Waiting
Login processing...

Trial ends in Request Full Access Tell Your Colleague About Jove
JoVE Science Education
Environmental Microbiology

A subscription to JoVE is required to view this content.
You will only be able to see the first 20 seconds.

 
Click here for the English version

Tecnica asettica in Scienze Ambientali

Overview

Fonte: Laboratori del Dr. Ian Pepper e del Dr. Charles Gerba - Università dell'Arizona
Autore dimostrativo: Luisa Ikner

La tecnica asettica è un'abilità fondamentale ampiamente praticata nel campo della microbiologia ambientale che richiede un equilibrio tra consapevolezza e pratica in laboratorio. L'uso corretto di questa tecnica riduce la probabilità di contaminazione batterica o fungina di reagenti, mezzi di coltura e campioni ambientali. La tecnica asettica è anche vitale per garantire l'integrità dei dati e mantenere la purezza delle librerie di cultura che possono essere composte da isolati molto rari e difficili da colturare. Le fonti di contaminazione nell'ambiente di laboratorio includono microrganismi presenti nell'aria (compresi quelli che aderiscono a particelle di polvere e lanugine), microbi presenti sullo spazio di lavoro del banco di laboratorio o su vetreria o apparecchiature non sterilizzate e microbi trasferiti dal corpo e dai capelli del ricercatore. L'uso della tecnica asettica è anche una misura di sicurezza che riduce il potenziale di trasmissione di microrganismi ai ricercatori, il che è particolarmente importante quando si lavora con agenti patogeni.

Principles

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

L'obiettivo dell'utilizzo di tecniche asettiche è quello di creare e mantenere un ambiente di lavoro sterile, attrezzature e reagenti, in modo da ridurre al minimo la contaminazione dei campioni biologici. Per fare questo, lo spazio di lavoro e alcuni strumenti possono essere disinfettati con sostanze chimiche come il 70% di etanolo e candeggina diluita. È anche importante che il ricercatore indossi dispositivi di protezione individuale (DPI) come un camice da laboratorio, guanti e occhiali di sicurezza.

I mezzi e i reagenti possono essere sterilizzati utilizzando apparecchi di sterilizzazione con filtro che impiegano filtri da 0,22 μm, che rimuovono efficacemente la maggior parte dei microrganismi come i batteri. In alternativa, molti reagenti e attrezzature possono anche essere sterilizzati a calore elevato. Ad esempio, i microbi su o in strumenti, vetreria e mezzi liquidi possono essere uccisi termicamente in un'autoclave, che è una camera che sterilizza il contenuto attraverso l'esposizione a vapore pressurizzato ad alta temperatura. Inoltre, alcuni strumenti possono essere sterilizzati termicamente utilizzando una fonte di fiamma, come un bruciatore Bunsen.

L'uso di una sorgente di fiamma è anche uno dei modi più comuni per stabilire un ambiente di lavoro asettico. Il calore della fiamma provoca la convezione dell'aria, generando un updraft che solleva eventuali contaminanti presenti nell'aria lontano dalle vicinanze del bruciatore e creando un "campo sterile" in cui condurre un lavoro sperimentale asettico.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Procedure

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

1. Preparazione per il lavoro asettico

  1. Ottenere e applicare i seguenti DPI: camici da laboratorio, guanti in lattice o nitrile (privi di strappi o buchi) e occhiali di sicurezza (Figura 1). Per sicurezza in caso di utilizzo di una fiamma libera, legare i capelli lunghi.
    Figure 1
    Figura 1: DPI: un camice da laboratorio, guanti in lattice e occhiali di sicurezza.
  2. Un secondo aspetto importante della tecnica asettica è la corretta sterilizzazione e conservazione dei mezzi/reagenti da utilizzare in laboratorio. Preparare il brodo liquido medio(ad esempio,brodo di soia tripttico) e il mezzo a base diagar (ad esempio,R2A) pesando la giusta quantità di polvere di base essiccata, che viene aggiunta alla quantità appropriata di acqua deionabilizzata.
  3. Per il mezzo di brodo, sciogliere la polvere su una piastra calda a fuoco basso applicato ed erogare il liquido in volumi da 100 ml in palloni di vetro a vite o in volumi da 10 ml in provette a vite di vetro. Utilizzando una barra magnetica, mescolare il mezzo di agarose sull'agitatore a piastra calda fino a quando la polvere non è completamente sciolta.
  4. Applicare il nastro adesivo per autoclave sui contenitori e autoclave il supporto secondo le istruzioni del produttore (ad esempio,20 min a 121 °C) (Figure 2 e 3). Si noti che il colore delle strisce sul nastro autoclave dovrebbe cambiare da bianco (pre-autoclave) a nero (post-autoclave). Sebbene il cambiamento di colore indichi generalmente che la sterilizzazione ha avuto successo, i controlli di sterilità utilizzando kit di strisce di spore possono essere condotti per verificare il processo di autoclave.
    Figure 2
    Figura 2: Nastro adesivo applicato al materiale.
    Figure 3
    Figura 3: Notare il cambiamento di colore delle strisce sul nastro autoclave dal bianco (pre-autoclave) al nero (post-autoclave).
  5. Raffreddare i brodi liquidi a temperatura ambiente, quindi conservare a temperatura ambiente o refrigerati a 4 °C.
  6. Raffreddare il mezzo di agarose mettendo il contenitore in un bagno d'acqua impostato a ~ 50 °C. Una volta raffreddato, il supporto può essere versato in piastre di Petri sterili. Lasciare raffreddare e solidificare il supporto, quindi consolidare per la conservazione alle temperature specificate dal produttore.
  7. Esistono diverse varietà di terreni di coltura che non possono essere autoclavati poiché le alte temperature degradano gli ingredienti critici. La sterilizzazione di questi richiede la sterilizzazione del filtro utilizzando un sistema di filtrazione sotto vuoto che impiega un filtro da 0,22 μm, seguito dalla conservazione alla temperatura appropriata.
  8. Prima di eseguire il lavoro sul banco, disinfettare la superficie utilizzando una soluzione appropriata(ad esempio,candeggina da 500 ppm). Ciò riduce il rischio di trasferire contaminanti dalla superficie di lavoro a colture e mezzi sterili.
  9. Per stabilire un campo sterile, accendere un bruciatore Bunsen. Il tipo di fiamma più adatto per sterilizzare i circuiti di inoculazione del metallo è una fiamma blu intenso, con un cono blu definitivo osservato nel mezzo (Figura 4).
    Figure 4
    Figura 4: Un trasferimento di batteri da una piastra di Petri che mostra la crescita di un isolato coltivato a un'altra piastra di Petri non inoculata contenente un mezzo di crescita a base di agar.
  10. Passare lentamente il ciclo di inoculazione attraverso la parte più calda della fiamma (punta del cono blu). Il loop dovrebbe diventare rovente ai fini della sterilizzazione.

2. Trasferimenti batterici: dalla piastra di Petri alla piastra di Petri

  1. Uno scenario di trasferimento di batteri è da una piastra di Petri che mostra la crescita di un isolato coltivato a un'altra piastra di Petri sterile contenente un terreno di crescita a base di agar.
  2. Per iniziare, aprire leggermente la piastra di Petri contenente la coltura batterica pura e picchiettare delicatamente il cappio inoculante caldo e sterilizzato sulla superficie dell'agar.
  3. Recupera una colonia isolata dalla superficie della piastra usando l'anello di inoculazione raffreddato e chiudi la piastra di Petri.
  4. Eseguire una striscia per l'isolamento utilizzando una piastra di Petri fresca contenente terreno di coltura, con il coperchio leggermente socchiuso.
  5. Per ogni porzione della striscia di isolamento (3 totali per piastra), sterilizzare a fiamma il ciclo di inoculazione appena prima dell'uso. Inoltre, sterilizzare a fiamma il loop subito dopo l'esecuzione della striscia finale al fine di prevenire la contaminazione della superficie del banco e come considerazione per gli altri in laboratorio che potrebbero successivamente utilizzare o entrare in contatto con i loop di inoculazione.
  6. Posizionare le piastre striate in un'incubatrice per la crescita durante la notte.

3. Trasferimenti batterici: dalla coltura del brodo alla piastra di Petri

  1. Un secondo scenario di trasferimento di batteri è da una coltura di brodo che mostra crescita, come generalmente osservato dalla torbidità, a una piastra di Petri sterile contenente terreno di crescita.
  2. Rimuovere il tappo dalla provetta (o pallone) contenente la coltura batterica pura e passare l'apertura del contenitore 2-3 volte attraverso la parte più calda della fiamma. Per evitare contaminazioni, non appoggiare il tappo sul piano di lavoro.
  3. Abbassare con attenzione l'anello di inoculazione sterilizzato nel tubo/pallone e premere delicatamente contro il lato del contenitore per raffreddare appena prima dell'inserimento nella coltura del brodo.
  4. Rimuovere un ciclo di coltura di brodo (Figura 5 )e sostituire immediatamente il tappo.
    Figure 5
    Figura 5: Un ciclo di cultura del brodo.
  5. Eseguire una striscia per l'isolamento utilizzando una piastra di Petri fresca contenente terreno di coltura, con il coperchio leggermente socchiuso.
  6. Per ogni porzione della striscia (3 totali per piastra), sterilizzare a fiamma il ciclo di inoculazione appena prima dell'uso. Inoltre, sterilizzare a fiamma il loop subito dopo l'esecuzione della striscia finale al fine di prevenire la contaminazione della superficie del banco e come considerazione per gli altri in laboratorio che potrebbero successivamente utilizzare i loop di inoculazione.
  7. Posizionare le piastre striate per l'isolamento in un'incubatrice per la crescita durante la notte.

4. Trasferimenti batterici: dalla piastra di Petri con crescita al mezzo liquido sterile

  1. Un terzo scenario di trasferimento di batteri è da una piastra di Petri contenente una striscia di coltura isolata a un tubo / pallone contenente un mezzo di crescita liquido sterile.
  2. Aprire leggermente la piastra di Petri contenente la coltura batterica pura e raffreddare il ciclo di inoculazione caldo picchiettandolo delicatamente sulla superficie dell'agar.
  3. Recupera una colonia isolata dalla superficie della piastra usando l'anello di inoculazione raffreddato e chiudi la piastra di Petri.
  4. Rimuovere il tappo dalla provetta (o pallone) contenente il mezzo di coltura liquido sterile e passare l'apertura del contenitore 2 o 3 volte attraverso la parte più calda della fiamma. Per evitare contaminazioni, non appoggiare il tappo sul piano dilavoro.
  5. Abbassare con attenzione la colonia estratta nel mezzo di brodo liquido e agitare delicatamente il cappio per rilasciare i batteri. Sostituire immediatamente il tappo.
  6. Sterilizzare a fiamma il circuito di inoculazione al fine di prevenire la contaminazione della superficie del banco e come considerazione per gli altri in laboratorio che potrebbero successivamente utilizzare i loop di inoculazione.
  7. Metti il pallone in un'incubatrice per la crescita durante la notte.
  8. Rimuovere il pallone dall'incubazione il giorno successivo. Eseguire una serie di diluizione per enumerare la lingua.
  9. Placcare le diluizioni della serie su mezzi di coltura di agarose e incubare le piastre durante la notte.
  10. Rimuovere le piastre il giorno successivo e osservare eventuali contaminazioni.

5. Trasferimenti batterici: dalla coltura del brodo al mezzo di crescita liquido sterile

  1. Un quarto scenario di trasferimento di batteri è da una coltura di brodo che mostra crescita a un tubo / pallone contenente un mezzo di crescita liquido sterile.
  2. Rimuovere il tappo dalla provetta (o pallone) contenente la coltura batterica pura e passare due volte l'apertura del contenitore attraverso la parte più calda della fiamma. Per evitare contaminazioni, non appoggiare il tappo sul piano di lavoro.
  3. Abbassare con attenzione l'anello di inoculazione nel tubo/pallone e premere delicatamente contro il lato del contenitore per raffreddare appena prima dell'inserimento nella coltura del brodo.
  4. Rimuovere un ciclo di coltura di brodo e sostituire immediatamente il cappuccio.
  5. Rimuovere il tappo dalla provetta (o pallone) contenente il mezzo di coltura liquido sterile e passare due volte l'apertura del contenitore attraverso la parte più calda della fiamma. Per evitare contaminazioni, non appoggiare il tappo sul piano di lavoro.
  6. Abbassare con attenzione il loopful estratto nel mezzo di brodo liquido sterile e agitare delicatamente il loop per rilasciare i batteri. Sostituire immediatamente il tappo.
  7. Sterilizzare a fiamma il circuito di inoculazione (Figura 6) al fine di prevenire la contaminazione della superficie del banco e come considerazione per gli altri in laboratorio che possono successivamente utilizzare i circuiti di inoculazione.
    Figure 6
    Figura 6: Ciclo di inoculazione che diventa rovente durante la sterilizzazione con un bruciatore Bunsen.
  8. Metti il pallone in un'incubatrice per la crescita durante la notte.
  9. Rimuovere il pallone dall'incubazione il giorno successivo. Eseguire una serie di diluizione per enumerare la lingua.
  10. Placcare le diluizioni della serie su mezzi di coltura di agarose e incubare le piastre durante la notte.
  11. Rimuovere le piastre il giorno successivo e osservare eventuali contaminazioni.

La tecnica asettica è un'abilità fondamentale in microbiologia e ha applicazioni cruciali nella ricerca ambientale.

Se le colture microbiologiche sono contaminate, il tempo, la manodopera e i costi finanziari che sarebbero necessari a un laboratorio per "ripulire" o sostituire le colture, isolati particolarmente rari provenienti da ambienti unici, potrebbero essere molto alti e proibitivi, e alcuni campioni potrebbero essere insostituibili.

L'uso corretto di tecniche asettiche riduce la probabilità di contaminazione batterica e fungina di reagenti, mezzi di coltura e campioni ambientali ed evita anche la contaminazione incrociata tra i campioni. È anche una misura di sicurezza che diminuisce la potenziale trasmissione di microbi allo sperimentatore, che è particolarmente importante quando si lavora con agenti patogeni.

Questo video introdurrà i principi dell'asepsi; diverse tecniche importanti per mantenere reagenti e colture sterili; e infine, alcuni dei loro usi nelle scienze ambientali.

L'obiettivo dell'utilizzo di tecniche asettiche è quello di creare e mantenere un ambiente di lavoro sterile, attrezzature e reagenti, in modo da ridurre al minimo la contaminazione dei campioni biologici. Le fonti comuni di contaminazione includono microrganismi presenti nell'aria, microbi presenti sul banco di laboratorio o sulle attrezzature e quelli provenienti dai capelli, dal corpo e dagli indumenti del ricercatore.

Due tipi di agenti sono fondamentali per rimuovere o prevenire la contaminazione in laboratorio: prodotti chimici disinfettanti e calore. Soluzioni come l'etanolo al 70% e la candeggina diluita vengono spesso utilizzate per disinfettare attrezzature, superfici di lavoro e guanti degli sperimentatori prima di impegnarsi in un lavoro asettico.

Allo stesso tempo, i microbi su o in strumenti, bicchieri e mezzi liquidi possono essere uccisi termicamente in un'autoclave, che è una camera che sterilizza il contenuto attraverso l'esposizione a vapore pressurizzato ad alta temperatura. Inoltre, strumenti come aste di vetro utilizzate per la placcatura diffusa e anelli di inoculazione metallica possono essere sterilizzati a caldo utilizzando una fonte di fiamma, come un bruciatore Bunsen.

L'uso di una sorgente di fiamma è anche uno dei modi più comuni per stabilire un ambiente di lavoro asettico. Il calore della fiamma provoca la convezione dell'aria, generando un updraft che solleva eventuali contaminanti presenti nell'aria lontano dalle vicinanze del bruciatore e creando un "campo sterile" in cui condurre un lavoro sperimentale asettico.

Ora che hai compreso i principi alla base delle tecniche asettiche e perché sono importanti, esaminiamo un protocollo per creare un ambiente di lavoro asettico, creare mezzi di crescita sterili e trasferire asetticamente i batteri tra diverse condizioni di coltura.

Prima di iniziare il lavoro asettico, è importante che lo sperimentatore indossa adeguati dispositivi di protezione individuale o DPI. Lo scopo di questo è sia quello di impedire allo sperimentatore di contaminare i campioni e le colture di laboratorio, sia di impedire il trasferimento di microbi potenzialmente patogeni al ricercatore. Gli articoli DPI includono un cappotto da laboratorio, guanti e occhiali di sicurezza.

Il passo successivo è quello di sterilizzare e conservare correttamente i mezzi di crescita da utilizzare per la coltura dei campioni microbici. In primo luogo, pesare la giusta quantità di componenti del mezzo solido e aggiungerli al volume corretto di solvente liquido specificato dal produttore, come l'acqua deionizzata, in un contenitore autoclavabile Aggiungere una barra di agitazione magnetica, posizionare il contenitore su un agitatore a piastre calde e sciogliere i componenti del mezzo solido a fuoco basso e mescolando.

Chiudere i contenitori medi. Se si utilizza un recipiente di vetro con tappo avvitato, assicurarsi di non stringere completamente il tappo, poiché l'aria all'interno delle navi si espanderà a causa del riscaldamento durante l'autoclave e deve fuoriuscire. Senza scampo, il gas potrebbe causare la rottura della nave. Mettere un pezzo di nastro adesivo per autoclave sui recipienti e autoclave il supporto secondo le istruzioni del produttore, ad esempio 20 minuti a 121 ° C. Dopo l'autoclave, verificare che le strisce sui nastri dell'autoclave siano diventate nere, indicando che è stata raggiunta la temperatura corretta.

Per i mezzi di crescita liquidi, lasciarli raffreddare a temperatura ambiente e conservarli a temperatura ambiente o con refrigerazione a seconda dei casi. Per i mezzi di crescita solidi a base di agar, lasciarli raffreddare a circa 50 °C, quindi versarli in piastre di Petri sterili. Lasciare raffreddare e solidificare l'agar prima di conservarlo alla temperatura appropriata.

Per i mezzi che non possono essere autoclavati a causa della presenza di componenti sensibili al calore, sterilizzare il filtro utilizzando un filtro da 0,22 μm.

Una tecnica fondamentale nel lavoro microbiologico è quella di trasferire asetticamente colture batteriche tra diversi mezzi di crescita, sia solidi che liquidi. Prima di iniziare, pulire la superficie del banco di laboratorio con un disinfettante. Ciò riduce il rischio di contaminazione di colture o terreni sterili.

Il trasferimento di colture batteriche fa comunemente uso di uno strumento chiamato ciclo di inoculazione, che deve essere sterilizzato prima dell'uso riscaldando in una fiamma.

Accendere una sorgente di fiamma. Passare lentamente il ciclo di inoculazione attraverso la punta della fiamma. Il loop diventerà rovente. Per trasferire una colonia batterica da una piastra di agar solida, aprire leggermente la piastra di Petri e picchiettare delicatamente il circuito di inoculazione calda su una parte vuota della superficie dell'agar per evitare di uccidere termicamente i batteri. Raschiare una singola colonia con l'anello inoculante e chiudere la piastra.

Per trasferire i batteri da un terreno di crescita liquido, rimuovere il cappuccio dal contenitore di coltura. Per aiutare a prevenire la contaminazione, evitando di fissare il cappuccio sul banco. Passare la bocca del contenitore 2-3 volte attraverso la parte più calda della fiamma. Quindi, toccare con attenzione il circuito di inoculazione caldo e sterilizzato all'interno del contenitore e lasciarlo raffreddare prima di inserirlo nella coltura del brodo. Rimuovere un ciclo della lingua e chiudere immediatamente il cappuccio.

Per trasferire i batteri ottenuti in un terreno di crescita sterile, rimuovere il cappuccio da un contenitore con il brodo sterile e passare l'apertura del contenitore attraverso la fiamma 2-3 volte. Quindi, abbassare con attenzione il ciclo di inoculazione nel mezzo e agitare delicatamente per rilasciare i batteri. Chiudere immediatamente il tappo. Sterilizzare il ciclo di inoculazione dopo l'uso.

Se si trasferiscono batteri su una piastra di agar sterile, aprire il coperchio di una piastra di Petri fresca con agar non inoculato. Strisciare il ciclo di inoculazione con la coltura batterica avanti e indietro attraverso un settore dell'agar. Sterilizzare il cappio e raffreddarlo toccando una parte vuota dell'agar, quindi fare un'altra striscia sull'agar ad angolo ottuso rispetto alla prima striscia, assicurandosi di attraversare la prima striscia sui primi 1-2 colpi ma evitando di toccare la prima striscia sui colpi successivi. Ripetere la sterilizzazione e la striatura altre 2 volte. Chiudere la piastra di Petri e sterilizzare il ciclo di inoculazione.

Una volta inoculato, il brodo o la piastra di agar devono quindi essere incubati alla temperatura di crescita ideale affinché il microrganismo dato ottenga una coltura vitale. Su un terreno solido, un prato o un filamento continuo di batteri sarebbe visibile sull'agar coperto dalle prime due strisce, ma le singole colonie dovrebbero essere ottenute sulla striscia finale. Tecniche asettiche scadenti comporterebbero la crescita di muffe e altri contaminanti sulla piastra.

Le tecniche asettiche sono importanti in molti esperimenti che coinvolgono campioni microbici provenienti dall'ambiente. In questo studio, i ricercatori hanno isolato i batteriofagi, che sono virus che infettano i batteri, dal comune batterio del suolo Arthrobacter. Le colture di Arthrobacter sono state coltivate per la prima volta in condizioni asettiche. I campioni di terreno sono stati quindi lavati e filtrati in un tampone fagico e la soluzione di fagi è stata miscelata con la coltura batterica e placcata su piastre di agar. Un prato batterico si formerebbe sul piatto, ma ci sarebbero radure, o "placche", nei punti in cui il virus ha infettato e ucciso i batteri. Il fago potrebbe quindi essere purificato da queste placche per ulteriori studi.

Oltre all'utilizzo dei bruciatori Bunsen, gli ambienti di lavoro asettici possono anche essere mantenuti in postazioni di lavoro specializzate note come cappe a flusso laminare, che utilizzano un flusso d'aria diretto e filtri per mantenere la sterilità. Qui, gli scienziati hanno lavorato in una cappa di flusso per isolare potenziali batteri e virus patogeni da campioni d'acqua. Questi isolati sono stati poi coltivati insieme alle amebe. Poiché le amebe normalmente mangiano o "fagocitosi" batteri, tutti i batteri che sono stati in grado di resistere alla digestione amoebale e rimanere in questi organismi possono anche potenzialmente rimanere vitali nelle cellule umane e causare malattie.

Infine, le condizioni sterili consentono uno studio dettagliato dei meccanismi ecologici come la formazione di noduli di radice nelle piante di leguminose - organi pieni di batteri che "fissano" l'azoto atmosferico in ammoniaca, che viene utilizzata dalla pianta per la crescita. I ricercatori qui hanno creato "microcosmi" per studiare il processo di nodulazione utilizzando piastre di Petri dentellate con terreno di crescita delle piante, hanno inserito piantine in esse e inoculato le piantine con batteri rizobiali che formano noduli. L'ambiente asettico della cappa di flusso impedisce la contaminazione delle colture con altri batteri o funghi.

Hai appena visto il video di JoVE sulle tecniche asettiche nelle scienze ambientali. Ora dovresti capire perché le condizioni di lavoro asettiche sono importanti; come eseguire in modo asettico esperimenti microbiologici; e alcune applicazioni delle tecniche asettiche alla ricerca ambientale. Come sempre, grazie per aver guardato!

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Results

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

L'esito della procedura dimostra una corretta tecnica asettica e una scarsa tecnica asettica. La Figura 7 illustra la contaminazione che può derivare da una scarsa tecnica asettica quando si versano piastre di agarose (piastra superiore: mezzo sterile; piastre inferiori: mezzi contaminati).

Figure 7
Figura 7: Contaminazione che può derivare da una scarsa tecnica asettica quando si versano piastre di agarose. Piastra superiore: mezzo sterile; piastre inferiori: mezzi contaminati.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Applications and Summary

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Oltre all'utilizzo dei bruciatori Bunsen, gli ambienti di lavoro asettici possono anche essere mantenuti in postazioni di lavoro specializzate note come cappe a flusso laminare, che utilizzano un flusso d'aria diretto e filtri per mantenere la sterilità.

L'uso corretto della tecnica asettica è vitale per i microbiologi ambientali durante il campionamento sul campo e in laboratorio quando si lavora con mezzi, reagenti e isolati coltivati.  Una scarsa tecnica asettica sul campo può comportare il trasferimento di microrganismi dal tecnico a campioni ambientali critici, nonché la contaminazione incrociata di microbi da un campione all'altro. Tali eventi sono importanti, ad esempio, negli studi di ecologia microbica che cercano di identificare e confrontare popolazioni batteriche e fungine che possono essere presenti in un dato bioma. La contaminazione di tali campioni può comportare una perdita di integrità dei dati. La tecnica asettica è anche fondamentale per il mantenimento di isolati di colture di laboratorio provenienti da campionamenti sul campo o da archivi di colture microbiche e cellulari ben consolidati. Il tempo, la manodopera e i costi finanziari che sarebbero richiesti a un laboratorio nel tentativo di "ripulire" o sostituire le colture contaminate, in particolare gli isolati rari provenienti da ambienti unici, potrebbero essere molto alti e proibitivi, poiché alcuni isolati potrebbero essere insostituibili.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Transcript

Please note that all translations are automatically generated.

Click here for the English version.

Get cutting-edge science videos from JoVE sent straight to your inbox every month.

Waiting X
Simple Hit Counter