Author Produced

Lo strumento educativo Dyspepsia come un nuovo aiuto nella gestione della dispepsia

Medicine

Your institution must subscribe to JoVE's Medicine section to access this content.

Fill out the form below to receive a free trial or learn more about access:

 

Summary

Questo protocollo descrive il processo di sviluppo di uno strumento educativo digitale di dispepsia. Vengono presentate la valutazione delle esigenze non soddisfatte e della letteratura, lo sviluppo dei contenuti e la creazione dello strumento. La metodologia può essere utilizzata come guida per lo sviluppo futuro di strumenti didattici digitali.

Cite this Article

Copy Citation | Download Citations | Reprints and Permissions

de Jong, J. J., Lantinga, M. A., Drenth, J. P. The Dyspepsia Educational Tool As a Novel Aid in Dyspepsia Management. J. Vis. Exp. (148), e59852, doi:10.3791/59852 (2019).

Please note that all translations are automatically generated.

Click here for the english version. For other languages click here.

Abstract

Gli strumenti educativi digitali hanno un ruolo consolidato nell'assistenza sanitaria attuale. In particolare, i disturbi gestiti non farmacologicamente beneficiano di questo sviluppo, in quanto consente l'impegno del paziente nell'autogestione. La dispepsia è una condizione pensata per derivare da perturbazioni gastriche e duodenali, disturbi dell'asse cervello-gut, e fattori dietetici. Gli interventi comportamentali sono una parte importante del trattamento della dispepsia, quindi l'impegno e la motivazione del paziente attraverso l'istruzione è essenziale. I protocolli che descrivono il processo di sviluppo di tali strumenti educativi sono scarsi. Forniamo una metodologia che descrive lo sviluppo di uno strumento educativo di dispepsia. La valutazione delle esigenze degli utenti è il primo passo, seguito da una ricerca nella letteratura. Il contenuto è sviluppato sulla base dei temi principali ed è entrato in un sistema di gestione dei contenuti, per costruire il programma. Le regolazioni finali vengono effettuate dopo un test pilota dello strumento. Il protocollo presentato può essere utilizzato come guida per lo sviluppo di uno strumento educativo di dispepsia digitale o come strumento per situazioni simili.

Introduction

L'educazione dei pazienti è una componente importante dell'assistenza sanitaria, consentendo l'impegno attivo dei pazienti nella gestione responsabile della loro salute1. Per migliorare l'efficacia e l'uso appropriato delle risorse sanitarie, sono necessarie misure contemporanee e specifiche per le malattie per facilitare il coinvolgimento dei pazienti.

Al giorno d'oggi, gli strumenti digitali sostituiscono sempre più le versioni cartacee dell'educazione dei pazienti, beneficiando della loro sostenibilità, della distribuzione efficace e del potenziale per visualizzare le informazioni. Per le malattie croniche prive di trattamento curativo e di substrato biologico, l'istruzione è essenziale per la motivazione dei pazienti a impegnarsi nell'autogestione2,3. La dispepsia è una condizione che spesso causa lamentele a lungo termine. L'origine esatta dei sintomi rimane poco chiara, anche se le prove indicano tre principali meccanismi patofisiologici, tra cui 1) ipersensibilità alla distensione gastrica, 2) compromissione dell'alloggio gastrico, causando una distensione inadeguata in reazione a un pasto, e 3) svuotamento gastrico ritardato4. Inoltre, perturbazioni duodenali, disturbi cervello-gut, e fattori dietetici sono stati suggeriti per svolgere un ruolo5. I sintomi principali comprendono pienezza post-prandiale, dolore epigastrico, sazietà precoce e bruciore epigastrico. Endoscopia gastrointestinale superiore (GI) in pazienti dispeptici non rivela alcuna causa di sintomi in oltre 70%; questi casi sono indicati come dispepsia funzionale. Le opzioni di trattamento farmacologico per la dispepsia sono limitate, spesso incitando i pazienti a risolversi in terapie complementari e alternative6,7. La qualità della vita nei pazienti con dispepsia è spesso ridotta in quanto la dispepsia è associata a problemi concomitanti, come la qualità del sonno alterata e la perdita di produttività del lavoro8. La gestione della dispepsia beneficia del coinvolgimento attivo del paziente, poiché gli interventi comportamentali sono un componente principale del trattamento della dispepsia9,10. Questi interventi richiedono uno sforzo significativo da parte dei pazienti, che può essere facilitato da un supporto personalizzato e interattivo.

Una corretta gestione della dispepsia è essenziale per migliorare i risultati sanitari e prevenire l'uso eccessivo delle risorse mediche. L'endoscopia gastrointestinale superiore (GI) per la dispepsia è una forma ben nota di uso eccessivo in quanto la sua resa diagnostica è limitata11. Sono stati proposti diversi metodi per ridurre il numero di endoscopie di IG superiori, per lo più incentrate sull'educazione del medico o sulla riduzione dei sintomi basati su farmaci12. L'incertezza sulla causa della dispepsia è spesso insoddisfacente per i pazienti e i test diagnostici possono essere eseguiti in eccesso di conseguenza. Di conseguenza, l'educazione dei pazienti sulla patogenesi, le opzioni di trattamento e la gestione conservativa sarebbe una strategia efficace per ridurre il numero di endoscopie iG superiori.

Mentre gli strumenti digitali forniscono potenzialmente un'eccellente piattaforma per l'educazione dei pazienti, sono necessarie diverse funzionalità di uno strumento digitale, al fine di massimizzare l'adozione del paziente e il successivo coinvolgimento del paziente nella gestione delle malattie13. Il successo atteso dell'istruzione digitale dipende principalmente dal suo processo di sviluppo e dalle misure adottate per ottimizzare il trasferimento delle informazioni. Tuttavia, i processi di sviluppo degli strumenti educativi digitali sono raramente pubblicati, compromissione della riproduzione, della progressione e della valutazione della validità e della sicurezza1,14.

È necessaria una descrizione dettagliata e una valutazione dello sviluppo di uno strumento educativo digitale incentrato sul paziente. Descriviamo lo sviluppo del nostro strumento educativo di dispepsia, per servire come modello per il futuro sviluppo di strumenti educativi.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Protocol

Tutte le procedure descritte in questo protocollo sono state approvate dal centro medico dell'università Radboud Institutional Review Board (file n. 2016-3074).

1. Ricerca preliminare

  1. Focus group per valutare le esigenze non soddisfatte nella gestione della dispepsia
    1. Creare una struttura per un focus group con pazienti dispeptici e con medici generici.
    2. Condurre un focus group. Continuare a condurre focus group aggiuntivi fino a raggiungere la saturazione delle informazioni.
      NOTA: Per questo studio sono stati condotti due focus group.
      1. Recluta i partecipanti dalle piattaforme di organizzazione dei pazienti e dalla clinica ambulatoriale di gastroenterologia.
      2. Reclutare medici generici attraverso reti di medici generici locali.
      3. Fornire a tutti i partecipanti un modulo di informazione sui pazienti, spiegando il concetto e l'obiettivo del focus group. Non presentare le domande del focus group nel modulo informativo.
      4. Ottenere il consenso informato scritto da tutti i partecipanti.
        NOTA: il consenso informato è stato ottenuto da tutti i partecipanti a questo studio.
      5. Condurre i focus group con due ricercatori. Nominare un moderatore e un osservatore. In qualità di moderatore, sottolinea che non ci sono risposte sbagliate, assicurati che tutti i partecipanti abbiano l'opportunità di esprimere le loro opinioni e monitorare il tempo. Come osservatore, osserva e prendi nota delle dinamiche di gruppo e del linguaggio del corpo dei partecipanti.
      6. Avviare la registrazione della sessione utilizzando un registratore vocale.
      7. Presenta ogni domanda al gruppo e incoraggia la discussione sulle diverse opinioni. Poni le seguenti domande; "Potrebbe descrivere i sintomi che senti?", "In che modo i sintomi influenzano la tua vita quotidiana?", "Quali misure ti sei preso per alleviare i tuoi sintomi?", "Dove hai ottenuto la maggior parte delle informazioni sulla tua malattia?", e 'Quali elementi mancavano nella malattia gestione della malattia?'.
      8. Trascrivere la registrazione vocale. Elaborare i focus group e le interviste utilizzando il software di analisi dei dati qualitativi (ad esempio ATLAS.ti versione 8.3.16).
      9. Evidenziare e collegare argomenti e viste che si sovrappongono. Utilizzare le note dell'osservatore per l'interpretazione della discussione e le opinioni opposte dei partecipanti.
      10. Estrarre i temi principali risultanti dal focus group per formare la struttura dello strumento.
  2. Prove scientifiche esistenti
    1. Sulla base delle principali linee che sono risultate dalla valutazione delle esigenze, fare una panoramica degli argomenti che dovrebbero essere supportati dalla letteratura. Esempi sono la fisiopatologia della dispepsia, gli interventi dietetici, il trattamento farmacologico e (il valore di) la diagnostica.
    2. Utilizzare i database online Medline ed EMBASE per cercare la documentazione recente. Per creare una ricerca, i termini MeSH (Medline) o Emtree (EMBASE) devono essere combinati con parole di testo libero.
    3. Selezionare gli articoli più rilevanti da utilizzare come sfondo scientifico nello strumento.
    4. Trova le linee guida locali e nazionali relative alla gestione della dispepsia. Fai una selezione dei consigli più pertinenti per il pubblico di destinazione.
    5. Riepilogare le informazioni nazionali esistenti sui pazienti sulla dispepsia. Utilizza le informazioni approvate per l'assistenza primaria e secondaria, nonché le informazioni basate sul Web supportate dal governo.

2. Sviluppo di contenuti

  1. Partner per lo sviluppo software
    1. Selezionare un partner per la produzione di software da coinvolgere nello sviluppo. Effettuare una selezione in base ai prodotti disponibili, ad esempio la visualizzazione 3D, la registrazione video, il sistema di gestione dei contenuti di facile utilizzo e le possibilità di eseguire le regolazioni dopo il test pilota.
      NOTA: Per questo studio, Medify Media B.V. è stato contratto per lo sviluppo di software.
  2. Organizzazione dei dati
    1. Combina tutti i dati raccolti in un unico file e unisci gli argomenti correlati. Creare una panoramica chiara di tutti gli elementi che devono essere affrontati nello strumento.
    2. Categorizza le informazioni in capitoli gestibili.
    3. Organizzare gli elementi in un flusso logico che verrà mantenuto nello strumento, ad esempio elaborando un diagramma di flusso che illustra il flusso e il contenuto di ogni capitolo e l'interconnessione tra i capitoli.
    4. Organizzare i capitoli in una struttura non lineare, consentendo il completamento dei capitoli in ordine casuale.
  3. Sessione di processo
    1. Organizzare una sessione di processo con tutte le parti interessate, inclusi ricercatori coinvolti, medici, sviluppatori di software e progettisti visivi.
    2. All'interno della sessione di processo, identificare tutti gli elementi che possono essere visualizzati attraverso video reali o animazioni o dovrebbero apparire come testo.
  4. Creazione di contenuti
    1. Inizia ogni capitolo con una panoramica del capitolo, introduci elementi e termini importanti.
    2. Alla fine di ogni capitolo, fornisci un riassunto del capitolo. Astenersi dal fornire informazioni ridondanti che possono distrarre l'attenzione.
    3. Evidenziare le informazioni essenziali utilizzando elenchi puntati e/o testo in grassetto.
    4. Utilizzare la scrittura in linguaggio semplice quando si scrivono testi.
      1. Considera chiaramente il pubblico di destinazione e scrivi da quella prospettiva.
      2. Mantenere un livello di lettura da 7a 8th.
      3. Utilizzare frasi attive piuttosto che passive, scrivendo in uno stile conversazionale, compreso l'uso frequente di domande e pronomi personali (ad esempio, 'ti senti regolarmente pieno dopo un pasto di dimensioni normali? Cercate di evitare cibi grassi.', piuttosto che 'se una sensazione completa dopo un pasto di dimensioni normali è regolarmente incontrato, evitando cibi grassi può essere provato.').
      4. Limitare la quantità di testo per paragrafo a un massimo di 10 frasi.
    5. Per i video:
      1. Fai un elenco delle persone necessarie per i video della vita reale (ad esempio, pazienti, medici, dietonomi).
      2. Scrivere script dettagliati e file di log per tutti i video.
      3. Selezionare un entourage per le riprese dei video, appropriato al soggetto del video e con livello di rumore ridotto.
    6. Per la visualizzazione 3D di elementi del contenuto:
      1. Usare i riferimenti visivi per ogni passaggio dell'animazione 3D desiderata.
      2. Dividi le animazioni in clip da 8 a 12 s. Prima e dopo una clip, fornire blocchi di testo con informazioni sulla clip.

3. Costruire lo strumento educativo digitale

  1. Aggiungere tutto il contenuto a un sistema di gestione dei contenuti per regolare l'ordine e l'aspetto.
    NOTA: In questo studio è stato utilizzato il sistema di gestione dei contenuti Medify B.V.
  2. Aggiungi tutto il testo e i video ai pannelli. Scegliere un'immagine di sfondo o una visualizzazione 3D. Aggiungere questionari personalizzati.
  3. Controllare se tutto è incorporato correttamente nello strumento.
  4. Quando tutto il contenuto è incorporato nel sistema di gestione dei contenuti, creare una versione pilota dello strumento educativo.

4. Esperienza utente e convalida

  1. Amministrare lo strumento educativo pilota a due pazienti e due medici generici e chiedere un feedback su lay-out, contenuti e cordialità degli utenti.
  2. Regolare lo strumento in base ai commenti di prova.
  3. Convalidare l'efficacia e l'usabilità dello strumento educativo in uno studio controllato randomizzato.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Representative Results

Risultati dei focus group

Cinque pazienti, reclutati attraverso reti di pazienti (n e 2) o presso la clinica ambulatoriale (n - 3), sono stati invitati a far parte di un focus group. Tutti i pazienti del focus group sono stati diagnosticati con dispepsia sulla base del parere di un gastroenterologo. Le caratteristiche dei pazienti inclusi sono presentate nella Tabella 1.

La maggior parte dei partecipanti ha convenuto che l'incertezza circa la causa e l'origine dei sintomi è un problema importante. I partecipanti hanno convenuto che avrebbe aiutato se avessero ricevuto ulteriori informazioni, come la prevalenza della dispepsia. I sintomi erano legati alla dieta per quasi tutti i pazienti. Diversi partecipanti hanno perso un ampio consiglio dietetico. Sono state espresse due punti di vista sulle endoscopie superiori delle IG; più considerati endoscopie di GI superiori utili per escludere malattie gravi e ridurre le preoccupazioni, e pochi pensavano che le endoscopie superiori di GI sarebbero state ridondanti per i loro sintomi. Le fonti di informazioni utilizzate dai partecipanti erano pagine web private, reti di pazienti online, medici generici, dietisti e amici e familiari con lamentele simili.

Cinque medici generici hanno accettato di partecipare al focus group. Tutti erano attualmente basati sulla pratica nell'area di Nijmegen (Paesi Bassi). I principali problemi riscontrati dai partecipanti ai pazienti dispeptici erano la paura della malattia (pazienti e medici) e l'incertezza sulla causa e l'origine dei sintomi. Tutti sono d'accordo di avere il desiderio di offrire ai pazienti "qualcosa", ma che le opzioni sono limitate. Spesso, l'endoscopia iGI superiore viene utilizzata come passo nel processo di gestione, anche se non sono previste anomalie. Gli argomenti sono stati rassicurazioni e l'uso come "parte finale" del processo di gestione. Le esperienze con l'effetto dei farmaci per la riduzione dell'acido erano varie.

I temi estratti da entrambi i gruppi di interesse sono stati 1) rassicurazione; 2) fisiofisiologia della dispepsia; 3) prevalenza, sintomi e prognosi di dispepsia; 4) interventi sullo stile di vita; 5) disponibilità e valore della terapia e della diagnostica; 6) fattori psicosociali nella dispepsia; e 7) esperienze di altri pazienti dispeptici con sintomi e trattamenti. Per tutti i temi sono state eseguite ricerche di letteratura e i dati ottenuti sono stati distribuiti in cinque capitoli. Ogni capitolo è stato organizzato con una panoramica del contenuto, seguita da informazioni multimediali, e dichiarazione di riepilogo finale. A tutti i blocchi di testo è stato assegnato un titolo che rappresenta il messaggio principale del testo riportato di seguito. I blocchi di testo sono stati organizzati per essere visualizzati in posizioni alternate sullo schermo, creando un flusso dinamico. Se applicabile, le illustrazioni sono state inserite come sfondo. All'interno di ogni capitolo sono stati incorporati diversi autotest. Gli auto-test contenevano da tre a quattro domande e risposte. I video sono stati mantenuti ad una lunghezza minima, con un massimo di un minuto.

Panoramica dello strumento educativo digitale di dispepsia per capitolo

Capitolo 1. Endoscopia gastrointestinale superiore per la dispepsia.

Il capitolo 1 fornisce informazioni sulla prevalenza e sui diversi tipi di sintomi. La prevalenza è illustrata attraverso l'animazione 3D (Figura 1) e il testo. La rassicurazione circa la natura solitamente benigna dei sintomi e il riconoscimento dell'impatto sulla qualità della vita è data in diversi brevi blocchi di testo. Il valore e le capacità dell'endoscopia GI superiore sono illustrati nel testo e l'animazione 3D illustra una procedura di endoscopia (Figura 2). I risultati dell'endoscopia iG superiore sono rappresentati in un grafico a torta. Il capitolo si conclude con diverse esperienze di pazienti con dispepsia, una delle quali include un videoclip di un paziente.

Capitolo 2. Informazioni sui sintomi e sulle potenziali cause

Nel capitolo 2 viene spiegata la normale funzione gastrica. In un video, un gastroenterologo chiarisce questa funzione. Dopo il video, animazione 3D (Figura 3), accompagnata da testo, raffigura l'anatomia dello stomaco e la lavorazione del cibo naturale nello stomaco. Dopo questa funzione naturale, viene spiegato come diversi disturbi dello stomaco possono causare sintomi. Questi vengono spiegati alternativamente nell'illustrazione di testo e sfondo (Figura 4), o nel testo e nell'animazione 3D (Figura 5).

Capitolo 3. Sintomi dovuti all'infiammazione dello stomaco

Il terzo capitolo inizia con un video di un gastroenterologo che spiega l'infiammazione gastrica (Figura 6). Le animazioni 3D (Figura 7) e il testo illustrano come alcol, farmaci, fumo e pylori Helicobacter influenzano lo stomaco.

Capitolo 4. Quali misure si può prendere contro i sintomi?

Nel capitolo 4, viene spiegato il ruolo della dieta. Viene fornito un collegamento ipertestuale a un diario alimentare (Figura 8). In questo diario, i pazienti sono incoraggiati a tenere traccia della loro dieta e segnalare le loro lamentele. Un dietologo dà consigli dietetici in due video, tra cui un elenco di alimenti noti per causare sintomi. Il testo spiega come la riduzione dello stress può ridurre i sintomi e quale ruolo può svolgere un terapeuta. La rilevanza della salute generale è spiegata, tra cui un peso sano, attività fisica regolare, e sonno sufficiente.

Capitolo 5. Cosa può fare il medico per mitigare i sintomi?

Nel capitolo 5, i meccanismi farmacologici degli inibitori della pompa protonica, degli antagonisti del recettore istamin2 e degli antiacidi sono illustrati da animazioni 3D (Figura 9), accompagnati da testo. Si spiega anche nel testo che esistono diversi altri farmaci, come procinetici e antidepressivi, anche se le indicazioni sono più severe. Nel testo vengono fornite anche informazioni su quali terapisti il medico generico può potenzialmente fare riferimento, vale a dire, un dietologo, uno psicologo o un terapeuta che si concentra sulla riduzione dello stress.

Figure 1
Figura 1 : illustrazione 3D della prevalenza della dispepsia. Poiché la prevalenza della dispepsia è del 40%, vengono evidenziate 4 persone su 10. Fare clic qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 2
Figura 2 : Animazione 3D della procedura di endoscopia. L'endoscopio passa attraverso l'esofago e lo stomaco, visualizzato in modo trasparente. Fare clic qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 3
Figura 3 : Animazione 3D della lavorazione degli alimenti naturali. Il cibo entra nello stomaco e lo stomaco si contrae per la lavorazione degli alimenti. L'acido gastrico è presente nello stomaco. Fare clic qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 4
Figura 4 : blocco di testo e illustrazione di sfondo di irritanti gastrici. Un blocco di testo spiega l'effetto del cibo piccante. L'immagine di sfondo mostra una varietà di spezie. Fare clic qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 5
Figura 5 : animazione 3D del disturbo della funzione gastrica naturale. Lo stress, mostrato come linee blu, influenza lo stomaco, ritardando lo svuotamento gastrico. Questo è raffigurato dal cibo stagnante nello stomaco. Fare clic qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 6
Figura 6 : Video di un gastroenterologo che spiega l'infiammazione dello stomaco. In un video, un gastroenterologo spiega come diversi fattori possono irritare lo stomaco. Nel testo, viene fornita una sintesi della spiegazione. Fare clic qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 7
Figura 7 : animazione 3D di danni alla mucosa nello stomaco. Diverse ulcere sono mostrate nella mucosa gastrica. Fare clic qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 8
Figura 8 : Diario alimentare. In un diario alimentare, i pazienti possono riempire giorno, ora del consumo di cibo, descrizione del cibo, quantità di cibo, descrizione dei sintomi, durata dei sintomi, misure adottate contro i sintomi e se le misure erano efficaci. Fare clic qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 9
Figura 9 : animazione 3D del meccanismo farmacologico degli antiacidi. Una compressa rotta è indicato per raggiungere il rivestimento gastrico. Fare clic qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

n n 5
Età (Mediana [IQR]) 44 (39-59)
Sesso (% uomini) 20 anni
Endoscopia gastrointestinale superiore (%) 80
Durata dei sintomi (n)
12-24 mesi
>24 mesi

2 Il nome del sistema
3 (COM del nome
Tipo di sintomi
Dolore epigastrico
Sazietà precoce o pienezza post-prandiale
Bruciore epigastrico
nausea

100%
40%
20%
20%

Tabella 1: Caratteristiche dei partecipanti al focus group (paziente). Cinque pazienti sono stati invitati a un focus group per valutare le esigenze non soddisfatte nella gestione della dispepsia.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Discussion

Lo strumento educativo digital dyspepsia, sviluppato utilizzando il protocollo di cui sopra, è un nuovo strumento educativo multimediale per assistere pazienti e medici nella gestione della dispepsia. Questo strumento può essere implementato per stimolare il coinvolgimento dei pazienti e migliorare gli esiti sanitari, riducendo al contempo l'uso inappropriato delle risorse mediche.

Una procedura simile è stata descritta per lo sviluppo di una fibromialgia app15. Come con la dispepsia, la gestione della fibromialgia si concentra inizialmente sulla terapia non farmacologica, sottolineando l'importanza del coinvolgimento del paziente. La ricerca preliminare per questa applicazione ha usato un approccio diverso, ed era basata su interviste semi-strutturate piuttosto che gruppi di messa a fuoco. Di conseguenza, c'è il rischio di perdere informazioni attraverso la discussione. Le domande per le interviste per l'app fibromialgia erano basate su una ricerca di letteratura. La nostra ricerca di letteratura si basava sui risultati del focus group, e i temi non erano limitati dalla disponibilità di letteratura. Simile al nostro strumento educativo, pazienti e medici sono stati coinvolti nello sviluppo dello strumento. Coinvolgere i medici è importante per la validità e la sicurezza dello strumento14,16. Questo non è sempre il caso come una revisione di 112 strumenti digitali disponibili per le malattie respiratorie croniche ha rivelato che solo il 18% delle applicazioni coinvolte personale medico nel processo di sviluppo14.

L'utilizzo di contenuti multimediali per scopi didattici ha un notevole vantaggio rispetto alle informazioni nel testo stampato, in quanto le informazioni possono essere fornite in modo interattivo e visualizzate in dettaglio. Se applicata in modo inappropriato, l'educazione multimediale ha anche diverse insidie. Sono stati descritti i principi per la progettazione dell'istruzione multimediale, tra cui insidie e la corretta applicazione del multimedia17. I principi principali per un'istruzione multimediale efficace sono la "riduzione dell'elaborazione estranea", vale a dire la riduzione degli stimolanti che distraggono l'attenzione; "gestire l'elaborazione essenziale", vale a dire guidare gli studenti attraverso quantità complesse e elevate di informazioni; e "favorendo l'elaborazione generativa", cioè stimolando gli studenti a elaborare le informazioni presentate. Nello strumento educativo dyspepsia, viene implementata una selezione di questi principi. In primo luogo, l'elaborazione estranea è stata ridotta visualizzando solo le informazioni essenziali, evidenziando informazioni importanti e aggiungendo panoramiche frequenti. In secondo luogo, l'elaborazione essenziale è stata gestita astenendosi dalla visualizzazione del testo durante le animazioni, per evitare attenzioni divise. Inoltre, le animazioni sono state segmentate, piuttosto che continue. È stato possibile accedere alle informazioni successive tramite un "pulsante successivo", consentendo agli utenti di controllare il ritmo di elaborazione delle informazioni18. I capitoli erano disponibili in ordine casuale, consentendo la selezione o l'esclusione delle informazioni, in base alle esigenze dei pazienti. Anche se questo impone anche il rischio che le informazioni potenzialmente rilevanti vengano perse, è una componente importante che ha contribuito alla soddisfazione dell'utente. Infine, l'elaborazione generativa è stata favorita alternativamente utilizzando testo, video e animazioni 3D. Il testo è stato scritto secondo il principio di personalizzazione, che comporta l'uso di uno stile di scrittura conversazionale, con l'uso frequente di pronomi personali.

Oltre ai principi multimediali, l'interattività è risultata correlare positivamente con le prestazioni degli studenti19. Nel nostro protocollo, l'interattività è stata introdotta ponendo a intermittenza domande che riflettono sul contenuto, con un feedback diretto sulle risposte.

Questo protocollo ha anche diverse limitazioni. Non esistono linee guida rigorose per le dimensioni del focus group, ma da sei a otto partecipanti consentono sufficienti opinioni diverse e pari probabilità di parlare, senza il rischio di formazione del gruppo20. Abbiamo incluso cinque partecipanti per entrambi i focus group, il che rischiava di ottenere una visione d'insieme limitata delle prospettive. Inoltre, mentre un singolo esercizio di focus group fornisce informazioni importanti, la valutazione ottimale delle esigenze non soddisfatte viene effettuata conducendo focus group fino a raggiungere la saturazione delle informazioni. La raccolta di informazioni da una più ampia gamma di parti interessate attraverso focus group, vale a dire i gastroenterologi, può anche essere una risorsa. Inoltre, potrebbe essere introdotto un elemento di interattività ancora maggiore per stimolare ulteriormente il coinvolgimento dei pazienti, come il contatto diretto o indiretto con un operatore sanitario o un peer o l'aggiunta di un aspetto di gioco. Infine, le informazioni fornite erano uguali per tutti i pazienti. L'adozione del paziente potrebbe essere stata ulteriormente migliorata utilizzando sintomi pre-inseriti per creare informazioni e feedback personalizzati.

La convalida dello strumento educativo è in corso. Attualmente, una prova è in corso con lo strumento educativo di spepsia per la convalida, e per determinare se può essere utilizzato per prevenire endoscopie GI superiori inappropriate (ClinicalTrials.gov identificatore NCT03205319).

In questo studio, abbiamo presentato e valutato un protocollo per lo sviluppo di uno strumento educativo di dispepsia. Questo protocollo può essere adottato per creare strumenti di dispepsia simili, nonché strumenti per malattie con una strategia di gestione simile, al fine di migliorare i risultati sanitari e l'uso efficiente dell'assistenza sanitaria.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Disclosures

Gli autori non hanno nulla da rivelare.

Acknowledgments

Lo sviluppo dello strumento educativo di dispepsia è stato finanziato da una borsa di studio ricevuta dall'Organizzazione olandese per la ricerca e lo sviluppo della salute, nel contesto del programma "fare o non fare" dalla Federazione olandese dei centri medici universitari (NFU). Vorremmo anche ringraziare tutto il personale da Medify bv. per il supporto, le attrezzature e le competenze. Inoltre vorremmo ringraziare tutti i nostri partecipanti.

Materials

Name Company Catalog Number Comments
Dyspepsia e-learning Dyspepsia e-learning Digital educational tool for dyspepsia management
Paper Food Diary Any Schedule to record food consumption and symptoms
Computer Any A computer or tablet should be used to complete the e-learning
Medify Content Management System Medify BV A content management system to process the e-learning content

DOWNLOAD MATERIALS LIST

References

  1. Barello, S., et al. eHealth for Patient Engagement: A Systematic Review. Frontiers in Psychology. 6, 2013 (2015).
  2. Halpert, A. Irritable Bowel Syndrome: Patient-Provider Interaction and Patient Education. Journal of Clinical Medicine. 7, (1), (2018).
  3. Schulz, P. J., Rubinelli, S., Zufferey, M. C., Hartung, U. Coping With Chronic Lower Back Pain: Designing and Testing the Online Tool ONESELF. Journal of Computer-Mediated Communication. 15, (4), 625-645 (2010).
  4. Tack, J., Bisschops, R., Sarnelli, G. Pathophysiology and treatment of functional dyspepsia. Gastroenterology. 127, (4), 1239-1255 (2004).
  5. Talley, N. J. Functional dyspepsia: new insights into pathogenesis and therapy. Korean Journal of Internal Medicine. 31, (3), 444-456 (2016).
  6. Chiarioni, G., Pesce, M., Fantin, A., Sarnelli, G. Complementary and alternative treatment in functional dyspepsia. United European Gastroenterology Journal. 6, (1), 5-12 (2018).
  7. Ford, A. C., Marwaha, A., Lim, A., Moayyedi, P. What is the prevalence of clinically significant endoscopic findings in subjects with dyspepsia? Systematic review and meta-analysis. Clinical Gastroenterology and Hepatology. 8, (10), 830-837 (2010).
  8. Matsuzaki, J., et al. Burden of impaired sleep quality on work productivity in functional dyspepsia. United European Gastroenterology Journal. 6, (3), 398-406 (2018).
  9. Keefer, L., Palsson, O. S., Pandolfino, J. E. Best Practice Update: Incorporating Psychogastroenterology Into Management of Digestive Disorders. Gastroenterology. 154, (5), 1249-1257 (2018).
  10. Feinle-Bisset, C., Azpiroz, F. Dietary and lifestyle factors in functional dyspepsia. Nature Reviews Gastroenterology & Hepatology. 10, (3), 150-157 (2013).
  11. Manes, G., Balzano, A., Marone, P., Lioniello, M., Mosca, S. Appropriateness and diagnostic yield of upper gastrointestinal endoscopy in an open-access endoscopy system: a prospective observational study based on the Maastricht guidelines. Alimentary Pharmacology & Therapeutics. 16, (1), 105-110 (2002).
  12. de Jong, J. J., Lantinga, M. A., Drenth, J. P. Prevention of overuse: A view on upper gastrointestinal endoscopy. World Journal of Gastroenterology. 25, (2), 178-189 (2019).
  13. Baldwin, J. L., Singh, H., Sittig, D. F., Giardina, T. D. Patient portals and health apps: Pitfalls, promises, and what one might learn from the other. Healthcare (Amsterdam). 5, (3), 81-85 (2017).
  14. Sleurs, K., et al. Mobile health tools for the management of chronic respiratory diseases. Allergy. (2019).
  15. Yuan, S. L. K., Marques, A. P. Development of ProFibro - a mobile application to promote self-care in patients with fibromyalgia. Physiotherapy. 104, (3), 311-317 (2018).
  16. Huckvale, K., Morrison, C., Ouyang, J., Ghaghda, A., Car, J. The evolution of mobile apps for asthma: an updated systematic assessment of content and tools. BMC Medicine. 13, 58 (2015).
  17. Mayer, R. E. Applying the science of learning: evidence-based principles for the design of multimedia instruction. American Psychologist. 63, (8), 760-769 (2008).
  18. Zhang, D. Interactive Multimedia-Based E-Learning: A Study of Effectiveness. American Journal of Distance Education. 19, (3), 149-162 (2005).
  19. Northrup, P. A framework for designing interactivity intoWeb-based instruction. Educational Technology. 41, (2), 31-39 (2001).
  20. Stalmeijer, R. E., McNaughton, N., Van Mook, W. N. Using focus groups in medical education research: AMEE Guide No. 91. Medical Teacher. 36, (11), 923-939 (2014).

Comments

0 Comments


    Post a Question / Comment / Request

    You must be signed in to post a comment. Please or create an account.

    Usage Statistics