo modello può essere applicato solo nel caso di adsorbimento reversibile, che dovrebbe essere confermato pure. La spettroscopia iR del materiale risciacquato più volte è adatta a questo scopo. Gli importi di peptidi di equilibrio ottenuti sul TiO2 e la soluzione sono correlati in conformità con l'equazione lineare:

dove KH è la costante adsorption di Henry.

La costante di legame dell'equilibrio KH è stata ottenuta dal pendio della dipendenza dall'adsorption dipeptide (A) sulla concentrazione di equilibrio dipeptide (Ce). L'energia libera standard di Gibbs (,kJ/mol) per ogni temperatura T è stata determinata tramite l'equazione Van't Hoff:

dove R è la costante di gas ideale in J/molK, e T è la temperatura del processo di adsorbimento in Kelvin.

Le energie libere di Dipeptide Gibbs determinate ad ogni temperatura (Figura 4) hanno rivelato l'enthalpy (SH) come un'intercettazione della regressione lineare con l'asse. La variabile di regressione, l'entropia del processo (S) è stata derivata dall'equazione fondamentale:

I valori calcolati della costante di rilegatura dell'equilibrio (KH), l'energia Standard di Gibbs (G), l'enthalpy (H) e l'entropia ()per Ile-His sono presentati nella tabella 1.

Figure 1
Figura 1: Diluizione della soluzione di stock dipeptide da 16 mM. Fare clic qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 2
Figura 2: Curva di calibrazione a diversa concentrazione dipeptide. Le concentrazioni di dipeptide erano tra 0,4-16,0 mM. Fare clic qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 3
Figura 3: Gli istomi di adsorption dipeptide calcolati dal modello Henry per ogni temperatura. Dipeptide adsortion isotherms at (A) 0 ) 0 C (B) 10 gradi centigradi (C) 20 gradi centigradi (D) 30 gradi centigradi e (E) 40 gradi centigradi, rispettivamente. I coefficienti di correlazione calcolati (R2)rientravano in un intervallo di 0,96,0,99 per tutti gli isotermi del modello Henry ottenuti. Le barre di errore rappresentano l'intervallo di confidenza del 95% per ogni concentrazione del campione misurata in triplice copia. Fare clic qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 4
Figura 4: Dipendenza dell'energia libera standard di Gibbs dell'adsorption dipeptide sulla temperatura. Le barre di errore rappresentano l'intervallo di confidenza del 95% per l'energia libera di Gibbs come misurazione indiretta basata su Henry Model. Fare clic qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

T, K KH G0, kJ/mol H0, kJ/mol S00, kJ/mol K
273.15 0,32 - 0,01 2,6 - 0,0 - 41 X 9 - 0,16 x 0,03
283.15 0,25 - 0,01 3.2 - 0,1
293.15 0,17 - 0,06 4,3 x 0,9
303.15 0,050 - 0,002 7,6 x 0,1
313.15 0,037 - 0,002 8.3 - 0,1

Tabella 1: Parametri termodinamici di adsorption dipeptide.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Discussion

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

L'adsorbimento da soluzioni per la costruzione di isotermi richiede un tempo più lungo equilibrato per il tempo equilibrato a causa di restrizioni cinetiche e sorbenti con un'alta superficie specifica. Inoltre, l'instabilità dei sol, gli aggregati di nanoparticelle, la cristallinità, la distribuzione delle dimensioni delle nanoparticelle, il pH della soluzione e la concorrenza per l'assorbimento dovrebbero essere considerati durante l'assorbimento degli amminoacidi. Tuttavia, adsorgendo costruzione isoterma utilizzando il metodo di deplezione rimane la metodologia più disponibile, perché non richiede configurazioni costose, eppure fornisce dati di chimica fisica esaustivi per letteralmente ogni sorbate solubile.

Si deve fare una distinzione tra i modi di adsorgazione (ad esempio, soluzione di particelle disperse o su una superficie fissa) quando un materiale cristallino viene utilizzato come assorbente. Ci si dovrebbe aspettare una differenza sostanziale nella distribuzione delle facce cristalline su superfici macroscopicamente piatte e sulle particelle. I parametri termodinamici risultanti determinati dall'adsorto di peptidi sulle nanoparticelle potrebbero non corrispondere ai parametri termodinamici di adsorbimento dei peptidi a superfici piane macroscopicamente.

La quantità media di peptidi adsorbiti sulle superfici inorganiche è estremamente bassa. A temperatura ambiente, questo valore è di circa diverse centinaia di microgrammi per metro quadrato28. Questa piccola quantità di adsorbate richiede metodi di misurazione accurati e solidi con superfici ben sviluppate. Pertanto, piccole sostanze particellche con una grande superficie specifica (centinaia di metri quadrati) dovrebbero essere utilizzati per gli esperimenti di adsortion43,56,57,58,59,60.

I peptidi sono, come le proteine, instabili e mantengono la loro funzionalità a una ristretta gamma di condizioni. Gli esperimenti di adsorbimento sono stati effettuati su biossido di titanio nanocristallino a temperature biocompatibili di 0 , C-40 gradi centigradi (273,15 K-313,15 K), che sono simili a quelli di un normale organismo vivente funzionante. L'adsorbimento a temperature più alte o più basse è irrilevante e non deve essere considerato per l'esperimento.

Composti multifunzionali biologicamente attivi presentano anche un'elevata suscettibilità al pH dei supporti, in quanto colpisce la carica superficiale e quindi le interazioni Coulomb tra gruppi funzionali caricati61,62,63. La carica assorbente dei materiali di ossidi è anche dipendente dal pH a causa dello scambio attivo di protoni sulla superficie idratata64. Al fine di stabilire condizioni stabili per l'equilibrio degli annunci, è necessario utilizzare un buffer. In questo studio, il buffer MES viene utilizzato per la sua proprietà di non coordinatrice65, quindi non sarebbe in competizione con il peptide per l'adsorbimento sulla superficie dell'ossido di metallo, a differenza dei buffer di fosfato66.

Questo recente test di adsorption aminoacido mostra che il principale sito di legame sulla nanoparticella è il difetto superficiale55. La distribuzione dei difetti sulla superficie è una delle caratteristiche meno controllabili dei substrati nanocristalli, quindi si dovrebbe usare assorbente dallo stesso lotto per mantenere la coerenza negli studi di adsordiazione.

QCM, risonanza plasmon, e ITC sono veri e propri metodi con sottile sensibilità che in una combinazione di metodi spettroscopici rivelano peculiarità strutturali dell'adsorbate durante l'interazione con la superficie. Tuttavia, non superano le restrizioni cinetiche e richiedono ancora molto tempo per ottenere l'adeguatone. Inoltre, è possibile elaborare un solo campione alla volta, il che rende difficile l'analisi del campione in batch. D'altra parte, il metodo di esaurimento presentato è semplice e limitato solo alla capacità del termostato, rendendo possibile l'elaborazione di un gran numero di campioni.

I campioni termostati devono essere filtrati non appena vengono rimossi dal termostato per evitare una riconcillicazione indotta dalla temperatura. Anche se l'equilibratura a una nuova temperatura può richiedere fino a poche ore, mantenere i campioni di assorbimento a una temperatura diversa dovrebbe essere ridotto al minimo. Anche la centrifugazione dei campioni per la separazione supernatante non è raccomandata, perché richiede fino a pochi minuti e può causare un cambiamento nell'equilibrio di concentrazione. La scelta del materiale filtrante dipende dalla natura sorbate e dovrebbe ridurre la possibile legatura del filtro per il massimo recupero. È consigliabile seguire le istruzioni e i suggerimenti del fornitore quando si scelgono filtri specifici.

Inoltre, si dovrebbe tenere a mente che il cambiamento di concentrazione negli studi di adsorptiazione dovrebbe essere monitorato utilizzando metodo di quantificazione convalidato utilizzando spettrometria di massa, spettrometria radio o spettroscopia UV-visibile. L'analisi è facile se l'adsorbate è spectroscopicamente attivo, altrimenti è necessaria un'etichettatura aggiuntiva o la derivazione dell'adsorbate.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Disclosures

Gli autori non hanno nulla da rivelare.

Acknowledgments

Questo lavoro è stato sostenuto finanziariamente dalla Fondazione russa per la ricerca di base (Grant no.

Materials

Name Company Catalog Number Comments
2-(N-Morpholino)ethanesulfonic acid TCI Chemicals 4432-31-9 MES, >98%
Acetonitrile Panreac AppliChem HPLC grade
Chromatography vials glass
Dipeptide Ile-His Bachem 4000894
Double-distilled water DDW was obtained on spot
Heating cleaning bath "Ultrasons-HD" J.P. Selecta 3000865 5 L, 40 kHz, 120 Watts
High-performance liquid chromatograph system equipped with a UV−vis detector Shimadzu, LC-20 Prominence HPLC
Isopropanol Sigma-Aldrich (Merck) 67-63-0 99.70%
LabSolutions Lite Shimadzu 223-60410 Software for high-performance liquid chromatography system
Nanocrystalline TiO2 Pure anatase with at least 99% crystallinity. Average particle size 10.62 ± 3.31 nm. Specific surface 131.9 m2/g (BET). See Langmuir 2019, 35, 538−550, for details.
Phenyl isothiocyanate Acros Organics 103-72-0 PITC, 98%
Reversed-phase Zorbax column ZORBAX LC 150×2.5 mm i.d. with a mean particle size of 5 μm
Syringe filter Vladfilter 25 mm, 0.2 μm pore, cellulose acetate
Test sterile polymeric tube polypropylene
Thermostat TC-502 Brookfield Refrigerating/heating circulating bath with the programmable controller for the sample derivatization
Triethylamine Sigma-Aldrich (Merck) 121-44-8 TEA; 99%
Trifluoroacetic acid Panreac AppliChem 163317 TFA, 99%

DOWNLOAD MATERIALS LIST

References

  1. Garcia, A. J. Interfaces to Control Cell-Biomaterial Adhesive Interactions. Polymers for Regenerative Medicine. 203, Chapter 71 171-190 (2006).
  2. Mahmood, T. A., et al. Modulation of chondrocyte phenotype for tissue engineering by designing the biologic-polymer carrier interface. Biomacromolecules. 7, (11), 3012-3018 (2006).
  3. Gandavarapu, N. R., Mariner, P. D., Schwartz, M. P., Anseth, K. S. Extracellular matrix protein adsorption to phosphate-functionalized gels from serum promotes osteogenic differentiation of human mesenchymal stem cells. Acta Biomaterialia. 9, (1), 4525-4534 (2013).
  4. Horbett, T. Biological Activity of Adsorbed Proteins. Surfactant Science Series. 110, 393-413 (2010).
  5. Ratner, B. D., Hoffman, A. S., Schoen, F. J., Lemons, J. E. Biomaterials Science: An Introduction to Materials in Medicine. Elsevier Academic Press/Academic Press. San Diego. (2004).
  6. Jahangir, A. R., et al. Fluorinated surface-modifying macromolecules: Modulating adhesive protein and platelet interactions on a polyether-urethane. Journal of Biomedical Materials Research. 60, (1), 135-147 (2002).
  7. Shen, M., et al. PEO-like plasma polymerized tetraglyme surface interactions with leukocytes and proteins: In vitro and in vivo studies. Journal of Biomaterials Science, Polymer Edition. 13, (4), 367-390 (2002).
  8. Wisniewski, N., Moussy, F., Reichert, W. M. Characterization of implantable biosensor membrane biofouling. Fresenius' Journal of Analytical Chemistry. 366, (6-7), 611-621 (2000).
  9. Geelhood, S. J., et al. Passivating Protein Coatings for Implantable Glucose Sensors: Evaluation of Protein Retention. Journal of Biomedical Materials Research. Part B, Applied Biomaterials. 81, 251-260 (2007).
  10. Knowles, J. R. Enzyme catalysis: not different, just better. Nature. 350, (6314), 121-124 (1991).
  11. Blankschien, M. D., et al. Light-triggered biocatalysis using thermophilic enzyme - Gold nanoparticle complexes. ACS Nano. 7, (1), 654-663 (2013).
  12. Wu, H., et al. Catechol modification and covalent immobilization of catalase on titania submicrospheres. Journal of Molecular Catalysis B: Enzymatic. 92, 44-50 (2013).
  13. Gray, J. J. The interaction of proteins with solid surfaces. Current Opinion in Structural Biology. 14, (1), 110-115 (2004).
  14. Hlady, V., Buijs, J. Protein adsorption on solid surfaces. Current Opinion in Biotechnology. 7, (1), 72-77 (1996).
  15. Kulkarni, M., et al. Titanium nanostructures for biomedical applications. Nanotechnology. 26, (6), 062002 (2015).
  16. Yin, F. Z., Wu, L., Gui Yang, H., Su, H. Y. Recent progress in biomedical applications of titanium dioxide. Physical Chemistry Chemical Physics. 15, (14), 4844-4858 (2013).
  17. Rezania, A., Johnson, R., Lefkow, A. R., Healy, K. E. Bioactivation of metal oxide surfaces. 1. Surface characterization and cell response. Langmuir. 15, (20), 6931-6939 (1999).
  18. Schenk, R. The Corrosion Properties of Titanium and Titanium Alloys. Titanium in Medicine. Brunette, D. M., et al. Springer-Verlag. Berlin, Germany. 145-170 (2001).
  19. Bozzini, B., et al. An electrochemical impedance investigation of the behaviour of anodically oxidised titanium in human plasma and cognate fluids, relevant to dental applications. Journal of Materials Science: Materials in Medicine. 19, (11), 3443-3453 (2008).
  20. Popa, M. V., et al. Long-term assessment of the implant titanium material - Artificial saliva interface. Journal of Materials Science: Materials in Medicine. 19, (1), 1-9 (2008).
  21. Kim, J. K., et al. Lysozyme-mediated biomineralization of titanium-tungsten oxide hybrid nanoparticles with high photocatalytic activity. Chemical Communications. 50, 12392-12395 (2014).
  22. Suriyaraj, S. P., Selvakumar, R. Room temperature biosynthesis of crystalline TiO2 nanoparticles using Bacillus licheniformis and studies on the effect of calcination on phase structure and optical properties. RSC Advances. 4, 39619-39624 (2014).
  23. Inoue, I., et al. Thermo-stable carbon nanotube-TiO2 nanocompsite as electron highways in dye-sensitized solar cell produced by bio-nano-process. Nanotechnology. 26, (28), 285601 (2015).
  24. Gardères, J., et al. Self-assembly and photocatalytic activity of branched silicatein/silintaphin filaments decorated with silicatein-synthesized TiO2 nanoparticles. Bioprocess and Biosystems Engineering. 39, (9), 1477-1486 (2016).
  25. Chen, H., Su, X., Neoh, K. G., Choe, W. S. QCM-D analysis of binding mechanism of phage particles displaying a constrained heptapeptide with specific affinity to SiO2 and TiO2. Analytical Chemistry. 78, (14), 4872-4879 (2006).
  26. Iucci, G., et al. Peptides adsorption on TiO2 and Au: Molecular organization investigated by NEXAFS, XPS and IR. Surface Science. 601, (18), 3843-3849 (2007).
  27. Gronewold, T. M. A., Baumgartner, A., Weckmann, A., Knekties, J., Egler, C. Selection process generating peptide aptamers and analysis of their binding to the TiO2 surface of a surface acoustic wave sensor. Acta Biomaterialia. 5, (2), 794-800 (2009).
  28. Gitelman, A., Rapaport, H. Bifunctional designed peptides induce mineralization and binding to TiO2. Langmuir. 30, (16), 4716-4724 (2014).
  29. Tada, S., Timucin, E., Kitajima, T., Sezerman, O. U., Ito, Y. Direct in vitro selection of titanium-binding epidermal growth factor. Biomaterials. 35, (11), 3497-3503 (2014).
  30. Micksch, T., Liebelt, N., Scharnweber, D., Schwenzer, B. Investigation of the peptide adsorption on ZrO2, TiZr, and TiO2 surfaces as a method for surface modification. ACS Applied Materials and Interfaces. 6, (10), 7408-7416 (2014).
  31. Limo, M. J., Perry, C. C., Thyparambil, A. A., Wei, Y., Latour, R. A. Experimental Characterization of Peptide-Surface Interactions. Bio-Inspired Nanotechnology: From Surface Analysis to Applications. 37-94 (2013).
  32. Draczkowski, P., Matosiuk, D., Jozwiak, K. Isothermal titration calorimetry in membrane protein research. Journal of Pharmaceutical and Biomedical Analysis. 87, 313-325 (2014).
  33. Omanovic-Miklicanin, E., Manfield, I., Wilkins, T. Application of isothermal titration calorimetry in evaluation of protein-nanoparticle interactions. Journal of Thermal Analysis and Calorimetry. 127, 605-613 (2017).
  34. Jing, X., et al. Interaction of peptidomimetics with bilayer membranes: Biophysical characterization and cellular uptake. Langmuir. 28, (11), 5167-5175 (2012).
  35. Mizuguchi, C., et al. Effect of phosphatidylserine and cholesterol on membrane-mediated fibril formation by the N-terminal amyloidogenic fragment of apolipoprotein A-I. Scientific Reports. 8, (1), 5497 (2018).
  36. Bisker, G., et al. Insulin Detection Using a Corona Phase Molecular Recognition Site on Single-Walled Carbon Nanotubes. ACS Sensors. 3, (2), 367-377 (2018).
  37. Singh, N., Husson, S. M. Adsorption thermodynamics of short-chain peptides on charged and uncharged nanothin polymer films. Langmuir. 22, (20), 8443-8451 (2006).
  38. Seker, U. O. S., et al. Thermodynamics of engineered gold binding peptides: Establishing the structure-activity relationships. Biomacromolecules. 15, (7), 2369-2377 (2014).
  39. Beutner, R., Michael, J., Schwenzer, B., Scharnweber, D. Biological nano-functionalization of titanium-based biomaterial surfaces: A flexible toolbox. Journal of the Royal Society Interface. 7, (Suppl 1), S93-S105 (2010).
  40. Sultan, A. M., et al. Aqueous Peptide-TiO2 Interfaces: Isoenergetic Binding via Either Entropically or Enthalpically Driven Mechanisms. ACS Applied Materials and Interfaces. 8, (28), 18620-18630 (2016).
  41. Teichroeb, J. H., Forrest, J. A., Jones, L. W., Chan, J., Dalton, K. Quartz crystal microbalance study of protein adsorption kinetics on poly(2-hydroxyethyl methacrylate). Journal of Colloid and Interface Science. 325, (1), 157-164 (2008).
  42. Lok, B. K., Cheng, Y. L., Robertson, C. R. Protein adsorption on crosslinked polydimethylsiloxane using total internal reflection fluorescence. Journal of Colloid And Interface Science. 91, (1), 104-116 (1983).
  43. Nakanishi, K., Sakiyama, T., Imamura, K. On the Adsorption of Proteins on Solid Surfaces, a Common but Very Complicated Phenomenon. Journal of Bioscience and Bioengineering. 91, (3), 233-244 (2001).
  44. Roddick-Lanzilotta, A. D., Connor, P. A., McQuillan, A. J. An In Situ Infrared Spectroscopic Study of the Adsorption of Lysine to TiO2 from an Aqueous Solution. Langmuir. 14, 6479-6484 (1998).
  45. Roddick-Lanzilotta, A. D., McQuillan, A. J. An in situ infrared spectroscopic investigation of lysine peptide and polylysine adsorption to TiO2 from aqueous solutions. Journal of Colloid and Interface Science. 217, (1), 194-202 (1999).
  46. Roddick-Lanzilotta, A., McQuillan, A. An in situ infrared spectroscopic study of glutamic acid and of aspartic acid adsorbed on TiO2: implications for the biocompatibility of titanium. Journal of Colloid and Interface Science. 227, (1), 48-54 (2000).
  47. Chan, B. M. C., Brash, J. L. Adsorption of fibrinogen on glass: reversibility aspects. Journal of Colloid And Interface Science. 82, (1), 217-225 (1981).
  48. van Enckevort, H. J., Dass, D. V., Langdon, A. G. The adsorption of bovine serum albumin at the stainless-steel/aqueous solution interface. Journal of Colloid And Interface Science. 98, (1), 138-143 (1984).
  49. Arnebrant, T., Nylander, T. Sequential and competitive adsorption of β-lactoglobulin and κ-casein on metal surfaces. Journal of Colloid And Interface Science. 111, (2), 529-533 (1986).
  50. Van Dulm, P., Norde, W. The adsorption of human plasma albumin on solid surfaces, with special attention to the kinetic aspects. Journal of Colloid And Interface Science. 91, (1), 248-255 (1983).
  51. Gonçalves, T. Fluorescent labeling of biomolecules with organic probes. Chemical Reviews. 109, (1), 190-212 (2009).
  52. Roth, K. D. W., Huang, Z. H., Sadagopan, N., Watson, J. T. Charge derivatization of peptides for analysis by mass spectrometry. Mass Spectrometry Reviews. 17, (4), 255-274 (1998).
  53. AppliChem, P. Safety Data Sheet According to Regulation (EU) 830/2015 3317 Trifluoroacetic Acid. http://pub.panreac.com/msds/ing/3317.htm 112 (2018).
  54. Heinrikson, R. L., Meredith, S. C. Amino acid analysis by reverse-phase high-performance liquid chromatography: Precolumn derivatization with phenylisothiocyanate. Analytical Biochemistry. 136, (1), 65-74 (1984).
  55. Shchelokov, A., et al. Adsorption of Native Amino Acids on Nanocrystalline TiO2: Physical Chemistry, QSPR, and Theoretical Modeling. Langmuir. 35, (2), 538-550 (2019).
  56. Fair, B. D., Jamieson, A. M. Studies of Protein Adsorption on Polystyrene Latex Surfaces. Journal of Colloid and Interface Science. 77, (2), 525-534 (1980).
  57. Kim, J. C., Lund, D. B. Adsorption behavior of p-lactoglobulin onto stainless steel surfaces. Journal of Food Processing and Preservation. 21, (607), 303-317 (1997).
  58. Kondo, A., Oku, S., Murakami, F., Higashitani, K. Conformational changes in protein molecules upon adsorption on ultrafine particles. Colloids and Surfaces B: Biointerfaces. 1, 197-201 (1993).
  59. Itoh, H., Nagai, T., Saeki, T., Sakiyama, T., Nakanishi, K. Adsorption of Protein onto Stainless Steel Particle Surface and its Desorption Behavior. Developments in Food Engineering. 811-813 (1994).
  60. Itoh, H., Nagata, A., Toyomasu, T., Sakiyama, T., Nagai, T. Adsorption of β-Lactoglobulin onto the Surface of Stainless Steel Particles. Bioscience, Biotechnology, and Biochemistry. 59, (9), 1648-1651 (1995).
  61. Mudunkotuwa, I. A., Grassian, V. H. Histidine adsorption on TiO2 nanoparticles: An integrated spectroscopic, thermodynamic, and molecular-based approach toward understanding nano-bio interactions. Langmuir. 30, 8751-8760 (2014).
  62. Pászti, Z., Guczi, L. Amino acid adsorption on hydrophilic TiO2: A sum frequency generation vibrational spectroscopy study. Vibrational Spectroscopy. 50, (1), 48-56 (2009).
  63. Costa, D., Savio, L., Pradier, C. M. Adsorption of Amino Acids and Peptides on Metal and Oxide Surfaces in Water Environment: A Synthetic and Prospective Review. Journal of Physical Chemistry B. 120, (29), 7039-7052 (2016).
  64. Kosmulski, M. The significance of the difference in the point of zero charge between rutile and anatase. Advances in Colloid and Interface Science. 99, (3), 255-264 (2002).
  65. Kandegedara, A., Rorabacher, D. B. Noncomplexing tertiary amines as "better" buffers covering the range of pH 3-11. Temperature dependence of their acid dissociation constants. Analytical Chemistry. 71, (15), 3140-3144 (1999).
  66. Susumu, O., Teruaki, A., Koichi, T. The Adsorption of Basic a-Amino Acids in an Aqeous Solution by Titanium(IV) Oxide. Bulletin of the Chemical Society of Japan. 54, 1595-1599 (1981).
Studio della breve pubblicità peptide sulla soluzione Dispersi Nanoparticelle inorganiche
Play Video
PDF DOI DOWNLOAD MATERIALS LIST

Cite this Article

Korina, E., Naifert, S., Morozov, R., Potemkin, V., Bol'shakov, O. Study of Short Peptide Adsorption on Solution Dispersed Inorganic Nanoparticles Using Depletion Method. J. Vis. Exp. (158), e60526, doi:10.3791/60526 (2020).More

Korina, E., Naifert, S., Morozov, R., Potemkin, V., Bol'shakov, O. Study of Short Peptide Adsorption on Solution Dispersed Inorganic Nanoparticles Using Depletion Method. J. Vis. Exp. (158), e60526, doi:10.3791/60526 (2020).

Less
Copy Citation Download Citation Reprints and Permissions
View Video

Get cutting-edge science videos from JoVE sent straight to your inbox every month.

Waiting X
Simple Hit Counter