Waiting
Login processing...

Trial ends in Request Full Access Tell Your Colleague About Jove
JoVE Science Education
Social Psychology

A subscription to JoVE is required to view this content.
You will only be able to see the first 20 seconds.

Analisi delle situazioni nel comportamento di aiuto
 
Click here for the English version

Analisi delle situazioni nel comportamento di aiuto

Overview

Fonte: Julian Wills & Jay Van Bavel—New York University

Gli psicologi sociali e gli psicologi della personalità tentano entrambi di prevedere il comportamento umano, ma si concentrano su fattori molto diversi. Mentre gli psicologi della personalità si concentrano su come i tratti della personalità, il carattere e le differenze individuali influenzano il comportamento, gli psicologi sociali si concentrano principalmente sul potere delle situazioni sociali nel plasmare il comportamento.

Spesso sottovalutiamo il ruolo che le situazioni sociali possono svolgere nel determinare il comportamento. Spesso crediamo che le persone che sorridono siano piacevoli e felici, le persone che agiscono in modo scortese siano cattive e le persone che inciampano per strada siano goffe. Gli psicologi sociali hanno ripetutamente dimostrato che queste credenze possono essere infondate e sottolineano invece l'importanza del contesto sociale in cui si svolge il comportamento.

Perché alcune persone sono più inclini ad aiutare le persone bisognose di altre? La maggior parte di noi supporrebbe che sia una funzione della propria personalità: alcune persone sono più inclini ad aiutare di altre. Tuttavia, la ricerca psicologica mostra che la situazione sociale ha spesso maggiori probabilità di influenzare l'inclinazione di una persona ad essere utile rispetto alla sua personalità (che include religiosità ed etica).

Il classico esperimento di Darley e Batson mise alla prova la parabola biblica del Buon Samaritano in cui un sacerdote e un levita – due cittadini pii e onesti – passarono accanto a un uomo ferito e bisognoso, mentre un samaritano non religioso si fermò ad aiutare. 1  

Questo video evidenzia alcune delle tecniche sperimentali utilizzate da Darley e Batson nel difficile compito di separare la personalità e i fattori situazionali quando si analizza il comportamento umano.

Principles

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

L'American Psychological Association definisce la personalità come le differenze individuali nei modelli caratteristici di pensiero, sentimento e comportamento. Lo studio della personalità si concentra su due ampie aree: una è la comprensione delle differenze individuali in particolari caratteristiche della personalità, come la socievolezza o l'irritabilità. L'altro è capire come le varie parti di una persona si uniscono nel loro insieme.

I fattori situazionali, noti anche come fattori esterni, non si verificano dall'interno di una persona come con la personalità, ma piuttosto includono le molte sfaccettature dell'ambiente esterno di una persona.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Procedure

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

1. Reclutamento dei partecipanti

  1. Conduci un'analisi del potere e recluta un numero sufficiente di partecipanti da un pool di studenti del Seminario di età compresa tra 18 e 50 anni.
  2. Assegna in modo casuale i partecipanti a una delle sei condizioni sperimentali descritte di seguito.

2. Raccolta dei dati

  1. Poiché gran parte dell'esperimento avviene all'esterno, garantire condizioni meteorologiche e diurne coerenti durante la conduzione della procedura con ciascun partecipante.
  2. Chiedi loro di compilare una serie di questionari che misurano le differenze individuali nella religiosità (sei in totale).
  3. Manipolare due variabili indipendenti: tipo di discorso che i partecipanti sono informati che dovranno dare (tipo di discorso) e se i partecipanti sono stati affrettati a fare detto discorso (fretta).
    1. Variabile 1: tipo di riconoscimento vocale
      1. Dì a metà dei partecipanti che terranno un discorso sulle loro aspirazioni di carriera e che sono liberi di strutturare il breve discorso di 3-5 minuti come vogliono.
        1. Fornire al partecipante 3 minuti per considerare cosa dire.
      2. Dite all'altra metà dei partecipanti che terranno un discorso sulla parabola del Buon Samaritano.
        1. Date a quest'ultimo gruppo una copia del passo del Buon Samaritano.
        2. Dì al partecipante che sono liberi di strutturare il discorso di 3-5 minuti come vogliono.
        3. Fornisci loro 3 minuti per considerare cosa dire.
    2. Variabile 2: Affrettati.  Ai partecipanti viene detto che il discorso deve essere pronunciato in tutto il campus.
      1. Bassa fretta: dì a un terzo dei partecipanti che una volta arrivati a tenere il discorso, probabilmente dovranno aspettare un po '.
      2. Media fretta: dì a un terzo dei partecipanti che una volta arrivati terranno subito il discorso.
      3. Alta fretta: dì a un terzo dei partecipanti che sono già in ritardo per il discorso e che dovrebbero affrettarsi.
  4. Misura dipendente: in rotta verso la seconda posizione, i partecipanti si imbattono in un individuo che giace in un vicolo in apparente dolore e bisogno di aiuto.
    1. Questa persona è in combutta con gli sperimentatori (un "confederato"), sta fingendo dolore ed è addestrata a osservare e registrare sistematicamente il comportamento del partecipante, quantificando il grado in cui il partecipante ha aiutato.
    2. In particolare, avere il tasso confederato di ciascun partecipante su una scala di comportamento di aiuto (variabile dipendente primaria) come segue:
      1= Il partecipante non riesce a notarli.
      2= Notato il partecipante ma non offre aiuto
      3= Non si è fermato ma ha aiutato indirettamente, ad esempio, ha detto a qualcun altro che un individuo aveva bisogno di aiuto
      4= Fermati e chiesto se avevano bisogno di aiuto
      5= Fermato e insistito per portare l'individuo all'interno in un luogo sicuro e poi lasciato
      6= Fermato e rifiutato di lasciare la parte dell'individuo fino a quando non è stato ottenuto l'aiuto
  5. Debriefing: dopo essere arrivato al luogo del discorso, informare il partecipante sull'esatta natura dello studio, incluso l'inganno coinvolto, e le ragioni dell'inganno.

3. Analisi dei dati

  1. Confronta il grado di aiuto in funzione del tipo di discorso e la quantità di fretta in cui si trovava il partecipante.

Prevedere il comportamento umano è difficile. I ricercatori interessati alla personalità spesso si concentrano su come determinati tratti e differenze caratteriali influenzano il modo in cui gli individui si comportano, mentre quelli nel regno sociale si concentrano sul ruolo dei fattori situazionali, in base al proprio ambiente.

Entrambe le prospettive hanno senso: supponiamo che un conducente venga tagliato fuori strada da qualcun altro. Potrebbe pensare che un'altra persona sia stata scortese e chiamarlo con nomi inappropriati, attaccando la sua personalità.

Più tardi quel giorno, la donna ha una gomma a terra. Sperando che qualcuno alla fine possa aiutare, nota che lo stesso ragazzo maleducato passa e giudica rapidamente che sicuramente non si fermerà. Sorprendentemente, il signore lo fa!

A quanto pare, stava solo correndo in ritardo in anticipo e correndo a prendere il suo amato gatto dall'assistenza diurna. Questo esempio illustra il potere che i fattori situazionali hanno sulle valutazioni della personalità.

Utilizzando le tecniche sperimentali seminali di Darley e Batson, questo video dimostra l'impatto dei fattori situazionali quando gli individui sono collocati in un ambiente in cui un'altra persona ha bisogno di aiuto.

In questo studio, i partecipanti vengono reclutati da una professione in cui ci si aspetta empatia, come il seminario, e viene chiesto di tenere un discorso in tutto il campus. Sia il tipo di discorso che la quantità di tempo in cui devono arrivare sono vari.

Nella prima manipolazione, tipo di discorso, a metà dei partecipanti viene detto di tenere una lezione sulle loro aspirazioni di carriera, mentre agli altri viene data una copia del passo del Buon Samaritano e viene chiesto di parlare di questa parabola.

Per la seconda manipolazione, la quantità di fretta, i partecipanti vengono assegnati a una delle tre condizioni - bassa, media e alta fretta - e vengono date istruzioni diverse.

Al terzo del gruppo a bassa fretta viene detto che probabilmente dovranno aspettare per pronunciare il loro discorso una volta arrivati. A quelli di media fretta viene detto che all'arrivo parleranno subito. All'ultimo terzo – di grande fretta – viene detto che sono già in ritardo e dovrebbero correre immediatamente.

Mentre i partecipanti sono in viaggio verso la seconda posizione, un confederato - fingendo dolore e bisognoso di aiuto - viene addestrato a osservare e registrare il comportamento di ciascun partecipante mentre passa.

Qui, la variabile dipendente è il grado in cui i partecipanti aiutano su una scala da 1 (non sono riusciti nemmeno a notare l'individuo) a 6 (fermati e rifiutati di andarsene fino all'arrivo dei aiuti).

Se la situazione influisce sul comportamento, ci si aspetta che quelli con più tempo a disposizione – nel gruppo a bassa fretta – siano più utili dei partecipanti in una vera fretta, dimostrando che i fattori situazionali hanno un impatto sul comportamento di aiuto.

Prima dell'esperimento, conduci un'analisi del potere per reclutare un numero sufficiente di studenti adulti del Seminario. Inoltre, controlla il tempo per assicurarti che ci siano condizioni esterne coerenti durante i test.

All'arrivo del partecipante, accompagnalo in una sala prove. Chiedi a ciascuno di compilare sei questionari per controllare le differenze individuali nella religiosità.

Successivamente, informa il partecipante che terrà un breve discorso di 3-5 minuti. A seconda della condizione assegnata, varia il tipo di discorso che dovrebbero fare: o sulle aspirazioni di carriera o sulla parabola del Buon Samaritano.

Per la seconda manipolazione, dì ai partecipanti che devono viaggiare attraverso il campus per tenere il discorso e variare gli orari di arrivo in una delle tre quantità. "Sei già in ritardo per il discorso e dovresti sbrigarti."

Quando il partecipante incontra il confederato che finge di soffrire, nota che l'attore dovrebbe osservare segretamente la qualità della loro interazione. Una volta che il partecipante è fuori dalla vista, fagli registrare un punteggio compreso tra 1 e 6.

Continua ad agire nel dolore fino a quando tutti i partecipanti non sono passati. Assicurati di registrare l'ultimo punteggio prima di partire.

Per concludere l'esperimento, incontra i partecipanti dove presumibilmente stavano tenendo il loro discorso e debriefing completo descrivendo la natura dello studio, incluso l'inganno coinvolto e le ragioni dietro di esso.

Per visualizzare i dati, creare un grafico dei punteggi medi quantificati del comportamento di aiuto. Quindi, traccia i valori in funzione della quantità di fretta in cui si trovava il partecipante e del tipo di discorso.

Si noti che con l'aumentare della quantità di fretta, i partecipanti sono diventati meno utili alla persona bisognosa. Inoltre, la situazione era un predittore più forte del tipo di discorso. Non c'erano nemmeno differenze nella religiosità come determinato dal questionario pre-sperimentale.

Così, nonostante la convinzione comune che le differenze individuali e la personalità forte impatto sul comportamento, questi risultati mostrano che i fattori situazionali possono essere molto più influenti.

Ora che hai familiarità con un design classico per esaminare il potere dei fattori situazionali, come l'ambiente sociale, quando analizziamo il comportamento umano, diamo un'occhiata ad altre circostanze complesse in cui le nostre interpretazioni non sono sempre accurate.

Sulla base della teoria dell'attribuzione, le persone hanno la tendenza ad associare le azioni negative eseguite da altri, come il pignoramento di un mutuo per la casa, alla loro personalità – deducendo che sono ignoranti e pigri – minando così i fattori situazionali che più probabilmente spiegano la loro condizione. Questo è un esempio di errore di attribuzione fondamentale.

È interessante notare che, se lo stesso evento negativo si è verificato a se stessi, la persona è pronta a incolpare la situazione attuale e non il proprio carattere. In parte, questa inversione è dovuta a un pregiudizio intrinseco egoistico, che favorisce il sé in modo positivo per evitare spiegazioni che potrebbero minacciare la propria indole.

Inoltre, immagina diverse persone in un negozio affollato, dove un individuo osserva un uomo anziano che ruba un oggetto. Questa persona è pronta a giudicare gli altri per non aver aiutato quando loro stessi non hanno fatto nulla. In questo caso, presumevano che qualcun altro avrebbe gestito l'incidente, un esempio dell'effetto spettatore.

Inoltre, alcune società sono arrivate al punto di emanare leggi che richiedono il dovere di salvare. Ad esempio, se in un altro corridoio una persona stava lottando per respirare e aveva bisogno di assistenza fisica, i passanti potevano essere giudicati colpevoli di un crimine federale poiché non c'era alcun pericolo apparente per loro di fornire aiuto.

Hai appena visto il video di JoVE sull'impatto dei fattori situazionali sul comportamento di aiuto. Ora dovresti avere una buona comprensione di come progettare, condurre e analizzare un esperimento per studiare come le impostazioni sociali possono influenzare il comportamento di un individuo, indipendentemente dalla personalità.

Grazie per l'attenzione!

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Results

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Un'analisi della varianza ha rivelato un effetto principale della fretta situazionale, tale che con l'aumentare della fretta, i partecipanti erano meno utili alla persona nel vicolo (Figura 1). Cioè, i partecipanti che non avevano fretta hanno aiutato di più, quelli che avevano un po 'di fretta hanno aiutato di meno, e quelli che avevano una grande fretta hanno aiutato il meno. Il tipo di discorso che i partecipanti dovevano dare non ha influenzato in modo significativo l'aiuto. Inoltre, non è stata osservata alcuna interazione significativa tra il tipo di discorso e la quantità di fretta. Infine, il grado di aiuto non è stato previsto in modo significativo da nessuna delle singole misure di differenza della religiosità.

Figure 1
Figura 1: Quantità media di aiuto in base al contenuto vocale e alla quantità di fretta.
La quantità di comportamento di aiuto (asse y) viene tracciata per i partecipanti assegnati a ciascuna delle tre condizioni di "fretta" situazionale (asse x). Le barre rosse indicano i partecipanti assegnati a tenere il discorso rilevante per l'aiuto (ades. Il Buon Samaritano) mentre le barre blu rappresentano soggetti che danno il discorso rilevante per il compito(cioè l'aspirazione alla carriera). L'effetto principale della manipolazione della fretta è stato significativo al livello alfa convenzionale = 0,05. Né l'effetto principale del tipo di discorso né l'interazione tra il tipo di discorso e la quantità di fretta hanno raggiunto un significato convenzionale. I valori tracciati sono stati riprodotti dalla Tabella 1 nell'articolo originale di Darley e Batson. 1

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Applications and Summary

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Gli studenti del Seminario si stanno formando per una professione in cui in genere ci si aspetta aiuto ed empatia. Quando è stato chiesto di tenere un discorso relativo all'aiuto o alla loro carriera, il tipo di discorso non prevedeva il loro comportamento di aiuto. Invece, più agli studenti veniva chiesto di sbrigarsi, meno erano utili. Inoltre, le differenze individuali nella religiosità non prevedevano il comportamento di aiuto. Le persone tendono a credere che le differenze individuali e la personalità influertino pesantemente sul comportamento, ma questo studio ha dimostrato che i fattori situazionali possono essere molto più influenti.

La nostra interpretazione della personalità rispetto ai fattori situazionali influenza quotidianamente le nostre azioni e i nostri giudizi. Un principio della psicologia sociale è l'errore di attribuzione fondamentale,2 che descrive la tendenza ad attribuire azioni negative eseguite da altre persone alla loro personalità, ma azioni negative eseguite da se stessi alle circostanze attuali. Un esempio quotidiano di questo sarebbe quando qualcuno attribuisce l'essere tagliato sulla strada a qualcuno che è un cattivo guidatore. Mentre la persona potrebbe essere un cattivo pilota, lui o lei potrebbe anche avere solo fretta; fattori situazionali potrebbero spiegare perché la persona sta tagliando fuori le persone sulla strada.

Un esempio molto più eclatante dell'incapacità di un individuo di vedere il significato delle situazioni nel plasmare i comportamenti è arrivato nel 2011. Wang Yue, una bambina di due anni, è stata investita da un'auto in strada e decine di persone che camminavano e passavano non sono riuscite ad aiutare. L'intero evento è stato ripreso da una videocamera locale e Wang Yue alla fine è morta per le ferite riportate. Pensiamo immediatamente che le persone che non sono riuscite ad aiutare siano insensibili, e in effetti i media cinesi hanno ipotizzato che durante la corsa per industrializzare la Cina moderna, le persone fossero diventate più insensibili. Ma le riprese video successive del mercato in cui Wang Yue è stato investito rivelano che il mercato era pieno di rumori, luci ed era generalmente occupato. Potrebbe essere stato facile non notare la bambina. Inoltre, è molto probabile che le persone credessero che qualcuno avesse già chiamato aiuto.

Queste situazioni possono avere implicazioni di politica sociale. Alcune società sono arrivate al punto di emanare leggi che richiedono il dovere di salvare. Ad esempio, in Canada, se non si riesce ad aiutare qualcuno che ha bisogno di assistenza fisica immediata, ad esempiouna vittima di annegamento, dove non vi è alcun pericolo per se stessi o per una terza persona, si potrebbe essere giudicati colpevoli di un crimine federale.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

References

  1. Darley, J. M., &  Batson, C.D. (1973). From Jerusalem to Jericho: A study of situational and dispositional variables in helping behavior. Journal of Personality and Social Psychology, 27, 100-108.
  2. Ross, L. (1977). The intuitive psychologist and his shortcomings: Distortions in the attribution process. Advances in experimental social psychology, 10, 173-220.

Transcript

Please note that all translations are automatically generated.

Click here for the English version.

Get cutting-edge science videos from JoVE sent straight to your inbox every month.

Waiting X
Simple Hit Counter