Login processing...

Trial ends in Request Full Access Tell Your Colleague About Jove
Click here for the English version

Medicine

Microfratturate autologo e nel tessuto adiposo purificato per l'amministrazione artroscopica di lesioni osteocondrali dell'astragalo

doi: 10.3791/56395 Published: January 23, 2018

Summary

Lo scopo di questo studio è di segnalare un protocollo per il trattamento artroscopico di lesioni osteocondrali dell'astragalo utilizzando microfratturate e purificato le cellule staminali adiposo-derivate.

Abstract

Negli ultimi anni, tecniche rigenerative sono stati sempre più studiati e usati per trattare le lesioni osteochondral del talus. In particolare, diversi studi hanno focalizzato la loro attenzione su cellule staminali mesenchimali derivate dal tessuto adiposo. Le cellule staminali adiposo-derivate (CSTA) esibiscono caratteristiche morfologiche e proprietà simili alle altre cellule mesenchimali e sono in grado di differenziarsi in diverse linee cellulari. Inoltre, queste cellule sono anche ampiamente disponibili nel tessuto sottocutaneo, che rappresentano il 10-30% del peso corporeo normale, con una concentrazione di 5000 cellule per grammo di tessuto.

La tecnica presentata, il primo passo prevede raccolta CSTA dall'addome e un processo di microfrattura e purificazione; Successivamente, la procedura chirurgica viene eseguita interamente arthroscopically, con meno dissezione dei tessuti molli, migliore visualizzazione congiunta e un recupero più veloce rispetto a procedure standard aperte. L'artroscopia è caratterizzato da una prima fase in cui la lesione è identificata, isolata e preparata con microperforazioni; la seconda fase, eseguita a secco, prevede l'iniezione di tessuto adiposo a livello della lesione.

Tra gennaio 2016 e settembre 2016, quattro pazienti hanno subito il trattamento artroscopico di lesione osteochondral del talus con microfratturate e tessuto adiposo purificato. Tutti pazienti hanno segnalato il miglioramento clinico sei mesi dopo la chirurgia senza le complicazioni segnalate. I punteggi funzionali all'ultimo follow-up sono incoraggianti e confermano che la tecnica fornisce sollievo dal dolore affidabile e miglioramenti in pazienti con lesione osteochondral del talus.

Introduction

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

L'artroscopia è il gold standard per il trattamento delle lesioni osteocondrali dell'astragalo (OLTs) con l'obiettivo di alleviare il dolore, ripristino della funzionalità e migliorare la qualità della vita, soprattutto in pazienti giovani e attivi.

Attualmente, le tecniche artroscopiche possono essere classificate in tre modi. La tecnica riparativa stimola le cellule derivate dal midollo osseo attraverso un microperforazioni a livello della lesione e di sbrigliamento. La tecnica ricostruttiva sostituisce la lesione usando un innesto autologo o eterologo ostechondral. La tecnica rigenerativa sfrutta la capacità delle cellule multipotenti per differenziare e replicare per ricostruire il tessuto danneggiato1,2,3,4,5,6 .

Negli ultimi anni, tecniche rigenerative sono stati oggetto di numerosi studi in vitro e in vivo per il trattamento di OLTs e particolarmente mesenchymal cellule staminali derivate da tessuto adiposo (CSTA)7,8 , 9. queste cellule staminali mesenchimali esibiscono caratteristiche morfologiche e funzionali simili alle altre cellule multipotenti, isolati da altri tessuti; Essi hanno anche la capacità di differenziarsi in diversi e linee cellulari differenti sia in vitro che in vivo10,11,12,13. Il focus sulla ricerca per quanto riguarda queste cellule è principalmente a causa della loro localizzazione, infatti essi rappresentano dal 10% al 30% del peso corporeo normale con una concentrazione di 5000 cellule per grammo di tessuto13,14. D'altra parte, un fattore che limita l'utilizzo di queste cellule è relativo alla loro manipolazione durante le procedure di laboratorio. Il lipoaspirato contenente aggregati di adipociti, fibre di collagene e componenti vascolari normali enzimaticamente viene elaborato con collagene di tipo I A e sottoposti ad emolisi prima cultura. L'obiettivo qui è quello di descrivere il protocollo per il trattamento delle lesioni osteocondrali dell'astragalo utilizzando microfratturate e tessuto adiposo purificato.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Protocol

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Tutte le procedure eseguite negli studi che coinvolgono i partecipanti umani erano in conformità con gli standard etici del Comitato di ricerca istituzionali e/o nazionali e con la dichiarazione di Helsinki del 1964 e sue successive modifiche o etici comparabili standard.

1. anamnesi

  1. Iniziare l'esame clinico con una storia dettagliata del paziente.
    Nota: Un OLT deve sempre essere sospettato in caso di instabilità della caviglia con ripetute distorsioni associati con gonfiore, rigidità, dolore e blocco comune. Inoltre, in molti casi OLT può essere associato con una storia di malattia sistemica, come malattia infiammatoria o vascolare, neuropatia o malattia neurologica ed il diabete. L'uso di droghe o problemi medici che possono influenzare la guarigione deve essere valutato e preso in considerazione.

2. esame obiettivo

  1. Valutare il paziente in posizione ortostatica per evidenziare deformità hind-piede o della caviglia. Valutare muscoli e dei tendini della caviglia e funzione gamma di movimento (ROM). Una tenerezza diffusa è spesso presente, specialmente durante la massima flessione ed estensione, e non è raro incontrare una zona sensibile al tocco a livello del giunto articolare.
  2. Eseguire un test del cassetto anteriore e posteriore per identificare un'instabilità laterale concomitante della caviglia.
  3. Durante la consultazione pre-operatoria, registrare i seguenti punteggi clinici e funzionali: piede ortopedico americano & Ankle Society (AOFAS) hind-piede e caviglia punteggi15, scala analogica visiva (VAS) dolore Punteggio16e 12-elemento forma breve Health Survey (SF-12)17.

3. valutazione radiologica

  1. Eseguire una radiografia del piede e della caviglia di appoggio bilaterale. Si tratta di convenzionale del peso-cuscinetto antero-posteriore (AP) mortasa e viste laterali del peso-cuscinetto della caviglia. Eseguire da infilare AP in posizione neutra e con 15 gradi di rotazione interna per una migliore visualizzazione del talus.
    Nota: Solo il 50% di OLT può essere diagnosticato con radiografia; in caso di grandi lesioni, un'area di osso indipendente circondato da radiotrasparenza può essere notato18.
  2. Eseguire una convenzionale computata-esplorazione di tomografia (TAC) della caviglia. La TAC permette una precisa posizione e le dimensioni della lesione, individuando anche frammenti ossei in caso di distacco. Il punto debole del CT è la capacità di mostrare lo stato della cartilagine. Uno studio precedente ha mostrato una sensibilità e una specificità di 0,81 e 0,99, rispettivamente, per la rilevazione OLTs CT19,20.
  3. Eseguire la formazione immagine a risonanza magnetica (MRI) della caviglia. MRI è fondamentale nella valutazione dell'osso subcondrale e della cartilagine. Inoltre, la MRI non riguarda le radiazioni ionizzanti e permette una migliore visualizzazione dei tessuti molli. La letteratura segnala una sensibilità e specificità del 96% nella rilevazione OLTs21,22.

4. tecnica chirurgica

  1. Raccolta e lavorazione del tessuto adiposo
    1. Preparare la soluzione di Klein: 1 L di soluzione salina 9 g/L, 50 mL di lidocaina 1%, 1 mL di epinefrina 1: 1000, 10 mL di bicarbonato di sodio 8,4% e 0,1 mL di 10 mg/mL di acetonide del triamcinolone.
    2. Creare due para-ombelicale incisioni di circa 0,5 cm con un bisturi. Iniettare circa 300 mL di soluzione di Klein nel tessuto grasso sottocutaneo dell'addome attraverso le incisioni utilizzando siringhe da 60 mL con un ago da 18G (Figura 1).
    3. Raccogli 40-45 mL di CSTA utilizzando una cannula smussa 13G collegato a una siringa da 20 mL e introdusse il kit di trasformazione (Figura 2). In genere, di eseguire la raccolta nella zona peri-ombelicale.
    4. Inserire 100-130 mL di lipoaspirato nel sistema chiuso. Spingere il lipoaspirato nel dispositivo attraverso un filtro di grandi dimensioni per ottenere una prima riduzione di cluster; allo stesso tempo, una quantità corrispondente di soluzione salina esce verso la borsa lo spreco. Un ruolo chiave è giocato da biglie di acciaio inossidabile per ottenere un'emulsione temporanea tra olio, sangue e soluzione salina. Rimuovere residui di olio e sangue contaminato da un contro-flusso gravità di soluzione salina.
    5. Dopo questa fase di lavaggio (la soluzione scorrevole appare chiaro e il giallo di lipoaspirato), interrompere il flusso di soluzione salino e invertire il dispositivo (cappuccio grigio fino), che conduce la seconda riduzione adiposa cluster. Ottenere la riduzione spingendo i cluster adiposi galleggianti attraverso il secondo filtro esagonale taglio, spingendo da sotto liquido con una siringa da 10 mL. Raccogliere il prodotto finale in una siringa 10 mL collegata all'apertura superiore del dispositivo.
      Nota: Il kit di elaborazione per il tessuto grasso migliora la tecnica di lipofilling standard: infatti, il sistema consiste di un sistema cilindrico chiuso, full immersion, a bassa pressione, al fine di ottenere un prodotto fluido e uniforme che contiene un gran numero di periciti. Questa procedura consente il trattamento delle cellule adipose esclusivamente tramite forze meccaniche mite e preservando l'integrità della nicchia vascolare stromal. Il processo è il meno traumatico possibile e rende il prodotto finale disponibile in breve tempo (15-20 min.), senza trattamenti enzimatici o espansione. Vasculostromal intatto nicchie aiutano il processo di guarigione.
    6. Una volta che è state raccolte il CSTA, applicare un bendaggio di compressione sull'addome.
  2. Procedura chirurgica e l'iniezione del tessuto adiposo
    1. Posizionare il paziente in posizione supina in anestesia spinale con un laccio emostatico, ad una pressione di 250 mmHg, a livello della coscia per diminuire l'emorragia e consentire una migliore visualizzazione artroscopica1.
    2. Marcare i reperi anatomici sulla pelle con una penna dermografica. Luoghi d'interesse sono essenziali per evitare lesioni iatrogeniche.
      Contrassegnare i seguenti (Figura 3):
      entrambi i malleoli (laterale (LM) e mediale (MM))
      la linea comune anteriore (JL), identificata con dorsi - e flessione plantare dell'articolazione della caviglia
      il tibiale anteriore (TAT) e il tendine di Achille
      della vena grande safena, che corre davanti al malleolo mediale
      il nervo peroneo superficiale (SPN)
    3. Innanzitutto, eseguire il portale anteromedial appena mediale per la tibiale anteriore, in concomitanza con un debole. Questo portale rappresenta il portale di approccio. Nella maggior parte dei casi, una depressione con la caviglia in dorsiflessione è visibile e palpabile.
      1. Tagliare solo la pelle con una lama e poi forare la capsula di scollamento. Fare attenzione a evitare il nervo safeno e della vena grande safena. La vena safena è situato a 9 mm lateralmente al portale, mentre il nervo è circa 7,4 mm laterale al portale. Questo costituisce uno dei due portali di visualizzazione primaria.
    4. Controllare la linea comune, posto sul portale anterolateral, mediale al malleolo laterale e laterale al tendine di digitorum dell'estensore.
      Nota: Quando si esegue il portale anterolateral, prevenire eventuali lesioni al nervo cutaneo dorsale intermedio (il ramo laterale del nervo peroneo superficiale); per questo motivo, dopo il taglio, la pelle deve essere seguita da dissezione smussa.
    5. Ispezionare la cartilagine articolare per valutare la dimensione e la posizione. Valutare la condizione e la qualità della cartilagine con il palpator. Lesioni osteocondrali dell'astragalo sono situate solitamente posteromedially o anterolaterally.
      1. Eseguire il trattamento artroscopico usando grandangolare Artroscopio 2,7-mm con un angolo di 30°, anche se alcuni chirurghi verranno utilizzato un Artroscopio 4 mm più grande e tenere l'apparecchio nel vano anteriore del giunto. Tecniche di distrazione congiunta non invasiva e iper flessione plantare può essere utilizzati per accedere alla maggior parte della cupola talar.
      2. In caso di una lesione posteriore, in modo percutaneo posizionare un divaricatore Hintermann per distrarre il giunto e consentire l'esposizione della lesione. Il divaricatore Hintermann ha una leva di apertura braccio applicato su due fili di Kirschner precedentemente posizionati nella tibia e dell'astragalo osso medialmente o lateralmente, secondo il lato della lesione. Nel caso di una lesione laterale, fare attenzione a inserire il filo di K prossimale nell'osso tibia, evitando il perone, per ottenere la migliore distrazione del giunto.
    6. Preparare la lesione con un curette, rimuovendo la cartilagine danneggiata e instabile, lo strato calcificato e necrotica e sclerotica dell'osso al fine di creare una forma regolare contenuti lesione con bordi dalle spalle. Per questo passaggio, è necessario utilizzare una curette standard artroscopica (Figura 4).
    7. Stimolare le cellule staminali di midollo osseo da osso subcondrale eseguire microperforazioni sonoramente dall'esterno all'interno della lesione.
      1. Eseguire perforazioni con intervalli di circa 3 mm tra di loro. Indurre microfratture usando un plettro Chondral sull'osso subcondrale sano sotto il difetto (Figura 5).
        Nota: Un'emorragia provoca la formazione di un coagulo di fibrina. Coagulazione prodotti, attraverso l'attivazione della cascata infiammatoria, rilascio di mediatori vasoattivi, fattori di crescita e citochine. Questi fattori hanno il potere di stimolare l'invasione vascolare e migrazione di cellule staminali mesenchimali nella porzione chondral della lesione. Queste cellule pluripotenti sono stimolate a differenziarsi in osteoblasti, condrociti e fibroblasti e svolgono un ruolo importante nella stimolazione della riparazione della lesione. Fattori di crescita paracrini nell'ambiente articolare promuovere la formazione della matrice extracellulare e la produzione di fibrocartilagine. Allo stesso tempo, le cellule della parte ossea della lesione producono un tessuto osseo immaturo che viene progressivamente sostituito da un osso maturo.
    8. Rimuovere l'acqua intra-articular utilizzando il rasoio in aspirazione e il liquido restante utilizzando una spugna di cotone fino a quando il giunto è completamente asciutto.
  3. Iniezione di cellule staminali di derivazione adiposa
    1. Iniettare 5-7 mL di cellule staminali adiposo-derivate, precedentemente preparata al punto 4.1.3, nell'articolazione della caviglia utilizzando uno dei due portali (anteromedial o anterolateral).
    2. Rilasciare il laccio emostatico.

5. postoperatoria

  1. Evitare movimenti della caviglia per 15 giorni, con l'arto operato in scarico completo.
  2. 15 giorni dopo la chirurgia, consentono movimenti attivi e passivi della caviglia, fino al completo recupero e gamma di movimento è raggiunto.
  3. Consentire la carica 30 giorni dopo la chirurgia.

6. clinico e radiografico follow-up

  1. Valutare i pazienti clinicamente e radiologicamente a sei e dodici mesi e, successivamente, ogni anno. Il protocollo di follow-up è costituito da caviglia AOFAS e punteggi di hind-piede, Punteggio del dolore VAS e SF-12 a ogni endpoint15,16,17. L'esame radiografico comprende un MRI e CT-Esplora della caviglia operata.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Representative Results

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Tra gennaio 2016 e settembre 2016, quattro pazienti hanno subito il trattamento artroscopico di lesione osteochondral del talus con microfratturate e tessuto adiposo purificato. Tutti i pazienti hanno riferito il miglioramento clinico sei mesi dopo la chirurgia. Risultati clinici preliminari sono riportati in tabella 1. Nessuna complicazione sono stata segnalata.

Negli ultimi anni, ha aumentato l'uso di CSTA per il trattamento delle patologie del piede e della caviglia. Nel 2013, Kim et al. 23 trattati 65 pazienti anziani, più di 50 anni per sintomatico OLT dividendo per il tipo di trattamento:
– isolato la stimolazione del midollo
-stimolazione del midollo in associazione con CSTA

Al follow-up finale, i pazienti con un trattamento combinato ha mostrato il miglioramento clinico significativo rispetto al trattamento di stimolazione del midollo isolato. Uno studio successivo, condotto dal gruppo stesso24, per il trattamento di OLT, ha confermato come il trattamento combinato della stimolazione del midollo osseo e SVF era superiore a microfrattura isolato.

Nel 2016, Kim et al. 25 valutati gli esiti in 49 pazienti trattati con la stimolazione del midollo e osteotomia calcaneare di scorrimento laterali. Ventisei pazienti hanno subito anche l'iniezione di MSC. Un anno dopo la chirurgia, segnalazioni di pazienti trattati con MSC un punteggio più alto di ICRS e gli esiti clinici. Recentemente, Kim et altri. 26 ha osservato che i pazienti trattati con iniezione di MSC dopo stimolazione del midollo e osteotomia supramalleolar segnalato i risultati clinici e radiologici superiori, rispetto ai pazienti trattati senza MSC.

Figure 1
Figura 1: soluzione salina contenente adrenalina e lidocaina viene iniettato a livello dell'addome utilizzando una cannula 20 g. Per la liposuzione, è necessario utilizzare una cannula di 13 g collegata ad una siringa. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 2
Figura 2: il kit di elaborazione per il tessuto grasso è costituito da un kit monouso per la lipoaspirazione e la purificazione del tessuto adiposo. Tutte le procedure vengono eseguite con il CSTA immersi in una soluzione salina, evitando qualsiasi trauma e mantenendo intatte le nicchie di vasculostromal contenente cellule staminali mesenchimali e periciti. L'unità consiste di un cilindro di plastica trasparente con filtri e perline per il microfracturing del tessuto adiposo. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 3
Figura 3: fuori vista della caviglia durante la pianificazione chirurgica. Con il paziente in posizione supina, è utile identificare tutti i punti di riferimento sul comune necessaria per la procedura chirurgica.
AM = anteromedial portal
AL = anterolateral portal
MM = malleolo mediale
LM = malleolo laterale
TAT = tendine anteriore tibalis
JL = linea di giunzione
SPN = nervo peroneo superficiale Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 4
Figura 4: visualizzazione artroscopica. La lesione è preparata con una curette rimuovendo la cartilagine danneggiata e l'osso necrotico e sclerotico Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 5
Figura 5: visualizzazione artroscopica. Microfratture, eseguite a livello della lesione osteochondral, stimolano il sanguinamento e perdita di cellule staminali mesenchimali dall'osso subcondrale. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Pazienti Pre-operatoria 6 mesi dopo la chirurgia
AOFAS VAS SF-12 AOFAS VAS
PCS MCS
1 44 8 31,1 32.4 88 3
2 32 7 27.5 42.1 78 2
3 52 9 40.1 28,7 87 2
4 59 8 36,6 41 82 2
Significa 46.75 8 33,83 36.05 83.75 2.25

Tabella 1: risultati clinici a 6 mesi di follow-up. AOFAS: Americano ortopedici piede e caviglia società Punteggio; VAS: Scala analogica visiva per il dolore; SF-12: 12-elemento forma breve indagine; MCS: Componente mentale Punteggio; PZ: Componente fisico punteggio.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Discussion

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Negli ultimi anni, studi clinici e preclinici hanno concentrato la loro attenzione sull'effetto di CSTA per trattare diverse patologie muscolo-scheletriche. Lo scopo di questo articolo è di descrivere il protocollo per il trattamento delle lesioni osteocondrali dell'astragalo utilizzando microfratturate e tessuto adiposo purificato in associazione con microperforazioni artroscopica. Il protocollo prevede diversi passaggi critici con elevati rischi di complicazioni. Durante la raccolta del grasso, complicazioni possono essere diviso in complicazioni locali o sistemiche.

La più comune complicanza postoperatoria è contorno irregolarità, con un'incidenza del 2,7%. Questo può essere evitato utilizzando cannule piccole, non liposuzione superficiale e spegnere l'aspirazione quando si esce da incisioni. Raramente, malattie della pelle come iperpigmentazione, la necrosi ed eritema in pazienti con sottostante malattia del tessuto connettivo possono essere visto27,28. Sieromi sono spesso il risultato della liposuzione aggressivo a causa la raccolta di liquido sieroso in un'area trattata che portano alla formazione di una cavità singola; Questo è più comune nei pazienti con alto BMI29. L'infezione è una complicazione molto rara (< 1%) e questo può essere a causa di una combinazione di una tecnica sterile, piccole incisioni e gli effetti antibatterici di lidocaina30.

La letteratura segnala successive complicazioni life-threatening dopo la liposuzione, quali embolia polmonare, embolia grassa, sepsi, fasciitis necrotizzantesi e perforazione degli organi addominali. La causa più comune di morte è thromboembolism polmonare. Queste complicazioni sono dovute alla mancanza di sterilità, scarsa compliance del paziente e permissiva scarico postoperatorio30.

Inoltre durante l'artroscopia, ci sono passaggi critici che possono portare a complicazioni: in questo protocollo, tutte le procedure artroscopiche vengono eseguite utilizzando un portale anteromedial e anterolateral31. La complicazione più frequente con questo approccio è un deficit del nervo peroneo superficiale, segnalato in 1,04% dei pazienti, nonostante la marcatura preoperatoria del nervo e dei suoi rami32,33. Inoltre, il rischio aumenta considerando variazioni di questo nervo: studi anatomici hanno dimostrato che il 50% della popolazione presenta due rami, e questi possono raggiungere fino a 5 rami con una larghezza estremamente variabile (da 1 a 13 mm).

La tecnica descritta nel protocollo combina l'effetto di microfrattura in associazione con cellule staminali mesenchimali raccolte dal tessuto grasso. Microperforazioni stimolano lo sviluppo di un tessuto riparativo: perforazione dell'osso subcondrale produce sanguinamento e perdita di cellule mesenchimali, per produrre la fibrocartilagine. Il successo di microfratture è strettamente legato alla dimensione della lesione. Se le lesioni sono meno di 1.5 cm2, il tessuto fibrocartilagineo neo-formata, anche se qualitativamente differente da cartilagine ialina e con proprietà meccaniche inferiori, può fornire un'adeguata riparazione, con risoluzione dei sintomi in un alto percentuale di casi34,35. CSTA può formare neo-tessuto con un fenotipo di cartilagine ialina, se coltivate in associazione con diversi fattori di crescita (TGFb, GH e FGF-2) e collocato in un'impalcatura di colla di fibrina36.

La tecnica descritta preserva l'identità del Pericita, lasciando intatta la nicchia vascolare stromal, promuovendo osteocondrali in questo modo la guarigione. Inoltre, CSTA produrre una varietà di molecole bioattive paracrine e può attivare il fisiologico processo di guarigione. Il prodotto finale è disponibile in meno di 20 minuti, grazie al delicato metodo meccanico. Infine, secondo la US Food and Drug Administration, CSTA minimamente è manipolati.

L'uso di cellule staminali mesenchimali è in costante aumento, e la ricerca futura dovrebbe concentrarsi sull'uso di trapianto allogeneic CSTA come descritto da Lee37. I vantaggi di un allotrapianto sarebbero numerosi. Prima di tutto, sarebbe più facile movimentazione e standardizzazione del prodotto. Liposuzione ed elaborazione passi potrebbero essere eliminati, e un donatore sano potrebbe essere pre-selezionato, secondo il suo profilo di espressione marcatore citochina e delle cellule, migliorando l'effetto di MSCs38.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Disclosures

Federico Giuseppe Usuelli, MD, rapporti personali da Integra e Geistlich e borse di studio e le spese personali da Zimmer, di fuori del lavoro presentato.

Acknowledgments

Le procedure vengono eseguite utilizzando il sistema di Lipogems.

Materials

Name Company Catalog Number Comments
PROCESS KIT - PROCESSING KIT FOR FAT TISSUE LIPOGEMS LG PK 60 Lipogems Kit to obtain microfractured and purified ADSCs
HINTERMANN SPREADER INTEGRA 119654 The spreader allow to access most of the talar dome, in particular in case of posterior lesion
CUP CURETTE ARTHREX AR-8655-02 To remove the damaged cartilage and necrotic and sclerotic bone
CHONDRAL PICK 30° TIP / 60° TIP ARTHREX AR-8655-05
AR-8655-06
To perfrom microperforation at the level of the lesion, stimulating bleeding from the subchondral bone
SHAVER ARTHREX AR-7300SR To clean the joint and aspirate water

DOWNLOAD MATERIALS LIST

References

  1. D'Ambrosi, R., Maccario, C., Serra, N., Liuni, F., Usuelli, F. G. Osteochondral Lesions of the Talus and Autologous Matrix-Induced Chondrogenesis: Is Age a Negative Predictor Outcome? Arthroscopy. 33, (2), 428-435 (2017).
  2. Becher, C., et al. T2-mapping at 3 T after microfracture in the treatment of osteochondral defects of the talus at an average follow-up of 8 years. Knee Surg. SportsTraumatol. Arthrosc. 23, (8), 2406-2412 (2015).
  3. Polat, G., et al. Long-term results of microfracture in the treatment of talus osteochondral lesions. Knee Surg. Sports Traumatol. Arthrosc. 24, (4), 1299-1303 (2016).
  4. van Bergen, C. J., et al. Arthroscopic treatment of osteochondral defects of the talus: outcomes at eight to twenty years of follow-up. J. Bone Joint Surg. Am. 95, (6), 519-525 (2013).
  5. van Eekeren, I. C., et al. Return to sports after arthroscopic debridement and bone marrow stimulation of osteochondral talar defects: a 5- to 24-year follow-up study. Knee Surg Sports Traumatol Arthrosc. 24, (4), 1311-1315 (2016).
  6. D'Ambrosi, R., Maccario, C., Ursino, C., Serra, N., Usuelli, F. G. Combining Microfractures, Autologous Bone Graft, and Autologous Matrix-Induced Chondrogenesis for the Treatment of Juvenile Osteochondral Talar Lesions. Foot Ankle Int. 38, (5), 485-495 (2017).
  7. Usuelli, F. G., D'Ambrosi, R., Maccario, C., Indino, C., Manzi, L., Maffulli, N. Adipose-derived stem cells in orthopaedic pathologies. British Medical Bulletin. (2017).
  8. Kim, Y. S., et al. Assessment of clinical and MRI outcomes after mesenchymal stem cell implantation in patients with knee osteoarthritis: a prospective study. Osteoarthr Cartilage. 24, (2), 237-245 (2016).
  9. Koh, Y. G., Choi, Y. J., Kwon, S. K., Kim, Y. S., Yeo, J. E. Clinical results and second-look arthroscopic findings after treatment with adipose-derived stem cells for knee osteoarthritis. Knee Surg. Sports Traumatol. Arthrosc. 23, (5), 1308-1316 (2015).
  10. Zuk, P. A., et al. Human adipose tissue is a source of multipotent stem cells. Mol. Biol. Cell. 13, (12), 4279-4295 (2002).
  11. Taléns-Visconti, R., et al. Human mesenchymal stem cells from adipose tissue: Differentiation into hepatic lineage. Toxicol. In Vitro. 21, (2), 324-329 (2007).
  12. Timper, K., et al. Human adipose tissue-derived mesenchymal stem cells differentiate into insulin, somatostatin, and glucagon expressing cells. Biochem. Biophys. Res. Commun. 341, (4), 1135-1140 (2006).
  13. Tremolada, C., Palmieri, G., Ricordi, C. Adipocyte transplantation and stem cells: plastic surgery meets regenerative medicine. Cell. Transplant. 19, (10), 1217-1223 (2010).
  14. Keramaris, N. C., et al. Endothelial progenitor cells (EPCs) and mesenchymal stem cells (MSCs) in bone healing. Curr. Stem Cell. Res. Ther. 7, (4), 293-301 (2012).
  15. Leigheb, M., et al. Italian translation, cultural adaptation and validation of the American Orthopaedic Foot and Ankle Society's (AOFAS) ankle-hindfoot scale. Acta Biomed. 87, (1), 38-45 (2016).
  16. Ware, J. Jr, Kosinski, M., Keller, S. D. A 12-Item Short-Form Health Survey: construction of scales and preliminary tests of reliability and validity. Med. Care. 34, (3), 220-233 (1996).
  17. Hawker, G. A., Mian, S., Kendzerska, T., French, M. Measures of adult pain: Visual Analog Scale for Pain (VAS Pain), Numeric Rating Scale for Pain (NRS Pain), McGill Pain Questionnaire (MPQ), Short-Form McGill Pain Questionnaire (SF-MPQ), Chronic Pain Grade Scale (CPGS), Short Form-36 Bodily Pain Scale (SF-36 BPS), and Measure of Intermittent and Constant Osteoarthritis Pain (ICOAP). Arthritis Care (Hoboken). 63, Suppl 11. S240-S252 (2011).
  18. Bergen, C. J., Gerards, R. M., Opdam, K. T., Terra, M. P., Kerkhoffs, G. M. Diagnosing, planning and evaluating osteochondral ankle defects with imaging modalities. World. J. Orthop. 6, (11), 944-953 (2015).
  19. van Dijk, C. N., Reilingh, M. L., Zengerink, M., van Bergen, C. J. Osteochondral defects in the ankle: why painful? Knee Surg. Sports Traumatol. Arthrosc. 18, (5), 570-580 (2010).
  20. Madry, H., van Dijk, C. N., Mueller-Gerbl, M. The basic science of the subchondral bone. Knee Surg. Sports Traumatol. Arthrosc. 18, (4), 419-433 (2010).
  21. Mintz, D. N., Tashjian, G. S., Connell, D. A., Deland, J. T., O'Malley, M., Potter, H. G. Osteochondral lesions of the talus: a new magnetic resonance grading system with arthroscopic correlation. Arthroscopy. 19, (4), 353-359 (2003).
  22. Leumann, A., et al. A novel imaging method for osteochondral lesions of the talus--comparison of SPECT-CT with MRI. Am. J. Sports Med. 39, (5), 1095-1101 (2011).
  23. Kim, Y. S., Park, E. H., Kim, Y. C., Koh, Y. G. Clinical outcomes of mesenchymal stem cell injection with arthroscopic treatment in older patients with osteochondral lesions of the talus. Am. J. Sports Med. 41, (5), 1090-1099 (2013).
  24. Kim, Y. S., Lee, H. J., Choi, Y. J., Kim, Y. I., Koh, Y. G. Does an injection of a stromal vascular fraction containing adipose-derived mesenchymal stem cells influence the outcomes of marrow stimulation in osteochondral lesions of the talus? A clinical and magnetic resonance imaging study. Am. J. Sports Med. 42, (10), 2424-2434 (2014).
  25. Kim, Y. S., Koh, Y. G. Injection of Mesenchymal Stem Cells as a Supplementary Strategy of Marrow Stimulation Improves Cartilage Regeneration After Lateral Sliding Calcaneal Osteotomy for Varus Ankle Osteoarthritis: Clinical and Second-Look Arthroscopic Results. Arthroscopy. 32, (5), 878-889 (2016).
  26. Kim, Y. S., Lee, M., Koh, Y. G. Additional mesenchymal stem cell injection improves the outcomes of marrow stimulation combined with supramalleolar osteotomy in varus ankle osteoarthritis: short-term clinical results with second-look arthroscopic evaluation. J. Exp. Orthop. 3, (1), 12 (2016).
  27. Hanke, C. W., Bernstein, G., Bullock, S. Safety of tumescent liposuction in 15,336 patients. National survey results. Dermatol Surg. 21, (5), 459-462 (1995).
  28. Illouz, Y. G. Complications of liposuction. Clin Plast Surg. 33, (1), 129-163 (2006).
  29. Dixit, V. V., Wagh, M. S. Unfavourable outcomes of liposuction and their management. Indian J Plast Surg. 46, (2), 377-392 (2013).
  30. Lehnhardt, M., Homann, H. H., Daigeler, A., Hauser, J., Palka, P., Steinau, H. U. Major and lethal complications of liposuction: review of 72 cases in Germany between 1998 and 2002. Plast Reconstr Surg. 121, (6), 396e-403e (2008).
  31. Usuelli, F. G., de Girolamo, L., Grassi, M., D'Ambrosi, R., Montrasio, U. A., Boga, M. All-Arthroscopic Autologous Matrix-Induced Chondrogenesis for the Treatment of Osteochondral Lesions of the Talus. Arthrosc Tech. 4, (3), e255-e259 (2015).
  32. Simonson, D. C., Roukis, T. S. Safety of ankle arthroscopy for the treatment of anterolateral soft-tissue impingement. Arthroscopy. 30, (2), 256-259 (2014).
  33. Suzangar, M., Rosenfeld, P. Ankle arthroscopy: is preoperative marking of the superficial peroneal nerve important? J. Foot. Ankle Surg. 51, (2), 179-181 (2012).
  34. Kraeutler, M. J., et al. Current Concepts Review Update: Osteochondral Lesions of the Talus. Foot Ankle Int. 38, (3), 331-342 (2017).
  35. Looze, C. A., et al. Evaluation and Management of Osteochondral Lesions of the Talus. Cartilage. 8, (1), 19-30 (2017).
  36. Dragoo, J. L., et al. Healing full-thickness cartilage defects using adipose-derived stem cells. Tissue Eng. 13, (7), 1615-1621 (2007).
  37. Lee, S. Y., Kim, W., Lim, C., Chung, S. G. Treatment of Lateral Epicondylosis by Using Allogeneic Adipose-Derived Mesenchymal Stem Cells: A Pilot Study. Stem Cells. 33, (10), 2995-3005 (2015).
  38. Feisst, V., Meidinger, S., Locke, M. B. From bench to bedside: use of human adipose-derived stem cells. Stem Cells Cloning. 8, 149-162 (2015).
Microfratturate autologo e nel tessuto adiposo purificato per l'amministrazione artroscopica di lesioni osteocondrali dell'astragalo
Play Video
PDF DOI DOWNLOAD MATERIALS LIST

Cite this Article

D'Ambrosi, R., Indino, C., Maccario, C., Manzi, L., Usuelli, F. G. Autologous Microfractured and Purified Adipose Tissue for Arthroscopic Management of Osteochondral Lesions of the Talus. J. Vis. Exp. (131), e56395, doi:10.3791/56395 (2018).More

D'Ambrosi, R., Indino, C., Maccario, C., Manzi, L., Usuelli, F. G. Autologous Microfractured and Purified Adipose Tissue for Arthroscopic Management of Osteochondral Lesions of the Talus. J. Vis. Exp. (131), e56395, doi:10.3791/56395 (2018).

Less
Copy Citation Download Citation Reprints and Permissions
View Video

Get cutting-edge science videos from JoVE sent straight to your inbox every month.

Waiting X
simple hit counter