Login processing...

Trial ends in Request Full Access Tell Your Colleague About Jove
Click here for the English version

Behavior

Approccio fenomenologico enattive per la prova di sforzo sociale di Treviri: un punto di vista metodi misti

doi: 10.3791/58805 Published: January 7, 2019

Summary

Qui, presentiamo un metodo misto originale che unisce un quantitativo e un approccio qualitativo per esaminare accuratamente le esperienze dei partecipanti durante la prova di sforzo sociale di Treviri e la prova di sforzo sociale di Treviri per gruppi.

Abstract

Il singolo Test di Stress sociale Treviri (TSST) e il TSST per gruppi (TSST-G) sono i protocolli più utilizzati per indurre sperimentalmente lo stress psicosociale. Questi test si basano su incontrollabilità e minaccia sociale-valutativa, inducendo le conseguenze psicologiche e fisiologiche (ad es., ansia, stati emotivi, aumenti di cortisolo salivare). Molti studi sperimentali quantitativi hanno studiato questi induttori di stress e queste conseguenze. Ma, per quanto sappiamo, questo studio è il primo a fornire un'analisi qualitativa per accedere alle voci dei partecipanti in modo da comprendere le dinamiche della loro esperienza in tutto il TSST e TSST-G. Questa carta descrive un approccio di metodi misti per il TSST. Questo approccio può aiutare a massimizzare le informazioni che possono essere acquisite da TSST, che i ricercatori usano spesso senza guardare più da vicino ciò che sta accadendo qualitativamente psicologicamente per i partecipanti durante il fattore di stress. In questo modo, questo protocollo è un esempio di metodi misti, mostrando il valore aggiunto di utilizzando l'approccio fenomenologico enattive analizzare protocolli sperimentali più profondamente. Questo tipo di metodi misti è utile per accedere l'esperienza, per capire il punto di vista dell'attore e per analizzare approfondito le dinamiche dei processi cognitivi come intenzioni, percezioni, hanno promulgato conoscenza ed emozione. La sezione di discussione Mostra i diversi usi di un protocollo di metodi misti, sfruttando l'approccio fenomenologico enattive per analizzare un protocollo o per dare una visione trasversale del medesimo soggetto di ricerca. In questa sezione si occupa diverse applicazioni esistenti, sottolineando alcuni passaggi critici in questo metodi approccio misto.

Introduction

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Metodi misti dare diversi vantaggi quando si cerca di comprendere un fenomeno1,2,3,4,5. Greene et al. 6 li definiscono come protocolli che includono un metodo quantitativo per analizzare numeri e un metodo qualitativo per analizzare le parole. Questo approccio mira a spostare oltre il paradigma guerre o conflitti tra ricerca qualitativa e quantitativa. L'obiettivo è quello di aumentare i punti di forza di studi e di diminuire i punti deboli dei singoli studi3; così, funziona come un terzo paradigma di ricerca. Combinando diversi tipi di analisi sullo stesso oggetto rende possibile avere diversi punti di vista. Questa carta presenta una particolare forma di metodi misti, combinando un protocollo sperimentale con dati esperienziali utilizzando il singolo TSST7e il TSST-G8. Il TSST è il protocollo più utilizzato per eseguire sperimentalmente stress psicosociale indagini9,10. Questi test si basano su incontrollabilità e minaccia sociale-valutativa, collegato con conseguenze fisiologiche e psicologiche. Diversi teorici, empirici, o meta-analisi di studi11 hanno dimostrato che il TSST e il TSST-G suscitare effetti psicologici e attivano l'asse HPA, conducendo, per esempio, a stati emotivi negativi, ansia auto-riferita e cortisolo aumento. Molti studi sperimentali studiati questi marcatori di stress, le loro relazioni e loro influenze12. Tuttavia, solo uno è stato l'approccio qualitativo condotto13 per comprendere esperienze vissute dei partecipanti durante questi test.

Il presente protocollo si sviluppa l'originale approccio metodi misti principalmente utilizzato in una precedente pubblicazione13. L'originalità di questo metodi misti ricerca risiede nell'approccio qualitativo basato su un quadro fenomenologico enattive13,14,15,16 per esaminare accuratamente dei partecipanti si verifica quando si confronta con il TSST e TSST-G. Indagini qualitative possono essere euristico, perché rendono possibile caratterizzare e analizzare ciò che sta accadendo psicologicamente per i partecipanti in una particolare situazione17. Ultima, l'approccio fenomenologico enattive permette ai ricercatori di capire punti dei partecipanti della vista e, quindi, di analizzare lo stress ed emozione18,19,20. Seguendo questo approccio, i partecipanti possono descrivere, commentare e mostrano la loro esperienza vissuta passo-passo. Questo quadro fenomenologico enattive ha due principali ipotesi16,21. In primo luogo, l'azione e situazione sono accoppiati22,23 (cioè, la dinamica dell'azione emerge all'interno di un contesto specifico). Questo presupposto consente di accedere alla dinamica di esperienza del partecipante confrontato con il TSST e il TSST-G e di individuare particolari componenti del contesto per l'attore. In secondo luogo, ogni azione porta significati per l'attore23,24. Questo approccio fornisce l'accesso alla costruzione di significazione dell'attore dell'esperienza durante l'azione, grazie ad un metodo rigoroso proveniente da interviste fenomenologici e interviste enattive denominato16,25. Esperienza dell'attore può essere caratterizzata nelle sue dimensioni emotive, percettive e situazionale26. Diversi tipi di metodi misti sono basati su questo enattive approccio fenomenologico, che ha già prodotto risultati euristici in diverse aree, vale a dire lo sport14,15,18,27 , doping28, lavorare29e formazione30,31,32.

I metodi misti qui presentati mirano a dare conferma e comprensione ai risultati nella letteratura TSST: conferma attraverso un confronto dell'effetto del TSST e il TSST-G su indicatori fisiologici (come il cortisolo), su indicatori auto-riferiti ( come l'ansia e stati emotivi) e su indicatori esperienziali (come voci dei partecipanti) e comprensione attraverso il metodo qualitativo l'accesso dinamica dei partecipanti di azione che emergono in questi protocolli stressanti. Questo è un modo originale per accesso approfondito le dinamiche di stress psicosociale e a comprendere le voci dei partecipanti sul momento stressante del TSST e TSST-G. Questo protocollo è, così, un esempio di metodologia mista, mostrando il valore aggiunto di utilizzando l'approccio fenomenologico enattive per analizzare più a fondo il protocollo sperimentale.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Protocol

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

L'Institutional Review Board dell'Università ha approvato questa ricerca.

Nota: Un esempio di metodi misti utilizzando il protocollo enattive fenomenologico.

1. esclusione criteri

  1. Utilizzare un questionario prima dell'esperimento al fine di escludere alcuni partecipanti, come necessario, sui seguenti criteri: fumatori (più di cinque sigarette al giorno), bere (oltre due bicchieri di alcol al giorno), assunzione di farmaci, uso di droghe, avendo un sistema endocrino problema, sperimentando cronica di sforzo (ad es., come determinato dalla versione francese della scala di sforzo percepito [PSS])33e vivendo il disagio psicologico (ad es., come determinato dalla versione francese della salute generale Questionario [GHQ-12])34.

2. preliminari istruzioni

Nota: Le seguenti istruzioni preliminari devono essere dato 1 giorno prima la sperimentazione.

  1. Dire ai partecipanti di non assumere alcun farmaco, eseguire esercizi fisici o consumare alcol il giorno prima della prova.
  2. Dire ai partecipanti di svegliarsi almeno 3 ore prima del test.
  3. Dire ai partecipanti di non bere o mangiare nulla, fumo o lavarsi i denti 1 h prima del test.

3. pretest misure

Nota: Il protocollo presentato in questa sezione è stato utilizzato nella pubblicazione precedente menzionata nell' introduzione13. Precompressione misurazioni possono essere fatto dopo un'attesa inattiva di 45 min10; Inoltre, il primo punto di misura può essere fatto 20 min prima il TSST35.

  1. Prima raccolta di saliva
    Nota: Cortisolo salivare è comunemente usato come un indicatore fisiologico dello sforzo con il TSST9,36.
    1. Utilizzare il metodo passivo drool: chiedere al partecipante di inclinare la testa in avanti per consentire saliva per piscina nella loro bocca e di istruirli a guidarla in un piccolo tubo in polipropilene.
    2. Congelare il tubo immediatamente a-20 ° C.
  2. Prima collezione di questionario
    1. Misurare l'ansia del partecipante. Chiedere loro di compilare il questionario di37 inventario di ansia di stato-tratto (STAI).
      Nota: STAI è un esempio di un questionario che può essere utilizzato per misurare l'ansia. È una scala di Likert con una gamma di quattro opzioni (1 = per niente, 4 = moltissimo); utilizzando questo intervallo, partecipanti è stato chiesto di rispondere a 12 elementi (ad esempio, "Mi sento teso"). Una variabile composita è stata costruita con i punteggi di tutti gli elementi.
    2. Misurare lo stato emotivo del partecipante. Chiedere loro di compilare il questionario di autovalutazione manichino (SAM)38 .
      Nota: SAM è una scala di Likert che utilizza una tecnica pittorica non verbale con nove figure per valutare il piacere, l'eccitazione e dominanza. I partecipanti dovranno cerchio una figura per ogni elemento.
    3. Quindi, portare il partecipante nella stanza TSST.

4. prestazioni del TSST o TSST-G

Nota: Diversi aspetti del TSST sono già stati descritti in altri articoli di Giove10,12,39.

  1. Contesto di protocollo
    1. Posizionare il partecipante nella camera, protocollo su una croce rossa disegnata sul pavimento.
    2. Domanda ai partecipanti uno ad uno per il TSST.
    3. Utilizzare un gruppo di partecipanti (ad esempio, sei partecipanti separati da muretti di limitare l'interazione sociale e visual13) per il TSST-G.
    4. Garantire che gli sperimentatori (due o tre) sono neutrali e apparire come scienziati con camice bianco.
    5. Spiegare che i membri del Comitato sono specialisti in analisi del comportamento non verbale e tutte le azioni vengono girate per le analisi future.
  2. Colloquio di lavoro fittizi
    1. Chiedere al partecipante di immaginare un lavoro di loro scelta.
    2. Dare il partecipante 3 min di tempo di preparazione (10 min per il TSST-G).
    3. Specificare che le note di preparazione non possono essere utilizzati durante l'intervista.
    4. Dare il partecipante 5 min di tempo di presentazione (2 min per il TSST-G, eseguito in ordine casuale) davanti alla Commissione di spiegare perché sono il miglior candidato per questo lavoro.
    5. Dica al partecipante di continuare quando si fermano a parlare dicendo "Avete ancora tempo rimanente".
    6. Rimanere in silenzio per 20 s quando tale partecipante smette di parlare per la seconda volta.
    7. Se il partecipante non riprendere la lettura (ad esempio, "Si prega di elencare le proprie debolezze.") delle domande standardizzate.
  3. Compito aritmetico mentale
    1. Chiedere al partecipante di contare ad alta voce all'indietro dal 2023 in passi di 17. Per il TSST-G, i numeri sono diversi per ogni partecipante.
    2. Spiegare il partecipante che si deve calcolare più velocemente e correttamente possibile.
    3. Segnalare ogni errore e dire al partecipante di ricominciare tutto da capo.
    4. Assicurarsi che l'attività dura 5 min (80 s per il TSST-G, eseguita in ordine casuale).

5. posttest misure

Nota: Quindi, raccogliere un secondo campione di saliva e lasciare i questionari completi partecipanti in un'altra stanza (stesso processo come le prime collezioni, descritto nella sezione 3 del presente protocollo).

  1. Seconda raccolta di saliva
    Nota: Ripetere la misura dei livelli del cortisolo (da 6 a 9 volte) per analizzare la risposta del cortisolo.
    1. Seguendo il metodo passivo drool, raccogliere saliva dal partecipante in un piccolo tubo in polipropilene, come descritto in precedenza (punto 3.1.1).
    2. Congelare il tubo immediatamente a-20 ° C.
  2. Seconda raccolta di questionario
    1. Misurare l'ansia. Chiedere al partecipante di compilare il questionario di37 STAI.
      Nota: STAI è una scala di Likert con una gamma di quattro elementi (1 = per niente, 4 = moltissimo); utilizzando questo intervallo, i partecipanti ha risposto a 12 voci (ad es., "Mi sento teso"). Una variabile composita è stata costruita con i punteggi di tutti gli elementi.
    2. Misurare gli stati emotivi. Chiedere al partecipante di compilare il questionario di38 di SAM.
      Nota: SAM è una scala di Likert che utilizza una tecnica pittorica non verbale con nove figure per valutare il piacere, l'eccitazione e dominanza. I partecipanti dovranno cerchio una figura per ogni elemento.

6. qualitative indagini

  1. Utilizzare una telecamera grandangolare per registrare il comportamento del partecipante e la loro interazione durante il TSST o TSST-G.
  2. Condurre interviste enattive per accedere esperienza del partecipante.
    1. Eseguire l'intervista più presto possibile dopo la performance della TSST o TSST-G affinché il partecipante ricorda ancora (preferibilmente all'interno di 48 h).
    2. Spiegare che il partecipante deve rivivere passate attività, aiutato dal proprio record audiovisive del TSST o TSST-G. Evitare affermando il preciso intento dell'esperimento al partecipante.
    3. Selezionare un valutatore esperto che viene utilizzato per condurre interviste enattive.
    4. Confrontarsi con il partecipante con la propria registrazione per aiutarli a rivivere l'esperienza quanto più vicino possibile.
    5. La direttiva domande per aiutare il riemergere del passato a sperimentare. Per esempio, scegliere un'immagine dal video e chiedere: "Cosa ci fai qui?"
    6. Aiutare il partecipante da ricordare con domande incentrate sul video per consentire loro di descrivere, commentare e mostrare loro esperienza vissuta passo dopo passo: "Che cosa sta accadendo qui sul video?"
    7. Provare a utilizzare componenti di esperienza come intenzioni e percezioni chiedendo: "Quali erano le tue intenzioni qui?", "Che cosa ha fatto percepire in questo preciso momento?"
    8. Interrompere il partecipante se usano il discorso globale, analisi a posteriori o generalizzazione, o quando essi divagando dal momento in cui si discute, come suggerito per ricerca fenomenologica40.
    9. Follow-up domande basate sulla risposta del partecipante. Ad esempio, quando il partecipante dice: "Esco", Chiedi "che cosa significa 'Io sono fuori'?" e, quindi, continuare a indagare cosa succede dal punto di vista del partecipante.
    10. Rispettare la sequenza temporale del video ed evitare di modificare il flusso di tempo per accedere le dinamiche dell'esperienza passo dopo passo.
    11. Consentire al partecipante di mettere in pausa il video quando vogliono descrivere la propria esperienza.

7. analisi dei dati

  1. Eseguire un'analisi della saliva.
    1. Determinare il livello di cortisolo del partecipante mediante la tecnica di analisi (ELISA) enzima-collegata dell'immunosorbente usando i corredi di analisi (Vedi Tabella materiali).
    2. Misurare la concentrazione relazionata all'assorbanza a 450 nm con uno spettrofotometro per micropiastre a 96 pozzetti (Vedi Tabella materiali).
    3. Calcolare la precisione intra-saggio con il valore medio di variabilità individuale per tutti i duplicati all'interno di ogni micropiastra.
    4. Ottenere le concentrazioni di campioni incogniti (nmol/L) con una curva di regressione non lineare quattro-parametro misura, seguendo le raccomandazioni del protocollo kit ELISA, basate su standard di cortisolo (82,77 27,59, 9,19, 3.06, 1.02, 0,33 nmol/L).
  2. Eseguire un'analisi statistica utilizzando misure ripetute ANOVAs con un livello di significatività a p < 0,05.
  3. Calcolare le dimensioni di effetto con un parziale eta al quadrato.
    Nota: Eta al quadrato è una misura statistica della dimensione dell'effetto per l'uso in ANOVA.
  4. Eseguire un'analisi fenomenologica.
    1. Trascrivere tutte le interviste enattive con il massimo di dettaglio, come ad esempio disordine verbale, dimostrazione, esitazione, ecc.
    2. Costruire una tabella di due parti che delinea il flusso del tempo, trascrizione e un rapporto dei comportamenti e la discussione ha aiutato dalle registrazioni (tabella 1).
    3. Identificare i componenti dell'esperienza, cominciando con le unità elementari di significato corrispondente per le più piccole unità di attività significative a un partecipante.
    4. Identificare la percezione, analizzando la sensazione significativa, sentimento e aspetti informativi (visivo, acustici o cinestetico) nella situazione.
    5. Identificare l'intenzione, analizzando la preoccupazione del partecipante nella situazione.
    6. Categorizzare sequenze di unità di raggruppamento di significato legati alla storia stessa.
    7. Per ogni partecipante, identificare la loro esperienza tipica descrittivamente, statisticamente, generativa e significativamente21 (ad es., azione tipica, tipico intenzione e tipica percezione).
    8. Identificare le esperienze tipiche di tutti i partecipanti, trovare somiglianze tra ogni esperienza tipica.
    9. Creare tabelle di esperienza tipica per tutti i partecipanti, utilizzando i seguenti valori: timeline, sequenze tipiche, tipiche percezioni, azioni tipiche e intenzioni tipiche.
    10. Normalizzare la formulazione di ciascuna categoria utilizzando un gruppo di parole per esprimere la sequenza tipica, un "ing" per l'azione tipica e un verbo all'infinito per l'intenzione tipico.
    11. Confrontare il TSST e il TSST-G utilizza le due tabelle di tipica esperienza vissuta.
    12. Presentare gli aspetti comuni di esperienza durante entrambi i protocolli.
    13. Presentare gli aspetti singolari dell'esperienza durante ogni protocollo.
  5. Eseguire un'analisi di caso di studio per comprendere i processi locali, ad esempio, i quattro risponditori di cortisolo più bassi e più alti.
    1. Identificare i componenti dell'esperienza (Vedi il protocollo precedente).
    2. Ricostruire l'esperienza significativa per ogni partecipante seguendo il TSST o i passaggi di TSST-G.
  6. Confrontare i metodi misti.
    1. Confrontare i risultati quantitativi e qualitativi lo svolgimento di analisi e interpretazione separatamente (cortisolo, ansia di stato, stati emotivi, dati di esperienza).
    2. Verificare se i risultati degli analisi quantitativa della dinamica dello stress sono simili a quelli dell'analisi qualitativa.
    3. Analizzare se quello che è successo nelle esperienze dei partecipanti può aiutare nella comprensione variazione quantitativa dello stress.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Representative Results

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

I risultati mostrati qui provengono da una revisione della letteratura (per il cortisolo)8 e due studi sullo sforzo fatto nel nostro laboratorio (per l'ansia di stato, la reazione affettiva e l'approccio qualitativo)13,41. I risultati presentati qui sono rappresentativi di ciò che può essere trovato, utilizzando il protocollo, sui livelli di cortisolo salivare (1), ansia di stato (2), piacere (3), l'eccitazione e dominanza e (4) significativa esperienza.

In primo luogo, i risultati di seguito sono un esempio di un'analisi quantitativa di stress con cortisolo salivare come marcatore fisiologico8. Essi mostrano che le dinamiche del cortisolo salivare aumenta per un gruppo ad affrontato il TSST e un gruppo di controllo (Figura 1).

In secondo luogo, i risultati di seguito sono un esempio di un'analisi quantitativa delle conseguenze dello stress, con la scala STAI come un indicatore di stress ansia, un marcatore psicologico di stress41. Essi mostrano le dinamiche di ansia di stato durante il TSST e placebo-TSST con quattro punti di misura (basale, min t-2 prima il TSST, t + 2 min dopo il TSST e t + 20 min dopo il TSST) (Figura 2). Placebo-TSST è un protocollo simile a TSST senza causare stress per i partecipanti42.

In terzo luogo, i risultati di seguito sono un esempio di un'analisi quantitativa di stress con la scala di38 SAM come indicatore di 'reazione affettiva', un marcatore psicologico di stress41. Essi mostrano le dinamiche di piacere, di eccitazione e di dominanza durante il TSST e il placebo-TSST (Figura 3).

Sono quattro, i risultati di seguito un esempio di un approccio qualitativo allo stress vissuto, basato su un quadro fenomenologico enattive13. Inoltre, l'esperienza tipica dei partecipanti può essere descritto durante il TSST (tabella 2) e il TSST-G (tabella 3).

Questo approccio particolare metodi misti ha diverse funzioni qui: conferma, la comprensione e lo sviluppo. I risultati mostrano una conferma dell'aumento dello sforzo misurato con indicatori fisiologici (come il cortisolo), con auto-riferiti indicatori (come l'ansia e stati emotivi) e con indicatori esperienziali (come voci dei partecipanti).

Metodi misti permettono la comprensione delle manifestazioni dello stress durante il TSST e il TSST-G, l'accesso a dinamica dei partecipanti di azione. Ad esempio, i risultati quantitativi mostrano un simile livello di stress tra il TSST e i partecipanti di TSST-G. Visualizza i risultati qualitativi comuni esperienze vissute, come ogni partecipante inizia con un'indagine esplorativa, in cui dichiarano sono sorpresi dall'ambiente non comune. Sequenze comuni appaiono nel colloquio di lavoro fittizi (recitazione, espandendo sulle idee, pressione di tempo, perdita di controllo, liberazione paradossale) e l'aritmetica mentale di compiti (calcolo disturbato, spirale negativa, alla ricerca di soluzioni, abbandono-dimissioni Paradossale liberazione), dando informazioni dettagliate sulla percezione, azione e intenzione dei partecipanti per ogni fase. Il livello di comprensione che ha permesso di metodi misti va più in profondità con le diverse esperienze di tipiche singolare. I metodi quantitativi non mostrano differenze tra il TSST e il TSST-G, ma i metodi qualitativi mostrano alcune singolari esperienze tra questi protocolli stressante. Ad esempio, lo stress fluttuazione, temporalità e la presenza di coetanei non sono esperti nello stesso modo nel TSST e TSST-G. Questo "quadro completo"3 può essere preso più ulteriormente con studi di casi di alta e bassa cortisolo risponditori43.

Infine, l'approccio di metodi misti presentato qui ha una funzione di sviluppo per la ricerca, in quanto forniscono i risultati di un metodo può essere utilizzato per modificare gli altri6. Ad esempio, metodi qualitativi mostrano alcuni momenti importanti nella dinamica delle azioni del partecipante. Potrebbe essere interessante misurare il livello di stress con metodi quantitativi in questi momenti specifici.

Figure 1
Figura 1 : Reattività del cortisolo al TSST-g Significa che i livelli di cortisolo salivare prima, durante (area ombreggiata) e dopo un fattore di stress psicosociale standardizzati in un formato del gruppo (Trier sociale Stress Test per gruppi [TSST-G]) e una condizione di controllo. Le barre di errore sono il SEM8. Questa figura è stata modificata da Von Dawans et al. 8. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura. 

Figure 2
Figura 2 : Reazione di ansia per il TSST. Lo stato di ansia dei partecipanti esposti ai due trattamenti (TSST e placebo-TSST) misurati con il STAI41. Questa figura è stata modificata da Mascret et al. 41. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura. 

Figure 3
Figura 3 : Reazione affettiva per il TSST. Piacere, eccitazione e predominio dei partecipanti esposti ai due trattamenti (TSST e placebo-TSST) misurati con il SAM41. Questa figura è stata modificata da Mascret et al. 41. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura. 

Tempo Descrizione dell'azione e della comunicazione Verbatim di enattive intervista
5 min François entra nella stanza sperimentale. Sta guardando intorno, stare tranquillo. François: Oh, sì, in questo momento... er... (egli fa alla sua immagine sul video) Sto pensando, dove io sono... ahi... che è strano.
Ricercatore: che cosa ci fai qui?
François: sto aspettando, dico a me stesso ' che cos'ho io stesso in qui?' Non pensavo che sarebbe come questo. Io sono fuori di mio... zona di comfort (che tocca la testa, cercando perso). "Che cosa sta per succedere?... Io sono in una fase di osservazione... è strano... Una situazione davvero strana per me. Non mi piace essere destabilizzato. Mi piace avere cose annunciate in anticipo.

Tabella 1: Esempio di tabella di due parti.

Situazione SEQUENZE Percezioni Azioni Intenzioni
Attività di intervista di lavoro Entrando in camera
Spiegazione di istruzioni
Indagine esplorativa Sorpresa
In generale l'atmosfera tesa
Im in ascolto
Sto osservando
Cercare di capire
Fase di preparazione
3 minuti
Preparazione Pressione di tempo
Preparazione
Sto organizzando la mia presentazione Trovare e selezionare idee
Tenere entro il tempo
Fase di intervista
5 minuti
1) recita Rassicurato di fare ciò che è previsto Io sto recitando Ripetere l'introduzione preparata
2) espansione di idee Sollecitato da esitazioni e vuoti di memoria Sto espandendo sulle idee che ho pianificato Recuperare e affermare le idee che ho preparato
Convincere il Comitato
3) tempo di pressione Ansia nel vedere quanto tempo è rimasto Sto guardando il conto alla rovescia Sai quanto ho
4) perdita di controllo:
Nient'altro da dire
Sentirsi osservati, giudicati
A disagio a dire tutto ciò che viene nella mia testa
Tempo percepito come interminabile
Non riesco a pensare più
Sto cercando caoticamente
Sto esitando, sto balbuzie, me ne vado lacune
Sto costantemente volgendo lo sguardo al momento lasciato
Riempire il tempo
Evitare lacune
Cercare la pagina di supporto
5) abbandono, rassegnazione Senso di incompetenza
Senso di incompetenti che guarda
Io sto perdendo la presa
Non sto facendo nulla, mi tengo tranquilla
Aspettare che finisca
6) distacco Realizzare che non è importante Sto ridendo
Sto ridendo di me stesso
Cercano di rassicurare me stesso
7) paradossale liberazione Segnale acustico alla fine del conto alla rovescia
Rilievo
Senso di fallimento
Sono rilassante
Io rimango concentrato per la seconda attività
Auto-valutare
Preoccuparsi di che cosa il Comitato penserà di me

Tabella 2: Esperienza tipica dei partecipanti TSST. Questa tabella è stata modificata da Vors et al. 13.

Situazione SEQUENZE Percezioni Azioni Intenzioni
Compito aritmetico mentale Spiegazione di istruzioni Indagine esplorativa Pressione in aumento
Senso di agevolezza relativa
Sto ascoltando le istruzioni Cercare di capire
Fase di calcolo
5 minuti
1) calcolo disturbato Sotto pressione di tempo
Vergogna di sbagliare in un compito facile
Sto andando veloce, ma sto facendo un sacco di errori
I'm getting lost: io sto ricalcolare più volte
Non commettere errori
Essere veloce
2) negativo a spirale Sento tutto ottenere caotici nella mia testa
Consapevole dei miei pensieri negativi
Non riesco a contare di più
Sto facendo errori ripetuti
Non guardare incompetente
3) alla ricerca di soluzioni Ritirarsi in se stessi Sto cercando strategie Trovare soluzioni
Non perdere la faccia
4) l'abbandono, rassegnazione Stufo, ne ho abbastanza di questo
Rendo conto che è troppo per me
Non ho altro da dire
Sto dicendo ciò che viene nella mia testa
Rendere il tempo di andare
2') ripetuti successi Pensando solo i numeri Mi sto concentrando
Sto dando una risposta giusta dopo l'altro
Non commette un errore e deve tornare indietro all'inizio
3) paradossale liberazione Segnale acustico alla fine del conto alla rovescia
Rilievo
Senso di fallimento
Sono rilassante Auto-valutare
Lasciare

Tabella 3: Esperienza tipica dei partecipanti TSST. Questa tabella è stata modificata da Vors et al. 13.

Situazione SEQUENZE Percezioni Azioni Intenzioni
Attività di intervista di lavoro Entrando in camera
Istruzioni spiegato
Indagine esplorativa Sorpresa
In generale l'atmosfera tesa
Imbarazzato a dover parlare in presenza degli altri
Sto ascoltando
Sto osservando
Cercare di capire
Preoccuparsi di ciò che gli altri penseranno di me
Fase di preparazione
3 minuti
Preparazione Pressione di tempo
Rassicurato di essere preparando
Sto organizzando la mia presentazione Trovare e selezionare idee convincenti
Esecuzione di altri Alternanza
-Fasi di ascolto esplorativo
-Fasi di isolamento
Sollecitato da tempo imprevedibile wait per il mio turno
Destabilizzato o rassicurato dalle altrui prestazioni
Sto ascoltando parti dei discorsi
Sto mettendo me stesso nella mia bolla di ripetere il mio intervento
Trovare e selezionare idee
Tenere entro il tempo
Fase di intervista
2 minuti
Punto di pressione Sentire il mio numero
Sollecitazioni di picco: non mi ricordo niente
Sto guardando il mio numero
Io sto riposizionamento
Non prenderti gioco di me
1) recita Rassicurato di fare ciò che è stato pianificato Io sto recitando Ripetere l'introduzione preparata
2) espansione di idee Sollecitato da esitazioni e cose dimenticate Sto espandendo sulle idee che ho programmato Recuperare e affermare le idee che ho preparato
Convincere il Comitato
3) tempo di pressione Ansioso di vedere il tempo rimasto Sto guardando il conto alla rovescia Sai quanto ho
4) perdita di controllo:
Nient'altro da dire
A disagio a dire tutto ciò che viene nella mia testa
Sentirsi osservati, giudicati
Non riesco a pensare più
Sto cercando caoticamente
Sto esitando, sto balbuzie, me ne vado silenzi
Sto costantemente volgendo lo sguardo al momento lasciato
Riempire il tempo
Evitare lacune
Cercare la pagina di supporto
5) paradossale liberazione Segnale acustico alla fine del conto alla rovescia
Rilievo
Senso di fallimento
Sono rilassante
Io rimango concentrato per la seconda attività
Auto-valutare
Preoccuparsi di ciò che gli altri penseranno di me
Esecuzione di altri Alternanza
-Fasi di ascolto empatico, comparativa
-Fasi di rilassamento
Relax
Sensazione di un "nodo nello stomaco"
Sto confrontando ciò che viene detto con la mia propria performance
Io sto sympathizing con i miei coetanei che lottano
Sto gongolando
Sto pensando a qualcos'altro
Confrontarmi, tenta di rassicurare me stesso
Rilassarsi un po '

Tabella 4: Esperienza tipica dei partecipanti TSST-G. Questa tabella è stata modificata da Vors et al. 13.

Situazione SEQUENZE Percezioni Azioni Intenzioni
Compito aritmetico mentale Spiegazione di istruzioni Indagine esplorativa Pressione in aumento
Senso di agevolezza relativa
Sollecitato da dover calcolare davanti a tutti
Sto ascoltando le istruzioni Cercare di capire
Esecuzione di altri Formazione Sollecitato da wait imprevedibili per il mio turno
Destabilizzato da altri ' spettacoli
Sto cercando di fare le somme
Io sto valutando la difficoltà del compito
Preparatevi per il mio turno
Fase di calcolo
80 secondi
Punto di pressione Sentire il mio numero
A spillo stress
Sto guardando il mio numero
Io sto riposizionamento
Non prenderti gioco di me
1) calcolo disturbato Sotto pressione di tempo
Vergogna di sbagliare in un compito facile
Sto andando veloce, ma sto facendo un sacco di errori
I'm getting lost: io sto ricalcolare più volte
Non commettere errori
Essere veloce
2) negativo a spirale Sento tutto ottenere caotici nella mia testa
Consapevole dei miei pensieri negativi
Non riesco a contare di più
Sto facendo ripetuti errori
Non guardare incompetente
2') ripetuti successi Pensando solo i numeri Mi sto concentrando
Sto dando una risposta giusta dopo l'altro
Non commette un errore e deve tornare indietro all'inizio
3) paradossale liberazione Segnale acustico alla fine del conto alla rovescia
Rilievo
Senso di fallimento
Sono rilassante Auto-valutare
Lasciare
Esecuzione di altri Alternanza
-Fasi di ascolto empatico, comparativa
-Fasi di rilassamento
Relax
Sensazione di un "nodo nello stomaco"
Sto confrontando ciò che viene detto con la mia performance
Mi sento dispiaciuto per i miei coetanei che lottano
Sto gongolando
Sto pensando a qualcos'altro
Confrontarmi, tenta di rassicurare me stesso
Rilassarsi un po '
Fine dell'attività Sollevato, ma teso e delusi Sono rilassante Lasciare

Tabella 5: Esperienza tipica dei partecipanti TSST-G. Questa tabella è stata modificata da Vors et al. 13.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Discussion

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

In questo articolo, presentiamo un approccio originale di metodi misti combinando un protocollo sperimentale con enattive approccio fenomenologico. Questo tipo di metodi misti è utile accedere esperienza, per capire punti di vista dei partecipanti e per analizzare in profondità le dinamiche dei processi cognitivi come intenzioni, percezioni, conoscenze hanno promulgata e le emozioni.

Metodi misti possono essere utilizzati in modi diversi. Verde et al. 6 presentare cinque funzioni: triangolazione, complementarità, sviluppo, iniziazione e l'espansione. Un protocollo sfruttando l'approccio fenomenologico enattive può essere euristico in queste funzioni. Triangolazione e complementarità sono vicino ai fini della conferma e della comprensione già presentati in questo documento. Triangolazione cerca la convergenza dei risultati dai vari metodi per aumentare la validità dell'inchiesta. Ad esempio, i risultati presentati qui dimostrano una conferma dell'aumento dello sforzo misurato con indicatori fisiologici, con indicatori auto-riferiti e con indicatori esperienziali. Complementarità Cerca un miglioramento dei risultati e la chiarificazione da un metodo a altro, per aumentare la pertinenza dell'inchiesta. Ad esempio, risultati qualitativi dare chiarimenti sui metodi quantitativi tra due punti di misura, mostrando le dinamiche di esperienza dei partecipanti in sequenze diverse e la loro tipica percezione, azione ed illustrazioni di e intenzione durante sequenze esperienziali. Come si è visto sopra, lo sviluppo è un'altra funzione di metodi misti, utilizzando i risultati di un metodo per modificare una parte di altro come decisione di campionamento, attuazione e/o misura, per ottenere un metodo più forte. Ad esempio, nei risultati presentati, i metodi qualitativi dare un nuovo sviluppo di quelli quantitativi, invitando la moltiplicazione dei quantitativi punti di misura in diversi momenti vissuti come importante dai partecipanti.

Quindi, iniziazione viene utilizzato per trovare nuove prospettive su o contraddizioni tra i due metodi per aumentare la gamma di risultati. Ad esempio, approcci esperienziali e biomeccanici sono combinati per analizzare un dispositivo tecnico per la formazione d'elite in44,45di nuoto. I risultati mostrano una differenza fra i risultati quantitativi e qualitativi. I partecipanti non percepiscono le stesse cose come i risultati di biomeccanici. Questi risultati aprono nuove prospettive per adattare il dispositivo tecnico secondo la velocità di swimming. Ad esempio, all'inizio, si consiglia di utilizzare una velocità "media", in modo che i partecipanti possono regolare più facilmente il dispositivo. Il nostro laboratorio sta inoltre sviluppando questo tipo di metodi misti con la realtà virtuale, per capire il punto di vista del partecipante in questo specifico contesto virtuale e per migliorare i protocolli. In questo modo, metodi misti, utilizzando un approccio fenomenologico enattive potrebbero essere euristica per analizzare un protocollo o un dispositivo. Il protocollo può essere migliorato dalla esperienza dei partecipanti e delle sue dinamiche. Casi di studio aiutano a capire cosa succede con particolare partecipanti. Così, questo tipo di metodi misti è utile per regolare un protocollo come il TSST-G; prendendo tempo per selezionare il partecipante successivo durante l'attività aumenta la sensazione di incontrollabilità13.

Infine, l'espansione è un'altra funzione di metodi misti. Espansione è utilizzata per selezionare il metodo più appropriato da vari componenti della tua richiesta di estendere la portata dei risultati. Ad esempio, l'approccio fenomenologico enattive dà un'espansione all'analisi di controllo del motore per indagare la percezione e azione durante il ghiaccio arrampicata46. I risultati quantitativi mostrano una più ampia gamma di modelli di coordinamento degli arti per esperti che per gli arrampicatori principianti. I risultati qualitativi aumentano la portata della tua richiesta, mostrando che questi modelli di coordinamento diversi sono legati alla percezione dei fori la cascata di ghiaccio.

Tuttavia, questi tipi di metodi misti presentano alcune limitazioni e richiedono la vigilanza. Il potere di enattive intervista è limitato a uno specifico livello di coscienza. Questa intervista permette ai ricercatori di accedere al livello prereflexive di coscienza47. Questo livello è la "frangia della coscienza"48 (vale a dire, a livello di interfaccia dei processi consci e inconsci). Così, non possono essere studiati diversi dati come azioni riflesse o comportamenti inconsapevoli. Inoltre, questa intervista enattive è un passo fondamentale nel protocollo, a causa della difficoltà di condurre. Il valutatore deve avere una vasta esperienza per aiutare il re-emergence della passata attività attraverso domande sul video ed evitare global discorso e a posteriori analisi40 (cfr. sezione 6 del protocollo). Infine, questa intervista specifica e la sua analisi sono che richiede tempo e limitare il numero di partecipanti nei metodi misti; studi con il quadro fenomenologico enattive solitamente hanno un numero di partecipanti tra 4 e 1314,15,18,19,20,27 , 49 , 50 , 51. questa particolarità della ricerca qualitativa approfondita con studi di caso solleva la questione di generalizzazione dei risultati. Così, è tanto più interessante attraversare questo approccio qualitativo con un approccio quantitativo.

Infine, metodi misti richieste pongono problemi sull'articolazione dei dati e sulla congruenza tra Framework. Il mix di metodi può assumere diverse forme. Non è facile confrontare metodi quantitativi e qualitativi, per mescolare la parola e numero. Alcuni studi tenta di quantificare i dati qualitativi per aiutare il confronto3,6. Ci sono tre tipi di metodo misto analisi6. Ricerca di metodi più mista utilizza innanzitutto, analisi e interpretazione condotto separatamente, come il protocollo presentato qui. In secondo luogo, gli studi presentano analisi separate con qualche integrazione che si verificano durante l'interpretazione. In terzo luogo, una minoranza di studi integrare analisi e interpretazione (9%)6. La congruenza tra Framework quantitativa e qualitativa è un grande dibattito tra i puristi, i situationalists e i pragmatici. I pragmatisti considerano metodo misto come un nuovo modo di intendere il mondo, come un terzo paradigma che aiuta a colmare la separazione tra metodi qualitativi e quantitativi52. Esistono diverse relazioni tra Framework. Da un lato, ci sono ricercatori che studiano i paradigmi diversi noncongruent per dare due diversi punti di vista sul fenomeno stesso. Ad esempio, in uno studio circa il ruolo di arbitro in educazione fisica32, i ricercatori usano due quadri distinti disegnati da motivazione ed enattive fenomenologia. D'altra parte, altri studi tenere un "accento di paradigma"53,54 tra Framework. Ad esempio, in una performance di canottaggio, il paradigma di "enaction" viene utilizzato per collegare enattive fenomenologico con approcci biomeccanici27. I dati fenomenologici servono per identificare categorie di tratti di Remo secondo punto di vista dei vogatori. I dati biomeccanici rendono possibile determinare firme meccaniche che sono correlate con ogni categoria fenomenologica. Questo tipo di metodo misto è vicino a un approccio combinato. Inoltre, Johnson e Onwuegbuzie3 definire metodi misti come un mix o una combinazione di approcci, concetti, tecniche, metodi o lingua dalla ricerca qualitativa e quantitativa in un'inchiesta specifica. Su questa base, approcci combinati utilizzando metodi qualitativi e quantitativi sono una sorta di metodo misto. Ad esempio, un recente articolo sono riepilogate le combinazioni complesse di dati utilizzando dati eterogenei con un paradigma comune55. Tale studio ha studiato due modi di raccogliere ed analizzare le interazioni tra trail runner e loro attrezzature dal Forum on-line e dal protocollo di prova. Quantitativa (ad es., gli indicatori dei messaggi forum) i dati sono stati combinati con dati qualitativi (ad esempio, contenuti di discussione o interviste enattive) all'interno della stessa prospettiva enattive. I risultati di questo studio suggeriscono un metodo che designer può adeguate per analizzare i dati esperienziali, che possono essere integrati nel processo di concepimento.

Questo documento fornisce le basi per future ricerche di utilizzare metodi misti con un approccio qualitativo, migliorare un protocollo, valutare un dispositivo, o dare una visione trasversale del medesimo soggetto di ricerca.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Disclosures

Gli autori non hanno nulla a rivelare.

Acknowledgments

Gli autori ringraziano Labeaume Perrine e Fanny Vieu per il loro aiuto.

Materials

Name Company Catalog Number Comments
Enzyme-linked immunosorbent assay (ELISA) Salimetrics, UK Kit-- N° No. 1-3002 Expanded Range High Sensitivity Salivary Cortisol Enzyme Immunoassay
Spectrophotometer Thermo Fisher, Germany Multiska FC Microplate Photometer

DOWNLOAD MATERIALS LIST

References

  1. Creswell, J. W. A Concise Introduction to Mixed Methods Research. Sage Publications. New York, NY. (2015).
  2. Greene, J. C. Mixed Methods in Social Inquiry. John Wiley & Sons. San Francisco, CA. (2007).
  3. Johnson, R. B., Onwuegbuzie, A. J. Mixed Methods Research: A Research Paradigm Whose Time Has Come, Mixed Methods Research: A Research Paradigm Whose Time Has Come. Educational Researcher. 33, (7), 14-26 (2004).
  4. Arora, R., Stoner, C. A mixed method approach to understanding brand personality. Journal of Product & Brand Management. 18, (4), 272-283 (2009).
  5. Dunning, H., Williams, A., Abonyi, S., Crooks, V. A mixed method approach to quality of life research: A case study approach. Social Indicators Research. 85, (1), 145-158 (2008).
  6. Greene, J. C., Caracelli, V. J., Graham, W. F. Toward a Conceptual Framework for Mixed-Method Evaluation Designs. Educational Evaluation and Policy Analysis. 11, (3), 255-274 (1989).
  7. Kirschbaum, C., Pirke, K. -M., Hellhammer, D. H. The 'Trier Social Stress Test'-a tool for investigating psychobiological stress responses in a laboratory setting. Neuropsychobiology. 28, (1-2), 76-81 (1993).
  8. Von Dawans, B., Kirschbaum, C., Heinrichs, M. The Trier Social Stress Test for Groups (TSST-G): A new research tool for controlled simultaneous social stress exposure in a group format. Psychoneuroendocrinology. 36, (4), 514-522 (2011).
  9. Allen, A. P., Kennedy, P. J., Cryan, J. F., Dinan, T. G., Clarke, G. Biological and psychological markers of stress in humans: focus on the Trier Social Stress Test. Neuroscience & Biobehavioral Reviews. 38, 94-124 (2014).
  10. Birkett, M. A. The Trier Social Stress Test Protocol for Inducing Psychological Stress. Journal of Visualized Experiments. (56), e3238 (2011).
  11. Dickerson, S. S., Kemeny, M. E. Acute stressors and cortisol responses: a theoretical integration and synthesis of laboratory research. Psychological Bulletin. 130, (3), 355-391 (2004).
  12. Johnson, M. M., et al. A Modified Trier Social Stress Test for Vulnerable Mexican American Adolescents. Journal of Visualized Experiments. (125), e55393 (2017).
  13. Vors, O., Marqueste, T., Mascret, N. The Trier Social Stress Test and the Trier Social Stress Test for groups: Qualitative investigations. PLoS ONE. 13, (4), 0195722 (2018).
  14. Rochat, N., Hauw, D., Antonini Philippe, R., von Roten, F. C., Seifert, L. Comparison of vitality states of finishers and withdrawers in trail running: An enactive and phenomenological perspective. PLoS ONE. 12, (3), 0173667 (2017).
  15. Seifert, L., et al. Interpersonal Coordination and Individual Organization Combined with Shared Phenomenological Experience in Rowing Performance: Two Case Studies. Frontiers in Psychology. 8, 75 (2017).
  16. Theureau, J. Le Cours D'action: L'enaction & L'expérience. Octarès. Toulouse, France. (2015).
  17. Keegan, R. J., Harwood, C. G., Spray, C. M., Lavallee, D. A qualitative investigation of the motivational climate in elite sport. Psychology of Sport and Exercise. 15, (1), 97-107 (2014).
  18. Doron, J., Bourbousson, J. How stressors are dynamically appraised within a team during a game: An exploratory study in basketball. Scandinavian Journal of Medicine & Science in Sports. 27, (12), 2080-2090 (2016).
  19. Ria, L., Sève, C., Saury, J., Theureau, J., Durand, M. Beginning teachers' situated emotions: A study of first classroom experiences. Journal of Education for Teaching. 29, (3), 219-234 (2003).
  20. Sève, C., Ria, L., Poizat, G., Saury, J., Durand, M. Performance-induced emotions experienced during high-stakes table tennis matches. Psychology of Sport and Exercise. 8, (1), 25-46 (2007).
  21. Durand, M. Activité humaine, pratiques sociales, et éducation des adultes. Un Dialogue Entre Concepts et Réalité. Friedrich, J., Pita, J. Edition Raison & Passions. Dijon, France. 13-37 (2014).
  22. Thompson, E. Sensorimotor subjectivity and the enactive approach to experience. Phenomenology and the cognitive sciences. 4, (4), 407-427 (2005).
  23. Varela, F., Rosch, E., Thompson, E. The Embodied Mind: Cognitive Science and Human Experience. MIT Press. Cambridge, MA. (1992).
  24. Froese, T., Di Paolo, E. A. The enactive approach: Theoretical sketches from cell to society. Pragmatics & Cognition. 19, (1), 1-36 (2011).
  25. Theureau, J. Course-of-action analysis and course-of-action centered design. Handbook of Cognitive Task Design. Hollnagel, E. CRC Press. Boca Raton, FL. 55-81 (2003).
  26. De Jaegher, H., Di Paolo, E. Participatory sense-making. Phenomenology and the Cognitive Sciences. 6, (4), 485-507 (2007).
  27. R'Kiouak, M., Saury, J., Durand, M., Bourbousson, J. Joint Action of a Pair of Rowers in a Race: Shared Experiences of Effectiveness Are Shaped by Interpersonal Mechanical States. Frontiers in Psychology. 7, (2016).
  28. Hauw, D. Antidoping education using a lifelong situated activity-based approach: evidence, conception, and challenges. Quest. 69, (2), 256-275 (2017).
  29. Horcik, Z., Savoldelli, G., Poizat, G., Durand, M. A Phenomenological Approach to Novice Nurse Anesthetists' Experience During Simulation-Based Training Sessions. Simulation in Healthcare - Journal of the Society for Simulation in Healthcare. 9, (2), 94-101 (2014).
  30. Vors, O., Gal-Petitfaux, N. Relation between students' involvement and teacher management strategies in French "difficult" classrooms. Physical Education and Sport Pedagogy. 20, (6), 647-669 (2015).
  31. Vors, O., Gal-Petitfaux, N., Potdevin, F. A successful form of trade-off in compensatory policy classrooms: Processes of ostentation and masking. A case study in French physical education. European Physical Education Review. 21, (3), 340-361 (2015).
  32. Adé, D., Ganière, C., Louvet, B. The role of the referee in physical education lessons: student experience and motivation. Physical Education and Sport Pedagogy. 23, (4), 418-430 (2018).
  33. Lesage, F. -X., Berjot, S., Deschamps, F. Psychometric properties of the French versions of the Perceived Stress Scale. International Journal of Occupational Medicine and Environmental Health. 25, (2), 178-184 (2012).
  34. Salama-Younes, M., Montazeri, A., Ismaïl, A., Roncin, C. Factor structure and internal consistency of the 12-item General Health Questionnaire (GHQ-12) and the Subjective Vitality Scale (VS), and the relationship between them: a study from France. Health and Quality of life Outcomes. 7, (1), 22 (2009).
  35. Goodman, W. K., Janson, J., Wolf, J. M. Meta-analytical assessment of the effects of protocol variations on cortisol responses to the Trier Social Stress Test. Psychoneuroendocrinology. 80, 26-35 (2017).
  36. Allen, A. P., et al. The Trier Social Stress test: principles and practice. Neurobiology of Stress. 6, 113-126 (2017).
  37. Spielberger, C. D., Gorsuch, R. L., Lushene, R. E. Manual for the State-Trait Anxiety Inventory (Self-evaluation Questionnaire). Palo Alto, CA. (1970).
  38. Bradley, M. M., Lang, P. J. Measuring emotion: the self-assessment manikin and the semantic differential. Journal of Behavior Therapy and Experimental Psychiatry. 25, (1), 49-59 (1994).
  39. Frisch, J. U., Häusser, J. A., van Dick, R., Mojzisch, A. The Social Dimension of Stress: Experimental Manipulations of Social Support and Social Identity in the Trier Social Stress Test. Journal of Visualized Experiments. (105), e53101 (2015).
  40. Starks, H., Brown Trinidad, S. Choose your method: A comparison of phenomenology, discourse analysis, and grounded theory. Qualitative Health Research. 17, (10), 1372-1380 (2007).
  41. Mascret, N., et al. The Influence of the "Trier Social Stress Test" on Free Throw Performance in Basketball: An Interdisciplinary Study. PLoS ONE. 11, (6), 0157215 (2016).
  42. Het, S., Rohleder, N., Schoofs, D., Kirschbaum, C., Wolf, O. T. Neuroendocrine and psychometric evaluation of a placebo version of the 'Trier Social Stress Test.'. Psychoneuroendocrinology. 34, (7), 1075-1086 (2009).
  43. Nater, U. M., et al. Performance on a declarative memory task is better in high than low cortisol responders to psychosocial stress. Psychoneuroendocrinology. 32, (6), 758-763 (2007).
  44. Adé, D., Poizat, G., Gal-Petitfaux, N., Toussaint, H., Seifert, L. Analysis of elite swimmers' activity during an instrumented protocol. Journal of Sports Sciences. 27, (10), 1043-1050 (2009).
  45. Poizat, G., Adé, D., Seifert, L., Toussaint, H., Gal-Petitfaux, N. Evaluation of the Measuring Active Drag system usability: An important step for its integration into training sessions. International Journal of Performance Analysis in Sport. 2, (10), 170-186 (2010).
  46. Seifert, L., et al. Neurobiological degeneracy and affordance perception support functional intra-individual variability of inter-limb coordination during ice climbing. PLoS ONE. 9, (2), 89865 (2014).
  47. Legrand, D. Pre-reflective self-as-subject from experiential and empirical perspectives. Consciousness and Cognition. 16, (3), 583-599 (2007).
  48. Mangan, B. Taking Phenomenology Seriously: The "Fringe" and Its Implications for Cognitive Research. Consciousness and Cognition. 2, (2), 89-108 (1993).
  49. Mohamed, S., Favrod, V., Antonini Philippe, R., Hauw, D. The Situated Management of Safety during Risky Sport: Learning from Skydivers' Courses of Experience. Journal of Sports Science and Medicine. 14, (2), 340-346 (2015).
  50. Mottet, M., Eccles, D. W., Saury, J. Navigation in outdoor environments as an embodied, social, cultural, and situated experience: An empirical study of orienteering. Spatial Cognition & Computation. 16, (3), 220-243 (2016).
  51. Antonini Philippe, R., Rochat, N., Vauthier, M., Hauw, D. The story of withdrawals during an ultra-trail running race: A qualitative investigation of runners' Courses of experience. The Sport Psychologist. 30, (4), 361-375 (2016).
  52. Onwuegbuzie, A. J., Leech, N. L. On becoming a pragmatic researcher: The importance of combining quantitative and qualitative research methodologies. International Journal of Social Research Methodology. 8, (5), 375-387 (2005).
  53. Morgan, D. L. Practical strategies for combining qualitative and quantitative methods: Applications to health research. Qualitative Health Research. 8, (3), 362-376 (1998).
  54. Morse, J. M. Approaches to qualitative-quantitative methodological triangulation. Nursing Research. 40, (2), 120-123 (1991).
  55. Rochat, N., Hauw, D., Seifert, L. Enactments and the design of trail running equipment: An example of carrying systems. Applied Ergonomics. (2018).
Approccio fenomenologico enattive per la prova di sforzo sociale di Treviri: un punto di vista metodi misti
Play Video
PDF DOI DOWNLOAD MATERIALS LIST

Cite this Article

Vors, O., Cury, F., Marqueste, T., Mascret, N. Enactive Phenomenological Approach to the Trier Social Stress Test: A Mixed Methods Point of View. J. Vis. Exp. (143), e58805, doi:10.3791/58805 (2019).More

Vors, O., Cury, F., Marqueste, T., Mascret, N. Enactive Phenomenological Approach to the Trier Social Stress Test: A Mixed Methods Point of View. J. Vis. Exp. (143), e58805, doi:10.3791/58805 (2019).

Less
Copy Citation Download Citation Reprints and Permissions
View Video

Get cutting-edge science videos from JoVE sent straight to your inbox every month.

Waiting X
simple hit counter