Waiting
Login processing...

Trial ends in Request Full Access Tell Your Colleague About Jove
JoVE Science Education
Developmental Psychology

A subscription to JoVE is required to view this content.
You will only be able to see the first 20 seconds.

Misurare la fiducia dei bambini nella testimonianza
 
Click here for the English version

Misurare la fiducia dei bambini nella testimonianza

Overview

Fonte: Laboratori di Judith Danovitch e Nicholaus Noles—Università di Louisville

Come fa una persona a conoscere il mondo che la circonda? Un modo è attraverso l'osservazione diretta e l'esplorazione. Tuttavia, non tutte le informazioni possono essere osservate in prima persona. Invece, una persona deve spesso fare affidamento su altre persone come fonti di informazione. Questo è particolarmente vero per i bambini che hanno così tante domande sul mondo che li circonda, ma hanno mezzi limitati per accedere alle risposte. Pertanto, i bambini devono fare affidamento su altre persone per fornire risposte alle loro domande.

C'è un punto di vista popolare che i bambini sono creduloni e che credono a tutto ciò che sentono. Tuttavia, recenti ricerche hanno dimostrato che questo non è il caso. I bambini di 3 anni valutano ciò che dicono gli altri e mostrano fiducia selettiva nella testimonianza degli altri. I bambini prestano attenzione e usano le loro conoscenze sul comportamento e le caratteristiche precedenti di un individuo per giudicare se quell'individuo è una fonte di informazioni affidabile.

Questo video dimostra come misurare la fiducia dei bambini nella testimonianza in base ai metodi sviluppati da Birch, Vauthier e Bloom1 e Koenig, Clement e Harris. 2 

Procedure

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Recluta bambini di 3 e 4 anni che hanno una vista e un udito normali. Ai fini di questa dimostrazione, viene testato un solo bambino. Si raccomandano campioni di dimensioni maggiori quando si conducono esperimenti.

1. Raccogli i materiali necessari.

  1. Ottieni due pupazzi a mano chiaramente distinguibili l'uno dall'altro. In questa dimostrazione, usa due pupazzi maschili con caratteristiche facciali e vestiti diversi.
  2. Raccogli quattro oggetti comuni familiari ai bambini piccoli. In questa dimostrazione, usa un'auto, un cucchiaio, una palla e una tazza.
  3. Ottieni sei nuovi oggetti non familiari ai bambini piccoli.

2. Raccolta dei dati

  1. Introduzione
    1. Presenta il bambino ai burattini dicendo: "Ho portato con me un sacco di cose divertenti oggi, e ho anche portato due amici burattini: Ben e Tom".
    2. Presenta ogni burattino al bambino agendo come il burattino e dicendo: "Ciao, sono Ben / Tom. Come si chiama? [Il bambino risponde.] Piacere di conoscerti, [il nome del bambino]."
  2. Fase di storia
    1. Mettete i quattro oggetti comuni sul tavolo di fronte al bambino e dite: "Mostriamo queste cose a Ben e Tom. Li lasceremo parlare ora, e possiamo guardare e ascoltare".
    2. Fare in modo che ogni pupazzo etichetti ciascuno degli oggetti.
      1. Fare in modo che un pupazzo esetiche correttamente tutti e quattro gli oggetti. Ad esempio, per il ballo, il burattino dice: "Penso che sia una palla. Sì, è una palla".
      2. Fare in modo che l'altro pupazzo etichetti tutti e quattro gli oggetti in modo errato. Ad esempio, per il ballo, il burattino dice: "Penso che sia un cavallo. Sì, quello è un cavallo".
    3. Assicurati che Ben vada sempre per primo. Per metà dei bambini, Ben è il burattino accurato, e per l'altra metà, Ben è il burattino impreciso.
  3. Fase di test
    1. In questa fase, presenta una coppia di nuovi oggetti ai bambini, seguiti da informazioni contrastanti sulle etichette degli oggetti.
    2. Posiziona due nuovi oggetti sul tavolo.
    3. Rivolgiti a un burattino (Ben) e dì: "Guarda, Ben. Cos'è questo?" e prendi uno degli oggetti. Chiedo al burattino di rispondere: "Penso che sia un blicket. Sì, questo è blicket. Vedi il blicket?" e guarda il bambino. Posizionare l'oggetto sul tavolo.
    4. Rivolgiti all'altro burattino (Tom) e ripeti la domanda, mentre raccogli l'altro oggetto del romanzo. Fa in modo che il burattino risponda allo stesso modo di prima, etichettandolo come un blicket. Posizionare l'oggetto sul tavolo.
    5. Metti giù i burattini, e poi lo sperimentatore chiude gli occhi, tende le mani e chiede al bambino: "Puoi darmi il blicket?" Annotare l'oggetto scelto dal bambino.
    6. Ripeti questa procedura altre due volte con diversi insiemi di oggetti e parole diverse ("veramente" e "modi").
    7. Controbilancia gli oggetti specifici nominati da ciascun burattino tra i soggetti.
  4. Fase di conferma
    1. Per confermare che i bambini avevano familiarità con gli oggetti usati nella fase di storia, metti di nuovo sul tavolo i quattro oggetti comuni della fase di storia e chiedi ai bambini: "Che cos'è questo?" Registrare le risposte.

3. Analisi

  1. Innanzitutto, calcola il numero di risposte corrette che i bambini forniscono nella fase di conferma. Escludere i bambini che si comportano male in questa fase da ulteriori analisi, in quanto non avrebbero riconosciuto che i burattini differivano in accuratezza.
  2. Calcola un punteggio di 0-3 in base a quante volte i bambini hanno scelto l'oggetto che il burattino accurato ha nominato nella fase di test. Allo scopo di discutere e illustrare i risultati, convertire questi punteggi in percentuali su 100.
  3. Confronta i punteggi dei bambini nella fase di test con il caso (punteggio di 1,5) usando un t-test a campione.
  4. Confronta i punteggi dei bambini tra i gruppi di età utilizzando un t-test di campioni indipendenti.

I bambini sono noti per porre domande sul mondo che li circonda, ma con mezzi limitati per accedere alle risposte, devono fare affidamento sugli altri per rispondere alle loro domande.

Da un lato, le persone spesso pensano che i bambini credano che tutto ciò che sentono sia vero, come quando viene detto loro di lavarsi i denti ogni notte o altrimenti, i loro denti cadranno come ha fatto il nonno.

Tuttavia, recenti ricerche hanno dimostrato che i bambini piccoli non sono sempre così creduloni. Piuttosto, valutano il comportamento precedente di un individuo per giudicare se sono una fonte affidabile di informazioni.

Utilizzando metodi sviluppati in precedenza, questo video dimostra un approccio semplice su come progettare e condurre un esperimento che misura la fiducia dei bambini piccoli, nonché su come analizzare e interpretare i risultati relativi alle scelte fatte sulla base di fonti di informazione contrastanti.

In questo esperimento, ai bambini piccoli, dai 3 ai 4 anni, viene chiesto di etichettare gli oggetti in base a informazioni contrastanti di due personaggi diversi, in questo caso pupazzi a mano.

I due pupazzi maschili con caratteristiche facciali e vestiti diversi vengono presentati ai bambini, come Ben e Tom.

Durante la prima fase del compito, la fase della storia, un burattino etichetta accuratamente quattro oggetti comuni, mentre l'altro li etichetta tutti in modo impreciso.

Successivamente, nella fase di test, ai bambini vengono mostrati tre set di due oggetti nuovi e insoliti, seguiti da informazioni contrastanti dai burattini sui nomi degli oggetti.

Ad esempio, Ben guarda il primo oggetto e lo chiama blicket, mentre Tom guarda il secondo e lo chiama anche blicket. Al bambino viene quindi chiesto di scegliere quale elemento è il blicket. Si noti che per i restanti due insiemi di oggetti, ben e Tom puoi usare due parole diverse, veramente e modi.

Infine, nella fase di conferma, a ogni bambino viene chiesto di etichettare gli oggetti comuni originali che sono stati presentati durante la fase di storia per confermare che avevano familiarità con tutti gli oggetti.

Qui, la variabile dipendente è il numero di volte in cui i bambini scelgono l'oggetto che il burattino accurato ha nominato durante tre diverse prove nella fase di test.

Ci si aspetta che i bambini di tre e quattro anni scelgano gli oggetti etichettati dal burattino accurato più spesso del burattino impreciso.

Prima dell'inizio dell'esperimento, ottieni due pupazzi maschili fisicamente distinti, oltre a quattro oggetti comuni: una carrozzina giocattolo, un cucchiaio, una palla e una tazza. Inoltre, ottieni sei oggetti per la casa nuovi e insoliti, come parti di un video, clip per borse o tappetini in feltro.

Dopo aver salutato il bambino, inizia presentandolo a ciascun burattino in prima persona. "Ciao, sono Ben. Come ti chiami?"; " Ciao, sono Tom. Come ti chiami?"

Durante la prima fase della storia, imposta i quattro oggetti comuni sul tavolo di fronte al bambino. Controbilanciare quale burattino nomina gli oggetti in modo accurato e impreciso tra i bambini; qui, prima che Ben etichetti correttamente ciascuno degli oggetti e Tom li etichetti in modo errato.

Per ogni prova della fase di test, posizionare una coppia di nuovi oggetti sul tavolo, controbilanciati tra le posizioni. Prendi uno degli oggetti e chiedi a Ben di cosa si tratta. In questo processo, fagli etichettare un blicket, "Penso che sia un blicket. Sì, quello è un blicket" e rimetti l'oggetto sul tavolo.

Quindi, prendi l'altro oggetto del romanzo e chiedi a Tom di cosa si tratta. Fai in modo che Tom lo etichetti anche come blicket. "Penso che sia un blicket. Sì, questo è un blicket."

Dopo aver rimosso i pupazzi, chiudi gli occhi, allponi entrambe le mani e chiedi al bambino di darti il blicket. Nota la scelta del bambino.

Infine, per la fase di conferma, rimetti i quattro oggetti comuni sul tavolo di fronte al bambino. Chiedi al bambino di etichettare ogni oggetto e registrare le sue risposte.

Una volta terminato lo studio, calcolare il numero di risposte corrette dalla fase di conferma. Per procedere con l'analisi dei dati, includere solo i bambini che si sono comportati bene nella fase finale di denominazione per assicurarsi che abbiano riconosciuto gli oggetti e che i pupazzi differissero in accuratezza.

Per ogni bambino, assegna un punteggio di 0-3, in base a quante volte hanno scelto l'oggetto che il burattino accurato ha nominato nella fase di test. Converti questi punteggi in percentuali.

Per analizzare i dati, eseguire t-test per determinare se esistono differenze tra i gruppi di età o rispetto ai livelli di probabilità.

Si noti che non c'erano differenze tra i gruppi di età. Inoltre, ogni gruppo ha scelto gli oggetti etichettati dal burattino accurato a tassi significativamente più alti dei livelli di probabilità, suggerendo che anche i bambini piccoli possono utilizzare osservazioni di accuratezza precedente per esprimere giudizi sull'affidabilità, anche quando sono stati nominati oggetti sconosciuti.

Ora che hai familiarità con la progettazione di un esperimento di psicologia per dimostrare che i bambini di 3 anni mostrano fiducia selettiva nelle fonti di informazione, diamo un'occhiata a come i bambini imparano una vasta gamma di argomenti dagli altri.

In campi come la scienza, ci sono molti fatti che i bambini non possono osservare direttamente, come: C'è ossigeno nell'aria. Pertanto, devono fare affidamento sulla testimonianza degli insegnanti e di altri adulti per apprendere nuove informazioni.

Inoltre, quando i bambini sono alla ricerca di informazioni su argomenti diversi, come cos'è il DNA?, è più probabile che dirigano le domande a un adulto che era stato precedentemente informato. Capiscono anche che alcune persone sono esperte su determinati argomenti, ma non su altri.

Hai appena visto l'introduzione di JoVE alla misurazione della fiducia dei bambini. Ora dovresti avere una buona comprensione di come progettare e condurre l'esperimento e, infine, come analizzare e interpretare i risultati.

Grazie per l'attenzione!

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Results

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

I ricercatori hanno testato 20 bambini di 3 anni e 20 bambini di 4 anni e hanno scoperto che i bambini mostravano maggiore fiducia nel burattino accurato. I bambini erano accurati al 100% nel nominare gli oggetti familiari nella fase di conferma, suggerendo che erano in grado di riconoscere quale burattino era stato accurato nella fase della storia. I ricercatori hanno scoperto che i bambini di entrambe le fasce d'età hanno scelto gli oggetti etichettati dal burattino accurato a tassi significativamente più alti del caso (75% delle volte per i bambini di 3 anni e il 70% delle volte per i bambini di 4 anni; Figura 1). Non c'erano differenze tra i bambini di 3 e 4 anni, suggerendo che i bambini di entrambe le fasce d'età potevano usare le loro osservazioni sull'accuratezza precedente del burattino per esprimere giudizi su quale burattino fosse affidabile, anche quando i burattini nominavano oggetti sconosciuti.

Figure 1
Figura 1: Percentuale media di prove in cui i bambini hanno scelto l'oggetto etichettato dall'individuo che in precedenza era accurato nell'etichettare oggetti familiari.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Applications and Summary

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

La scoperta che i bambini di 3 anni mostrano fiducia selettiva nelle fonti di informazione ha importanti implicazioni per il modo in cui i bambini imparano su una vasta gamma di argomenti. Ad esempio, quando si apprendono i concetti alla base dei campi scientifici, come la chimica e la biologia, i bambini in genere non possono osservare fatti, come "C'è ossigeno nell'aria" o "Gli esseri viventi contengono DNA". Invece, devono fare affidamento sulla testimonianza di altre persone, come genitori e insegnanti, e determinare se le informazioni che ricevono sono probabilmente accurate. Lo stesso vale per l'apprendimento di concetti relativi alla storia(ad esempio,George Washington è stato il primo presidente) o alla religione(ad esempio,Dio ha creato la terra). La ricerca sulla fiducia dei bambini suggerisce che, da un lato, i bambini di 3 anni sono in grado di imparare da individui più esperti, ma d'altra parte, tengono traccia di quanto sia accurato l'individuo che fornisce le informazioni e non credono a tutto ciò che sentono.

La ricerca ha scoperto che i bambini piccoli sono anche in grado di esprimere giudizi su dove cercare informazioni su diversi argomenti. È più probabile che dirigano le domande a un individuo precedentemente informato3e capiscono che alcune persone sono esperte su determinati argomenti ma non su altri. 4 I bambini possono pensare in modo critico alle fonti di informazione e a dove trovare le risposte alle loro domande, e hanno una comprensione di come la conoscenza è organizzata nella mente degli altri ben prima di iniziare la loro istruzione formale. Educatori e genitori possono capitalizzare sulla comprensione intuitiva delle conoscenze e delle competenze dei bambini fornendo informazioni costantemente accurate. Possono anche aiutare ulteriormente la comprensione dei bambini parlando con loro di ciò che rende le informazioni affidabili o meno.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

References

  1. Birch, S. A., Vauthier, S. A., & Bloom, P. Three- and four-year-olds spontaneously use others’ past performance to guide their learning. Cognition. 107, 1018–1034 (2008).
  2. Koenig, M. A., Clément, F., & Harris, P. L. Trust in testimony: Children’s use of true and false statements. Psychological Science. 15, 694–698 (2004).
  3. Koenig, M. A., & Harris, P. L. Preschoolers mistrust ignorant and inaccurate speakers. Child Development. 76 (6), 1261-1277 (2005).
  4. Lutz, D. J., & Keil, F. C. Early understanding of the division of cognitive labor. Child Development. 73 (4), 1073-1084 (2002).

Transcript

Please note that all translations are automatically generated.

Click here for the English version.

Get cutting-edge science videos from JoVE sent straight to your inbox every month.

Waiting X
Simple Hit Counter