Waiting
Login processing...

Trial ends in Request Full Access Tell Your Colleague About Jove
Click here for the English version

Immunology and Infection

Sovraespressione retrovirale di CXCR4 su cellule Murine B-1a e trasferimento adottivo per migrazione mirata di cellule B-1a verso il midollo osseo e la produzione di IgM

doi: 10.3791/61003 Published: May 31, 2020

Summary

Qui descriviamo un metodo per la sovraespressione retrovirale e il trasferimento adottivo di cellule murine B-1a per esaminare la migrazione e la localizzazione delle cellule B-1a in vivo. Questo protocollo può essere esteso per diversi saggi funzionali a valle, tra cui la quantificazione della localizzazione cellulare B-1a del donatore o l'analisi dei fattori seminati derivati dalla cellula donatrice durante il trasferimento post-adozione.

Abstract

Poiché la funzione cellulare è influenzata da fattori specifici della nicchia nel microambiente cellulare, i metodi per sezionare la localizzazione e la migrazione delle cellule possono fornire ulteriori informazioni sulla funzione cellulare. Le cellule B-1a sono un sottoinsieme di cellule B univoco nei topi che producono anticorpi IgM naturali protettivi contro gli epitopi specifici dell'ossidazione che sorgono durante la salute e la malattia. La produzione di IgM a cellule B-1a varia a seconda della posizione delle cellule B-1a, e quindi diventa utile da un punto di vista terapeutico indirizzare la localizzazione B-1a a nicchie a sostegno della produzione di anticorpi ad alta. Qui descriviamo un metodo per indirizzare la migrazione delle cellule B-1a al midollo osseo per sovraespressione retrovirale del recettore chemiochina C-X-C 4 (CXCR4). L'induzione genica nelle cellule murine B primarie può essere difficile e in genere produce basse efficienze di trasfezione del 10-20% a seconda della tecnica. Qui dimostriamo che la trasduzione retrovirale delle cellule murine B-1a primarie si traduce in un'efficienza di trasduzione del 30-40%. Questo metodo utilizza il trasferimento di cellule adottive di cellule B-1a trasdotte in topi destinatari carenti di cellule B in modo che sia possibile visualizzare la migrazione e la localizzazione delle cellule B-1a del donatore B-1a. Questo protocollo può essere modificato per altri costrutti retrovirali e può essere utilizzato in diversi saggi funzionali di trasferimento post-adozione, compresa l'analisi della cellula donor o della funzione della cellula ospite, o l'analisi di fattori solubili secreti dopo il trasferimento di cellule B-1a. L'uso di distinti topi donatori e riceventi differenziati da allotipi CD45.1 e CD45.2 e la presenza di un reporter GFP all'interno del plasmide retrovirale potrebbero anche consentire il rilevamento di cellule donatrici in altri modelli murini immunosufficienti contenenti popolazioni di cellule B endogene.

Introduction

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Recenti studi hanno dimostrato una notevole cellula immunitaria, e in particolare cellule B, fenotipica e eterogeneità funzionale a seconda della localizzazione cellulare1,2,3,4,5. Le cellule B-1a sono una di queste popolazioni con capacità eterogenea di produrre anticorpi IgM protettivi; Le cellule del midollo osseo B-1a secernono IgM in modo costitutivo e contribuiscono in modo significativo al plasma IgM titers6, mentre le cellule peritoneali B-1a hanno una secrezione IgM di basso livello all'omeostasi e possono invece essere attivate attraverso il recettore innato del toll-like (TLR) o la segnalazione di citokine mediata a proliferare rapidamente, migrare, e secernere IgM7,8,9,10. Gli anticorpi IgM delle cellule B-1a riconoscono gli epitopi specifici dell'ossidazione (OSE) presenti su patogeni, cellule apoptotiche e LDL ossidati, e il legame IgM all'OSE possono prevenire la segnalazione a valle in malattie come l'aterosclerosi infiammatoria11. Pertanto, le strategie per aumentare la produzione di IgM attraverso l'aumento della migrazione cellulare B-1a peritoneale a siti come il midollo osseo possono essere terapeuticamente utili. Tuttavia, è importante che tali strategie siano mirate e specifiche del tipo di cellula, poiché gli effetti off-target possono avere un impatto negativo sulla funzione o sulla salute del sistema immunitario.

Qui descriviamo un metodo per la sovraespressione mirata e a lungo termine di CXCR4 nelle cellule primarie murine B-1a e il successivo trasferimento adottivo per visualizzare la migrazione delle cellule e la produzione funzionale di anticorpi IgM (Figura 1). La manipolazione genetica delle cellule B primarie è limitata da basse efficienze di trasfezione rispetto alla trasfezione di linee cellulari trasformate. Tuttavia, poiché le linee cellulari trasformate possono deviare significativamente dalle cellule primarie12,13, è probabile che l'uso di cellule primarie fornisca risultati più strettamente allineati alla fisiologia normale. Sono state descritte diverse tecniche per il trasferimento genico nelle cellule primarie del murino B, tra cui trasduzione retrovirale, trasduzione adenovirale, lipofezione o trasfezione basata sull'elettroporazione, che hanno diversi livelli di efficienza, transitorietà e impatto sulla salute cellulare13,14,15. Il seguente metodo ha utilizzato la trasduzione retrovirale in quanto ha prodotto un'adeguata efficienza di trasferimento genico di >30%, con un impatto minimo sulla vitalità cellulare. Il retrovirus espresso CXCR4 è stato generato utilizzando il costrutto retrovirale descritto in precedenza per il virus della cellula staminale murine, l'ingresso interno del sito-proteina fluorescente verde (MSCV-IRES-GFP; MigR1)16, in cui il gene CXCR4 del topo era sub-clonato4. Le particelle retrovirali MigR1 (control(Ctl)-GFP) e CXCR4-GFP sono state generate utilizzando la trasfezione di fosfato di calcio, come descritto nei protocolli pubblicati in precedenza4,14.

Le cellule B-1a trasdotte con successo sono state poi trasferite per via endovenosa nei topi Rag1-/-mitragliati carenti di linfocite. Sia i topi donatori che quelli riceventi contenevano inoltre l'eliminazione del gene dell'apolipoproteina E (ApoE), che si traduce in un aumento dell'accumulo di OSE e dell'aterosclerosi, fornendo così un modello per l'attivazione cellulare B-1 in vivo e la produzione di IgM. Inoltre, i topi donatori e ricittori differivano nell'allotipo CD45; Le cellule del donatore B-1 provenivano datopi CD45.1 e sono stati trasferiti neidestinatari Rag1-/- CD45.2. Ciò ha permesso la differenziazione del donatore CD45.1 dalle cellule CD45.2 B del ricevente dopo il trasferimento senza la necessità di macchiare ulteriormente i marcatori di cellule B durante l'analisi della citometria di flusso. I risultati forniti qui dimostrano che la sovraespressione mirata di CXCR4 sulle cellule B-1a si associa alla maggiore capacità delle cellule B-1a di migrare verso il midollo osseo, che associa a un aumento del plasma anti-OSE IgM. Forniamo inoltre un metodo per l'arricchimento delle cellule B-1 peritoneali attraverso la selezione negativa e dimostriamo il requisito dell'attivazione delle cellule B-1 per una trasduzione efficiente. Questo metodo può essere adattato per altri costrutti retrovirali per studiare l'effetto della sovraespressione proteica sulla migrazione, sul fenotipo o sulla funzione delle cellule B-1a. Inoltre, l'uso della distinzione di allotipo CD45.1 rispetto a CD45.2 potrebbe teoricamente consentire il trasferimento in altri modelli murini immunosufficienti contenenti cellule B endogene.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Protocol

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Tutti i protocolli animali sono stati approvati dall'Animal Care and Use Committee dell'Università della Virginia.

1. Separazione magnetica e arricchimento delle cellule B-1 peritoneali

  1. Eutanasia un topo di 12-14 settimane, maschio, CD45.1-ApoE-/- utilizzando CO2.
  2. Fare un taglio superficiale nell'addome utilizzando forbici chirurgiche dritte e staccare la pelle utilizzando forbici curve per esporre la parete peritoneale. Sciacquare la cavità peritoneale con un mezzo RPMI-1640 da 37 ml utilizzando una siringa da 10 mL e un ago da 25 G. Agitare il mouse per disinserire le cellule afferrando la coda e muovendo il mouse da un lato all'altro accuratamente per 15-20 s.
    NOTA: Massaggiare il peritoneo lavaged può anche massimizzare il recupero cellulare.
  3. Raccogliere il liquido peritoneale utilizzando una siringa da 10 mL e un ago da 25 G elaborando il liquido nella parte inferiore destra del peritoneo appena sopra il livello dell'anca, vicino all'intestino. Evitare di interrompere depositi di grasso epidydimici e organi sottostanti. Evitare di disegnare liquido dal lato sinistro del mouse come il grasso omentale può essere facilmente attratto nella siringa.
  4. Una volta raccolti 6,7 mL di liquido, erogare in un tubo conico da 50 mL posto sul ghiaccio. Successivamente, elevare il mouse verticalmente tenendo la parete peritoneale sopra il diaframma utilizzando pinze in modo che qualsiasi liquido rimanente rimanga nella parte inferiore della cavità peritoneale. Fare un piccolo taglio nella parete peritoneale utilizzando forbici chirurgiche sopra il fegato (assicurarsi di non tagliare il fegato) e raccogliere qualsiasi fluido peritoneale rimanente utilizzando un tubo di vetro e bulbo.
  5. In pool le cellule di lavaggio peritoneali di tutti i topi CD45.1-ApoE-/- (n - 15-20) in tubi conici da 50 mL, e conservate sul ghiaccio.
    NOTA: Per calcolare il numero di topi necessari: le cellule B-1a costituiscono il 5-10% della popolazione peritoneale totale e producono circa 2,5 x 5 x 105 cellule B-1a per topo nelle mani degli autori. L'efficienza della trasduzione è del 30-40%, come mostrato di seguito.
  6. Contare le cellule vive utilizzando un colorante di viabilità come il blu trypan e un emocitometro (campioni diluiti 1:5 in blu trypan e caricare 10 L nella camera emocitometrica). Celle da biliardo fino a 1 x 108 celle per tubo. Centrifugare le cellule a 400 x g per 5 min a 4 gradi centigradi, quindi aspirare supernatant.
  7. Risospendere fino a 1 x 108 cellule in 1 mL di anticorpo anti-CD16/CD32 (Tabella dei materiali) diluito 1:50 nel buffer di analisi (1x fosfato bufferta salina [PBS], 0.5% bovine siero albumin [BSA], 2 mM EDTA) al fine di bloccare i recettori Fc. Ridimensionare in base alle esigenze in base al numero di celle. Incubare sul ghiaccio per 10 min a 4 gradi centigradi.
  8. Preparare un mix master 2x degli anticorpi biotinylati (Tabella 1) in buffer di saggio per l'esaurimento. Il master mix 2x rappresenta il volume del liquido in cui si trovano già le cellule durante l'incubazione con anti-CD16/CD32. Ad esempio, se le cellule sono incubate in 500 gradi di anticorpi diluiti anti-CD16/CD32, aggiungere 500 l di 2x master mix contenenti 10 l di Ter119 biomutato, Gr-1, CD23 e NK1.1 e 25 l degli anticorpi biotinylati F4/80 per ottenere le concentrazioni finali date nella tabella 1. Aggiungete 2x master mix alle celle e colorate per 20 min a 4 gradi centigradi.
  9. Lavare le cellule con 5 mL di tampone di analisi e centrifugare a 400 x g per 5 min a 4 gradi centigradi e supernatante aspirato.
  10. Risospendere e incubare le cellule con microsfere anti-biotina (Tabella dei materiali) diluite nel buffer di analisi in base alla concentrazione e al protocollo raccomandati dal produttore.
  11. Lavare con 5 mL di tampone di analisi e centrifugare a 400 x g per 5 min a 4 gradi centigradi. Aspirare supernatante e risospendere fino a 1 x 108 celle in 500 : L di buffer di assay.
  12. Prime colonne di selezione magnetica (Tabella dei materiali) con 3 mL di buffer di analisi. Trasferire le cellule su colonne di selezione magnetica innescate e raccogliere l'eluente contenente cellule B-1 arricchite in un tubo conico da 15 mL sul ghiaccio. Lavare la colonna di selezione magnetica con buffer di analisi aggiuntivo fino a quando il volume complessivo raccolto è di 10 mL.
    NOTA: un'aliquota delle frazioni cellulari pre-purificate e post-purificate deve essere analizzata separatamente dalla citometria di flusso per l'efficienza di purificazione mediante la colorazione per le celle CD19 e B, i macrofagi F480 e le celle T CD5, come illustrato nella Figura 2.
  13. Contare la frazione di cella post-purificata (l'eluente contenente celle B-1 arricchite) contando le celle vive come nel passaggio 1.6, e risospendere a 1 x 106 cellule/mL nel mezzo di coltura cellulare B (RPMI-1640, 10% siero bovino fetale inattivato dal calore [FBS], 10 m HEPES, 1x aminoacidi non essenziali, 1 mM di pyruvate di sodio, 50 g/mL gentamicin, 55M -mercaptoetanolo).

2. Stimolazione cellulare B-1 peritoneale

  1. Dividi cellule raggruppate per le due condizioni trasdotte (Ctl-GFP e CXCR4-GFP), mettendo da parte e placcando almeno 10 x 106 celle per un controllo non transddetto.
  2. Piastra fino a 150 l (150.000 cellule) per bene in piastre rotonde-basso 96-pozzo.
  3. Aggiungere 100 nM TLR9 agonisto ODN1668 a tutti i pozzi per stimolare la proliferazione cellulare.
  4. Incubare per 16/18 h a 37 gradi centigradi, 5% CO2.

3. Trasduzione retrovirale delle cellule B peritoneali

  1. Generare particelle retrovirali Ctl-GFP (MigR1) e CXCR4-GFP utilizzando la trasfezione di fosfato di calcio come descritto nei protocolli pubblicati in precedenza14.
    NOTA: Questo richiederà diversi giorni, in modo da preparare e titer scorte retrovirali e memorizzare aliquote a -80 c prima di iniziare questo protocollo.
  2. Scongelare le scorte di retrovirus sul ghiaccio. Utilizzare immediatamente e non ricongelare come titer virus diminuisce significativamente durante i cicli di congelamento-disgelo. Aggiungere acelle la supernessificatrice retrovirale Ctl-GFP o CXCR4-GFP a 20:1 molteplicità di infezione (MOI), in presenza di 8 polibrene sg/mL e di mercaptoetanolo fresco di mercaptoetanolo a 55 m di concentrazione finale. Non aggiungere scorte virali alle cellule accantonanti per il controllo non transciso.
  3. Eseguire la spinfezione da piastre centrifugaa a 800 x g per 90 min a temperatura ambiente.
  4. Incubare piastre con retrovirus a 37 gradi centigradi, il 5% di CO2 per altri 3 h.
  5. Raccogliere e rifare le cellule nel mezzo di cellule B fresche e incubare a 37 gradi centigradi, il 5% di CO2 durante la notte.

4. Smistamento cellulare di cellule B-1a trasdotte

  1. Raccogliere cellule coltivate e pool in tre tubi conici da 50 mL separati per ogni condizione: non trasstanza, Ctl-GFP transdotta e CXCR4-GFP trasdotta.
  2. Contare le cellule vive come nel passo 1.6, quindi centrifugare a 400 x g per 5 min a 4 gradi centigradi e supernatante aspirato.
  3. Risospendere le celle a 100.000 celle/l nel buffer di ordinamento (PBS - 1% BSA) contenenti anticorpi 1:50 anti-CD16/CD32 (Tabella dei materiali) per bloccare i recettori Fc. Incubare sul ghiaccio per 10 min a 4 gradi centigradi.
  4. Cellule per i controlli di compensazione (30.000 cellule per controllo retributivo): per controlli incontaminati e monotura da campioni non trasdotti e per il controllo delle macchie singole GFP da campioni dotteddotti di d'azione.
    NOTA: i perline di compensazione disponibili in commercio possono essere utilizzati in alternativa per i controlli a macchia singola se il numero di cellulare non transdotti è basso.
  5. Preparare una miscela master di 2x anticorpi contenenti gli anticorpi coniugati con fluoroforo nel buffer di ordinamento (Tabella 1). Aggiungere 2x master mix a campioni trasdotti non transdotti, CTL-GFP e campioni trasdotti CXCR4-GFP. Aggiungere singoli anticorpi ai controlli delle macchie singole. Incubare per 20 min a 4 gradi centigradi al buio.
    NOTA: il master mix 2x tiene conto del volume di liquido in cui si trovano già le cellule durante l'incubazione con anti-CD16/CD32, come nel passaggio 1.8. Un aliquota di cellule da ogni condizione può essere colorato separatamente per CXCR4 per confermare la sovraespressione CXCR4.
  6. Lavare i campioni con 1 mL di tampone di tipo e filtrare attraverso filtri da 70 m in tubi di polipropilene.
  7. Centrifuga a 400 x g per 5 min a 4 gradi centigradi e supernatante aspirato. Risospendere i campioni a 50.000 celle/L nel buffer di ordinamento.
  8. Prima dello smistamento delle celle preparare tubi di raccolta con attivazione della fluorescenza (FACS) contenenti 1 mL di mezzo di raccolta (RPMI-1640, 20% di FBS disattivazione del calore, 10 m HEPES, 1x aminoacidi non essenziali, 1 mM di pydium pyruvate, 50 g/mL gentamicin, 55 m-mercaptoonol) per ogni popolazione da deordinare.
  9. Prima di eseguire campioni sulla selezionatrice di celle aggiungere 2x DAPI (preparato come 1:5000 diluizione nel buffer di ordinamento) per la discriminazione delle cellule morte.
  10. Ordinare le cellule B-1a in tubi FACS contenenti il supporto di raccolta come DAPI- CD19- BFP- B220mid-lo CD23- IgM- CD5- cellule dei campioni CTL-GFP e CXCR4-GFP. Utilizzare il campione non trasseguito per impostare il gate GFP e per ordinare DAPI- CD19- GFP- B220mid-lo CD23- IgM- CD5- cellule B-1a non trasdotte.
    NOTA: In alternativa, le cellule non transdotte possono anche essere ordinate dai campioni CTL-GFP e CXCR4-GFP grattuando separatamente le cellule B-1a all'interno della frazione GFP. Le cellule B-1b trasdotte o non trasdotte possono anche essere smistati utilizzando questa strategia di ordinamento come DAPI- CD19- GFP-/- B220mid-lo CD23- IgM- CD5- cellule.

5. Trasferimento adottivo

  1. Dopo lo smistamento delle cellule, centrifugare le cellule a 400 x g per 5 min a 4 gradi centigradi e aspirare supernatante con attenzione.
  2. Risospendere le cellule a freddo sterile 1x PBS a 1.000 celle/L.
  3. Anestesizzare maschio Rag1-/- ApoE-/- topi che utilizzano isoflurane e iniettare 100 L (100,000 cellule) per topo tramite iniezione di vena retro-orbitale o coda per via endovenosa o vena posteriore utilizzando una siringa di insulina ultra-fine. Iniettare alcuni topi con 1x PBS come controllo.

6. Quantificazione delle cellule donatrici e del plasma IgM

  1. Al momento desiderato trasferimento post-adozione, analizzare le cellule trasferite nei topi destinatari con midollo osseo e tessuto della milza raccolto4 e citometria di flusso. Quantifica la localizzazione delle cellule donatorie e la sovraespressione CXCR4 colorando CD45.1, CD45.2 e CXCR4 e analizza i risultati della citometria di flusso utilizzando un software come Flowjo.
    NOTA: Vedere la Tabella 1 per gli anticorpi utilizzati in questo passaggio. Assicurarsi di non utilizzare un controcatenare coniugato che fluoresce nel canale FITC come GFP sarà presente sulle cellule donatrici trasdotte.
  2. Isolare il plasma aggiungendo 10 DiVi di 0,5 M EDTA al sangue intero raccolto tramite puntura cardiaca al momento del sacrificio animale. Centrifugare il sangue intero a 7.000 x g e il plasma sifezza in tubi di centrifuga tural separati da 1,5 mL. Conservare a -80 gradi centigradi fino a eseguire l'analisi di fattori secreti come IgM di ELISA4.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Representative Results

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Una panoramica del protocollo è data figura 1. La figura 2 mostra l'arricchimento delle cellule B-1a peritoneali dopo l'esaurimento magnetico di altri tipi di cellule peritoneali. Le cellule singlet vive nella frazione post-deplezione hanno una percentuale maggiore di cellule B CD19 e B rispetto a F4/80- macrofagi, mancano di cellule CD5hi CD19- T e contengono una frequenza maggiore di cellule Cd19 - CD5medie B-1a rispetto alla frazione di pre-esaurimento.+ Nella figura 3 viene illustrato il requisito dell'attivazione delle cellule B per una corretta trasduzione retrovirale delle cellule B e un aumento dipendente dalla dose della frequenza dei sottoinsiemi di cellule GFP B trasdotte con successo con l'aumento del virus MOI mediante retrovirus Ctl-GFP. La Tabella 2 mostra una maggiore efficienza di trasduzione utilizzando 96 piastre ben rotonde rispetto a piastre da 24 o 6 pozze. La figura 4 mostra la sovraespressione CXCR4 riuscita (>40%) sulle cellule B-1 e ha aumentato la migrazione delle cellule B-1 verso CXCL12 in vitro dopo la trasduzione con il retrovirus CXCR4-GFP, senza un impatto significativo sulla vitalità delle cellule B. Nella figura 5 viene visualizzata la strategia di gating per l'ordinamento delle celle live, singlet, CD19 CD23- IgM CD5 B-1a da una condizione non trasdotta (GFP-) o le due condizioni trasdotte (GFP). Si noti che le cellule B-2 CD23 non sono presenti in questi campioni a causa di un precedente esaurimento magnetico. Le cellule live, singlet, CD23- IgM CD5- B-1b trasdotte possono anche essere ordinate utilizzando questa strategia di gating. La figura 6 mostra le cellule donatrici CD45.1 e la sovraespressione CXCR4 sostenuta sulle cellule donatrici recuperate dal midollo osseo e dalla milza di topi ricasilo CD45.2 17 settimane di trasferimento post-cellula. La tabella 3 mostra un'associazione positiva tra l'espressione CXCR4 e la localizzazione delle cellule donatorie al midollo osseo, ma non la milza. La tabella 4 mostra un'associazione positiva tra il numero di cellule del donatore nel midollo osseo e la quantità plasmatica di anti-MDA-LDL IgM.

Figure 1
Figura 1: Schema della progettazione sperimentale per la trasduzione retrovirale e il trasferimento adottivo. Le cellule peritoneali isolate dai topi allotipi CD45.1 sono arricchite per le cellule B-1 attraverso l'esaurimento magnetico utilizzando anticorpi biotinylati e microsfere antibiotiche. Le cellule B-1 peritoneali arricchite vengono attivate per stimolare la proliferazione cellulare con l'agonista TLR9 Cpoligodeoxynucleotide. Le cellule attivate vengono traduci con particelle retrovirali Ctl-GFP o CXCR4-GFP. Le cellule B-1a trasdotte con successo vengono ordinate utilizzando FACS e trasferite adottivamente nei topi ospiti allotipi CD45.2. Fare clic qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 2
Figura 2: Arricchimento per le cellule B-1 peritoneali. Grafici di citometria di flusso rappresentativi di cellule peritoneali pre-arricchimento magnetico (in alto) e arricchimento post-magnetico (in basso) per le cellule CD19 e B. Le cellule CD19 E F4/80 sono cellule B, le cellule CD19- F4/80 sono macrofagi, le cellulemedie CD5 CD5 sono cellule B-1a e le cellulehi CD19- CD5 sono cellule T. Fare clic qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 3
Figura 3: La trasduzione retrovirale richiede l'attivazione delle cellule B. Le cellule Peritoneal B sono state trasdotte con il retrovirus Ctl-GFP a 5:1, 10:1 o 25:1 MOI o sinistra non trasdotta in presenza o assenza di CpG ODN1668, agonista del TLR9. La frequenza delle cellule GFP B2, B1, B-1a o B-1b è stata quantificata dalla citometria di flusso 18 h dopo la trasduzione. Le barre di errore rappresentano la media - SEM. Si prega di fare clic qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 4
Figura 4: Conferma della sovraespressione CXCR4 e aumento della migrazione B-1a in vitro. Le cellule B peritoneali provenienti da topi ApoE-/- con carenza di cellule B specifiche di CXCR4 sono state isolate e tradusse con retrovirus Ctl-GFP o CXCR4-GFP, o coltivate senza trasduzione. (a) Grafici di flusso rappresentativi dell'espressione CXCR4 e GFP su cellule B-1 da condizioni non trasdotte (in alto a sinistra), Ctl-GFP trasdotte (in basso a sinistra) o transdotte CXCR4-GFP (in basso a destra). FMO-CXCR4 (in alto a destra) utilizzato per impostare il cancello positivo CXCR4. (b) Quantificazione delle IFM di CXCR4 su cellule B-1 di GFP a partire da condizioni non trasdotte (n - 1), Ctl-GFP trasdotte (n ) o Transdotted CXCR4-GFP (n - 2). (c) Frequenza delle cellule B-1 non trasdotte (n - 1), Ctl-GFP trasdotte (n - 2) o CXCR4-GFP trasdotte (n - 2) che migravano verso CXCL12 come percentuale del numero totale di cellule B-1 caricate nel transwell. (d) Strategia rappresentativa per la quantificazione delle cellule vitali all'interno della popolazione di cellule B trasdotta con successo (CD19-GFP). (e) Frequenza delle cellule B vive dopo la trasduzione con Ctl-GFP (n ) o retrovirus CXCR4-GFP (n ) . Le barre di errore rappresentano la media : SEM. Questa cifra è stata modificata dalla nostra precedente pubblicazione4. Fare clic qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 5
Figura 5: Strategia di Gating per l'ordinamento di cellule B-1a transdotte. Grafici di citometria di flusso rappresentativi per l'ordinamento delle celle GFP o GFP-B-1a da un campione non trasposto (in alto), un campione transdotto Ctl-GFP (al centro) e un campione transdotta CXCR4-GFP (in basso). Cellule B-1a definite come cellule live, singlet, CD23- CD23 - IgM CD5. Fare clic qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 6
Figura 6: Quantificazione delle cellule del donatore trasferite. Grafici di citometria a flusso rappresentativi che visualizzano le celle donatrici CD45.1 e CD45.2- da un controllo PBS (superiore), un recipiente di celle Ctl-GFP B-1a (al centro) e un destinatario di celle CXCR4-GFP B-1a (in basso) e l'analisi successiva dell'espressione CXCR4 sulle cellule del donatore nel midollo osseo(un)o come una milza (b). Quantificazione dell'espressione CXCR4 (intensità media a fluorescenza, MFI) sulle cellule donatrici dal midollo osseo (c) o dalla milza (d). Quantificazione del numero di cellule donatrici recuperate nel midollo osseo (e) o nella milzadeidestinatari. P < 0,05 o P < 0,01 dal test Mann-Whitney. Le barre di errore rappresentano la media : SEM. Questa cifra è stata modificata dalla nostra precedente pubblicazione4. Fare clic qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Passaggio del protocollo Anticorpo Concentrazione finale
Passaggio 1.8 Ter119 biotina 1 llà per 100 l volume finale
Biotina CD3e 1 llà per 100 l volume finale
Biotina Gr-1 1 llà per 100 l volume finale
Biotina CD23 1 llà per 100 l volume finale
Biotina NK1.1 1 llà per 100 l volume finale
Biotina F4/80 2,5 l per 100: volume finale
Anticorpo Concentrazione finale
Fase 4.5 CD5 PE 1 llà per 100 l volume finale
IgM PECF594 1 llà per 100 l volume finale
CD23 PECy7 1 llà per 100 l volume finale
B220 APC 1 llà per 100 l volume finale
CD19 APCef780 1 llà per 100 l volume finale
Anticorpo Concentrazione finale
Passo 6.1 CD45.1 Cicosa PerCP5.5 1 llà per 100 l volume finale
CD45.2 BV421 1 llà per 100 l volume finale
CXCR4 APC 2,5 l per 100: volume finale

Tabella 1: Anticorpi e le loro concentrazioni finali utilizzate nel protocollo.

Condizione %GFP di popolazione totale %GFP di celle CD19 e B
Piastra rotonda-fondo 96 pozzetto 30.9% 52.7%
Piastra 24-well 8.4% 21.2%
Piastra a 6 benessere 16.2% 27.3%

Tabella 2: Ottimizzazione della piastra. La frequenza delle cellule totali di GFP o delle cellule GFP CD19 B dopo la trasduzione di 6 x 106 cellule B-1 arricchite in una piastra a fondo rotondo di 96 pozzetti (40 pozzi a 150,00 0 cellule per pozzo), una piastra di 24 pozzetti (6 pozzi a 1 x 106 cellule per pozzo), o una piastra 6-po (3 pozzi a 2 x 106 cellule per pozzo) a un MOI 20:1 con retrovirus Ctl-GFP.

Variabile MFI di CXCR4 su cellule B-1a del donatore
R-valore valore p
N. di cellule del donatore B-1a nel midollo osseo 0.71 *0.014
N. di cellule B-1a del donatore nella milza 0.43 0.18

Tabella 3: Associazione tra espressione CXCR4 sulle cellule donatrici e localizzazione delle cellule donatrici. L'intensità media di fluorescenza (MFI) di CXCR4 sulle cellule del donatore B-1a è correlata al numero di cellule B-1a del donatore nel midollo osseo o nella milza di Rag1-/- ApoE-/- i topi riceventi 17 settimane dopo il trasferimento post-adozione. Dati presentati come coefficiente di correlazione (r) e significatività statistica (p). Questa tabella è stata modificata dalla nostra precedente pubblicazione4.

Variabile N. di cellule donatrici nel midollo osseo
R-valore valore p
Plasma anti-MDA-LDL IgM 0.67 *0.028
Plasma E06/T15 IgM 0.56 0.076
IgM al plasma 1,3 dextran 0.29 0.39

Tabella 4: Associazione tra localizzazione delle cellule donatorie e quantità di plasma IgM. Il numero di cellule del donatore B-1a nel midollo osseo di Rag1-/- ApoE-/- topi riceventi 17 settimane di trasferimento post-adozione correlato con la quantità circolante di anti-MDA-LDL IgM, E06/T15 IgM, o anti-1,3-dextran IgM. Dati presentati come coefficiente di correlazione (r) e significatività statistica (p). Questa tabella è stata modificata dalla nostra precedente pubblicazione4.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Discussion

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Il metodo qui fornito consente la somministrazione stabile e relativamente efficiente del gene delle cellule B-1a primarie, il trasferimento adottivo in vivo e l'identificazione e localizzazione delle cellule iniettate. Le cellule sono state in grado di essere rilevate 17 settimane di trasferimento post-cella e mantenuto una maggiore espressione CXCR4. La consegna mediata da retrovirus ha prodotto un'efficienza di trasduzione del 30-40% delle cellule primarie del murino B-1a con un impatto minimo sulla vitalità cellulare nelle nostre mani (Figura 4e). Questo è in linea con i risultati di un precedente studio di Moghimi e colleghi che hanno confrontato tecniche per il trasferimento genico nelle cellule primarie del murino B tra cui infezione retrovirale, infezione adenovirale, nucleofezione o lipofectamina15. Tuttavia, abbiamo scoperto che l'intervallo della sovraespressione CXCR4 variava considerevolmente all'interno dei destinatari che ricevevano cellule B-1a tradusse CXCR4-GFP(Figura 6c,d). Pertanto, abbiamo utilizzato l'analisi associativa per dimostrare che una maggiore espressione CXCR4 era correlata all'aumento della migrazione e localizzazione B-1a al midollo osseo, associato all'aumento del plasma IgM (Tabella 3 e Tabella 4).

Le limitazioni di questo metodo includono il gran numero di topi necessari per ottenere un numero sufficiente di cellule B-1a trasdotte con successo e la variabilità nell'efficienza della trasduzione da un esperimento all'altro. L'efficienza della trasduzione è migliorata da titoli più elevati di titoli virali, che dovrebbero essere almeno 2 x 107 particelle infettive/mL14. L'uso di topi più anziani, di età compresa tra 12 e 16 settimane può anche migliorare la resa cellulare Peritoneale B-1, poiché il numero di cellule B-1 peritoneali aumenta con l'etàdi 17anni .

È anche importante notare che la quantità di IgM secreta dal trasferimento post-adozione delle cellule B-1a transdotte è stata di 5 volte inferiore rispetto alla quantità secreta da cellule B-1a non trasdotte dopo il trasferimento adottivo nello stesso modello Rag1-/- ApoE-/- (dati non mostrati). Ciò può essere dovuto al requisito dell'attivazione di cellule B-1 con l'agonista TLR9 prima della trasduzione retrovirale (Figura 3), che può limitare l'attivazione secondaria e la produzione di IgM in risposta al trasferimento post-adozione di OSE in vivo. Pertanto, per gli studi che richiedono una robusta produzione di IgM da parte di cellule B-1a trasferite, possono essere utili tecniche alternative di trasferimento genico che non richiedono l'attivazione precedente delle cellule B-1a, come la somministrazione di lentivirali18,19, . In alternativa, le modifiche a questo protocollo che comportano strategie di attivazione per indurre la proliferazione ma non la differenziazione Di B-1a nelle cellule di secernono IgM potrebbero anche essere sufficienti per una trasduzione retrovirale di successo senza influire sull'attivazione delle cellule B secondarie. IL-5 è un'importante citochina che media la proliferazione e la sopravvivenza delle cellule B-1a e può essere un'alternativa efficace alla stimolazione TLR920,21.

Studi precedenti hanno utilizzato cellule B splenoche isolate attraverso strategie di selezione positive o negative utilizzando anticorpi contro B220 (marcatore di cellule B) o Thy1.2 (marcatore di cellule T)13,14. Tuttavia, le cellule B splenose B sono una popolazione eterogenea contenente sottoinsiemi di cellule B-1 e B-2. Inoltre, la frequenza cellulare B-1 all'interno della popolazione totale di cellule cd19 B splenica è bassa (1-2%). Al contrario, questo metodo utilizza la cavità peritoneale come fonte di cellule B-1 per la trasduzione, poiché le cellule B-1 costituiscono il 60-70% delle cellule B19- B totali in questo compartimento22e utilizza CD23 come marcatore per esaurire le cellule B-2 peritolinee. Il successivo smistamento di cellule B-1a trasdotte con successo basato su GFP, CD19, B220, CD23, IgM e CD5 consente un ulteriore trasferimento di un tipo di cella più specificamente definito. La strategia di esaurimento magnetico per arricchire le cellule B-1 peritoneali ha effettivamente esaurito le cellule T e ridotto la frequenza dei macrofagaggi peritoneali F4/80 del 50% nelle nostre mani (Figura 2),anche se un'ulteriore ottimizzazione e risoluzione dei problemi di questo passaggio critico potrebbe aumentare l'efficienza della trasduzione. Ad esempio, l'utilizzo di una maggiore concentrazione di anticorpi F4/80 biotinylati per una migliore deplezione dei macrofagi potrebbe aumentare ulteriormente l'efficienza della trasduzione cellulare B-1a, in quanto ci sarebbe meno trasduzione retrovirale "off-target" di altri tipi di cellule. L'uso di piastre rotonde inferiori da 96 po' per la trasduzione, invece di piastre flat-bottom 24-well o 6-well, ha migliorato notevolmente l'efficienza di trasduzione(Tabella 2),anche se aumenta il tempo di movimentazione e di tubazione.

Nel complesso, questo metodo fornisce un utile approccio proof-of-concept per determinare se la consegna genica mirata alle cellule B-1a può alterare la localizzazione delle cellule B-1a e la produzione funzionale di IgM. Le future applicazioni di questa tecnica potrebbero includere la consegna ex vivo di costrutti retrovirali mirati ad altre proteine e il trasferimento adottivo per determinarne l'effetto sui processi di donatore o delle cellule ospiti in vivo, tra cui la sopravvivenza delle cellule, la migrazione, la proliferazione o la funzione. Anche il trasferimento adottivo in host immunocompetenti, piuttosto che in host con deficit di linfocito, sarebbe possibile con questa tecnica, dal momento che le cellule donatrici (CD45.1) potrebbero essere differenziate dalle cellule ospiti (CD45.2) GFP-). Targeting altri recettori chemiochine utilizzando questo metodo potrebbe ulteriormente sostenere l'ipotesi che mirare migrazione cellulare B-1a verso nicchie permissive di alta produzione di IgM può efficacemente aumentare i livelli di Protezione IgM.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Disclosures

Gli autori non hanno nulla da rivelare.

Acknowledgments

Questo lavoro è stato supportato da 1R01 HL107490, 1R01 HL136098, Project 3 di P01 HL055798, P01 HL136275-01 (C.A. McNamara) e R01GM100776 (T.P. Bender). A. Upadhye è stato supportato dalla borsa di studio pre-dottorato dell'American Heart Association 16PRE30300002 e 5T32AI007496-20. Ringraziamo Joanne Lannigan, Mike Solga e Claude Chew dell'University of Virginia Flow Cytometry Core per la loro eccellente assistenza tecnica.

Materials

Name Company Catalog Number Comments
70 micron filter caps Falcon 352235
anti-biotin microbeads Miltenyi Biotec 130-090-485
anti-CD16/CD32, or Fc block Life Technologies MFCR00
B220 APC eBioscience 17-0452-83 Clone: RA3-6B2
Beta-mercaptoethanol Gibco 21985-023
CD19 APCef780 eBioscience 47-0193-82 Clone: eBio1D3
CD23 biotin eBioscience 13-0232-81 Clone: B3B4
CD23 PECy7 eBioscience 25-0232-82 Clone: B3B4
CD3e biotin eBioscience 13-0033-85 Clone: eBio500A2
CD45.1 ApoE-/- mice N/A N/A Bred in house
CD45.1 PerCP-Cy5.5 BD Biosciences 560580 Clone: A20
CD45.2 BV421 BD Biosciences 562895 Clone: 104
CD45.2 Rag1-/- ApoE-/- mice N/A N/A Bred in house
CD5 PE eBioscience 12-0051-83 Clone: 53-7.3
Ctl-GFP retrovirus N/A N/A Generated in house using GFP-expressing retroviral plasmid MigR1 provided by Dr. T.P. Bender
CXCR4 APC eBioscience 17-9991-82 Clone: 2B11
CXCR4-GFP retrovirus N/A N/A Generated in house by cloning mouse CXCR4 into MigR1 retroviral plasmid
F4/80 biotin Life Technologies MF48015 Clone: BM8
Flowjo Software v. 9.9.6 Treestar Inc. License required
Gentamicin Gibco 15710-064
Gr-1 biotin eBioscience 13-5931-82 Clone: RB6-8C5
heat-inactivated fetal bovine serum Gibco 16000-044
HEPES Gibco 15630-080
IgM PECF594 BD Biosciences 562565 Clone: R6-60.2
Insulin syringes BD Biosciences 329461
Isoflurane Henry Schein Animal Health 029405
Live/Dead Yellow Life Technologies L34968
LS columns Miltenyi Biotec 130-042-401
NK1.1 biotin BD Biosciences 553163 Clone: PK136
Non-essential amino acids Gibco 11140-050
ODN 1668 InvivoGen tlrl-1668
PBS Gibco 14190-144
RPMI-1640 Gibco 11875-093
Sodium pyruvate Gibco 11360-070
Ter119 biotin eBioscience 13-5921-82 Clone: Ter119

DOWNLOAD MATERIALS LIST

References

  1. Baumgarth, N. B-1 Cell Heterogeneity and the Regulation of Natural and Antigen-Induced IgM Production. Frontiers in Immunology. 7, 324 (2016).
  2. Holodick, N. E., Vizconde, T., Rothstein, T. L. B-1a cell diversity: nontemplated addition in B-1a cell Ig is determined by progenitor population and developmental location. Journal of Immunology. 192, (5), 2432-2441 (2014).
  3. Prohaska, T. A., et al. Massively Parallel Sequencing of Peritoneal and Splenic B Cell Repertoires Highlights Unique Properties of B-1 Cell Antibodies. Journal of Immunology. 200, (5), 1702-1717 (2018).
  4. Upadhye, A., et al. Diversification and CXCR4-Dependent Establishment of the Bone Marrow B-1a Cell Pool Governs Atheroprotective IgM Production Linked to Human Coronary Atherosclerosis. Circulation Research. 125, (10), 55-70 (2019).
  5. Yang, Y., et al. Distinct mechanisms define murine B cell lineage immunoglobulin heavy chain (IgH) repertoires. Elife. 4, 09083 (2015).
  6. Choi, Y. S., Dieter, J. A., Rothaeusler, K., Luo, Z., Baumgarth, N. B-1 cells in the bone marrow are a significant source of natural IgM. European Journal of immunology. 42, (1), 120-129 (2012).
  7. Holodick, N. E., Tumang, J. R., Rothstein, T. L. Immunoglobulin secretion by B1 cells: Differential intensity and IRF4-dependence of spontaneous IgM secretion by peritoneal and splenic B1 cells. European Journal of Immunology. 40, (11), 3007-3016 (2010).
  8. Moon, H., Lee, J. G., Shin, S. H., Kim, T. J. LPS-induced migration of peritoneal B-1 cells is associated with upregulation of CXCR4 and increased migratory sensitivity to CXCL12. Journal of Korean Medical Science. 27, (1), 27-35 (2012).
  9. Wang, H., et al. Expression of plasma cell alloantigen 1 defines layered development of B-1a B-cell subsets with distinct innate-like functions. Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America. 109, (49), 20077-20082 (2012).
  10. Yang, Y., Tung, J. W., Ghosn, E. E., Herzenberg, L. A., Herzenberg, L. A. Division and differentiation of natural antibody-producing cells in mouse spleen. Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America. 104, (11), 4542-4546 (2007).
  11. Tsiantoulas, D., Gruber, S., Binder, C. J. B-1 cell immunoglobulin directed against oxidation-specific epitopes. Frontiers in Immunology. 3, 415 (2012).
  12. Kaur, G., Dufour, J. M. Cell lines: Valuable tools or useless artifacts. Spermatogenesis. 2, (1), 1-5 (2012).
  13. McMahon, S. B., Norvell, A., Levine, K. J., Monroe, J. G. Transient transfection of murine B lymphocyte blasts as a method for examining gene regulation in primary B cells. Journal of Immunological Methods. 179, (2), 251-259 (1995).
  14. Lin, K. I., Calame, K. Introduction of genes into primary murine splenic B cells using retrovirus vectors. Methods in Molecular Biology. 271, 139-148 (2004).
  15. Moghimi, B., Zolotukhin, I., Sack, B. K., Herzog, R. W., Cao, O. High Efficiency Ex Vivo Gene Transfer to Primary Murine B Cells Using Plasmid or Viral Vectors. Journal of Genetic Syndromes and Gene Therapy. 2, (103), 1000103 (2011).
  16. DeKoter, R. P., Lee, H. J., Singh, H. PU.1 regulates expression of the interleukin-7 receptor in lymphoid progenitors. Immunity. 16, (2), 297-309 (2002).
  17. Holodick, N. E., Vizconde, T., Hopkins, T. J., Rothstein, T. L. Age-Related Decline in Natural IgM Function: Diversification and Selection of the B-1a Cell Pool with Age. The Journal of Immunology. 196, (10), 4348-4357 (2016).
  18. Laurie, K. L., et al. Cell-specific and efficient expression in mouse and human B cells by a novel hybrid immunoglobulin promoter in a lentiviral vector. Gene Therapy. 14, (23), 1623-1631 (2007).
  19. Warncke, M., et al. Efficient in vitro transduction of naive murine B cells with lentiviral vectors. Biochemical and Biophysical Research Communications. 318, (3), 673-679 (2004).
  20. Moon, B. G., Takaki, S., Miyake, K., Takatsu, K. The role of IL-5 for mature B-1 cells in homeostatic proliferation, cell survival, and Ig production. Journal of Immunology. 172, (10), 6020-6029 (2004).
  21. Takatsu, K., Kouro, T., Nagai, Y. Interleukin 5 in the link between the innate and acquired immune response. Advances in Immunology. 101, 191-236 (2009).
  22. Baumgarth, N. The double life of a B-1 cell: self-reactivity selects for protective effector functions. Nature Reviews Immunology. 11, (1), 34-46 (2011).
Sovraespressione retrovirale di CXCR4 su cellule Murine B-1a e trasferimento adottivo per migrazione mirata di cellule B-1a verso il midollo osseo e la produzione di IgM
Play Video
PDF DOI DOWNLOAD MATERIALS LIST

Cite this Article

Upadhye, A., Marshall, M., Garmey, J. C., Bender, T. P., McNamara, C. Retroviral Overexpression of CXCR4 on Murine B-1a Cells and Adoptive Transfer for Targeted B-1a Cell Migration to the Bone Marrow and IgM Production. J. Vis. Exp. (159), e61003, doi:10.3791/61003 (2020).More

Upadhye, A., Marshall, M., Garmey, J. C., Bender, T. P., McNamara, C. Retroviral Overexpression of CXCR4 on Murine B-1a Cells and Adoptive Transfer for Targeted B-1a Cell Migration to the Bone Marrow and IgM Production. J. Vis. Exp. (159), e61003, doi:10.3791/61003 (2020).

Less
Copy Citation Download Citation Reprints and Permissions
View Video

Get cutting-edge science videos from JoVE sent straight to your inbox every month.

Waiting X
Simple Hit Counter