Waiting
Login processing...

Trial ends in Request Full Access Tell Your Colleague About Jove
JoVE Science Education
Chemical Engineering

A subscription to JoVE is required to view this content.
You will only be able to see the first 20 seconds.

Efficienza dell'estrazione liquido-liquido
 
Click here for the English version

Efficienza dell'estrazione liquido-liquido

Overview

Fonte: Kerry M. Dooley e Michael G. Benton, Dipartimento di Ingegneria Chimica, Louisiana State University, Baton Rouge, LA

L'estrazione liquido-liquido (LLE) è una tecnica di separazione utilizzata al posto della distillazione quando: (a) le volatilità relative dei composti da separare sono molto simili; b) uno o più componenti della miscela sono sensibili alla temperatura anche in prossimità di condizioni ambientali; c) la distillazione richiederebbe una pressione molto bassa o un rapporto distillato/mangime molto elevato. 1 La forza motrice per il trasferimento di massa è la differenza di solubilità di un materiale (il soluto)in altri due flussi immiscibili o parzialmente miscibili (l'alimentazione e il solvente). I flussi di mangime e solvente vengono miscelati e quindi separati, consentendo al soluto di trasferirsi dal mangime al solvente. Normalmente, questo processo viene ripetuto in fasi successive utilizzando il flusso di controcorrente. Il solvente ricco di soluto è chiamato estratto mentre lascia e il mangimeimpoverito di soluto è il raffinato . Quando vi è una ragionevole differenza di densità tra i flussi di alimentazione e di solvente, l'estrazione può essere effettuata utilizzando una colonna verticale, anche se in altri casi può essere utilizzata una serie di serbatoi di miscelazione e decantazione.

In questo esperimento, l'obiettivo operativo è quello di estrarre l'isopropanolo (IPA, ~ 10 - 15 wt. %, il soluto) da una miscela di idrocarburi da C8a C10 usando acqua pura come solvente. È disponibile una colonna di estrazione di tipo York-Scheibel (miscelatori verticali e coalescenti, uno ciascuno per stadio fisico). Come la maggior parte degli estrattori, l'efficienza complessiva (numero di stadi teorici / stadi fisici) di questa colonna è piuttosto bassa, soprattutto rispetto a molte colonne di distillazione. Le basse efficienze derivano sia dal lento trasferimento di massa (due resistenze liquide invece di una come nella distillazione) sia spesso anche dalla cattiva distribuzione delle fasi. Verrà valutato l'effetto della velocità dell'agitatore sia sul recupero del soluto nell'estratto che sull'efficienza complessiva della colonna.

Principles

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Figure 1

Il metodo a) McCabe-Thiele, o b) un simulatore di processo (ad esempio, ASPEN Plus, HYSYS, ChemSep) può essere utilizzato per stimare il numero di stadi di equilibrio (teorici). Il metodo McCabe-Thiele è impiegato su base priva di solventi, il che significa che vengono trascurate sia le solubilità del solvente nell'estratto che del composto diluente nel raffinato. Una rappresentazione graduale dell'estrazione liquido-liquido controcorrente è mostrata nella Figura 1, dove F' è la portata molare dell'alimentazione (approssimativamente costante), S' è la portata molare dell'estratto (approssimativamente costante), Xf è la frazione molare del soluto nell'alimentazione, Ys è la frazione molare del soluto nel solvente, Ye è la frazione molare del soluto nel solvente nel flusso di estratto, e Xr è la frazione molare del soluto in diluente nel flusso raffinato.

Figura 1: Rappresentazione graduale del processo di estrazione.

Allo stato stazionario, un bilancio materiale sul soluto tra l'estremità di alimentazione della colonna e qualsiasi stadio, n (contorno tratteggiato sopra) conduce alla linea operativa:

Equation 1 (1)

In particolare, l'equazione è soddisfatta ad entrambe le estremità della colonna, quindi i punti (Xf,Ye ) e (Xr, Ys) si trovano sulla linea. I dati di equilibrio nell'appendice possono essere utilizzati in combinazione con questa equazione (graficamente o numericamente) per scorrere la colonna.

I simulatori di processo possono eseguire calcoli più rigorosi da fase a fase, ma assumendo comunque fasi di equilibrio. I metodi NRTL o UNIQUAC (entrambi i set di parametri nell'appendice) possono essere utilizzati per modellare la relazione di equilibrio. Si noti che il grande vantaggio dei simulatori è che ti dicono quanto solvente finisce nell'estratto e quanto diluente finisce nel raffinato. Possono anche fornire le temperature di uscita per una colonna adiabatica o il servizio di calore necessario per mantenere la colonna isotermica.

Un apparato York-Scheibel è mostrato nella Figura 2. Il feed può essere introdotto nella parte inferiore (11 fasi) o al centro della colonna (6 fasi).

Figure 2
Figura 2: Apparecchio di estrazione liquido-liquido York-Scheibel.

L'unità di estrazione è costituita da una colonna I.D. Pyrex da 2", con 11 stadi di estrazione, ciascuno costituito da una sezione di miscelazione da un pollice e una sezione di imballaggio in rete metallica da quattro pollici (coalescenza). La colonna è agitata meccanicamente da agitatori a ruota a pale (turbina Rushton). Un motore a velocità variabile, con manopola di controllo e lettura digitale sul pannello di controllo, controlla la velocità dell'agitatore. I rotametri sugli ingresso di alimentazione e solvente vengono utilizzati per misurare tali portate. Le portate dell'estratto e del raffinato possono essere misurate con cilindro graduato e cronometro.

Le seguenti equazioni mettono in relazione le letture del rotametro con le portate volumetriche (le portate possono essere controllate anche con un cilindro graduato):

Equation 2 (2)

Equation 2(3)

dove Ff è la portata di alimentazione (~10 wt. % IPA) in mL/min, Rf è la lettura del rotametro di alimentazione, Fs è la portata del solvente in ml/min e Rs è la lettura del rotametro del solvente.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Procedure

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

In questo esperimento, le proprietà di n-nonano sono una buona approssimazione a quelle della miscela di idrocarburi ai fini dei dati di equilibrio. Il sistema ternario acqua/isopropanolo/n-nonano mostra un comportamento di equilibrio di tipo I (c'è un certo intervallo di composizione su cui la scissione di fase non avrà luogo) a temperatura ambiente. I dati di equilibrio per questo sistema sono riportati nell'Appendice.

1. Funzionamento della colonna York-Scheibel

  1. Riempire l'estrattore con miscela di idrocarburi /mangime IPA (se necessario) e spurgare l'aria dalla linea di alimentazione. Disattiva il flusso di alimentazione.
  2. Avviare il mixer e mantenere costante la velocità dell'agitatore.
  3. Aprire il solvente, alimentare, estrarre e raffinate valvole a sfera; e avviare il flusso di solvente (acqua) nella colonna.
  4. Se non è presente alcuna interfaccia tra l'ingresso del solvente e l'uscita raffinata, lasciare che la fase dispersa salma e formi l'interfaccia superiore.
  5. Quando si forma l'interfaccia superiore, (ri)avviare il flusso di alimentazione.
  6. Controllare il livello dell'interfaccia regolando l'altezza della U invertita sulla linea di estrazione dal fondo della torre. La regolazione del livello superiore dell'interfaccia (U invertita) è sensibile. I movimenti di una frazione di pollice sono spesso sufficienti.
  7. Controllare periodicamente il flusso raffinato per lo stato stazionario utilizzando la gascromatografia. Il gascromotagrafo separerà e quantificherà i componenti del campione.
  8. Utilizzare un idrometro per misurare il peso specifico del flusso di estrazione e determinare la composizione. (Questo può anche aiutare a confermare che lo stato stazionario è stato raggiunto.) La composizione del flusso di estrazione rispetto alle tabelle del peso specifico può essere trovata nel Manuale di Perry. 3 Questi dati possono essere utilizzati per interpolare la percentuale di peso dell'IPA.
  9. Utilizzare un idrometro per misurare il peso specifico del mangime e raffinato per l'uso nei calcoli successivi.

2. Procedura di spegnimento

  1. Una volta completati gli esperimenti, spegnere l'agitatore e l'interruttore di alimentazione principale.
  2. Chiudere le valvole a sfera di alimentazione e solvente, lasciando aperte le valvole a sfera raffinate ed estratte.

L'estrazione liquido-liquido, o LLE, è una tecnica utilizzata per separare i liquidi che non possono essere separati con la distillazione a causa di componenti sensibili alla temperatura o punti di ebollizione del solvente simili. Il trasferimento di massa in LLE è guidato dalla differenza di solubilità del soluto nei flussi di alimentazione e solvente immiscibili o parzialmente miscibili. Il flusso di alimentazione contenente il soluto viene miscelato con il flusso di solvente, spesso utilizzando un agitatore, consentendo al soluto di trasferirsi dal mangime al solvente. Il mangime impoverito, noto come raffinato, viene separato dall'estratto, che è la fase solvente ricca di soluto. Questo video illustrerà un'estrazione di isopropanolo da n-nonano, utilizzando acqua pura e studierà come le variabili operative influenzano l'efficienza complessiva della colonna.

LLE viene in genere eseguito in fasi continue utilizzando il flusso di co-corrente o controcorrente. I sistemi controcorrente sono generalmente preferiti, in quanto tendono ad essere più efficienti. Di solito, i palchi sono alloggiati all'interno di una singola unità. Le colonne di estrazione controcorrente possono essere configurate in due modi. Quando il solvente è più pesante del liquido di alimentazione, o diluente, il solvente viene introdotto nella parte superiore della colonna e il soluto esce quindi nella parte inferiore. Quando il solvente è più leggero del diluente, il solvente viene introdotto nella parte inferiore della colonna e il soluto uscirà dalla colonna nella parte superiore. Allo stato stazionario, il bilancio materiale del soluto tra la fine di alimentazione del processo e qualsiasi stadio indicato da N è come mostrato. Dove X è la frazione molare del soluto nel diluente, Y è la frazione molare del soluto al solvente. F è la portata molare del diluente di alimentazione e S è la portata molare del solvente. L'analisi delle piastre teoriche viene utilizzata per valutare l'efficienza del processo di separazione. Queste placche sono stadi ipotetici in cui due fasi sono in equilibrio tra loro. Se i due liquidi sono in equilibrio in una fase, il che significa che non ci sarebbe alcun cambiamento nella concentrazione di uno dei due dati tempo di miscelazione più lungo, allora lo stadio è considerato una piastra teorica. Maggiore è il numero di piastre teoriche, più efficiente è il processo. Variabili operative come temperatura, pressione, portate e velocità dell'agitatore influenzano l'efficienza e quindi l'analisi teorica delle piastre. Il seguente esperimento esaminerà un processo LLE per estrarre l'isopropanolo del soluto dall'n-nonano usando l'acqua come solvente. Questo sistema, contenente tre liquidi, è chiamato sistema ternario. Spesso, tutti e tre i componenti liquidi sono miscibili in una certa misura. Il comportamento di equilibrio per questi e altri solventi può essere trovato in letteratura. Ora che le basi di LLE e il suo funzionamento sono state spiegate, diamo un'occhiata a un processo di separazione.

Una colonna York-Scheibel sarà utilizzata per questo esperimento. Si tratta di una colonna agitata con giranti interne a ruota a pale, collegate a una trasmissione verticale. Ogni livello contiene l'imballaggio in rete metallica per consentire la separazione di fase ed è separato da partizioni per fornire singole fasi. Per prima cosa utilizzare la manopola di controllo e la lettura digitale sul pannello di controllo per controllare la velocità dell'agitatore. Utilizzare i rotametri sugli ingresso di alimentazione e solvente per misurare la portata di alimentazione e solvente. Utilizzare cilindri graduati e un orologio per misurare le portate dell'estratto e raffinato. Ora avvia il mixer e mantieni costante la velocità dell'agitatore a 300 giri / min. Aprire le valvole a sfera per il solvente, alimentare, estrarre e raffinato. Avviare il flusso di acqua nella colonna per ottenere il rapporto molare solvente-alimentazione desiderato ad una velocità di 200 millilitri al minuto. Osservare se è presente un'interfaccia tra l'ingresso del solvente e l'uscita raffinata e, in caso contrario, lasciare che la fase dispersa salma per formare l'interfaccia superiore. Avviare il flusso di alimentazione quando si forma l'interfaccia superiore. Regolare attentamente l'altezza della U invertita sulla linea di estrazione dal fondo della torre, per controllare il livello dell'interfaccia superiore tra le due fasi. Ciò garantisce che la fase raffinata non fluisca nel serbatoio di estrazione se regolata troppo in basso, o che l'estratto non scorra nel serbatoio raffinato se l'interfaccia è impostata troppo in alto.

Raccogliere campioni ogni 10 minuti presso il punto di campionamento raffinato in flaconi da quattro millilitro. Utilizzare la gascromatografia, o GC, per quantificare i componenti e confermare che è stato raggiunto uno stato stazionario. Successivamente, utilizzando un cilindro graduato pulito, raccogliere 250 millilitri dell'estratto nel punto di campionamento, quindi misurare il peso specifico o la densità relativa del campione all'acqua, utilizzando un idrometro. Interpolare la percentuale di peso dell'isopropanolo nel campione utilizzando la tabella fornita, che visualizza la composizione del flusso di estratto rispetto al peso specifico. Ripetere la procedura per altre due velocità di avanzamento più basse. Assicurarsi di mantenere costante sia il rapporto solvente-alimentazione che la velocità dell'agitatore. Al termine, spegnere l'agitatore e l'interruttore di alimentazione principale e chiudere le valvole a sfera di alimentazione e solvente, lasciando aperte le valvole a sfera raffinate ed estratte. Ora valutiamo i risultati.

Per prima cosa, diamo un'occhiata al recupero percentuale di isopropanolo con varia portata di alimentazione e varia velocità di agitazione. Con l'aumento della portata di alimentazione, il recupero percentuale aumenta e si livella. Questo è tipico di un sistema che non è vicino alle inondazioni. L'aumento del tasso di agitazione ha anche aumentato il recupero percentuale. Anche l'efficienza dello stadio, calcolata utilizzando l'analisi teorica delle lastre tramite simulazione al computer, è influenzata da questi parametri. Come previsto, sia l'efficienza dello stadio che il recupero percentuale aumentano con una maggiore portata e agitazione. Ciò è dovuto a una migliore miscelazione, che si traduce in goccioline più piccole e una migliore dispersione, migliorando così il trasferimento di massa, tuttavia, entrambe le relazioni si stabilizzano a velocità di alimentazione più elevate. L'efficienza e il recupero percentuale si livellano e alla fine diminuiscono a causa dell'emulsione e delle inondazioni. La formazione di un'emulsione influisce negativamente sul recupero e sull'efficienza perché le fasi non possono più separarsi in modo pulito per passare alla fase successiva. Questo può essere un problema in sistemi come l'unità York-Scheibel, rendendo i vasi miscelatori e coloni in serie un'alternativa attraente.

L'estrazione liquido-liquido è una tecnica di separazione utilizzata in una vasta gamma di separazioni e può essere utilizzata in una varietà di configurazioni. Nel caso in cui l'emulsione delle fasi sia una sfida, è possibile utilizzare serbatoi di sedimentazione miscelatori in serie. Questa semplice configurazione utilizza un serbatoio in cui le due fasi sono mescolate da un agitatore. Le due fasi si fondono poi nel serbatoio del colono, dove la fase pesante alla fine si deposita sul fondo e viene rimossa attraverso un'uscita sul fondo del serbatoio. La fase di luce si deposita verso l'alto e viene rimossa tramite un'altra presa. Un'altra tecnica di separazione che sfrutta le proprietà di solubilità di un soluto è l'estrazione solido-liquido. Nell'estrazione solido-liquido, il soluto presente in una matrice solida viene estratto in un liquido attraverso una miscelazione vigorosa. Questa tecnica viene utilizzata su larga scala per molte applicazioni, come la rimozione di tossine come l'erbicida Atrazina dal suolo.

Hai appena visto l'introduzione di Jove all'estrazione liquido-liquido. Ora dovresti capire le basi di un'estrazione LLE usando una colonna York-Scheibel e come le variabili di processo come l'agitatore e la portata possono influenzare il recupero del soluto e l'efficienza della colonna. Grazie per l'attenzione.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Results

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Le figure 3 e 4 mostrano risultati quando sia l'agitazione che le portate di alimentazione sono state variate su un ampio intervallo. L'efficienza complessiva e il recupero aumentano prima di diventare asintotici, il che è abbastanza tipico degli estrattori liquido-liquido che non sono in prossimità o vicino all'allagamento. In condizioni di quasi alluvione, l'efficienza complessiva e il recupero dovrebbero diminuire drasticamente. Si noti che, a differenza della distillazione, l'allagamento può avvenire nell'estrazione liquido-liquido ad alte velocità di solvente o ad alti tassi di alimentazione (o rapporti). 1 In questo esperimento, la fase organica più leggera è anche la fase dispersa (goccioline), quindi a velocità di alimentazione elevate si prevede che le goccioline si coalessino prima dell'allagamento, portando a tassi più bassi di trasferimento di massa e, quindi, minori recuperi ed efficienze. Ad alti tassi di solvente le goccioline dovrebbero rimanere piccole, quindi si prevede che il recupero e l'efficienza rimangano elevati fino a molto vicino al punto di inondazione.

Figure 3
Figura 3: Percentuale di recupero di IPA da miscela di idrocarburi in acqua, per una colonna York-Scheibel, 11 stadi, 16 - 18 mol% IPA in Isopar E (mangime), S/F (molare) = 1,5.

Figure 4
Figura 4: Percentuale di efficienza complessiva dello stadio per l'estrazione ipa utilizzando una colonna York-Scheibel, 11 stadi, 16 - 18 mol% IPA in miscela di idrocarburi (mangime), S/F (molare) = 1,5.

Come si vede dalle figure 3 e 4, l'aumento del tasso di agitazione aumenta sia il recupero che l'efficienza complessiva. Questo perché con una maggiore potenza in ingresso le goccioline della fase dispersa sono più piccole - la dipendenza osservata è approssimativamente inversa rispetto alla velocità dell'agitatore. 4 Il parametro "a" (area interfacciale/volume totale) che appare nelle correlazioni di trasferimento di massa e nelle equazioni fondamentali del flusso di massa può essere scritto come segue per le goccioline sferiche di dimensioni uniformi:

a = 6 ε/d (4)

dove ε è la frazione volumetrica della fase dispersa. Mentre ε può aumentare con un aumento della velocità superficiale di entrambe le fasi, i suoi cambiamenti sono di solito meno marcati del cambiamento di diametro rispetto alla velocità. Quindi (di solito) maggiore è la velocità, maggiore è l'area interfacciale, portando a un trasferimento di massa più veloce.

L'eccezione alla discussione di cui sopra è a velocità molto elevate, che non sono state raggiunte nelle Fig. 3 e 4, dove le due fasi sono così ben mescolate che se la tensione interfacciale tra loro è bassa, l'emulsione avrà luogo. La formazione di un'emulsione influisce negativamente sul recupero e sull'efficienza perché le fasi non possono più separarsi in modo pulito per spostarsi verso l'alto o verso il basso fino alla fase fisica successiva. L'emulsione è un problema in molte estrazioni liquido-liquido e dove non può essere limitata una serie di contenitori miscelatori e coloni in serie è spesso preferita a progetti a colonna come vassoi setaccio o unità York-Scheibel.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Applications and Summary

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

L'estrazione liquido-liquido (LLE) è un'alternativa alla distillazione che si basa sull'immiscibilità solvente-alimentazione (o leggera miscibilità) e sui coefficienti di ripartizione del soluto favorevoli per ottenere elevati recuperi di soluto in una fase solvente al più basso rapporto solvente/mangime possibile. Sebbene l'intervallo di flussi (il "turndown") su cui LLE sarà efficace sia spesso limitato, e mentre le efficienze di fase sono basse in modo tale che l'equilibrio di fase non viene raggiunto, alcune miscele non possono essere separate usando altri metodi in un processo controcorrente continuo. L'analisi matematica del funzionamento di equilibrio di tali estrattori segue una procedura familiare di tipo McCabe-Thiele (sebbene il reflusso sia spesso carente, quindi solo una linea operativa). L'analisi di non equilibrio ("rate-based") delle LLE è complessa e dipende fortemente dalla velocità relativa tra le due fasi (la "velocità di slittamento"), dalla dimensione della bolla e dalla frazione di fase dispersa, che possono essere osservate ma sono difficili da prevedere.

Descrivere perfettamente l'idraulica e il trasferimento di massa di un tipico LLE è al di là della capacità anche dei simulatori di processo più sofisticati, al momento. Pertanto, la progettazione di unità industriali si basa ancora sullo scale-up da unità di tipo impianto pilota, come quella che è stata testata in questo esperimento. Normalmente l'ingegnere tenta di duplicare descrittori chiave come il parametro "a", il rapporto solvente/alimentazione, la potenza totale dell'agitatore in ingresso/volume, la posizione di alimentazione e il numero di stadi fisici per mantenere costante l'efficienza e il recupero dello stadio durante lo scale-up. Anche così, lo scale-up è una scienza inesatta e le impurità, che alterano la tensione interfacciale, possono avere un grande impatto sulle prestazioni dei sistemi reali. Più fattori vengono mantenuti costanti, più è probabile che lo scale-up abbia successo.

Esistono molti contattori LLE diversi: una serie di miscelatori - vasi di sedimenti, imballaggi strutturati simili a quelli utilizzati negli assorbitori e nelle colonne di distillazione, colonne del vassoio del setaccio, contattori a disco rotanti (simili allo York-Scheibel, ma con deflettori invece di rete), contattori Kuhni (una combinazione di dischi rotanti e vassoi setaccio) e contattori Podbielniak ("Pod"), dove il flusso è radiale e la forza centrifuga viene utilizzata per migliorare la separazione di fase liquida. 5

Un classico esempio di LLE industriale è la separazione dell'acido acetico dall'acqua utilizzando etere etilico o acetato di etile; 6 è preferito alla distillazione a concentrazioni di acido acetico più basse. Forse il più grande volume del processo LLE è quello della deasfaltazione del propano, che viene utilizzato per raffinare gli oli lubrificanti nelle raffinerie in condizioni quasi supercritiche. 1 Tuttavia, la maggior parte delle applicazioni si trova nella produzione di prodotti chimici speciali e nelle industrie farmaceutiche, che vanno dall'estrazione dell'acido citrico dal brodo di fermentazione alla purificazione degli antibiotici e alla purificazione delle proteine. 1 In questi casi, viene utilizzata un'ampia varietà di solventi organici ossigenati o sistemi acquosi bifase (con una fase per lo più acqua e l'altra sali e polimeri disciolti acquosi). Per quest'ultimo, un tipico sistema polimerico è il poli(glicole etilenico)/destrano con NaCl e Na2SO4 come sali. Le applicazioni includono la separazione dei globuli rossi e l'estrazione dell'enzima phophofructokinase da S. cerevisiae. 7

Appendice – Dati di equilibrio8

Linee di cravatte sperimentali in percentuale mole a 25 °C

Table 1

Parametri specifici del modello in Kelvin

UNIQUAC NRTL (a = 0,2)
Io J AIJ · AJI · AIJ · AJI ·
1 2 -186.05 104.6 814.26 -468.11
1 3 361.91 621.82 3151 1367.4
2 3 -126.43 311.7 581.79 -25.91

R1 = 0,92 R2 = 2,7792 R3 = 6,523

Q1 = 1,4 Q2 = 2,508 Q3 = 5,476

Deviazione media tra concentrazioni calcolate e sperimentali in Mol. %
UNIQUAC (parametri specifici) 1.4
NRTL (parametri specifici) 0.54
UNIQUAC (parametri predefiniti) 1.68

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

References

  1. T.C. Frank, L. Dahuron, B.S. Holden, W.D. Prince, A.F. Seibert and L.C. Wilson, Ch. 15 of  Chemical Engineers Handbook, 8th Edition, R.H. Perry and D.W. Green, Eds., McGraw-Hill, New York, 2008.
  2. W.L. McCabe, J.C. Smith, and P. Harriott, Unit Operations of Chemical Engineering, 7th Ed., McGraw-Hill, New York, 2005, Ch. 23; C.J. Geankoplis, Transport Processes and Unit Operations, 3rd Ed., Prentice-Hall, Englewood Cliffs, 1993, Ch. 12; R.K. Sinnott, Coulson and Richardsons Chemical Engineering Vol. 6 Chemical Engineering Design (4th ed.):  http://app.knovel.com/hotlink/toc/id:kpCRCEVCE2/coulson-richardsons-chemical/coulson-richardsons-chemical
  3. B.E. Poling, G.H. Thomson, D.G. Friend, R.L. Rowley and W.V. Wilding, Ch.2 of Chemical Engineers Handbook, 8th Edition, R.H. Perry and D.W. Green, Eds., McGraw-Hill, New York, 2008.
  4. J.C. Godfrey, R. Reeve and F.I.N. Obi, Chem. Eng. Prog. Dec. 1989. pp. 61-69; I. Alatiqi, G. Aly, F. Mjalli and C.J. Mumford, Canad. J. Chem. Eng., 73, 523-533 (1995).
  5. http://www.pharmaceuticalonline.com/doc/podbielniak-contactor-a-unique-liquid-liquid-0003 (accessed 12/19/16).
  6. C.J. King, Ch. 18.5 of “Handbook of Solvent Extraction, T.C. Lo, M.H.I Baird and C. Hanson, Eds., Wiley, New York, 1983.
  7. Methods in Enzymology, Vol. 228, Aqueous Two-Phase Systems, H. Walter and G. Johannson, Eds., Academic, San Diego, 1994.
  8. A.I. Vorobeva and M.Kh. Karapetyants, Zh. Fiz. Khim., 41, 1984 (1967).  Fits to data from:  J. Gmehling, and U. Onken, "Vapor-liquid equilibrium data collection", Dechema, 1977.

Transcript

Please note that all translations are automatically generated.

Click here for the English version.

Get cutting-edge science videos from JoVE sent straight to your inbox every month.

Waiting X
Simple Hit Counter