Waiting
Login processing...

Trial ends in Request Full Access Tell Your Colleague About Jove
Click here for the English version

Medicine

Fissazione chirurgica di fratture sterno: la pianificazione preoperatoria e una tecnica chirurgica sicuro con piastre di titanio bloccati e limitata profondità di foratura

doi: 10.3791/52124 Published: January 5, 2015

Introduction

Fratture sterno sono rari e si verificano in circa il 3-8% di tutte le vittime di traumi 1. Di solito, queste fratture sono causati da trauma contusivo. La maggior parte possono essere trattati conservativamente con un consolidamento sufficiente della frattura. Alcune fratture mostrano guarigione prolungato o anche una mancanza di consolidamento con lo sviluppo consecutivo di un pseudoartrosi e persistente instabilità 2,3 dolorosa. In questi casi la stabilizzazione chirurgica deve essere considerato. Rispettando le diverse trauma-meccanismi responsabili per le fratture dello sterno, come l'impatto diretto alla parete toracica anteriore o l'infortunio di flessione-compressione del tronco, una stabilizzazione principalmente fratture dovrebbe essere considerato 4-6. Possibili indicazioni per il trattamento chirurgico sono: dolore grave o persistente; insufficienza respiratoria o dipendenza da ventilazione meccanica; spostato, fratture o sovrapposte impattati nonché deformazione o l'instabilità dello sterno; ingobbito postura e limitatomovimento del tronco 7.

Vi è la necessità di mantenere ogni frammento sternale nella posizione corretta neutralizzando forze di taglio allo sterno per ripristinare la forma anatomica e normale funzione della parete toracica anteriore. In questo contesto anterior placcatura sternale fornisce la migliore stabilità ed è quindi sempre utilizzato nella maggior parte dei casi. Il vantaggio in stabilità utilizzando una piastra posto dei fili è già stata descritta in Chiusura sternale dopo sternotomia mediana 8. L'uso di piastre bloccato importanza guadagni grazie ai loro vantaggi in sintesi interna biologica. Il principio di una piastra di blocco è il fissaggio tra la testa della vite filettata e il foro filettato filettato della piastra. In tal modo la piastra di bloccaggio agisce come un fissatore interno con il vantaggio di un contatto piastra ossea minimizzato preservare l'afflusso di sangue periosteo sotto della piastra 9.

Tuttavia, molti chirurghi sono reluctant per eseguire osteosintesi sternale a causa di possibili complicazioni. Difficoltà nella pianificazione preoperatoria, gravi lesioni agli organi del mediastino o fallimento del metodo eseguito possono essere possibili motivi 10. Solo case report o piccole serie sono descritti per ogni procedura. La tabella 1 mostra i metodi chirurgici differenti e una selezione di itinerari descrivono ed analizzano li.

OP-tecnica Anno Autore Studio Numero di pazienti con chirurgia Risultato
fissaggio piastra bloccato
3,5 / 4,0 mm Piastra angolo fisso (LCP) 2010 Gloyer et al. [10] Osteosintesi di lussazioni traumatiche manubrio-sternale e frattura sternales con una piastra angolo fisso 3.5 / 4.0 (LCP) 3 no limitazioni funzionali, nessun dolore
Piastra bloccato (TiFix) 2010 Queitsch et al. [3] Il trattamento di post-traumatico sternale non-union con una piastra sterno-osteosintesi locked (TiFix). 12 consolidamento in tutti i casi
placca di titanio a basso profilo (MatrixRIB) 2013 Schulz-Drost et al. [11] La fissazione chirurgica delle fratture sternali: bloccato piastra di fissaggio per lastre di titanio di basso profilo - la sicurezza chirurgica attraverso profondità limitata 10 Dopo 12 settimane di consolidamento in tutti i casi, nessuna dislocazione, la soddisfazione del paziente 1.4, senza complicazioni in follow-up
SternaLock 2005 Wu et al. [12] Pseudoartrosi sternale: una revisione degli attuali trattamenti e di un nuovo metodo di fissazione rigida buon risultato funzionale
Fili di acciaio
Filo di acciaio inossidabile 2002 Athanassiadi et al. [1] Fratture sterno: analisi retrospettiva di 100 casi 2 buon risultato funzionale
Filo di acciaio inossidabile 2002 Potaris et al. [13] Gestione delle fratture sternali di 239 casi 4 buon risultato funzionale
Filo sterno, innesto osseo 2002 Coons et al. [15] Sternale non union: Caso 2 un paziente con non union
Fili di acciaio 2009 Abdul Rahman et al. [16] Comminutes frattura sternale - una fissazione filo sternotomia: rapporto di 2 casi 2 buon risultato funzionale
Fili di acciaio 2009 Celik et al. [17] Fratture sterno e gli effetti di lesioni associate 2 buon risultato funzionale
lamiera di chiusura non
Ant. Piatto 6 buche, innesto osseo 2004 Bonney et al. [18] Fratture sterno: anteriore placcatura razionale 3 rimozione piastra dopo 12 mesi per resons personali
Ant. Placche cervicali con 4 fori 2009 Ciriaco et al. [6] Riparazione tempestiva di isolati fratture sternali traumatiche Conuna un sistema piatto 6 una piastra rimosso per il dolore sternale
Piatto con 3 viti sul lato eachs di frattura 1993 Kitchensens e Richardson [19] Aprire la fissazione delle fratture sternali 2 good risultato funzionale
Lamiera di acciaio di compressione a T, viti non bloccaggio 2006 Al-Qudah [20] Il trattamento chirurgico delle fratture sternali 4 2 piastre rimossi ragioni di nome
due 8 fori un terzo piastre tubolari; H-plate 2006 Kälicke et al. [21] Traumatica dislocazione manubrio-sternale 2 no limitazioni funzionali, nessun dolore
altri dispositivi
2 perni filettati Steinmann, fili sternale 2005 Molina [22] La valutazione e la tecnica operatoria per riparare fratture isolate sternale 12 migrazione perno in un paziente
Staples Blount 2011 Abdelhalim El Ibrahimi et al. [23] Traumatica dislocazione manubrio-sternale: Un nuovo incontratohod di stabilizzazione postreduction 1 buon risultato funzionale
Lastre di titanio mandibolari 2007 Richardson et al. [24] Fissazione chirurgica delle fratture della parete toracica: un prcedure capito? 35 3 piastre rimosse (1 cardiochirurgia, 1 clic sensazione, 1 motivi assicurativi)

Tabella 1: opzioni di fissaggio - una selezione di itinerari modificati da Harston 7..

Studi pubblicati recentemente di solito descrivono il fasciame anteriore di successo con un buon risultato 11.

L'uso di piastre di titanio-basso profilo bloccato garantisce una corretta stabilizzazione con elevato comfort per il paziente. Inoltre, la fissazione di quei piatti fornisce la sicurezza chirurgica, come profondità di foratura limitata viene utilizzato 12.

Quindi, questo manuscripta descrive una possibilità di stabilizzare i diversi tipi di fratture dello sterno in una guida step-by-step per anteriore placcatura sternale con basso profilo di chiusura piastre di titanio. Inoltre, la pianificazione preoperatoria è descritto passo per passo.

Diagnosi, Valutazione, e il Piano:

Ogni paziente ricoverato al pronto soccorso in primo luogo è gestito eseguendo le ABCDE-regole, conosciute dalla Advanced Life Support Trauma, ATLS 25. In tal modo ferite mortali dovrebbero essere rilevati e trattati immediatamente o escludere. In seguito, un quadro dettagliato di tutto il paziente deve essere eseguita per rilevare eventuali lesioni. Se il paziente soffre di dolore al petto o addirittura mostra una parete toracica instabile con movimenti respiratori paradosso, una frattura sternale deve essere escluso.

Ogni paziente con sospetta frattura sternale riceve elicoidale tomografia computerizzata del torace. In contesto con sospetta concomitantegiurie, tutti i pazienti vengono esaminati da un corpo multi-slice CT. Una ricostruzione tridimensionale di dati CT può descrivere la morfologia della frattura in dettaglio 6. La regione colpita deve essere descritto come pure la direzione della frattura e l'eventuale dislocazione dei frammenti.

Come indicazioni per il trattamento chirurgico deve parete anteriore toracico instabile da considerarsi come spostamento frattura e persistente, dolorosa instabilità più di sette giorni 7,12. Una volta effettuata la decisione per la chirurgia della frattura sternale, una rivalutazione di lesioni concomitante deve essere eseguita, in modo da portare il trattamento delle lesioni multiple in una sequenza appropriata.

Il protocollo seguente mostra una possibile standard per il trattamento chirurgico delle fratture (isolato) sternali cui la possibilità di un trattamento conservativo nella maggior parte dei tipi di fratture Occorre sottolineare a questo punto. In case di fratture costali concomitanti considerazioni aggiuntive, che non illustrati, si rendono necessarie.

Protocol

NOTA: Le seguenti procedure sono state approvate dal capo del dipartimento e soddisfare tutti gli altri requisiti istituzionali.

1. Pre-operatorio Tomografia Computerizzata

NOTA: Una tomografia computerizzata elicoidale dell'intera parete toracica viene presa in seguito alle norme locali prima dell'inizio del protocollo.

Figura 1
Figura 1: preoperatoria CT-Scan. (A) vista assiale mostra obliqua e fratture longitudinali. (B) Vista sagittale mostra lussazione antero-posteriore o attorcigliamento sternale. (C) vista coronale fornisce una panoramica su obliqua e fratture longitudinali. (D) tecnica di rendering Volume (VRT) dà Panoramica su tutta la parete anteriore del torace che mostra fratture costali, manubrio e frattura sterni corpus

  1. Scansione della parete toracicaper le lesioni. Ispezionare la parete toracica anteriore completo compreso l'esame dei tessuti molli, cartilagine e ossa.
    1. Cercare fratture ossee al manubrio, corpus sterni e nervature adiacenti I a VII su entrambi i lati. Cercare rottura della cartilagine. Essere consapevoli di rottura della cartilagine e la separazione sterno-costale non perdere nessuna causa di instabilità.
    2. Eseguire una valutazione tridimensionale. Vedere l'intera parete toracica nel modus di tre immagini tridimensionali ricostruite valutando ogni immagine assiale, coronale e sagittale in dettaglio.
  2. Individuare la frattura:
    1. Prendere la distanza dal bordo sternale superiore (giugulo) alla frattura. Utilizzare la vista sagittale per la misurazione.
    2. In caso di frattura obliqua o fratture multiple misurare entrambi distanze giugulo, il cranica e all'estremità caudale delle fratture. Prendiamo la distanza tra tali bordi. L'uso aggiuntivo di immagini coronali potrebbe essere utile in questo caso.
  3. Determinare lo spessore del tessuto molle presternale. Valutare e misurare lo spessore del tessuto molle presternale nel punto della frattura.
  4. Stima della lunghezza della possibile incisione chirurgica, eseguita sulla linea mediana.
    NOTA: L'approccio di base deve essere almeno il 60 mm, più lo spessore del tessuto molle presternale per ottenere un accesso adeguato ad una frattura trasversale.
    1. In caso di frattura obliqua o fratture multiple aggiungere la distanza tra la craniale e all'estremità caudale delle fratture all'approccio base.
      NOTA: Ci potrebbe essere una necessità di un'incisione più lunga nei pazienti obesi, se ci sono le cicatrici della regione determinata o per altri motivi.

2. Trattamento chirurgico

Figura 2
Figura 2: approccio chirurgico. (A) posizionamento sul retro dà accesso alla entire parete anteriore del torace e due assi; tubo toracico sono stati già inseriti bilaterale in questo caso. (b) Dopo aver tracciato i punti di riferimento come giugulo e articolazioni sterno-clavicolare (sopra) la linea mediana è identificato e l'incisione eseguita. Muscolo pettorale è stato sezionato dallo sterno anteriore. Un raspatory è inserita subperiostally. (C) L'approccio dà pieno accesso a qualsiasi frattura identificato. In questo caso vengono mostrati due fratture trasversali.

2.1) procedure chirurgiche iniziali:

  1. Eseguire l'operazione in anestesia generale secondo le norme locali, mentre il paziente è intubato. Posizionare il paziente in posizione supina. Riposo bracci su un bordo del braccio che deve essere collocato a meno di 90 ° rispetto alla linea mediana del corpo e livellare la scheda con il pavimento. Questo potrebbe essere utile se l'inserimento di un tubo toracico diventa necessario.
  2. Rimuovere il suolo superficiale, detriti, gioielli e microbi transitori prima di applicare antiseAgenti PTIC. Lasciare i capelli al sito chirurgico in luogo quando possibile.
    1. Iniziare disinfezione secondo gli standard locali. Avviare dalla zona più pulita, di solito il dispositivo e / o sito di incisione e procedere in maniera concentrica alla zona almeno pulita. Lasciare che la soluzione disinfettante si asciughi completamente naturale. Assicurarsi che la soluzione antisettica rimane a contatto con la pelle per il periodo di tempo richiesto come raccomandato dal produttore.
  3. Fissare l'accesso gratuito almeno al giugulo, l'ombelico e la linea mediana ascellari su entrambi i lati. Segna punti di riferimento anatomici quali giunti sterno-clavicolare su entrambi i lati, il bordo superiore dello sterno al giugulo, il bordo sternale inferiore e xifoideo, la settima costola bilaterale e l'ombelico con una penna sterile.
    1. Disegnare la linea mediana ora tra giugulo e ombelico e segnare il bordo craniale e caudale delle fratture misurata al punto 1.2. Aggiungere metà del approccio di base cranica e la other metà caudale ai bordi della regione fratturata dello sterno.
  4. Doppio verificare la corretta posizione della frattura (s) e della linea mediana, poi eseguire l'incisione mediana rispetto dei livelli anatomici nei tessuti molli.
  5. Rimuovere ematoma presternale da un'incisione verticale lungo la lunghezza del ematomi e lavare il più possibile con 0,9% di soluzione salina.
  6. Cautamente togliere il muscolo pettorale bilaterale, a partire dalla linea mediana al margine dello sterno nel rispetto dei livelli anatomici. Essere consapevoli di sanguinamento da navi più piccole e fermarli. Identificare la frattura.
  7. Esporre il margine intercostale dello sterno, sia, craniale e caudale della frattura. Eseguire un'incisione del periostio sternale longitudinalmente lungo il bordo anteriore dello sterno. Cautamente sezionare il periostio dall'osso lateralmente e sulla superficie posteriore dello sterno con un dispositivo elevatrici o raspatory.
    NOTA: Preparazione molto close all'osso durante questa procedura è molto importante per evitare lesioni ai vasi adiacenti toracici interni e del mediastino.
  8. Esporre la frattura e deselezionare la frattura con cautela. Solitamente ematoma retrosternale apparirà in questo momento, lavare il più possibile con 0,9% di soluzione salina.

Figura 3
Figura 3: sicurezza chirurgica (a) misura lo spessore sternale ed inserire un dispositivo elevatore (b, c) profondità di foratura limitata...

  1. Misurare lo spessore dello sterno con un corpo contundente. Non usare un "sacco" comune a causa di possibili lesioni retrosternale. Preparare un trapano con una punta della lunghezza dello spessore sternale o più breve se non è chiaro.
  2. Ridurre i frammenti ossei elevando i frammenti depressi posteriormente con una ELEVATOdispositivo che possa essere inserito attraverso lo stesso approccio sottoperiostale mostrata al punto 2.1.7 r. Montare il frammento dislocato lateralmente dovrebbe essere da compressione laterale. Utilizzare una punta pinze palla, morsetto weller o fili di compressione se necessario.

Figura 4
Figura 4: opzioni di fissaggio delle piastre (a) frattura trasversale al corpus sterni:.. Fissaggio con punta pinza a sfere e viti bloccati (b) frattura Oblique al manubrio: riduzione con fili di compressione, il primo piatto è ancora stata fissata (. c) frattura trasversale multipla; fissaggio della piastra con fili di compressione al manubrio (sopra) e pinze a sfera a punta (di seguito).

2.2) fratture trasversali e fratture oblique del corpo sternale:

  1. Segnare la linea mediana dello sterno con una penna or elettrocauterizzazione.
  2. Inserire un piccolo pinza palla indicai la superficie posteriore dello sterno con spazio intercostale vicino alla frattura, ancora mantenendo molto vicino alle ossa dello sterno. Utilizzare spazio intercostale del frammento depresso prima.
    1. Mettere una piastra longitudinale accanto alla linea mediana e fissarlo con le forcipes palla a punta.
      NOTA: Almeno tre fori per le viti della piastra dovrebbero coprire il cranio e il frammento principale caudale. In caso di una singola frattura, una piastra di sette o otto fori offre la fissazione corretta. Utilizzando piastre è più necessario in fratture multiple, in cui una distanza maggiore deve essere risolto.
  3. Fissare la piastra con viti bloccate, forare ciascun foro utilizzando una guida foratura e la punta a scelta sotto passo 2.1.9 garantendo così profondità limitata e un fissaggio sicuro bloccaggio di ogni vite alla piastra. Anche in questo caso, correggere ogni frammento principale con almeno tre viti.
  4. Mettere una seconda piastra sull'altro lato della tegli linea mediana e ripetere le operazioni 2.2.2-2.2.3.

2.3) fratture longitudinali, fratture manubrio oblique e la separazione sternocostal:

  1. Ridurre la frattura, come indicato al punto 2.1.10.
  2. Inserisci uno piccole pinze palla indicai la superficie posteriore dello sterno su entrambi i lati con spazio intercostale vicino alla frattura, di nuovo tenendo molto vicino all'osso sternale. Mettere una piastra trasversale dalla costola a costola, colmando lo sterno con i suoi frammenti e fissarlo con le forcipes palla a punta. Mettere almeno tre fori per le viti lateralmente di ogni frattura.
    NOTA: In caso di una singola frattura, un foro piastra sette o otto offre la fissazione corretta. L'utilizzo di piastre più lunghe diventa solitamente necessario per fratture multiple.
  3. Fissare la piastra con viti bloccate; usare una guida di foratura e il trapano a scelta in fase 2.1.9 garantendo profondità limitata. Ancora una volta, fissare ciascuno dei principali frammenti con almeno tre viti.
  4. la procedura 2.3.1-2.3.3.

Figura 5
Figura 5:. Risultati operativi (a) piastre parallele lunghe, ogni frammento è stato fissato con 3 viti (b) del torace postoperatoria x-ray mostrando longitudinale piastra sternale e tre piastre di fissaggio trasversali frattura manubrio obliqua, la separazione sterno-costale di seconda costola e frattura. tre costole sul lato destro. (c) Vista laterale della radiografia mostra corretta posizione delle due piastre parallele di fissaggio una frattura situato a corpus sternale.

  1. Doppio verificare la corretta posizione di tutti i piatti. Esaminate la parete toracica anteriore per la stabilità sufficiente. Cercare qualsiasi sanguinamento e fermarlo. Escludere lesioni pleuriche. Se una lesione pleurico è indicata o sospetta, inserire un tubo toracico nel plcavità EURAL sul lato colpito utilizzando un approccio ascellare.
  2. Se necessario inserire un drenaggio sottocutaneo. Posizionare il tubo di fronte sterno e via percutanea deviare circa 5 cm di distanza dal bordo inferiore della ferita.
  3. Chiudere la ferita rispettando gli strati anatomici. Suturare le incisioni periostali preservare afflusso di sangue sternale. Ravvicinamento del muscolo pettorale alla linea mediana si raccomanda di garantire una corretta copertura delle protesi con tessuti molli.
  4. Prendete una radiografia del torace dopo il trattamento chirurgico per escludere pneumotorace e emotorace. La vista laterale supplementare mostrerà la posizione dei frammenti sternali e degli impianti.

Representative Results

La tomografia computerizzata preoperatoria eseguita fornisce un quadro dettagliato di tutto sterno e le costole adiacenti. Utilizzando diverse finestre dei dati CT consente un'analisi dettagliata delle ossa e la cartilagine adiacente delle nervature e del tessuto circostante. Tutte le fratture della parete toracica anteriore feriti dovrebbero essere rilevati. Immagini assiali mostrano lesioni alla cartilagine in finestra tessuti molli e la rottura delle articolazioni sterno-costale. Inoltre, la finestra ossea mostra fratture longitudinali e obliqui sterno, mentre le fratture trasversali sono raramente rilevati in questo piano. Immagini coronali ricostruiti descrivono la direzione del frattura da un punto di vista simile a quello durante il trattamento chirurgico. La dislocazione dei frammenti in rapporto alla linea mediana può essere descritto correttamente. La vista sagittale mostra la dislocazione di frammenti in anteriore - direzione posteriori. Una possibile interruzione di Sterni angulus, sincondrositra manubrio e corpus sterni è mostrato meglio in questo piano. Questi passaggi sono illustrati in Figura 1a - d.

Seguendo i passi 1,2-1,4 permette una pianificazione concisa dell'approccio chirurgico. Il posizionamento supina permette l'accesso completo a parete anteriore del torace e due assali (Figura 2a). Marcatura simboli semplifica l'identificazione della linea mediana, come mostrato nel passo 2.3 (Figura 2b).

Tutte le parti lese dello sterno e le costole adiacenti possono essere raggiunti senza problemi durante l'esecuzione di un approccio mediano seguendo i passi di cui sopra (Figura 2c).

Esecuzione di incisione del periostio sternale longitudinalmente lungo il bordo anteriore dello sterno e l'inserimento di un dispositivo elevatore alla superficie posteriore permette di ridurre qualsiasi frammento dislocata e previene le lesioni ai vasi adiacenti toraciche interne e le mediastinum come mostrato nella Figura 4a. Inoltre, limitata profondità di foratura può essere effettuata mediante misurazione dello spessore sternale in prima (figura 3a) e la scelta di una punta con la lunghezza corrispondente (figura 3b, c).

L'inserimento di una punta a sfera pinza potrebbe essere difficile in alcuni casi, ad esempio, al manubrio. In questi casi i fili di compressione anteriormente posti (lunghezza = spessore massimo sternale) contribuirà a ridurre la frattura e fissare temporaneamente la piastra (Figura 4a - c).

Il fissaggio di ciascun frammento utilizzando almeno tre viti di solito mostra una stabilizzazione adeguata per trasversale così come per le fratture oblique e longitudinali (figura 5a, b). Fissaggio costole separati allo sterno può essere eseguita da placcatura sterno-costale così portando ad una congiunzione stabile 26 (figura 5b).

Al momento, tutte le parti instabili della parete toracica anteriore sono fissati da piastre. Viene visualizzata la parete toracica anteriore come unione stabile sternocostale con movimento respiratorio fisiologica. Rispettando strati anatomici ottiene la chiusura più precisa della ferita; complicanze della ferita sono di solito rare.

Torace radiografie postoperatorio preso in due piani mostrano la corretta riduzione della frattura e il corretto posizionamento degli impianti che sono stati somministrati (figura 5c). Il 6 settimane di follow-up mostra di solito prima callo che circonda la frattura e dopo dodici settimane di consolidamento di solito può essere osservato.

Discussion

Sebbene la maggior parte delle fratture sternali sono trattati conservativamente, talvolta una fissazione chirurgica diventa necessario. L'anatomia sternale e la stabilità della parete toracica anteriore vengono ripristinati da un fissaggio stabile impiegando una osteosintesi piatto bloccato. Utilizzando lastre molto sottili (spessore 1,5 mm o 2,0 mm) fornisce un'adeguata stabilità da un lato ed alta convenienza per il paziente, dall'altro 12. Ottimi risultati sono descritti anche per l'applicazione di qualsiasi piatto bloccato, ad esempio Sistema LCP o piastre sviluppati per altre ossa come la colonna vertebrale cervicale o radio distale 6,27.

Piastre bloccati sono considerati per fornire il vantaggio di una fissazione biologica per essere funzionale come fissatore interno significativamente ridotto attrito tra piastra e dell'osso 9. Il posizionamento di tale fissatore interna sulla superficie sternale anteriore fornisce una fissazione sufficiente della superficie convessa del fracture e riducendo le forze di trazione alla frattura. Allo stesso tempo, ogni movimento respiratorio induce compressione corteccia sternale interno e la frattura stimolando guarigione ossea. Deve consentire l'efficienza del fissatore interno da bloccare saldamente Ogni viti.

Come si consiglia il fissaggio di ciascun frammento con almeno tre viti, ci potrebbero essere limitazioni in caso di frammenti molto brevi. Possibili soluzioni sono il ponte di tali frammenti e l'utilizzo di piastre speciali, che permettono il fissaggio longitudinale e trasversale in uno. In futuro, "T" o "H" piastre sagomate potrebbe essere utile in quelle situazioni.

Alcuni chirurghi mostrano una certa riluttanza a operare sulla parete toracica, probabilmente a causa della mancanza di esperienza in questo particolare regione. Vi è la necessità di un metodo semplice e sicuro per sternale 1,12 stabilizzazione. Il metodo sopra descritto rappresenta una possibile standard e riduce il rischio di complicanze a causa della procedura operativa da una precisa pianificazione preoperatoria, dissezione sottoperiosteo dei tessuti molli, e profondità limitata. Qui sta la differenza nell'uso di altre piastre non prevedono la possibilità di limitata profondità di foratura (Tabella 1), mentre la pianificazione preoperatoria, le fasi di preparazione, e la riduzione della frattura può essere eseguita analogamente al modo descritto di questo manoscritto .

Come tridimensionale TAC ricostruito tre consente la diagnosi di fratture a sterno e fratture concomitanti con elevata sensibilità al chirurgo viene dettagliate informazioni sulla ferita 28,29. La CT mostra la particolare posizione e la direzione della frattura nonché qualsiasi dislocazione. Questa informazione importante semplifica la pianificazione preoperatoria dell'approccio chirurgico inteso come mostrato nei passaggi 1,1-1,5. Inoltre, permette una precisa pianificazione del number e disegno delle piastre che dovrebbero essere impiegati per il fissaggio come mostrato nella passi 2.2-2.3. Una possibile limitazione di una TAC si trova in difficoltà mostrando fratture undislocated e distruzione della cartilagine anche se potevano contribuire alla instabilità della parete toracica.

La dissezione sottoperiosteo e la profondità di foratura limitata sono i due più importanti passi per la sicurezza chirurgica.

Ridurre i frammenti dello sterno alla loro posizione anatomica di solito richiede un approccio alla parete posteriore dello sterno. Questa procedura può danneggiare organi del mediastino, le navi circostanti e la sternale 7,18 afflusso di sangue. Esecuzione dissezione strettamente sottoperiostale intorno sterno come indicato al punto 2.1.7 ridurrà al minimo il rischio di complicanze. Fratture che mostrano una lussazione laterale, potrebbe avere i loro frammenti si muovono molto da vicino ai vasi mammari interni. In questi casi il chirurgo deve essere a conoscenza di eventuali lesioni to le navi che potrebbero causare gravi emorragie. Al momento un'emorragia in questa particolare regione è identificato, il chirurgo deve smettere immediatamente attraverso un approccio intercostale alla nave mammaria interna. La dissezione dei muscoli intercostali e l'inserimento di un diffusore nello spazio intercostale interessato offre un accesso rapido e corretto al vaso danneggiato.

Foratura troppo profonda è da evitare, in quanto può causare ferite mortali al mediastino. Ciò è garantito dalla profondità di foratura limitata in combinazione con la misurazione dello spessore sternale e la scelta di una punta da trapano di lunghezza corrispondente 12.

Riassumendo i limiti prescritti per eventuali discussi, eseguire anteriore placcatura sternale con profilo bloccato piastre di titanio bassi è prevedibile successo, se si esegue una pianificazione preoperatoria per la tomografia computerizzata, la dissezione subperiostal, e profondità limitata.

Materials

Name Company Catalog Number Comments
MatrixRIB DePuySynthes CMF
LCP Forefood/Middlefood 2.4/2.7 DePuySynthes CMF only compression wires are employed

DOWNLOAD MATERIALS LIST

References

  1. Athanassiadi, K., Gerazounis, M., Moustardas, M., Metaxas, E. Sternal fractures: retrospective analysis of 100 cases. World J. Surg. 26, (10), 1243-1246 (2002).
  2. Severson, E. P., Thompson, C. A., Resig, S. G., Swiontkowski, M. F. Transverse sternal nonunion, repair and revision: a case report and review of the literature. J. Trauma. 66, (5), 1485-1488 (2009).
  3. Queitsch, C., et al. Treatment of posttraumatic sternal non-union with a locked sternumosteosynthesis plate (TiFix). Injury. 42, (1), 44-46 (2011).
  4. Fowler, A. W. Flexion-compression injury of the sternum. J. Bone Joint Surg Br. 39, (3), 487-497 (1957).
  5. Bailey, J., et al. Thoracic hyperextension injury with complete 'bony disruption' of the thoracic cage: Case report of a potentially life-threatening injury. World J. Emerg Surg. 7, (1), 14 (2012).
  6. Ciriaco, P., et al. Early surgical repair of isolated traumatic sternal fractures using a cervical plate system. J. Trauma. 66, (2), 462-464 (2009).
  7. Harston, A., Roberts, C. Fixation of sternal fractures: a systematic review. J. Trauma. 71, (6), 1875-1879 (2011).
  8. Fawzy, H., et al. Sternal plating for primary and secondary sternal closure; can it improve sternal stability. J. Cardiothorac Surg. 4, 19 (2009).
  9. Murphy, W. M. AO Principles of Fracture Management. Thieme. New York, NY. 25-165 (2000).
  10. Mayberry, J. C., Ham, L. B., Schipper, P. H., Ellis, T. J., Mullins, R. J. Surveyed opinion of American trauma, orthopedic, and thoracic surgeons on rib and sternal fracture repair. J. Trauma. 66, (3), 875-879 (2009).
  11. Gloyer, M. A., Frei, H. C., Hotz, T. K., Käch, K. P. Osteosynthesis of traumatic manubriosternal dislocations and sternal fractures with a 3.5/4.0 mm fixed-angle plate (LCP). Arch. Orthop. Trauma Surg. 131, (9), 1261-1266 (2011).
  12. Schulz-Drost, S., Mauerer, A., Grupp, S., Hennig, F. F., Blanke, M. Surgical fixation of sternal fractures: locked plate fixation by low-profile titanium plates--surgical safety through depth limited drilling. Int. Orthop. 38, (1), 133-139 (2014).
  13. Wu, L. C., Renucci, J. D., Song, D. H. Sternalnonunion: a review of currenttreatments and a newmethod of rigidfixation. Ann. Plast. Surg. 54, (1), 55-58 (2005).
  14. Potaris, K., et al. Management of sternal fractures: 239 cases. Asian Cardiovasc. Thorac. Ann. 10, (2), 145-149 (2002).
  15. Coons, D. A., Pitcher, J. D., Braxton, M., Bickley, B. T. Sternal nonunion, case report. Orthopedics. 25, 89-91 (2002).
  16. Abdul-Rahman, M. R., et al. Comminuted sternal fracture—a sternotomy wire fixation: report of 2 cases. Heart Surg. Forum. 12, (3), E184-E186 (2009).
  17. Celik, B., Sahin, E., Nadir, A., Kaptanoglu, M. Sternum fractures and effects of associated injuries. Thorac. Cardiovasc. Surg. 57, (8), 468-471 (2009).
  18. Bonney, S., Lenczner, E., Harvey, E. J. Sternal fractures: anterior plating rationale. J. Trauma. 57, (6), 1344-1346 (2004).
  19. Kitchens, J., Richardson, J. D. Open fixation of sternal fracture. Surg. Gynecol. Obstet. 177, (4), 423-424 (1993).
  20. Al-Qudah, A. Operative treatment of sternal fractures. Asian Cardiovasc. Thorac. Ann. 14, (8), 399-401 (2006).
  21. Frangen, T. M., Müller, E. J., Muhr, G., Hopf, F. Traumatic manubriosternal dislocation. Arch. Orthop. Trauma Surg. 126, (6), 411-416 (2006).
  22. Molina, J. E. Evaluation and operative technique to repair isolated stemal fracture. J Thorac Cardiovasc Surg. 130, (2), 445-448 (2005).
  23. El Ibrahimi, A., et al. Traumatic manubriosternal dislocation: A new method of stabilization postreduction. J. Emerg. Trauma Shock. 4, (2), 317-319 (2011).
  24. Richardson, J. D., Franklin, G. A., Heffley, S., Seligson, D. Operative fixation of chest wall fractures: an underused procedure. Am. Surg. 73, (6), 591-596 (2007).
  25. Münzberg, M., Mahlke, L., Bouillon, B., Paffrath, T., Matthes, G., Wölfl, C. G. Six years of Advanced Trauma Life Support (ATLS) in Germany: the 100th provider course in Hamburg. Unfallchirurg. 113, (7), 561-566 (2010).
  26. Schulz-Drost, S., Syed, J., Besendoerfer, M., Carbon, R. T. Sternocostal Dislocation Following Open Correction of Pectus Excavatum-'Stairway Phenomenon': Complication Management by Means of Sternocostal Locking Titanium Plate Osteosynthesis. Thorac Cardiovasc Surg. 62, (3), 245-252 (2013).
  27. Ergene, G., Tulay, C. M., Anasız, H. Sternal fixation with nonspecific plate. Ann Thorac Cardiovasc Surg. 19, (5), 364-367 (2012).
  28. Kehdy, F., Richardson, J. D. The utility of 3-D CT scan in the diagnosis and evaluation of sternalfractures. J. Trauma. 60, (3), 635-636 (2006).
  29. Alkadhi, H., Wildermuth, S., Marincek, B., Boehm, T. J. Accuracy and time efficiency for the detection of thoracic cage fractures: volume rendering compared with transverse computed tomography images. Comput. Assist. Tomogr. 28, (3), 378-385 (2004).
Fissazione chirurgica di fratture sterno: la pianificazione preoperatoria e una tecnica chirurgica sicuro con piastre di titanio bloccati e limitata profondità di foratura
Play Video
PDF DOI DOWNLOAD MATERIALS LIST

Cite this Article

Schulz-Drost, S., Oppel, P., Grupp, S., Schmitt, S., Carbon, R. T., Mauerer, A., Hennig, F. F., Buder, T. Surgical Fixation of Sternal Fractures: Preoperative Planning and a Safe Surgical Technique Using Locked Titanium Plates and Depth Limited Drilling. J. Vis. Exp. (95), e52124, doi:10.3791/52124 (2015).More

Schulz-Drost, S., Oppel, P., Grupp, S., Schmitt, S., Carbon, R. T., Mauerer, A., Hennig, F. F., Buder, T. Surgical Fixation of Sternal Fractures: Preoperative Planning and a Safe Surgical Technique Using Locked Titanium Plates and Depth Limited Drilling. J. Vis. Exp. (95), e52124, doi:10.3791/52124 (2015).

Less
Copy Citation Download Citation Reprints and Permissions
View Video

Get cutting-edge science videos from JoVE sent straight to your inbox every month.

Waiting X
Simple Hit Counter