Waiting
Login processing...

Trial ends in Request Full Access Tell Your Colleague About Jove
JoVE Science Education
Developmental Psychology

A subscription to JoVE is required to view this content.
You will only be able to see the first 20 seconds.

 
Click here for the English version

Sviluppo della memoria: dimostrazione di come le domande ripetute portino a falsi ricordi

Overview

Fonte: Laboratori di Judith Danovitch e Nicholaus Noles—Università di Louisville

Una persona è definita come un individuo unico in base alle persone e agli eventi che incontra nella sua vita. Pertanto, creare, archiviare e ricordare i ricordi sono elementi essenziali dell'esperienza umana. Tuttavia, la memoria, come gli adulti la sperimentano, richiede tempo per svilupparsi. Sebbene i bambini piccoli possano imparare fatti e ricordare i dettagli della loro vita da un momento all'altro e giorno per giorno, non creano ricordi autobiografici o ricordi dettagliati di eventi che accadono nella loro vita fino all'età di 3 anni o più.

Anche dopo i 3 anni, i ricordi dei bambini differiscono da quelli degli adulti in modi importanti. I bambini sono meno efficaci nel valutare i propri ricordi rispetto agli adulti, il che rende difficile per loro determinare, ad esempio, se i loro ricordi sono accurati o meno. I falsi ricordi sono un problema sia per i bambini che per gli adulti, in quanto è abbastanza facile creare un falso ricordo con una domanda mal formulata o una storia ripetuta più e più volte. Tuttavia, i bambini piccoli sono più suscettibili alla creazione di falsi ricordi rispetto ai bambini più grandi o agli adulti.

Questo video dimostra la vulnerabilità dei bambini ai falsi ricordi utilizzando un metodo sviluppato da Steven Ceci e dai suoi collaboratori. 1-2

Procedure

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Reclutare circa 50 bambini sani da 5 a 6 anni senza storia di disturbi dello sviluppo. Ai fini di questa dimostrazione, viene testato un solo bambino. Si raccomandano campioni di dimensioni maggiori quando si conducono esperimenti.

Si noti che la grande dimensione del campione è per tenere conto del logoramento o della perdita di partecipanti. Questa procedura utilizza un design longitudinale e multisessione che richiede ai bambini di completare un numero specifico di interviste in un determinato periodo di tempo. Tutti i bambini che perdono una sessione devono essere esclusi dall'analisi dei dati.

1. Raccolta dei dati

  1. Raccogli i materiali necessari.
    1. Intervistare il genitore del bambino per identificare gli eventi che il bambino ha e non ha vissuto negli ultimi 12 mesi.
    2. Progettare 10 vignette, tra cui cinque eventi reali, tre eventi di controllo e due eventi di test.
    3. Registra eventi veri che consistono in eventi reali che il bambino ha vissuto nell'anno precedente come riportato dai genitori. Determina l'accuratezza generale dei ricordi di un bambino con questi eventi.
      1. Esempio: "Sei andato a Disney World e hai mangiato una coscia di tacchino".
    4. Creare eventi di controllo costituiti da eventi che il bambino non ha vissuto. Questi eventi forniscono un'altra misura dell'accuratezza dei bambini e provocano anche i bambini a dire di no ad alcuni eventi, in modo che non abbiano l'abitudine di rispondere semplicemente sì a ogni domanda.
      1. Esempio: "Hai visto un cucciolo di alligatore mangiare una mela su un aereo".
    5. Crea eventi di test costituiti da eventi credibili che i genitori segnalano che il loro bambino non ha vissuto. Questi sono gli eventi che possono o non possono generare falsi ricordi.
      1. Esempio: "Sei andato in ospedale, perché il tuo dito è rimasto intrappolato in una trappola per topi".
    6. Stampa ogni evento su una scheda indice.
  2. Introduzione
    1. Dì al bambino: "Leggerò alcune cose che potrebbero esserti successe, e voglio che tu pensi davvero a ciascuna di esse. Cerca di ricordare se è successo davvero. Abbiamo fatto questa lista parlando con tua madre e tuo padre per convincerli a raccontarci cose che ti sono realmente successe quando eri più giovane, ma non tutte le cose che ti leggerò sono realmente accadute. "
  3. Test
    1. Siediti vicino al bambino mentre tieni in mano le schede indice degli eventi.
    2. Fai in modo che il bambino selezioni una carta a caso e poi la legga.
    3. Dopo aver letto, chiedi: "È successo?"
    4. Continuare fino a quando tutte le carte non sono state lette.
    5. Ripeti questa procedura 5 volte per 5 settimane.
    6. Registra le risposte del bambino e poi trascrivile per un'analisi futura.

2. Analisi

  1. Per ogni sessione, codificare separatamente le risposte "sì" del bambino per gli eventi reali e gli eventi di test.
  2. Utilizzare un'analisi della varianza per determinare se esistono differenze tra i due tipi di eventi presentati al bambino nelle sessioni uno, tre e cinque.

Sia i bambini che gli adulti possono sperimentare falsi ricordi, che sono ricordi di eventi che non sono mai accaduti o ricordi reali che sono stati alterati da esperienze successive.

Rispetto agli adulti, i bambini sono più suscettibili alla formazione di falsi ricordi. Spesso, tali ricordi sono casi innocui di bambini che ricordano eventi ed esperienze che non si sono mai realmente verificati, come andare in ospedale il giorno in cui è nato il loro fratello quando hanno effettivamente trascorso la giornata con i loro nonni.

Inoltre, quando i bambini ricordano, può essere difficile per loro separare i dettagli e gli eventi reali da quelli che hanno immaginato o di cui hanno solo sentito parlare. Di conseguenza, i bambini sono meno abili degli adulti nel giudicare l'accuratezza dei loro ricordi.

Come ha rivelato il lavoro dello psicologo Stephen Ceci, uno degli aspetti più preoccupanti dei falsi ricordi è che possono essere facilmente creati nei bambini, ad esempio facendo loro ripetutamente una domanda o raccontando loro una storia.

Utilizzando le tecniche descritte da Ceci e colleghi, questo video dimostra come progettare, raccogliere e interpretare i dati per un esperimento che indaga i falsi ricordi nei bambini, nonché come applicare questo metodo per esplorare la complessa relazione tra memoria, immaginazione ed età.

In questo esperimento, ai bambini di 5 e 6 anni viene detto di diversi eventi che li coinvolgono e viene chiesto di ricordare se hanno vissuto questi scenari.

Gli scenari sono costituiti da tre tipi: eventi true, check e test. Gli eventi veri sono quelli in cui i bambini sono stati effettivamente coinvolti – come essere andati alla fiera e vincere un enorme animale di peluche – che un ricercatore identifica intervistando in anticipo i genitori o i tutori dei bambini.

In questo caso, la variabile dipendente è la percentuale media di bambini che hanno acconsentito, o affermato di aver effettivamente vissuto, eventi veri. Questi eventi vengono anche utilizzati per valutare l'accuratezza generale della memoria dei bambini.

Il secondo tipo, gli eventi di controllo, sono scenari fantastici che un ricercatore crea che i bambini non hanno sperimentato, ad esempio, avendo giocato a un gioco da tavolo con un cane parlante da un fuoco scoppiettante.

Poiché questi eventi non avrebbero potuto accadere, assicurano che i bambini non abbiano l'abitudine di rispondere automaticamente "Sì" a ogni domanda e valutano anche l'accuratezza della memoria.

L'ultimo tipo di eventi – gli eventi di test – sono i più complicati e consistono in scenari plausibili che i bambini non hanno sperimentato, come andare dal medico dopo aver calpestato vetri rotti.

La percentuale di bambini che hanno affermato di aver sperimentato eventi di test funge da variabile dipendente.

Per un periodo di 5 settimane, ai bambini viene ripetutamente chiesto dello stesso set di scenari, che include eventi true, check e test.

Sulla base del precedente lavoro di Ceci e colleghi, si prevede che la percentuale di bambini che acconsentono agli eventi di test aumenterà durante le sessioni di interrogatorio, indicando che in alcuni bambini questi scenari formano falsi ricordi.

Per prepararti all'esperimento, consulta i genitori di ogni bambino per identificare gli eventi che hanno e non hanno vissuto nell'ultimo anno.

Utilizzando queste informazioni, progettare una raccolta di 10 vignette personalizzate su schede indice per ogni bambino. Assicurarsi che ogni set includa cinque eventi true, tre check e due test.

Per iniziare lo studio, saluta il bambino e introducilo al compito che svolgerà. Sottolinea che alcuni degli eventi di cui verranno raccontati non sono realmente accaduti.

Siediti nelle vicinanze mentre tieni in mano le schede indice su cui vengono stampati gli eventi.

Invita il bambino a selezionare una carta a caso e a leggergli cosa c'è scritto su di essa. Successivamente, chiedi al bambino se l'evento è accaduto.

Continua fino a quando tutte le carte non sono state lette e trascrivi le risposte del bambino. Ripetere questa procedura cinque volte per un periodo di cinque settimane.

Per ognuna di queste cinque sessioni, codificare separatamente le risposte "sì" del bambino per gli eventi reali e gli eventi di test.

Per analizzare i dati, calcola la percentuale media di bambini che hanno affermato di aver sperimentato eventi sia veri che di test nelle sessioni 1, 3 e 5.

Eseguire un'analisi della varianza per determinare se ci sono differenze tra i due tipi di eventi presentati ai bambini in queste tre sessioni.

Nota la velocità con cui i bambini affermano di aver sperimentato eventi di test realistici aumentati nel tempo, indicando che molti di loro arrivano a credere che questi eventi siano realmente accaduti, formando falsi ricordi.

Ora che sai come le domande ripetute possono essere utilizzate per indagare sui falsi ricordi nei bambini, diamo un'occhiata a come gli psicologi stanno studiando la plasticità della memoria in altri contesti.

Un'applicazione di questo lavoro valuta se ripetuti interrogatori da parte di figure di autorità, come i funzionari delle forze dell'ordine, durante le interviste possono portare i bambini a formare falsi ricordi.

Poiché questo può avere gravi ramificazioni legali, molti psicologi stanno cercando di identificare e sviluppare strategie di interrogazione che incoraggino i bambini a riferire con precisione ciò che sanno di un evento senza influenzare la loro memoria di esso.

Allo stesso modo, gli psicologi stanno cercando di capire come i bambini possono scambiare qualcosa che hanno sentito, immaginato o pensato per qualcosa che hanno effettivamente vissuto.

Ciò può essere dovuto al fatto che ogni volta che un ricordo, come una specifica festa di compleanno, viene richiamato, ci sono opportunità per aggiungere o sottrarre dettagli da esso, come chi era lì e quale cibo è stato servito. Quindi, ricordare è più simile alla costruzione che al ricordo.

Di conseguenza, a differenza delle fotografie, nel tempo i ricordi possono diventare rappresentazioni sempre più imperfette di un evento della vita.

Infine, alcuni ricercatori utilizzano tecniche, come la risonanza magnetica funzionale, in grado di identificare i tessuti metabolicamente attivi per confrontare le aree del cervello coinvolte nella formazione e nel recupero di ricordi falsi e veri.

Sebbene gli individui sperimentino sia ricordi veri che falsi più o meno allo stesso modo, è possibile che queste tecniche di imaging possano identificare strutture nel cervello, come l'ippocampo, che possono aiutare a distinguere tra questi tipi di ricordi.

Hai appena visto il video di JoVE sullo sviluppo di falsi ricordi nei bambini. A questo punto, dovresti capire come le domande ripetute possono portare a falsi ricordi nei bambini e sapere come raccogliere e interpretare i dati che rivelano le tendenze dei bambini a formare falsi ricordi. Dovresti anche avere un'idea di ciò che rende i bambini particolarmente suscettibili ai falsi ricordi.

Grazie per l'attenzione!

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Results

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

I bambini di fronte a eventi reali ed eventi irrealistici della loro vita sono in genere molto accurati nell'identificare situazioni che hanno e non hanno vissuto. Tuttavia, quando vengono presentati eventi realistici che non hanno vissuto, molti bambini in età prescolare credono di aver vissuto quegli eventi, anche dopo averne sentito parlare solo una volta, e la velocità con cui dicono di averli vissuti aumenta nel tempo (Figura 1). Oltre ai dati delle risposte dei bambini, i bambini possono anche aggiungere spontaneamente i propri dettagli ai falsi ricordi presentati loro nelle precedenti sessioni di test.

Figure 1
Figura 1: Percentuale media di bambini che affermano di aver vissuto un evento che è accaduto loro (memoria vera) o non è accaduto a loro (falsa memoria) dopo una, tre o cinque sessioni.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Applications and Summary

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

I ricordi non sono rappresentazioni perfette degli eventi della vita. Si degradano nel tempo e i dettagli possono essere aggiunti o sottratti. Ricordare è più simile alla costruzione che al ricordo. Quindi, è molto facile per una persona confondere qualcosa che ha sentito prima, o qualcosa a cui ha pensato prima, per qualcosa che ha effettivamente vissuto. Ciò è particolarmente vero per i bambini, che hanno maggiori probabilità di formare falsi ricordi quando viene chiesto di pensare o immaginare situazioni o eventi. Più in generale, questi risultati indicano che le persone dovrebbero prestare particolare attenzione quando interrogano i bambini su gravi questioni legali e personali. I bambini vengono in genere interrogati ripetutamente e con domande molto specifiche quando vengono intervistati, e genitori, insegnanti, assistenti sociali e funzionari delle forze dell'ordine impiegano comunemente queste pratiche. Pertanto, c'è un delicato equilibrio tra la creazione di falsi ricordi e la provocazione efficace dei bambini a riferire ciò che sanno su eventi importanti.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

References

  1. Ceci, S.J., & Bruck, M. Jeopardy in the courtroom: A scientific analysis of children’s testimony. Washington, DC: American Psychological Association (1995).
  2. Ceci, S.J., Crotteau Huffman, M.L., Smith, E., & Loftus, E.F. Repeatedly thinking about a non-event: Source misattributions among preschoolers. Consciousness and Cognition. 3, 388-407 (1994).

Transcript

Please note that all translations are automatically generated.

Click here for the English version.

Get cutting-edge science videos from JoVE sent straight to your inbox every month.

Waiting X
Simple Hit Counter