Waiting
Login processing...

Trial ends in Request Full Access Tell Your Colleague About Jove
JoVE Science Education
Developmental Psychology

A subscription to JoVE is required to view this content.
You will only be able to see the first 20 seconds.

I costi e i benefici della pedagogia naturale
 
Click here for the English version

I costi e i benefici della pedagogia naturale

Overview

Fonte: Laboratori di Nicholaus Noles, Judith Danovitch e Asheley Landrum— Università di Louisville

I bambini hanno molti strumenti che usano nel corso dello sviluppo per imparare dagli adulti. Forse il primo strumento è l'imitazione, semplicemente copiando ciò che vedono fare o dire da un adulto. Tuttavia, i bambini in realtà imparano molto più efficacemente di quanto ci si potrebbe aspettare se stessero solo imitando. Questo perché, quando si tratta di apprendimento e insegnamento, bambini e adulti hanno un rapporto speciale. I bambini trattano gli adulti come se fossero insegnanti utili e competenti, e gli adulti insegnano ai bambini informazioni in un modo che di solito è efficiente ed efficace. Attraverso queste interazioni, i bambini possono imparare molto meglio che se stessero semplicemente usando tentativi ed errori o copiando esattamente gli adulti. Questo modo di interagire è indicato come pedagogia naturale, ed è uno dei motivi per cui i giovani umani sono studenti dotati.

Uno degli aspetti più impressionanti della pedagogia naturale è che nessuno insegna agli adulti come essere buoni insegnanti, e i bambini trattano gli adulti come insegnanti senza dover essere addestrati a farlo. Tuttavia, la pedagogia naturale comporta anche dei costi. I bambini sono curiosi e intrinsecamente motivati ad esplorare, quindi i bambini fanno parte del loro miglior apprendimento quando hanno l'opportunità di imparare ed esplorare da soli. Pertanto, il risultato della pedagogia naturale è che i bambini imparano le informazioni insegnate loro in modo molto efficace, ma l'insegnamento esplicito limita i loro comportamenti curiosi ed esplorativi. C'è un compromesso tra apprendimento efficiente ed esplorazione auto-guidata.

Questo video dimostra il metodo con cui Elizabeth Bonawitz, Patrick Shafto e colleghi1 hanno mostrato gli effetti della pedagogia naturale sui giovani studenti.

Procedure

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Reclutare circa 40 bambini sani di 4 anni senza storia di disturbi dello sviluppo. Ai fini di questa dimostrazione, vengono testati solo due bambini (uno in ogni condizione). Si raccomandano campioni di dimensioni maggiori quando si conducono esperimenti.

1. Raccolta dei dati

  1. Raccogli i materiali necessari.
    1. Acquisisci un nuovo dispositivo con quattro diverse funzioni non ovvie. Ad esempio, il dispositivo utilizzato da Bonawitz e colleghi1 aveva un pulsante nascosto che faceva accendere una luce, un tubo che squittiva quando veniva tirato, un pad che suonava musica quando premuto e uno specchio nascosto all'interno dell'oggetto.
  2. Preambolo
    1. Siediti con il bambino in uno spazio tranquillo.
    2. Assegnare il bambino a una delle due condizioni.
      1. La condizione pedagogica: in questa condizione, tira fuori il dispositivo e dì: "Guarda il mio toy! Questo è il mio toy. Ti mostrerò come funziona il mio toy. Guarda questo!" Dimostra una delle affordance nascoste del dispositivo al bambino facendolo squittire. Poi dite: "Wow, vedetelo? È così che funziona il mio toy!'' e dimostra di nuovo la stessa azione.
      2. La condizione di base: in questa condizione, tira fuori il dispositivo e dì: "Wow, vedi questo gioco? Guardate questo!" Guarda brevemente il gioco per spiegare la differenza nel tempo di interazione rispetto alla condizione pedagogica.
  3. Test
    1. Di': "Wow, non è fantastico? Ti lascerò giocare con il gioco. Vedi se riesci a capire come funziona questo toy. Fammi sapere quando hai finito!" e lascia che il bambino giochi.
    2. Registra le attività del bambino in video.
    3. Se il bambino smette di giocare per 5 s, chiedi: "Hai finito?" Se il bambino dice "sì", termina la sessione sperimentale. Altrimenti, termina la sessione se il bambino smette di giocare per un secondo periodo di 5 secondi.

2. Analisi

  1. Avere due programmatori indipendenti, che sono ciechi alla condizione, codificare il numero di funzioni nascoste scoperte da ciascun bambino. Poiché una funzione – lo squittio – è stata usata come dimostrazione nella condizione pedagogica, non è considerata nascosta allo scopo di segnare le scoperte dei bambini. Pertanto, ogni bambino riceve un punteggio compreso tra 0 (scoperto nessuna funzione) e 3 (scoperto tutte le funzioni rimanenti).
  2. Utilizzare un t-test per determinare se ci sono differenze nel numero di funzioni scoperte tra le condizioni.

I bambini vanno oltre l'uso della semplice imitazione e tentativi ed errori durante il corso dell'apprendimento per formare una speciale relazione pedagogica con gli adulti.

Ad esempio, un bambino potrebbe imparare ad allacciarsi le scarpe usando tentativi ed errori, ma è molto più efficiente per un adulto insegnare loro un metodo efficace.

Senza essere addestrati a farlo, i bambini trattano gli adulti come se fossero insegnanti utili e competenti, e gli adulti insegnano ai bambini informazioni in un modo che di solito è efficiente ed efficace. Questo scambio intrinseco di insegnamento e apprendimento è chiamato pedagogia naturale.

Tuttavia, se i contesti pedagogici comprendono l'approccio dominante per l'apprendimento, ciò potrebbe limitare la curiosità e la motivazione indipendente di un bambino ad imparare da solo, senza istruzioni aggiuntive. Cioè, dal momento che l'insegnante non ha mostrato loro nient'altro nel parco giochi, il bambino può presumere che non ci sia altro da imparare.

Basato su metodi sviluppati da Elizabeth Bonawitz, Patrick Shafto e colleghi, questo video dimostra un approccio semplice su come progettare e condurre un esperimento che indaga gli effetti della pedagogia naturale nei bambini piccoli, nonché su come analizzare e interpretare i risultati sui benefici e sui limiti dell'insegnamento.

In questo esperimento, i bambini di 4 anni vengono collocati in uno dei due gruppi, dove viene chiesto loro di giocare con un giocattolo con quattro diverse funzioni nascoste, tra cui un bug che lampeggia quando viene premuto.

Per la condizione di base, a ogni bambino viene mostrato il gioco senza alcuna delle funzioni nascoste dimostrate, che è considerato un test di esplorazione auto-diretta.

Al contrario, nella condizione pedagogica, ai bambini viene mostrato il giocattolo, accompagnato da una dimostrazione di come funziona una delle sue funzioni, come farlo squittire.

In questo caso, la variabile dipendente è il numero di funzioni nascoste che vengono scoperte sul gioco.

Si prevede che i bambini nella condizione pedagogica scopriranno meno delle funzioni nascoste sul giocattolo rispetto ai bambini nella condizione di base, poiché probabilmente si impegneranno con il dispositivo in un modo più mirato e limitato rispetto ai bambini che imparano a conoscere il dispositivo da soli.

Prima che inizi l'esperimento, costruisci un nuovo dispositivo con quattro funzioni diverse e non ovvie che coinvolgeranno l'attenzione di un bambino, come un pulsante nascosto che fa accendere una luce, uno squittio, un insetto che lampeggia quando viene premuto e una tartaruga nascosta in un tubo.

Quando arriva il bambino, prima siediti in uno spazio tranquillo.

Assegnali in modo casuale a una delle due condizioni: nella condizione di base, mostra il gioco al bambino e guardalo semplicemente. Nella condizione pedagogica, dimostra come funziona una funzione del gioco, come farlo squittire.

Durante la sessione di test, utilizzare una videocamera per registrare le interazioni del bambino. Una volta iniziata la registrazione, dai il video a ogni bambino e chiedi loro di vedere se riescono a capire come funziona. Lasciali soli a giocare e fagli indicare quando hanno finito.

Quando il bambino smette di giocare con il giocattolo per un periodo di 5-s, termina l'esperimento.

Una volta terminato lo studio, assegna due programmatori indipendenti che sono ciechi alle condizioni per visualizzare tutti i video e contare il numero di funzioni nascoste scoperte da ciascun bambino. Ai fini del punteggio, lo squeaker utilizzato nella dimostrazione non è considerato una funzione nascosta.

Ogni bambino può ricevere un punteggio compreso tra 0 - non ha scoperto alcuna funzione - e 3 - ha scoperto tutte le funzioni.

Per analizzare i dati, eseguire un t-test per determinare se esistono differenze nel numero di funzioni rilevate tra le condizioni.

Si noti che i bambini in condizioni pedagogiche, a cui è stato insegnato il dispositivo, si sono concentrati principalmente sulla funzione mostrata loro, rispetto ai bambini nella condizione di base. Questa scoperta suggerisce che insegnare ai bambini concentra la loro attenzione sulle informazioni comunicate e limita significativamente la loro esplorazione e curiosità.

Ora che hai familiarità con la progettazione di un esperimento di psicologia per osservare la pedagogia naturale nei bambini, consideriamo come i risultati dimostrano un delicato equilibrio tra le situazioni in cui gli insegnanti dovrebbero insegnare o consentire ai bambini di esplorare da soli.

Impegnandosi nell'esplorazione auto-diretta e nel gioco libero, i bambini sono esposti a una vasta gamma di opportunità educative, tra cui come risolvere i problemi e persino conoscere i processi scientifici, come la metamorfosi.

Tuttavia, nel più ampio contesto dell'apprendimento, esistono situazioni in cui l'esplorazione è inefficiente o addirittura problematica e rallenta l'apprendimento. Ad esempio, ci sono solo pochi modi per eseguire la divisione lunga, ed è molto più facile per un bambino imparare un metodo da un insegnante che scoprirne uno da solo.

Hai appena visto l'introduzione di JoVE ai costi e ai benefici della pedagogia naturale. Ora dovresti avere una buona comprensione di come progettare e condurre l'esperimento e, infine, come analizzare e interpretare i risultati.

Grazie per l'attenzione!

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Results

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

I bambini nella condizione pedagogica in genere scoprono meno funzioni nascoste del dispositivo rispetto ai bambini nella condizione di base (Figura 1). Anche i bambini istruiti sul dispositivo di solito trascorrono meno tempo a giocare con esso e concentrano il loro gioco sulla funzione insegnata loro dallo sperimentatore, anche se scoprono altre funzioni. Presi insieme, questi risultati suggeriscono che insegnare ai bambini concentra la loro attenzione sulle informazioni comunicate e limita significativamente la loro esplorazione e curiosità. Interagiscono con il dispositivo in modo più mirato e limitato rispetto ai bambini che imparano a conoscere il dispositivo da soli.

Figure 1
Figura 1. Il numero medio di funzioni giocattolo scoperte dai bambini in tutte le condizioni.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Applications and Summary

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Questo esperimento dimostra che c'è un valore nel lasciare che i bambini esplorino il loro mondo da soli e che insegnare esplicitamente ai bambini può limitare significativamente la loro curiosità in alcune situazioni. In particolare, c'è un crescente numero di prove che i bambini possono imparare in modo altrettanto efficace, se non più efficace, attraverso il gioco libero e l'esplorazione auto-diretta che attraverso l'istruzione esplicita. Detto questo, l'insegnamento non è sempre una cosa negativa e questi risultati devono essere considerati nel contesto più ampio dell'apprendimento dei bambini. A volte è utile per una persona esplorare e scoprire le cose da soli, ma ci sono anche molte situazioni in cui tale esplorazione è inefficiente o addirittura problematica. Ad esempio, ci sono molte situazioni in cui tale esplorazione rallenta solo l'apprendimento, come imparare ad allacciare le scarpe o eseguire lunghe divisioni. Questi risultati dimostrano che gli insegnanti devono considerare attentamente quando insegnare e quando consentire alla naturale curiosità dei bambini di guidare il loro apprendimento.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

References

  1. Bonawitz, E., Shafto, P., Gweon, H., Goodman, N.D., Spelke, E., & Schulz, L. The double-edged sword of pedagogy: Instruction limits spontaneous exploration and discovery. Cognition. 120, 322-330 (2011).

Transcript

Please note that all translations are automatically generated.

Click here for the English version.

Get cutting-edge science videos from JoVE sent straight to your inbox every month.

Waiting X
Simple Hit Counter